tempo: 18ms
RSS
Query
Template: /notizie/index.cfm:19
Execution Time: 102 ms
Record Count: 4079
Cached: No
Lazy: No
SQL:
SELECT * FROM news
where tipo ='news' and (data<'20210921' or (data='20210921' and ora<='165844'))
and area like '%Calciomercato%'
and azienda like '%01%'
order by data desc,ora desc,id_arg desc
id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
11013721NewsCalciomercatoAlvaro Morata e il suo ritorno alla base20200922150531Lo spagnolo è il nuovo centravanti della Juventus.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Come la vita anche il calcio ci ha insegnato che nulla è per sempre. Sì, perché talora un momentaneo partire può segnare il probabile ritorno. I motivi? Possono essere innumerevoli e con svariate argomentazioni. La singolarità è data dal destino tracciato in ognuno di noi, che quasi sempre è il vero giudice del nostro percorso di vita. Così nell’esistenza umana, così nel calcio, impareggiabile mondo di sorprese cui ormai abbiamo fatto l’abitudine a considerarle normalità. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Alvaro Morata</i></b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">è tornato alla Juventus</i></b> dopo averla lasciata nel 2016. Arrivato a Torino nel 2014, in due anni la città sabauda gli ha dato modo di diventare uomo attraverso gli insegnamenti di Max Allegri e, soprattutto, tramite Alice, un amore che lo ha reso padre felice di due gemelli, mentre adesso è in attesa del terzo figlio. Pensiamo che per Alvaro sia un ritorno positivo dal punto di vista ambientale in un gruppo allenato da <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">mister Pirlo</i></b>, suo ex compagno di squadra e maestro suggeritore di tanti assist che hanno verticalizzato il gioco facendogli fare gol, immortalando momenti di calcio ad alti livelli. E poi? Poi c’è il ritorno in una città che ha segnato il passaggio personale nella sua vita adulta. Lui, arrivato da Madrid ancora ragazzo acerbo che amava andare sui kart mentre abitava nel centro di Torino che subito lo accolse con simpatia, come se fosse un piemontese acquisito e ospitato da tanti anni. Certo, per Alvaro è un bel tornare nella Torino bianconera, dove ogni angolo della città gli ricorda sicuramente momenti impossibili da dimenticare, forti di un biennio intenso di maturità calcistica e umana. Al Chelsea e all’Atletico Madrid non fu la stessa cosa, perché gli anni trascorsi tra luci e ombre hanno determinato una sorta di storia appiattita, incolore e priva di quel gusto che in ogni professionista fa la differenza nel condurre parimenti la professione con i sentimenti. Arrivato a Torino Caselle a notte fonda con un volo privato da Madrid, oggi Morata sosterrà le visite mediche di rito presso il J Medical. Il cielo plumbeo e carico di pioggia autunnale, non hanno scoraggiato i tifosi bianconeri che lo hanno accolto all’entrata dell’istituto sanitario della Juventus. Un po' come dire che non è l’esteriorità del malinconico e piagnucolone tempo torinese a essere significativo di questo ritorno di Alvaro Morata, ma è nell’entusiasmo che si è manifestato tra il giocatore e i tifosi che si deve percepire il segnale del comune sentire. Se vogliamo poi fare delle considerazioni riguardanti la parte tecnica, basata sull’analisi dell’effettiva importanza di fare ritornare questo giocatore al centro dell’attacco della Juve, diciamo che Paratici si è trovato,suo malgrado a dovere decidere in fretta, dando un taglio netto all’esasperante situazione che si era creata nella indecisione del passaggio di Milik alla Roma, il quale avrebbe dato il via libera a Dzeko di passare alla Juve. Un giro di centravanti sbloccato da Suarez, cui è seriamente interessato l’Atletico Madrid, ha praticamente offerto alla Juve l’assist per chiudere su Morata in prestito a 10 milioni di euro, più il riscatto di 45 milioni il prossimo anno. Nell’accordo tra le parti c’è anche la possibilità da parte della Juve di tenere in prestito ancora per un anno Morata, versando ulteriori 10 milioni e riscattarlo l’anno dopo con 35 milioni di euro. In buona sostanza e a conti fatti, Morata costerà alla Juve ben 55 milioni di euro. Un affare? Dal punto di vista economico non ci sembra proprio. Tuttavia, dal punto di vista tecnico tattico potrebbe essere stato un affare alla luce di un sistema di gioco cui mister Pirlo crede, nel suo evolvere offensivo fatto di intese con CR7. Vedremo cosa accadrà, anche se noi avremmo visto meglio la duttilità e l’intelligenza tattica di un Dzeko capace di enfatizzare meglio il gioco della Juventus nel possesso e nel non possesso palla. Certo, a favore della Juve gioca il fatto che Morata è più giovane del romanista e può anche intendersi come futura plusvalenza nel caso di una ipotetica cessione. Vedremo, il campo è sovrano. Intanto, Alvaro Morata, la Juve e i suoi tifosi si godono questo ritorno tanto voluto, più dal destino che dal volere degli stessi uomini.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711alvaro-morata.jpgSiN-1013721.htmSi100451001,02,03,1001047
21013718NewsCalciomercatoLa Juventus e le sue difficoltà decisionali nel calciomercato20200905175311Un`altalena che non sembra da Juve<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Alla Juve finirà come l’anno scorso. Ricordate quando ha aspettato tanto per l’allenatore e poi si è rifugiata in una seconda scelta per ovvie ragioni di urgenza? Così quest’anno che sta cercando di comprare una punta di rilievo da affiancare a Cristiano Ronaldo, ancora nulla si sblocca. I nomi sono tanti e vanno da <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Suarez a Dzeko a Morata a Cavani</i></b>, pensando poi come sistemare le situazioni in uscita dei vari <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Higuain, De Sciglio, Khedira, Rugani, </i></b>forse <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Bernardeschi</i></b> e altri. Tutto è ancora in alto mare per diverse situazioni. Difficoltà non esattamente imputabili a un mercato spesso dipendente dallo sblocco di questo o quel giocatore dalla società di appartenenza. Così come <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Dzeko</i></b>, per il quale la Roma vuole definire prima l’acquisto di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Milik,</i></b> così come <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Suarez,</i></b> cui si attende l’accordo della buona uscita con il Barcellona e il passaporto comunitario. E poi <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Edison Cavani</i></b>, il nome tenuto in caldo dalla Juve anche se ha un costo rilevante e la famiglia che abita ancora a Napoli. Tuttavia, tutto questo stato di cose non precluderebbe una mancanza di forza decisionale da parte di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Fabio Paratici</i></b>, il quale non sembra tanto indenne da responsabilità nel non chiudere trattative che meriterebbero maggiore convinzione, soprattutto quando un affare sembra troppo tortuoso da raggiungere e non merita continuare a insistere, trovando convenienze economiche da far fruttare magari tra un anno o due come plusvalenze. Fatto è che la situazione Juve deve far fronte alle casse societarie che non sono più tanto floride come poco tempo fa, questo è vero. Tuttavia è palese un’attendibilità in affare che la Juventus ha assunto dal momento in cui a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Paratici</i></b> è stato dato lo scettro di Direttore Sportivo - Chief Football Officer - un ruolo determinante dopo la fuoruscita dall’organico della Juventus di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Beppe Marotta</i></b>. E’ vero, ci sono strategie aziendali che hanno bisogno di tempo per essere elaborate, ma la concorrenza non ti aspetta, è spietata in un calciomercato che intende chiudere le trattative in maniera quasi immediata per non perdere l’occasione. A questo proposito, come dicevamo prima, alla Juventus servirebbe inquadrare subito le situazioni possibili, lasciando perdere di incaponirsi su quelle che sembrano elaborate e prive di possibilità di successo. Così è stato per <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Pep</i></b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Guardiola,</i></b> inseguito fino all’eccesso e poi in fretta e furia ripiegati su <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Maurizio Sarri</i></b> con il risultato che tutti sappiamo. No, non è da Juve questo sistema. Si cambi modo di agire perché è finito il tempo in cui la Juve chiamava e tutti venivano “a piedi” da qualsiasi parte del mondo. Adesso esistono società ricche economicamente che detengono il potere strategico delle operazioni di calciomercato. La Juve è ancora una di queste, ma non la sola come tanti anni fa.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711paratici.jpgSiN-1013718.htmSi100451001,02,0301038
31013651NewsCalciomercatoIl Prof. Marotta e l’allievo Paratici20200130113842Un dualismo sempre in atto<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'>E’ in fondo il motivo conduttore della diatriba tra Inter e Juve. Tra Marotta e Paratici si contano innumerevoli messaggi apparenti di stima reciproca, ma poi a conti fatti si nota una evidente corsa ad arrivare primi negli affari relativi alle rispettive società di appartenenza. Striscianti tradimenti si frappongono a sorrisi forzati e abnormi ipocrisie. E non è un caso che l’Inter in questo mercato d’inverno che sta per chiudersi, è stata molto più attiva della Juventus. Con l’acquisto di Eriksen, Marotta ha sistemato un centrocampo che adesso appare quadrato dal punto di vista dei tempi di gioco dati da un suggeritore di grande classe com’è il danese, mentre Paratici stenta a definire la cessione di Emre Can (che probabilmente arriverà sul filo della chiusura del mercato di gennaio) e nonostante da tempo l’infortunio di Chiellini abbia provocato problemi alla difesa della Juve, ci si è limitati a inventare Cuadrado come terzino di fascia, tenuto De Sciglio (che si è infortunato), acquistato Danilo (un giocatore normale, infortunato anch’egli, ma che non fa la differenza) e venduto Cancelo per la questione delle plus valenze. Il problema della Juventus che prende troppi gol, nasce proprio dal non avere sulle due fasce della difesa giocatori in grado di coprire una zona nevralgica, così pure come il centrocampo, in cui manca la mente illuminante del gioco. Troppi incontristi, tra cui Matuidì (sembra stanco il francese) Rabiot (chissà quando e come dimostrerà il suo valore) e poi Alex Sandro che continua in una corsa stanca e pesante nel suo incedere, non garantendo il necessario recupero in difesa. Molto più abile Marotta che ha venduto Politano (non gradito a Conte) al Napoli e, come dicevamo pocanzi, ha acquistato Eriksen. Strategie di mercato che sanno di lunga esperienza nel settore, capaci di sapersi muovere con abilità e tempestivamente nella logica di far conciliare la parte tecnica a quella amministrativa di bilancio. In questo senso si devono evidenziare i meriti dell’Inter nell’essere passata dalla violazione dei parametri del Fair Play Finanziario a uno stato patrimoniale florido. Tutto ciò dà la misura di un lavoro che è cominciato in maniera positiva da parte di Marotta che si è pure avvalso di Antonio Conte nell’affidargli la gestione tecnica della squadra. E la Juve? La Juve è lì che aspetta e realizza il suo tanto aver speso in acquisto di giocatori di indubbia altissima qualità tecnica, ma che ancora con il suo allenatore Maurizio Sarri sembra non avere ancora raggiunto un equilibrio tale da rilevarne la reale crescita di identità nell’aspirazione della conquista del triplete. Agnelli, Nedved e Paratici non affondano i colpi, ma sanno di avere in casa una corazzata che, secondo noi, ha bisogno di essere ancora plasmata in almeno due settori del campo. Perdere malamente due volte contro la Lazio e una volta indecorosamente contro il Napoli, apre degli interrogativi che pur si contrappongono al dato di fatto che la Juve di Sarri ha chiuso in testa il suo girone di Champions League, è prima in classifica in Campionato ed è entrata in semifinale di Coppa Italia. Tutto questo stride, al cospetto di quanto abbiamo detto.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 16pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-marotta-e-paratici.jpgSiNil-prof-marotta-e-l-allievo-paratici-1013651.htmSi100451001,02,03010171
41013644NewsCalciomercatoAnche Kulusevski al J Medical per le visite mediche20200102122150Ecco il nuovo acquisto della Juventus<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>E’ la casa medica scelta dalla Juventus, cui affida tutti i suoi atleti per avere la certezza della sana costituzione fisica e quindi dell’ottimo stato di salute. Una risposta attendibile al 100%, grazie anche alle apparecchiature che sono all’avanguardia del settore medico tecnologicamente avanzato, alle precise indagini diagnostiche e all’accurata professionalità di tutti i medici scelti con cura prima di fare parte dell’equipe del JMedical, un modello sanitario innovativo per tutti. Così, giusto per tutelarsi dopo avere acquistato sul mercato del pallone che conta, la Juventus prima di firmare ogni contratto manda direttamente gli atleti a essere sottoposti alle visite mediche di rito. E il J Medical collabora alla grande, dando il proprio benestare soltanto dopo avere effettuato tutta una serie di visite e controlli atti a certificare l’attività agonistica nel campo professionistico. Dicevamo del controllo meticoloso e massimamente attendibile del JMedical, che ricordiamo essere stato giustamente intransigente nel caso Schick, nel non avere dato il proprio benestare all’attività agonistica e sportiva professionistica, per avere notato nell’atleta delle anomalie di affaticamento cardiaco. Detto questo per significare il lavoro minuzioso svolto dal J Medical, diciamo quanto sia rassicurante invece per la Juventus (ma anche per la gente comune che decide di sottoporsi a screening e varie indagini diagnostiche) sapere del buono stato di salute dell’atleta cui sono stati investiti parecchi milioni di euro. Così come ieri ha fatto il nuovo acquisto della società bianconera <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Kulusevski,</b> che dal prossimo giugno sarà a disposizione di Sarri per cinque anni. Lo svedese è stato acquistato dalla Juve, dopo che l’Inter l’ha corteggiato insistentemente. Classe 2000, l’attaccante Kulusevski è stato acquisito dalla Juve per 35 milioni di euro + 9 o 10 milioni di bonus che andranno all’Atalanta, società che ne deteneva l’appartenenza. Allo svedese, invece, andranno 2,5 milioni di euro annui più bonus, che andranno a salire durante il quinquennio juventino. Dunque, ancora una volta J Medical e Juventus sono insieme nell’intendere un rapporto professionale che s’interseca tra medicina sportiva di alta qualità e atleti che possono fare fronte serenamente, a ogni sforzo fisico atletico che professionisti di tale levatura tecnica fanno in carriera.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-kulusevski.jpgSiNanche-kulusevski-al-j-medical-per-le-visite-mediche-1013644.htmSi100451001,02,03030233
51013600NewsCalciomercatoI tanti “NO” del presidente Cairo.20190810154330L`analisi sul momento positivo del Torino<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Si moltiplica il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“NO”</b> del presidente Cairo alla richiesta di acquisto dei suoi giocatori più rappresentativi da parte delle altre società di calcio; ma si allarga il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Sì”</b> nel verificare la bellezza del suo Toro che ha ampiamente vinto in Europa contro lo <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Shakhtyor Soligorsk</b> con il punteggio di 5 a 0. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“E’ la mia vittoria europea più larga. In generale tutti i nostri giocatori mi sono piaciuti. Ho visto una bellissima intesa tra Zaza e Belotti e poi un grande Berenguer che oggi è stato imprendibile. Bene anche Bonifazi, per lui ho detto uno dei tanti No alla sua cessione”</b>. Si presenta così il Presidente <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Urbano Cairo</b> ai microfoni dei media, raggiante di soddisfazione nel verificare che il progetto europeo del suo Torino sta andando avanti a gonfie vele. Certo, la pochezza tecnica degli avversari ha ingigantito la prestazione dei granata di Mazzarri, tuttavia, ci sono da analizzare alcuni aspetti da non sottovalutare, uno fra tutti il ritrovato gioco di squadra, l’intesa tra i reparti e una buona condizione fisica che ben si interseca a quella psicologica. Il Toro c’è, è agguerrito quanto basta, sa conquistare palla a centrocampo e fluidifica il suo gioco attraverso il movimento senza palla dei suoi attaccanti che si fanno trovare sempre pronti al tiro in porta. E’ indubbiamente un bel Toro che sta preparando al meglio il prossimo confronto dei preliminari di Europa League contro gli inglesi del Wolverhampton. Un inizio di stagione scoppiettante che non deve far fare voli pindarici, ma ha bisogno di essere valutata con la razionalità del caso. Tuttavia, resta innegabile l’intensità di gioco espressa da capitan <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Belotti </b>e compagni, capaci di incarnare lo spirito del cuore Toro che tante volte, nel corso dell’inizio dello scorso campionato, si è rievocato nella vasta letteratura della storia granata, piuttosto che sul campo di gioco. E intanto, mentre il mercato impazza di nomi altisonanti e milioni di euro che si moltiplicano nelle strategie societarie per indebolire l’avversario, piuttosto che pensare a rinforzare la propria squadra, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">il Toro di Urbano Cairo</b> procede il suo mercato a fari spenti, in modo sornione e senza tanti squilli di tromba, ma con la testa sulle spalle. E’ la caratteristica di questo presidente sempre così attento a non sforare mai il bilancio societario che tra entrate e uscite deve sempre essere equilibrato. Dopo l’addio di Petrachi, con il quale per anni ha raggiunto l’idem sentire sulla necessità di curare le plusvalenze, il presidente Cairo coadiuvato da quest’anno dal Direttore Sportivo Massimo Bava, ha messo una barriera protettiva verso il tentativo di cessione di capitan Belotti e compagni. E’ una chiara tendenza conservativa del patrimonio tecnico ed economico della società granata, nel tentativo di non ricominciare sempre d’accapo ma di continuare la strada tracciata già l’anno scorso da mister Mazzarri. D'altronde, il ritorno nel calcio europeo e gli impegni annuali di Campionato e Coppa Italia, fanno pensare a un disegno tecnico che si traduce nell’orgoglio di volere ben figurare in tutte e tre le competizioni. Tuttavia, si presume che il mercato in entrata del Toro debba riservare qualche sorpresa magari prima della fine di agosto. Che il Toro insegua senza fretta l’attaccante <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Verdi </b>non è un mistero, anche se inaspettatamente Mazzarri si è ritrovato uno <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Zaza </b>volitivo e rinvigorito dalla voglia di dimostrare tutto il suo valore in attacco con il gallo <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Belotti.</b> Dunque, le strategie di mercato del Torino non sono da banalizzare in un pensiero negativo che faccia capo alla mancanza di acquisti, ma deve essere inteso come chi attende pazientemente gli sviluppi della situazione. D’altra parte, per acquistare c’è bisogno che la controparte sia decisa a vendere e, almeno per quanto riguarda Verdi, il Napoli attende di avere le idee chiare sui suoi attaccanti. Vedremo cosa accadrà in casa granata e, soprattutto, è importante monitorare attentamente l’evoluzione di Zaza che è entrato in sintonia con lo spogliatoio, con i compagni di squadra e con il gioco voluto da mister Mazzarri. E se dopo tanti NO del presidente Cairo che non intende cedere i migliori, ed ha rinnovato contratti importanti come quelli di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Izzo, Lyanco </b>e riscattato tanti giovani promettenti come <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Ola Aina,</b> magari, chissà, ci sarà pure l’acquisto di cui si parla insistentemente da molto tempo. E’ questione di logica di pazienza e di corretta strategia aziendale. E Cairo, per questo, se ne intende da sempre!</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>&nbsp;</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>&nbsp;</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>&nbsp;</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711urbano-cairo.jpgSiNi-tanti-no-del-presidente-cairo-1013600.htmSi100451001,02,03030489
61013599NewsCalciomercatoParatici contro Marotta. Cinque strategie in atto per disturbare il mercato dell’Inter.20190731182950Tra Juventus e Inter, «guerre« di mercato<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Lotta tra scrivanie di lusso e maligne trattative di mercato che tendono più a far fallire l’affare all’avversario, piuttosto che pensare alla propria crescita. E’ l’intendere moderno di un calciomercato che evidenzia strategie tra due potenze calcistiche italiane: Juventus e Inter. Paratici che non dorme neanche la notte per potere mettere il bastone tra le ruote a Marotta nell’eventuale acquisto di Lukaku. Così, a conti fatti, cinque sono le strategie bianconere che si fondano sullo scambio <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Dybala – Lukaku</b> con il Manchester United. Nella prima mossa si può notare come Paratici rovini la festa a Marotta sull’affare Lukaku, proponendo un contratto quinquennale al giocatore belga, proponendo al Manchester United lo scambio con Dybala. Tutto questo con la furbizia di un furetto che conosce bene le mosse dell’avversario, avvantaggiandosi anche della chiusura del mercato inglese che sarà l’8 agosto prossimo. Dunque, la Juve appare nettamente in vantaggio sull’Inter che è stata privata della trattativa quasi definita. Nella seconda strategia c’è la questione Icardi che la Juve non forza, proprio in virtù del fatto che l’Inter ha bisogno di disfarsi del giocatore ma non lo vuole svendere a un prezzo stracciato. Paratici conosce bene la situazione e aspetta in maniera sorniona che Marotta si liberi per svilimento della sua mina vagante. La terza strategia mette in risalto la voglia di Paratici di portare Icardi alla Juve ma di non volere acconsentire allo scambio con Dybala con i rivali dell’Inter. Così Marotta incassa la decisione di Paratici di volere cedere Dybala all’estero per molti soldi o soltanto in cambio di Lukaku. La quarta strategia si evidenzia con l’interesse di Marotta che vorrebbe accontentare Conte nell’acquisto di due giocatori della Juve: Cuadrado e Moise Kean. Ma la risposta di Paratici è negativa, in quanto Kean è già stato ceduto all’Everton e Cuadrado non si vende all’Inter, semmai si potrebbe trattare se la società nerazzurra ammorbidisse le richieste per Icardi. Nella quinta strategia di mercato, Paratici sembra scatenato nel volere mettere in atto un ribaltone sul fronte dell’attacco della Juventus e ancora una volta si inserisce sull’affare Chiesa che sembrava destinato all’Inter. Marotta l’ha trattato per molto tempo, ma di fatto non ha potuto portare avanti nessuna concretezza. E così Fabio Paratici sorpassa ancora Marotta perché Chiesa vuole venire alla Juve e, se non sarà per quest’anno (vista l’idea di Commisso di volere trattenere il giocatore ancora tra le fila della Fiorentina) sarà sicuramente per il prossimo campionato. Dunque, un altro giocatore è stato soffiato all’Inter, rendendo difficile ogni tentativo di mercato ad alto livello a Beppe Marotta. E adesso che certe strategie sembrerebbero chiarire certi movimenti di mercato di Juve e Inter, aspettiamo di vedere le evoluzioni soprattutto di convincimento dell’argentino Dybala, che pare abbia chiesto al Manchester United un contratto di 10 milioni l’anno. Ci sembra impensabile che la società inglese accetti, visto che Lukaku percepiva circa 8 milioni l’anno. Vedremo. Intanto non c’è più molto tempo da pensarci. Il mercato in Inghilterra sta per chiudersi e le parti devono sbrigarsi se vogliono concludere l’affare. E intanto l’Inter sembra esclusa dai giochi. Pensiamo che si rivolgerà alla Roma per Dzeko e al PSG per Cavani. Il resto si vedrà.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-marotta-e-paratici.jpgSiNparatici-contro-marotta-cinque-strategie-in-atto-per-disturbare-il-mercato-dell-inter-1013599.htmSi100451001,02,03030433
71013596NewsCalciomercatoJuve Inter, quanta acredine!20190724074413A Nanchino si gioca Juventus Inter, per l`International Champions Cup. <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Oggi alle 13,30 e con diretta TV su Sportitalia, a Nanchino (dove c’è la base di Suning) si affronteranno Juventus e Inter. Una gara amichevole che si disputa all’interno dell’International Champions Cup, un evento calcistico che sta mettendo in evidenza la superiorità delle squadre inglesi, le quali sono più avanti nella preparazione rispetto alle squadre italiane. Tuttavia, la curiosità e l’interesse verso questa manifestazione sportiva risulta di vivo interesse, nonostante si svolga in un periodo dell’anno in cui si toccano alti gradi di caldo e insopportabile umidità. Ma partite come Juve Inter non si possono perdere perché dentro questo match c’è l’antica rivalità tra tifosi e società, acuiti ancor di più da quest’anno per la presenza tra i nerazzurri di due ex juventini come Marotta e Conte. Da una parte la Juve con il nuovo allenatore Sarri e un mare di campioni da amalgamare attraverso quel gioco spettacolo tanto promesso dai dirigenti bianconeri; dall’altra un’Inter che è ancora in cantiere e alla ricerca di sveltire il proprio calciomercato che appare ancora in ritardo nelle entrate ma soprattutto nelle uscite. E mentre Antonio Conte tuona contro la società che sta anche riflettendo sull’opportunità di cedere tra gli altri anche Politano e Perisic non ritenuti validi nel contesto del gioco voluto dal nuovo allenatore nerazzurro, Maurizio Sarri dichiara apertamente la volontà di schierare sempre CR7 sulla sinistra, di attendere il rientro di Dybala per provarlo come falso nove o trequartista e di essere alle prese con il dilemma Higuain che la società bianconera vuole cedere. Tuttavia, in tutto questo pensiero comune cui fa sempre spazio l’idea della ricerca dell’optimum per potere sempre primeggiare in Italia e all’estero, c’è sempre quel chiodo fisso di rivalità tra Juve e Inter. Un derby d’Italia che da quest’anno aggiunge ruggine sul già proverbiale odio sportivo. Marotta e Conte contro Agnelli e Paratici, un antagonismo che sa quasi di vendetta rusticana, un po’ come dire che il passato e i torti subiti devono essere sbrigati sul campo con le vittorie dell’una sull’altra squadra. Ma, oggettivamente, al momento la squadra di Sarri sembra di gran lunga superiore a quella di Conte, il quale ha bisogno di tempo per ridurre il gap con la Juve. Dunque, c’è sempre sale e pepe tra queste due società di calcio che rincorrono sempre il desiderio di superarsi anche quando in palio non c’è nulla, ma c’è l’orgoglio di vincere e di non essere sconfitti dall’odiato nemico. Vedremo cosa accadrà in questo campionato 2019’20 così pieno di aspettative a livello generale, ma che mette sempre in risalto l’eterno duello tra bianconeri e nerazzurri che non finirà mai. Anche oggi alle 13,30, mentre la calura estiva avvampa gli animi dei tifosi juventini e interisti che avrebbero invece bisogno di darsi una calmata. Le due società non alimentino pensieri di vendetta. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Nanchinofl0711fl0711foto-marotta-e-paratici.jpgSiNjuve-inter-quanta-acredine-1013596.htmSi100451001,02,03030392
81013594NewsCalciomercatoIl calciomercato che fa sognare20190712080150Juventus, Napoli e Inter, regine del calciomercato.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>In questi tempi di calciomercato in cui i tifosi sognano a occhi aperti e i discorsi da bar si moltiplicano di evanescenti pensieri di parte, è legittimo che ognuno vinca il proprio scudetto estivo. E anche sotto l’ombrellone, tra un bagno e l’altro, si sentono i più disparati pareri che sanno di scommessa personale. E’ il bello del calcio d’estate fatto di poco o nulla, in cui basta solo un titolo di giornale per scatenare l’adrenalina dei tifosi e sviluppare esagerate immaginazioni di vittorie. Dal punto di vista mediatico tiene sempre banco la <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Juventus,</b> la quale dopo l’arrivo di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Sarri</b> e gli acquisti di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Rabiot, Demiral, Romero, Ramsey, Pellegrini,</b> il ritorno di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Buffon </b>e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Higuain,</b> promette ancora colpi importanti come l’acquisto di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Chiesa</b> e le inevitabili cessioni di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Spinazzola, Perin, Mandzukic, (Matuidì?) Caceres, Khedira, Cuadrado, Kean.</b> C’è poi l’<b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Inter</b> di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Conte, Marotta</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Ausilio </b>capaci di portare a casa <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Godin </b>e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Barella</b>, mentre si nutrono reali possibilità di far vestire di nerazzurro anche <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Lukaku</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Dzeko</b>. Tutto questo a seguito delle pubbliche dichiarazioni della società, che non intende inserire nel proprio progetto i nomi di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Icardi </b>e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Nainggolan.</b> Una sorta di benservito che fa chiarezza sull’intendimento della nuova direzione nerazzurra, la quale non ammette la mancanza di rispetto delle regole. Altrettanto vivace è il mercato estivo del <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Napoli</b>, il quale dopo avere acquistato <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Manolas,</b> sta puntando dritto su <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">James Rodriguez</b>. Ci sono poi squadre come <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Milan, Roma, Lazio, Fiorentina, Atalanta e Torino</b> che non danno segni di eclatanti strombazzamenti di sorta, ma non per questo meno operativi sul mercato. Tutto ciò, mentre i granata di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Mazzarri </b>lavorano a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Bormio</b> per preparare i preliminari di Europa League. Così dice il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Direttore Operativo del Torino F.C. Alberto Barile:</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">”Vogliamo fare crescere il Torino nel mondo”.</b> Certo non sarà facile, tuttavia, in casa Toro si respira un’aria diversa dal solito. C’è più consapevolezza di potere aggiungere al grande valore di società perfetta nei conti in bilancio, quella volontà di raggiungere un buon livello europeo che farebbe lievitare l’immagine granata. Dunque, attendiamo la fine del calciomercato per valutare certe situazioni che ad oggi sembrerebbero già contrassegnate dai duelli circoscritti tra <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Juventus, Inter e Napoli</b>. Ma sono valutazioni estive, basate soltanto sui nomi eclatanti di un mercato pallonaro che eccita la fantasia dei tifosi Tuttavia, c’è da considerare che anche le altre squadre non staranno sicuramente a guardare, perché nessuno vorrà inchinarsi alle più titolate regine di mercato.<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711pace.jpgSiNil-calciomercato-che-fa-sognare-1013594.htmSi100451001,02,03030386
91013591NewsCalciomercatoDirettamente dalla conferenza stampa di Maurizio Sarri20190620174332Tanti sono stati i temi toccati nel corso del primo incontro pubblico con i media, da parte dell`ex tecnico del Chelsea. <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Nella sua prima uscita pubblica da allenatore della Juventus, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Maurizio Sarri</b> ha parlato da professionista e non certo da trascinatore di fede juventina. Emozionato ma non troppo, l’ex coach di Napoli e Chelsea ha subito messo in chiaro qual è stato il motivo per cui ha subito accettato di venire alla Juve. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“In 30 anni di panchina non ho mai visto una società così determinata a prendere un allenatore. Questo mi ha convinto a venire alla Juve, vedere una dirigenza così compatta nell’atteggiamento e tanto determinata”,</b> così esordisce Sarri nella sala stampa Gianni e Umberto Agnelli dopo avere salutato i presenti, rendendosi disponibile a rispondere alle domande dei colleghi giornalisti. Indossato per contratto la divisa ufficiale di rappresentanza della Juve, il tecnico del bel gioco continua a rispondere toccandosi l’orecchio, qualche volta la punta del naso che intervalla a parole e qualche sorso d’acqua, giusto per rinfrescare l’ugola. L’espressione è sempre la stessa, pochi sorrisi, occhiali che nascondono sguardi talora interrogativi e seriosità nel dire con orgoglio da dove è venuto, quali sono le sue radici professionali di ex allenatore dilettante arrivato nell’olimpo del football a 60 anni. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Non passo dai dilettanti alla Juventus. Il mio è un percorso lungo e fatto di passi. Sono arrivato al Chelsea, un grande club che chiaramente ha meno storia della Juventus. Lo ritengo un passo avanti tra quelli fatti sempre gradualmente. L’emozione è forte, ma non è quella di un allenatore</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">appena arrivato dai dilettanti”.</b> Sarri continua con apparente sicurezza, dimostrando a tutti i presenti di essersi preparato a dovere per questa giornata fitta di precise domande talora pure punzecchianti, ma che egli avrebbe già previsto prima. Chiaro riferimento di chi, pur non conoscendo la nuova piazza, ne ha già acquisito il sistema. A chi gli chiede quale disegno tattico adotterà con la sua nuova squadra, risponde che si baserà esclusivamente sulle caratteristiche tecniche dei tre o quattro giocatori che nella Juventus fanno la differenza. Chiaro il riferimento a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo, Dybala, Pjanic (che deve toccare almeno 120 palloni per</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">partita) Douglas Costa,</b> mentre ha avuto grandi parole di elogio per <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Federico Bernardeschi,</b> un calciatore che deve migliorare nelle continuità. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>E poi si toccano i temi più scottanti, ovvero quelli che arrivano da Napoli, che lo definiscono un traditore: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Ho fatto un percorso a Napoli, da cui sono uscito per scelta della società. Poi sono andato all’estero e sono tornato con una società importante che mi ha voluto fortemente. Io penso di aver dato nella vita il 110% rispettando tutti. E lo farò anche per questi colori, può essere poco ma di più non posso fare. Penso siano scelte logiche, senza romanzarci tanto sopra. Penso di avere rispettato tutti. Se mi fischieranno in Napoli – Juventus? Comunque vada tra fischi o applausi, so che sarà un gesto d’amore. Io uscirò dal campo volendogli bene, in un modo</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">o nell’altro”.</b> E lo scetticismo con cui il popolo juventino lo accoglierà, come si supera? <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Come ho fatto altrove, vincendo e convincendo! Andare in campo, fare risultato e divertire. Sinceramente non vedo altre strade.”</b> Insomma, tanto altro ancora c’è stato in questa ora e mezza di conferenza stampa che ha visto <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Maurizio Sarri</b> accanto a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Fabio Paratici</b> davanti a 200 giornalisti, con <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Andrea Agnelli</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pavel Nedved</b> posti in prima fila e molto attenti a ciò che si è detto. Ma la nostra idea è che il popolo juventino debba vedere <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Maurizio Sarri</b> come tecnico, come professionista del bel gioco, come rivoluzionatore di culture calcistiche basate sull’offensiva. Ma non si pretenda da lui l’anima bianconera, il sentimento, perché la sua passione è altrove. L’ha detto con apprezzabile correttezza di pensiero. Sarri tifa Napoli fin da bambino, poi è diventato un professionista e come tale ha fatto la sua carriera nel rispetto del suo lavoro. Quindi lo si giudichi per questo, lasciando perdere ogni romanzo legato a sentimenti intrisi di ruggine e odio.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torino Allianz Stadiumfl0711fl0711foto-sarri-in-conferenza-stampa-juve.jpgSiNdirettamente-dalla-conferenza-stampa-di-maurizio-sarri-1013591.htmSi100451001,02,03030422
101013585NewsCalciomercatoLa Juventus e le strategie sull’allenatore 20190611170118Sarri si, Sarri no. L`attesa è davvero stressante per i sostenitori della Juventus.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>A quasi un mese dalla conferenza stampa organizzata dalla Juventus per l’addio a Massimiliano Allegri, ancora oggi non si sa ufficialmente chi sarà il nuovo allenatore dei bianconeri per la stagione 2019’20. Segno evidente di operazioni ingarbugliate e forse anche non propriamente chiare, nonostante lo sbandierare di Fabio Paratici che mette in evidenza la sicurezza dello stato maggiore della Juve, nel sapere perfettamente cosa vuole. <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>A noi sembra tanto che questa volta la Juventus abbia smarrito tutta la sua proverbiale immagine di società perfetta nella programmazione e sicura nella fase decisionale di ciò che vuole. Ma dov’è finito lo stile Juve, in base al quale soltanto certi personaggi che curano l’immagine e i rapporti con i media possono accedere a fare parte della Vecchia Signora? A noi la scelta di Sarri stona un po’, soprattutto in considerazione dei trascorsi velenosi che l’ex allenatore del Napoli aveva avuto contro la Juve. C’è qualcosa che non quadra in tutto questo attendere, qualcosa che ci dice che questa volta la Juve si è trovata a scegliere il meno peggio, perché non è arrivata a chi veramente voleva: e cioè a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Pep Guardiola.</i></b> Ma se il problema era quello di fare una sorta di rivoluzione copernicana relativa al concetto di gioco e al suo vincere proponendo la cultura propositiva e non più quella della stucchevole attesa, allora <b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><i style="mso-bidi-font-style: normal;">Maurizio Sarri</i></b> ci sta come il cacio sui maccheroni. Tuttavia, resta quella perdita di stile che questo personaggio così fuori da ogni regola di cura e rispetto nei rapporti mediatici, apporterà alla Juventus. E allora non si nasconda il fallimento di non essere arrivata a Guardiola come prima scelta, e soprattutto la società bianconera non abbia timore di mortificare il proprio orgoglio nell’avere incassato un sonoro “NO” da parte dell’attuale allenatore del Manchester City. A dirlo, non c’è nulla di male! Non è mettere a nudo quella fragilità non tanto nascosta, che anche una grande società di calcio qualche volta possa essere rifiutata per chissà quale motivo. E non è neanche scoprire certe strategie aziendali per non favorire gli avversari, semmai certe cose dette chiaramente agevolano il buon rapporto con i propri tifosi. In tutta questa storia il popolo bianconero è radicalmente diviso, tra chi non vede di buon occhio Sarri e chi si lamenta di tutto questo celare ogni cosa. Si, perché un po’ va bene, ma adesso è davvero troppo!</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-sarri.jpgSiNla-juventus-e-le-strategie-sull-allenatore-1013585.htmSi100451001,02,03030407
111013583NewsCalciomercatoJuve, l’estenuante attesa sta per finire.20190605192754Noi azzardiamo l`ipotesi Guardiola<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Guardiola, Pochettino, Sarri</span></b><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>. In verità, dal 18 maggio, giorno in cui è stato ufficializzato l’addio ad Allegri da parte della Juventus, si sono fatti altri nomi. Ma ad oggi la scrematura è stata fatta, anche perché tutto questo tempo trascorso non fa altro che aumentare i malumori del popolo juventino che ha sete di sapere. Va bene l’ermetismo della società su un tema così delicato, ma questa assoluta mancanza di comunicazione su tale argomento, porta a fare mille considerazioni sul nulla. Noi proviamo a dire che la prima scelta della Juve è sempre stata quella di Guardiola e, nonostante i mille nodi da sciogliere di carattere economico e burocratico, siamo convinti che proprio l’attuale coach del Manchester City sarà il nuovo allenatore della Juventus. In verità non crediamo agli avvistamenti o pseudo tali di Pep Guardiola a Torino, ma la nostra convinzione si poggia su basi logiche. Innanzi tutto la situazione finanziaria del club inglese, il quale sarebbe alle prese con il famoso fair play finanziario. Poi, fatto non trascurabile, il nome di Guardiola fa lievitare il Titolo Finanziario della Juventus in Borsa. Un aspetto, questo, che cura molto gli interessi della società, la quale tra ricavi finanziari dovuti appunto al Titolo, Sponsor Tecnico (Adidas), Sponsor Televisivi, Plusvalenze, arriverebbe a pagare la somma richiesta per avere Guardiola. Tuttavia, da più parti leggiamo il nome di Sarri come più indicato a sedere sulla panchina della Juve il prossimo anno; perché? A noi sembra tanto il paravento della Juventus per depistare ogni traccia, anche se i contatti con l’ex allenatore del Napoli vengono tenuti a caldo come eventuale seconda scelta. Pochettino è un altro papabile, ma la sua situazione legata al Tottenham sembrerebbe difficile da sradicare. Dunque, alla Juventus non è più tempo di suggestioni, di avvistamenti ipotetici e neanche di dispersivi scenari europei. Si è perso troppo tempo anche nell’allontanare la curiosità mediatica che deve pur avere delle basi per dare delle informazioni. Ecco, diciamo che per la prima volta la Juve nel suo mentore Agnelli e nel suo braccio destro Paratici, si stanno arrovellando nel mantenere segreta ogni trattativa che, se resa pubblica, potrebbe rovinare ogni piano faticosamente portato avanti da mesi. Operazioni costruite da un’azienda forte qual è la Juventus, ma che, suo malgrado, non riesce ancora concludere ciò che dall’inizio aveva in mente di ottenere: Pep Guardiola. Conosciamo la caparbietà di Andrea Agnelli e Fabio Paratici, (il quale ha parlato di un range di allenatori da valutare) anche in considerazione dell’operazione Ronaldo che sembrava impossibile e poi si è avverata. Sono strategie aziendali che necessitano di tempo per poterle portare avanti, tuttavia, come dicevamo pocanzi, resta il fatto che il pensiero comune è che si stia aspettando troppo tempo, anche in virtù del calcio mercato che entrato nel vivo della stagione. Noi restiamo dell’idea che la Juve stia ormai puntando sul solo nome di Guardiola. Il resto è contorno. A Torino si vocifera da più parti, che sarà presentato al più tardi il 16 giugno. Le quotazioni dei bookmakers aumentano, le notizie che giungono da Londra attraverso il Sole 24 Ore danno per sicuro l’arrivo del tecnico del Manchester alla Juve, nonostante le mille smentite del tecnico. Insomma, la telenovela dell’allenatore della Juve sembra quasi arrivata alle ultime puntate. La montagna sta per partorire il suo nome eccellente, mica il topolino….!</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-guardiola.jpgSiNjuve-l-estenuante-attesa-sta-per-finire-1013583.htmSi100451001,02,03030461
