LEGA PRO, MILAZZO: STORIE DI PADRINI E PADROZZI DI PUPI E PUPARI


Lega Pro Milazzo
tempo: 43ms
RSS
Milazzo, 01/10/2012 -

C'era una volta una squadra che sapeva solo vincere e c`erano una volta dei giocatori,che indossavano  la divisa  rossoblu. Andavano per i campi polverosi della serie D a difendere i colori della loro maglia, il nome della loro città e la dignità dei tifosi,che li seguivano . Non sembravano una squadra di calcio,ma  un  manipolo di  giovani guerrieri, pronti a lottare su ogni palla  per conquistare la loro fetta di  libertà: poter gridare ai quattro venti che anche in una cittadina del profondo Sud si poteva scrivere una pagina di calcio storica ed irripetibile.

Hanno vinto tutto ciò che c'era da vincere; hanno vinto per se stessi e per tutti noi,gente di provincia, abituata agli ozi ed ai pettegolezzi  di una piccola città del Sud,la cui vita scorre tranquilla e monotona e le giornate,sempre le stesse, incollati ai divani di casa a gustarci lo spettacolo,che la televisione ci propina quotidianamente.
Ma, quando  venne il giorno della vittoria,  fu festa senza fine. Sembrava che la notte non finisse mai e che anche la luna e le stelle volessero partecipare ai cori di gioia dei tifosi rossoblu. Eravamo in paradiso! Certamente non era la serie A o la B,ma semplicemente la lega Pro,la vecchia serie C e comunque  per noi era  il paradiso del calcio,quello che anche i nostri padri avevano  sognato di raggiungere,senza mai riuscirci.

E la festa durò tutta l'estate e poi  sorprendentemente continuò l'anno dopo, anche se di quei giovani guerrieri ne erano rimasti solo  due,ma il condottiero era sempre lo stesso e seppe guidarli ancora più in alto,là dove le aquile rossoblu non avrebbero mai sognato di arrivare, ovvero fino ai play-off. Il sogno di un'intera città questa volta però s'infranse proprio ad un passo dalla cima. Sembrava impossibile, la delusione e lo sconforto furono immensi ,anche se  presto la gente capì che quel calcio fatto di cuore,di passione,di coraggio e di onestà,in cui la sconfitta,quando arriva, va accettata , perché questa è la legge dello sport:  chi è il più forte vince;una legge da  rispettare ed accettare;ebbene quel calcio,capirono tutti, era scomparso,sarebbe rimasto nel libro dei ricordi fra le foto ingiallite dei quotidiani sportivi.

Da quel giorno la gente intuì a proprie spese che  le sorti della loro squadra dipendevano dalla volontà  del "padrino" :era lui a decidere per tutti. Non avrebbero più visto in campo giovani guerrieri,ma fedeli "picciotti" disposti ad eseguire i suoi ordini. Attenzione però a non  farlo arrabbiare perché avrebbe potuto cambiare idea  e portarci via il "giocattolo". Ma come era  possibile che tutto ciò accadesse? In fondo il "giocattolo"  lo avevamo  visto crescere,lo avevamo protetto,si chiedeva  la gente, e adesso "lui" ce lo vorrebbe strappare dalle braccia?  Con una cattiveria immotivata il "padrino"  mette in pratica tutta una serie di iniziative,che portano allo sfaldamento dell'alleanza fra tifosi e squadra e quindi cede il "giocattolo" a  dei "pupi",che gli consentiranno di spremerlo come un limone a suo vantaggio per poi buttarlo tra i rifiuti. Da buon "puparo"  lui se ne sta dietro le quinte e mette i pupi ,di cui non si fida,sotto tutela di un "patrozzo", che dovrebbe guidarli e garantire la gestione del giocattolo per consentirne la spremitura. I tifosi, come tutti gli innamorati sono ciechi, gli credono e gli danno fiducia inizialmente,ma successivamente scoprono il loro gioco e inferociti li cercano dappertutto,anche persino nel portabagaglio. Peccato che il puparo  se ne stia alla larga e non figuri, perché avrebbe potuto spiegarci il perché di tutta questa cattiveria verso la nostra squadra . Lui anzi cerca nuovi lidi dove estendere la sua malefica potenza e forse adesso ha trovato il suo habitat naturale. I suoi "pupi" però stanno alla deriva, aggrappati alla scialuppa,che imbarca acqua da tutte le parti. Non troveranno amici facilmente, almeno dalle nostre parti,per lanciargli una ciambella di salvataggio. Se vogliono salvarsi dal naufragio, si accontentino di quella che gli viene offerta in questi giorni, perché la gente rossoblu non vede l'ora di mettergli addosso la zavorra e aspetta paziente   che "qualcuno", lassù in alto, presenti il conto al loro amato "puparo".
                                                                                                
