LA VENTURAMANIA DI URBANO CAIRO


Prosegue il campionato insipido del Torino.
tempo: 40ms
RSS
Torino Stadio Olimpico, 07/03/2016 -


27-02-2016 – Milan 1 Torino 0. Ventura: “Ho rivisto la mia squadra”. 06-03-2016 – Torino 1 Lazio 1, un’altra chance perduta. Ventura: “ Se non si segna…..” – “Troppi errori davanti alla porta” – “ Dispiaciuto per il pubblico”. E’ vero, se nel calcio non si fa gol non si vince. E poi, che colpa ne ha l’allenatore? Qualunquismo di uno sport che tante volte riserva alcune analisi affrettate e ovvietà che scaturiscono dal mare delle banalità. Spesso ci facciamo abbindolare dal risultato, dalla vittoria e dai gol, quando invece non pensiamo che tutte queste cose non nascono per caso ma sono figlie di tanti fattori concomitanti tra loro. Primo su tutti il gioco. Un gioco che rappresenta l’essenzialità di ogni cosa, e quando l’approccio alla gara non è quello sperato, ecco che l’allenatore dalla panchina deve correre subito ai ripari nel sapere leggere in tempo e modificare la chiave tattica del match. Giampiero Ventura, allenatore di lungo corso e dalle vedute calcistiche non sempre marcatamente offensive, ha dimostrato in tanti anni che il timore di sbagliare i cambi l’ha frenato ad agire in tempo utile. La difesa è rigorosamente a 3, il centrocampo ermetico è a 5 e le punte sono sempre 2 ( almeno sulla carta). Non si cambia mai. Anche se si perde, non si cambia mai. Succede da sempre, ed è successo anche in Torino - Lazio. Un pareggio che ha visto lo sviluppo di un buon primo tempo da parte del Toro e una ripresa che avrebbe dovuto essere diretta in maniera diversa da parte di Ventura, soprattutto nel momento in cui la Lazio di Pioli ha cercato ripetutamente il pareggio schiacciando nella propria area i granata. Ed è proprio in questi momenti che un allenatore deve intervenire energicamente e capire quale reparto sta soffrendo maggiormente dal punto di vista tattico e atletico. E così, pur in ritardo, Ventura toglie al 35’ del secondo tempo Bruno Peres (5,5 in pagella e partita incolore, la sua)  e fa entrare Zappacosta, mentre un minuto prima ha tolto Benassi (5 in pagella e una gara fatta di tante imprecisioni, fin dall’inizio) e fa entrare Baselli che a centrocampo non cambia la sostanza delle cose. Questo, naturalmente, è uno dei tanti casi emblematici che parlano di un rapporto quinquennale giunto ormai al punto d’arrivo. Più di una volta abbiamo sostenuto la tesi di offrire a Ventura un ruolo da dirigente nell’ambito della società granata, ma non più da uomo di campo. Non è più tempo, è ora di cambiare e rinverdire una mentalità di gioco troppo appassita, priva di stimoli e coraggio. Così com’è, questo Toro non va da nessuna parte. Il presidente Cairo, dopo avere rinnovato il contratto al suo tecnico, non sembra preoccuparsi più di tanto, anzi ha dichiarato a chiari lettere che lui Ventura se lo tiene stretto. Certo, lui è il presidente del Torino e decide il da farsi, ma crediamo che a Cairo non venga neanche il dubbio di avere giustamente investito su giovani di valore che, tuttavia, non sono messi in condizione di dimostrare completamente il proprio valore a causa di un concetto di gioco di squadra ancora troppo arretrato, sparagnino e fatto di mille timori di perdere. Ma perché mai in questa società granata, “vincere” non è essenziale? Ma perché mai ci si deve sempre accontentare di poco o di niente? Ma perché mai non si possa crescere e puntare in alto, invece di continuare a guardare chi ti passa avanti pavoneggiandosi del bel gioco e dei punti conquistati in classifica? E’ ora di cambiare. Il Torino deve cambiare e lasciare che una mentalità giovane, fresca, ambiziosa s’impossessi del futuro, tenendosi ben stretto il glorioso passato. E, ascoltando gli umori della sanguigna tifoseria granata, questo è il Toro che vorrebbero.