121013582NewsCalciomercatoAntonio Conte all’Inter, conflitto tra sentimento e ragione.20190601161917Le farneticazioni scatenate dagli ultras, dopo l`annuncio che l`ex allenatore della Juve siederà sulla panchina dell`Inter.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>In merito al nuovo allenatore dell’Inter, in questi giorni ne abbiamo sentito di tutti i colori. Era prevedibile che l’integralismo degli ultras di Juventus e Inter manifestassero tutto il loro disappunto. Tuttavia, certe farneticazioni capaci di esasperare pericolosamente gli animi non sono ammissibili, soprattutto in considerazione della già antica e aspra rivalità tra le due tifoserie. Dunque, cerchiamo di andare per ordine, entrando nel focus del problema che è senza dubbio molto delicato. Cominciamo a dire che Conte, con questa decisione di accettare la panchina dell’Inter, sta spaccando in due la città di Torino. Gli ultras bianconeri, infatti, hanno raccolto online 11.000 firme per togliergli la stella allo Stadium, “vomitando” tutta una serie di irripetibili parole contro l’ex allenatore della Juve. Di contro, il popolo interista in un comunicato emesso sui vari social network, si esprimono con frasi allucinanti sui trascorsi giudiziari di Conte e contro una Juve che, a detta loro, rappresenterebbe il potere corrotto del calcio italiano. Frasi pericolose, pesanti, assurde e senza senso, scritte da chi si è macchiato di reati penali e sportivi, organizzando qualche mese fa anche disordini contro i tifosi del Napoli.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Ma l’analisi di tutto quest’assurdo conflitto tra sentimento e ragione, ci porta a ponderare sulla mancanza di realtà di ciò che è il business del calcio moderno e del suo professionismo, con evanescenti farneticazioni pseudo – sentimentali che sanno di pretesto per aumentare a dismisura i pericolosissimi atteggiamenti di odio fra le tifoserie. In altre parole, riteniamo che Conte non debba essere imputato di tradimento dai tifosi della Juve, non solo in virtù del suo essere professionista, ma anche sul fatto (in conformità a quanto si scrive ormai da molti mesi) che è stata proprio la premiata ditta Andrea Agnelli – John Elkann a non volere Conte sulla panchina della Juve, grazie al retaggio dei cattivi rapporti tra le parti che non sono mai stati risanati. Strategie di calcio moderno, infatti, impongono di non rinforzare in primis le dirette avversarie, lasciando liberi sul mercato i protagonisti legati all’appartenenza storica di una data società. E non è mistero che Antonio Conte, tramite Nedved e Paratici ha dato il suo consenso nel volere ritornare sulla panchina della Juventus, nella città in cui ha casa e che l’ha visto crescere dal punto di vista professionale e umano. Dunque, a questo punto, era gioco forza che il bocconcino sarebbe stato appetibile dall’Inter che, capitanata da Beppe Marotta (altro ex, mandato via dalla società bianconera) ha approfittato della situazione per proporre a Conte un lauto contratto ed essere il personaggio adatto per il dopo Spalletti. Tuttavia, il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“mal comune”</b> degli ultras non accetta questo discorso, perché si pensa in un Conte traditore e mercenario che ha accettato di andare ad allenare l’odiata Inter. Così si esprime in merito <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pietro Anastasi: “Siamo professionisti, ma l’amore per la Juve resta. Conte non ha rinnegato la sua juventinità e può andare dove vuole, perché l’amore per i colori bianconeri resta lo stesso. Ci sono tanti giocatori che dalla Juventus sono andati all’Inter, io, Causio, Tardelli, Schillaci…..”</b> Già, tanti giocatori e allenatori (aggiungiamo noi) come Giovanni Trapattoni e Marcello Lippi che non ricordiamo fossero stati vilipesi e oltraggiati. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Ma c’è ancora un’altra riflessione su quello che oggi è il calcio con i suoi iperbolici interessi economici di aziende che sono entrate a far parte delle quotazioni azionarie nelle borse europee. E quando si parla di organizzazione aziendale e di professionismo, ci si riferisce anche a questo. Si pensi, ad esempio, come in questi giorni l’andamento delle azioni della Juventus in Borsa, oscillano con un + 7% se si parla e si scriva di Pep Guardiola come prossimo allenatore della Vecchia Signora, anche se gli ultimi aggiornamenti in merito portino ormai a pensare a Maurizio Sarri come coach della prossima stagione. Già, Sarri! A proposito, restando sempre sui vari tradimenti pseudo – sentimentali manifestati dagli ultras, chi ricorda le parole pesanti dell’ex allenatore del Napoli contro la Juventus nelle varie conferenze stampa? E chi ricorda ancora quel provocatorio “dito medio” alzato dallo stesso allenatore e rivolto contro i tifosi juventini? E allora, di che cosa stiamo parlando? Nel calcio d’oggi tutto è il contrario di tutto. Si metta dunque in moto il cervello, e non ci si perda in assurdi e deliranti pensieri per un pallone che non può più supportare logiche di tradimenti sentimentali.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-conte.jpgSiNantonio-conte-all-inter-conflitto-tra-sentimento-e-ragione-1013582.htmSi100451001,02,03030397
131013574NewsCalciomercatoPanchina Juve? Lasciamo perdere, non è serio.20190523202050L`attesa del nuovo allenatore della Juve è ansiogena<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Il primo dovere di un giornalista è verificare la notizia prima di pubblicarla. Ma nel caso riguardante i nomi degli allenatori che in questi giorni si fanno per cercare il vero sostituto di Allegri, molte volte diamo quasi per certo ciò che i vari depistaggi e le tante monitorate situazioni ci consentono di pubblicare a ragion veduta. E così, un giorno arriva Mourinho, il giorno dopo sembra quasi fatta per Sarri e due ore dopo Guardiola è la vera sorpresa che tutti gli juventini aspettano e si dà come quasi realizzata. E neanche l’opzione per Simone Inzaghi garantisce nulla di concreto, perché in realtà, anche se Paratici ha detto pubblicamente che gli alti vertici della Juventus hanno le idee chiare sul profilo di allenatore cui affidare la panchina della Vecchia Signora, è altresì vero che gli scenari si aprono a vista d’occhio. E se agli allenatori che saranno impegnati nelle finali europee ci aggiungiamo anche il nome dell’inaspettato Zinedine Zidane che sembrava saldamente incollato alla panchina del Real Madrid, ecco che diventa davvero improbo individuare ad oggi chi sarà davvero il nuovo allenatore della Juventus. A questo punto pensiamo pure che Andrea Agnelli abbia volutamente inibito questo argomento, non perché non si sappia ancora ciò che si vuole, ma più propriamente come cercare di ottenere ciò che si vuole. Sì, perché le situazioni non sono meramente legate agli alti costi che inevitabilmente si devono affrontare se vuoi il top dei coach del calcio europeo ad altissimi livelli, ma ci sono mille altre situazioni da dover risolvere, e cioè i rapporti con la società di appartenenza, il convincimento dell’allenatore stesso a lasciare la panchina in cui lavora, e non ultimo le antipatie radicate nel tempo tra tifosi e qualche allenatore (Mourinho e Sarri) che da sempre si sono dichiarati anti Juve. Dunque, non è solo questione di soldi, ma in tutte queste trattative si innescano tanti fattori non sempre facili da risolvere. E allora, noi che scriviamo, non possiamo far altro che riportare gli intendimenti e le volontà che emergono strada facendo. Certo, i contatti ci sono e ciò che sappiamo per sicuro è che la Juventus è orientata verso un profilo di allenatore che sia diverso da Allegri sotto il profilo del gioco. Una sorta di cambiamento tecnico che non sappia di rivoluzione copernicana, ma che si traduca in una Juve dal gioco più moderno al pari delle grandi squadre europee. E allora, chi di noi al posto di Agnelli avrebbe potuto fare diversamente da come si è espresso lui in sede di conferenza stampa a proposito del nuovo allenatore? Sul fatto che la Juve già da tempo abbia contattato più di un allenatore scelto dalla società, non ci piove; ma da questo a dire che tutto era già stato deciso prima di separarsi da Allegri, onestamente non ci sentiamo di dirlo. Tutto è possibile e nulla ad oggi è sicuro. I nomi degli italiani sono sempre gli stessi, Inzaghi, Sarri, Gasperini, Conte (ormai dell’Inter) si contrappongono costantemente ai top coach come Jurgen Klopp, Guardiola, Pochettino, Zidane, Dechamps (che si è votato alla sua Nazionale francese) e forse Mourinho. Certo, ci sono delle attendibili indicazioni, tuttavia, crediamo che per avere l’ufficialità della Juve su chi sarà l’allenatore del prossimo anno, bisognerà attendere le finali di Europa League e di Champions. Capiamo l’ansia di chi non sta più nella pelle nel desiderio di sapere, ma non si caschi nel gioco delle verità inventate perché ad oggi non c’è ancora nulla di concreto. Se il popolo juventino sogna, è giusto che lo faccia legittimamente. Il toto allenatore è cominciato già da tanto tempo. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711andrea-agnelli1.jpgSiNpanchina-juve-lasciamo-perdere-non-e-serio-1013574.htmSi100451001,02,03030429
141013540NewsCalciomercatoL’errore della Juve? cedere Dybala.20190321184617L`equivoco tattico di Allegri condiziona il futuro di Dybala nella Juventus.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Il mercato è già in fermento da diversi mesi. La debacle stagionale del Real Madrid condiziona gli scambi, gli acquisti e le cessioni da parte delle più importanti squadre europee. Florentino Perez sa che il suo Real è da rifondare, anche per questo il presidente dei blancos si è aggiudicato il ritorno di Zinedine Zidane nella veste di allenatore con libertà di decidere anche su certe strategie societarie. E così si innesca il valzer dei pezzi pregiati che potrebbero cambiare maglia. Neymar al Real per 250 milioni di euro, Griezmann al PSG e Dybala nel mirino dell’Atletico Madrid e di altre squadre. Se la cosa si attuasse, sarebbe una sorta di rivoluzione cui ormai il calcio ci ha abituati da diverso tempo. Dunque, Dybala è richiesto ormai da più parti in virtù del fatto che il giocatore è “vittima” dell’equivoco tattico di Max Allegri, il quale non lo ritiene titolare fisso nella sua Juventus. O Dybala o Bernardeschi, sembra essere ormai il dilemma tattico di Allegri che alla fine preferisce schierare l’ex fiorentino per caratteristiche tecniche che maggiormente si amalgamano all’assetto tattico della squadra. Ma Paulo Dybala è l’ex punta che fino all’anno scorso ha realizzato molti gol e che quest’anno, grazie al cambiamento tattico apportato dal mister bianconero per l’arrivo di Cristiano Ronaldo, non dà luce al suo talento. Già, perché a questo giocatore argentino è stata cambiata la sua natura talentuosa di calciatore capace di fare la differenza dalla trequarti campo in poi, sfruttando anche la sua grande capacità nel calciare con perfezione le palle inattive. E invece sembra soffrire questo dovere a tutti i costi partire da dietro per interdire in aiuto del centrocampo e poi ripartire velocemente. E’ il tuttocampista (una sorta di neologismo tattico) che Allegri si è inventato per lui, snaturando quelle che sono le vere caratteristiche di un talento puro, capace di mettere in difficoltà qualsiasi difesa avversaria. Certo, Bernardeschi ha più gamba e forza fisica di Dybala, tuttavia, a nostro parere si tratta di due giocatori diversi che possono benissimo coesistere nell’ambito di una Juventus già carica di campione. L’uomo ovunque che vuole Allegri, non si addice a Paulo Dybala che per conformazione fisica e inventiva, ha bisogno di essere lasciato libero di agire dalla trequarti in su. Ma fin quando ci sarà il tecnico livornese alla Juventus, questo non sarà possibile. Ecco perché si teme l’errore della società di disfarsi di un talento puro che oltretutto è giovane di età, ed ha ancora larghi margini di miglioramento. Si ritrovi presto la giusta collocazione in campo a questo talento argentino, chiedendogli ciò che sa fare istintivamente senza costringerlo ad accettare malvolentieri ciò che non è nelle sue corde. Avere tante richieste da parte dell’Inter e delle superpotenze europee, vorrà pur dire qualcosa no?</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-dybala.jpgSiNl-errore-della-juve-cedere-dybala-1013540.htmSi100451001,02,03030295
151013488NewsCalciomercatoInter – Juve, mercato senza esclusione di colpi20181115114736Con l`arrivo dell`AD Beppe Marotta all`Inter, si profila una strategia di mercato atta a anticipare le idee della Juventus. <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Adesso che l’Inter sta per ufficializzare l’arrivo di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Beppe Marotta</b> in qualità di Amministratore Delegato, si avverte il rinnovato vento di sfida alla Juve per cercare di detronizzarla. Il dirigente varesino conosce molto bene <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Fabio Paratici</b> e sa come ostacolarlo nell’operazione strategica di mercato. Così la sfida tra le due società appare ancora più incandescente, non fosse altro per certi sassolini rimasti ancora nella scarpa di Marotta che ha chiuso con la Juventus. E allora ecco avvicinarsi il primo obiettivo per ostacolare lo strapotere bianconero: il prossimo mercato. Marotta sa bene che in questo periodo Paratici e la Juventus si muovono per programmare il rafforzamento della squadra. Allora, pur nella sua posizione ancora non ufficiale di passaggio all’Inter, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Beppe Marotta</b> è già all’opera per contendere alla Juve alcuni obiettivi di mercato. Primi fra tutti <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Chiesa (Fiorentina), Barella (Cagliari),Tonali (Brescia), Mancini (Atalanta), Andersen (Sampdoria) e poi anche Antony Martial (Manchester United) e</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Adrien Rabiot (PSG).</b> Questi sono gli obiettivi di prima fascia in grado di creare disturbo a una Juve già all’opera per fare piazza pulita. Una cosa è certa, Beppe Marotta con la sua esperienza fatta alla Juventus apporterà all’Inter quelle strategie non solo di mercato che hanno fatto grande la Vecchia Signora. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Marotta </b>è quella figura che manca all’Inter dai tempi di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Italo Allodi</b>, un ad capace di strategie necessarie per migliorare il livello tecnico nell’ambito della squadra, non perdendo mai di vista l’importanza di curare un bilancio societario sano. Vedremo cosa accadrà. Intanto l’eterna sfida tra le due società proseguirà senza esclusione di colpi. Passano gli anni e passano pure le figure che hanno caratterizzato l’antica storia fatta di insanabili ruggini tra Juventus e Inter. Sembra la narrazione di un destino che si è instaurato tra mille vicissitudini di odi e rancori. E adesso, con l’arrivo di Marotta all’Inter, si continua a scrivere altre pagine di antagonismi pallonari che non hanno mai fine. <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Milanofl0711fl0711foto-beppe-marotta.jpgSiNinter-juve-mercato-senza-esclusione-di-colpi-1013488.htmSi100451001,02,03030428
161013452NewsCalciomercatoQuando il calcio riserva storie di destini incrociati.20180802181253Quante domande si sono fatte in questa strana operazione!<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Si è concluso positivamente il maxi affare tra Milan e Juventus che ha coinvolto Higuain, Caldara e Bonucci. Una storia di destini incrociati tra società, ma anche di due calciatori e di un terzo (Caldara) che è stato coinvolto per chiudere una situazione che rischiava di trascinarsi per le lunghe. La Juve più del Milan aveva bisogno di chiudere la trattativa per sistemare un Higuain, il cui contratto oneroso dopo l’arrivo di Ronaldo pesava in maniera eccessiva sui bilanci della stessa Juventus. Attenta a non creare una minusvalenza, la società della Continassa non è riuscita a non fare entrare nella trattativa Caldara, il giovane difensore dell’Atalanta che ha avuto appena il tempo di fare qualche allenamento in casa Juventus. Intanto, l’arrivo di Bonucci a Torino è stato accolto con molta freddezza. Pochi, sparuti tifosi si sono visti all’aeroporto di Caselle, manifestando un chiaro segnale d’insofferenza per il suo ritorno in casa bianconera. Infatti, ancora adesso c’è chi non capisce il significato di un ritorno quasi ossessivo, che si è manifestato nella volontà del difensore e della stessa società del presidente Andrea Agnelli. Troppi dissidi tra Allegri e Bonucci avevano consigliato le parti a lasciarsi più o meno di comune accordo, seguendo ognuno la propria strada. Molte sono state le polemiche durante l’incontro della scorsa stagione tra Juve e Milan all’Allianz Stadium, in cui Bonucci dopo avere segnato un gol alla sua ex squadra ha esultato in maniera ritenuta eccessiva. E si sa che i tifosi di ogni squadra non sono mai propensi a perdonare certi atteggiamenti ritenuti eccessivi, anche nel momento più adrenalinico di un gol fatto contro l’ex squadra. Ma queste sono storie di tifoserie le cui manifestazioni eccessive sono spesso legate a momenti idealizzati piuttosto che razionalizzati. Certo, prima o poi si chiarirà tutto questo ritorno di fiamma tra Leonardo Bonucci, la Juventus e Allegri, anche se intanto rode forse anche più del suo ritorno, la cessione di un giocatore elegante, giovane, tecnicamente bravo come Caldara, che avrebbe potuto segnare un importante percorso di crescita definitiva nella Juve, anche in considerazione della cessione di Rugani. Insomma, la Juve ci ha insegnato storicamente a non sbagliare mai (o quasi mai) le sue scelte, ma questa volta ci appare davvero difficile capire questa scelta impopolare. Certo, il Milan voleva Higuain e la Juve aveva bisogno di disfarsene per ovvi motivi economici, ma perché si è insistito a definire questa operazione con il Milan e non con il Chelsea? E perché si è acconsentito a Leonardo, di essere inamovibile sull’inserimento di Caldara in quest’operazione? Forse tutto è nato dalla strana voglia di Bonucci che d’accordo con la Juve ha voluto riappacificarsi in un ritorno inaspettato? C’è qualcosa di strano in tutta questa storia, qualcosa che non convince appieno e che probabilmente verrà a galla strada facendo.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>Torinofl0711fl0711bonucci-legg.jpgSiNquando-il-calcio-riserva-storie-di-destini-incrociati-1013452.htmSi100451001,02,03030385
171013450NewsCalciomercatoToro, Izzo non basta20180719165249Il mercato del Torino a 29 giorni dalla chiusura.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>A 29 giorni dalla fine del calciomercato, al Torino sono arrivati <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Izzo, Rosati</b> (secondo o terzo portiere) <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Bremer, Meitè e Damascan</b> (chi sono?). E intanto gli abbonamenti sono in vendita da oggi. Ma con quale spirito il popolo granata può supportare anche solo un centesimo di aumento, rispetto allo scorso anno che è stato fallimentare per non essere entrati in Europa? Ma che fine hanno fatto i ventilati arrivi di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Zaza, Pereyra</b> e altri euro big? Il presidente Cairo non smentisce nulla, anzi fa capire di lavorare in sordina e senza squilli di tromba. Lui e Petrachi, il duo granata che decide il mercato del Toro e amministra plusvalenze e bilancio da non perdere mai di vista. Siamo dunque alle solite. In casa Toro la musica non cambia mai e l’incertezza sembra sempre la certezza che alla fine la squadra non avrà la caratura tecnica necessaria per raggiungere obiettivi importanti. Tutti sperano nel ritorno in Europa League già nel 2019, ma con questi chiari di luna e tenuto conto di come si stanno attrezzando le squadre di seconda fascia, pensiamo che così com’è oggi il Toro, non farà altro che andare verso la strada della delusione. Visione pessimistica? Forse! Ma i fatti a 29 giorni dalla chiusura del mercato, inducono a pensare per l’ennesima volta a una campagna acquisti granata scarna e priva di ogni reale velleità. Speriamo di sbagliarci. E intanto aspettiamo l’evoluzione delle trattative che speriamo siano tenute segrete fino alla fine per il botto finale. Ma ci sarà?</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711urbano-cairo.jpgSiNtoro-izzo-non-basta-1013450.htmSi100451001,02,03030329
181013449NewsCalciomercatoChe accoglienza per Cristiano!20180717180357CR7 al centro dell`interesse mediatico<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>In questi giorni di calciomercato c’è soltanto un interesse a dettare la curiosità di milioni di tifosi della pelota italiana: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">l’arrivo alla Juventus di Cristiano Ronaldo</b>. Ogni suo passo, ogni suo piccolo spostamento è stato monitorato dal corpo di sicurezza e dai tantissimi tifosi accorsi all’evento dell’anno. C’è chi gioisce e sente vicina ogni vittoria per la Juve (in primis la conquista della tanto sospirata Champions), c’è chi rosica per l’invidia e c’è pure chi s’inventa macumbe e malefiche fatture, affinché questo tanto declamato arrivo di Cristiano in Italia risulti un insuccesso. E allora si fa appello alla sua età (33 anni) e ad un contratto quadriennale che tocca i 120 milioni di euro, per dire che anche per i campioni come lui non si possa andare contro natura. Ma lui, il CR7 della Juventus, in una sala stampa gremita di 200 giornalisti provenienti dalle più disparate nazioni del mondo, affronta la conferenza stampa con tante parole ma con un unico focus: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Ho scelto la Juventus per vincere e continuare la mia carriera”.</b> E’ la sicurezza di un personaggio che sa ancora di potere dare tanto, grazie a una condizione psico – fisica davvero invidiabile. Infatti, più di una volta ha ribadito che lui si sente diverso dai suoi colleghi, i quali alla sua età preferiscono campionati di minore importanza per potere chiudere la propria carriera. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Le sfide mi appassionano, per questo ho scelto il campionato italiano che è molto tattico e fatto di scontri fisici”</b> dice CR7 a chi rivolgeva domande sulla sua scelta italiana e soprattutto sulla Juventus. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Sono qui per segnare la storia, non fare le ferie”, </b>parole che non lasciano adito a dubbi alcuni e che vanno oltre le solite ruffianate che di prassi ascoltiamo ogni qualvolta i calciatori si presentano in un nuovo club. Qui si tratta di un campione davvero unico, un top player che garantisce la differenza tecnica, ma anche una grande lievitazione economica e finanziaria per la sua società. E non è un caso che il merchandising della Vecchia Signora d’Italia sia volato alle stelle fin da quando è stato annunciato ufficialmente l’acquisto di CR7. Tutti parlano di lui, tutti si interessano alle sue parole, ai suoi sguardi e al suo atteggiamento sempre sicuro di chi sa di valere tanto. Poi si può pure disquisire su alcune esagerazioni che sanno di venerazione per un campione forse eccessivamente osannato. E persino <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Andrea Agnelli, Marotta, Paratici</b> e tutto lo staff della comunicazione della Juventus pendevano dalle sue labbra, quasi fosse essenziale curare l’evento di presentazione alla stampa con assoluta perfezione. Nulla è stato lasciato al caso, com’è da stile Juventus. Dalle visite mediche sostenute al <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">JMedical</b>, all’incontro con i tifosi e con la stampa, tutto ha funzionato perfettamente<b style="mso-bidi-font-weight: normal;">. Cristiano Ronaldo</b> ha avuto l’accoglienza che merita un campione come lui, il quale si rende apportatore di miglioramenti tecnici e di immagine del nostro calcio, che aveva davvero bisogno di una sferzata di entusiasmo capace di risollevare appiattimenti di interesse che si sono ingigantiti anche a causa della debacle della nostra nazionale italiana, che ha fallito la partecipazione ai recenti campionati mondiali di Russia. Adesso non ci resta che attendere il ritorno di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo</b> il quale è partito alla volta del resort greco, per continuare le sue vacanze. Ritornerà il 30 luglio prossimo per allenarsi con i suoi nuovi compagni. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Voglio debuttare alla prima di campionato”</b> ha detto CR7 <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Penso che la prima partita la giocherò il 12 agosto a</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Villar Perosa”.</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Già, Villar Perosa!</b> Quasi fosse un segno del destino per incominciare in quel luogo in cui tutto parla di una storia unica. Qui, la famiglia Agnelli, la Fabbrica e la Juventus si respirano a pieni polmoni tra le pieghe di ogni angolo, proprio là dove ogni anno si svolge la consueta partita estiva nel “feudo”degli Agnelli. Il vernissage bianconero è un evento estivo irrinunciabile per tutti i tifosi che possono ammirare i propri calciatori dal vivo. Figuriamoci quest’anno che ci sarà <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo!</b></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-cr7.jpgSiNche-accoglienza-per-cristiano-1013449.htmSi100451001,02,03030355
191013448NewsCalciomercatoGaleotta fu quella rovesciata all’Allianz Stadium.20180712141111Tra sentimenti e interessi economici.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Ripercorrendo le varie fasi del trasferimento di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo</b> alla Juventus, ci sono diverse tessere che il destino ha voluto fare intersecare tra loro per completare il puzzle dell’affare del secolo. Prima di tutto ci viene in mente quella bellissima rovesciata che CR7 fece in occasione della partita d’andata di Champions contro il Real Madrid. Stupore, disarmo e riconoscimento della grandezza del campione, furono i sentimenti manifestati dal popolo juventino cui attribuì un lunghissimo applauso a scena aperta. Era come avere ingoiato qualcosa di dolce amaro capace di inchinarsi alla bellezza balistica di un gesto tecnico che resta la prerogativa appartenente a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo</b> e pochissimi altri. Anche <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">De Sciglio,</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Barzagli</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Buffon</b>, in quell’occasione alzarono gli occhi e le braccia al cielo in segno di anticipata resa, nell’eloquente pensiero che contro la grandezza di un simile campione nulla sarebbe stato possibile. Certo, ci sono cose che non si possono affermare in un mondo del calcio che strapaga il professionismo, tuttavia, resta pur sempre quel linguaggio del corpo che trasmette ogni cosa e che lascia traccia indelebile del proprio pensiero. E in quell’occasione abbiamo avuto modo di capire come al disarmo dei difensori della Juventus, si siano contrapposti i gesti di gratitudine da parte di tutto lo stadio gremito di tifosi bianconeri per lo spettacolo offerto da CR7. E lui, il campione che ha vinto più palloni d’oro al mondo, con le mani giunte ha ringraziato di cuore la gente di avversa passione calcistica che ha saputo apprezzare il suo gesto tecnico. Ecco, pensiamo proprio che quell’episodio sia rimasto nella mente e nel cuore di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo,</b> il quale a parte la ratio che lega freddamente gli alti interessi economici e finanziari all’atleta, ci sia stato questo episodio che ha fatto propendere la scelta della Juve piuttosto che altre squadre. D’altra parte se pensiamo che lui, il quale è un’azienda vivente che non ha certo bisogno di aspettare il miglior offerente per accasarsi, ha voluto la Juve - ci sarà pure un motivo. Così, cavalcando l’onda della scelta professionale di CR7, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Andrea</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Agnelli </b>e il suo staff si sono subito attivati per chiudere immediatamente l’affare del secolo. Per la Juve, per il campionato italiano, per gli appassionati del calcio spettacolo e per coloro i quali riescono ancora a mettere da parte per un attimo la propria fede calcistica non juventina per la curiosità di gustare le giocate di questo grande campione di calcio, siamo convinti che il suo arrivo in Italia apporterà sicuramente quel valore aggiunto che ormai mancava da troppo tempo. Ma sappiamo pure che questo tanto osannato campione di nome <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo</b>, è anche antipatico a molti. Per il suo atteggiamento in campo? Per la sua grandezza di superare l’avversario e creare sublimi gesti tecnici con facilità? O forse per l’antipatia di chi vince sempre e non lascia niente a nessuno? Chissà! Una cosa è certa, nello spirito di questo campione c’é tanta professionalità, serietà e consapevolezza di condurre una vita sportiva sana che gli dà integrità fisica e mentale. Infatti, anche se la sua carta d’identità parla di un calciatore di 33 anni, sono garantiti i suoi ottimi muscoli, la forza fisica e la voglia di prepararsi sempre con desiderio di far bene (ricordiamo che Cristiano Ronaldo si allena tre volte al giorno). Dunque, ci troviamo di fronte a un campione con la C maiuscola che ha scelto la Juventus e il campionato italiano non per chiudere mestamente la sua carriera, ma per dare ancora il massimo di una professione da leggenda. In questo modo CR7 intende ringraziare i tifosi juventini, i quali dopo quella fatidica e imprendibile rovesciata <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">all’Allianz Stadium,</b> gli tributarono un caloroso applauso. Chapeau CR7! Tutti in piedi!</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Totinofl0711fl0711cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNgaleotta-fu-quella-rovesciata-all-allianz-stadium-1013448.htmSi100451001,02,03030362
201013447NewsCalciomercatoCristiano Ronaldo è stato acquistato dalla Juve.20180710183618Si è conclusa l`operazione del secolo di calciomercato in Italia.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Il lungo e spasmodico attendere della definitiva operazione di calciomercato più importante del secolo è giunta alla fine. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo è della Juventus</b>. Tra qualche ora ci sarà l’annuncio ufficiale della società bianconera. Una giornata intensa che ha visto Andrea Agnelli partire direttamente con un volo speciale per il resort della Grecia, dove si trova in questo momento il campione per trascorrere le sue vacanze. 105 milioni di euro per l’acquisto del cartellino e contratto di 30 milioni annui per quattro stagioni per Ronaldo. Dunque il migliore giocatore del mondo arriva alla Juventus, dopo un’operazione d’attacco che i dirigenti della società bianconera hanno fatto per non lasciarsi sfuggire un’occasione che esalta non solo l’ambiente juventino ma tutto il calcio italiano. La presenza di Andrea Agnelli in Grecia è emblematica di un viaggio d’affari sviluppata con immediatezza, segno evidente della voglia già più volte dichiarata da CR7 di volere venire alla Juventus. Intanto Marotta e Paratici attendono il ritorno di Agnelli a Milano, nella sede in cui si stipulano tutti i contratti dei calciatori della Juve. Intanto il titolo Juventus è alle stelle! Chi in questo momento ha deciso di investire comprando le azioni della Juventus ha fatto un ottimo affare. Adesso si attende l’ufficialità da parte della società bianconera che confermerebbe l’inizio di una giornata storica. Cristiano Ronaldo ha voluto la Juve e la Juve ha voluto fermamente CR7, senza se e senza ma, nella convinzione che questo sarebbe stato un affare da non perdere per nulla al mondo. La storia della Juventus continua il suo incedere in un mondo del calcio in cui l’ha vista da sempre protagonista. Presto ci sarà la presentazione di Ronaldo in grande stile, ma adesso ciò che conta è che l’operazione di mercato più importante sia stato concluso. L’era di Cristiano Ronaldo in Italia è cominciata, sembrava un sogno per il nostro campionato e invece la leggenda del nostro tempo giocherà in Italia per quattro anni. Questo è certo. E ‘ un fatto storico che non allieta soltanto il popolo juventino ma anche i cultori del calcio ad alti livelli, a prescindere dalla propria fede sportiva. L’operazione di marketing e calcistica è stata ultimata, adesso non ci resta che raccontarvi ciò che accadrà da qui in avanti.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711cristiano-ronaldo.jpgSiNcristiano-ronaldo-e-stato-acquistato-dalla-juve-1013447.htmSi100451001,02,03030337
211013446NewsCalciomercatoCR7 alla Juve? Oggi è più che una semplice suggestione. Ecco perchè!20180704185259I tifosi della Juve sono già in fermento.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>La notizia prende sempre più fondatezza negli ambienti juventini. Quello che fino a ieri sembrava un sogno irraggiungibile, oggi appare più concretamente fattibile anche se la società bianconera non conferma e non smentisce. Le fonti provenienti da Madrid sono più che attendibili, infatti, è da qualche giorno che il quotidiano <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Marca</b> e i vari telegiornali spagnoli affermano che l’avventura di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo</b> al <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Real Madrid</b> sia ormai giunta al termine e sia già in procinto di passare alla Juventus per 100 milioni di euro. Ma analizzando i dettagli, com’è possibile realizzare questo clamoroso passaggio di CR7 alla Juve? Proviamo a verificare i vari punti dell’affare, non solo dal punto di vista economico. Partendo dal costo del cartellino che, come abbiamo già detto si aggira sui 100 milioni di euro, si deve tenere conto di quanto percepisce il giocatore in questo momento. Pare che <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Florentino Perez, </b>presidente del Real<b style="mso-bidi-font-weight: normal;"> </b>Madrid, abbia proposto al giocatore un rinnovo di contratto pari a 320 milioni di euro annui, mentre la Juventus proporrebbe un quadriennale a 300 milioni di euro esclusi i diritti di immagine. Dove prenderebbe tutti questi soldi la società bianconera? Da due cessioni eccellenti: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Higuain al Chelsea</b> per 60 milioni di euro e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Miralem Pjanic</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">al Barcellona</b> per 80 – 90 milioni di euro. In questo caso l’affare potrebbe rendersi concreto, anche perché il campione portoghese ha fatto intendere di gradire il suo trasferimento a Torino sponda Juventus, memore anche dalla simpatia tributatagli in occasione di quel gol da cineteca che CR7 fece alla Juve in occasione dell’incontro d’andata di Champions League. C’è dunque più di un indizio che porterebbe Ronaldo alla Juve. In questi giorni la Torino bianconera sembra impazzita alla notizia che il campione del Real Madrid stia già cercando casa nella città Sabauda. Sembra addirittura che ci siano stati degli avvistamenti di alcuni mandatari di CR7, i quali avrebbero già avuto istruzione per trattare la sua casa ideale nella collina torinese? Probabile! Sta di fatto che anche la <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Sindaca Appendino</b> afferma <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Seguo con apprensione la possibile trattativa, sarebbe straordinario per la città”. </b>Ma <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Marotta</b> sorride e parla di vere e proprie suggestioni di mercato. Intanto, questa notizia bomba lascia a bocca aperta anche tanti possibili futuri compagni di squadra di Cristiano Ronaldo come il francese Matuidi, il quale dichiara: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Siamo alla Coppa del Mondo e vivo intensamente il Mondiale. Ma ditemi, sapete qualcosa di più di questo trasferimento di CR7 alla Juve? Sarebbe bello avere uno dei migliori giocatori al mondo alla Juventus. Sarebbe davvero fantastico!”.</b> La Torino bianconera, dunque, è già affetta da Ronaldomania. Addirittura, nella serata di ieri un nutrito gruppo di tifosi bianconeri si è recato all’aeroporto di Caselle con l’immagine di Ronaldo in attesa dei voli provenienti dall’estero. Un’esagerazione? Certamente! Ma questo deve dare la dimensione di ciò che significherebbe per la città Sabauda (e non solo), un arrivo così eccellente. Ronaldo vuole la Juve non solo per la stima attribuitagli dai suoi tifosi, ma anche perché conosce bene la bramosia di conquista Champions che nutre questa piazza ormai da troppi anni. E lui di conquiste Champions se ne intende proprio. Insomma la società Juventus è balzata sul tetto del mondo nei notiziari di tutto l’universo calcio. D’altra parte, non è una sorpresa considerare un ritorno d’immagine così forte, quando si tratta di acquistare il più premiato pallone d’oro in attività, nonostante abbia già compiuto 33 anni. Certo, se teniamo conto dell’età anagrafica, non vediamo come questo campione possa rispettare il quadriennale offerto dalla Juventus. Ma <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cristiano Ronaldo</b> rappresenta soprattutto il presente che possa fare la differenza della Juve soprattutto in campo internazionale. E poi questo suo fisico ancora così asciutto e integro, lascia pensare a un immediato futuro ancora prodigo di grandi soddisfazioni per lui e la società che si aggiudicherà le sue prestazioni professionali. Di questo non ci sono dubbi. Dunque, i tifosi bianconeri d’Italia possono davvero cominciare a credere che l’arrivo di questo immenso campione alla Juve non sia solo una semplice suggestione di mercato, ma una notizia che richiede un’attenta e seria valutazione giornaliera nei suoi sviluppi. E’ il calcio, è la passione che fa stravedere, sognare e poi realizzare. E chi ci dice che tutti gli aumenti che la Juventus ha ufficializzato quest’anno per il rinnovo degli abbonamenti, non nascondano questo straordinario arrivo? </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNcr7-alla-juve-oggi-e-pio-che-una-semplice-suggestione-ecco-perche-1013446.htmSi100451001,02,03030347
221013438NewsCalciomercatoWanda Nara, bella bionda che provoca e scuote il mercato20180611161146Questo scambio tra Icardi e Higuain si farà?<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>E intanto lo show continua. Moglie e procuratrice di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Maurito Icardi</b>, la <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Wanda</b> argentina è sempre al centro dell’attenzione dei social. Non c’è che dire, il suo ego femminile nell’apparire a tutti i costi raggiunge il 100% delle possibilità umane. Adora atteggiarsi, far parlare di sé e con certosina accuratezza riesce a scuotere il calciomercato attraverso alcune suggestioni che fanno sempre capo al suo assistito: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Maurito Icardi</b>. Infatti, quando il contratto del centravanti e capitano dell’Inter sta per scadere, lei provoca, mette la pulce nell’orecchio e rende pure probabile ciò che il mondo del calcio ha sempre ritenuto impossibile per antiche ruggini tra tifoserie nemiche. E così, quando meno te l’aspetti, ecco che la biondissima Wanda rende possibile a fatti e non a parole l’eventuale passaggio del suo amato Maurito alla Juve, in cambio del <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pipita Higuain</b> più vecchio di sei anni. Chi l’avrebbe mai detto? Eppure la notizia ha un suo fondamento e non sembra una provocazione alla società nerazzurra, per indurla a far firmare al più presto il contratto in scadenza di Icardi con un proficuo aumento. Attorno a questa notizia c’è subito un frastuono incredibile da parte dei media, mentre i social ci sguazzano e impazziscono di curiosità. Come sempre, l’opera provocante della <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Wandissima </b>tentatrice si sta allargando a macchia d’olio e l’annuncio non è una fake news. Che si faccia o no, non è ancora dato sapere, tuttavia, i contatti con casa Juventus ci sono, anche se nulla è ancora avviato. Intanto la Wanda insiste, posta fotografie delle sue vacanze in Africa e alle Seychelles, con tanto di zebra e costume bianconero. Se non è provocazione questa, diteci voi cos’è! Ma <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Piero Ausilio</b>, dirigente nerazzurro particolarmente affaccendato nel tentativo di portare all’Inter <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Radja Nainggolan</b>, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Federico Chiesa</b> e altri campioni di prestigio, non sembra avere tutta questa urgenza di fare apporre la firma di Icardi al nuovo contratto. Evidentemente qualcosa bolle in pentola in casa nerazzurra. Si vorrà far fronte ad acquisti eccellenti con la cessione di Icardi? E’ possibile! Una cosa è certa, ancora una volta la biondissima <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Wanda Nara</b> ha centrato l’obiettivo. Comunque vada a finire.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-nara-icardi.jpgSiNwanda-nara-bella-bionda-che-provoca-e-scuote-il-mercato-1013438.htmSi100451001,02,03030395
231013437NewsCalciomercatoMercato Juve, Higuain e Pjanic nodi da sciogliere20180607195033Quante decisioni importanti sono da prendere in casa bianconera!<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Anche se non c’è ancora l’ufficialità da parte della Juventus, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Emre Can</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Perin</b> sono i primi colpi estivi dei bianconeri. Il tedesco effettuerà le visite mediche la prossima settimana al JMedical di Torino, mentre Perin ha già effettuato i primi test fisici che precedono la firma del contratto che lo legherà alla Juventus per i prossimi quattro anni. Tuttavia, dopo questi due acquisti, la società bianconera dovrà preoccuparsi di gestire al meglio le cessioni per portare a termine il grande colpo della stagione. Al momento sembrerebbe che Milinkovic – Savic sia il nome maggiormente inseguito da <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Marotta</b> and company, anche se si vocifera insistentemente anche il ritorno di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Morata</b>. E, anche se nelle ultime ore si stanno intensificando le voci per l’interesse di mercato che riguardano <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Higuain</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pjanic,</b> i due campioni non sarebbero gli unici a manifestare l’interesse di squadre europee. Ma andiamo per ordine.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Tra arrivi e partenze</span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>: Per <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Matteo Darmian</b> sembra ormai cosa fatta, ma la Juventus deve sacrificare <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Higuain</b> per diversi motivi legati anche al bilancio. L’argentino compirà 31 anni a dicembre e la Juventus sa che questo può essere l’ultimo anno in cui per il Pipita potrà realizzare almeno 60 milioni di euro che servono per acquistare <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Alvaro Morata</b>. Ma, come dicevamo pocanzi, anche <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Miralem Pjanic</b> è l’altro giocatore della Juventus appetibile dai club europei. Pare che sulla base d’asta di 50 milioni di euro, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Real Madrid</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Barcellona</b> si stiano contendendo il giocatore bosniaco. E, ammesso tutto ciò, sembrerebbe che il centrocampista bianconero non sia iscritto nell’agenda cessioni della Juve. Tuttavia, se l’eventuale offerta si concretizzasse a partire da 70 milioni in su, all’ora la società bianconera rivedrebbe i suoi piani tecnici. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Ed ecco altri nomi che sono qualcosa in più di una semplice suggestione</span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>: In Premier League oltre a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Higuain (Chelsea),</b> al <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Manchester United </b>piace molto <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Mario Mandzukic</b> il quale sarà ceduto soltanto se deciderà egli stesso di lasciare la Juve. Poi, in base alle offerte che arriveranno in casa della Vecchia Signora, non si esclude la dipartita di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Alex Sandro</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Benatia</b>, ma anche di alcuni centrocampisti come <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Marchisio, Sturaro, Khedira</b> che vorrebbe andare in <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Premier League</b>. Insomma, in questi giorni alla <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Continassa di Torino</b> i dirigenti della Juventus stanno studiando quale strada percorrere per una scelta sensata sia dal punto di vista numerico che di bilancio. Una cosa è certa, c’è bisogno di qualche cessione eccellente per realizzare le tante idee di mercato che la Juventus sta studiando attentamente. Gli scenari che si possono aprire sono tanti, ma l’importante è monetizzare per reinvestire rafforzando la squadra. Vedremo cosa accadrà durante il cammino.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-higuain-e-pjanic.jpgSiNmercato-juve-higuain-e-pjanic-nodi-da-sciogliere-1013437.htmSi100451001,02,03030346
