CALCIO, IDEA CINA.


Gli investimenti cinesi e nuove idee occupazionali nel calcio.
tempo: 42ms
RSS
07/06/2016 -


C’è una nuova tendenza che sta stravolgendo in poco tempo il mondo del calcio italiano. La Cina avanza in maniera significativa e, attraverso i suoi grandi investimenti, ha deciso di accorciare in breve tempo quel gap abissale che per qualità e  importanza ha fatto da sempre la differenza tra il pallone europeo e quello orientale. E’ notizia di questi giorni che l’Inter è stata acquistata da Suning, il colosso cinese di elettrodomestici, mentre a breve tempo si attende pure il passaggio di proprietà tra il Milan di Berlusconi e altro gruppo cinese. Segno che questi orientali, forti del loro potere economico, hanno deciso di affondare in Italia i propri interessi legati al calcio. Un’idea cinese capace di intersecarsi tra passione per il calcio e programmi di un investimento commerciale che già stanno danno i suoi frutti a Pechino. Infatti, dopo l’acquisto ufficiale dell’Inter ad opera di Suning, si è scatenata una campagna mediatica mai vista in metropolitana nella città cinese. Un milione di passeggeri al giorno possono beneficiare di centinaia di manifesti affissi ovunque, dove è proprio il calcio a fare da testimonial della qualità dei prodotti della catena commerciale più estesa della Cina con ben 1.600 negozi. Sono prove capaci di farci riflettere sull’importanza di un investimento legato al calcio, che per lievitazione di immagine e quindi di profitti economici, non trova migliori idee di moltiplicazione di interessi commerciali. E poi c’è la passione per il pallone con l’interesse di migliorarne la cultura in una terra cinese che scalpita per potere essere all’altezza della situazione, vincendo entro il 2050 la loro prima coppa del mondo di calcio. Un progetto davvero ambizioso che questa Cina dimostra di volere fare suo blandendo futili proclami, ma andando al sodo in maniera pragmatica. Francesco Abbonizio, allenatore di calcio presso Ole Footbal School, vive a Pechino dal 2007. Scelta di vita non facile la sua, ma adesso, dopo nove anni di permanenza e lavoro in Cina, sta raccogliendo i frutti del suo credere di portare la cultura del nostro football in terra orientale. All’inizio ha cominciato a lavorare per una scuola calcio privata: “All’epoca erano soltanto tre o quattro le scuole calcio a Pechino, e i bambini che si iscrivevano erano solo stranieri. Oggi saranno duecento le società di calcio, e il 30% dei bambini sono cinesi” dice Abbonizio. Segno di una crescita esponenziale, che a livello culturale e di perfezionamento calcistico tocca i vertici di un interesse che vede nell’immediato futuro anche sbocchi economici e occupazionali di settore. Oggi, Francesco Abbonizio si è messo in proprio e con altri tre colleghi gestisce a Pechino una scuola calcio di un centinaio di ragazzi dai sei ai dodici anni. Inoltre, sono incaricati da diverse scuole locali di gestire le attività extracurriculari legati al calcio, prendendosi cura della formazione di 700 bambini. Dunque, un calcio che parla orientale non soltanto per  l’alto potere economico della Cina, ma anche per la capacità imprenditoriale nel sapere investire su quel pallone che da sempre è stato fonte di guadagno e passione senza limiti.

Salvino Cavallaro              

Salvino Cavallaro


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.74 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210921' or (data='20210921' and ora<='160016'))
    and id_arg = 1013128
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013128NewsCampionatiCalcio, idea Cina.20160607160228Gli investimenti cinesi e nuove idee occupazionali nel calcio.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style="line-height: 115%; font-size: 12pt;"><font face="Calibri">C’è una nuova tendenza che sta stravolgendo in poco tempo il mondo del calcio italiano. La Cina avanza in maniera significativa e, attraverso i suoi grandi investimenti, ha deciso di accorciare in breve tempo quel gap abissale che per qualità e <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>importanza ha fatto da sempre la differenza tra il pallone europeo e quello orientale. E’ notizia di questi giorni che l’Inter è stata acquistata da Suning, il colosso cinese di elettrodomestici, mentre a breve tempo si attende pure il passaggio di proprietà tra il Milan di Berlusconi e altro gruppo cinese. Segno che questi orientali, forti del loro potere economico, hanno deciso di affondare in Italia i propri interessi legati al calcio. Un’idea cinese capace di intersecarsi tra passione per il calcio e programmi di un investimento commerciale che già stanno danno i suoi frutti a Pechino. Infatti, dopo l’acquisto ufficiale dell’Inter ad opera di Suning, si è scatenata una campagna mediatica mai vista in metropolitana nella città cinese. Un milione di passeggeri al giorno possono beneficiare di centinaia di manifesti affissi ovunque, dove è proprio il calcio a fare da testimonial della qualità dei prodotti della catena commerciale più estesa della Cina con ben 1.600 negozi. Sono prove capaci di farci riflettere sull’importanza di un investimento legato al calcio, che per lievitazione di immagine e quindi di profitti economici, non trova migliori idee di moltiplicazione di interessi commerciali. E poi c’è la passione per il pallone con l’interesse di migliorarne la cultura in una terra cinese che scalpita per potere essere all’altezza della situazione, vincendo entro il 2050 la loro prima coppa del mondo di calcio. Un progetto davvero ambizioso che questa Cina dimostra di volere fare suo blandendo futili proclami, ma andando al sodo in maniera pragmatica. Francesco Abbonizio, allenatore di calcio presso Ole Footbal School, vive a Pechino dal 2007. Scelta di vita non facile la sua, ma adesso, dopo nove anni di permanenza e lavoro in Cina, sta raccogliendo i frutti del suo credere di portare la cultura del nostro football in terra orientale. All’inizio ha cominciato a lavorare per una scuola calcio privata: “All’epoca erano soltanto tre o quattro le scuole calcio a Pechino, e i bambini che si iscrivevano erano solo stranieri. Oggi saranno duecento le società di calcio, e il 30% dei bambini sono cinesi” dice Abbonizio. Segno di una crescita esponenziale, che a livello culturale e di perfezionamento calcistico tocca i vertici di un interesse che vede nell’immediato futuro anche sbocchi economici e occupazionali di settore. Oggi, Francesco Abbonizio si è messo in proprio e con altri tre colleghi gestisce a Pechino una scuola calcio di un centinaio di ragazzi dai sei ai dodici anni. Inoltre, sono incaricati da diverse scuole locali di gestire le attività extracurriculari legati al calcio, prendendosi cura della formazione di 700 bambini. Dunque, un calcio che parla orientale non soltanto per <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>l’alto potere economico della Cina, ma anche per la capacità imprenditoriale nel sapere investire su quel pallone che da sempre è stato fonte di guadagno e passione senza limiti.</font></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style="line-height: 115%; font-size: 12pt;"><font face="Calibri">Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></font></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>fl0711fl0711pallone8.jpgSiNcalcio-idea-cina-1013128.htmSi100451001,02,03030391

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013