Salvino Cavallaro            



Salvino Cavallaro


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.73 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210731' or (data='20210731' and ora<='181615'))
    and id_arg = 1013086
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013086NewsCampionatiLa venturamania di Urbano Cairo20160307174526Prosegue il campionato insipido del Torino.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>27-02-2016 – Milan 1 Torino 0. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Ventura: “Ho rivisto la mia squadra”.</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">06-03-2016 – Torino 1</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Lazio 1, un’altra chance perduta. Ventura: “ Se non si segna…..” – “Troppi errori davanti alla porta” – “ Dispiaciuto per il</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">pubblico”.</b> E’ vero, se nel calcio non si fa gol non si vince. E poi, che colpa ne ha l’allenatore? Qualunquismo di uno sport che tante volte riserva alcune analisi affrettate e ovvietà che scaturiscono dal mare delle banalità. Spesso ci facciamo abbindolare dal risultato, dalla vittoria e dai gol, quando invece non pensiamo che tutte queste cose non nascono per caso ma sono figlie di tanti fattori concomitanti tra loro. Primo su tutti il gioco. Un gioco che rappresenta l’essenzialità di ogni cosa, e quando l’approccio alla gara non è quello sperato, ecco che l’allenatore dalla panchina deve correre subito ai ripari nel sapere leggere in tempo e modificare la chiave tattica del match. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Giampiero Ventura</b>, allenatore di lungo corso e dalle vedute calcistiche non sempre marcatamente offensive, ha dimostrato in tanti anni che il timore di sbagliare i cambi l’ha frenato ad agire in tempo utile. La difesa è rigorosamente a 3, il centrocampo ermetico è a 5 e le punte sono sempre 2 ( almeno sulla carta). Non si cambia mai. Anche se si perde, non si cambia mai. Succede da sempre, ed è successo anche in Torino - Lazio. Un pareggio che ha visto lo sviluppo di un buon primo tempo da parte del Toro e una ripresa che avrebbe dovuto essere diretta in maniera diversa da parte di Ventura, soprattutto nel momento in cui la Lazio di Pioli ha cercato ripetutamente il pareggio schiacciando nella propria area i granata. Ed è proprio in questi momenti che un allenatore deve intervenire energicamente e capire quale reparto sta soffrendo maggiormente dal punto di vista tattico e atletico. E così, pur in ritardo, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Ventura </b>toglie al 35’ del secondo tempo <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Bruno Peres</b> (5,5 in pagella e partita incolore, la sua) <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>e fa entrare <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Zappacosta,</b> mentre un minuto prima ha tolto <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Benassi</b> (5 in pagella e una gara fatta di tante imprecisioni, fin dall’inizio) e fa entrare <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Baselli </b>che a centrocampo non cambia la sostanza delle cose. Questo, naturalmente, è uno dei tanti casi emblematici che parlano di un rapporto quinquennale giunto ormai al punto d’arrivo. Più di una volta abbiamo sostenuto la tesi di offrire a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Ventura</b> un ruolo da dirigente nell’ambito della società granata, ma non più da uomo di campo. Non è più tempo, è ora di cambiare e rinverdire una mentalità di gioco troppo appassita, priva di stimoli e coraggio. Così com’è, questo Toro non va da nessuna parte. Il presidente Cairo, dopo avere rinnovato il contratto al suo tecnico, non sembra preoccuparsi più di tanto, anzi ha dichiarato a chiari lettere che lui Ventura se lo tiene stretto. Certo, lui è il presidente del Torino e decide il da farsi, ma crediamo che a Cairo non venga neanche il dubbio di avere giustamente investito su giovani di valore che, tuttavia, non sono messi in condizione di dimostrare completamente il proprio valore a causa di un concetto di gioco di squadra ancora troppo arretrato, sparagnino e fatto di mille timori di perdere. Ma perché mai in questa società granata, “vincere” non è essenziale? Ma perché mai ci si deve sempre accontentare di poco o di niente? Ma perché mai non si possa crescere e puntare in alto, invece di continuare a guardare chi ti passa avanti pavoneggiandosi del bel gioco e dei punti conquistati in classifica? E’ ora di cambiare. Il Torino deve cambiare e lasciare che una mentalità giovane, fresca, ambiziosa s’impossessi del futuro, tenendosi ben stretto il glorioso passato. E, ascoltando gli umori della sanguigna tifoseria granata, questo è il Toro che vorrebbero.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>Torino Stadio Olimpicofl0711fl0711cairo.jpgSiNla-venturamania-di-urbano-cairo-1013086.htmSi100451001,02,03030369

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013