241013380NewsCalciomercatoLichtsteiner non rinnoverà il contratto, ma arriverà Darmian.20180223171912Alla Juve è quasi fatta per l`acquisto dell`ex granata.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Sempre sul pezzo questa Juve che non vuole farsi trovare mai impreparata e quindi costretta a dovere prendere decisioni affrettate. E’ come volere blindare quelle fasce che nell’assetto tattico di Allegri, assieme al centrocampo, rappresentano il punto nevralgico del possesso e del non possesso palla. Non c’è che dire, con l’arrivo dell’ex granata che adesso è in forza al Manchester United di Mourinho, la difesa della Juventus si sistemerà con più titolari, così com’è ormai nella politica di questa società in cui chi sta in panchina non si può ritenere una riserva. E’ la logica del calcio moderno che impone un tasso tecnico molto alto per poter fare fronte con qualità agli innumerevoli impegni di una stagione calcistica ad alti livelli. E la Juve che vuole essere sempre tra le prime società in Europa per restarci, ha da tempo individuato le strategie giuste per arrivare sempre in fondo alle competizioni cui partecipa. Con l’arrivo di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Matteo Darmian</b> si sistemerebbe una difesa composta da <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Chiellini, Spinazzola, De Sciglio</b>, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Barzagli, Caldara e Rugani,</b> indipendentemente da quello che sarà il futuro prossimo legato ad <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Alex Sandro</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Asamoah.</b> In realtà è già da un po’ di tempo che <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Marotta</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Paratici </b>corteggiano il giocatore del Manchester United, il quale dopo due anni di appartenenza alla squadra di Mourinho non sembra essersi integrato come avrebbe voluto. Possono essere tante le motivazioni per questo inaspettato mini insuccesso (vedi anche <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pogba</b>), ma sulla qualità dell’ex granata e Nazionale non ci sono dubbi di sorta. Tra lui e mister Mourinho non c’è stato evidentemente quel feeling necessario per conquistare il football di Oltremanica. E così Matteo non vede l’ora di ritornare in quella città che lo ha lanciato dalla parte della sponda granata. Storie di un calcio in cui nulla è scontato e quel <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“mai dire mai”</b> che spesso nasconde un ritorno dal quale si è partiti con tanto entusiasmo, non sempre deve essere interpretato come un insuccesso.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-darmian.jpgSiNlichtsteiner-non-rinnovera-il-contratto-ma-arrivera-darmian-1013380.htmSi100451001,02,03030378
251013379NewsCalciomercatoJuventus, idea Bonaventura20180221174889Massimiliano Allegri lo accoglierebbe a braccia aperte.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>E’ forse più che una semplice idea, ma la Vecchia Signora nel programmare già l’immediato futuro sta cercando un calciatore con le caratteristiche tecniche che calzano esattamente con il profilo di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Giacomo Bonaventura</b>. E’ un pallino di Max Allegri che vede nel milanista il calciatore ideale per rinforzare il centrocampo. Il suo procuratore è Mino Raiola, che ha già avuto modo di trattare con la Juve per avere concluso gli affari Pogba e Matuidi. Il valore di mercato di Bonaventura si aggira intorno ai 25-30 milioni di euro. Un valore che tutto sommato risulta pure accessibile vista la lievitazione dei costi di Florenzi e Pellegrini, per i quali c’è un serio interessamento della società bianconera. Con Bonaventura, giocatore di grande acume tattico le cui caratteristiche tecniche si adattano alla collocazione di più ruoli, la Juventus avrebbe modo di impiegarlo come mezzala in un 4-3-3 o come esterno di sinistra in un eventuale 4-2-3-1. C’è dunque aria di novità in casa Juventus che, come ogni grande squadra che si rispetti, ha già in mente di programmare la prossima stagione per restare ad alti livelli. Ma sarà un cambiar vestito in maniera ragionata e non in maniera radicale e scriteriata. No, non è nello stile Juventus la rivoluzione, perché sa programmare il suo futuro con raziocinio tecnico, tattico e soprattutto economico. Oltre al già noto arrivo di Emre Can, cui sono anche interessate il Manchester City, Bayern Monaco e Real Madrid, Marotta e Paratici assieme ad Allegri, stanno analizzando il centrocampo del prossimo anno. Infatti, fermo restando la dipartita di Claudio Marchisio, si pensa che anche Khedira e Asamoah debbano dire addio alla Juve. Il tedesco, il cui contratto scadrà nel 2019, ha manifestato il desiderio di ritornare a giocare in Bundesliga per finire la sua luminosa carriera. La Juve vorrebbe accontentarlo, anche per non rischiare di perderlo poi a parametro zero. Il contratto di Asamoah, invece, scadrà a giugno 2018 e potrebbe essere un obiettivo di mercato dell’Inter. Certo, si tratta ancora di indiscrezioni, tuttavia, la Juve insegna che nulla è lasciato al caso e niente si improvvisa.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>fl0711fl0711foto-bonaventura.jpgSiNtorino-1013379.htmSi100451001,02,03030391
261013371NewsCalciomercatoIl Torino e l’anonimo mercato invernale20180201195522L`analisi sul mercato del Toro<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Ecco il mercato del Toro: </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Acquisti – Damascan dallo Sheriff <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>Tiraspol, acquistato per 1.5 milioni di euro e non ancora tesserato in quanto in attesa del passaporto rumeno. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Cessioni - <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>Gustafson in prestito al Perugia, Boyè prestito oneroso con diritto di riscatto, Sadiq ritorna a Roma.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Tutto qua, niente più e niente meno di un mercato granata che non meraviglia più per il suo sterile apporto a una squadra che ha cambiato il suo conduttore, con la convinzione che il parco giocatori che compongono la rosa del Torino sia sufficiente per centrare l’ingresso in Europa. E mentre la Primavera di Coppitelli batte la Roma e va in finale di Coppa Italia dopo ben sedici anni, a nostro avviso la Prima Squadra granata sembra ancora una volta non essere competitiva per la conquista di un posto per l’Europa. Si ripete la storia di sempre che mette in evidenza l’ottima gestione economica del presidente Cairo, che però va a discapito della qualità di una squadra che non eccelle dal punto di vista tecnico. Sono linee aziendali che rispettiamo e che sintetizzano una chiara scelta societaria di restare nell’ambito di una classifica anonima e incapace di fare quel balzo di qualità che la gloriosa storia della società granata meriterebbe. Sono i discorsi di sempre che non smuovono mai l’entusiasmo talora supportato dalla pancia e dal cuore, piuttosto che sempre dalla razionalità di non fare mai il passo più lungo della gamba. E’ vero che la finestra di gennaio non offre molto a chi pensa di fare l’affare che possa migliorare la situazione della squadra, tuttavia, per quanto riguarda la società di Cairo, avvertiamo sempre quel senso di volere fare attenzione in maniera quasi maniacale, a un bilancio in cui le entrate devono sempre essere superiori alle uscite. Ma l’azienda calcio chiede talora sforzi economici che devono essere fatti in virtù di un miglioramento del tasso tecnico della squadra, capaci di portarti al centro dell’attenzione senza farti rifugiare volutamente tra le retrovie che non brillano, ma che ti fanno restare a galla. Il Torino merita una squadra ai vertici. E non basta un allenatore di buon livello, se i calciatori sono bravi ma non abbastanza per ambire ad ottimi traguardi.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>fl0711fl0711presidente-cairo.jpgSiNil-torino-e-l-anonimo-mercato-invernale-1013371.htmSi100451001,02,03030364
271013370NewsCalciomercatoSi chiude il calciomercato di gennaio all’insegna della crisi20180201184243Una finestra invernale che non è più adatta a chi pensa di rafforzarsi. <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Se è vero che il calcio “mercatino” di gennaio non ha più ragione di esistere, è altresì vero che la sua ingombrante presenza non fa altro che creare inutili disorientamenti nell’ambito delle squadre stesse. Ci sono pochi soldi, e questo si è capito già da molto tempo, ma soprattutto in questo periodo dell’anno in cui si apre sempre la finestra delle compravendite del mondo del pallone, non ci sono affari da concludere, anzi, si pensa già a come programmare il prossimo campionato. E così a far parlare sono più le operazioni in uscita, piuttosto che quelle in entrata. La Juve ha ceduto in prestito Pjaca allo Schalke 04, l’Inter ha ceduto Joao Mario al West Ham e Nagatomo al Galatasaray , mentre ha acquistato Lisandro Lopez difensore del Benfica e Rafinha centrocampista del Barcellona (che non gioca da un anno). E s’infrange pure il sogno della società nerazzurra di acquistare Pastore a causa di una trattativa difficile, anche per il convincimento da parte del PSG di tenersi stretto l’argentino. C’è poi da ricordare il tentativo del Napoli che è andato a vuoto nel desiderio di acquistare Simone Verdi (rinuncia del giocatore ad accettare il trasferimento) e di Politano, cui ha fatto molta resistenza il Sassuolo. In compenso la società partenopea ha ceduto Maksimovic allo Spartak Mosca e Giaccherini al Chievo. La Roma è riuscita a trattenere Dzeko che tutti volevano già al Chelsea, mentre la stessa squadra di Conte ha acquistato dalla società giallorossa il difensore Emerson Palmieri. Per il resto non ci sono altre cessioni o acquisti di rilievo, anche se c’è da ricordare il passaggio di Pazzini dal Verona al Levante e il nessun acquisto da parte del Toro che ha corteggiato a lungo il centrocampista del Bologna Donsah, il quale sembra che abbia rifiutato il passaggio alla società granata. E’ mancato dunque il colpo last minute da parte del presidente Cairo, il quale ha ceduto il centrocampista Gustafson al Perugia, Sadiq ritornato alla Roma e l’attaccante Boyè ceduto al Celta Vigo. Dunque niente di nuovo da raccontare ai tifosi delle varie squadre del campionato italiano, i quali seguono sempre in maniera intensa questo calciomercato di gennaio che offre soltanto sogni, chiacchiere ed effimere parole che volano via al primo flebile alito di vento.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711pallone8.jpgSiNsi-chiude-il-calciomercato-di-gennaio-all-insegna-della-crisi-1013370.htmSi100451001,02,03030412
281013364NewsCalciomercatoBalotelli alla Juve? Diteci che non è vero!20180122182056Dal tabloid The Sun una notizia incredibile<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Pazza idea di una notizia che secondo noi potrebbe essere una” fake news”, piuttosto che una “vera info”. Secondo il tabloid inglese The Sun, Mario Balotelli starebbe per firmare un clamoroso contratto con la Juve che coronerebbe il suo desiderio di ritornare a giocare in Italia. Tutto ciò coinciderebbe con la prossima scadenza di contratto che SuperMario avrebbe con il Nizza, sua attuale squadra con cui ha già segnato 17 reti. Sempre secondo quanto si apprende da The Sun, Mino Raiola che è l’agente di Balotelli oltre che di Matuidi e Moise Kean attualmente in prestito a Verona, avrebbe proposto alla Juve un contratto di cinque anni, venendo incontro al progetto di Massimiliano Allegri che vedrebbe in Balotelli un ruolo centrale non in alternativa a Gonzalo Higuain. Ci auguriamo davvero che tutto questo sia fantacalcio, anche se la notizia arriva da un autorevole tabloid inglese che pubblicando la notizia se n’è assunto ogni responsabilità. Noi non possiamo davvero pensare che, (con tutto il rispetto per il giocatore che a livello tecnico potrebbe rappresentare una semplice idea e nulla più), lo stile Juventus possa accettare un calciatore dal burrascoso passato comportamentale che non si confà certamente con l’immagine della Vecchia Signora. Chi vive a Torino e spesso respira l’aria di una società di calcio in cui l’etica professionale è alla base di tutto e non ammette distrazioni di sorta, non può pensare neanche lontanamente ad un accostamento di questo tipo. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711balotelli-6.jpgSiNbalotelli-alla-juve-diteci-che-non-e-vero-1013364.htmSi100451001,02,03030371
291013362NewsCalciomercatoVerdi rifiuta il Napoli, ecco qual è il motivo20180117181540Un problema per il Napoli che aveva già quasi acquisito l`accordo per il passaggio di Verdi.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Dopo una lunga riflessione, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Simone Verdi</b>, 21enne attaccante del Bologna appetito dal Napoli di Sarri, ha rifiutato il passaggio alla squadra partenopea. Il motivo non è di natura economica, quanto invece lo è dal punto di vista tecnico. Crediamo che il giovane talento del Bologna abbia avuto timore di finire come alcuni suoi predecessori che, dopo essere stati acquistati dal Napoli sono finiti in panchina. Ecco, alla base di tale rifiuto del tutto legittimo, si presenta il serio problema della gestione della rosa dei giocatori affidati a Maurizio Sarri. Si sa che il tecnico toscano non ami molto il turnover e in base alla sua logica, predilige far giocare il più possibile i suoi titolari. Infatti, ci sono giocatori acquistati dal presidente De Laurentiis (vedi Maksimovic, Gabbiadini, Pavoletti) che si sono accomodati in panchina fin da subito, e poi sistematicamente bocciati nel momento in cui sono stati inseriti tra i titolari. Dunque, ritornando a <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Simone Verdi</b>, si può dire che al di là dell’accordo economico che sarebbe stato sicuramente più vantaggioso per il ragazzo, in questa circostanza ha pesato moltissimo la paura di essere acquistato con grande entusiasmo, per poi rischiare di essere messo da parte. Eppure il ragazzo sa di avere la stima di Sarri che lo ha avuto ad Empoli, tuttavia, ha rinunciato ad un’avventura molto incerta sotto l’aspetto tecnico e professionale. In fondo, a Bologna è un titolare fisso e, assieme a Palacio, rappresenta essere il giocatore simbolo della squadra di Donadoni. Verdi è un giocatore che sa fare gol, è veloce, salta l’avversario con facilità, calcia la palla indifferentemente di destro e sinistro, è molto bravo nei calci di punizione dal limite dell’area ed ha un’ottima carriera davanti anche in funzione della Nazionale Italiana. Per quale ragione dovrebbe andare in una squadra in cui non gli si garantisce il ruolo di titolare? Ecco, il problema è solo questo. Poi, tornando a Sarri, si deve dire che non può pensare di affrontare tutti gli impegni di campionato in cui aspira a vincere lo scudetto sempre con gli stessi tre giocatori davanti, e con un Hamsik che nel corso di molte partite viene sostituito per aiutarlo a riposare. E’ vero, il Napoli non ha un’adeguata panchina per ambire ad alti livelli, ma non è solo il denaro che non è sufficiente, piuttosto è una mentalità da cambiare anche nella gestione dei giocatori. E poi, il tanto desiderato Giaccherini, che fine ha fatto?</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Napolifl0711fl0711foto-simone-verdi.jpgSiNverdi-rifiuta-il-napoli-ecco-qual-e-il-motivo-1013362.htmSi100451001,02,03030351
301013283NewsCalciomercatoIl punto sul calciomercato 2017’18.20170725180662Il calciomercato tra trattative e pazze idee<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Mentre la <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Juventus</b> con Bernardeschi si gode il suo acquisto migliore, ad oggi il calciomercato propone imminenti colpi e sogni che possono diventare realtà. Restando in casa bianconera l’acquisto del centrocampista Emre Can dal Liverpool sembra essere quello più possibile, visto che per N’Zonzi del Siviglia e Matic del Chelsea si è raffreddato l’interesse della dirigenza bianconera. La <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Roma,</b> invece, dopo aver blindato Nainggolan per avergli rinnovato il contratto, Monchi sta trattando l’esterno algerino Riyad Mahrez che la Roma considera una prima scelta per rinforzare la fascia destra. Il Leicester vuole 45 milioni di euro, mentre la Roma è orientata a darne 30 più bonus. Il giocatore ha già preso un accordo di massima con la società giallorossa, tuttavia, resta il nodo dell’accordo tra le due società che al momento sembra difficile da risolvere. Il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Milan</b> si prepara ad affrontare i preliminari di Europa League e Montella chiede ancora uno sforzo alla sua società per avere un attaccante, un esterno e una mezz’ala. Quanta roba in questo Milan cinese capace di raccattare campioni come fossero frutti caduti dall’albero. Già, è l’albero della cuccagna in cui basta parlare che tutto è fatto. Tenuto conto che Bacca sarà probabilmente ceduto in prestito con diritto di riscatto al Marsiglia, la società rossonera sta cercando di convincere Cairo per la cessione di Belotti che, tuttavia, appare lontano nella logica di un’offerta che nemmeno s’avvicina alla clausola rescissoria di 100 milioni di euro. A questo punto Nikola Kalinic sembra essere l’attaccante più vicino a indossare la maglia del Milan, dato l’accordo con la Fiorentina per 25 milioni di euro più bonus. Ma nell’intento di Fassone e Mirabelli c’è anche l’idea Aubameyang, l’attaccante del Borussia Dortmund che nel campionato 2007-’08 giocava nel Milan e che tornerebbe volentieri a vestire la maglia rossonera. Vedremo cosa accadrà in seguito. Sul fronte <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Inter</b>, invece, si attendono una serie di interventi importanti da parte della società Suning per completare la squadra che vorrebbe Spalletti. E, anche se al momento sembra tutto in fase di stallo, trapela insistente il nome di Keita quale migliore soluzione per sostituire eventualmente Perisic. L’acquisto di Matias Vecino è praticamente da formalizzare, in quanto ci sarebbe già un accordo definitivo con la Fiorentina sul pagamento della clausola rescissoria di 24 milioni di euro. Ma c’è ancora troppo da fare in casa nerazzurra che, evidentemente, sta aspettando sorniona di piazzare alcuni colpi eccellenti dei quali trapela poco. Sul fronte <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Napoli, </b>c’è il disappunto di Maurizio Sarri che non vuole sentirsi favorito per la conquista dello scudetto, senza neanche aver cominciato il campionato. E mentre è imminente il rinnovo di contratto per Pepe Reina, il Napoli sta programmando il futuro dei suoi pali con l’interessamento al portiere del Real Societad Geronimo Rulli, cui è stata fatta una valutazione di 20 milioni di euro. Questo è quanto il calciomercato di fine luglio propone in Italia, mentre il panorama calcistico europeo si avvale di sogni che potrebbero diventare realtà. Certi rumors, infatti, darebbero già per possibile il passaggio di Neymar dal Barcellona al PSG che pagherebbe la clausola rescissoria di 222 milioni di euro. A questo punto potrebbe anche verificarsi un’offerta eccellente del Barca alla Juventus per avere Dybala. Fantasie calcistiche di mercato? Forse! Ma ormai non ci meravigliamo più di nulla!</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711pallone8.jpgSiNil-punto-sul-calciomercato-2017-18-1013283.htmSi100451001,02,03030390
311013282NewsCalciomercatoMax Allegri è alla prova del nove20170722083119L`allenatore della Juventus è a un bivio<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Da sempre trincerata davanti al suo stile che vuol anche dire non far trapelare mai le proprie magagne interne, la Juventus si è trovata davanti a un bivio. Andare avanti con Max Allegri o scegliere di rinforzare la propria difesa lasciando però gli intoccabili santoni della BBC? Agnelli, Marotta e Paratici hanno scelto Allegri come fiducia per una riprova alla scalata della Champions. Da qui nasce il naturale allontanamento di Leonardo Bonuci e Dany Alves, rei di avere creato scompiglio nell’ambito dell’equilibrio di relazione tra la squadra e il suo allenatore. Adesso Max Allegri sa che se è vero che la società l’ha appoggiato in maniera incondizionata, è altresì vero che al primo cenno di cedimento, per forza di cose anch’egli dovrà cambiare aria. Subito dopo quella finale di Cardiff, l’allenatore bianconero aveva dichiarato: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Ho pensato di lasciare la Juventus”.</b> Segno evidente che non era soltanto l’amarezza di avere perso in malo modo quella Champions contro il Real Madrid, ma piuttosto il rammarico di non avere saputo tenere legata la squadra proprio in quella dirittura finale che significava molto, anzi diremmo proprio tutto per la Juventus, i suoi tifosi e l’intero ambiente. E allora si spiega quella cenere mai spenta che si alimentava tra le polemiche e l’insanabile antipatia tra Bonucci e il suo allenatore. In tutta questa storia pensiamo che nessuno sia indenne da colpe, nemmeno il salvato Max Allegri che nel corso del Campionato e anche della Champions ha manifestato grandi insicurezze mascherate da una forma di buona sorte dopo quel di Firenze, in cui si spinse a presentare una Juventus a trazione anteriore, senza tuttavia smembrare una difesa che appariva imbattibile. Questione di fortuna o di consapevolezza nel tentare vie nuove mai azzardate per timore di peggiorare la situazione? Crediamo che entrambe le cose si traducano in quello che poi ha portato la Juventus a vincere il sesto scudetto consecutivo, la Coppa Italia e una finale di Champions persa nel peggior modo possibile. Oggi, dopo essersi sbarazzato di Bonucci e Dany Alves, Max Allegri sa che si trova ormai in una via senza ritorno e che da lui ci si aspetta la vittoria della Champions League, prima ancora che lo scudetto e la Coppa Italia. La Juventus pare coccolarlo in tutti (o quasi) i suoi desideri; ha acquistato Douglas Costa, Bernardeschi, il suo pupillo De Sciglio, ha tentato di superare una situazione difficile per l’acquisto di Schick che Allegri considera un predestinato, ha comprato Szczesny come vice Buffon di lusso, mentre sta insistendo per l’acquisto di un centrocampista forte fisicamente, per potenziare un reparto apparso molto tecnico ma fragile. Insomma un top player che possa ancor più alzare l’asticella e colmare definitivamente quel gap tecnico ancora esistente tra la Juve e il Real Madrid. Ma, al contrario dell’anno scorso in cui la Juventus è stata la regina del mercato con il botto Higuain, quest’anno i tifosi juventini mugugnano un po’ e si suddividono nei pareri riguardanti Allegri e in un mercato che ad oggi non appare del tutto soddisfacente. Staremo dunque a vedere che cosa accadrà in seguito in casa Juve e, soprattutto, come il suo allenatore saprà gestire al meglio un peso che per lui sarà certamente più pesante da sopportare. Mettere da parte le insicurezze del passato è indispensabile, mentre è essenziale ritrovare l’armonia di gruppo che deve associarsi agli stimoli che non si possono mai perdere in una società come la Juve in cui vincere è l’unica cosa che conta.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711massimiliano-allegri.jpgSiNmax-allegri-e-alla-prova-del-nove-1013282.htmSi100451001,02,03030432
321013281NewsCalciomercatoBonucci che fai, vai o resti?20170714061022Attesa l`ufficialità per il centrale di difesa al Milan <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Dopo la super offerta dell’anno scorso, in cui Pep Guardiola e Antonio Conte avrebbero fatto carte false per avere a propria disposizione Leonardo Bonucci, proprio adesso che il centrale della Juve sembrerebbe intenzionato a lasciare i bianconeri, i bollori sembrano essersi raffreddati. Frutto di un pazzo mercato capriccioso, capace com’è di andare alle stelle e poi disinteressarsi volgendo lo sguardo altrove. D’altra parte, parlare con il senno di poi è sempre facile, perché nessuno avrebbe potuto (neanche l’interessato) prevedere ciò che poi è successo durante lo scorso campionato. Tutti sanno della diatriba verbale creatasi tra Allegri e lo stesso Bonucci, in cui si è manifestato attraverso le immagini televisive una insanabile divergenza di vedute. Poi, nonostante la decisione da parte della società di mandare in tribuna il difensore prima di un’importante partita di Champions, la non simpatia tra i due è continuata in maniera meno eclatante. Ma c’è anche un’altra macchia dettata da certe voci non ufficiali, in base alla quale durante l’intervallo della finale di Champions tra la Juventus e il Real Madrid, Bonucci avrebbe creato disordine verbale rimproverando e forse schiaffeggiando Dybala per la mancanza di impegno. Un fatto grave che avrebbe destabilizzato lo spogliatoio e condizionato negativamente sul campo tutta la squadra. Insomma, strane situazioni che scoperchiano un caratterino che improvvisamente si è rivelato difficile da gestire. E allora, ecco che si fa insistente il dubbio amletico: Bonucci, resta alla Juve o va via? In base alle informazioni di radio mercato, il Milan sarebbe interessato al giocatore della Juve facendo entrare nella trattativa De Sciglio (tanto voluto da Allegri) valutandolo 15 milioni di euro, mentre la Juventus tratta la cessione di Bonucci, non meno di 40 milioni di euro. Marotta, intanto, ripete che per lui come per altri, vige la regola di non volere trattenere mai controvoglia i propri giocatori. E allora la storia si fa molto complicata, soprattutto alla luce di un’apparente voglia di Bonucci di voler cambiare aria nonostante i suoi post pubblicati sui social, in cui manifesta il desiderio di cominciare presto il nuovo anno 2017-’18, senza tuttavia dire chiaramente da dove e con chi. Vedremo, dunque, cosa accadrà in seguito. Noi, visti le precedenti incomprensioni con Max Allegri e certi momenti d’intollerante nervosismo manifestato nell’ambito della squadra, crediamo che se la Juventus riceverà una proposta adeguata, la strada tra Bonucci e la Juve si dividerà. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>Torinofl0711fl0711bonucci-legg.jpgSiNbonucci-che-fai-vai-o-resti-1013281.htmSi100451001,02,03030482
331013278NewsCalciomercatoPatrik Schick al JMedical per le visite mediche20170623174346Visite mediche preliminari, per il neo acquisto della Juventus <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Nonostante l’impegno con la sua nazionale di calcio agli europei Under 21, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Patrik Schick</b> primo acquisto (non ancora ufficializzato) della Juventus, si è presentato alle 9.14 davanti al JMedical di Torino per le rituali visite mediche. Abito elegante, capelli corti che danno il senso dell’ordine personale, il 21enne calciatore ceco ha sfruttato la giornata di semilibertà concessa dalla sua nazionale, reduce dalla vittoria per 3 a 1 contro l’Italia di Di Biagio. Proprio qui, nella struttura del JMedical che è all’avanguardia della diagnostica e dell’eccellenza medica, Schick ha avuto il suo primo contatto con la città di Torino. A questo proposito ci piace ricordare che il JMedical è a disposizione della Juventus ma anche di coloro i quali desiderano avvalersi di visite e cure mediche appropriate e ad alto livello. I controlli medici sul giovane neo acquisto della Juventus sono durati oltre otto ore, dando il senso effettivo dell’accuratezza con la quale vengono sottoposti i campioni (e anche i pazienti comuni) in questa avveniristica struttura medica. All’uscita del JMedical, l’ex attaccante della Sampdoria è stato accolto calorosamente da una nutrita schiera di tifosi i quali hanno voluto fare dei selfie, ricercando dediche e autografi di rito. Schick ritornerà ancora al JMedical per ultimare le visite mediche, dopo l’ufficializzazione di acquisto della Juve che sarà presumibilmente al termine del campionato Under 21. L’attaccante ceco firmerà un contratto quinquennale che si aggirerà intorno ai 2 milioni di euro più bonus. Alla Sampdoria verrà corrisposta la cifra di 30,5 milioni di euro suddivisa in tre rate, così come prevede la clausola rescissoria. Insomma, tenuto conto della giovane età di questo più che promettente calciatore ceco, crediamo che ancora una volta la Juventus sia stata lungimirante nell’assicurarsi un futuro fatto di continuità. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711immagine-jmedical-torino.jpgSiNpatrik-schick-al-jmedical-per-le-visite-mediche-1013278.htmSi100451001,02,03030491
341013277NewsCalciomercatoUn calciatore fuorirosa ha percepito 1,5 milioni di euro in una stagione20170622163447Le curiosità del mondo del pallone <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Chi è? Si fa persino fatica a ricordare Paolo De Ceglie, il calciatore oggi 30enne cresciuto nella Juventus e che per l’anno 2016-’17 è stato estromesso dalla rosa pur guadagnando 1 milione e mezzo di euro. Ma dal 1° luglio, scaduto il contratto, la Juventus può avvalersi di questo piccolo tesoretto che gravava in maniera considerevole sulle sue casse. L’esterno sinistro tornato dal prestito e da una esperienza negativa fatta a Marsiglia, è stato tenuto fuori da ogni lista di competizioni a causa anche di un suo rifiuto di essere inserito nella lista dei partenti durante il calciomercato invernale. De Ceglie ha percorso l’intero settore giovanile bianconero assieme a Marchisio, Paolucci, Criscito, Giovinco, ma con più miti risultati professionali. Adesso per il laterale sinistro si prospetta un interessamento verso il calcio statunitense e più specificatamente verso l’Atlanta e il Toronto, dove già troverebbe il suo amico Giovinco. Che dire, continuano le amare considerazioni su un calcio che si permette il lusso di pagare a un giocatore la cospicua somma di 1 milione e mezzo per far niente. Per De Ceglie, forse un anno amaro dal punto di vista professionale, ma sicuramente redditizio dal lato economico. Ma chi non lo sottoscriverebbe?</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-de-ceglie.jpgSiNun-calciatore-fuorirosa-ha-percepito-15-milioni-di-euro-in-una-stagione-1013277.htmSi100451001,02,03030491
351013275NewsCalciomercatoDiamo tempo agli allenatori per potersi esprimere20170616180002Esonerare gli allenatori anzitempo, un malcostume del calcio italiano.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Tonino Asta e Cristiano Lucarelli sono ufficialmente gli allenatori del Teramo e del Catania per l’anno 2017’18 della Lega Pro. Per quanto riguarda l’ex capitano del Torino reduce dall’esperienza fatta sulla panchina del FeralPisalò in Lega Pro, terminata in maniera deludente per essere stato esonerato anzitempo, si prevede una nuova avventura interessante in quel di Teramo. Tonino Asta merita di essere preso in considerazione a gioco lungo, perché il suo modo di intendere il calcio da allenatore è fatto di conoscenza approfondita del suo reparto giocatori, non solo dal punto di vista delle caratteristiche tecniche ma anche umane. Per far questo è importante poter assemblare la squadra, lo spogliatoio, il rapporto con la società, i media e raccogliere i frutti che non tarderanno certamente ad arrivare. Ma si sa, la cattiva abitudine tutta italica di avere fretta nel mondo del calcio, porta quasi sempre a sottovalutare il lavoro approfondito dell’allenatore che spesso viene dismesso dalla sua carica. Un errore gravissimo che induce a pensare come la fretta sia simbolo di una inquietudine dettata dalla superficialità di vedere la qualità del lavoro. E Tonino Asta, ex capitano di un Toro pimpante da vecchio cuore granata, queste qualità ce l’ha e gli si devono riconoscere coi fatti, dopo avergli dato l’opportunità e il tempo necessario per dimostrarlo. Non esistono maghi allenatori, neanche quelli più pagati e promossi da una certa immagine promozionale. Esistono tecnici seri, capaci di lavorare seriamente, avere il senso di appartenenza verso la società e i tifosi, con la serietà del lavoro e il relativo rispetto verso chi li paga. Per questo, il mondo del calcio ha bisogno di crescere dal punto di vista culturale nonostante i suoi altissimi interessi economici. Anche Cristiano Lucarelli, ex centravanti del Toro e non solo, dopo aver terminato la sua esperienza di allenatore del Messina in Lega Pro, ha firmato un contratto biennale che lo legherà alla squadra etnea del Catania. Una piazza, quella rossoblu, che ambisce a ritornare ai fasti di un tempo, assaporati durante la sua pluriennale partecipazione in Serie A, ma poi decaduta per i noti fatti avvenuti. Dunque, un particolare in bocca al lupo a questi due tecnici seri e preparati.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711asta.jpgSiNdiamo-tempo-agli-allenatori-per-potersi-esprimere-1013275.htmSi100451001,02,03030496
361013273NewsCalciomercatoCairo, ma come può Belotti restare al Toro?20170612133008Al Torino, si moltiplicano le richieste interessanti per il gallo Belotti. <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Le offerte per Andrea Belotti arrivano da tutte le parti. La clausola messa all’inizio di stagione dal presidente Cairo è inconfutabile: 100 milioni di euro, solo per una squadra all’estero. Ma il presidente granata avrebbe intenzione di trattenerlo ancora per un anno, qualora il ragazzo desse la sua disponibilità a restare. Ma la domanda è: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Come può un calciatore affermato di 23 anni che è al</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">centro della sua maturazione professionale, con richieste così numerose e allettanti dal punto</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">di vista economico e professionale, dire no a tutto e restare al Toro che non potrà avvalersi</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">neanche della vetrina europea?”.</b> Oltre al Milan che offre 45 milioni di euro più un paio di contropartite tecniche interessanti, il Manchester United offre 80 milioni per l’acquisto e 5 milioni di euro l’anno più bonus al giocatore. Un mare di denaro con la possibilità di giocare in una squadra di primo livello della Premier League che parteciperà alla Champions. Eppure il presidente Cairo dichiara: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Voglio sentir</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">dire da Belotti che vuole restare con noi. Stiamo lavorando per un Toro più forte, bello e</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">competitivo, capace anche di prendere meno gol”.</b> E comunque, dice ancora Cairo, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">”Meno di 100 milioni di euro, Belotti non lo vendo”.</b> Capiamo che ognuno tiri sempre l’acqua al proprio mulino, ma ci sono delle cose che sfuggono ad ogni logica e, se pensiamo che il presidente Cairo due anni fa ha sborsato “soltanto” 8 milioni di euro per acquistare il gallo Belotti dal Palermo, ci chiediamo oggi come possa ancora riflettere su un’occasione che per lui, mago dei conti aziendali, significherebbe reinvestire il denaro per fare davvero un Torino competitivo a tutti gli effetti. Ecco perché ci risulta tanto strano che Cairo aspetti dal giocatore una risposta che non c’è, non può esserci, perché con tutto l’affetto per l’ambiente e il popolo granata che il gallo possa avere, non può dire di no ad offerte così allettanti. E poi, chi può garantire che il prossimo anno, pur mantenendo la medesima clausola, per Belotti continuino ad esserci offerte di tale portata economica? Il calcio insegna che nulla è scontato e che non c’è mai nulla di definitivo. Da un anno all’altro potrebbero cambiare molte cose, quindi siamo convinti che l’affare Belotti debba andare in porto per il bene delle due parti; per il futuro del gallo che potrà mostrare la sua cresta in altri lidi dal calcio stellare e per il Torino che a quel punto non potrà più tirarsi indietro per costruire una squadra di campioni che abbia la certezza di continuità per restare lassù, dove la sua straordinaria storia gli impone.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-belotti.jpgSiNcairo-ma-come-puo-belotti-restare-al-toro-1013273.htmSi100451001,02,03030447
371013202NewsCalciomercatoBeppe Marotta, ”L’equazione di chi più spende più vince, non esiste”20170104181341Allo Stadium ci siamo intrattenuti con l`AD della Juventus<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Dopo la presentazione ufficiale di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Tomas Rincon</b> avvenuta il 3 gennaio allo Juventus Stadium, l’Amministratore Delegato Beppe Marotta si è soffermato con noi giornalisti. L’incontro che è apparso subito interessante e di grande rilievo per quanto riguarda le notizie sulla Juve, è stato per certi aspetti prolifico anche sotto l’aspetto gestionale del calcio moderno. L’aver perso <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Witsel,</b> che fino all’ultimo sembrava cosa fatta, ha suscitato domande lecite sull’esoso potere d’acquisto della Cina. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“L’equazione di chi più spende più vince, non esiste e spesso è</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">stata disattesa”</b> dice Marotta, il quale sposta l’argomento più come fatto nuovo che va a discapito di tutti i club europei, piuttosto che come argomento di perdita improvvisa di potere della Juventus. Ed è stata proprio questa una delle tante domande che abbiamo rivolto all’AD della Juve, società da sempre incontrastata in Italia a mantenere un certo potere economico che altre non hanno. Per quanto riguarda l’affare <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Gagliardini, </b>che è quasi concluso dall’Inter, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Marotta</b> dice: <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“E’ importante creare un modello di riferimento e la Juventus ce l’ha, sia sportivo che imprenditoriale. Noi abbiamo vinto con il modello che vale più dei soldi. Non ci preoccupa che l’Inter punti sui giovani italiani, perché noi continuiamo a monitorare. In ogni caso non conta la capacità del management ma il valore del brand. E in questo preciso momento sono i giocatori che vogliono venire da noi, tanti e buoni. Tuttavia, non possiamo prenderli tutti.”</b> Abbiamo poi spostato il discorso sugli acquisti nel mercato di gennaio, chiedendo se Rincon fosse per la Juve l’unico acquisto. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Siamo in fase di conclusione per Caldara, quindi di acquisti ne abbiamo già fatti due. Gennaio serve anche per lavorare per il futuro e qualche contatto lo avremo per giocatori che oggi non sono trasferibili. Caldara l’abbiamo preso perché è funzionale al nostro modello, visto che in difesa abbiamo grandi professionisti ma datati e quindi dobbiamo pensare al futuro. Lo lasceremo in prestito per altri sei mesi e probabilmente anche per l’anno prossimo, visto che in difesa siamo a posto e Benatia verrà probabilmente riscattato.” </b>Si insiste poi sull’argomento <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Allegri </b>che è stato immortalato dalle telecamere dopo la sconfitta di Supercoppa a Doha. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Ne ho visti tanti di allenatori arrabbiati dopo una sconfitta. Allegri non fa eccezione e quindi cataloghiamolo come semplice sfogo adrenalinico. Calci nel sedere non ne abbiamo dati a nessuno. E’ vero, abbiamo perso per un rigore, ma non vedo come si possano rimproverare giocatori che ci hanno regalato tante soddisfazioni: non dimentichiamo che siamo campioni d’inverno e primi nel girone di Champions. Perdere una partita ci sta, anche se la Juve è più abituata a vincere e quindi il rammarico rimane evidente.”</b> Esaustivo e molto loquace ci è parso l’AD della Juventus. Toni bassi, garbati e idee molto chiare nell’affrontare le relazioni con i media. Così com’è nello stile Juventus.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torino Juventus Stadium fl0711fl0711marotta.jpgSiNbeppe-marotta-l-equazione-di-chi-pio-spende-pio-vince-non-esiste-1013202.htmSi100451001,02,03030362
381013201NewsCalciomercatoTomas Rincon, “Essere alla Juve è la realizzazione di un sogno”20170103191255Juventus - Conferenza stampa del neo acquisto venezuelano(ex Genoa)<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Anche noi de Il calcio 24 eravamo presenti alla conferenza stampa di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Tomas Rincon,</b> primo acquisto di gennaio della Juventus. Molti sono stati gli spunti interessanti emersi da questo incontro del giocatore venezuelano con i media, cui ha fatto gli onori di casa Beppe Marotta. Questi sono stati gli argomenti toccati con il giocatore che ha avuto modo di scambiare soltanto qualche parola con mister Allegri durante il suo primo allenamento a Vinovo.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Rincon, come sei stato accolto dai nuovi compagni della Juve?</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>“Molto bene. Tutti sono stati molto ospitali con me e questo mi aiuta ad entrare in un ambiente particolare che io ho sempre sognato”.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Come pensi di entrare a far parte di questa Juve carica di campioni?</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>“Tutti sono dei potenziali leader, bisogna solo tirar fuori il carattere. Penso che i giocatori possano e debbano crescere come persone, io sono il capitano del Venezuela e devo essere un esempio per i giovani. Per quanto riguarda il mio inserimento nella Juve, penso che il tempo e il mio carattere saranno complici nell’agevolare un compito che è una sfida con me stesso.”</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Come commenti quel 3 a 1 che la Juventus ha subito contro il Genoa che ti ha visto giocare in campo con quei colori?</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>“E’ stata una partita particolare, abbiamo segnato due gol in poco tempo e per noi è stata una spinta speciale. Non posso dire cosa avrei apportato io, perché da fuori le cose si vedono sempre in un altro modo. E poi chi gioca contro questa Juve fa sempre di tutto per ben figurare. La Juve è la Juve e contro di lei tutti rafforzano le proprie forze, perché quella è la partita della vita.”</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Oggi che sei arrivato alla Juve, guardi già indietro nel tuo percorso professionale e pensi come hai fatto ad arrivare fin qui?</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>“Il mio percorso è stato lungo. Avevo un sogno ed ho cercato di perseguirlo come obiettivo da raggiungere. Nei cinque anni in Germania ho imparato tanto e sono cresciuto come calciatore, ma anche come uomo. Poi in Italia ho incontrato un grande allenatore come Gasperini che mi ha fatto maturare ancor di più. Ancora oggi tutta Genova lo ringrazia e io ho tanti motivi in più per stimarlo.”</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>E’ vero che contemporaneamente alla Juve, su di te c’era un forte interesse anche della Roma?</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>“Io sono sempre stato concentrato a giocare come ogni professionista deve fare. Quando è arrivata la sosta della Serie A ci siamo seduti e tutto è stato molto veloce. Quando ho sentito della Juventus non ho avuto dubbi. Oggi sono molto felice di essere qui.”</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>E adesso, quali sono i tuoi propositi da neo giocatore della Juventus?</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>“Come ho già detto, oggi ho realizzato un sogno. Alla Juventus mi sto ancora ambientando e sicuramente darò sempre il massimo, lavorando come sempre al top delle mie possibilità. Se sei un vero professionista e vieni alla Juve non puoi risparmiarti di niente. Qui si gioca per vincere, ed è una cosa che mi piace tanto perché caratterialmente assomiglia al mio modo di essere.”</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Quali sono state le tue prime sensazioni nell’inserimento con i tuoi nuovi compagni di squadra?</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>“Questo gruppo è una famiglia. Qui ci sono grandi campioni ed è un onore stare in mezzo a loro ed essere compagno di squadra anche di Buffon, che è il più forte portiere del mondo.”</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Perché hai scelto il numero 28 sulla maglia della Juve?</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>“Fin da quando sono stato all’Amburgo ho gradito il numero 8 sulle spalle. Ma qui, alla Juve, quel numero è già di Claudio Marchisio e così ho deciso per il 28 che è anche il numero dei miei anni.”</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Per finire, Tomas. Come pensi di inserirti nel sistema tattico voluto da Allegri?</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>“So per esperienza che nel calcio come nella vita, l’impegno e il lavoro costante sono il segreto per raggiungere ogni obiettivo. Sono a completa disposizione della Juve<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>e di mister Allegri, per dimostrare tutto il mio entusiasmo e la mia voglia di combattere in campo.”</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torino JUventus Stadiumfl0711fl0711foto-rincon.jpgSiNtomas-rincon-essere-alla-juve-e-la-realizzazione-di-un-sogno-1013201.htmSi100451001,02,03030413
