A TORINO, STA PER ARRIVARE L’ATTESISSIMO DERBY


Una partita che si preannuncia interessante e ricca di emozioni.
tempo: 40ms
RSS
Torino Stadio Grande Torino, 10/12/2016 -


In questo periodo dell’anno in cui siamo presi dai preparativi per il prossimo Natale, il calcio ha sempre un suo posto di primaria importanza. E così, nell’attesa del derby della Mole, nell’area prospiciente lo stadio Grande Torino scorgiamo sguardi d’attesa febbrile che s’intersecano all’ansia da derby. Tu perché sei del Toro, e tu perché sei della Juve. Storie diverse che s’incontrano in una domenica di calcio tanto attesa, forse anche un po’ da chi di pallone non se ne intende. Ed è questa la bellezza di un tifo che non deve mai oltrepassare i limiti, ma che deve essere gioia, festa pallonara, capace d’intersecarsi alla speranza di una sempre maggiore cultura del rispetto. E’ troppa l’attesa. Nei negozi, al mercato, al bar e persino nella coda ai supermercati, non si fa altro che parlare di derby, di Toro e di Juve, del gallo Belotti e del pipita Higuain. Ciascuno con la propria maglia, con i propri colori, con la propria fede calcistica, con la propria storia che si lega a un passato che è sempre presente come trampolino di lancio per il futuro. In fondo, con un pizzico d’orgoglio, torinisti e juventini possono dire di essere invidiati da tutta Italia. Sì, perché qui, nella città sabauda che trasuda cultura da ogni dove, c’è un pallone che da un lato è vincente, e dall’altro è in predicato di vincere dopo tanti anni. A questa nobile città un po’ discreta e capace di parlare sottovoce, hanno portato via la centralità della Rai, della Fiat, del Salone dell’Automobile e forse pure il Salone del Libro. Ma il calcio no. Quello appartiene di diritto alla città piemontese che ha saputo costruire negli anni e proporsi ad alti livelli. A Torino, Andrea Agnelli e Urbano Cairo, sportivamente parlando si guardano in cagnesco, tuttavia, chi ne beneficia per un calcio ad alti livelli è proprio la città della Mole, che da sempre fa parlare di sé per storia, tragedie legate al pallone, ma anche per  vittorie e derby che sono l’emblema dell’antica tradizione torinese. Bollito, fritto misto o Bagna Cauda, i torinesi s’incontrano a tavola e si scontrano allo stadio. C’è rivalità per un derby che non è ammesso perdere, perché ne va dell’orgoglio che non può e non deve essere ferito. E’ il pallone di Torino, sia esso granata o bianconero, che fa sperare, sognare, sorridere e piangere. E’ la storia, è il derby che si ripete, che non muore mai, perché fa sempre parlare di sé come una bella donna che è desiderata, ma fa gioire e amareggiare. Li chiamavano “bogianen” (non ti muovere), ma in campo e tra gli spalti dello stadio, granata e bianconeri non si risparmieranno mai e si affronteranno sempre per vincere. Sì, perché questo è l’unico obiettivo da raggiungere. Così lunedì, ritornando a lavoro, non si debba sottostare agli sfottò che bruciano e ammutoliscono. Vinca dunque il migliore (così si dice banalmente), ma ciascuno sta già pensando che a vincere sarà la propria squadra del cuore. E’ legittimo. Tu perché sei del Toro e tu perché fai il tifo per la Juve.

Salvino Cavallaro

  

Salvino Cavallaro


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.738 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210731' or (data='20210731' and ora<='163200'))
    and id_arg = 1013194
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013194NewsCampionatiA Torino, sta per arrivare l’attesissimo derby20161210174025Una partita che si preannuncia interessante e ricca di emozioni.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style="line-height: 115%; font-size: 12pt;"><font face="Calibri">In questo periodo dell’anno in cui siamo presi dai preparativi per il prossimo Natale, il calcio ha sempre un suo posto di primaria importanza. E così, nell’attesa del derby della Mole, nell’area prospiciente lo stadio Grande Torino scorgiamo sguardi d’attesa febbrile che s’intersecano all’ansia da derby. Tu perché sei del Toro, e tu perché sei della Juve. Storie diverse che s’incontrano in una domenica di calcio tanto attesa, forse anche un po’ da chi di pallone non se ne intende. Ed è questa la bellezza di un tifo che non deve mai oltrepassare i limiti, ma che deve essere gioia, festa pallonara, capace d’intersecarsi alla speranza di una sempre maggiore cultura del rispetto. E’ troppa l’attesa. Nei negozi, al mercato, al bar e persino nella coda ai supermercati, non si fa altro che parlare di derby, di Toro e di Juve, del gallo Belotti e del pipita Higuain. Ciascuno con la propria maglia, con i propri colori, con la propria fede calcistica, con la propria storia che si lega a un passato che è sempre presente come trampolino di lancio per il futuro. In fondo, con un pizzico d’orgoglio, torinisti e juventini possono dire di essere invidiati da tutta Italia. Sì, perché qui, nella città sabauda che trasuda cultura da ogni dove, c’è un pallone che da un lato è vincente, e dall’altro è in predicato di vincere dopo tanti anni. A questa nobile città un po’ discreta e capace di parlare sottovoce, hanno portato via la centralità della Rai, della Fiat, del Salone dell’Automobile e forse pure il Salone del Libro. Ma il calcio no. Quello appartiene di diritto alla città piemontese che ha saputo costruire negli anni e proporsi ad alti livelli. A Torino, Andrea Agnelli e Urbano Cairo, sportivamente parlando si guardano in cagnesco, tuttavia, chi ne beneficia per un calcio ad alti livelli è proprio la città della Mole, che da sempre fa parlare di sé per storia, tragedie legate al pallone, ma anche per <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>vittorie e derby che sono l’emblema dell’antica tradizione torinese. Bollito, fritto misto o Bagna Cauda, i torinesi s’incontrano a tavola e si scontrano allo stadio. C’è rivalità per un derby che non è ammesso perdere, perché ne va dell’orgoglio che non può e non deve essere ferito. E’ il pallone di Torino, sia esso granata o bianconero, che fa sperare, sognare, sorridere e piangere. E’ la storia, è il derby che si ripete, che non muore mai, perché fa sempre parlare di sé come una bella donna che è desiderata, ma fa gioire e amareggiare. Li chiamavano “bogianen” (non ti muovere), ma in campo e tra gli spalti dello stadio, granata e bianconeri non si risparmieranno mai e si affronteranno sempre per vincere. Sì, perché questo è l’unico obiettivo da raggiungere. Così lunedì, ritornando a lavoro, non si debba sottostare agli sfottò che bruciano e ammutoliscono. Vinca dunque il migliore (così si dice banalmente), ma ciascuno sta già pensando che a vincere sarà la propria squadra del cuore. E’ legittimo. Tu perché sei del Toro e tu perché fai il tifo per la Juve.</font></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style="line-height: 115%; font-size: 12pt;"><font face="Calibri">Salvino Cavallaro</font></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style="line-height: 115%; font-size: 12pt;"><font face="Calibri"><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></font></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torino Stadio Grande Torinofl0711fl0711foto-torino.jpgSiNa-torino-sta-per-arrivare-l-attesissimo-derby-1013194.htmSi100451001,02,03030339

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013