Attilio Andriolo



IlCalcio24 Redazione

Query
Template: /notizie/index.cfm:19
Execution Time: 0.767 ms
Record Count: 1
Cached: No
Lazy: No
SQL:
SELECT * FROM news
where tipo ='news' and (data<'20210617' or (data='20210617' and ora<='005729'))
and id_arg = 1008784
and azienda like '%01%'
order by data desc,ora desc,id_arg desc
id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
11008784NewsCampionatiLega Pro, Milazzo: storie di Padrini e Padrozzi di Pupi e Pupari20121001111531lega pro, milazzoLega Pro MilazzoC'era una volta una squadra che sapeva solo vincere e c`erano una volta dei giocatori,che indossavano&nbsp; la divisa&nbsp; rossoblu. Andavano per i campi polverosi della serie D a difendere i colori della loro maglia, il nome della loro città e la dignità dei tifosi,che li seguivano . Non sembravano una squadra di calcio,ma&nbsp; un&nbsp; manipolo di&nbsp; giovani guerrieri, pronti a lottare su ogni palla&nbsp; per conquistare la loro fetta di&nbsp; libertà: poter gridare ai quattro venti che anche in una cittadina del profondo Sud si poteva scrivere una pagina di calcio storica ed irripetibile.<BR><BR>Hanno vinto tutto ciò che c'era da vincere; hanno vinto per se stessi e per tutti noi,gente di provincia, abituata agli ozi ed ai pettegolezzi&nbsp; di una piccola città del Sud,la cui vita scorre tranquilla e monotona e le giornate,sempre le stesse, incollati ai divani di casa a gustarci lo spettacolo,che la televisione ci propina quotidianamente.<BR>Ma, quando&nbsp; venne il giorno della vittoria,&nbsp; fu festa senza fine. Sembrava che la notte non finisse mai e che anche la luna e le stelle volessero partecipare ai cori di gioia dei tifosi rossoblu. Eravamo in paradiso! Certamente non era la serie A o la B,ma semplicemente la lega Pro,la vecchia serie C e comunque&nbsp; per noi era&nbsp; il paradiso del calcio,quello che anche i nostri padri avevano&nbsp; sognato di raggiungere,senza mai riuscirci.<BR><BR>E la festa durò tutta l'estate e poi&nbsp; sorprendentemente continuò l'anno dopo, anche se di quei giovani guerrieri ne erano rimasti solo&nbsp; due,ma il condottiero era sempre lo stesso e seppe guidarli ancora più in alto,là dove le aquile rossoblu non avrebbero mai sognato di arrivare, ovvero fino ai play-off. Il sogno di un'intera città questa volta però s'infranse proprio ad un passo dalla cima. Sembrava impossibile, la delusione e lo sconforto furono immensi ,anche se&nbsp; presto la gente capì che quel calcio fatto di cuore,di passione,di coraggio e di onestà,in cui la sconfitta,quando arriva, va accettata , perché questa è la legge dello sport:&nbsp; chi è il più forte vince;una legge da&nbsp; rispettare ed accettare;ebbene quel calcio,capirono tutti, era scomparso,sarebbe rimasto nel libro dei ricordi fra le foto ingiallite dei quotidiani sportivi. <BR><BR>Da quel giorno la gente intuì a proprie spese che&nbsp; le sorti della loro squadra dipendevano dalla volontà&nbsp; del "padrino" :era lui a decidere per tutti. Non avrebbero più visto in campo giovani guerrieri,ma fedeli "picciotti" disposti ad eseguire i suoi ordini. Attenzione però a non&nbsp; farlo arrabbiare perché avrebbe potuto cambiare idea&nbsp; e portarci via il "giocattolo". Ma come era&nbsp; possibile che tutto ciò accadesse? In fondo il "giocattolo"&nbsp; lo avevamo&nbsp; visto crescere,lo avevamo protetto,si chiedeva&nbsp; la gente, e adesso "lui" ce lo vorrebbe strappare dalle braccia?&nbsp; Con una cattiveria immotivata il "padrino"&nbsp; mette in pratica tutta una serie di iniziative,che portano allo sfaldamento dell'alleanza fra tifosi e squadra e quindi cede il "giocattolo" a&nbsp; dei "pupi",che gli consentiranno di spremerlo come un limone a suo vantaggio per poi buttarlo tra i rifiuti. Da buon "puparo"&nbsp; lui se ne sta dietro le quinte e mette i pupi ,di cui non si fida,sotto tutela di un "patrozzo", che dovrebbe guidarli e garantire la gestione del giocattolo per consentirne la spremitura. I tifosi, come tutti gli innamorati sono ciechi, gli credono e gli danno fiducia inizialmente,ma successivamente scoprono il loro gioco e inferociti li cercano dappertutto,anche persino nel portabagaglio. Peccato che il puparo&nbsp; se ne stia alla larga e non figuri, perché avrebbe potuto spiegarci il perché di tutta questa cattiveria verso la nostra squadra . Lui anzi cerca nuovi lidi dove estendere la sua malefica potenza e forse adesso ha trovato il suo habitat naturale. I suoi "pupi" però stanno alla deriva, aggrappati alla scialuppa,che imbarca acqua da tutte le parti. Non troveranno amici facilmente, almeno dalle nostre parti,per lanciargli una ciambella di salvataggio. Se vogliono salvarsi dal naufragio, si accontentino di quella che gli viene offerta in questi giorni, perché la gente rossoblu non vede l'ora di mettergli addosso la zavorra e aspetta paziente&nbsp;&nbsp; che "qualcuno", lassù in alto, presenti il conto al loro amato "puparo".<BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR>Attilio Andriolo<BR><BR><BR><BR>C1007652,C1007653,C1007654,C1007655Milazzoadm001adm001milazzo.jpgSiNlega-pro-milazzo-storie-di-padrini-e-padruzzi-di-pupi-e-pupari-1008784.htmSi100075701,02,030101203

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Il Conte pensiero
di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013