391013160NewsCalciomercatoPossibile scambio Gabbiadini – Kalinic, più conguaglio alla Fiorentina20160828162123Napoli e Fiorentina si incontrano per scambiare i propri centravanti<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Il Napoli sfiducia Gabbiadini e propone lo scambio con Kalinic, aggiungendo 10 milioni di Euro. Un affare per De Laurentiis e Sarri che vorrebbero disfarsi dell’attaccante azzurro, per acquisire le prestazioni del giocatore croato che bene ha fatto lo scorso campionato in maglia viola. A parer nostro l’affare lo farebbe la Fiorentina che, acquistando Gabbiadini, si garantirebbe un centravanti più giovane e con maggiori motivazioni. Dopo la partenza di Higuain, infatti, l’ex giocatore della Sampdoria era sicuro di potere dare quell’apporto nell’attacco del Napoli, che l’anno precedente non ha potuto dare perché chiuso dal titolare argentino. E, infatti, nelle prime uscite di precampionato, Gabbiadini ha dimostrato a suon di gol che in questo attacco napoletano ci può stare, eccome. Ma, evidentemente, il giocatore non è riuscito a entrare nelle simpatie di Maurizio Sarri che continua ad avere delle serie perplessità su un giocatore che pur garantendo movimento in zona d’attacco, non si pone con il carisma e la necessaria esperienza per potere effettuare una Champions League ad alti livelli. Cosa che è invece nelle corde di Kalinic, il quale ha giocato nel Dnipro e viene da un’esperienza calcistica più importante in campo europeo. Tuttavia, sosteniamo ancora che se a Gabbiadini gli si dà fiducia, è un attaccante capace di fare parecchi gol garantendo movimento in attacco, duttile anche a centrocampo e capace nelle ripartenze improvvise. Pantaleo Corvino, il DS della Fiorentina che ha molta esperienza di calciatori, vedrebbe di buon occhio l’operazione che porterebbe dieci milioni nelle casse della società viola, più un giocatore che troverebbe a Firenze il suo ambiente ideale. In questo caso, il meno contento sarebbe Paulo Sousa, il quale a suo tempo caldeggiò l’acquisto del giocatore croato, facendo spendere soltanto 5,5 milioni di euro ai Della Valle. Oggi ne vale 35, con una plusvalenza di 29,5 milioni di euro. Niente male per un giocatore che sta facendo le proprie fortune proprio con la maglia viola, segnando gol importanti di testa e anche di piede. Ma Manolo Gabbiadini ha dalla sua parte la voglia e la “fame” repressa per troppo tempo, fin da quando lasciò la Sampdoria nel mercato di Gennaio di due anni fa. Vedremo cosa accadrà da qui alle ore 23,00 del 31 Agosto, giorno in cui il calciomercato chiuderà i suoi battenti, relativi all’anno in corso. Il Napoli sogna un attacco composto da Milik e Kalinic, mentre la Fiorentina, a nostro avviso, rinvigorirebbe un attacco che ha proprio bisogno di caratteristiche più simili a Gabbiadini che a Kalinic. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>fl0711fl0711gabbiadini.JPGSiNpossibile-scambio-gabbiadini-kalinic-pio-conguaglio-alla-fiorentina-1013160.htmSi100451001,02,03030448
401013148NewsCalciomercatoLa Juventus è padrona del calciomercato20160727153541Higuain, Pianjc,Dani Alves, Benatia, Pjaca e tanto altro, nella Juve targata 2016`17<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Beppe Marotta</span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'> l’aveva detto. Dopo il primo incontro avvenuto con il presidente del Napoli <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">De Laurentiis</b> per l’acquisto di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Gonzalo Higuain</b>, le parti si erano lasciate con un nulla di fatto. Ma l’amministratore delegato della Juventus aveva aggiunto un <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Per ora”</b> che era emblematico della volontà della società di Corso Galileo Ferraris di riprendere la trattativa in termini ancora più decisi. Così è stato. La Juventus ha acquistato il Pipita pagando la clausola rescissoria di 90 milioni di Euro in due anni al Napoli, mentre al giocatore argentino è stato riservato un contratto quinquennale di 7,5 milioni di Euro a stagione. Pazzo mercato che dichiara di non avere soldi e poi li spende alla grande. Ma la Juventus, i suoi conti se li sa fare molto bene, perché ha calcolato quanto percepirà dalla partecipazione alla Champions League, mentre ha ancora in riserbo l’asse nella manica concernente l’operazione <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pogba,</b> che dovrebbe fruttare ben 115 milioni di Euro per la cessione al Manchester. Cessione che sarà probabilmente ufficializzata a fine Luglio. L’argentino sarà a Torino per la seconda parte delle visite mediche Giovedì 28 (la prima l’ha già effettuata a Madrid), mentre arriverà in gran segreto all’aeroporto di Caselle alle ore 10,30 di Mercoledì 27 Luglio. Lunedì 1° Agosto comincerà gli allenamenti a Vinovo. Questo è quanto ci risulta sulla questione <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Higuain.</b> Un’operazione che ha scombussolato il calciomercato nel suo evolversi. Un puzzle che deve ricomporre le tante tessere mancanti di società come il Napoli, l’Inter, il Milan e tutte le maggiori squadre di calcio italiane che da questa mega operazione della Juventus, cercano di inserirsi per capire come organizzarsi meglio. E partiamo proprio dai partenopei.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>Napoli</span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'> - Rientrati per fine prestito, il portiere Sepe dalla Fiorentina, il centrocampista De Guzman dal Carpi e dopo avere acquistato il difensore Tonelli dall’Empoli e il centrocampista Giaccherini dal Bologna via Sunderland, il presidente De Laurentiis ha acquistato la punta polacca Milik ed ha ceduto il portiere Gabriel al Milan, il centrocampista Chalobah al Chelsea e il difensore Regini per fine prestito alla Sampdoria. Adesso si profilano una serie di obiettivi da raggiungere e si fanno i nomi di Icardi, Candreva, Rog (centrocampista della Dinamo di Zagabria), Soriano dalla Sampdoria, Herrera (centrocampista dal Porto), Pereyra dalla Juventus, Widmer e Zielisnki dall’Udinese. Ma, dopo la partenza del Pipita, per il Napoli resta ancora il punto fermo relativo alla sua sostituzione. Dopo Milik, probabile Icardi. Vedremo cosa accadrà.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Inter</span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'> - Tenuto conto che la nuova proprietà Suning ha dato segnali di cambiamenti non immediati, come la guida tecnica della squadra, il mercato procede a rilento con il rientro per fine prestito di Ranocchia, Dodò, Andreolli, Bessa, Yao, gli acquisti di Erkin (difensore del Fenerbahce), Ansaldi (difensore dal Genoa), Banega (centrocampista del Siviglia). Ceduti Ljajic, Telles, Manaj e Juan Jesus, l’Inter si pone questi obiettivi: Gabbiadini, Yaya Tourè, Berardi, Witsel (anche se sembra in procinto di passare alla Juve).</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Milan</span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'> - La società rossonera sta per essere ceduta da Berlusconi a un gruppo cinese, pare addirittura con il 100% delle azioni. Il nuovo allenatore Montella sta cercando di capire assieme a Galliani, qual è la strada migliore da percorrere per essere competitivi in campionato con obiettivi europei. Rientrati dal fine prestito il portiere Gabriel, Paletta, Matri, Suso e dopo avere acquistato Lapadula dal Pescara e il difensore Vangioni dal River Plate, il Milan ha ceduto Balotelli al Liverpool per fine prestito, Mexes, Boateng e Alex per fine contratto, mentre Abbiati ha chiuso la sua carriera. Al momento gli obiettivi rimangono focalizzati in Musacchio, difensore del Villareal, Kovacic, centrocampista del Real Madrid e poi Paredes, Sosa, Zielinski, Arbeloa e Mustafi.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Roma </span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>– La squadra di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Luciano Spalletti</b> sembra quasi lavorare in sordina. Dopo aver rinnovato il contratto a Francesco Totti ancora per un anno, il presidente americano Pallotta non ha ancora fatto vedere acquisti scoppiettanti, e forse non li farà neppure vedere neanche al termine del calciomercato. Rientrati dal fine prestito i vari Iturbe, Ricci e Paredes, al momento i veri acquisti si riducono nei nomi del difensore Seck, del centrocampista della Fluminense Gerson, del portiere Alisson, del difensore dell’Empoli Mario Rui e del difensore dell’Inter Juan Jesus, mentre sono stati ceduti Digne, Ucan, Keita (svincolato), Maicon, De Santis, Pjanic, Castan, il portiere Szczesny all’Arsenal per fine prestito, Iago Falque e Zukanovic. Insomma, oltre mezza squadra è stata sfoltita e adesso bisognerà ricostruire. Al momento gli obiettivi sembrano essere il difensore del Barcellona Vermaelen, l’esterno Zappacosta dal Torino, Caceres che è stato svincolato dalla Juventus, il difensore del Manchester City Zabaleta e il centrocampista della Fiorentina Badelj. Troppo poco per una squadra che giocherà i preliminari di Champions League e ha in mente di fare un ottimo campionato agli ordini del suo coach Spalleetti.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 14pt;'>Torino</span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'> – Agli ordini del nuovo allenatore <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Sinisa Mihajlovic</b>, la società di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Urbano Cairo</b> si propone come squadra dallo spirito aggressivo, così com’è nella sua storica natura. Dopo avere acquistato il difensore Ajeti dal Frosinone, il difensore Barreca dal Cagliari, l’attaccante Boyè dal River Plate, l’attaccante Iago Falque dalla Roma e il serbo Ljajic dall’Inter, i granata hanno ceduto alla Lazio l’attaccante Immobile, il difensore Glik al Monaco, il portiere Castellazzi per fine carriera e il centrocampista Farnerud. Questi gli obiettivi da raggiungere: il difensore De Silvestri, il difensore della Fiorentina Tomovic, il centrocampista del Milan Kucka (che piace tanto a Mihajlovic) il centrocampista Badelj della Fiorentina, il centrocampista Valdifiori del Napoli e Grenier, il centrocampista del Lione. Vedremo cosa accadrà da qui al 31 di Agosto, giorno della chiusura del calciomercato. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Della Juventus abbiamo già parlato abbondantemente. Possiamo solo aggiungere che nella lista degli acquisti della triade composta da Agnelli, Marotta e Paratici c’è anche Witsel, il centrale di difesa belga che attualmente milita nello Zenit di Pietroburgo. Arriverà anche lui? Con quest’andazzo nulla è precluso alla società bianconera.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711GONZALO-HIGUAIN580.jpgSiNla-juventus-e-padrona-del-calciomercato-1013148.htmSi100451001,02,03030554
411013146NewsCalciomercatoEcco perché Ljajic ha sbagliato a non accettare il Toro.20160712154951Il mercato del Torino registra il rifiuto del giocatore serbo.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Strana scelta quella di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Adem Ljajic,</b> che rifiuta il trasferimento al Torino e anche al Celtic Vigo. Intanto, al momento non c’è nessuna squadra che lo vuole<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>e, come se non bastasse, la Roma non l’ha neanche convocato per il ritiro di Pinzolo. Un segnale emblematico di non interesse a trattenere il serbo in casa giallorossa. E così si trova senza contratto, dopo che il Toro avrebbe dato 7-8 milioni di euro per garantirsi il suo cartellino, mentre erano pronti 2 milioni annui per il suo contratto. Strano tipo questo serbo dalla buona tecnica calcistica, ma non sorretto da un carattere facile da gestire. E poi, il Torino sarebbe stato in grado di fornirgli il nuovo progetto che non è da sottovalutare, visto che agli ordini di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Sinisa Mihajlovic</b> si sta preparando un Toro competitivo in Italia, con l’obiettivo di salire sul treno diretto in Europa. Strana davvero questa sua scelta di volere insistere a non lasciare la Roma, quando ormai l’organico è già stato deciso da <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Spalletti</b>. Se non è stato voluto ci sarà pure un motivo, sia esso di ordine tecnico – tattico o comportamentale. Questo non lo sappiamo. Ciò che invece conosciamo di Ljajic è questa sua ottima tecnica che molte volte non si accompagna con l’ordine tattico. Ed è per questo che diventa una sorta di problema per ogni allenatore che decide una strategia di squadra, mentre lui, preso probabilmente dagli eventi della gara, non è costante sotto l’aspetto degli ordini tattici impartitigli fin dall’inizio. E’ stato così con Rossi alla Fiorentina, con Garcia alla Roma, con Mancini all’Inter. Siamo dunque convinti che Ljajic abbia sbagliato a dire no al Toro, perché in casa granata avrebbe trovato un allenatore che non solo l’avrebbe voluto, ma aveva già in mente come gestirlo tatticamente in un Toro che con lui avrebbe sicuramente alzato l’asticella della qualità. E poi, ci pare che Cairo e Petrachi l’abbiano invogliato anche sotto il profilo di un contratto davvero interessante. Chissà, magari vuole ancora prendere tempo, anche se in Serbia, come da noi, si dice che chi ha tempo non aspetti tempo. Detto questo, passiamo ad altro. Il mercato del Torino, ad oggi, continua a restare in attesa di risposte, comprese quelle riguardanti <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Iago Falque</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Giaccherini</b>. Per il romanista sembrava cosa fatta, ma anche per lui sono avvenuti evidentemente dei ripensamenti che non crediamo siano legati al fattore economico. Per <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Giaccherini,</b> invece, sembra che si sia intromesso il Napoli. Il suo procuratore, Furio Valcareggi, smentisce in modo categorico l’indiscrezione, anche se le trombe di radio mercato darebbero vicino alla corte di De Laurentiis il folletto che tanto bene ha fatto nella Nazionale di Conte. Vedremo cosa accadrà a breve. <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>Intanto, il no di Ljajic ha aperto nuovi scenari nell’acquisire i giocatori chiesti da Mihajlovic. Infatti, con i soldi avanzati dal non arrivo del serbo, si intende orientarsi verso <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Kucka </b>e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Soriano</b>, due pilastri del centrocampo che andrebbero a completare lo scacchiere tattico che il tecnico serbo ha in mente per il nuovo Toro. E intanto si attende l’evolversi di una situazione che, di fatto, al momento non concretizza nessun acquisto di rilievo. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Sinisa Mihajlovic</b>, nonostante il caldo asfissiante di questi giorni a Torino, ha iniziato sul campo della Sisport la preparazione della squadra, nell’entusiasmo generale. Dal 14 al 26 Luglio i <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>granata si trasferiranno a Bormio, dove troverà un clima decisamente più fresco per iniziare una stagione che accarezza l’idea di un Toro nuovo, diverso, capace di un sentire comune granata che è fatto di speranza ma anche di certezza di un’aria in cui si respira positività. Sensazioni che si basano su entusiasmi che nascono dalla costruzione del nuovo stadio Filadelfia e continuano con la curiosità di vedere all’opera un tecnico sanguigno, che sembra davvero adatto ad abbracciare la storia granata. Adesso, però, urge mettere in condizione il tecnico serbo di potere lavorare con una base di giocatori capaci di dare lustro al suo credo calcistico. Il presidente <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Cairo</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Petrachi </b>devono lavorare molto sotto questo aspetto. Rinuncia di Ljajic a parte, adesso il Toro deve insistere sui nomi di qualità. Costi quel che costi.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711ljajic-6.jpgSiNecco-perche-ljajic-ha-sbagliato-a-non-accettare-il-toro-1013146.htmSi100451001,02,03030572
421013144NewsCalciomercatoJuventus. Vendere o non vendere, questo è il dilemma.20160708183318Le tentazioni inglesi per l`acquisto di Pogba e Bonucci, si fanno insistenti.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style="line-height: 115%; font-size: 12pt;"><font face="Calibri">Squillano le trombe della Premier League in casa Juventus. Il rumore è davvero tanto nella sede di Corso Galileo Ferraris a Torino, e il dubbio di cedere o no alle lusinghe inglesi per <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pogba</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Bonucci</b> è altrettanto amletico. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Manchester United</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Manchester City</b> fanno sul serio. L’offerta per <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Pogba </b>è di 120 milioni di euro, mentre quella per <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Bonucci</b> è di 60 milioni. Cifre incredibili che lasciano senza fiato. 352 mila euro a settimana per Pogba e 8 milioni netti a stagione per cinque anni a Bonucci. Sembra tutta fantascienza e invece l’amministratore delegato della Juventus Marotta, assieme ad Agnelli e Paratici cominciano a non dormire sonni tranquilli. Da sempre l’imperativo bianconero è di non vendere i suoi prezzi pregiati, in virtù dell’ennesimo tentativo di vincere quella Champions League ormai troppo desiderata dal mondo bianconero. Tuttavia, se pensiamo cosa potrebbero significare 180 milioni di euro per le casse della Juventus, per i suoi obiettivi di espansione territoriale e ricostruzione di una squadra altrettanto competitiva, allora crediamo proprio che, almeno per Pogba, si debba decidere di farlo andare via. D’altra parte, nonostante i buoni propositi dei giocatori intenzionati a onorare i sentimenti legati alla maglia bianconera, pensiamo sia legittimo andare dove c’è l’immenso di tutto. Come si fa a rifiutare 352 mila euro a settimana per Pogba e 8 milioni netti a stagione per cinque anni a Leo Bonucci? La Juventus incontrerà a giorni i procuratori dei due giocatori, intenzionata com’è di ritoccare il loro ingaggio che, logicamente, non potrà essere superiore a quanto hanno offerto i due club della città di Manchester. A questo punto, l’ultima decisione resta ai due giocatori i quali, se trattenuti da Marotta and company, potrebbero impuntarsi ad andare via ugualmente. C’è poi un fatto anagrafico da considerare. La giovane età di Paul Pogba induce certamente a pensare che se quest’anno viene valutato 120 milioni di euro, è probabile (ma non sicuro) che il prossimo anno ne valga almeno 30 in più, aumentando sensibilmente le plus valenze delle casse juventine. Ma tutto è legato a diversi fattori, in primis all’interrogativo per la conduzione di un altro anno ad alti livelli come quello appena ultimato e con un europeo che per Pogba ha rappresentato una lievitazione di immagine e valore economico. E poi ci sono anche da considerare gli eventuali rischi legati ai vari infortuni di cui sono soggetti i calciatori. Per Leo Bonucci il discorso è diverso. Nato a Viterbo il 1° Maggio 1987, significa che il calciatore bianconero ha compiuto 29 anni. Certo, non possiamo dire che si tratta di un giocatore vecchio, ma sicuramente maturo e con la probabilità che possa ancora fare almeno quattro anni ad alti livelli. Ma il futuro, si sa, non lo conosce nessuno. Quindi, la probabilità di avere un’altra offerta di questa portata anche per il prossimo anno, non è da ritenere scontata. Un bel dilemma dunque, per questa Juve che vince scudetti a ripetizione ma che ormai vuole quella benedetta Champions che sembra sempre più sfuggevole e stregata. D’altra parte gli acquisti già definiti di Dani Alves e Pjanic, il probabile arrivo di Benatia e l’interesse sempre attivo verso Cavani, dimostrano la volontà della Juve che, nonostante aver perso Morata e probabilmente trattenuto Cuadrado, gioca a carte scoperte sulla volontà di avere un ruolo determinante nell’Europa che conta. Vedremo dunque cosa accadrà. Noi pensiamo che la questione sarà più chiara la prossima settimana, con la fine del Campionato Europeo. Nel frattempo, se davvero Andrea Agnelli e Beppe Marotta decidessero di trattenere i suoi gioielli, dovranno sudare le fatidiche sette camicie. E forse non basterà neppure. </font></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Calibri","sans-serif"; font-size: 12pt; mso-fareast-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: "Times New Roman"; mso-ansi-language: IT; mso-fareast-language: EN-US; mso-bidi-language: AR-SA;'>Salvino Cavallaro&nbsp;<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-tab-count: 1;">&nbsp;&nbsp; </span></span></b>Torinofl0711fl0711marotta.jpgSiNjuventus-vendere-o-non-vendere-questo-e-il-dilemma-1013144.htmSi100451001,02,03030617
431013143NewsCalciomercatoMercato Toro. In casa granata si respira aria nuova.20160707161511Cairo e Petrachi sono molto attivi sul mercato, per costruire un Torino che vuole ritornare stabilmente in Europa.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Il mercato in entrata del Torino entra nel vivo delle operazioni. Dopo l’acquisto del difensore del Frosinone Arlind Ajeti (a breve si sottoporrà alle visite mediche) che è chiamato a sostituire Glik passato al Monaco, i nomi ricorrenti da molto tempo sono quelli di Ljaiic, Iago Falque e Giaccherini. Per quanto riguarda il serbo, che sembra tentennare per aver ricevuto un’offerta da parte del Celta Vigo che verserebbe alla Roma 9,5 milioni di euro, la situazione sembra essere in posizione d’attesa. Il D.S.<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>Petrachi ha offerto 7 milioni di euro, ma alzerebbe eventualmente l’offerta se si concludesse anche per Iago Falque. Dunque, se è vero che la Roma per la vendita di Ljaiic incasserebbe più soldi dal Celtic Vibo, è altrettanto vero che il Torino acquisterebbe due giocatori anziché uno, con un sostanzioso gruzzolo di milioni di euro. Per quanto riguarda invece Emanuele Giaccherini, dopo lo splendido campionato europeo giocato con la Nazionale di Conte, il suo valore di mercato è sostanzialmente lievitato. Il Torino avrebbe trovato l’accordo con il Sunderland – società detentrice del cartellino di Giaccherini – offrendo al giocatore un contratto triennale di 1,3 milioni di euro annui. Al momento il giocatore sembra guardarsi intorno, mentre il suo procuratore Fulvio Valcareggi è tempestato di richieste che arrivano da più parti. Vedremo cosa accadrà nel prosieguo del mercato del Toro che, come dicevamo pocanzi,<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>ha sistemato in uscita Kamil Glik ed ha pure concluso la trattativa con l’Independiente per Sanchez Mino. C’è poi un mercato granata in entrata che è di minore importanza e che riguarda ad esempio un certo Lucas Boyè, l’argentino che è atteso per le visite mediche di rito, ma che deve ancora convincere Mihajlovic , nell’inserimento del suo eventuale scacchiere tattico che sta già pensando per il nuovo Toro. Lucas Boyè è cresciuto nelle fila del River Plate ed ha vissuto l’ultima stagione nel Newell’s Old Boys. Giovane attaccante nato nel 1996, di lui si dice un gran bene. Vedremo se sarà così. Dunque, dopo il quinquennio granata di Giampiero Ventura passato alla corte della Nazionale Italiana (a proposito, auguri al nuovo CT azzurro) il Toro indossa un vestito nuovo di zecca. Non più arrangiato, come certe situazioni di antica memoria gestionale del presidente Cairo, ma più attuale a un modello di squadra e di società che intende salire sul treno dell’Europa con il fermo obiettivo di restarci a lungo. Un progetto nuovo, fresco, moderno, di una società che vuole riprendere l’immagine di quel modello di calcio giovanile che in passato è stata fucina di<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>talenti granata. Nuovo il tecnico, nuovo il suo entourage, nuovo lo stadio Filadelfia e la casa granata, nuove le maglie che stanno riscuotendo un grande successo tra i tifosi, nuovi i giocatori che presto vestiranno ufficialmente la maglia del Toro. Insomma, la società di Cairo si avvia a una nuova era fatta di quell’entusiasmo che specialmente nell’ultimo anno era andato scemando tra i sostenitori granata. Pronti, via. Il treno del Toro si avvia sotto i migliori auspici. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;&nbsp; </span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711cairo.jpgSiNmercato-toro-in-casa-granata-si-respira-aria-nuova-1013143.htmSi100451001,02,03030566
441013139NewsCalciomercatoIl calciomercato stenta a decollare, ma presto potrebbe prendere il volo.20160629185814Molte parole e pochi fatti. Il mercato del pallone è in attesa. <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style="line-height: 115%; font-size: 12pt;"><font face="Calibri">Sarà per i campionati europei ancora in corso o per la naturalità di un periodo in cui si aspetta sempre il finire del calciomercato per fare gli affari, fatto è che i trasferimenti dei calciatori sembrano essere in posizione di stallo. Molte le voci di trasferimento, poche le certezze. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Milan –</b> Ufficializzato l’acquisto di Montella sulla panchina dei rossoneri, adesso comincia il vero mercato della società quasi cinese. Dopo l’Inter, infatti, Milano parla cinese, anche se, per quanto riguarda la società di Berlusconi sono ancora da mettere a punto gli ultimi dettagli. Il reparto dove il Milan si muoverà con forza è l’attacco, peraltro già rinforzato dall’acquisto di Lapadula. Ma potrebbero arrivare anche il trequartista Vazquez e l’esterno Pjaca, per completare il tridente di mezze punte di alto spessore tecnico assieme a Bonaventura. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Inter – </b>Dopo l’acquisto della società nerazzurra da parte di Suning, Mancini sta contattando i vertici della società per parlare degli eventuali acquisti e cessioni. C’è l’esigenza di acquistare un esterno destro di ottima qualità, e per questo si continua a pensare a Candreva. La trattativa è di difficile risoluzione vista la richiesta di Lotito che chiede oltre 30 milioni di euro. Una cifra assurda, pur di un attaccante di grande qualità tecnica, le cui caratteristiche sarebbero ideali per le necessità tattiche della squadra di Mancini. Se la sua quotazione si abbasserà intorno ai 18 milioni di euro, è possibile che l’affare vada in porto. Ma c’è anche Berardi nel mirino dei nerazzurri. Dopo la sua rinuncia ad andare alla Juventus, per non fare panchina come il suo amico Zaza, l’attaccante del Sassuolo sta facendo un pensierino sulla possibilità di diventare nerazzurro nella prossima stagione. L’esterno piace molto a Mancini, il quale potrebbe inserirlo nel suo 4-2-3-1 o nel 4-3-3 come esterno, qualora non dovesse arrivare Candreva. Vedremo gli sviluppi dei prossimi giorni. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Juventus –</b> Dopo gli acquisti di Pjanic e Dani Alves, e a seguito del ritorno al Real Madrid di Alvaro Morata, la Juventus si è fatta soffiare in extremis dal Chelsea il gioiellino Michy Batshuayi. Un colpo da 40 milioni di euro per il belga, classe ’93, che viene soffiato dalla squadra di Conte alla Juventus, che di milioni ne offriva 32. <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span>C’è poi il punto interrogativo sulla cessione di Pogba al Manchester United che due anni fa lo aveva svenduto alla Juve e adesso lo rivorrebbe pagandolo ben 120 milioni di euro. Una pazzia da parte della società inglese che mette sicuramente la pulce nell’orecchio della Vecchia Signora d’Italia. Ma Marotta è anche interessato a Lucas Hernandez, visto che è disposto a pagare 21 milioni di euro per la clausola rescissoria. Lucas Hernandez, è un calciatore di 21 anni dell’Atletico Madrid capace di giocare da centrale difensivo, ma anche da esterno sinistro. Parliamo di un giocatore giovane, con ottima tecnica di base e intelligenza tattica. Ottima l’idea della Juventus, che se si dovesse realizzare coprirebbe una parte dei ruoli difensivi dei non sempiterni Barzagli, Bonicci e Chiellini. Vedremo cosa accadrà nel prossimo futuro. Torino – Dopo l’arrivo di Sinisa Mihajlovic sulla panchina che è stata di Ventura per ben cinque anni consecutivi, il Toro si rinnova. Padelli, Vives, Gazzi, Bovo, Glik, Bruno Peres e forse Moretti, dovrebbero essere in partenza. Chi resta per ferrea volontà del nuovo coach Mihajlovic, è Maksimovic. Per il resto ci sono molti contatti per Iago Falque con un possibile accordo di 1 milione per il prestito e altri 5 milioni per il riscatto a fine stagione. Centrocampista ex Genoa, è un giocatore di affidamento per la sua qualità tecnica e ordine tattico. C’è poi l’insistenza per avere Ljajic, ma qui c’è da superare la concorrenza di Fiorentina e Milan. Lo stesso dicasi di Giaccherini, che forte del suo ottimo europeo, ha molti pretendenti in Italia e all’estero, compreso il Chelsea di Conte, da sempre suo estimatore. Anche in casa Toro, dunque, ci sono molti movimenti, ma al momento nessun contratto d’acquisto è stato definito. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Roma –</b> Dopo avere finalmente chiarito la posizione del pupone Totti, cui è stato rinnovato il contratto da giocatore ancora per un anno, la società giallorossa si guarda intorno per potenziare insieme al suo allenatore, una squadra che l’anno scorso era partita male e che poi con l’avvento di Spalletti e gli acquisti di gennaio di El Shaarawy e Perotti, ha ricominciato a conquistare la collocazione che le è più consona. Ma per esaudire le ambizioni di scudetto che la piazza romana chiede ormai da anni, c’è bisogno assoluto di intervenire su centrocampo e attacco, con qualche sguardo anche alla difesa. Perso Pjanic che è andato alla Juve e Dzeco che ha fatto un campionato a dir poco incolore, la squadra di Spalletti ha bisogno di alzare l’asticella della qualità tecnica. Adesso è molto vicina al terzino argentino Pablo Zabaleta, che sta già allenandosi in Spagna per farsi trovare pronto per l’inizio del raduno romano. Per il resto, al momento, è solo noia. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Napoli –</b> L’incertezza del futuro del Pipita Gonzalo Higuain, blocca al momento l’eventuale cessione di Gabbiadini. In caso di addio del capocannoniere della scorsa stagione, il Napoli potrebbe puntare a un attaccante di grande livello internazionale e tenersi l’ex sampdoriano che nella passata stagione non ha avuto modo di mettersi in luce. Anche in questo caso, si parla di nomi illustri come Lukaku, Diego Costa, Lacazette, ma, di fatto, nulla è ancora scritto sotto il Vesuvio. Chiara la volontà del presidente De Laurentiis di costruire una squadra all’altezza della situazione, visto che ormai è chiaro l’intendimento di vincere uno scudetto che ancor oggi ha l’impronta di Diego Armando Maradona. Troppi anni sono passati senza vincere nulla, ma l’avvento di Sarri e del suo gioco spumeggiante, pretende vedute sicuramente più ampie nello scenario anche europeo. Si realizzerà una squadra capace di tenere il passo della Juventus e possibilmente superarla in maniera definitiva? Questo si vedrà anche dai prossimi acquisti.</font></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style="line-height: 115%; font-size: 12pt;"><font face="Calibri">Salvino Cavallaro </font></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>TorinoFL0711FL0711pallone8.jpgSiNil-calciomercato-stenta-a-decollare-ma-presto-potrebbe-prendere-il-volo-1013139.htmSi100451001,02,03030579
451013030NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Ufficiale: Cerci ha accettato i rossoneri20141227135444milan, cerciAlessio Cerci dopo le prime titubanze ha accettato il Milan<br>Come riferisce Sky Sport <strong>Alessio Cerci (27)</strong> dopo le prime titubanze ha accettato il Milan.<br><br>Il centrocampista dell'Atletico Madrid arriverà a Milano per poi partire con i rossoneri per Dubai.<br><br>C1012936adm001adm001barreto-6.jpgSiNcalciomercato-milan-ufficiale-cerci-ha-accetato-i-rossoneri-1013030.htmSiT1000027100075501,02,030301350
461013000NewsCalciomercatoMilan, quasi fatta per Khedira20141009124337milan, khediraIl centrocampista tedesco gioca nel Real Madrid e ha il contratto in scadenzaCome riporta Tuttosport, un nuovo Honda per il centrocampo. Il Milan sorride guardando il rendimento del giapponese e degli altri giocatori svincolati arrivati nelle ultime sessioni di mercato in primis Alex e Menez e sogna un nuovo colpo. Adriano Galliani tiene costantemente monitorata la situazione dei futuri parametri zero, quei giocatori che andranno dunque a scadenza nel giugno 2015. Fra questi lo spagnolo Suso del Liverpool, già bloccato da un paio di mesi, ma l'ad rossonero si sta concentrando sul reparto di centrocampo, quello che potrebbe necessitare fra una decina di mesi di nuovi innesti, soprattutto di qualità. L'obiettivo numero uno è di quelli ambiziosi: il campione del mondo, Sami Khedira.<br><br> Il centrocampista tedesco gioca nel Real Madrid e ha il contratto in scadenza. Su di lui, come ovvio, c'è una folta concorrenza di pretendenti, in primis l'Arsenal (in Inghilterra ipotizzano una sorta di accordo già presente fra le due parti). Khedira, 28 anni ad aprile, dopo due apparizioni dalla panchina a inizio stagione, si è strappato la coscia sinistra e rientrerà a fine novembre. Per lui lo spazio rischia comunque di essere poco visto che Ancelotti sta puntando su Modric, Kroos e James Rodriguez, motivo che potrebbe spingerlo a chiedere di essere ceduto già a gennaio (Ancelotti, a corto di centrocampisti, vorrebbe però tenerlo fino a maggio). Inutile ricordare gli ottimi rapporti fra Real Madrid e Milan l'ultimo affare è stato il trasferimento a costo zero del portiere Diego Lopez, fattore che potrebbe rivelarsi determinante in questa corsa. C'è però un altro ostacolo oltre alla concorrenza di Wenger e altri club, ovvero l'ingaggio di Khedira, che al Bernabeu percepisce 5 milioni di euro.<br><br>C1012936adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-quasi-fatta-per-khedira-1013000.htmSiT1000027100075701,02,03,070301246
471012919NewsCalciomercatoJuventus, le strategie di Marotta già funzionano20140912202332Juventus,MarottaIl nuovo talentoIl nuovo talento di casa <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/squadre/juventus.cfm">Juventus</a>. E' Kingsley Coman, diciottenne jolly d'attacco della Juventus paragonato subito a Thierry Henry. Pagato 300mila euro, costa ora 5 milioni. "Qui per ripercorrere le orme di Pogba: mi volevano in tanti ma mi hanno convinto i progetti concreti". Sulle orme del Polpo, <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/personaggi/giuseppe-marotta-1000334.cfm">Marotta</a> e Paratici l'hanno strappato alla concorrenza di Arsenal, Bayern Monaco, Chelsea, Manchester City, Liverpool, Tottenham, Borussia Dortmund, Bayer Leverkusen, Bordeaux.C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-le-strategie-di-marotta-gia-funzionano-1012919.htmSiT1000007100075701,02,03,060301480
481012948NewsCalciomercatoCampionato indiano, il FC Goa chiama Zico20140904104733Zico, Indian Super League, OrienteL`ex numero 10 di Udinese e Brasile sarà il nuovo allenatore del FC Goa, club indiano. Nuovo arrivo nel subcontinente dopo Del Piero e Trezeguet.Il mondo del calcio ruota a una velocità impressionante, tanto che ormai si stenta a delineare dei punti fissi. Una volta era l'Europa a fare da padrona, con i top club come Benefica, Real Madrid e Milan che erano le mete più ambire per qualsiasi giocatore. Poi arrivarono i magnati russi e gli sceicchi arabi, che iniziarono a comprare calciatori e allenatori come se fossero figurine Panini per i loro club europei o in madrepatria (Russia, Arabia Saudita..). Ecco quindi entrare in scena il mercato asiatico, vedi il Ghouazu di Marcello Lippi in Cina o l'Inter dell'indonesiano Erik Tohir.&nbsp;<div>&nbsp;</div><div>É notizia di soli pochi giorni fa, ultima novità nell'estate poco calda del calciomercato, che perfino l'India ha iniziato la propria "corsa al calcio" con l'arrivo di una delle stelle del football mondiale ed ex Udinese: <b>Zico</b>. Il fantasista brasiliano è stato ingaggiato, infatti, dal FC Goa, squadra dell'Indian Super League che il 12 ottobre debutterà in campionato, come allenatore. Il contratto è stato firmato a Rio de Janeiro nei giorni scorsi e presto l'ex numero 10 sarà in India per iniziare a lavorare. Nuova sfida in oriente per Zico, dopo aver guidato per poco tempo la nazionale dell'Iraq qualche tempo fa.</div><div><br></div><div>Oltre all'idolo anni '80 bianconero, laggiù hanno trovato "casa" anche David Trezeguet e l'ex Udinese Belardi, nel Pune City di proprietà della Fiorentina. Ultimo, e che ha suscitato parecchio scalpore, approdo è quello di Del Piero al Delhi Dynamos dopo la parentesi australiana. Il calcio moderno ha parecchie strade, spesso strane e contorte, ma è anche questo il bello del gioco. Dicono.</div>Udineuttd01uttd01zico_2642877.jpgSiNzico-india-allenatore-1012948.htmSi101268101,02,03030717
491012949NewsCalciomercatoSogni, aspettative, realtà: i tre passi del mercato dei poveri20140902152747calciomercato,Juve,Inter,Ezequiel LavezziPochi soldi, nessun colpo “I sogni son desideri…” cantavano i topini di Cenerentola: adesso, in Italia, probabilmente questa canzoncina la cantano i dirigenti italiani in tempo di trattative. E’ finito il calciomercato, finalmente direi: dispiacerà sicuramente non vedere più con così tanta assiduità i Pedullà, Criscitiello, Di Marzio, Bonan e compagnia bella, ma non se ne poteva più: si arriva ogni anno alla fine del calciomercato sfiniti, illusi e delusi. In Italia ci sono pochi soldi, ma tanti sogni: c’ha sperato con tutte le sue forze la <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/squadre/juventus.cfm">Juve</a> di poter prendere Falcao, ma avete mai visto un poveraccio che si compra una Ferrari? Prestito oneroso da 12 milioni (che poi è la prima rata del pagamento per un totale di 65) e 24 milioni l’anno d’ingaggi già. Abbordabile. In alternativa i bianconeri provavano a prendere il Chicarito Hernandez: timida offerta di prestito, un’estate intera di voci, arriva il Real e se lo prende con tanti saluti a tutti. Un altro sogno l’ha fatto l’<a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/squadre/inter.cfm">Inter</a>: <a name="nome" target="" classname="link-6" class="link-6" href="/personaggi/ezequiel-lavezzi-1000161.cfm">Ezequiel Lavezzi</a>; per molti il Pocho era in arrivo qualora Guarin fosse stato cedut alla fine non se ne è fatto, ma credete davvero che un giocatore che prende il suo popò di stipendio in Francia, gioca la Champions, è spesso e volentieri titolare, lascia il Psg per una squadra che fa l’Europa League e comunque vive un momento di restauro?Sogni. Come quelli del Napoli: da anni si insegue Gonalons, poi si è passati a Lucas Leiva e alla fine Sandro, che ha preferito un club di medio-basso livello come il Qpr ai partenopei: niente soldi ok, ma appeal sempre più basso. <br><br> <br><br>Dai sogni passiamo alle aspettative: tutte più o meno rispettate. Alla fine in questo mercato, l’obiettivo di molti era perfezionare la propria squadra con innesti di qualità (low cost ovviamente) atti a dare delle alternative maggiori agli allenatori. E sotto questo punto di vista il mercato diciamo che è perfettamente riuscitla Juve ha tenuto Pogba e Vidal, ha preso Morata sperando in un Llorente-bis, due jolly come Pereyra e Romulo e un uomo d’esperienza come Evra, utile soprattutto in una difesa a 4. In avanti tutti s’aspettavano un attaccante ma, vuoi per mancanza di cash, vuoi per dar fiducia ai giovani, Marotta ha deciso di puntare su Coman. Il nuovo Pogba? Durante il mercato di Gennaio lo scopriremo.<br><br> <br><br>Benissimo la Roma: Iturbe è il colpo più fragoso di questo mercato, Cole e Keita quelli di grande esperienza, Ucan la stellina del futuro, Manolas una certezza già ora ed Holebas e Yanga Mbiwa due ottimi rincalzi. Bene anche il Milan, col <i>Nino</i> Torres, con Bonaventura alla fine, Armero e Van Ginkel, ok la Lazio con De Vrij, Parolo e Djordjevic, l’Inter con Osvaldo, Vidic, Medel, Mvila e Dodo, qualcosa in più dei soli Koulibaly e De Guzman al Napoli serviva, sempre ottima e mirata all’acquisto dei giovani la Fiorentina che prende Badelj e Kurtic, ma che punta anche su gente d’esperienza come Micah Richards.<br><br> <br><br>Eccoci però alla dura realtà: anche in questa sessione di mercato abbiamo notato che i giocatori in Italia non ci vengono. Tralasciando il discorso Falcao l’esempio di Van Ginkel salta subito all’occhi il ragazzo al Chelsea quest’anno non avrebbe giocato quasi mai. Eppure lui preferiva restare lì, a fare panchina, anziché trasferirsi in Italia, al Milan: è servita una grande opera di convincimento da parte di Mourinho, ma nelle sue intenzioni l’Italia era una seconda scelta. Altro cas per far spazio al giocatore olandese, Galliani ha venduto Cristante, gioiellino italiano. Ma siamo fuori? Cioè in un periodo in cui ci lamentiamo che non abbiamo giovani italiani li facciamo andare all’estero? Misteri del mercato.<br><br> <br><br>Obiettivamente siamo diventati l’ultima ruota del carro e il nostro campionato è diventato ormai solamente una bottega da saccheggiare per i suoi gioielli più preziosi: se ne sono andati Benatia, Immobile, Balotelli, Cerci. E noi? Noi prendiamo giocatori a fine carriera (Torres e Saviola), infoltiamo le nostre Primavera di stranieri (sia la Juve che l’Inter sabato avevano in campo appena 4 italiani), non riusciamo a prendere un giocatore, dico uno, d’un altro campionato a titolo definitivo.<br><br> In Italia c’è la crisi, soldi non ce ne sono per la nazione, figuriamoci peril calciomercat ma se provassimo a dare una mossa a questo sistema totalmente esterofilo, magari in questo nostro mercato dei poveri qualche sogno ci riusciamo a trasformarloin realtà.<br><br>C1012936RomaFL0141FL0141marotta.jpgSiNsogni-aspettative-realta-i-tre-passi-del-mercato-dei-poveri-1012949.htmSi100205001,02,03,06,07,08,09010968
501012940NewsCalciomercatoThoir fa sul serio: «Stiamo trattando Lavezzi»20140828165330lavezzi Alvarez thoir guarin«Fassone e Ausilio hanno parlato col Psg«Da sogno a realtà, almeno così sperano i tifosi interisti. <br><br>L'Inter fa sul serio per il Pocho Lavezzi, ed Erick Thoir rivela: <em>"Fassone e Ausilio hanno parlato col Psg e attendo d'incontrarli per fare il punto della situazione. Non è facile, lo sappiamo. Mancano quattro giorni alla chiusura del mercato: vediamo che succede"</em><br><br>Ovviamente il tutto è legato alle cessioni di Alvarez e Guarin: per l'argentino sembra ormai fatta al Sunderland e lui lo danno in viaggio verso l'Inghilterra per visite e firma. Prestito oneroso a 1,6 milioni e riscatto fissato a 11 in caso di salvezza della squadra inglese; per quanto riguarda il colombiano si aspetta l'offerta dello Zenit, 12 milioni, ma non si deve trascurare l'ipotesi Juve nel caso in cui Vidal andasse al Manchester.<br><br>C1012936MilanoFL0141FL0141pocho.jpgSiNthoir-fa-sul-serio-stiamo-trattando-lavezzi-1012940.htmSiT1000026100205001,02,03,06,07,08,09010954
511012938NewsCalciomercatoMilan-Torres: ci siamo, biennale pronto20140828163126torres galliani sanzSi riapre per Van GinkelFernando Torres al Milan: ci siamo quasi. Dopo il vertice infatti tra il procuratore dello spagnolo e Adriano Galliani, Sanz ha dichiarato che la trattativa è a buon punto e che<em> "l'incontro è stato positivo e ci sono delle possibilità concrete di chiudere l'affare".</em><br><br>Per il giocatore è pronto un biennale e per concludere il tutto manca solo la buonuscita del Chelsea, che il procuratore del<em> Nino</em> incontrerà domani. Ad ogni modo la risoluzione della trattativa è a buon punto, considerato che Mourinho ha dato il suo ok per la cessione.<br><br>Si riapre per Van Ginkel: l'olandese, probabilmente con lo zampino dello Special One, c'avrebbe ripensato e avrebbe deciso d'accettare il prestito.<br><br>FL0141FL0141torres.jpgSiNmilan-torres-milan-ci-risiamo-biennale-pronto-1012938.htmSiT1000027100205001,02,03,06,07,08,09010864
521012939NewsCalciomercatoFalcao ad un passo dal Real: Benzema al Psg20140828144022falcao real psgCavani vicino all`ArsenalSi sta definendo in quel di Montecarlo uno dei più grandi walzer di punte che si sia mai verificato nella storia del calcio: almeno a livello economico sicuro.<br><br>Si sono incontrati e hanno discusso su un tavolo di mercato infatti Florentino Perez, presidente del Real, Jorge Mendes, potentissimo procuratore di Falcao, e Al Khelafi, numero uno del Psg. <br><br>In pratica il Real sta stringendo per Radamel Falcao, centravanti in uscita dal Monaco, e per acquistarlo Perez riutilizzerà i soldi che incasserà dal club francese per Karin Benzema: l'acquisto del numero 9 dei Galacticos libererà Edinson Cavani all'Arsenal per 60 milioni.<br><br>A questo punto, Juve fuori da qualsiasi trattativa per il Tigre.<br><br>C1007858MontecarloFL0141FL0141fa.jpgSiNfalcao-ad-un-passo-dal-real-benzema-al-psg-1012939.htmSi100205001,02,03,06,07,08,09010801
531012916NewsCalciomercatoInter, arriva Osvaldo e si aspetta Medel20140804173237Calciomercato, Inter, Osvaldo, Medel, Guarin, Campagnaro, BottaL`oriundo sbarca in Italia per le visite mediche. In discesa l`affare per il cileno del Cardiff City, in uscita Guarin, Campagnaro e Botta.<STRONG>Pablo Daniel Osvaldo</STRONG> è sbarcato a Malpensa alle 14.05. Per l'ex giallorosso le visite mediche e poi la formalizzazione del passaggio dal Southampton all'<STRONG>Inter</STRONG>, con la formula del prestito con diritto di riscatto fissato a quota 7 milioni di euro. L'attaccante appare carico e determinato: "Champions o scudetto? Speriamo tutto quello che si può. La Nazionale di sicuro è un obiettivo", dichiara ai microfoni della <EM>Gazzetta dello Sport</EM>. Ma <STRONG>Mazzarri</STRONG> frena, nonostante le buone prestazioni nella Guinness Cup, con un laconico "lasciamo perdere questi discorsi".<br><br> Una nuova sfida per Osvaldo che ha il sapore dell'ultima spiaggia. Dopo la turbolenta conclusione dell'esperienza romanista, tra&nbsp;tweet al veleno e tifosi inviperiti, le risse in Inghilterra e la fugace parentesi in bianconero, si profila con Mazzarri la possibilità di avere spazio sufficiente per poter costituire un'intesa solida con <STRONG>Icardi</STRONG>. A tale proposito, Osvaldo commenta: "Speriamo di fare bene". <br><br> Intanto i nerazzurri continuano a muoversi sul mercato: la settimana appena iniziata si preannuncia decisiva per alcune trattative. Prima tra tutte quella riguardante il centrocampista cileno <STRONG>Medel</STRONG>, in forza al Cardiff City. Pare che manchi solo l'ufficialità, anche se il manager del team gallese Solskjaer ha dichiarato a <EM>Sky Sport News</EM>: "Lo cederemo, ma vogliamo che ci venga pagato il prezzo che chiediamo. Altrimenti rimane con noi. Pensiamo che un annuncio possa essere fatto presto". Il denaro in ballo ammonterebbe ad 8 milioni distribuiti in tre rate annuali, più un milione in caso di qualificazione in Champions League. Se la strada per Medel è in discesa, restano comunque altre questioni di risolvere al più presto, come <STRONG>Guarin</STRONG>, che piace ad Allegri, <STRONG>Campagnaro</STRONG> e <STRONG>Botta</STRONG>. Per il primo c'è un interessamento del Palermo,&nbsp;mentre&nbsp;in merito al secondo si sono fatti avanti Torino e Verona. <br><br>C1012317FL0435FL043520121119_osvaldo4.jpgSiNinter-arriva-osvaldo-medel-1012916.htmSiT1000026100612201,02,030101295
541012909NewsCalciomercatoMandi Scuffett...anzi no, che sorpresa!20140717124714Simone Scuffett, Udinese, calciomercato, Atletico MadridDa settimane tiene banco il caso Scuffett, voluto dall`Atletico Madrid ma troppo importante per l`Udinese. I tifosi protestano e sembra che poco fa qualcosa si sia finalmente sbloccato.Neanche a dirlo, la trattativa <b>Atletico Madrid-Scuffett </b>è ormai diventata il tormentone di questo luglio friulano e c'è da aspettarsi che continuerà almeno per parecchie settimane ancora, a meno che non ci siano imminenti svolte tra i club dei Pozzo e i "<i><b>Colchoneros</b></i>".&nbsp;<div><br></div><div>Oggetto di tanto interesse da parte della squadra allenata dall'ex Inter e Lazio <b>Simeone</b> è il baby-fenomeno bianconero Simone Scuffett, rivelazione nell'ultima parte dello scorso campionato e uscito direttamente dal <b>vivaio udinese</b>. Un autentico gioiellino che nel capoluogo friulano ha difeso i pali con incredibile sicurezza nonostante i suoi appena 18 anni e corteggiato da tantissime squadre.&nbsp;</div><div><br></div><div>Alla porta dello stadio <b>Friuli</b> aveva già bussato tempo fa la <b>Juventus</b>, ricevendo per risposta un no secco che avrebbe dovuto essere da monito anche per gli altri interessati. Invece ai vice campioni d'Europa è andata diversamente, avviando una trattativa con uno dei club più attivi nel calciomercato di quest'estate. Con un'offerta neanche tanto imperdebile, con 5/6 milioni sul piatto che poco valgono in confronto al probabile futuro del numero uno di <b>Remanzacco</b>, da molti esperti considerato come il futuro portiere della <b>Nazionale</b>.&nbsp;</div><div><br></div><div>Qualche anno fa i <b>Pozzo</b> fecero spallucce a quasi 40 milioni del <b>Bayer Monaco</b> per <b>Alexis Sanchez</b>, lo stesso che poi finì al <b>Barcellona</b> per qualcosa di più, per cui ora c'è veramente da stupirsi se la storica famiglia udinese pensa di cedere il baby-fenomeno per così poco e presto.&nbsp;</div><div><br></div><div>Pare che tra Atletico e Udinese sia già tutto fatto, ieri doveva esserci l'incontro decisivo e la palla è nei guantoni soltanto di Simone adesso. Lasciare casa o andare in uno dei club più forti d'Europa? Bella domanda, cattivi quelli che gliel'hanno fatta. A Madrid guadagnerebbe 3 volte quanto ora a Udine, ossia <b>900 mila euro a stagione</b>, ma le speranze di vederlo titolare sono molto vane. Sarebbe rischioso mettere tra i pali un ragazzo di diciotto anni alla sua prima esperienza in Europa e probabilmente andrebbe in prestito al <b>Granada</b> (satellite friulano in Spagna) o alla stessa Udinese per un anno.&nbsp;</div><div><br></div><div>Sembra veramente un ironia del destino che, con l'arrivo di un tecnico tanto attento ai giovani come <b>Stramaccioni</b>, sia proprio la speranza italiana di domani per sostituire Buffon a partire. Ma, c'è un ma, non tutto sembra perduto. Poco fa, infatti, "<b>Tutto Mercato Web</b>" ha rivelato che l'affare sarebbe sfumato e che il giocatore resterà quindi a Udine. Amor di patria dei Pozzo o paura dei tifosi inferociti?</div>Udineuttd01uttd01scuffet.jpgSiNudine-scuffett-trattativa-1012909.htmSi101268101,02,03030760
551012807NewsCalciomercatoJuventus, Marotta vuole Mandzukic20140715202226juventusSecondo quanto riferisce il Daily MailAccostato con insistenza alla Juventus, su Mario Mandzukic però ci sono gli occhi della Premier League. Secondo quanto riferisce il Daily Mail sul giocatore ci sono tanti club interessati, ma in pole c'è l'Arsenal. Arsene Wenger fiuta l'affare, considerando che Edinson Cavani sembra orientato allo United e Diego Costa al Chelsea.<BR>C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-mandzukic-1012807.htmSiT1000007100075701,02,03,060301843
561012901NewsCalciomercatoNomi nuovi all`Udinese, c`é Stankovic20140705161915Stankovic, Udinese, staff, StramaccioniA Udine ci si prepara per la nuova stagione e nella squadra del tecnico Stramaccioni c`è anche l`ex giocatore dell`Inter.Pronti, partenza...quasi via. Il Mondiale in Brasile non è ancora finito ma i club della nostra Serie A si sono già messi all'opera, in vista della prossima stagione. Lo fa anche l'Udinese, fresca del nuovo allenatore Stramaccioni, che nelle ultime ore ha svelato i nomi che comporanno lo staff del tecnico. I volti nuovi non sono mancati, incluso uno particolarmente conosciuto nel nostro campionato. <DIV><BR></DIV> <DIV>Sarà Dejan Stankovic, infatti, l'allenatore in seconda sulla panchina di Stramaccioni. L'ex giocatore serbo ha scelto di seguire il giovane allenatore, che due stagioni fa lo guidò proprio ad Appiano Gentile, come prima esperienza nello staff di una squadra. E la cosa non è certo dispiaciuta ai tifosi friulani, che vedranno così in giro per Udine uno dei protagonisti del calcio italiano in questi ultimi anni.</DIV> <DIV><BR></DIV> <DIV>Oltre a Stankovic, gli altri nomi sono Alessandro Nista e Axel Brunner (preparatori di portieri); Federico Pannoncini, Paolo Artico, Andrea D'Urso e Alessandro De Guidi (preparatori atletici) e Paolo Miano, ex calciatore di Serie A friulano, come collaboratore tecnico. La squadra si ritroverà tra due giorni allo stadio Friuli, in attesa dell'arrivo dei nazionali, per cominciare il lavoro per la prossima stagione.&nbsp;</DIV>Udineuttd01uttd01stramaccioni.jpgSiNnuovo-staff-udinese-1012901.htmSi101268101,02,03030876
571012870NewsCalciomercatoConte, Conte, e ancora Conte20140529143414Antonio Conte, è sempre al centro dell`attenzione.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Sembra incredibile come in casa Juventus la forza mediatica sia sempre focalizzata su Antonio Conte e sul suo verbo che maggiormente lo attizza: VINCERE. Essere vincenti e non conoscere altro che arrivare prima degli altri non a parole ma con i fatti. Un verbo dal quale Conte non sa prescindere e quando gli capita di perdere, trova difficoltà a relazionarsi con gli altri. Deve sbollire la delusione da solo, così come spesso succede a chi vive in maniera maniacale una propria convinzione, un qualcosa che si deve rispecchiare anche sul suo gruppo di giocatori. Certo, anche lui sa quanto sia difficile vincere e ripetersi, tuttavia ritiene che è giusto destarsi dal sogno per stare con i piedi per terra. E stare coi piedi per terra significa anche guardare la realtà di questa Juventus, che ha già dato in campo nazionale e che per essere competitiva in campo internazionale deve assolutamente comprare sei/sette giocatori in grado di fare la differenza. Ma Elkann dall’alto del suo pensiero economico, fa riferimento all’Atletico Madrid come squadra da imitare per essere arrivata quasi a vincere la Champions, nonostante le ridotte risorse economiche e con un parco giocatori non certo di eccelso valore tecnico. Ma Conte non ci sta e risponde da par suo, così come il suo carattere talora impulsivo ci ha abituato. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Juve, guardiamo la realtà”</b> dice il tecnico del Salento, un po’ come dire che questa Juve non può perdersi dietro pensieri filosofici e similitudini che non hanno alcuna certezza. E poi, anche la sua Juve fin dal primo anno ha vinto senza avere grandi campioni e senza avere speso chissà quanti soldi. Adesso la Vecchia Signora è cresciuta, ed è giusto organizzarla in una maniera tale da ambire a grandi traguardi europei. Sono i giocatori di qualità che garantiscono i successi. Per quanto riguarda invece la componente riguardante la leadership di gruppo e suoi derivati, Conte è garante del suo operato, delle sue affidabili qualità che ormai non deve più dimostrare a nessuno. Parole chiare, idee che non lasciano adito a nessun fraintendimento di sorta. D’altra parte i suoi risultati in casa Juventus parlano chiaro. Tre scudetti vinti di seguito e numerosi record che difficilmente potranno essere superati, non ultimo quello dei 102 punti conquistati nel campionato appena concluso. Non c’è che dire, tutto si può dire di Conte; un antipatico dalle idee chiare, vincenti. Eppure lui dice di essere una persona molto tranquilla nel privato, che si dedica alla sua famiglia e alla sua bimba. Un buon padre che sul lavoro diventa esigente con se stesso e che gli permette di chiedere tanto anche ai suoi calciatori e ai tifosi della Juve. Due persone distinte; il Conte privato e il Conte professionista, due immagini allo specchio che si fondono perfettamente e che dimostrano grandi valori, serietà lavorative e maniacali nel mettersi continuamente alla prova anche quando deve ricominciare. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Chi vince fa la storia, gli altri al massimo la possono leggere”</b> questo è lo slogan che gli piace molto, che gli frulla sempre in testa come chiodo fisso. Conte e la sua Juventus, la storia la vogliono continuare a fare permettendo agli altri di leggerla. Per far questo, adesso è opportuno voltare pagina, guardare avanti, mettere mani al portafoglio e costruire il futuro attraverso gli acquisti che lui, assieme al presidente Andrea Agnelli e Beppe Marotta concorderanno per la nuova Juventus il cui unico imperativo continuerà ancora ad essere: VINCERE!</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>Torinofl0711fl0711conte-6.jpgSiNconte-conte-e-ancora-conte-1012870.htmSi100451001,02,03030717
581012867NewsCalciomercatoSette giocatori rafforzeranno la nuova Juventus20140524190254Alla Juve, non si muove foglia che Conte non voglia<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>In casa Juventus è in predicato una mini rivoluzione nell’ambito della squadra. Dopo il tira e molla tra Conte, Agnelli e Marotta, c’è stato un accordo sulla rivoluzione di mercato che dovrebbe concretizzarsi nelle prossime settimane, per poi concludersi alla fine dei Campionati Mondiali in Brasile. Già alla fine d’aprile, l’allenatore bianconero aveva espresso alla società i suoi chiari intendimenti in una rivoluzione massiccia, pianificando l’entrata di una dozzina di nuovi giocatori e l’uscita di altrettanti elementi che sembrerebbero usurati da tre anni di traguardi raggiunti ad alti livelli. Ma, tra il dire e il fare, c’è sempre di mezzo il mare. La società bianconera, infatti, viste le difficoltà oggettive di natura economica, ha instaurato con Conte una specie di faccia a faccia per nulla morbido. Una sorta di sorda diatriba interna che si è sviluppata tra Marotta e Conte, e cioè tra chi deve far quadrare i conti e chi invece pretende una Juve competitiva ad alto livello in campo internazionale. Ad oggi, sembra che la società si sia convinta nell’acquistare almeno 7 nuovi elementi che daranno modo alla rosa bianconera di dare nuova linfa. E, con questa decisione, si è di conseguenza sbloccato anche l’accordo di Conte di restare ancora alla Juve per un anno. A parte Vucinic e Quagliarella che sono dati per sicuri partenti, bisognerà stabilire quali altri li seguiranno per far posto ai nuovi arrivi. Ogbonna potrebbe essere un altro partente, visto che l’ex giocatore del Toro non sembra essersi inserito appieno nella squadra di Conte. E poi, bisognerà stabilire se riscattare Osvaldo oppure no, visto che in entrata sembra quasi sicuro l’arrivo di Drogba. Conte ha le idee chiare fin dall’inizio e, il compromesso raggiunto con la Juve, lascia intendere che sarà accontentato nei limiti del possibile sui nomi da fatti da lui. La società in un primo tempo si era orientata ad acquistare Evra, quale rinforzo sulla fascia esterna difensiva di sinistra e Nani (addirittura già prenotato) nonostante la stagione piena di infortuni accusata dal portoghese. Ma Conte si è opposto e non se n’è fatto nulla. Al momento non è dato sapere sulle effettive altre trattative della Juve che, in accordo con il suo allenatore, dovrebbe imbastire una Juve ancora vincente o, perlomeno competitiva in Champions, un chiodo fisso che ronza non solo nel cervello di Conte. Vedremo cosa accadrà. Gli alti vertici della Juve sono già a lavoro in maniera assolutamente riservata. Ma una cosa è certa, in questa Juve non si muove foglia che Conte non voglia.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;&nbsp;</span></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>Torinofl0711fl0711conte-6.jpgSiNsette-giocatori-rafforzeranno-la-nuova-juventus-1012867.htmSi100451001,02,03030850
591012862NewsCalciomercatoJuventus: mercato e programmazione20140522085440JuventusCalciomercato, alcune opzioniFreme il mercato bianconero, fremono le fantasie dei tifosi, e, forse, anche quella degli addetti lavori. La Juventus lavora attivamente sul mercato, summit odierno in programma con Antonio Conte per fare il punto della situazione, mosse preparate meticolosamente per cercare di soddisfare le richieste del tecnico salentino.<br><br>Nessuna rivoluzione e assoluta volontà di rinfrescare l’organico ingaggiando elementi duttili che sappiano sposare diverse situazioni tattiche. L’a.d. Beppe Marotta e il d.s. Fabio Paratici operano seguendo queste schema, meticolosamente preparato dall’allenatore campione d’Italia, pronto a stimolare ulteriormente la rosa mettendo sul piatto un nuovo vestito da indossare.<br><br>E, a proposito del condottiero pugliese, continuano a piovere indiscrezioni riguardanti l’imminente compravendita estiva, tema che accompagnerà Madama per tutta l’estate e che già, seppur in maniera del tutto velata, finora ha fornito segnali importati. La lista contiana è stata presentata, il parco ali a regnare sovrano, così come anche in attacco – zona centrale – almeno un ingresso è garantito.<br><br>Alvaro Morata, centravanti 21enne del Real Madrid, è il profilo richiesto espressamente da Conte, il quale continua a spingere affinché si possa trovare un’intesa con il club madridista. E a tal proposito, nelle ultime ore,&nbsp; l’ipotesi prestito oneroso starebbe trovando conferme. Lo spagnolo, infatti, è legato da un contratto in scadenza 30 giugno 2015 con le Merengues, in ballo potrebbe esserci un rinnovo con conseguente cessione in prestito con diritto di riscatto, formula privilegiata da Marotta e soci.<br><br>Ma se Morata rappresenta un obiettivo prioritario per Conte, in corso Galileo Ferraris – come ormai da consuetudine – non si limitano a puntare un solo obiettivo, modus operandi non contemplato dai vertici bianconeri, i quali amano sondare diverse piste. E tra queste, particolarmente caldeggiata dal d.s. Fabio Paratici, ci sarebbe quella che porta a Didier Drogba, 36 anni e un curriculum da far paura, vecchio pallino della Vecchia Signora.<br><br>Paratici, non più tardi di una settimana fa, si sarebbe confrontato con alcuni membri dell’entourage del campione ivoriano, sullo sfondo la concreta possibilità di portarlo a Torino per una stagione a cifre non elevatissime, chiudendo difatti il parco punte centrali 2014/2015. Tuttavia come nel caso di Patrice Evra, anch’esso bloccato da Madama, si attende di conoscere il responso di Conte.<br><br>Drogba, il quale ha accarezzato in più riprese l’opportunità di trasferirsi in Italia, sarebbe felice di approdare nel Belpaese e la disponibilità a trasferirsi sotto la Mole sarebbe già stata data. Con Conte, però, intenzionato a spalancare le porte di Vinovo a Morata.<br><br>C'è, però, anche il capitolo Immobile e i Granata sembrano insoddisfatti dall'offerta del Borussia. <br><br>Di fronte al patron granata, ovviamente, Beppe Marotta, direttore generale della Juventus, club comproprietario del cartellino di Immobile. Dopo le tensione dei giorni scorsi, insomma, le due parti hanno ricominciato a parlarsi. Anche se l'accordo, ad oggi, pare ancora lontano.<br><br>La cifra messa sul piatto dal Borussia Dortmund (16 milioni più tre di bonus), non convince appieno il Torino che, dal canto suo, continua a dirsi pronto a sborsare nove milioni pur di accappararsi l'intero cartellino del centravanti. Il tutto, ovviamente, in attesa di un possibile rilancio giallonero. Se l'offerta dovesse salire a quota venticinque, infatti, anche le resistenze di Cairo potrebbero essere vinte.<br><br>TorinoFL0411FL0411drogba.jpgSiNjuventus-calciomercato-allcune-opzioni-1012862.htmSi100427901,02,03030609
601012846NewsCalciomercatoL`Udinese chiama Borini, il tempo di Muriel si potrebbe esaurire20140510135217Muriel, Borini, Di Natale, Liverpool, Udinese, SunderlandA Udine cercano un attaccante che possa sostituire Di Natale in caso di un suo imminente ritiro. Si pensa a Borini del Liverpool e il talento di Muriel rischia di finire dimenticato.C'è l'<b>Udinese</b> sulla strada di <b>Fabio Borini</b>, a quanto pare. Secondo quanto riporta <b>Calciomercato.com</b>, infatti, l'attaccante italiano ex Roma sarebbe corteggiato dal club dei Pozzo, intenzionati a trovare un valido sostituto nel caso <b>Di Natale</b> decidesse veramente di appendere i tacchetti al chiodo alla fine del campionato.&nbsp;<div><br></div><div>La voce si era già diffusa mesi fa, durante il calciomercato invernale, e si era parlato di possibile approdo in bianconero per Borini, al momento sotto contratto con il <b>Liverpool </b>ma ceduto in prestito al <b>Sunderland</b>. I <i>Reds </i>sarebbero interessati all'acquisto del friulano <b>Badu</b>, "merce di scambio" nella trattativa, che il club di Udine avrebbe valutato intorno agli 8 milioni di euro.</div><div><br></div><div>L'attaccante, reduce da un'ottima stagione in terra inglese, potrebbe riavere l'occasione di solcare i campi della Sere A e possiede già tutte le carte in regola per diventare l'erede di <b>Totò</b>. Bisognerà vedere, quindi, cosa decideranno Liverpool e Udinese, ma soprattutto se <b>Muriel </b>sarà darsi la svegliata decisiva. Perché se rimarrà lui al posto del numero 10 napoletano dovrà prendere sulle spalle l'intera squadra. Una volta per tutte.&nbsp;</div>uttd01uttd01borini.jpgSiNudinese-liverpool-borini-calciomercato-1012846.htmSi101268101,02,03030600
611012809NewsCalciomercatoGonzàles e la nostra Serie A così tanto italiana20140404132234Serie A, libri, recensione, El Paìs, Enric GonzalesUscito ormai già da qualche anno, questo libro è un racconto superbo ed esilarante del nostro Paese usando la metafora del calcio. Scritto da un giornalista spagnolo che è riuscito a vedere nel nostro profondo.Ci sono tante<B> chiavi di lettura</B> per guardare il nostro <B>Paese</B>. Economica, politica, sociale sono solo alcune ma, a sentire <B>televisione </B>e <B>giornali</B>, potrebbero sembrare quasi le uniche degne di importanza. Dimenticano sempre una, sicuramente piú sentita da noi italiani rispetto ad altri popoli: quella <B>calcistica</B>.&nbsp; <DIV><BR> <DIV>Però, per trattare un argomento cosí delicato, c'é bisogno di qualcuno da fuori, che non patteggi né per una, per né un'altra <B>squadra</B>.&nbsp;</DIV> <DIV><BR></DIV> <DIV>A togliere l'impiccio della scelta ci pensa <B>Enric Gonzáles</B>, <B>giornalista </B>spagnolo di <B>El País</B>, con il suo strepitoso <B>libro</B> "<B>Fuori campo - Cronaca tragicomica dell'Italia attraverso il calcio</B>" (<B>Aìsara</B>, 269 pagine).&nbsp;</DIV> <DIV><BR></DIV> <DIV>In uno scenario di piena <B>degradazione sociale e politica</B>, Gonzáles ritrae il nostro Paese nella sua piú pura espressione, quella che assumiamo davanti a una partita in <B>tv </B>o sulle gradinate allo <B>stadio</B>, creando una vera e propria "<B>compilation</B>" di avvenimenti che hanno lasciato un segno nella nostra storia piú recente.&nbsp;</DIV> <DIV><BR></DIV> <DIV>Dal carattere <B>ironico </B>e <B>mai banal</B>e, il libro é una raccolta di <B>articoli scritti dal 2003 al 2009</B> per El País e ripercorrono, in presa diretta, i grandi eventi di quei anni: da <B>Calciopoli </B>agli scandali di <B>Berlusconi</B>, passando per <B>Mourinho </B>e i colori politici dietro quelli calcistici.&nbsp;</DIV> <DIV><BR></DIV> <DIV>Un gran bel libro per tutti, perché in fondo noi <B>italiani </B>siamo cosí, non ci prendiamo mai troppo sul serio.&nbsp;</DIV></DIV>uttd01uttd01fuoricampo_1.jpgSiNlibro-spagna-serie-a-recensione-1012809.htmSi101268101,02,03030677
621012808NewsCalciomercatoUdinese, Muriel: «Voglio una sistemazione migliore»20140403192226murielQueste"Al termine della stagione mi guarderò intorno per cercare la soluzione migliore". Queste le parole di Luis Muriel (22) in merito al suo futuro. L'attaccante colombiano dell'Udinese ha rilasciato alcune dichiarazioni ai taccuini di Ideal Digital, come riportato dall'edizione online di Tuttosport: "E' stato un anno strano per me, non sto trovando spazio all'Udinese. Io non sto giocando molto, quindi sono un po' triste in questo momento. Allo stesso tempo, sono motivato a continuare la lotta, sto lavorando per uscire presto da questo momento. Ora l'unico pensiero è quello di finire bene la stagione, l'unico pensiero è l'Udinese. Quando terminerà la stagione, guarderemo quali sono le opzioni e ciò che è meglio per il mio futuro". <BR>C1012317adm001adm001guidolin.jpgSiNudinese-muriel-voglio-una-sistemazione-migliore-1012808.htmSi100075701,02,030301112
631012806NewsCalciomercatoManchester City, Aguero verso il Monaco20140403191660manchester cityComeSergio Agüero (25) nel mirino del Monaco per la prossima stagione. Come riporta il portale inglese Football Direct News, il club del Principato ha messo l'attaccante argentino in cima alla lista dei possibili eredi di Radamel FalcaoB (28) qualora il colombiano dovesse lasciare la Ligue 1 durante la prossima estate.C1012317adm001adm001aguero.jpgSiNmanchetser-city-aguero-verso-il-monaco-1012806.htmSi100075701,02,030301107
641012805NewsCalciomercatoPsg, Al Khelaifi: «Non ci serve Pogba»20140403191230psgRispettoIntervistato in esclusiva da Rmc Sport, il presidente del Paris Saint-Germain Nasser Al Khelaifi, ha spento anche i rumors su Messi, Ronaldo e Pogba: "Non abbiamo bisogno di nuovi giocatori. In difesa abbiamo il meglio con Thiago Silva, così come a centrocampo con Thiago Motta, Matuidi e Verratti e in attacco con Cavani, Ibra, Lavezzi e Lucas. Rispetto molto Messi e Ronaldo, ma la nostra star è Ibra, insieme a Cavani. Il Matador è molto importante per noi, un grande professionista, molto generoso in campo, dà tutto e questo mi piace molto".C1012317adm001adm001nuovo_archivio_foto_juventus_paul_pogba_690x460.jpgSiNpsg-al-khelaifi-non-ci-serve-pogba-1012805.htmSiT1000007100075701,02,030301318
651012770NewsCalciomercatoLa Juve su Locadia del Psv20140322122419marotta, locadia, psv, juveI bianconeri pensano già al futuro e seguono il giovane bomber della nazionale Under 21 olandese in forza al Psv Eindhoven<P align=justify>Gli occhi della Juventus su <B>Jürgen Locadia</B> (20), attaccante del PSV Eindhoven nel giro della nazionale olandese Under 21 e seguito anche da altri <I>top club</I> europei. Il giovane centravanti, autore di nove reti finora nel campionato olandese, è stato recentemente seguito dal vivo dai bianconeri: come riporta <I>Tuttosport</I> alcuni osservatori della <I>Vecchia Signora</I> erano infatti presenti al Philips Stadion in occasione di PSV-Utrecht, match giocato sabato scorso e deciso al 51' proprio da Locadia nell'1-0 finale in favore dei biancorossi. <BR><BR><BR><BR><br><br>ivomesivomesmarotta.jpgSiNjuve-piace-locadia-psv-1012770.htmSi100075401,02,03,06010547
661012772NewsCalciomercatoConte insegue Candreva, in comproprietà tra Lazio e Udinese20140312003811candreva, lazio, juve, conte, signoraPossibile il ritorno alla Juve per il centrocampista biancoceleste <p align="justify">La Juventus pensa ad <b>Antonio Candreva</b> (27), centrocampista attualmente in forza alla Lazio e in comproprietà tra i biancocelesti e l'Udinese. I bianconeri, secondo <i>Tuttosport</i>, starebbero pensando al calciatore che a giugno prenderà parte ai Mondiali con la maglia dell'Italia. Il futuro di Candreva potrebbe però essere chiaro prima della partenza per il Brasile: la <i>Vecchia Signora</i> avrebbe infatti chiesto informazioni sulla situazione tra le due società proprietarie del cartellino. L'idea di Conte è di riportare l'esterno a Torino, dove già aveva vissuto un'esperienza non molto felice nel 2010; per ora si tratta solo di un'idea, che nei prossimi mesi potrebbe trasformarsi in trattativa vera e propria.<br><br> <div style="margin: 3px 0;" align="justify"> <ins style="display:inline-table;border:none;height:60px;margin:0;padding:0;position:relative;visibility:visible;width:468px;background-color:transparent"><ins id="aswift_1_anchor" style="display:block;border:none;height:60px;margin:0;padding:0;position:relative;visibility:visible;width:468px;background-color:transparent"></ins></ins> </div>ivomesivomescandreva-6.jpgSiNjuve-conte-vuole-candreva-1012772.htmSi100075401,02,03,06010619
671012762NewsCalciomercatoJuventus, Raiola blinda Pogba20140309131134juventusLuiMentre Mino Raiola, agente fra i più famosi in Italia, blinda di fatto Pogba alla Juventus, in tutta Europa cresce l'entusiasmo (e l'interesse) per il centrocampista francese. Si parte, riporta da Tuttosport, da Vieira ("È meglio di me"), mentre van Gaal, che l'ha affrontato mercoledì con la sua Olanda, spiega che "è un caso unico. Lui è molto forte fisicamente ma al tempo stesso è veloce e bravo tecnicamente. Non esistono al mondo tanti giocatori come lui". In Francia ormai è visto come un paladino, un eroe per sognare in grande, magari già dai prossimi mondiali, e France Football l'ha messo in copertina. Si chiude con Gullit: "Paul è una delle stelle della Francia, con la Juve sta giocando alla grande. con un po' di fortuna sarà la futura star della Francia e, quindi, del calcio mondiale".<BR>C1012317adm001adm001nuovo_archivio_foto_juventus_paul_pogba_690x460.jpgSiNjuventus-raiola-blinda-pogba-1012762.htmSiT1000007100075701,02,03,06030740
681012758NewsCalciomercatoInter, vicino un altro giocatore del Manchester United20140309130665interL`InterSecondo quanto arriva dall'Inghilterra, riportato in particolare dal Sunday People, l'Inter sarebbe ancora più vicina a Javier Hernandez, attaccante in forza al Manchester United. I nerazzurri vogliono consolidare il "ponte" verso il Regno Unito e verso i Red Devils, e dopo l'arrivo di Vidic hanno puntato forte sul messicano. L'Inter ha parlato col padre e agente del giocatore e sta preparando un'offerta da 12 milioni di sterline, di fatto già molto vicina ai 15 chiesti dal club inglese. Intanto su Hernandez piomba però anche il Valencia.<BR>C1012317adm001adm001mazzarri-inter.jpgSiNinter-vicino-un-altro-giocatore-del-manchester-united-1012758.htmSiT1000026100075701,02,03030729
691012757NewsCalciomercatoRoma, piace un centrocampista del Psg20140309130320romaDopoSecondo quanto riportato dal portale transalpino Le10Sport.com il Chelsea sarebbe intenzionato a mettere i bastoni fra le ruote della Roma nella corsa al giovane centrocampista Adrien Rabiot del Paris Saint-Germain. Dopo Arsenal e Tottenham arriva ancora da Londra una pericolosa rivale per i giallorossi.C1012317adm001adm001stadio-olimpico-roma-curva.jpgSiNroma-piace-un-centrocampista-del-psg-1012757.htmSiT1000012100075701,02,03030675
701012745NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole Nedelev20140304144994juventusCome riporta TuttosportCome riporta Tuttosport oggi in edicola racconta di un possibile sondaggio per Todor Nedelev da parte della Juventus. In Bulgaria è considerato un novello Stoichkov ed è cresciuto calcisticamente nel Botev Plovdiv. Adesso incanta la Bundesliga da poche settimane con la maglia del Mainz: ala versatile, di classe e qualità, pare che i bianconeri abbiano fatto un sondaggio per il ragazzo. E' presto, però: Nedelev è arrivato da poco, da metà gennaio, al Mainz dalla Bulgaria ed ancora vuole imporsi a Magonza prima di prendere il volo.<BR>C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-nedelev-1012745.htmSiT1000007100075701,02,03,06030716
711012735NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani vuole Casemiro del Real Madrid20140224194331milanSecondo quantoSecondo quanto riportato da Fichajes.net il Milan segue con attenzione il brasiliano Casemiro, centrocampista classe '92 in forza al Real Madrid. Il calciatore piace molto a Clarence Seedorf che vorrebbe portarlo in Italia nella prossima stagione. Il Real però non ha intenzione di mollarlo facilmente e sarebbe pronto a chiedere in cambio Riccardo Montolivo.<BR>C1012317adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-vuole-casemiro-del-real-madrid-1012735.htmSiT1000027100075701,02,03,07030826
721012652NewsCalciomercatoJuventus, Osvaldo è proprio un vero affare?20140201143034juventusPerSi dice che certe occasioni bisogna prenderle al volo, anche perché se non le prendi tu, gli altri ti soffiano l’affare. Sarà, ma noi tutto questo affare della Juventus che ha ingaggiato Pablo Osvaldo, sinceramente non lo vediamo. Marotta si è garantito le prestazioni del giocatore per una cifra di 400 mila euro con un milione di bonus e un diritto di riscatto fissato sui 18 milioni di euro. Per noi è una pazzia, perché quella cifra così alta Osvaldo non li vale, tenuto anche conto che gli inglesi ad inizio campionato l’hanno pagato 15 milioni di euro. E poi, come si inserirà l’ex romanista nello spogliatoio della Juve che da sempre è attenta alle regole e alla massima disciplina? Questo è un bel punto interrogativo da non sottovalutare, anche se Antonio Conte che ha fortissimamente voluto il giocatore è sicuro di poterlo gestire in maniera adeguata. Certo, tenuto conto dello schema tattico 3-5-2, l’allenatore della Juventus dovrà scegliere tra Llorente e Osvaldo, visto che Tevez è inamovibile. E poi, in queste ultime ore di mercato la Juve deve sfoltire almeno uno dei suoi attaccanti tra Vucinic e Quagliarella. Infatti, sono decisamente troppi gli attaccanti bianconeri. Tevez, Llorente, Vucinic, Quagliarella, Giovinco e adesso pure Osvaldo, francamente sono davvero troppi. Dopo la nota vicenda che ha coinvolto Juve e Inter in merito allo scambio tra Vucinic e Guarin, il montenegrino ha già respinto le proposte di Arsenal e Valencia, ma potrebbe dire si all’Inter, visto il suo desiderio di restare in Italia. In queste ultime ore di mercato sembra esserci un timido risveglio delle parti per lo scambio tra Vucinic e Guarin che accontenterebbe tutti, tranne i tifosi interisti. Ma, se non se ne facesse nulla, Quagliarella sarebbe in predicato di partire forse con destinazione Lazio che lo insegue da vicino. Il giocatore campano che ha compiuto 31 anni ha già detto di no per un eventuale trasferimento all’estero tra Cardiff e Siviglia. Vedremo cosa accadrà ancora in casa Juve a pochissime ore dalla chiusura di questo pazzo mercato d’inverno in cui girano pochi soldi, pochi affari, pochi veri campioni che possano fare la reale differenza e molte chiacchiere che invogliano più a fare voli pindarici che reali.<br><br> Salvino Cavallaro&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR><br><br>C1012317FL0711FL071120121119_osvaldo4.jpgSiNjuventus-osvaldo-e-proprio-un-vero-affare-1012652.htmSiT1000007100451001,02,03,06030680
731012648NewsCalciomercatoGli ultimi intrigati scambi del pallone italiano20140129184207calcioIl funambolicoA due giorni dalla chiusura del mercato d’inverno, il football italiano si prepara ai colpi dell’ultimo momento. Spunta all’orizzonte l’interesse della Juve per Osvaldo che, in attesa di collocare Vucinic (probabile la sua destinazione in Inghilterra), si pensa al 28enne attaccante che dopo una lite in allenamento, ha rotto ogni rapporto con il Southampton. L’attaccante potrebbe arrivare alla Juve con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto. Ma, pur riconoscendo le indubbie qualità tecniche e tattiche di Osvaldo che tanto piace a Conte, c’è da considerare il problema caratteriale del giocatore, i cui precedenti parlano chiaramente d’incapacità d’inserimento nell’ambito dello spogliatoio e difficoltà d’ambientamento. Un nodo alquanto difficile da sciogliere, tenuto anche conto che la Juventus ha sempre tenuto in considerazione la disciplina e il rispetto delle regole in maniera assolutamente marcata. Vedremo cosa ci riserveranno questi altri due giorni prima della chiusura del mercato. Intanto, l’Inter del nuovo presidente Thohir sembra a un passo per chiudere per Hernanes, l’attaccante della Lazio che vestirebbe fin da subito la maglia dell’Inter versando alle casse di Lotito 13 milioni di euro più Mbaye, il giocatore in forza al Livorno che però è di proprietà dell’Inter. Ranocchia sembra salutare Mazzarri per trasferirsi alla corte di Mancini nel Galatasaray, con la formula del prestito oneroso. E, per un difensore che va, un altro ne arriva, anche se non centrale di difesa ma esterno. Si tratta di D’Ambrosio che arriva dal Torino in cambio di 750 mila euro più la metà di Benassi e del giovane Colombi in forza alla Primavera. Anche il presidente Squinzi del Sassuolo vuol dire la sua. Dopo aver esonerato Di Francesco, l’obiettivo principe dovrebbe essere Pippo Inzaghi dal Milan ma Galliani ha già fatto sapere di non essere intenzionato a lasciare partire l’allenatore. E, qualora l’affare non andasse in porto, l’interesse si sposterebbe verso Di Matteo o Malesani. Intanto il Sassuolo ha acquistato Floccari dalla Lazio a titolo definitivo e Sanabria, il rampollo giocatore del Barcellona classe ’96 che arriva tramite la Roma. In casa Milan si affaccia d’improvviso l’interesse verso il 24enne fantasista del Fulham, Adel Taarabt che potrebbe arrivare in cambio del terzino rossonero Zaccardo. Il funambolico attaccante marocchino già da tempo nel mirino della società rossonera, è un giocatore dalle caratteristiche tecniche interessanti capaci di mettere in risalto le sue brucianti accelerazioni con palla al piede. Ottimo in fase di ripartenze. Vedremo se l’affare andrà in porto fin da gennaio o nel mercato estivo. C’è anche un timido interesse per Biabiany ma Galliani sta attento a non intromettersi nella trattativa del giocatore con la squadra di Marcello Lippi in Cina. E’ un fatto di correttezza, cui l’AD del Milan non vuol venir meno. Dopo che lo scambio Costant – Armero è fallito, il Napoli di De Laurentiis è sempre alla ricerca di un esterno. Dopo aver preso Henrique, il Napoli continua a sondare il mercato per acquisire altri rinforzi per Benitez. Interessa il 22enne centrocampista del Wolfsburg Ricardo Rodriguez e il 23enne esterno sinistro del Saint’Etienne Ghoulam che, in passato, è stato inseguito anche dalla Roma. Vedremo se tutti questi tentativi, andranno a buon fine e, soprattutto, saranno in grado di migliorare la squadra partenopea che negli ultimi tempi sembra avere perso lo smalto iniziale. Per il resto è normale amministrazione di un mercato che ormai è quasi giunto al giorno della verità.<BR><BR>Salvino Cavallaro <BR><BR><BR>C1012317FL0711FL0711guarin-inter.jpgSiNgli-ultimi-intrigati-scambi-del-pallone-italiano-1012648.htmSi100451001,02,03,04,06,07,08030591
741012622NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, spunta Pastore: possibile il prestito20131231190733calciomercato, roma, pastoreI rapporti dell`argentino con il Psg sono incrinati, pronta anche l`ipotesi Parolo. Per la difesa c`è HeitingaLa voce è quella autorevole de <EM>L'Equipe</EM>. Il quotidiano francese, da buon specialista di calciomercato, annuncia che&nbsp;Pastore alla Roma si può fare. <STRONG>L'argentino è in rotta con il Psg e cerca una nuova sistemazione definitiva</STRONG>, che comunque potrebbe difficilmente trovare in Italia, paese che lo ha lanciato con la maglia del Palermo. La dirigenza parigina, che due anni e mezzo orsono sborsò 42 milioni per averlo, non è disposta a svenderlo e le richieste non sembrano alla portata delle casse dei club nostrani. <STRONG>Tuttavia la Roma di Rudi Garcia ha la possibilità di ricevere una considerevole mano d'aiuto da <EM>El Flaco</EM> tramite la formula del prestito secco</STRONG>.<br><br> Pastore o no,&nbsp;i giallorossi si preparano ad un mercato di tutto rispetto. <STRONG>Rimane l'interesse per Nainggolan, mentre entra in orbita anche Parolo</STRONG>: si parla di una comproprietà con il Parma da 2,5 milioni. Sul fronte in uscita, il mister è stato chiaro: "Mi auguro soprattutto di non perdere nessuno dei miei ragazzi". Restano da sistemare gli esuberi di Borriello e Burdisso, con l'attaccante che piace alla Sampdoria e al West Ham. I londinesi sono in corsa anche per il difensore, adocchiato dal Siviglia. <STRONG>In caso di cessione dell'ex interista, Sabatini avrebbe pronta l'alternativa Heitinga</STRONG>.<br><br>C1012317FL0435FL0435pastore.jpgSiNcalciomercato-roma-pastore-1012622.htmSiT1000012100612201,02,03010688
751012618NewsCalciomercatoMessi al Psg: si può fare?20131227185926messi, psg, barcellona, calciomercatoParigini disposti a pagare la clausola di rescissione e a soddisfare le richieste della Pulce: l`ago della bilancia sarà la sua volontà.Il colpo è di quelli che fanno tanto rumore, una bomba di mercato senza precedenti, sia per le cifre, sia per il nome in ballo: <STRONG>il Psg vuole Lionel Messi</STRONG>. Il bomber argentino è legato al Barcellona da una clausola rescissoria di ben 250 milioni di euro. Un salasso insopportabile per tutti o quasi, fatta eccezione per Al-Khelaifi, uno capace di prendere una squadra soppiantata dagli astri nascenti del calcio europeo e francese, e portarla nel corso di poche stagioni ad un prestigio mondiale. <STRONG>Ad Ibrahimovic, Lavezzi e Pastore potrebbe aggiungersi così anche la Pulce, e il condizionale non è poi così azzardato</STRONG>. Infatti, superata la questione economica, vi sono dei fattori che potrebbero allentare i rapporti tra la dirigenza blaugrana e il quattro volte Pallone d'oro. <BR><BR>In primis, i problemi legati al fisco. <STRONG>Il padre Jorge, che cura gli interessi finanziari di Messi, è stato indagato per evasione fiscale dall'Agenzia Tributaria Spagnola</STRONG>, indagine che ha portato al pagamento di cinque milioni di euro da parte del giocatore per non aver pagato le tasse tra il 2007 e il 2009. Inoltre Jorge Messi è stato ultimamente coinvolto, come riportato da El Mundo, in un'indagine relativa al riciclaggio di denaro derivante dal narcotraffico principalmente&nbsp;tramite eventi di beneficenza. Le accuse sono state rispedite al mittente, ma le ombre rimangono lunghe, rischiando di compromettere l'immagine del giocatore.<BR><BR>Non dimentichiamo tuttavia il fattore sportivo. <STRONG>L'argentino è reduce da cinque stagioni a ritmi da stakanovista, che gli hanno comportato una muscolatura provata</STRONG>. A ciò si aggiunge l'arrivo dell'enfant prodige Neymar, costato non proprio due quattrini: se il brasiliano entra in sintonia con i senatori Iniesta e Xavi quanto l'argentino, la sua insostituibilità è tutta in discussione. E le casse del club ringrazierebbero, sollevate dal peso di un ingaggio d'oro (16 milioni l'anno) che minaccia di aumentare, dietro le pretese economiche del giocatore.<BR><BR><STRONG>Resta da vedere se i tifosi accetterebbero il divorzio, qualora Messi volasse per Parigi.</STRONG> Il club catalano, rivela Le Parisien, sarebbe disposto a scendere a 180 milioni per chiudere la questione, contando sull'apertura di un'asta tra i parigini, il Manchester City e il Chelsea. Dunque, la carne sul fuoco è davvero tanta e le variabili sono altrettante. Fare previsioni è un'impresa titanica. <STRONG>Tutto dipenderà da quanto sarà ricco il piatto, ma soprattutto dalla volontà di Messi</STRONG> e da quanto egli creda nella realizzazione del progetto-Psg, quello di vedere una squadra francese sul tetto del mondo.<BR><BR>FL0435FL0435messi.jpgSiNmessi psg barcellona calciomercato-1012618.htmSi100612201,02,03010347
761012593NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole un centravanti20131122135889juventusCome riporta TuttosportCome riporta Tuttosport, la Juventus in vista della prossima sessione estiva sta valutando una serie di nomi validi per rafforzare ulteriormente il reparto offensivo di Antonio Conte. Marotta e Paratici avrebbero ristretto il cerchio a due obiettivi: Christian Benteke dell'Aston Villa e Mario Mandzukic del Bayern Monaco. Il belga classe '90 è stato seguito live da Paratici nella sfida contro la Colombia, ma il prezzo del suo cartellino frena gli entusiasmi, fra i 25 e i 30 milioni. Diverso il discorso relativo a Mandzukic: il Bayern lo ha di fatto scaricato per far spazio a Lewandowski, e con circa 20 milioni il croato può arrivare a Torino.C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-un-centravanti-1012593.htmSiT1000007100075701,02,03,06030615
771012550NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta punta al rinnovo di un giocatore fondamentale20131101123158juventusIn attesa della firma da apporre Come riporta Tuttosport in attesa della firma da apporre sul nuovo contratto, Arturo Vidal si gode il gol su rigore contro il Genoa e la vittoria che scaccia la mini-crisi e riapre la rincorsa sulla Roma. A breve il cileno firmerà il prolungamento con un ingaggio che diventerà da 4,5 milioni di euro a stagione, eguagliando i compagni più pagati. A fine partita si gode la rete dedicandola alla moglie che lo renderà presto nuovamente papà e poi dichiara: "Abbiamo messo in pratica gli allenamenti, siamo tornati quelli dei due scudetti". C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-punta-al-rinnovo-di-un-giocatore-fondamentale-1012550.htmSiT1000007100075701,02,03,06030428
781012488NewsCalciomercatoPer Agnelli, la Juventus non ha nessun giocatore incedibile20131013180658juventusE’ la sintesi di un discorso “Alla Juve non esistono giocatori incedibili”. E’ la sintesi di un discorso più ampio che Andrea Agnelli ha fatto al convegno economico sportivo “Leaders in football” che si sta svolgendo a Londra presso lo stadio del Chelsea. E’ la lunga analisi preoccupante del calcio italiano, sottoposto ormai da circa dieci anni ad affrontare una crisi economica nazionale che è davvero allarmante. “Se la situazione italiana non cambia, sarò costretto a cedere i giocatori migliori come, peraltro, è già successo ad altri club. Di fronte ad una vantaggiosa offerta per Paul Pogba, ad esempio, non avremmo la forza economica per trattenerlo”. Parole pesanti che arrivano come pietre sul volto dei bianconeri, un po’ come dire che in Italia il tempo delle vacche grasse è finito e bisogna stare con i piedi per terra, piuttosto che fare voli pindarici che non portano da nessuna parte. Pensiamo che il discorso pur crudo del giovane presidente della Juventus non faccia una grinza dal punto di vista razionale, ma siamo sicuri che queste parole non possano far piacere all’intero ambiente bianconero; Conte e tifosi compresi. Il coach della Juve predica ormai da anni pubblicamente che questa squadra ha bisogno di veri e propri top player che attualmente non ha. Con gli uomini a sua disposizione la Vecchia Signora del calcio italiano ha fatto in due anni ciò che alla vigilia era davvero impensabile; di più non si può. Per questo riteniamo che per Conte, almeno di improvvisi cambiamenti di rotta della società, sarà l’ultimo anno in cui siederà sulla panchina bianconera. Andrea Agnelli ha idee chiare ed è difficile dargli torto, almeno per quanto riguarda le difficoltà economiche in cui riversano le società di calcio italiane, ma anche Conte non ha torto quando pensa che, a questo punto della sua carriera, sia legittimo aspirare a traguardi ancora più prestigiosi e non esclude la pista internazionale. Per quanto riguarda invece il posto che lascerà vacante Prandelli dopo il mondiale del prossimo anno, non pensiamo possa interessare a Conte che, pur dicendosi onorato di essere considerato prossimo c.t. azzurro, non prenderà in considerazione tale carica per una questione economica che non può certamente soddisfarlo. E’ come dire che l’appetito vien mangiando e quindi certe legittime aspirazioni vanno soddisfatte. Ma, ritornando alla Juve e alle parole sconfortanti di Agnelli, c’è da tenere conto del sentimento dei tifosi legati come sono ai propri campioni che non vorrebbero mai vederli vestire un’altra maglia. La piazza bianconera mugugna e proprio quando avrebbe voluto sentire discorsi di rafforzamento della squadra che ambisce alla conquista della Champions League ormai da anni, si vede crollare un sogno che, dopo la conquista del doppio scudetto consecutivo, sembra quasi legittimo aspirare. Vedremo come andrà a finire. Certo, la situazione politico – economica del nostro Paese è lo specchio dei risultati calcistici solo sufficienti delle nostre squadre in campo europeo. Per essere competitivi e raggiungere il tetto dell’Europa ci vuole ben altro. Il pallone italiano non è più da tempo il più bello del mondo, ma come mai potrebbe esserlo in un territorio come il nostro in cui la disoccupazione dell’intera popolazione ha ormai raggiunto la più alta percentuale di tutti i tempi? <BR><BR>Salvino Cavallaro&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1012317FL0711FL0711nuovo_archivio_foto_juventus_paul_pogba_690x460.jpgSiNper-agnelli-la-juventus-nesun-incedibile-1012488.htmSiT1000007100451001,02,03,06030336
791012486NewsCalciomercatoJuventus, il tecnico è il valore in più20131010122148juventusIl successoIl successo e la bravura di un allenatore la si vede anche, e soprattutto, dall'apprezzamento che riscuote fra i giocatori con cui lavora. Se poi gli attestati di stima arrivano anche da calciatori che non hanno lavorato con quel particolare tecnico ecco che tutto assume ancora maggior risalto. E' in quest'ottica che si può leggere il primo posto che Antonio Conte, tecnico della Juventus, ha conquistato nella classifica pubblicata da La Gazzetta dello Sport fra gli allenatori con cui, un campione anonimo di 50 giocatori di Serie A, vorrebbe lavorare in carriera. Per il manager bianconero il 32% delle preferenze, seguito a distanza dall'artefice della nuova, spettacolare, Fiorentina, Vincenzo Montella e da quel Massimiliano Allegri che, nonostante, le difficoltà degli ultimi anni in casa Milan ha sempre portato i rossoneri in zona Champions League.<br>C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-il-tecnico-e-il-valore-in-piu-1012486.htmSiT1000007100075701,02,03030406
801012376NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta potrebbe prendere un altro centravanti20130921115244juventusAnche perché adessoCome riporta La Gazzetta dello Sport, Fernando Llorente si sta allenando con serietà e professionalità, in attesa che arrivi il suo momento: se Conte non lo utilizzerà in una delle prossime tre gare, però, a detta del quotidiano si aprirà ufficialmente il caso. Anche perché adesso è la quinta scelta dell'attacco, pur non esistendo gerarchie fisse con Conte e questa è una settimana decisiva per capire se davvero Fernando ha un futuro nella Juventus.C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-potrebbe-prendere-un-altro-centravanti-1012376.htmSiT1000007100075701,02,03,06030398
811012360NewsCalciomercatoCopenaghen-Juventus, le probabili formazioni20130917120911juventusLe probabili formazioniLe probabili formazioni:<br><br> Copenaghen (3-4-3): Christensen; Jacobsen, Stadsgaard, Margreitter; Delaney, Bolanos, Kristensen, Claudemir; Braaten, Abdellaoue, Vetokele. All.: Solbakken<br><br> Juventus (3-5-2): Buffon; Ogbonna, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Pirlo, Vidal, Pogba, Asamoah; Tevez, Quagliarella. All.: Conte<br><br>C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNcopenaghen-juventus-le-probabili-formazioni-1012360.htmSiT1000007100075701,02,03,06030334
821012356NewsCalciomercatoCatania, si riparte con Barrientos20130915114128cataniaEl Pitu diventa Il Catania di Rolando Maran si affida ai piedi e alla fantasia di Pablo Barrientos per cancellare lo zero in classifica e dare il via al proprio campionato. El Pitu diventa così l'uomo fondamentale per il Catania dopo che nelle ultime ore di mercato sembrava vicinissimo il suo addio alla Sicilia. L'argentino alla fine è rimasto e secondo Tuttosport è lui la vera chiave tattica di Maran, che fatti alla mano sarà sicuramente molto felice della permanenza del suo giocatore.C1012317adm001adm001barrientos500.jpgSiNcatania-si-riparte-con-barrientos-1012356.htmSiT1000014100075701,02,03,09030371
831012337NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, possono partire altri giocatori20130911110733juventusCome riporta Tuttosport, è Marco Motta della JuventusAnche se il mercato si è chiuso ieri alle 23 ci sono ancora possibilità per alcuni giocatori di trovare una nuova sistemazione. Uno di questi, come riporta Tuttosport, è Marco Motta della Juventus. L'esterno destro non rientra nei piani di Conte e potrebbe prendere in considerazione una nuova avventura all'estero, dove le trattative sono ancora concesse. Romania, Turchia ed Emirati Arabi sono le destinazioni in questione così come la permanenza a Vinovo fino a gennaio è da valutare. Staremo a vedere se qualcosa potrà muoversi.C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-possono-partire-altri-giocatori-1012337.htmSiT1000007100075701,02,03,06030350
841012346NewsCalciomercatoItalia-Repubblica Ceca, le probabili formazioni20130910113614italiaLe probabili formazioniLe probabili formazioni:<br><br> Italia (3-5-2): 1 Buffon; 19 Bonucci, 16 De Rossi, 3 Chiellini; 2 Maggio, 18 Montolivo, 21 Pirlo, 6 Candreva, 22 Giaccherini; 9 Balotelli, 11 Gilardino. A disp.: 13 Marchetti, 4 Astori, 5 Ogbonna, 8 Pasqual, 11 Florenzi, 7 Aquilani, 20 Verratti, 23 Diamanti, 14 El Shaarawy, 10 Osvaldo, 12 Sirigu. All.: Prandelli.<br><br> Repubblica Ceca (4-2-3-1 ): 1 Cech; 2 Gebre Selassie, 6 Sivok, 3 M.Kadlec, 8 Limbersky; 13 Plasil, 22 Darida; 7 Husbauer, 10 Rosicky, 19 Jiracek; 9 Kozak. A disp.: 16 Vaclik, 23 Drobny, 4 Suchy, 5 Prochazka, 20 Kusnir, 12 Vanek, 17 Horava, 18 Kolar, 14 V.Kadlec, 21 Lafata, 11 Rabusic. All.: Bilek.<br><br>C1012317adm001adm001cesare-prandelli.jpgSiNitalia-repubblica-ceca-le-probabili-formazioni-1012346.htmSiT1000007100075701,02,03030369
851012343NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta pensa al rinnovo di Pirlo20130909112821juventusAl giocatore sarà proposto Dopo i rinnovi di Arturo Vidal e Paul Pogba la Juventus si concentrerà anche su quello di Andrea Pirlo. Il regista bianconero avrebbe dovuto incontrare la dirigenza ad anno nuovo, ma il faccia a faccia sarà anticipato e, secondo la Gazzetta dello Sport, anche Pirlo continuerà la propria avventura a Torino. Al giocatore sarà proposto un rinnovo annuale con un'opzione su un'ulteriore stagione.C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-pensa-al-rinnovo-di-pirlo-1012343.htmSiT1000007100075701,02,03,06030385
861012345NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, rinnova Zuniga20130908115522napoliAvrebbero trovato Ancora pagine saranno scritte per quanto riguarda il rapporto fra Juan Camilo Zuniga ed il Napoli. Secondo quanto riportato quest'oggi da TuttoSport, in realtà le due parti (i partenopei ed il manager del colombiano Riccardo Calleri), avrebbero trovato l'accordo lo scorso 29 agosto, con un'offerta migliore del 40% di quella della Juventus: nel dettaglio, tre milioni e mezzo più bonus netti a stagione con un contratto fino al 2019. A questo punto mancherebbero solo dettagli per la compilazioni dei moduli, poi arriverà l'ufficialità.<BR>C1012317adm001adm001zuniga.jpgSiNnapoli-rinnova-zuniga-1012345.htmSiT1000017100075701,02,03,06,08030690
871012341NewsCalciomercatoItalia-Bulgaria, Prandelli mette un altro in avanti20130906191727italiaSecondo quanto riportato da Sky SportSecondo quanto riportato da Sky Sport Cesare Prandelli ha deciso di cambiare le carte in tavola in vista del match di questa sera contro la Bulgaria valido per le qualificazione a Brasile 2014. In attacco il ct darà spazio a Lorenzo Insigne anziché a Emanuele Giaccherini.C1012317adm001adm001cesare-prandelli.jpgSiNitalia-prandelli-mette-un-altro-in-avanti-1012341.htmSiT1000007100075701,02,03030316
881012339NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, in partenza un altro giocatore20130904114738milanCome riporta La Gazzetta dello Sport Bakaye Traorè Come riporta La Gazzetta dello Sport Bakaye Traorè potrebbe lasciare il Milan per accasarsi in Turchia al Kayseri Erclyesspor. Dopo essere stato vicino all'Olympiacos, il rossonero effettuerà le visite mediche con il suo nuovo club, con i rossoneri che hanno già trovato l'accordo con la società turca sulla base del prestito. C1012317adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-in-partenza-un-altro-giocatore-1012339.htmSiT1000027100075701,02,03,07030563
891012338NewsCalciomercatoCatania, niente Qatar per Barrientos20130903144112Catania, niente Qatar per Barrientos“Niente Qatar per Pablo Barrientos: parola di Pulvirenti. Secondo quanto rivelato da ‘Sky Sport’, il patron del Catania ha annunciato la fine della trattativa che avrebbe dovuto portare l’attaccante argentino all’El-Jaich<strong>Catania, niente Qatar per Barrientos Il presidente Pulvirenti smentisce la cessione dell’argentino (Calciomercato.it)</strong><br><br> “Niente Qatar per Pablo Barrientos: parola di Pulvirenti. Secondo quanto rivelato da ‘Sky Sport’, il patron del Catania ha annunciato la fine della trattativa che avrebbe dovuto portare l’attaccante argentino all’El-Jaich.<br><br> <strong>Calciomercato, Barrientos resta al Catania, non va più in Qatar (Calcio Fan Page)</strong>&nbsp;”Dopo aver blindato Spolli, il Catania trattiene alla sua corte anche Barrientos. Il giocatore argentino sembrava davvero ad un passo dall’approdo in Qatar all’El Jaish, ma la trattativa non è andata in porto. Secondo quanto riportato da Sky, il patron Pulvirenti di comune accordo con il calciatore ha comunicato che “Barrientos resterà al Catania”. Il 28enne argentino, già a segno lunedì scorso nella prima di campionato contro la Fiorentina, dopo 59 presenze e 10 reti con la maglia del Catania, dunque, si prepara ad una nuova stagione in terra siciliana.<br><br> <strong>Telenovela finita, Barrientos resta al Catania (Fantagazzetta)</strong><br><br> “Clamoroso risvolto nella trattativa che doveva portare Barrientos in Qatar. Il fantasista argentino, che sembrava ad un passo dall’addio, resterà in Sicilia anche in questa stagione. L’annuncio arriva direttamente dal presidente del club etneo, Pulvirenti: “Ho incontrato il Pitu, ho parlato con lui, mi ha spiegato il suo stato d’animo e ciò che è successo. Alla fine ci siamo abbracciati. Barrientos resta a Catania”<br><br> <strong>Catania, Barrientos «congelato» (Il Corriere del Mezzogiorno)</strong><br><br> “Il «Pitu» ancora in bilico: in Qatar il calciomercato è aperto un altro mese, ma per prenderlo servono 5 milioni<br><br> “Ultimi fuochi di mercato in entrata e qualche cessione indolore, mentre quelle paventate di Bergessio (sondaggi in extremis di Roma, Lazio e Genoa) e Maxi Lopez (sulle sue tracce Lione e Olympiakos) non si sono concretizzate. Ecco la fotografia delle ultimissime ore di mercato del Catania, col rebus Barrientos, che al momento resta intatto. L’argentino – escluso dalla partita con l’Inter per decisione del club – sarebbe nel mirino dei qatarioti dell’Al-Jaish, che però al momento non hanno formalizzato l’offerta giusta: per il «Pitu» il Catania si aspetta almeno 5 milioni più bonus, ma l’affare rimane in sospeso, perché nei paesi mediorientali il calciomercato andrà avanti ancora un mese e, quindi, tutto è possibile.<br><br> <strong>Barrientos resta (La Gazzetta dello Sport)</strong><br><br> “Poi il colpo di scena in serata: niente addio per Barrientos, che resta a Catania. È saltato anche lo scambio con il Parma OkakaMaxi Lopez: a dire no al trasferimento in Sicilia è stato l’attaccante del Parma.<br><br>C1012317GP01CTGP01CTbarrientos500.jpgSiNcatania -niente-qatar-1012338.htmSiT1000014-01,02,03,09010445
901012334NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, arriva Plasil20130902191844cataniaCon il giocatore che ha da poco effettuato le visite mediche con il club etneo Con il giocatore che ha da poco effettuato le visite mediche con il club etneo, il Bordeaux ha ufficializzato il trasferimento di Jaroslav Plasil (31) al Catania. Il centrocampista ceco, già capitano dei transalpini, arriva in Italia con la formula del prestito secco per la durata di un anno. <br>C1012317adm001adm001almiron.jpgSiNcatania-arriva-plasil-1012334.htmSiT1000014100075501,02,03030377
911012329NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Zuniga resta a Napoli20130902111822juventus,napoli,zunigaSecondo Tuttosport Zuniga resta al napoliLa Juventus, riporta Tuttosport, non avrebbe perso le speranze di arrivare a Juan Camilo Zuniga del Napoli mettendo sul piatto una cifra di circa 5 milioni. Il colombiano, però, è davvero ad un passo dal rinnovo con il club azzurro. Anzi l'accordo dovrebbe essere già stato trovato, con Zuniga pronto a firmare un rinnovo di 4 o 5 anni a cifre davvero importanti: si parla di 3 milioni netti a stagione. Con buona pace della Juventus, che a questo punto può chiudere per Marquinho, esterno della Roma bloccato da diverse settimane sul quale l'Inter resta vigile. Nel mezzo, il nome di Mauricio Isla, al centro di una lunga querelle di mercato che oggi troverà definitivamente la parola fine.C1012317adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-zuniga-resta-a-napoli-1012329.htmSiT1000007100075701,02,03,06,08030360
921012328NewsCalciomercatoReal-Milan, l`accordo! Biennale da 4,4 mln per Kakà: arriva stamattina20130902075127Real-Milan, l`accordo! Biennale da 4,4 mln per Kakà: arriva stamattinaReal-Milan, l`accordo! Biennale da 4,4 mln per Kakà: arriva stamattina-&nbsp;Galliani a <u>Sky </u>ha spiegato che la trattativa con Kakà deve chiudersi subito:<em> &nbsp;“O stasera o mai più. Kakà deve accettare stasera, perchè domani dovrebbe fare le visite mediche”.</em> L’a.d. è comunque apparso molto sereno e in vena di scherzare. Un buon segno. Il tempo, però, stringe: lo stesso Galliani a Mediaset ha ribadito che la decisione va presa in nottata e che <em>"noi partiamo in aereo alle 10 domani mattina, quindi ha tempo sino alle 9 circa". </em>L'affare, però, si farà: <strong>biennale a 4,4 milioni netti all'anno.<em>&nbsp;</em></strong> - E' un&nbsp;Galliani cauto quello che parla a <u>Sky </u>all'uscita dagli uffici del Real:<em> "c'è l'accordo con il Real, ce l'ho qui nella cartellina. adesso manca l'accordo con il giocatore. Per una trattativa sono necessari entrambi".</em><br><br>- Stando a quanto ci risulta, l'affare è sostanzialmente chiuso. Le firme sul contratto tra Real e Milan sono state messe, si attende la soluzione della trattativa economica con il calciatore. Si lavora, come dicevamo, <strong>per un biennale nel quale l'unica variabile ancora da discutere sarebbe quella dei bonus.</strong> Si ricomincerà a trattare dopo la fine delle partite serali, non a cena quindi, come previsto, ma dopo cena. Ci sarà anche Bosco Leite. Galliani, però, chèta i toni: <em>"Ancora non è un giocatore del Milan".</em><br><br>Così Galliani:&nbsp;<em>"Abbiamo l'accordo con il Real Madrid, adesso dobbiamo trattare con il giocatore".&nbsp;</em>Tassotti: <em>"Kakà è un giocatore con qualche anno di più, forse ha avuto anche qualche problema fisico, ma io credo che questo ambiente potrebbe aiutarlo, sicuramente"</em>.<br><br>- Nessun problema tra Real Madrid e Milan: i blancos hanno trovato l'accordo con Galliani. Adesso si deve solo risolvere il problema relativo all'ingaggio. <strong>Dall'accordo restano esclusi i Los Angeles Galaxy.&nbsp;</strong>Alcuni colleghi parlano anche dell'inserimento nell'affare di El Shaarawy da una parte, ed Ozil dall'altra, considerata anche l'esclusione dall'undici iniziale del faraone: a noi di tale trattativa non risulta nulla. Almeno per il momento.<br><br>- Stando a quanto risulta alla nostra redazione, però,<strong> la trattativa sarebbe ancora in bilico. Tra domanda (di Bosco) ed offerta (di Galliani) ballano ancora circa 2 milioni netti</strong>, ed un bonus legato alle presenze che il Milan vuole inserire nel contratto, mentre l'entourage di Kakà no.&nbsp;<br><br>-&nbsp;È ancora <u>As </u>a dare nuovi dettagli: poco prima delle 18, l’edizione web del quotidiano sportivo di Madrid racconta di un <a href="http://www.canalemilan.it/news/live-galliani-rinvia-as-107017" target="_blank"><strong>Kakà ormai arrivato al Bernabeu</strong></a> per definire con Galliani gli ultimi dettagli del contratto che lo legherà al Milan.<br><br>- Arrivano dalla Spagna ulteriori dettagli sulla trattativa per Kakà. Secondo il quotidiano madrileno l’accordo sarebbe praticamente raggiunto, ma <strong>Galliani aspetterebbe a dire l’ultima parola per prudenza</strong>. L’ad del Milan, che aveva inizialmente previsto di tornare a Milano in serata, avrebbe però avvisato di aver cambiato i piani: passerà la notte a Madrid.<br><br>- Discorso chiuso, o quasi, per <u>AS</u>, che analizza così l'avvicendarsi della trattativa in piedi in quel di Madrid.<em> "L'accordo per il trasferimento di Kakà al Milan è imminente e Adriano Galliani, vice presidente del club, già al Bernabeu, dove si è incontrato con il direttore generale del Real Madrid Florentino Perez, sta &nbsp;negoziando i dettagli finali della firma.</em><br><br><em>[...] La riunione è iniziata alle 15.00 ed il Milan sta per convincere i blancos a liberare gratuitamente il centrocampista brasiliano, cosa che comunque si tradurrebbe, per il Real, in un risparmio annuale dei 10 milioni di euro del suo ingaggio (come Cristiano Ronaldo). Pur di tornare in Italia, Kakà ha accettato di ridursi lo stipendio della metà (cinque milioni all'anno) e firmare per due anni".&nbsp;</em>Sempre secondo gli spagnoli<strong>, lo stesso Kakà starebbe rggiungendo Galliani, Bronzetti, Perez</strong> e gli altri dirigenti blancos per chiudere l'operazione. L'affare, però, potrebbe andare avanti a oltranza. Per stasera a cena, difatti, è già stata fissata la seconda parte della folta riunione tra le parti.<br><br>-&nbsp;“<em>Difficilissimo</em>”: così Adriano Galliani al telefono con <u>Milan Channel</u>, a frenare un po’ l’ottimismo che filtrava nelle ultime ore su un affare che resta complicato, questa volta più sul fronte Kakà che non con il Real Madrid.<br><br>- E' iniziato il <a href="http://www.canalemilan.it/news/kaka-milan-incontro-in-corso-107131" target="_blank">pranzo con Florentino Perez</a> al ristorante Puerta 57 all’interno del Santiago Bernabeu. Galliani alla carica per (ri)portare il brasililiano a Milano. L’intenzione del presidente del Real Madrid pare quella di liberare Kakà. Se così fosse l’incontro clou sarà nel pomeriggio con il padre di Ricky &nbsp;per trovare un (difficile) accordo sull’ingaggio.&nbsp;<br><br>- Adriano Galliani stamane alle 11:30 è volato a Madrid per incontrare il presidente del Real Madrid Florentino Perez e definire l’accordo per Kakà. Trovare l’accordo con il Real non dovrebbe essere cosa complicata, <strong>quindi la patata bollente passerebbe a Kakà che dovrà scegliere di decurtarsi buona parte dello stipendio se vuole tornare in rossonero.&nbsp;</strong>Intanto resta a casa per la partita di oggi con l’Atletico Madrid. Al suo posto Ancelotti ha convocato il suo nuovo pupillo Jesè Rodriguez. Al termine dell'incontro, quindi circa intorno alle 14:00 , inizierà il pranzo di lavoro tra l'A.D. rossonero e Perez. Pochi istanti prima di partire, Galliani ha così commentato l'incipit formale della trattativa: <em>"Un ritorno di Kakà resta difficilissimissimissimo”.&nbsp;</em><br><br><u>- As</u>, peraltro, riferisce che il partente Kakà non fa gola solo al Milan. Sul brasiliano ci sono infatti anche Manchester United e Arsenal, che hanno inziaito i loro contatti venerdì. Ma, a sorpresa anche un secondo club italiano (la <strong>Roma</strong>?) si è fatto avanti ieri per l’ex Pallone d’Oro. In ogni caso il Milan è in vantaggio perchè ha la preferenza assoluta del ragazzo, ma non è detto che basti a colmare le differenza economiche sia con il Real che, soprattutto, con il giocatore.<br><br>- Ed un'<a href="http://www.canalemilan.it/news/anche-la-doyen-sports-nellincontro-per-kaka-107121" target="_blank">ulteriore spinta alla felice conclusione dell'affare</a>, peraltro, può arivare dal Brasile. Oltre Galliani, Perez, Gandini, il padre di Kakà e probabilmente la dirigenza dei Galaxy (via Skype), oggi a Madrid a parlare dell'affare <strong>ci sarà anche Nelio Lucas, proprietario brasiliano del fondo Doyen Sports Investments</strong>, secondo quanto riporta <u>Sky</u>. E’ possibile un aiuto economico di Lucas, che già più volte quest’estate ha incontrato Galliani, in cambio di una percentuale sui diritti del giocatore possa sbloccare l’affare.<br><br>C1012317GP01CTGP01CTkaka-1.jpgSiNreal-milan -1012328.htmSiT1000027-01,02,03,07010736
931012307NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani riprende Kakà20130901120246milanCome riporta La Gazzetta dello Sport Potrebbe arrivare già oggi una risposta definitiva per il ritorno di Kakà al Milan. In queste ore, infatti, Adriano Galliani volerà a Madrid per trattare il giocatore con il presidente del Real Madrid Florentino Perez. L'ottimismo, come riporta La Gazzetta dello Sport è imperante fra le parti: il giocatore ha già detto di voler lasciare Madrid e per farlo è disposto a decurtarsi pesantemente l'ingaggio e il Milan ha capito che il Real ha finalmente aperto le porte ad una cessione a titolo gratuito pur di liberarsi dei 30 milioni lordi d'ingaggio che il brasiliano ha diritto d'incassare per i prossimi due anni di contratto.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-riprende-kaka-1012307.htmSiT1000027100075701,02,03,07030722
941012304NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta pensa ai rinnovi20130831111952juventusCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport il Conte "scontento" si potrà consolare presto con il rinnovo del proprio guerriero Arturo Vidal. A mercato chiuso infatti, il cileno sottoscriverà il proprio rinnovo contrattuale diventando di fatto il bianconero più pagato con un accordo da 4 milioni netti all'anno fino al 2018. Subito dopo, sarà il turno di Paul Pogba, con Marotta e Paratici che sono già a lavoro per trovare la giusta formula per blindare, dopo il centrocampista, anche il talento francese che nell'immaginazione dei tifosi juventini è il presente ma sopratutto il futuro della squadra bianconera.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-pensa-ai-rinnovi-1012304.htmSiT1000007100075701,02,03,04,06030456
951012303NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Boateng va allo Schalke 0420130830111660milanCome riporta la BildCome riporta la&nbsp;Bild: ci sarebbe l'accordo tra lo Schalke 04 e Kevin Prince Boateng per il trasferimento del calciatore in Bundesliga. Le cifre di quello con il Milan non sono ancora note ma secondo il quotidiano sarebbero di circa 15 milioni di euro. Sono addirittura in corso le visite mediche del calciatore col club tedesco.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-baoteng-allo-schalke-1012303.htmSiT1000027100075701,02,03030650
961012302NewsCalciomercatoMilan, anche Kakà. Galliani: «Possibile»20130830073330Milan, anche Kakà? Galliani: "Possibile"Sembrava che con l`arrivo di Ancelotti sulla panchina del Real avesse ritrovato lo smalto di un tempo, invece l`avventura di Ricardo Kakà a Madrid sembra avere i giorni contati. Il brasiliano non ha usato mezzi termini e ha dichiarato di voler lasciare i blancos: «E` meglio per me e per il Real che me ne vada«Sembrava che con l'arrivo di Ancelotti sulla panchina del Real avesse ritrovato lo smalto di un tempo, invece l'avventura di <B>Ricardo Kakà</B> a Madrid sembra avere i giorni contati. Il brasiliano non ha usato mezzi termini e ha dichiarato di voler lasciare i blancos: "<I>E' meglio per me e per il Real che me ne vada</I>". Al termine del match odierno, lo stesso brasiliano ha dichiarato:&nbsp;<EM>"Ho parlato anche con il mister, tutti sanno che io voglio andare via. In questo momento continuo a lavorare come deve fare un professionista, ma la mia volontà è quella di cambiare aria".</EM> <P class=p1>Secondo quanto rivelato da Kakà,<STRONG>&nbsp;peraltro, il padre starebbe cercando di definire la sua cessione entro lunedì.</STRONG> Il <B>Milan</B>, fresco di qualificazione alla fase a gironi della Champions, sta alla finestra: si prospetta il ritorno di<B> un vecchio tormentone</B>, che però questa volta non potrà durare più di tre giorni, fino alla chiusura del mercato. Solo poche ore fa i rossoneri hanno definito ed ufficializzato l'arrivo di <A href="http://www.fantagazzetta.com/esclusive-fg/ufficiale-milan-presi-matri-e-barisic-lo-annuncia-milan-channel-175436" target=_blank>Matri a titolo definitivo</A>, e la cessione <A href="http://www.fantagazzetta.com/esclusive-fg/ag-petagna-la-samp-ha-un-forte-interesse-per-lui-l-affare-si-fa-175478" target=_blank>in prestito di Petagna alla Sampdoria.</A><BR><BR> <P class=p1>Ed una conferma, come al solito sibillina, d'un interesse - ormai pluriennale - rossonero, è arrivata dallo stesso Adriano Galliani, che al portale carioca <U>Lancenet </U>ha dichiarato:<EM> "Un suo ritorno? E' possibile, staremo a vedere. E' sempre rimasto nei nostri cuori".</EM><BR><BR> <P class=p1>Sempre Galliani, a <U>SkySport</U>, ha ribadito con un lieve<EM> "Chissà...".</EM><BR><BR> <P class=p1>L'impennata è arrivata in serata, a margine del vertice odierno tra Galliani, Berlusconi ed Allegri ad Arcore. <STRONG>Pochi minuti fa, difatti, un portavoce dello staff dello stesso Kakà, come confermato anche da <U>SkySport</U>, è giunto a Milano</STRONG>. Definito di volta in volta agente, addetto stampa e portavoce di Kaká, <A href="http://www.canalemilan.it/news/portavoce-di-kaka-milan-sarebbe-lideale-dipende-dalla-volonta-del-club-106857" target=_blank>Diego Kotscho interviene sul possibile ritorno del brasiliano al Milan</A> sul suo profilo <U>twitter</U>:<EM> “Kaká sta bene, se non ha spazio nel Real Madrid è meglio per tutti che se ne vada, il mercato non manca se c’è la buona volontà di tutti. Il mercato in Brasile è chiuso. Il Milan? È la mia volontà, per me sarebbe l’ideale. Dipende dalla volontà del Milan di negoziare con il Real Madrid“.</EM><BR><BR> <P class=p1>Si comincia dunque a trattare per il clamoroso ritorno:<STRONG> l'idea di prendere subito Kakà a condizioni vantaggiose, per poter poi aspettare con calma l'arrivo di Honda a gennaio,</STRONG> potrebbe rivoluzionare a sorpresa i piani meneghini a brevissimo, e medio termine. La proposta del Milan al Real Madrid resta quella di sempre: prestito gratuito o oneroso. Più remota, ma comunque plausibile, quella della rescissione consensuale con i blancos: ipotesi cui aspirerebbe il diretto interessato, ma soprattutto Galliani, che potrebbe decidere di investire - e non poco - semmai, nel costo del suo ingaggio.<BR><BR> <P class=p1>Nel frattempo proseguono le trattative per sistemare la mediana. Con il Genoa si continua a lavorare per <STRONG>lo scambio Niang - Kucka, con l'Inter per quello Kuzmanovic - Nocerino</STRONG>. Allegri, però, che ha voluto fortemente Matri e che ha accettato di far rientrare a casa lo stesso Kakà, al nerazzurro preferirebbe fortemente lo slovacco classe '87.&nbsp;<BR><BR><BR><BR><BR><BR><br><br>GP01CTGP01CTkaka-1.jpgSiNmilan-anche-1012302.htmSi-01,02,03,07010505
971012299NewsCalciomercatoLjajic alla Roma (11 mln), Erik Lamela al Tottenham (30), i due comunicati con cui la Roma ha ufficilizzato entrambe le operazioni20130829075054Ljajic alla Roma (11 mln), Erik Lamela al Tottenham (30), i due comunicati con cui la Roma ha ufficilizzato entrambe le operazioniLjajic alla Roma (11 mln), Erik Lamela al Tottenham (30), i due comunicati con cui la Roma ha ufficilizzato entrambe le operazioniConclusa la telenovela Roma - Fiorentina - Tottenham. Con questi due comunicati la Roma ha ufficilizzato entrambe le operazioni. <EM>L'A.S. Roma S.p.A. rende noto di aver sottoscritto il contratto con il Tottenham Hotspur FAC per la cessione a titolo definitivo dei diritti alle prestazioni sportive del calciatore Erik Lamela, a fronte del riconoscimento di un corrispettivo pari a 30 milioni di euro. L'accordo prevede altresì il riconoscimento di un corrispettivo variabile, fino ad un massimo di 5 milioni di euro, per bonus legati al raggiungimento da parte del Calciatore e del Club inglese di determinati.</EM><BR><BR><EM>L'A.S. Roma S.p.A. rende noto di aver sottoscritto con l'ACF Fiorentina il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo dei diritti alle prestazioni sportive del calciatore Adem Ljajic, a fronte di un corrispettivo di 11 milioni di euro. L'accordo prevede altresì il riconoscimento di un corrispettivo variabile, fino ad un massimo di 4 milioni di euro, per bonus legati al raggiungimento da parte del Calciatore e dell'A.S. Roma di determinati obiettivi sportivi. Con il calciatore è stato sottoscritto un contratto di prestazione sportiva di durata quadriennale, con effetti a decorrere dalla data odierna e scadenza al 30 giugno 2017.</EM><BR><BR>GP01CTGP01CTtotti-6.jpgSiNljajic-alla-roma-11 mln-erik-lamela-al-tottenham-30-i-due-comunicati-1012299.htmSi-01,02,03010403
981012298NewsCalciomercatoÈ tutto fatto, Alessandro Matri sarà il nuovo attaccante del Milan20130829074820È tutto fatto, Alessandro Matri sarà il nuovo attaccante del Milan. È tutto fatto, Alessandro Matri sarà il nuovo attaccante del Milan. Tra le righe lo ha confermato anche lo stesso Adriano Galliani, che ha di fatto annunciato che il nuovo acquisto arriverà, e trattasi d`un centravanti, come richiesto dallo stesso Allegri. È tutto fatto, Alessandro Matri sarà il nuovo attaccante del Milan.&nbsp; <STRONG>Tra le righe lo ha confermato anche lo stesso Adriano Galliani</STRONG>, che ha di fatto annunciato che il nuovo acquisto arriverà, e trattasi d'un centravanti, come richiesto dallo stesso Allegri.<BR><BR>Per concretizzare l’affare si aspettava solo la qualificazione in Champions, <STRONG>festeggiata anche dall’attaccante che ritornerà in rossonero dopo 9 anni.</STRONG><BR><BR>Definite anche le cifre. Per Matri sarà lo stesso contratto che aveva alla Juve, ovvero pari a 2,2 milioni fino al 2017. Per la Juventus, 10 milioni pagabili in tre anni più due di bonus, a fronte dell’iniziale offerta di prestito oneroso rifiutata dalla dirigenza bianconera.<BR><BR>Matri potrà giocare sia insieme a Balotelli, con quest'ultimo ad agire nel ruolo di seconda punta, che in alternativa all'ex City. Il tutto in attesa del rientro di Giampaolo Pazzini, ancora difficile da decifrare.<BR><BR>GP01CTGP01CTmatri.jpgSiNe-tutto-fatto-1012298.htmSi-01,02,03,06,07010701
991012297NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole Kempf20130828111554juventusCome riporta Sky Sport Come riporta Sky Sport&nbsp;la Juventus continua a muoversi sul fronte giovani e l'ultimo nome circolato tra le fila bianconere è quello di Marc-Oliver Kempf (18), difensore in forza all'Eintracht Francoforte. Il club tedesco attende nelle prossime ore la risposta della Vecchia Signora in merito al trasferimento del calciatore teutonico, qualora la Juventus dovesse decidere di non acquistarlo ci sarebbe il Borussia Dortmund pronto a chiudere la trattativa. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-kempf-1012297.htmSiT1000007100075701,02,03,06030490
1001012296NewsCalciomercatoAdem Ljajic alla fine ha detto sì alla Roma20130828075817Adem Ljajic alla fine ha detto sì alla RomaAdem Ljajic alla fine ha detto sì alla Roma. Nell’incontro avvenuto ieri pomeriggio con l’ad viola Mencucci alla presenza del papà del campioncino serbo, l’attaccante ha accettato la corte della squadra giallorossa.Adem Ljajic alla fine ha detto sì alla Roma. Nell’incontro avvenuto ieri pomeriggio con l’ad viola Mencucci alla presenza del papà del campioncino serbo, l’attaccante ha accettato la corte della squadra giallorossa. La Roma versa 10,5 milioni di euro più 2 di bonus alla Fiorentina che da questa sera avrà la giovane punta dell’RNK Spalato Rebic. Ljajic, che settimana scorsa ha rifiutato la proposta di rinnovo avanzata dalla società dei Della Valle, lusingato dall’offerta del Milan (rifiutata dai toscani), corteggiato anche dall”Atletico Madrid, ha già salutato i compagni. Domani sarà a Roma per le visite mediche. Tramontata dunque l’ipotesi più temuta dalla società viola: il rifiuto di tutte le destinazioni per arrivare a parametro zero il prossimo anno e trasferirsi al Milan. Rebic firmerà un contratto quadriennale: è costato 4,5 milioni di euro. Il futuro è già iniziato.GP01CTGP01CTljajic-6.jpgSiNadem-ljajic-alla-fine-ha-detto-si-alla-roma-1012296.htmSi-01,02,03,07010450
1011012293NewsCalciomercatoL`estenuante lunghezza del mercato calciatori20130827143242calcioIl mercato calciatori Il mercato calciatori chiuderà i battenti il prossimo 2 settembre alle ore 23. Una campagna acquisti e cessione estenuante, lunghissima e mal organizzata nel suo ordinamento visto che i campionati di calcio di Serie A e B in quella data avranno già consumato la seconda giornata di calendario. Riteniamo che l’attuale sistema allineato dall’Italia agli altri Paesi europei, non possa far altro che creare confusione nel mondo del calcio. Società, procuratori, calciatori, addetti ai lavori e tifosi non ne capiscono più nulla, confusi come sono tra seguire i campionati appena iniziati e le vicende di mercato ancora in corso. Tutto questo senza tenere conto che tra quattro mesi, esattamente il 3 gennaio 2014 e fino al 31 dello stesso mese, risentiremo ancora parlare di trasferimenti di calciatori per la riapertura del mercato, con il conseguente andirivieni di giocatori da una squadra all’altra. Un accavallamento di situazioni che durante lo svolgimento del campionato, non si addice all’attenzione della stragrande maggioranza degli appassionati del pallone che mal digeriscono il trasferimento dei propri beniamini dalla propria squadra a un’altra compagine magari “odiata” da sempre. E’ la legge del mercato moderno, anzi è l’imprescindibilità del dio denaro che non ha tempo né convenienza a soffermarsi dietro filosofie e concetti astratti che nulla hanno a che fare con la concretezza degli iperbolici interessi economici. Tutti sanno che ormai da molto tempo il calcio non è più un gioco, ma un apparente teatro sul cui palcoscenico salgono stabilmente gli interessi privati di sponsor e televisioni che del calcio fanno le loro fortune. E, se in un’Italia stabilizzata ormai da anni in una crisi economica perniciosa che ne identifica una recessione che appare senza freni inibitori, l’azienda calcio pur risentendo solo in parte di questa situazione involutiva, rappresenta pur sempre una delle industrie più fiorenti del sistema mondiale anche grazie all’avvento dei danarosi sceicchi. Ma a tutto c’è un limite. Incominciamo ad esempio a calmierare un mercato diventato eccessivo sotto il profilo della valutazione di calciatori e del relativo esborso economico delle società per il loro acquisto. E, allo stesso tempo, limitiamo la chiusura di calcio mercato soltanto nel periodo estivo, fissando una data che corrisponda esattamente con l’inizio dei campionati di Serie A e B. Ne guadagnerebbero sicuramente le squadre nella loro organizzazione interna e, al contempo, ci sarebbe più ordine nel programmare il raggiungimento degli obiettivi prefissati dalle società stesse. I tifosi, intanto, riacquisterebbero quell’identità di squadra e di calciatori nei quali vogliono riconoscersi, in una sorta di ritrovamento di valori perduti. Tutto ciò, naturalmente, abolendo anche l’inutile mercato di gennaio che non ha mai apportato efficaci miglioramenti in termini tecnici nell’ambito di ciascuna squadra di calcio, neanche per chi lotta per non retrocedere nella serie inferiore. Questa è statistica, non concetti astratti. Pensiamo dunque, che se si riuscisse a ottenere un simile sistema nell’ambito del calcio mercato d’Europa, ne guadagnerebbe sicuramente il mondo del pallone, chi ne usufruisce e chi lo vive da sempre come grande e insostituibile passione.<br><br> Salvino Cavallaro <BR><br><br>C1007650FL0711FL0711pjanic-4.jpgSiNl-estenuante-lunghezza-del-mercato-calciatori-1012293.htmSi100451001,02,03030514
1021012290NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, preso Guarente20130826104452cataniaLa Gazzetta dello Sport Il Catania piazza il colpo a centrocampo. Secondo l'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport il club etneo non ha ancora finito con gli acquisti e dal Siviglia sta per arrivare il centrocampista Tiberio Guarente, l'anno scorso in forza al Bologna ma il cui cartellino appartiene ancora al club andaluso. Beffato dunque il Parma, che da settimane stava sondando la pista per il giocatore.C1007650adm001adm001guarente.jpgSiNcatania-preso-guarante-1012290.htmSiT1000014100075701,02,03,09030439
1031012289NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Ljajic molto vicino20130824115614milanCome riporta La Gazzetta dello SportCome riporta La Gazzetta dello Sport. Ieri l'incontro tra Adem Ljajic si è concluso con uno 0-0 che non lascia spazio a dubbi. Le parti non sono poi così vicine e lunedì (al massimo martedì) la situazione verrà sbloccata definitivamente nell'ultimo incontro tra Mario Cognigni e l'entourage del giocatore. Un weekend per decidere il dà farsi. Un fine settimana che permetterà alle pretendenti di presentare le proprie offerte. La Roma sta per cedere Erick Lamela e poi si potrebbe gettare sul giovane talento serbo, ma in corsa resta anche l'Atletico Madrid, primo club ad essersi interessato all'attaccante. Infine il Milan. La soluzione sarebbe la più gradita al giocatore, ma dalla Fiorentina arriva il diktat presidenziale: "Niente rossoneri". C1007650adm001adm001ljajic-6.jpgSiNmilan-ljajic-molto-vicino-1012289.htmSiT1000027100075701,02,03,07030966
1041012288NewsCalciomercatoTorino, ora ci mancava pure Maresca20130823151922torinoTra tanti giocatori a disposizione Storie di corna, bicorna e fattura ca nun quaglia. Era il detto di Peppino De Filippo in arte “pappagone”, che voleva esorcizzare la sfortuna. E, pensando al Toro, potremmo dire che l’esempio calzi a pennello vista la cosmica sfiga che accompagna la lunga storia granata. Tra tanti giocatori a disposizione del mercato calciatori, il DS Petrachi ha pensato bene d’interessarsi a Maresca, il giocatore che in un lontano derby, quando vestiva la maglia della Juventus, dopo aver segnato il gol del pareggio mimò con le corna lo sfottò a Ferrante (che era solito gioire in questa maniera dopo aver segnato un gol) e a tutta la curva Maratona. Un gesto d’indubbia caduta di stile, che è rimasto nella storia degli sfottò più cocenti tra i tifosi del calcio italiano. I rumors riferiscono di un malcontento generale dei tifosi granata i quali non hanno dimenticato quello “smacco” rimasto indelebile nella loro memoria. Sono gli scherzi del calcio che evidenzia spesso&nbsp; tifosi che non accettano “offese”. Certo, nel calcio professionistico in cui ormai siamo abituati a vedere giocatori che cambiano casacca continuamente senza alcun problema di sorta, parlare di valori legati alla non vestizione di maglie “proibite” dai tifosi, sembra ormai anacronistico. Tuttavia, senza certamente volersi prendere troppo sul serio, esiste un codice sentimentale che i tifosi pretendono ancora oggi: l’attaccamento alla maglia da parte dei propri beniamini. Da qui si cerca poi di disprezzare colui il quale passa dal Toro alla Juve, dal Milan all’Inter, dalla Roma alla Lazio, dal Genoa alla Sampdoria e viceversa. Ci sono poi gesti, sgarbi, sfottò e quant’altro, che offendono la suscettibilità dei tifosi più arcigni. Giusto o sbagliato è purtroppo così. E, ritornando all’acquisto eventuale di Maresca da parte del Toro, si scatenerebbero sicuramente controversie per nulla facili da digerire. Dal punto di vista della capacità del centrocampista in termini tecnici non ci sono dubbi e, probabilmente, per ironia della sorte, potrebbe essere proprio il giocatore adatto al centrocampo granata. Ma come potrà mai la curva del Toro, ammettere di far vestire la maglia granata a colui il quale li ha presi in giro in maniera così eloquente? Storie grottesche del calcio di sempre che, se vissute con toni e metodi civili, rappresentano il sale in una pietanza che altrimenti sarebbe senza gusto.<br><br> Salvino Cavallaro <BR><br><br>C1007650FL0711FL0711barreto-6.jpgSiNtorino-adesso-ci-macava-pure-maresca-1012288.htmSiT1000099100451001,02,03,06,07030750
1051012287NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marrone va al Monaco20130823120931juventusTuttosportSì a Luca Marrone, no a Claudio Marchisio. E' la risposta al Monaco, come riporta Tuttosport, data dalla juventus. I monegaschi corteggiano da tempo il giovane mediano, sul quale ci sono già Benfica e Siviglia. Le trattative col club del Principato sono però già iniziato e l'affare si può fare. No, invece, alla richiesta per Marchisio: il Principino è incedibile, anche davanti all'offerta del Monaco.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marrone-va-al-monaco-1012287.htmSiT1000007100075701,02,03,06030418
1061012286NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, si avvicina Eto`o20130822112040interCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport la settimana prossima l'Inter si muoverà ufficialmente per provare a riportare a Milano Samuel Eto'o. Il camerunense non sembra essere concvinto dall'ipotesi inglese, anche se il Chelsea resta comunque la favorita. Il club di Londra ha presentato per il momento soltanto un'offerta informale con un solo anno di contratto, formula che non piace nè al giocatore nè al suo procuratore Vigorelli. I nerazzurri potrebbero inserirsi qui dunque, con gli uomini di mercato interisti che sono già al lavoro per presentare all'entourage del giocatore, un'offerta che lo convinca a riprendere l'aereo per vestire nuovamente la maglia che lo ha portato a vincere il Triplete.C1007650adm001adm001mazzarri-inter.jpgSiNinter-si-avvicina-eto-o-1012286.htmSiT1000026100075701,02,03,04,07030963
1071012285NewsCalciomercatoTorino, che fai? Già sei fuori dalla Coppa20130821141117torinoTorino ha subito nella prima “Dispiace uscire subito dalla Coppa Italia ma questa serata ci aiuterà a sistemare parecchie cose. Cerci fuori all’inizio? Quando sarà al top della forma sarà fondamentale per noi”. A parlare è Giampiero Ventura subito dopo la scoppola che il Torino ha subito nella prima partita di Coppa Italia in casa con il Pescara. Una sconfitta che ha subito avuto la reazione immediata della Triade composta da Cairo, Petrachi e Comi che, riunitisi nello spogliatoio in un summit d’urgenza, hanno cercato di analizzare una sconfitta che brucia, amareggia e che sa anche di delusione profonda. L’avversario non era dei più irresistibili, eppure il Toro è riuscito a rovinare una serata d’agosto in cui i tifosi granata si erano preparati ad accogliere i suoi beniamini. Pare che dal summit granata, espresso a denti stretti dal presidente Cairo contro Ventura, sia emerso il problema del centrocampo in cui non spicca il giocatore dai piedi buoni; il regista, il metodista o, se volete, il playmaker capace di amministrare i tempi e illuminare quel gioco granata apparso senza anima. Annoso il problema del centrocampo del Toro e ripetitivo è il concetto di non ravvedersene mai in tempo utile. Adesso si cerca Valdes del Parma, ma, giustamente, sia Ghirardi che Leonardi rispondono un secco NO. Troppo importante è il centrocampista gialloblù per il Parma di Donadoni, ci vorrebbe un’offerta allettante che possa stuzzicare l’appetito della dirigenza: ma i soldi di Cairo, dove sono? E’ sempre la solita storia, situazioni mai risolte e sofferenze che s’intrecciano nel mondo granata, quasi a significare l’emblema di una storia fatta di tragedie e tortuosi episodi legati a un pallone che sembra non sorridere mai ai colori granata. Esce un presidente e ne entra un altro, si esce da un fallimento e si rivede la luce della speranza che non c’è mai. Cambiano i personaggi ma la sostanza resta sempre la stessa. E intanto le altre squadre vincono, si attrezzano in maniera consona al prossimo campionato e sono in grado di pianificare un futuro almeno sereno. Il Toro no! Sempre le stesse cose. Prestiti con diritto di riscatto e mille altre soluzioni precarie che parlano continuamente di stiracchiamenti di una coperta sempre corta e mai capace di coprire magagne evidenti a tutti. Continua Ventura: ”Abbiamo cambiato modulo e uomini; non sono preoccupato per il risultato”. Certo, ma ci dica signor Ventura, qual è quella squadra che a questo punto della stagione non si è rinnovata negli uomini e nei moduli tattici? Sono i grandi giocatori che fanno grandi le squadre e, purtroppo, il Toro continua a non averli. Papa Francesco ci dice di non farsi rubare la speranza. Ebbene, i tifosi del Toro per pazienza infinita, sono proprio l’emblema della speranza mai perduta. D’altra parte, cosa resta se non sperare?<br><br> Salvino Cavallaro <br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br>C1007650FL0711FL0711barreto-6.jpgSiNtorino-che-fai-gia-sei-fuori-dalla-coppa-1012285.htmSiT1000099100451001,02,03030619
1081012284NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta prende Paulinho20130821114137juventusCome riporta Tuttosport Come riporta Tuttosport la Juventus avrebbe prenotato per il 2014 il centravanti del Livorno, Paulinho. Che il presidente dei labronici, Aldo Spinelli, ha blindato in casa dei toscani, rifiutando anche offerte importanti dalla Sampdoria. Dopo Gabbiadini, Zaza, Immobile e Boakye, potrebbe arrivare un altro attaccante prenotato per i bianconeri.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-prende-paulinho-1012284.htmSiT1000007100075701,02,03,06030533
1091012283NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, in tante su Ljajic20130820113621milanThe TimesOggi sarà una giornata molto calda per la Fiorentina per quanto riguarda il mercato. In occasione della presentazione della squadra allo stadio Artemio Franchi, è probabile che i dirigenti viola ne approfittino per tenere il colloquio decisivo con Adem Ljajic ed il suo entourage. La Fiorentina vuole il rinnovo con la clausola rescissoria fra i 12 ed i 15 milioni, gli agenti massimo 12 ed un contratto migliore di quello offerto. L'Atletico Madrid, che ha già formulato un'offerta da 10 milioni, resta alla finestra, ma secondo quanto riferito da The Times, per Ljajic si starebbe rifacendo sotto anche il Tottenham, nel caso fallisse l'assalto a Willian.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-in-tante-su-ljajic-1012283.htmSiT1000027100075701,02,03,04,07030749
1101012280NewsCalciomercatoCalciomercato Genoa: via Granqvist, si avvicina Gamberini20130819094040genoa, calciomercato, gamberini capuano, granqvist, astoriLo svedese va in russia, al Krasnodar. Si cerca il sostituto: bloccato Capuano, Astori spinge Gamberini al Marassi.Adesso è ufficiale: <b>Granqvist </b>si trasferisce dal Genoa al Krasnodar, in Russia. La notizia è stata comunicata con una nota sul sito ufficiale della società rossoblu, che intanto incassa la sconfitta nel derby&nbsp;di Coppa Italia contro lo <b>Spezia</b>. Il tecnico <b>Fabio Liverani</b> ha rivelato ai microfoni de <em>Il Secolo XIX </em>che "gli obiettivi sono noti e se ci saranno delle cessioni prenderemo dei sostituti. Ma il Genoa sarà una delle squadre che cambierà meno". E' probabile dunque che arriverà nei prossimi giorni il sostituto dello svedese, precedentemente accostato anche al Milan e alla Lazio. L'ultima idea si chiama <b>Gamberini</b>, l'alternativa <b>Marco&nbsp;Capuano</b>. Più facile riuscire a strappare un accordo per il difensore partenopeo, in quanto il Pescara ha già rifiutato una importante offerta giunta dal Celtic Glasgow. L'ago della bilancia però è <b>Astori</b>. Il difensore bolognese infatti lascerà il San Paolo solo a seguito dell'ufficializzazione dell'acquisto del cagliaritano, che potrebbe giungere già nella giornata di domani.&nbsp;C1007650GenovaFL0435FL0435granqvist.jpgSiNcalciomercato-genoa-granqvist-va-in-russia-1012280.htmSiT1000022100612201,02,030301136
1111012282NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, preso Boateng20130818114031cataniaCome riporta Sky Sport Come riporta Sky Sport domani sarà una giornata impegnativa per Kingsley Boateng, che dapprima firmerà in via Turati il rinnovo triennale fino al 2017 col Milan e poi si accorderà per il trasferimento al Catania. Un'operazione che si chiuderà in prestito con diritto di riscatto della metà.C1007650adm001adm001almiron.jpgSiNcatania-preso-boateng-1012282.htmSiT1000014100075701,02,03,07,09030522
1121012281NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, Osvaldo verso il Tottenham20130817145227romaDaily Star Il Daily Star ne è certo: ha rifiutato il trasferimento al Southampton. L'attaccante della Roma infatti sta aspettando altre offerte, e le uniche che prenderà in considerazione, si legge, sono quelle che arriveranno dal Tottenham o dall'Inter. I Saints avevano trovato l'accordo con la Roma sulla base di 20 milioni di euro, ma il no di Osvaldo costringerà la dirigenza del club inglese a puntare su altri obiettivi.C1007650adm001adm00120121119_osvaldo4.jpgSiNroma-osvaldo-verso-il-tottenham-1012281.htmSiT1000012100075701,02,03030853
1131012279NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, il Catania vuole Boateng20130816122950milanKingsley BoatengIl Catania continua a guardare in casa Milan. Il club rossazzurro sta proseguendo i contatti con i rossoneri per Kingsley Boateng. Si va avanti, un'operazione che si può chiudere comunque dopo il preliminare di Champions League. Il Catania preme per Boateng junior.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-il-catania-vuole-boateng-1012279.htmSiT1000027100075701,02,03,07,09030965
1141012278NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole Eriksen20130815155028juventusDaily Express Shopping in Italia e concorrenza alle italiane. Il Tottenham si intromette negli affari di casa nostra. Dal Daily Express arrivano conferme circa la trattativa per Erik Lamena, intanto gli Spurs continuano ad avere nel mirino anche Christian Eriksen, giocatore che piace molto alla Juventus; per il danese dell'Aajx è pronta un'offerta da 8 milioni di sterline.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-eriksen-1012278.htmSiT1000007100075701,02,03,06030639
1151012276NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani punta Kozak20130814110114milanNuovo obiettivo per il MilanNuovo obiettivo per il Milan, scrive oggi Tuttosport: è Libor Kozak della Lazio, che Adriano Galliano ha chiesto a Claudio Lotito. Il nome nuovo, quello del ceco, è in uscita dalla Capitale e costerebbe ai rossoneri tra i 6 e gli 8 milioni di euro. Lotito per adesso dice no al prestito, il giocatore però vuole assolutamente lasciare Roma: sinora, le richieste arrivate, da Udinese, Livorno, Sunderland e mezza Premier, non sono state accettate.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-punta-kozak-1012276.htmSiT1000027100075701,02,03,07030875
1161012275NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta fa partire Matri20130813134717juventusSecondo quanto riporta TuttosportSecondo quanto riporta Tuttosport, l'entourage di Alessandro Matri sarebbe già a Capri per un primo summit con la dirigenza azzurra. Oggi potrebbero esserci novità importanti sul trasferimento dell'ex Cagliari che potrebbe dare a breve una risposta al Napoli pronto ad offrirgli un quinquennale da 2,7 milioni a stagione, proposta impareggiabile almeno in Italia. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-fa-partire-matri-1012275.htmSiT1000007100075701,02,03,06,08030719
1171012273NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, vicino Luiz Gustavo20130812220327napoliSecondo quanto riporta SportbildLuiz Gustavo potrebbe lasciare il Bayern Monaco per trovare maggiore continuità. Il centrocampista brasiliano è il nome nuovo per il Napoli. Il club campione d'Europa vorrebbe circa 18 milioni di euro e il patron Aurelio De Laurentiis sarebbe pronto ad investire quella cifra per regalare a Rafa Benitez il forte mediano. Su Luis Gustavo c'è da registrare anche la forte concorrenza dell'Arsenal ma, in un'intervista rilasciata al quotidiano tedesco Sportbild, l'agente del calciatore Roger Wittmann ha negato qualsiasi contatto sia con l'Arsenal che con il Chelsea per il suo assistito.C1007650adm001adm001GONZALO-HIGUAIN580.jpgSiNnapoli-vicino-luiz-gustavo-1012273.htmSiT1000017100075701,02,03,08030924
1181012269NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, vicino Martins Indi20130811111448milanCome riporta TuttosportHonda e Ljajic. Il Milan non ha solo uno, ma ben due tormentoni estivi che si stanno surriscaldando in questa estate di calciomercato. In attesa che si possa sbloccare qualcosa, i rossoneri però sono attivi su altre piste, ed in questo senso potrebbe tornare l'alleanza con il Genoa: tre anni dopo l'operazione per Boateng, come riporta Tuttosport i due club potrebbero cooperare per Bruno Martins Indi, uno dei difensore più interessanti in Europa. Si tratta di un giovane, classe 1992, che colpisce soprattutto per la duttilità: bravo in copertura e nel far ripartire l'azione da centrale, si disimpegna bene anche da terzino destro. Il Feyenoord chieda circa 10 milioni, per 6-7 si potrebbe anche pensare di chiudere. Il Genoa di Preziosi ci lavora da alcune settimane, soprattutto per superare la concorrenza di Napoli, Tottenham ed Everton.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-vicino-martins-indi-1012269.htmSiT1000027100075701,02,03,07,08030625
1191012272NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole Biabiany20130810105242juventusCome riporta TuttosportDue piste in parallelo per la Juventus: victor Ibarbo e Jonathan Biabiany. Secondo Tuttosport i bianconeri hanno intenzione di piazzare un altro colpo (escludendo al momento Zuniga) entro la fine del mercato; naturalmente prima l'attenzione degli uomini di mercato sarà rivolt aalle uscite. Per quanto riguarda Ibarbo al momento sembre avanti il Napoli, pronto a offrire 10 milioni di euro oltre ad una contropartita gradita come Walter Gargano. Ieri il ds del Parma Pietro Leonardi è tornato ad informarsi su Stefano Beltrame, giocatore per il quale i ducali hanno già trattato con la Juve a gennaio quando i bianconeri volevano Belfodil. La pista Biabiany riprende così vigore: il francese piace per la duttilità, dato che è capace a destreggiarsi a destra e a sisnistra, a centrocampo o come esterno d'attacco. Nel caso le cose dovessero andare avanti, i bianconeri dovranno trattare anche con la Samp, che detiene metà del cartellino.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-biabiany-1012272.htmSiT1000007100075701,02,03030441
1201012271NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, Mazzarri vuole Osvaldo20130809104436interSecondo Il Corriere dello Sport Secondo Il Corriere dello Sport oggi in edicola, c'è un grande obiettivo in casa Inter: Pablo Daniel Osvaldo. Secondo il giornale c'è già l'accordo con l'entourage del giocatore, che nel frattempo ha rifiutato Zenit e Southampton. Il club giallorosso vuole cederlo, nonostante il parere contrario di Garcia, Totti e dello spogliatoio. Osvaldo vuole restare in Italia ancher per conquistare la Nazionale e Mazzarri lo ritiene perfetto per la sua nuova avventura a Milano. Cifre? Colpo da ultimi giorni, 12 milioni di euro in due anni.C1007650adm001adm00120121119_osvaldo4.jpgSiNinter-mazzarri-vuole-osvaldo-1012271.htmSiT1000026100075701,02,03,07030862
1211012268NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole sfoltire20130807120830juventusCome riporta Tuttosport Come riporta Tuttosport la cifra che la Juventus avrebbe fissato con l'Everton per un'eventuale cessione di Luca Marrone. Per far partire il centrocampista, il club bianconero vorrebbe 8 milioni di euro: pupillo di Antonio Conte, la società di Corso Galileo Ferraris potrebbe però accettare una proposta importante da parte dei Tofees come accaduto in occasione di Emanuele Giaccherini, finito al Sunderland.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-sfoltire-1012268.htmSiT1000007100075701,02,03,06030564
1221012267NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani vuole un difensore20130806215652milanAccostato a MilanAccostato a Milan e Roma, Vlad Chiriches (23) resterà ancora per qualche mese in Romania. Il difensore della Steaua Bucarest ha visto svanire la possibilità di trasferirsi al Tottenham: "Con gli spurs niente, per questo il ragazzo fino a dicembre giocherà con la maglia della Steaua Bucarest con massimo impegno e professionalità. A gennaio poi vedremo la situazione, per ora è inutile parlare di una cosa che dovrebbe accadere tra tre-quattro mesi".C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-vuole-un-difensore-1012267.htmSiT1000027100075701,02,03,07030583
1231012263NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, preso Arras20130804112017juventusCome riporta Sky Sport Come riporta Sky Sport la Juventus continua a lavorare sul mercato in prospettiva. Il club bianconero ha definito l'ingaggio di Davide Arras, attaccante classe '98 scuola Vicenza. Il giocatore nella scorsa stagione ha segnato oltre 30 gol con i Giovanissimi Nazionali e verrà aggregato agli Allievi Nazionali.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-preso-arras-1012263.htmSiT1000007100075701,02,03,06030621
1241012262NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, altro acquisto in avanti20130801112648romaCome riporta Il MessageroCome riporta Il Messaggero oggi in edicola per la Roma ci vorrebbero un paio di esterni necessari per la formazione di Rudi Garcia. Non solo Gervinho dall'Arsenal, dunque, secondo il quotidiano romano: tra i tanti nomi usciti negli ultimi tempi, è sempre più caldo quello di Abel Hernandez. Uruguaiano del Palermo, i rosanero lo considerano incedibile ma la Roma di Walter Sabatini resta in pressing sul ragazzo.C1007650adm001adm001pjanic-4.jpgSiNroma-altro-acquisto-in-avanti-1012262.htmSiT1000012100075701,02,03030807
1251012261NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole Ibarbo20130731123337juventusSecondo quanto riportato da La Gazzetta dello SportSi studia un nuovo colpo per l'attacco di Antonio Conte in casa Juventus. Il nome nel mirino è quello di Victor Ibarbo, velocissima punta colombiana del Cagliari. Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport la società bianconera partirà all'assalto del numero 23 isolano dopo aver ceduto sia Alessandro Matri che Fabio Quagliarella. Il primo approccio con il presidente Cellino è avvenuto nelle scorse ore con il numero uno rossoblu che ha chiesto a Giuseppe Marotta 15 milioni di euro.<br>C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-ibarbo-1012261.htmSiT1000007100075701,02,03030693
1261012255NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, allerta per Verratti e Martinez 20130730175750calciomercato napoli, martinez, verratti, de laurentiis, benitez, psgIl centrocampista in rotta con il Psg, De Laurentiis smentisce: «Non è in vendita«. Su Martinez deciderà il mister.Il <strong>Napoli</strong> <strong>di Benitez</strong> sta prendendo forma giorno dopo giorno, i tifosi entusiasti sognano lo scudetto a più di vent'anni&nbsp;di distanza dall'era Maradona e anche i giocatori puntano a grandi traguardi, con <strong>Hamsik</strong> che ha definito la Juve "vicina", a patto di non commettere errori. Per adesso la campagna acquisti promette molto bene, considerando la possibilità di puntellare la squadra con altri due ottimi innesti. <strong>Marco Verratti</strong> non trova l'intesa per il rinnovo del contratto con il <strong>Psg</strong>, che è disposto a offrire 1,7 milioni di euro a stagione a fronte degli almeno 3 milioni chiesi dal giocatore. Nonstante il procuratore del centrocampista ex Pescara <strong>Donato Di Campli</strong> definisca la situazione "dolorosa", facendo presagire un possibile divorzio tra il suo assistito e il club parigino, oggi <strong>De Laurentiis</strong> su Twitter ha fatto sapere che&nbsp;"non è in vendita. Siamo amici del Psg. Alcuni media riportano notizie senza controllare la fonte", scagliandosi anche contro gli agenti "che cercano di esercitare pressioni nei confronti del Psg per ottenere un aumento di stipendio". <br><br>Situazione diversa per <strong>Jackson Martinez</strong>, che nonostante da tempo sia accostato al club partenopeo, è elusivo riguardo al suo futuro: &nbsp;"So di questo interessamento solo attraverso i media, ma con me non ha parlato nessuno e nemmeno il mio procuratore mi ha riferito qualcosa. Al <strong>Porto</strong> sono tranqullo e, senza nulla di ufficiale, è inutile parlare di queste cose". Dal canto suo&nbsp;il patron azzurro&nbsp;non si sbottona, ma d'altra parte non chiude le porte al colombiano&nbsp;e sempre sul social network dei cinguettii&nbsp;scrive: "L'innesto potrebbe essere lui o anche molti altri. Deciderà Benitez, con il quale analizzeremo forza e qualità a nostra disposizione". La palla adesso passa al mister spagnolo, consapevole che le aspettative della tifoseria sono pressanti più che mai quest'anno e certo che bisognerà allestire una Invincibile Armata per non deluderla. Non diciamolo troppo forte, ma i presupposti per un altro colpo di lusso ci sono eccome. Ciò che resta da fare è attendere gli sviluppi, ricordando che rimangono ancora 23 milioni dalla cessione di Cavani. E per portare sotto il Vesuvio almeno uno dei due, sono più che sufficienti.<br><br>C1007650FL0435FL0435verratti-psg.jpgSiNcalciomercato-napoli-allerta-per-verratti-e-martinez-1012255.htmSiT1000007,T1000017100612201,02,03,08030716
1271012259NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta insiste20130729111776juventusCome riporta Sky SportCome riporta Sky Sport,&nbsp;la Juventus non molla la pista che porta a Juan Camilo Zuniga del Napoli. Marotta nella giornata di oggi non ha chiuso la porta all'arrivo dell'esterno colombiano anche se la trattativa non è facile. Il Napoli infatti appare irremovibile sulle sue posizioni e potrebbe tenere il giocatore fino alla scadenza del contratto consapevole che il giocatore non rinnoverà e ha già un accordo di massima coi bianconeri.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-insiste-1012259.htmSiT1000007100075701,02,03,06,08030341
1281012256NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani vuole Ola John20130728102632milanCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport nuova idea per l'attacco del Milan confermata ieri dallo stesso ad rossonero Adriano Galliani. Si tratta del liberiano naturalizzato olandese Ola John (21) del Benfica. Il dirigente milanista, nei giorni passati ha incontrato più volte Nelio Lucas, presidente della Doyen, società proprietaria di molti calciatori interessanti. Il Nazionale orango è un attaccante che non piace al tecnico dei portoghesi e che quindi potrebbe finire presto sul mercato. Il Milan proverà a cercare la formula del prestito con diritto di riscatto, ma il club lusitano, che può trattare il 50% del suo cartellino visto che l'altra metà è appunto della Doyen, pretende di sviluppare questo affare sulla base di 30 milioni cash previsti dalla clausola rescissoria. Una cifra che allontana i rossoneri e che lo rende soltanto un'altra buona dea per il futuro. C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-vuole-ola-john-1012256.htmSiT1000027100075701,02,03,04,07030642
1291012254NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, in arrivo Zuniga20130726121917juventusPotrebbe essere Potrebbe essere lunedì la giornata decisiva per il futuro di Juan Camilo Zuniga. Secondo quanto riportato da Tuttosport il Napoli avrebbe infatti aperto le porta ad un addio del colombiano e nelle prime ore della prossima settimana, in occasione del Consiglio di Lega a Milano, potrebbe incontrare la Juventus, prima pretendente per l'ex Siena. Sul tavolo della trattativa potrebbe entrare anche il cartellino di Alessandro Matri.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-in-arrivo-zuniga-1012254.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07,08030597
1301012253NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani insiste per Ljajic20130725112252milanCome riporta TuttosportCome riporta Tuttosport con Keisuke Honda sempre più difficile da raggiungere, l'ad del Milan Adriano Galliani è pronto a tornare alla carica per l'attaccante della Fiorentina Adem Ljajic. Il giocatore non ha ancora rinnovato il suo contratto in scadenza nel 2014, e nel caso in cui l'accordo non dovesse essere trovato nei prossimi giorni, per ordine di Andrea Della Valle, il giocatore dovrà essere ceduto entro agosto per evitare un nuovo caso Montolivo. E' proprio qui che i rossoneri vorrebbero inserirsi senza però alzare il pressing. I rapporti con Pradè sono ottimi e solo nel caso in cui, i viola non trovassero il giusto accordo con il serbo, il club milanista tornerebbe alla carica con un'offerta concreta. I prossimi giorni saranno determinanti anche per questa possibile trattativa. C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-insiste-per-ljajic-1012253.htmSiT1000027100075701,02,03,07030545
1311012251NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta prova per il sostituto di Pirlo20130724114910juventusCome riporta TuttosportCome riporta Tuttosport la Juventus continua a trattare con Parma e Sampdoria per arrivare a Jonathan Biabiany, ma tra una chiacchierata e l'altra con i blucerchiati è spuntato anche il nome di Nenad Krsticic. Marotta ha chiesto un'opzione sul centrocampista classe '90 reputandolo in prospettiva un ottimo erede di Pirlo. Per adesso si tratta solo di un primo sondaggio, ma il dg bianconero sembra pronto a puntare su di lui con decisione in vista delle prossime stagioni. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-prova-il-sostituto-di-pirlo-1012251.htmSiT1000007100075701,02,03030434
1321012250NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, finalmente Higuain!2013072318034340 milioni per strapparlo alla concorrenza, quadriennale pronto per lui. Intanto De Laurentiis blinda Zuniga: «E` un giocatore del Napoli«Forse è la vera telenovela dell'estate che si conclude. <STRONG>Dopo Tevez, Llorente e Gomez un altro campione è in procinto di sbarcare in Italia</STRONG>. Dalla Spagna il quotidiano As dà per conclusa la trattativa tra <STRONG>Higuain</STRONG> e il <STRONG>Napoli</STRONG>, specificandone anche i dettagli economici. <STRONG>37 milioni più 3 di bonus</STRONG>, mentre&nbsp;<EM>El Pipito </EM>guadagnerà 6 milioni per quattro anni, un milione in più di quanto percepiva a Madrid. Così&nbsp;gli azzurri battono la concorrenza dell'<STRONG>Arsenal </STRONG>la cui maggiore offerta, sempre secondo il giornale iberico, ammonta a 28 milioni. Adesso il Real starebbe puntando su <STRONG>Suarez</STRONG> del Liverpool per rimpiazzarlo, mentre si attende l'arrivo nella capitale spagnola di Norberto Recanses, manager dell'attaccante argentino, chiamato a concludere gli ultimi ostacoli rappresentati dalla burocrazia e dai diritti di immagine. <br><br> Da una parte la stella del Real in arrivo, dall'altra una <STRONG>secca chiusura</STRONG>&nbsp;da parte del patron partenopeo a <STRONG>Juventus ed Inter per Zuniga</STRONG>. Con un tweet <STRONG>De Laurentiis</STRONG> fa sapere che l'esterno&nbsp;colombiano <EM>"è un giocatore del Napoli. Ha dato tanto alla maglia e continuerà a farlo"</EM>, ribadendo la volontà di regalare a Benitez una squadra che possa partecipare senza problemi alla corsa scudetto.<br><br>C1007650FL0435FL0435GONZALO-HIGUAIN580.jpgSiNcalciomercato-napoli-higuain-zuniga-1012250.htmSiT1000017100612201,02,03,080301029
1331012249NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole Diamanti20130723092626juventusLa Gazzetta dello SportAlessandro Diamanti resta in cima alla lista dei desideri di Antonio Conte. Lo scrive e lo racconta oggi La Gazzetta dello Sport, ma Alino è stato blindato e sigillato a Bologna dal presidente Albano Guaraldi. "Resta ed è il nostro capitano", ha detto. Parole alle quali fanno eco quelle di ieri di Pioli, con il solo Diamanti che potrebbe cambiare le carte in tavola, per non farsi sfuggire il treno bianconero.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-diamanti-1012249.htmSiT1000007100075701,02,03030687
1341012247NewsCalciomercatoInter, Thoir si prende i nerazzurri20130722111416interSecondo La Gazzetta dello SportSi avvicina sempre di più il passaggio della maggioranza delle quote dell'Inter da Massimo Moratti a Erick Thohir. Secondo La Gazzetta dello Sport la società nerazzurra avrebbe addirittura fissato per il 28 luglio (è domenica ma per le trattative di questo livello non esistono weekend, ndr) il notaio Giuseppe Calafiori proprio per questioni relative al passaggio di proprietà. Intanto fra domani e mercoledì le parti si rivedranno a Londra per valutare anche il rilancio a 380 milioni di euro che pare essere disposto a fare Thohir per accontentare l'attuale patron dell'Inter.C1007650adm001adm001thoir.jpgSiNinter-thoir-si-prende-i-nerazzurri-1012247.htmSiT1000026100075701,02,03030849
1351012245NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani prende Astori20130721114882milanSecondo quanto riportato da TuttosportNon c'è solo Honda nella testa degli uomini mercato del Milan. L'altro obiettivo dichiarato è un difensore centrale di livello che possa giostrare da titolare assieme a Mexes, Zapata e Bonera. Dopo le dichiarazioni di ieri di Andrea Ranocchia, secondo quanto riportato da Tuttosport l'obiettivi primario per la retroguardia rossonera porta il nome di Davide Astori del Cagliari. Il giocatore ha già vestito la maglia del Milan nel settore giovanile e dopo essersi consacrato in Sardegna sta seriamente pensando di lasciare il club rossoblù. L'idea di un ritorno a Milanello non gli dispiacerebbe affatto.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-prende-astori-1012245.htmSiT1000027100075501,02,03030768
1361012243NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta blocca l`esterno20130720111310juventusL`arrivo di Beppe MarottaL'arrivo di Beppe Marotta ieri nel ritiro di Chatillon ha dato una spinta al mercato. Secondo Sky Sport infatti il dirigente bianconero nella serata di ieri ha avuto un colloquio con Antonio Conte nel quale ha fatto il punto sulle ultime novità riguardanti le varie trattative, con un occhio particolare alle cessioni. Come detto, uno dei 6 attaccanti partirà. Ma il tema più caldo è stato senza dubbio Isla: la trattativa con l'Inter è ferma, come confermato dallo stesso Marotta. "Per ora resta qui", sono state le sue parole a riguardo. Ma proprio quel "per ora" lascia aperti altri scenari: la sensazione è che l'affare si possa ancora fare, ma serviranno almeno altre 48 ore visto che nel week end le trattative subiscono dei naturali rallentamenti.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-blocca-l-esterno-1012243.htmSiT1000007100075701,02,03030594
1371012241NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, in arrivo Honda e Ljajic20130719103250milanCome riporta TuttosportCome riporta Tuttosport questo weekend sarà decisivo per conoscere il futuro di Keisuke Honda e Adem Ljajic, per il primo, prendono il via a Mosca i negoziati alla presenza del fratello procuratore Hiro, Bronzetti e De Vecchi che incontreranno a partire da oggi i vertici del CSKA per convincerli a lasciarlo partire già questa estate anziché alla conclusione del contratto nel prossimo dicembre. Per il secondo invece, nel fine settimana ci sarà un incontro tra il presidente esecutivo della Fiorentina Mario Cognigni e lo stesso giocatore, per parlare del rinnovo. Offerti 1,2 milioni di euro per 4 anni con clausola rescissoria fissata a 15 milioni di euro. Se accetterà, la rincorsa rossonera sarebbe troppo complicata, altrimenti la partenza dovrà comunque arrivare in questa sessione di mercato, perché il club viola non vuole trovarsi alle prese con un caso Montolivo bis.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-in-arrivo-honda-e-ljajic-1012241.htmSiT1000027100075701,02,03030519
1381012240NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, in arrivo Julio Cesar e Damiao20130718111352napoliCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport con la cessione di Chavez al Pas Giannina in Grecia, si liberano automaticamente i due posti per giocatori extracomunitari che porteranno a Napoli sia Leandro Damiao che Julio Cesar. Per il primo, il club partenopeo è alla stretta finale, c'è ottimismo per una chiusura a breve. Il ds Bigon è pronto a partire per il Brasile per chiudere l'affare anche perché l'accordo con i dirigenti dell'Internacional a questo punto è davvero molto vicino. Per il secondo già oggi potrebbe arrivare la fumata bianca che darebbe anche il via libera alla cessione di Morgan De Sanctis alla Roma. C1007650adm001adm001Julio_cesar_Vicario.JPGSiNnapoli-in-arrivo-julio-cesar-e-damiao-1012240.htmSiT1000017100075701,02,03,08030647
1391012238NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta ha deciso l`esterno20130717132520juventusCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport Beppe Marotta non lavora bene soltanto al mercato in entrata, ma anche a quello in uscita, incassando 7,5 milioni dalla cessione di Giaccherini; più di 7 milioni da quella di Isla ed infine circa 4,5 milioni da quella di Felipe Melo al Galatasaray. Un tesoretto questo che oltre a coprire le spese sostenute fin qui, apre le porte ad un nuovo assalto ad un esterno con Juan Zuniga in pole nei pensieri dei dirigenti bianconeri ma anche del tecnico Antonio Conte. Le alternative si chiamano Kolarov e Diamanti, anche se all'allenatore juventino piace molto anche l'idea che porta a Jonathan Biabiany. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-ha-deciso-l-esterno-1012238.htmSiT1000007100075701,02,03,06030623
1401012236NewsCalciomercatoRoma e Lazio, in ritiro tra sfoghi e veleni20130715182774roma, lazio, zarate, osvaldo, burdisso, calciomercato, lotito, garciaI tifosi bersagliano la squadra di Garcia, Osvaldo sbotta: «Ma che ca... volete«. Zarate choc dall`Argentina: «Non riuscivo più a guardare il calcio«.Da una parte i tifosi delusi e inferociti che mostrano i denti a <STRONG>Rudi Garcia</STRONG>, dall'altra <STRONG>Zarate</STRONG> che vuota il sacco sui suoi quattro anni alla corte di Lotito. Inquietudini ed amarezze che accomunano i destini delle due squadre romane, provenienti da due stagioni molto diverse. I giallorossi hanno tanto buon materiale su cui lavorare, una squadra allo sbando che deve acquisire un metodo, un allenatore cui si chiede il bis dopo l'ottima esperienza al Lille. Stamattina a finire sotto il fuoco delle polemiche sono stati <STRONG>Osvaldo</STRONG> e <STRONG>Burdisso</STRONG>, bersagliati dalle critiche durante la sessione di autografi. Mentre diversi tifosi gli chiedono di non cedere alle avance di mercato,&nbsp;uno di&nbsp;loro&nbsp;rimbrotta l'attaccante: "Tu non hai capito Roma, qui potevi essere un imperatore". L'italo-argentino risponde per le rime, "Avete capito tutto voi, invece. Ho segnato 200 gol, che ca... volete?". Peggio ancora del campionato, ciò che non va giù ai più affezionati è aver perso la finale di Coppa Italia contro la Lazio. "Voi credete che non lo sappiamo? Noi siamo i primi a star male" dichiara il difensore ex Inter. Mentre imperversa la burrasca, la dirigenza cerca nuovi tasselli per rinforzare la squadra. Oggi a Riscone di Brunico è stato presentato alla stampa <STRONG>Tin Jedvaj</STRONG>, difensore croato giovanissimo (classe '95) e taciturno, ma con le idee molto chiare. "Voglio vincere e rimanere a lungo alla Roma, una società che ha una grande storia e in cui c’è Francesco Totti.&nbsp;Ho scelto la maglia numero 33 come Thiago Silva, mi piacerebbe diventare come lui. Fuori dal campo sono un ragazzo normale, in campo per me gli attaccanti sono tutti uguali, non ho paura di nessuno". <BR><BR>Circa settecento chilometri più a sud <STRONG>Maicon</STRONG> è sbarcato a Fiumicino per sostenere le visite mediche al Gemelli. Sarà a disposizione del mister entro domani. Nel frattempo si aspetta <STRONG>De Sanctis</STRONG>, mentre subisce una battuta d'arresto l'affare <STRONG>Gervinho</STRONG> a cause delle pretese dell'Arsenal (10 milioni di euro), ancora lontane dalla disponibilità della Roma che si ferma a 3-4 milioni. Tuttavia l'operazione imboccherebbe una rapida discesa se Osvaldo andasse via, destinazione Zenit. <BR><BR>I tifosi laziali sono molto più tranquilli di quelli dei <EM>Lupi</EM>, ma la rivelazione del giorno giunge dall'argentina. Mauro Zarate ritorna nel suo primo club, il <STRONG>Velez Sarfield</STRONG>, e spara a zero contro tutti. "Da quando sono tornato dall'Inter, il presidente Lotito e la sua cupola, composta da due o tre giocatori, il ds e l'allenatore mi hanno fatto fuori. Sono loro che decidono tutto. Non mi era mai successo nulla di simile". Il giocatore poi&nbsp;ammette di essere felice per il suo ritorno a casa, dichiarando che "avevo bisogno di sentirmi importante ed amato. Gli ultimi tempi sono stati molto duri per me. L'ultima volta che mi sono allenato in gruppo era novembre, non ho mai sentito la fiducia di nessuno. Sono tornato perché amo questo club. Non ho giocato neanche un minuto in quindici partite, ed è qualcosa che mi ha danneggiato molto. Mi hanno sporcato ed è stata una situazione folle. Guardavo una partita e mi chiudevo al bagno a piangere per non farmi vedere da mia moglie.<STRONG> Non riuscivo più a guardare il calcio</STRONG>". Intanto il patron biancoceleste parla di mercato, smentendo l'interessamento per <STRONG>Matri</STRONG>: "Mai trattato per una lunga serie di motivi. Non farà parte della Lazio, non è un nostro obiettivo".&nbsp;Ma promette che "la squadra sarà rinforzata per aumentare ancora il tasso tecnico e il morale del gruppo". Aspettiamo così di vedere le Aquile in azione, primo test la Supercoppa Italiana contro la temibile Juventus.<BR><BR>C1007650FL0435FL043520121119_osvaldo4.jpgSiNroma-e-lazio-in-ritiro-tra-sfoghi-e-veleni-1012236.htmSiT1000012,T1000018100612201,02,03030808
1411012235NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, presi De Sanctis e Maicon20130715112990romaCome riporta La Gazzetta dello SportCome riporta La Gazzetta dello Sport, il ritiro della Roma si sta per arricchire di due nuovi arrivi. Morgan De Sanctis e Maicon sono ad un passo da vestire la maglia giallorossa. Entrambi arriveranno per circa 500mila euro, due affari che non potevano essere persi dalla società capitolina. Per il brasiliano oggi è il giorno delle firme sul contratto biennale a circa 3 milioni a stagione, 2 in meno di quanto guadagnava a Manchester. Anche il portiere firmerà oggi un biennale da 1,2 milioni a stagione, e chiuderà di fatto la telenovela portiere che ha animato le ultime settimane di Sabatini. C1007650adm001adm001813002-13886046-640-360.jpgSiNroma-presi-de-sanctis-e-maicon-1012235.htmSiT1000012100075701,02,03030858
1421012233NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta ha deciso chi prendere20130714125731juventusLa priorità della JuveentusLa priorità della Juventus, dopo aver sistemato l'attacco, è un esterno sinistro che possa alternarsi con Asamoah. I nomi preferiti dalla dirigenza juventina, riporta Tuttosport, sono quelli di Kolarov e Zuniga. Per il primo Marotta è arrivato ad offrire circa 7 milioni al Manchester City, club "amico" dopo l'operazione Tevez. In alternativa rimane sempre Zuniga, in scadenza di contratto col Napoli ma che Benitez difficilmente lascerà partire.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-ha-deciso-chi-prendere-1012233.htmSiT1000007100075701,02,03,06,08030570
1431012232NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani vuole uno scambio20130713095850milanCome riporta Tuttosport Come riporta Tuttosport con il mercato che sembra sempre più povero, il Milan cerca di fare affari nel modo meno oneroso possibile: ovvero con gli scambi di giocatori. Come già successo in passato, Adriano Galliani sta lavorando ad uno scambio con l'Inter, questa volta con protagonisti Antonio Nocerino e Zdravko Kuzmanovic. Entrambi gradirebbero l'inversione di maglie, il primo perchè è sempre stato corteggiato da Walter Mazzarri e perchè l'ipotesi nerazzurra lo intriga; il secondo perchè ha ottimi rapporti con i rossoneri, sopratutto tra il suo agente Naletilic e lo stesso ad milanista. Le parti ci stanno lavorando, novità importanti potrebbero arrivare nei prossimi giorni. C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-vuole-uno-scambio-1012232.htmSiT1000027100075701,02,03,07030611
1441012230NewsCalciomercatoMarquinhos salta il ritiro20130712123352Marquinhos, Roma, PSG, SabatiniIl baby fenomeno giallorosso non parte per il ritiro, ieri è stata avviata la trattativa con il PSG.Il giovanissimo difensore centrale della Roma non parte per il ritiro di Riscone di Brunico. La società l'ha deciso in questi minuti, le condizioni fisiche del giocatore non sono ottimali. La scelta di non far partire il ragazzo potrebbe dipendere esclusivamente dagli attacchi febbrili degli ultimi giorni, ma ormai si sa, il giocatore piace a tantissime big d'Europa tra cui Barcellona e Paris Saint-Germain. Proprio con la società transalpina Walter Sabatini si è incontrato nella giornata di ieri per discutere sull'eventuale passaggio del talentino classe '94. Il costo dell'operazione verrebbe a costare ai francesi una somma non al di sotto di 30 milioni, che dopo il colpo ormai quasi certo di Cavani sarebbero un investimento pesante anche per gli sceicchi.&nbsp;C1007650FL0881FL0881marquinhos.jpgSiNmarquinhos-non-parte-1012230.htmSiT1000012101199701,02,03030679
1451012229NewsCalciomercatoRobinho non più Santos20130712122773Milan, Robinho, Ljajić Salta la trattativa con il club brasiliano, Robinho resta a Milano.<span style="color: #333333; font-family: 'lucida grande', tahoma, verdana, arial, sans-serif; font-size: 13px; line-height: 17px;">In questa sessione di mercato il Milan ha avuto un solo motto: prima si vende, poi si compra. Il reparto attaccanti conta ben sette giocatori, dunque anche numericamente un nuovo arrivo sembra impossibile. La mancata cessione di Robinho in Brasile complica un po' i piani rossoneri, ma il club presieduto da Berlusconi ha fatto tutto il possibile per cedere il giocatore. Mancavano i presupposti, il Santos non poteva versare nelle casse del Milan più di 8 milioni, ma il Milan inizialmente ne chiedeva 10. Con il giocatore l'accordo si sarebbe probabilmente trovato anche se le parti erano ancora molto distanti. A questo punto si cerca di arrivare al rinnovo, mentre la pista che porta a</span><font color="#222222" face="arial, sans-serif" size="2"><span style="line-height: 16px;">&nbsp;Ljajić&nbsp;</span></font><font color="#333333" face="lucida grande, tahoma, verdana, arial, sans-serif" size="2"><span style="line-height: 17px;">sembra ormai congelata.</span></font>C1007650FL0881FL0881451460_robinho.jpgSiNrobinho-non-piu-santos-1012229.htmSiT1000027101199701,02,03030547
1461012228NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, rinnovo importante20130712100559juventusCome riporta La Gazzetta dello SportCome riporta La Gazzetta dello Sport, passi in avanti per il rinnovo del contratto di Arturo Vidal. In cantiere un prolungamento di un anno che confermi la grande stima che il club bianconero ha nei confronti del centrocampista cileno. In questo momento l'accordo scade nel 2016 e l'ingaggio è fermo a 3,7 milioni di euro. La richiesta di Fernando Felicevich, agente del calciatore che ha incontrato ieri Beppe Marotta a Milano, è di un aumento fino a 4,5 milioni, mentre la Juventus vorrebbe fermarsi a 4 più bonus. Sostanzialmente balla mezzo milione di euro, ma le sensazioni sono positive e le parti si incontreranno con calma ad agosto. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-rinnovo-importante-1012228.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07030465
1471012226NewsCalciomercatoNapoli pigliatutto!20130711173716Napoli, Benitez, Julio Cesar, Leandro Damiao, Mertens, Dzeko, CallejonCon i soldoni di Cavani il Napoli si rivoluzionerà sia nel modulo che nella rosa. La faraonica trattativa Cavani sta per concludersi. Il PSG verserà nelle casse del club partenopeo &nbsp;la bellezza di 64 milioni di euro, soldi che saranno interamente reinvestiti nel mercato. Benitez ha già in mente qualche nome e la dirigenza farà di tutto per soddisfarlo. Il primo obiettivo è il sostituto del "matador", si parla di Abel Hernandez e Leandro Damiao, ma rimane in pista anche Dzeko. Sulle fasce gli arrivi del belga Mertens, già del Napoli, e di Callejon renderebbero superfluo un altro rinforzo, dunque il mercato napoletano si sposta in difesa. Ranocchia potrebbe essere un buon affare, mentre Julio Cesar è un nome caldo per la porta. L'addio di De Sanctis è sempre più vicino e il portiere brasiliano potrebbe sostituirlo ricoprendo anche il ruolo di mentore del giovane Rafael, non ancora pronto a un campionato da titolare in Italia.&nbsp;C1007650FL0881FL0881Julio_cesar_Vicario.JPGSiNnapoli-pigliatutto-1012226.htmSiT1000017101199701,02,03030630
1481012225NewsCalciomercatoStrootman e Maicon nel mirino Roma20130711171827Roma, Garcia, Maicon, StrootmanLa Roma si muove sul mercato per centrare l`Europa.<span style="color: #333333; font-family: 'lucida grande', tahoma, verdana, arial, sans-serif; font-size: 13px; line-height: 17px;">Il mercato della capitale non termina con i numerosi talenti portati in Italia da Lotito, anche la Roma sta cercando affari in giro per l'Europa. I tifosi giallorossi sono sempre più insoddisfatti della gestione Sabatini, ma davanti a una buona campagna di mercato potrebbero ricredersi. Ecco allora i primi movimenti targati Garcia, per lui si cerca un buon centrocampista e di qualche esterno difensivo. Al primo appello risponde Strootman, gioiello del PSV del valore di 18 milioni, al secondo potrebbe candidarsi una vecchia conoscenza del nostro campionato, Maicon. Per il brasiliano però si temono tempi lunghi di trattativa, ma il colpo sulla fascia sarebbe assicurato.</span>FL0881FL0881813002-13886046-640-360.jpgSiNroma-strootman-maicon-1012225.htmSiT1000012101199701,02,03030656
1491012224NewsCalciomercatoCalciomercato Juve, i sacrifici valgono otto milioni: goodbye Giaccherini20130711161314calciomercato juventus, giaccherini, di canio, sunderlandDi Canio lo vuole al Sunderland, il sì è vicino. Ma il suo addio lascia l`amaro in bocca.Cinque anni fa<STRONG> Emanuele Giaccherini</STRONG> era uno dei tanti, un cavallo della scuderia <STRONG>Cesena</STRONG> che con tanta fortuna era arrivato a gareggiare sui circuiti più importanti del paese. Un ragazzo con la faccia pulita e senza fronzoli, che al massimo rimaneva un po' ammaccato tentando una percussione sulla fascia, non nell'ultima entrata in scivolata sulla soubrette di turno.&nbsp;Non ritireranno la sua maglia quando si ritirerà, ma <STRONG>Giaccherini è uno di quei giocatori che vengono ricordati con affetto dai tifosi</STRONG>, come Cuccureddu o Zaccarelli,&nbsp;che non si fanno vedere spesso ma rimangono nel profondo del cuore della curva. <br><br> Ma oggi tutto a un prezzo, e così basta l'arrivo di <STRONG>Tevez</STRONG> e <STRONG>Llorente</STRONG> per silurare un ragazzo che dai campi della provincia di Arezzo è arrivato a provocare un'aritmia a Casillas (e ad un buon numero di italiani) centrando un palo ai tempi supplementari durante la&nbsp;semifinale di Confederations Cup. Otto milioni più bonus legati al rendimento, una pacca sulla spalla e un biglietto aereo di sola andata per l'Inghilterra, casa <STRONG>Sunderland</STRONG>. Di Canio vuole una formazione robusta per mantenere la sua squadra in Premier League e vuole con sé il centrocampista di Talla. L'affare è destinato a concludersi positivamente, visto anche l'ingaggio di due milioni promesso al giocatore, ma si tratterà di una sconfitta morale per il calcio italiano. E' giusto dare via in questo modo un giocatore che si adatta a qualsiasi ruolo, sopporta di buon grado la panchina (dote peraltro rara di questi tempi, in cui se un nazionale sta fuori per tre partite invoca la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo) e lavora di gomito più dei coccolati <STRONG>Giovinco</STRONG> e <STRONG>Vucinic</STRONG>? La risposta è sì, perché ha già 28 anni e tra due stagioni il suo valore si dimezzerà. Del resto, il denaro è tutto ciò che conta. Non è importante nemmeno che il <EM>Messi di Talla</EM>, com'è noto nella sua zona natale, <STRONG>possa rischiare di diventare uno dei tanti che si sono bruciati provando la strada estera, come Rosina, Santon e Bocchetti</STRONG>. Ma va bene cosi;&nbsp;a noi non resta che ringraziarti, <EM>Giak</EM>. Dimostra il tuo valore in Inghilterra, ti aspettiamo in nazionale. Vederti giocare ai Mondiali sarà un piacere e, chissà, magari quel gol a Casillas potrai finalmente segnarlo.<br><br>C1007650TorinoFL0435FL0435giaccherini.jpgSiNjuventus-giaccherini-otto-milioni-sunderland-1012224.htmSiT1000007100612201,02,03,06030484
1501012223NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani vuole Ljajic20130711093754milanCome riporta La Gazzetta dello SportCome riporta La Gazzetta dello Sport la brusca frenata per la cessione di Robinho non ferma le trattative tra Fiorentina e Milan per Adem Ljajic. Ieri il ds viola Daniele Pradè ha pranzato da Giannino insieme a Giuseppe Riso, uomo di fiducia dei rossoneri, oltre ad aver parlato più volte al telefono con lo stesso Adriano Galliani. I rossoneri sono in attesa di capire cosa succederà sul fronte rinnovo per il serbo. La Fiorentina è disposta ad offrire un contratto fino al 2017 raddoppiando l'ingaggio del giocatore (fino circa a 1,4 milioni di euro l'anno). Lo stesso attaccante si dice preso dal progetto viola, ma il probabile arrivo di Ilicic potrebbe convincerlo a cambiare aria. A breve ci sarà l'ultimo incontro tra i dirigenti viola e lo stesso attaccante, poi il Milan saprà se si potrà trattare o se arriverà il rinnovo che toglierebbe il giocatore dal mercato.&nbsp; C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-vuole-ljajic-1012223.htmSiT1000027100075701,02,03030543
1511012220NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, in arrivo il difensore20130709223423juventusSecondo quanto riportato da Sky Sport Secondo quanto riportato da Sky Sport è iniziato a Milano il terzo incontro nel giro di dieci giorni tra Juventus e Torino per il passaggio in bianconero di Angelo Ogbonna. Presenti nel capoluogo lombardo sia Beppe Marotta che Urbano Cairo.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-in-arrivo-il-difensore-1012220.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07030653
1521012219NewsCalciomercatoCalciomercato Fiorentina, sogno Gomez ora è realtà. Napoli, virata su Lamela20130708180339calciomercato, fiorentina, napoli, roma, gomez, cavani, borriello, gilardino, dzeko, lamela, leandro damiaoIl tedesco a breve in Italia, al Bayern 20 milioni di euro. Il Napoli vuole Lamela, Roma con le mani legate.E' bastata una telefonata tra Rummenigge e Andrea Della Valle a sbloccare una situazione che sarebbe potuta diventare un caso di mercato. Perché di <STRONG>Mario Gomez</STRONG> a Firenze si parla dall'inizio dell'estate, ma solo pochi giorni fa il <STRONG>Napoli</STRONG> ha cominciato ad insidiare i rapporti faticosamente intessuti tra il club viola e il <STRONG>Bayern</STRONG>. L'annuncio è stato dato dal club bavarese, che riceverà dall'operazione 16 milioni di euro (rateizzati) ed altri 4 di bonus. <EM>"Il desiderio di Gomez era quello di andare alla Fiorentina e noi lo abbiamo accontentato. Lo ringraziamo per quanto ha dato al Bayern e gli auguriamo buona fortuna per l'avventura a Firenze"</EM>. Con queste parole Rummenigge ha dato l'addio al <EM>Torero</EM>, che viene accolto con grande gioia dai tifosi viola e dai suoi prossimi compagni. <EM>"Se è vero, è bello"</EM>, commenta un cauto <STRONG>Giuseppe Rossi</STRONG> alla notizia del prossimo trasferimento del tedesco, che compirà 28 anni dopodomani e si ipotizza che possa essere presentato alla stampa proprio il giorno del suo compleanno. <br><br> Il Napoli così deve guardare altrove per sostituire <STRONG>Cavani</STRONG>, ormai sul piede di partenza verso Parigi, per il quale Blanc spende parole al miele: <EM>"E' un giocatore generoso, che divora gli spazi, con una presenza importantissima sotto porta. Con Ibrahimovic sono complementari"</EM>. <STRONG>Il pallino di De Laurentiis è Erik Lamela</STRONG>, per il quale il patron partenopeo sarebbe disposto ad offrire 30 milioni di euro. Molto convincenti anche gli argomenti a supporto del trasferimento dell'argentino: in primis l'opportunità di giocare la Champions League con Benitez, oltre ad un contratto da 3,5-4 milioni annui. Tuttavia resta calda la pista <STRONG>Dzeko</STRONG>, che con ogni probabilità sarà rimpiazzato da Osvaldo, e si continua a tenere d'occhio il talentuoso&nbsp;<STRONG>Leandro Damiao</STRONG> dell'Internacional Porto Alegre. Sul fronte <STRONG>Roma</STRONG> battuta d'arresto per lo <STRONG>scambio Borriello-Gilardino</STRONG>, dovuta alla mancanza di un accordo per quanto riguarda il conguaglio economico dell'ingaggio dell'attaccante giallorosso, quasi doppio di quello del <EM>Gila</EM>. Garcia sarà costretto a pazientare per avere nuovi rinforzi, soprattutto dopo l'intromissione del Tottenham negli affari Strootman e Nani.<br><br>C1007650FL0435FL0435gomez.jpgSiNcalciomercato-fiorentina-arriva-gomez-napoli-lamela-1012219.htmSiT1000017,T1000024,T1000012100612201,02,03,08030900
1531012217NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole l`esterno20130707123545juventusSecondo TuttosportFra Inter e Juventus il mercato principale è quello che riguarda gli esterni. Detto di Isla e Lichtsteiner, e detto anche di Zuniga (che Mazzarri vuole portarsi dietro ma per il quale è in atto un'ipotesi di scambio fra Juve e Napoli), i bianconeri adesso si inseriscono anche per Dusan Basta. In realtà, secondo TuttoSport, la mossa bianconera è una semplice cautela, un'ancora di salvezza nel caso la cessione di Lichtsteiner dovesse concretizzarsi. Considerati anche i rapporti fra i bianconeri e la famiglia Pozzo, ecco che niente può essere escluso a priori.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-l-esterno-1012217.htmSiT1000007100075701,02,03,06,08030520
1541012212NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani vuole Lavezzi e Ljajic20130706102888milanCome riporta Tuttosport Come riporta Tuttosport con la probabile partenza di Robinho, il Milan pensa a come trovare un giocatore che possa sposarsi perfettamente al nuovo piano tattico di Massimiliano Allegri. Detto dell'interesse per Adem Ljajic, un'altra ipotesi suggestiva potrebbe essere quella che porta a Ezequiel Lavezzi. Con l'arrivo a Pargi di Cavani, l'attaccante ex Napoli sarebbe l'ideale per i moduli pensati dal tecnico rossonero e lui farebbe carte false per tornare in Italia. Il problema resta il costo del cartellino, visto ce i francesi lo hanno pagato 26 milioni di euro solo un anno fa. Se Leonardo dovesse aprire ad un prestito con diritto di riscatto allora cambierebbero tutte le prospettive, anche perchè l'ingaggio di 4 milioni di euro è all'intero del tetto fissato dal club di Via Turati. C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-vuole-lavezzi-e-ljajic-1012212.htmSiT1000027100075701,02,03,07,08030597
1551012210NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, in arrivo un altro centravanti20130704103668juventusTuttosportOggi arriveranno le firme di Simone Zaza con la Juventus: la punta andrà in prestito al Sassuolo, al contempo i bianconeri e la Sampdoria apriranno una comproprietà per Manolo Gabbiadini. E' Tuttosport che fa oggi il punto sull'affare, che racconta di come i blucerchiati rileveranno la metà del cartellino di Gabbiadini dall'Atalanta, versando ai nerazzurri 5,5 milioni di euro, di cui 4 saranno coperti dalla Juve per il pagamento di Zaza. Beffata la Lazio, che aveva cercato un assalto last second per Gabbiadini.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-in-arrivo-un-altro-centravanti-1012210.htmSiT1000007100075701,02,03,06030595
1561012209NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta non chiude per Ogbonna20130703195858juventusSecondo le ultime indiscrezioni Secondo le ultime indiscrezioni la frenata nella trattativa per Angelo Ogbonna alla Juve è dovuta soprattutto alle modalità di pagamento da parte dei bianconeri al Torino. L'interruzione della trattativa non porterà alla rottura si apprende a Sky Sport perchè c'è la volontà di chiudere l'operazione da parte di Ogbonna che vuole vestire bianconero. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-non-chiude-per-ogbonna-1012209.htmSiT1000007100075701,02,03,06030496
1571012207NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani incontra El Shaarawy20130702105145milanCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport oggi è il giorno del faccia a faccia tra Stephan El Shaarawy e l'ad rossonero Adriano Galliani. L'italo-egiziano si presenterà in Via Turati accompagnato dal padre Sabri e dal procuratore Roberto Lo Florio e avrà un colloquio con il dirigente del Milan ovviamente parlare del proprio futuro in chiave mercato. Difficile che arrivi un aut aut per l'attaccante, troppo pubblicizzato l'evento, più facile invece che Galliani si sia reso conto che al momento non ci sono grandi possibilità di cessione e che voglia recuperare un rapporto leggermente sfilacciato negli ultimi mesi. Il Faraone verrà anche avvertito che in questo momento non è sul mercato, ma che se poi arrivasse l'offerta giusta, il futuro economico del club viene prima di tutto e che quindi sostanzialmente, c'è da aspettare che le trattative entrino nel vivo prima di toglierlo dalla lista dei partenti. C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-incontra-el-shaarawy-1012207.htmSiT1000027100075701,02,03,07030519
1581012204NewsCalciomercatoMilazzo, i ricordi di un calcio che non c`è20130701172880calcioCapita a volte di rifugiarsiCapita a volte di rifugiarsi nei ricordi e di inondarsi di romanticismo, soprattutto quando il presente non dà speranza per il futuro. Conquiste e vittorie anche umili del passato, assumono connotazioni che s’ingrandiscono forse a dismisura. E’ l’amarezza di un pallone che non c’è più, una malinconica discesa nel mondo dei dilettanti che mortifica la storia del calcio milazzese. E così, quasi per caso, mi ritrovo a parlare del Milazzo che fu tra gli anni 1957 e 1963. Il mio interlocutore è l’ex calciatore del Milazzo Agostino La Franca, grande centromediano metodista di quella squadra rossoblu che, pur partecipando a campionati di Promozione, segnò la storia di una Milazzo povera ma ricca di orgoglio e passione per il pallone giocato tra le mura antiche del glorioso stadio “Grotta Polifemo”. Sono ospite a casa di La Franca, invitato ad assistere alla partita di Confederations Cup Italia – Uruguay, valevole per la conquista del terzo posto. E’ il pretesto per parlare di calcio a 360 gradi, divagando tra pareri tecnici e tattici verso una nazionale azzurra che non ha convinto appieno e che suscita pareri negativi contro Prandelli, capaci di farci diventare tutti Commissari Tecnici improvvisati. E’ la bellezza del calcio che conquista tutti proprio per la sua opinabilità. Ma i commenti di Agostino La Franca sono competenti, mirati, lungimiranti di chi il calcio l’ha vissuto e praticato in lungo e in largo, conoscendo tattiche, allenatori, calciatori e situazioni calcistiche giocate che hanno arricchito il suo lungo corso di calciatore dilettante, serio e attaccato affettivamente ai colori rossoblù delle aquile milazzesi. “Era un calcio diverso, povero di soldi ma ricco di qualità. Io ho sempre giocato in Promozione, ma non mi sento inferiore a chi ha conosciuto categorie superiori. La differenza era data dallo stipendio. Ricordo che aspettavo 10 mila lire come fosse manna dal cielo e, qualche volta, non arrivavano neppure” dice Agostino La Franca. Ma Milazzo gli è rimasta nel cuore perché, anche se palermitano di nascita, quando ha appeso le fatidiche scarpe al chiodo, è voluto rimanere in questa città assieme alla sua famiglia. Da poco tempo è stato colpito da un grave lutto; sua moglie, infatti, è deceduta dopo lunga malattia. Un pezzo di storia affettiva che se ne va, un percorso di vita insieme che va ad aumentare i trascorsi di un bellissimo passato personale. E adesso la sua casa pullula di ricordi, le pareti delle stanze trasudano di malinconici pensieri sul tempo che scorre via velocemente senza tregua alcuna, capace com’è di metterti di fronte a una realtà colma di fragile solitudine. Scorrono intanto le immagini televisive della nazionale italiana. Maggio, Montolivo, Chiellini, Gilardino, De Rossi, sono visibilmente stanchi e non offrono uno spettacolo degno dell’importanza dell’incontro. La Franca capisce, ma commenta con una punta d’amarezza rivolta a un calcio che, pur con tutte le attenuanti della stanchezza fisica, non diverte. E così, alla fine del primo tempo, insoddisfatto di assistere a una partita incolore e senza emozioni, mi fa vedere le vecchie fotografie di quando giocava. Ricordi in bianco e nero sparsi qua e là per il tavolo in maniera disordinata, ma capaci di emozionarti nonostante l’ingiallimento che è testimone dell’oltre mezzo secolo volato via inesorabilmente. Tanti i ricordi sul campo polveroso del Grotta Polifemo, tanti i compagni che oggi non ci sono più e che hanno rappresentato quel calcio milazzese fatto di valori, di amicizia vera, dentro e fuori dal rettangolo di gioco. I pali delle porte erano quadrati, la polvere s’infiltrava malignamente nei polmoni, il pallone pesava quanto un macigno, ma la tecnica, il gioco di squadra, il gol e il senso d’appartenenza alla gloriosa società mamertina, erano i veri testimoni di un pallone che esaltava i sentimenti. “Vedi Salvino”, mi dice La Franca con smisurato orgoglio, “guarda i muscoli delle mie gambe, sono ancora sodi e testimoni della mia lunga attività di calciatore. Una passione viscerale partita con me da Palermo e proseguita poi per buona parte della Sicilia, prima d’approdare a Milazzo”. E intanto continua il lungo ma piacevole racconto della dietrologia del calcio milazzese che non c’è più. La partita dell’Italia contro l’Uruguay termina in parità. Si disputano i tempi supplementari e poi i calci di rigore. Questa volta, al contrario della partita contro la Spagna, l’Italia vince e conquista la terza posizione della Confederations Cup. Tuttavia, sembra smorzato l’entusiasmo per una vittoria italiana che sa più di recriminazioni su quello che avrebbe potuto essere e non è stato, piuttosto che di voglia di gioire. Agostino La Franca è consapevole di questo. In fondo il ricordo della Milazzo del pallone che oggi non c’è più, è stato sicuramente più bello, romantico e pieno di motivazioni, rispetto a una vittoria azzurra che sa più di rimpianto che di gloria. Già, più rimpianto che gloria; ma non è la storia recente del Milazzo Calcio?<br><br>Salvino Cavallaro<br><br><br>C1007650FL0711FL0711milazzo.jpgSiNmilazzo-i-ricordi-di-un-calcio-che-non-c-e-piu-1012204.htmSi100451001,02,03030420
1591012203NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, in arrivo anche l`esterno20130701112254juventusCon la trattativa Con la trattativa per Ogbonna in dirittura d'arrivo la Juventus ha iniziato a lavorare concretamente sulla pista che porta ad Aleksandar Kolarov. Il terzino serbo del Manchester City, secondo quanto riportato da Tuttosport, ha superato nelle preferenze degli uomini mercato bianconeri il colombiano Zuniga e per questo si cercherà di chiudere a breve sfruttando i canali già aperti per l'affare Tevez. Il nodo da sciogliere sull'operazione è però legato ad una cessione: quella di Paolo De Ceglie. Il terzino percepisce un ingaggio vicino al milione e mezzo di euro e questo ne rallenta l'uscita. La Sampdoria lo ha chiesto ma alle stesse cifre non è possibile una trattativa. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-in-arrivo-anche-l-estrno-1012203.htmSiT1000007100075701,02,03,06030660
1601012196NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole anche Jovetic20130629102818juventusI bianconeriLa Stampa oggi in edicola racconta che la Juventus è sempre su Stevan Jovetic, nonostante il colpo Carlitos Tevez. I bianconeri, però, adesso non hanno fretta: il montenegrino vuole andarsene dalla Fiorentina, alla finestra ci sono anche Manchester City e Chelsea ma le richieste viola non cambiano. 30 milioni cash. L'affare è complicato, la Juventus vuole inserire contropartite tecniche nell'affare ma il tutto potrebbe riaprirsi con le possibili cessioni di Alessandro Matri, Mirko Vucinic e Fabio Quagliarella, una delle tre contropartite che Montella gradirebbe insieme a Luca Marrone e Manolo Gabbiadini.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-anche-jovetic-1012196.htmSiT1000007100075701,02,03,06030645
1611012193NewsCalciomercatoJuventus, entusiasmo per Tevez ma i delpieristi non ci stanno20130628160330juventusTanto entusiasmo era probabilmente inaspettato Tanto entusiasmo era probabilmente inaspettato. Ma evidentemente la voglia di ambire sempre più ad obiettivi ambiziosi e il desiderio di sognare grandi palcoscenici, da parte della platea juventina, ha fatto sì che lo sbarco a Torino di Carlitos Tevez si rivelasse particolarmente concitato. <br>Tifosi in delirio, dunque. Dirigenza juventina che (a ragion veduta) gongola per aver piazzato un colpo a budget moderatamente ridotto, per aver superato la concorrenza spietata di un altro paio di top club e soprattutto per aver ritrovato quella credibilità extra territoriale che compete a chi vuole dominare il tetto d’Europa.<br>Questo l’obiettivo per cui Conte e la Juventus hanno insistito su Tevez, questo il vero motivo per cui il popolo bianconero esulta in maniera così fragorosa. E’ arrivato il top player. O almeno così pare.<br>Le indubbie qualità tecniche e agonistiche del giocatore argentino, infatti sono note. Ma ripercorrendo la sua carriera, qualche dubbio sulla sua così netta attribuzione di una piazza d’onore tra i veri top player mondiali, resta. Tevez fin da bambino è soprannominato l'Apache, poiché il barrio dov'è nato, Ejército de los Andes, veniva anche detto Fuerte Apache, dal celebre film con Paul Newman. <br>Un incidente domestico gli procura delle vistose bruciature che ancora oggi ne sfigurano il volto e forse una vita ai limiti gli infonde una cattiveria sportiva che negli anni diverrà proverbiale.<br>La nazionale argentina, Boca Juniors, Corinthians, poi West Ham, i due Manchester ed ora la Juventus, i club di cui ha vestito con alterne vicende le casacche. Specie con tecnici dal carattere forte si è scontrato più volte, vedi Mancini, e quasi mai ha collezionato statistiche da goleador di razza.<br>E’ un’ottima seconda punta, questo va detto. Ma se il vero problema dei due recenti anni targati Conte è sempre stata la carenza di un uomo d’area, forse Tevez non arriverà per sopire tutti i problemi.<br>Ma tant’è, nulla più del campo dirà come stanno veramente i fatti e chi avrà avuto ragione. Certo è che indossare quel 10 sulle spalle sarà una responsabilità non di poco conto. Per l’Apache, che ha vestito anche “el dies” di Maradona al Boca, non sarà probabilmente un problema. Ha già espresso la sua stima per Alex Del Piero e confessato di non esser intimorito da questa investitura. <br>Qualche dubbio potrà pervadere i sentimenti di molti che, con ancora negli occhi la fantastica carriera in bianconero dell’ex capitano, avrebbero preferito un altro numero per Tevez. Ma si sa, le ragioni di mercato e di marketing hanno più valore di quelle del cuore. Quella maglia prima o poi andava assegnata, l’ha sempre augurato anche Del Piero. <br>L’importante che porti i successi che merita. E che sia indossata con quel garbo e quello spessore che solo certi grandi campioni del passato juventino hanno saputo dimostrare.<br><br>Gabriele Cavallaro<br><br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001del-piero-sydney-3-e1349513808391.jpgSiNjuventus-entisiasmo-per-tevez-ma-i-delpieristi-non-ci-stanno-1012193.htmSiT1000007100075701,02,03030398
1621012192NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, arriva Gilardino20130628095939romaCome riporta La Gazzetta dello SportCome riporta La Gazzetta dello Sport ieri la lampadina si è accesa improvvisamente: Genoa e Roma hanno iniziato a parlare di un possibile scambio alla pari tra Alberto Gilardino e Marco Borriello ed in pochissimo tempo l'idea si è trasformata in trattativa. Il bomber di Biella sarebbe perfetto per sostituire il partente Pablo Osvaldo, mentre Borriello è rimasto molto legato al Grifone e gradirebbe la possibilità di rimanere il Liguria. Oggi previsto un incontro decisivo per prendere questa decisione, con le parti che sembrano molto vicine a concludere e sopratutto con il Gila pronto a firmare il contratto con i giallorossi al rientro dal Brasile. Se i pezzi del puzzle dovessero congiungersi in questo modo, il Bologna, che perderebbe il suo numero 10, virerebbe su Rolando Bianchi. C1007650adm001adm0011458879-34ad6442743e8dcc8db85af4fefe6858.jpgSiNroma-arriva-gilardino-1012192.htmSiT1000012100075701,02,03030732
1631012191NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, occasione Vidic per la difesa20130627172157calciomercato, milan, vidic, manchester united, inter, ranocchia, guarin, benatiaDall`Inghilterra segnali per i rossoneri. Pista Ranocchia per lo United, Benatia l`alternativaLa notizia giunge direttamente dall'Inghilterra, precisamente dal quotidiano <em>Daily Express</em>, che rivela&nbsp;l'interessamento di <strong>Allegri</strong>&nbsp;verso il difensore&nbsp;centrale del <strong>Manchester United Nemanja Vidic</strong>. Si tratta ancora di voci di corridoio,&nbsp;ma vi sono alcuni fattori&nbsp;che agevolerebbero la trattativa, una volta iniziata. Innanzitutto lo scarso utilizzo del 31enne serbo nell'ultima stagione sotto <strong>Ferguson</strong> (solo 19 presenze in Premier League, complice anche un infortunio al ginocchio che lo ha tenuto fuori due mesi), in secondo luogo la volontà del nuovo tecnico <strong>David Moyes</strong> di svecchiare la squadra. <br><br> A tale proposito, i Red Devils potrebbero pescare nelle acque della Serie A: <em>La Gazzetta dello Sport </em>riporta un approccio nei confronti di uno tra <strong>Ranocchia</strong> (corteggiato anche dallo Zenit) e <strong>Guarin</strong>, anche se Moratti ha affermato di non aver ricevuto nessuna offerta, almeno per il momento. Non è da escludere un ritorno di fiamma per <strong>Mehdi Benatia</strong>, sotto osservazione da tempo. In entrambi i casi bisognerà sborsare almeno 12-13 milioni di euro, ma se all'Old Trafford giungerà un nuovo difensore, quello sarà il segnale per il divorzio da Vidic. Il prezzo del cartellino del serbo si aggira intorno ai 20 milioni, ma l'idea di poter affiancare un giocatore di tale esperienza a Mexes potrebbe spalancare il portafogli del club di via Turati.<br><br>C1007650MilanoFL0435FL0435Nemanja+Vidic+Chelsea+v+Manchester+United+eA08Ogt_dSvl.jpgSiNmilan-vidic-per-la-difesa-1012191.htmSiT1000027100612201,02,03,07010646
1641012190NewsCalciomercatoTutto dipende da Jovetic20130627121444jovetic, fiorentina, tevez, juventus, gomezLa Fiorentina aspetta un`offerta importante per il talento montenegrino.I 30 milioni che riscuoterebbe la Fiorentina dalla cessione di Jovetic sono la chiave per poter cominciare seriamente a trattare ed acquistare giocatori. Della Valle non lascerà partire il suo fenomeno al di sotto di questa cifra, coincidente con la clausola rescissioria. Questi soldi verrebbero poi reinvestiti nell'affare Gomez, ma il tedesco non può aspettare a lungo per trovare una sistemazione. La "fretta" complica i piani viola, dato che la principale pretendente del montenegrino non ha più necessità di comprare subito essendosi già assicurata un altro fuoriclasse, Carlos Tevez.C1007650FL0881FL088120120419_sj.jpgSiNtutto-dipende-da-jojo-1012190.htmSiT1000024101199701,02,03030915
1651012189NewsCalciomercatoMarquinhos e Neymar per un Barça più brasiliano20130627115518Marquinhos, Barcellona, Roma, SanchezDopo l`acquisto faraonico di Neymar, il Barcellona si prepara a rinforzare il proprio reparto difensivo.Dopo l'acquisto faraonico di Neymar, il Barcellona si prepara a rinforzare il proprio reparto difensivo. L'obiettivo è un volto noto della nostra Serie A, il giovane Marquinhos, attualmente in forza alla Roma. Conoscendo la qualità del giocatore, che è stato in grado di ritagliarsi un ruolo da titolare in una delle top team del campionato italiano, il club giallorosso non si lascerà certo sfuggire il talentino brasiliano per meno di 40 milioni. Nella trattativa potrebbe rientrare Sanchez, ala blaugrana che da tempo ha manifestato la propria voglia di lasciare la regione catalana. <br>C1007650FL0881FL0881marquinhos.jpgSiNmarquinhos-barca-roma-trattativa-1012189.htmSiT1000012101199701,02,030301075
1661012186NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, dopo Tevez altro acquisto di Marotta20130626121539juventusL`appuntamento per definireL'appuntamento per definire l'operazione è slittato, ma la trattativa tra il Torino e la Juventus per Angelo Ogbonna volgerà al termine. Entro domani, spiega Tuttosport, le parti in causa si troveranno per ratificare il passaggio de difensore. I dettagli: la Juventus cederà la metà di Ciro Immobile (4 milioni) ai granata che ne incasserà altri 9 cash. Al difensore andranno invece 1,8 milioni di euro fino a giugno del 2017.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-dopo-tevez-altro-acquisto-di-marotta-1012186.htmSiT1000007100075701,02,03030502
1671012184NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, desico il prossimo difensore20130625110315milanCome riporta TuttosportTuttosport oggi in edicola fa il punto sul mercato in difesa del Milan e sull'obiettivo Davide Astori. Domenica sera Galliani ha ribadito l'interesse per il centrale al presidente del Cagliari, Massimo Cellino. Un obiettivo 'congelato', visto che il reparto arretrato conta adesso tanti giocatori, da Mexes a Zapata, da Bonera a Zaccardo ai giovani Salamon e Vergara. Intanto Galliani, ieri, ha blindato Riccardo Montolivo, definendolo incedibile, mentre in Brasile è tutto fermo sul fronte Robinho.C1007650adm001adm001elsha420.jpgSiNmilan-deciso-il-prossimo-difensore-1012184.htmSiT1000027100075701,02,03,07030612
1681012182NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, arriva il primo acquisto20130624112349juventusTornato Tornato dal viaggio di nozze, Antonio Conte farà il summit di mercato con la dirigenza per Marotta e Paratici, prima di ripartire per il Salento. Lo scrive La Stampa oggi in edicola, che spiega come mercoledì dovrebbe tenersi il cda per stabilire i budget, compreso quello per il mercato. Senza cessioni, però, sarà tosta fare robusti investimenti anche se in settimana sarà chiuso il primo colpo ovvero Angelo Ogbonna.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-arriva-il-primo-acquisto-1012182.htmSiT1000007100075701,02,03,06030642
1691012181NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Tevez vuole i rossoneri20130623155005milanIl quotidiano argentino OlèIl quotidiano argentino Olè si è concentrato sul futuro di Carlitos Tevez, sempre più vicino all'Italia. L'attaccante del Manchester City con molta probabilità lascerà la Premier League per sbarcare in serie A, anche se il corteggiamento del Real Madrid è reale. In tutto questo il City è disposto a negoziare. Kia Joorabchian, il suo rappresentante ha discusso dell'affare sia con il Milan che con i bianconeri. Il suo grande rapporto con Adriano Galliani fa spostare l'ago della bilancia verso il club rossonero che, però, deve prima vendere Robinho. Fanno sapere in Argentina. Il Milan e' in vantaggio anche perché la Juve ha annunciato che "non parteciperà ad aste per Tevez". Insomma nei prossimi giorni la resa dei conti, ad oggi più Milano che Torino, scrivono dall'Argentina.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-tevez-vuole-i-rossoneri-1012181.htmSiT1000027100075701,02,03,06,07030642
1701012178NewsCalciomercatoComproprietà, i verdetti delle buste: il Genoa perde tutto20130621173727calciomercato, comproprietà, merkel, genoa, udinese, busteVia Merkel, Acquafresca, Anselmo e Tomovic. Basha resta a Torino, Tallo è giallorosso al 100%.E' arrivato il momento di sciogliere il nodo delle comproprietà, con l'apertura delle buste che ogni anno ci riserva qualche sorpresa. Non sono certo accaduti errori di battitura e pasticci vari, come quello che decise il futuro di <STRONG>Viviano</STRONG> due anni fa, ma gli esiti ci hanno regalato qualche colpo interessante. In primis la risoluzione della comproprietà di <STRONG>Merkel</STRONG>, che va a <STRONG>Udine</STRONG>, con il <STRONG>Genoa</STRONG> che perde quasi tutti i cartellini in ballo. Non solo il centrocampista tedesco infatti abbandona la maglia rossoblù, ma anche <STRONG>Acquafresca</STRONG>, che indosserà la divisa del <STRONG>Bologna</STRONG>. <STRONG>Anselmo</STRONG> e <STRONG>Tomovic</STRONG> vanno rispettivamente al <STRONG>Palermo</STRONG> e alla <STRONG>Fiorentina</STRONG>, e al Marassi resta solo <STRONG>Marco Cane</STRONG>, prelevato dall'Aprilia. <br><br> Ecco tutti gli affari: <br><br> Acquafresca (Bologna-Genoa) <STRONG>BOLOGNA</STRONG><br><br> Alhassan (Udinese-Genoa) <STRONG>UDINESE</STRONG><br><br> Bakic (Fiorentina-Torino) <STRONG>FIORENTINA</STRONG><br><br> Baselli (Cittadella-Atalanta) <STRONG>ATALANTA</STRONG><br><br> Basha (Torino-Atalanta) <STRONG>TORINO</STRONG><br><br> Brighenti (Vicenza-Chievo) <STRONG>CHIEVO</STRONG><br><br> Calliari (Monza-Chievo) <STRONG>MONZA</STRONG><br><br> Cane (Aprilia-Genoa) <STRONG>GENOA</STRONG><br><br> Caracciolo (Brescia-Genoa) <STRONG>BRESCIA</STRONG><br><br> Deleidi (Barletta-Atalanta) <STRONG>BARLETTA</STRONG><br><br> Di Vincenzo (Aprilia-Siena) <STRONG>SIENA</STRONG><br><br> Ilari (Juventus-Ascoli) <STRONG>JUVENTUS</STRONG><br><br> Mancosu (Benevento-Cagliari) <STRONG>BENEVENTO</STRONG><br><br> Merkel (Udinese-Genoa) <STRONG>UDINESE</STRONG><br><br> Montini (Benevento-Roma) <STRONG>BENEVENTO</STRONG><br><br> Pisano (Genoa-Palermo) <STRONG>PALERMO</STRONG><br><br> Tallo (Roma-Chievo) <STRONG>ROMA</STRONG><br><br> Tomovic (Fiorentina-Genoa) <STRONG>FIORENTINA</STRONG><br><br>C1007650,C1007651FL0435FL0435secolo18-024.jpgSiNcomproprieta-esito-buste-genoa-perde-tutto-1012178.htmSi100612201,02,03,060301337
1711012177NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, reazione a catena: Nainggolan se Pjanic va via20130621163428roma, borussia dortmund, inter, nainggolan, pjanicGotze al Bayern chiama il bosniaco, pronto Nainggolan. Quale sarà la mossa dell`Inter?La verità la conosceremo il&nbsp;primo luglio, quando<STRONG> Mario Gotze</STRONG> diventerà ufficialmente un giocatore del <STRONG>Bayern Monaco</STRONG>. Per allora il<STRONG> Borussia Dortmund</STRONG> avrà già concluso la ricerca del suo erede, ma secondo le ultime indiscrezioni pubblicate dal quotidiano tedesco <EM>Bild</EM>, la squadra di Jurgen Klopp starebbe cercando di arrivare a <STRONG>Pjanic</STRONG>. Il centrocampista della <STRONG>Roma</STRONG> è stato laconico e piuttosto elusivo riguardo al suo futuro ("Non ne voglio parlare per rispetto del club, torno ad allenarmi a Roma e poi vedremo") e questo potrebbe essere un indizio a conferma dell'interessamento del club della Vestfalia, considerando anche la duttilità del giocatore che ne farebbe un punto di forza per il suo impiego nella squadra. Tuttavia sussiste la probabilità che si tratti solo di una falsa pista, al pari dell'altro nome che compariva sui giornali qualche giorno fa, quello di <STRONG>Eriksen</STRONG>.<BR><BR>Se Pjanic andasse via, <STRONG>i giallorossi</STRONG> <STRONG>avrebbero pronta l'alternativa</STRONG>. Infatti Sabatini&nbsp;è disposto ad investire circa 10 milioni di euro sul belga del Cagliari <STRONG>Radja Nainggolan</STRONG>. Nell'affare, i cui dettagli sono riportati dalla <EM>Gazzetta dello Sport</EM>, sono previste anche alcune contropartite tecniche, ossia <STRONG>Verre</STRONG> (già coinvolto nell'affare Destro l'anno scorso) e <STRONG>Caprari</STRONG>. Se Nainggolan firmasse per la Roma, i due andrebbero a Cagliari in comproprietà. L'esito dell'operazione è <STRONG>cruciale</STRONG>, poiché riguarda anche il mercato dell'<STRONG>Inter</STRONG>. Chi sarebbe l'alternativa di Mazzarri a Nainggolan? Per adesso i dirigenti nerazzurri si concentrano solo su <STRONG>Isla</STRONG> (vicino) e <STRONG>Kolarov</STRONG> (su cui bisogna ancora lavorare), ma è possibile azzardare un paio di nomi per formulare un'ipotesi. <STRONG>Lodi</STRONG> ha i piedi buoni ed è valutato sette milioni, prenderlo sarebbe un ottimo colpo.&nbsp;La seconda opzione è&nbsp;<STRONG>Candreva</STRONG>, più giovane di tre anni, che si adatterebbe bene al gioco del tecnico livornese, potendo spostarsi sulla fascia destra all'occorrenza. <BR><BR>C1007650FL0435FL0435pjanic-4.jpgSiNroma-nainggolan-se-pjanic-va-via-1012177.htmSiT1000012,T1000026100612201,02,03030899
1721012176NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta ha fatto l`offerta per Tevez20130621114411juventusSecondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport è previsto per la prossima settimana un viaggio a Manchester del dg della Juventus Giuseppe Marotta. Obiettivo: Carlos Tevez. Per l'attaccante argentino il dirigente bianconero ha già preparato un'offerta da 10 milioni di euro a fronte di una richiesta del Manchester City di 15. Per quanto riguarda, invece, il Milan, prima di rilanciare per l'ex Boca Juniors è necessaria la cessione di Robinho al Santos. Un ritardo, quello dei rossoneri, che potrebbe risultare decisivo a favore della Juventus.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-ha-fatto-l-offerta-per-tevez-1012176.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07030508
1731012174NewsCalciomercatoTorino, preso Alexander Farnerud. E chi è?20130620074154torinoDopo il portiere PadelliDopo il portiere Padelli, (gran nome, questo), il secondo colpo di mercato del Toro è Farnerud, “chi?” Alexander Farnerud, “e chi è ?”. Con queste domande che si moltiplicano legittime da parte di chi non ne può più di vedere un Toro sempre imbottito di illustri sconosciuti, sembra di interpretare il pensiero del popolo granata. Dopo la dipartita di Bianchi, quella ormai scontata di Ogbonna e il probabile addio di Cerci, il presidente Cairo si presenta con questi due “grandi” colpi di mercato che lasciano pensare alla frase: “Se il buongiorno si vede dal mattino……”. E, infatti, apprendiamo pure che il club granata è interessato a Eji Kawashima, portiere giapponese dello Standard Liegi, valutato 1,5 milioni di euro. Non scriviamo da ieri, e da sempre sappiamo che in casa granata non circolano grandi possibilità economiche, oggi più di ieri. Tuttavia, la continua ricerca del prestito con diritto di riscatto o l’acquisto di calciatori non più tanto giovani che sono sconosciuti e che assicurano solo una spesa di pochi milioni di euro, non fa altro che farci rivedere un orizzonte granata in cui non s’intravvede altro che la continua sofferenza per restare in Serie A. Ma, comunque sia, proviamo a presentare questo nuovo acquisto del Toro che da pochi giorni ha già sostenuto le visite mediche presso l’Istituto di Medicina dello Sport di Torino. 29 anni, altezza 1,84, centrocampista scandinavo che arriva dal club svizzero Young Boys, Alexander Farnerud è trequartista che predilige il piede sinistro. Il Torino l’ha preso per 1,8 milioni di euro, con un triennale da 400 mila euro l’anno. Ha anche giocato tra le fila dello Stoccarda, dove però non è riuscito ad affermarsi. Con lo Young Boys è stato protagonista in Europa League contro l’Udinese nel girone eliminatorio. Centrocampista dinamico capace d’inserirsi in zona gol, sa all’occorrenza interdire in aiuto alla propria difesa. A tutta prima sembrerebbe adatto al modulo di Ventura, che quest’anno ha risentito non poco dell’assenza prolungata di Matteo Brighi, andando spesso in difficoltà a centrocampo dove Gazzi ha garantito un buon contributo, ma si è trovato solo con Basha, il quale ha dato segni di evidente fatica. Farnerud non è evidentemente un nome di primissima fascia, ma potrebbe appunto rappresentare ciò che al Toro manca a centrocampo. Il nostro timore è di rivedere dei flop del passato che, presentati come acquisti di sicuro interesse, si sono poi rivelati veri e propri “brocchi” del pallone. Intanto, per la difesa c’è nel mirino la conferma di Guillermo Rodriguez, con Cairo pronto a spendere 1,5 milioni di euro per riscattarlo dal Penarol. E’ l’ennesima storia di prestiti con diritto di riscatto tanto cara al presidente Urbano Cairo che, se potesse, utilizzerebbe la stessa formula di contratto anche per gestire le altre sue più illustri aziende. Vedremo cosa accadrà, anche se siamo consapevoli che difficilmente potremmo riferire di acquisti che potranno far sognare, almeno una volta tanto, l’ammirevole popolo granata sempre così intriso di grandi e storici ricordi che non si tramutano mai in realtà contemporanea. <br><br> Salvino Cavallaro <BR><br><br>C1007650FL0711FL0711farnerud.jpgSiNtorino-preso-alexander-farnerud-e-chi-e-1012174.htmSiT1000099100451001,02,03,04030763
1741012173NewsCalciomercatoPsg, fumata nera per Capello: resta in Russia20130619175729psg,capello,manciniTroppo breve il contratto, salta tutto. Soluzione Mancini in vista?<STRONG>Fabio Capello non sarà il prossimo tecnico del Paris Saint Germain</STRONG>.&nbsp;E' questo l'esito dell'incontro tra il presidente del club parigino <STRONG>Nasser Al Khelaifi</STRONG>, il ds <STRONG>Leonardo</STRONG> e l'entourage dell'attuale commissario tecnico della Russia. Sembra che a non soddisfare le esigenze di Capello sia la <STRONG>durata del contratto</STRONG>, appena un anno, che stona con la volontà del mister&nbsp;di Pieris di dare vita ad un progetto a lungo termine con il club di Al Khelaifi. <BR><BR>La fumata nera così mischia le carte in tavola riguardo al futuro di <STRONG>Roberto Mancini</STRONG> che, liberatosi dal <STRONG>Manchester City</STRONG>, era dato come principale candidato per la panchina della nazionale russa in caso di addio da parte del friulano. Così con <STRONG>Ancelotti</STRONG> sempre più lontano, destinazione <STRONG>Real Madrid</STRONG>, il Psg deve guardare velocemente verso altre soluzioni. Che sia proprio il <EM>Mancio</EM> l'uomo chiave della vicenda? Se le cose stanno così, allora la conferma non tarderà ad arrivare. Il tecnico di Jesi percepiva<STRONG> 5,9 milioni a stagione</STRONG> alla corte di Mansour e sono pochi i club in grado di permettersi una cifra simile: il Psg è uno di questi,&nbsp;ragion per cui&nbsp;la ricerca potrebbe essere meno lunga di quanto si possa immaginare.<BR><BR>ParigiFL0435FL0435127455_ampliada_jpg_6a8b1c2d48268acd94ba4c686f9633fe.pngSiNpsg-capello-resta-in-russia-1012173.htmSi100612201,02,03030533
1751012172NewsCalciomercatoCavani-Real: Morata complica tutto 20130619162714cavaniTrattativa sempre più difficileNon c'è pace per Edinson Cavani: proprio mentre le cose sembravano andare per il verso giusto, ecco i problemi.<br><br>L'ultima offerta del Real (soldi, più Kheidira e Morata), sembrava finalmente aver convinto ADL: a mettere il bastone fra le ruote però, proprio il 21enne neo campione d'Europa con la sua Under 21.<br><br>Morata, infatti, ha dichiarato a fine partita: <em>" Mi ha chiamato Perez, mi ha fatto i complimenti e mi ha detto che l'anno prossimo non mi muovo dal Real".</em> <br><br>Doccia fredda dunque per il Matador, che vede affievolirsi le ultime possibilità di andare a Madrid, dato che tra l'altro i blancos non sono disposti a pagare l'intera clausola. <br><br>A questo punto, nel futuro di&nbsp;Cavani,&nbsp;o Psg, o Monaco...o Napoli!<br><br>C1007650FL0141FL0141cavani-disperato.jpgSiNcavani-real-morata-complica-tutto-1012172.htmSiT1000017100205001,02,03,06,07,08,09030875
1761012170NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta vuole Tevez20130619121228juventusCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport dopo l'offerta da 10-12 milioni già presentata dalla Juventus al Manchester City per Carlitos Tevez, Giuseppe Marotta sta aumentando i contatti giornalieri con Ferran Soriamo, amministratore delegato dei Citizens, in attesa di un cenno per prendere il primo aereo e chiudere la trattativa in Inghilterra. Il City continua a chiedere almeno 15 milioni, ma non sarà certo un braccio di ferro, anche a causa della scadenza di contratto dell'Apache che scadrà nel 2014. Se il Milan non rilancerà la situazione potrebbe pendere presto in favore della Vecchia Signora, con l'argentino che ha ormai superato Gonzalo Higuain nella lista dei top player da poter regalare ad Antonio Conte.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-vuole-tevez-1012170.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07010644
1771012168NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, si svecchia la rosa: via Cassano, c`è Belfodil20130618201621calciomercato, inter, cassano, mariga, belfodilArriva il sì del barese, adesso la parola all`attaccante ducale. Mariga l`altra contropartita tecnica.Ore 17.15, i vertici di <STRONG>Inter</STRONG> e <STRONG>Parma</STRONG> si incontrano per discutere di affari. La missione dei dirigenti nerazzurri è di concretizzare l'ipotesi dell'arrivo di <STRONG>Ishak Belfodil</STRONG> alla Pinetina. Obiettivo che è possibile raggiungere, ma ad una condizione: i ducali vogliono <STRONG>Cassano</STRONG>. Il barese accetterebbe certo non a malincuore di tornare a lavorare con <STRONG>Donadoni</STRONG>, che ai tempi in cui ricopriva il ruolo di ct della nazionale <STRONG>manifestava un notevole feeling con l'attaccante</STRONG>, soprattutto perché Cassano vuole ritornare ad essere Fantantonio, nonostante l'età non più verde (30 anni). Tuttavia la punta pugliese si trasferirebbe a Parma con la formula del prestito, probabilmente accompagnato dal compagno <STRONG>Mariga</STRONG>. D'altro canto nemmeno Belfodil sarà interista al cento per cento, poiché è più probabile che l'Inter lo acquisti in comproprietà. Se l'affare andasse in porto, un altro tassello si aggiungerebbe all'attacco di Mazzarri, che potrebbe prediligere la coppia Palacio-Icardi, ma non&nbsp;necessariamente. In un'eventuale variante 3-4-3 del suo tradizionale modulo a due punte, il tecnico livornese avrà la possibilità di inserire Belfodil sulla fascia sinistra, nel ruolo di ala, trasferendo sul settore opposto l'argentino. A chiudere il tridente Icardi, posizionato&nbsp;al centro dell'asse.C1007650MilanoFL0435FL0435belfodil.jpgSiNcalciomercato-inter-via-cassano-arriva-belfodil-1012168.htmSiT1000026,T1000016100612201,02,03030904
1781012167NewsCalciomercatoAmbrosini alla Fiorentina: è fatta20130618182856AmbrosiniMassimo Ambrosini, al Milan dal 1995Massimo Ambrosini, dopo 18 anni al Milan, passa alla Fiorentina. <br><br>Dopo il 30 Giugno infatti, il centrocampista bresciano firmerà un contratto annuale di 800 mila euro, più altri 200 di bonus: dopo la conferma di Cuadrado, questo è il secondo colpo per il centrocampo di Vincenzo Montella.<br><br>C1007650FL0141FL0141ambrosini.jpgSiNambrosini-alla-fiorentina-e-fatta-1012167.htmNoT1000024100205001,02,03,06,07,08,09030746
1791012166NewsCalciomercatoCavani: il Real torna in vantaggio20130618180043cavani city real Chelsea Offerti 40 milioni più Morata e KheidiraTutti lo vogliono, ma nessuno lo prende. Almeno per ora.<br><br>Edinson Cavani e la sua cessione sta diventando una telenovelas che, soprattutto, sta stancando pure lui.&nbsp;<br><br>City, Real, Chelsea e Psg&nbsp;vogliono strappare l'uruguaiano a De Laurentiis che però, non sembra sentire da quest'orecchio, a meno che non gli portino un bell'assegno da 63 milioni, ossia la clausola rescissoria del Matador, o qualche bella contropartita tecnica, accompagnata da tanti cash.<br><br>Nonostante le idee confuse in famiglia (il padre dice che il figlio vuole il Real, mentre la madre dichiara che Eddy vuole il City, ma ora inizia a non disdegnare pure i galacticos, ndr) il sogno di Cavani sembra essere proprio il Real Madrid: Ancelotti lo accoglierebbe a braccia aperte e l'ultima offerta, fresca fresca, fa riflettere. Perez offre infatti 40 milioni più Morata, giovane della <em>cantera blanca, </em>e Sami Kheidira, nazionale tedesco di grande affidamento. L'idea stuzzica ADL, ma bisogna valutare tante cose: innanzitutto al Real si deve insediare Ancelotti, allenatore già scelto, ma ancora non ufficiale. Poi si deve guardare la volontà dei due giocatori e, successivamente, il Matador deve battere la concorrenza di Luis Suarez, che piace ai blancos e costa anche molto di meno. Senza trascurare il fatto che i galacticos&nbsp;quest'anno hanno già dichiarato d'esser pronti a far follie per Bale.<br><br>Insomma, il Real c'è, è in vantaggio, ma non ha vinto: il City infatti non molla e, dopo il rifiuto di Dzeko a trasferirsi a Napoli, l'unica possibilità resta quella di pagare per intero la clausola di rescissione. Tanti soldi, ma non troppi per Monsour, che dovrà pure regalare Isco al suo nuovo allenatore Pellegrini, e ha già speso 25 mln per Jesus Navas.<br><br>Lo stesso discorso fatto per il City vale per il Chelsea: anche qui la soluzione è quella di pagare per intero i 63 milioni visto che Torres, pupillo di Benitez,&nbsp;si è&nbsp;rifiutato di seguire Rafa in Italia. Mou vuole&nbsp;Cavani, ma il sogno di Abramovich è Rooney, in rotta con il Manchester. Poche chances invece per il Psg, destinazione che non piace più di tanto al Matador.<br><br>E al posto di Edinson chi arriva? L'ipotesi numero uno è Cardozo del Benfica. Se l'affare salta si vira dritti dritti sul brasiliano Leandro Damiano.<br><br>C1007650FL0141FL0141cavani100.jpgSiNcavani-il-real-torna-in-vantaggio-1012166.htmSiT1000017100205001,02,03,06,07,08,09030736
1801012165NewsCalciomercatoBlitz Juve per Tevez: giovedì incontro col City20130618173032juve tevezMarotta è intenzionato a chiudereLa Juve sferra l'attacco decisivo per Carlitos Tevez: stando a quanto riporta in esclusiva <em>Sportmediaset </em>infatti, dopo il colloquio telefonico di ieri, Beppe Marotta giovedì prenderà un aereo per Manchester e incontrerà Soriano, responsabile di mercato del City, con l'intento di chiudere la trattativa per portare l'Apache a Torino.<br><br>I Citizens chiedono 15 milioni, la Juve ne offre dieci: come spesso accade, l'accordo potrà essere trovato a metà strada, ossia a 12 milioni. Per quanto riguarda Tevez invece, l'accordo già c'è ed è di 5.5 milioni più bonus legato alla vittoria della Champions.<br><br>La Juve, a questo punto, è passata in vantaggio sul Milan, a prescindere dai buoni rapporti col giocatore, che sembra più che altro interessato ad ottenere sempre di più da ambo le squadre.<br><br>C1007650FL0141FL0141manchester-city-striker-carlos-tevez-attracts-inter-milan-and-barcelona-56648.jpgSiNblitz-juve-per-tevez-giovedi-incontro-col-city-1012165.htmSiT1000007100205001,02,03,06,07,08,09030408
1811012164NewsCalciomercatoMilan: incontro col Monaco per Boa, per El Shaarawy niente City20130618171011milan mercato el shaarawy boateng astori tevezIntanto per Astori è praticamente fattaDopo tante voci, adesso si tratta: Kevin Prince Boateng, nonostante recentemente abbia smentito ogni possibile voce circa il suo trasferimento, è sul mercato, e oggi Galliani incontrerà il Monaco.<br><br>L' ad rossonero chiede 18 milioni, ma non è escluso che la trattativa si possa chiudere sui 15: al giocatore non dispiacerebbe trasferirsi nel Principato di Monaco, e il Milan potrebbe reinvestire subito i liquidi guadagnati con la sua cessione. <br><br>Come? innanzitutto col trequartista: Alessandro Diamanti è l'obiettivo numero uno. Il Bologna chiede dieci milioni: il Milan ne vuole spendere al massimo 7 inserendo qualche contropartita tecnica. Successivamente si dovrà pensare all'attaccante: su Tevez c'è una cauta fiducia, visti i buoni rapporti col giocatore e col club, ma la Juve fa sul serio. L'alternativa all'argentino è Matri, stimato da Allegri, che conosce l'ambiente avendo già vestito il rossonero, e con poco spazio nel suo club, specie se dovesse arrivare l'Apache. Dopo i tre gol di ieri intanto Galliani ha deciso che vuol vedere meglio Oudamadi in ritiro, prima di mandarlo in caso in prestito. <br><br>Per quanto riguarda la difesa, ormai è fatta per Astori: Cellino ha deciso di far partire il giocatore che, dopo aver rifiutato il trasferimento all'estero, ritornerà al Milan per una cifra vicino ai dieci milioni. <br><br>Capitolo El Shaarawy: Galliani ha detto che il Faraone non è incedibile ma poco ci manca. La sensazione è che il giocatore possa andare via solo per una cifra vicino ai 40 milioni: il City, visto anche il prezz, ha deciso di tirarsi fuori dalla bagarre, puntando sul pupillo di Pellegrini Isco. A questo punto o il Napoli fa qualche follia (difficile), o Stephen non si muove. Intanto per Robinho si aspetta soltanto la chiamata del Santos: rinnovata invece ieri&nbsp;la comproprietà di Constant.<br><br>C1007650FL0141FL014110965292_small-770x501.jpgSiNmilan-incontro-col-monaco-per-boa-per-el-shaarawy-niente-city-1012164.htmSiT1000027100205001,02,03,06,07,08,09030444
1821012163NewsCalciomercatoPirlo prende la maglia numero...10020130618163917pirloIl centrocampista premiato dalla FigcPrima dell'inizio dell'allenamento di ieri, Andrea Pirlo è stato premiato dalla Federcalcio con una maglia della nazionale col numero 100, tanto quanto le sue presenze in azzurro. <br><br>Il "premio", di fronte a tutto il clan azzurro, è stato consegnato dal vicepresidente federale Albertini, dal ct Prandelli e dal capitano Buffon.<br><br>&nbsp;<br><br>FL0141FL0141c_3_media_1727352_immagine_obig.jpgSiNpirlo-prende-la-maglia-numero-100-1012163.htmNo100205001,02,03,06,07,08,09030370
1831012159NewsCalciomercatoJuve: Marotta conferma Marchisio (o quasi)20130617233548tevez juve milanIntanto oggi contatto Juve-City per TevezBeppe Marotta, a calciomercato.com, &nbsp;chiude ad una possibile cessione di Claudio Marchisio:<em> "Non abbiamo mai pensato di venderlo, ne ora ne mai"</em><br><br>Finquì tutto liscio, se non fosse che, successivamente, l' ad bianconero apre uno spiraglio: <em>"Riapriremo la questione solo se ci pervenisse un'offerta stratosferica e decisamente fuori mercato. Cosa che fino a questo momento non si è arrivato."</em><br><br>Traducendo il tutto, Marchisio non si muove, ma se ci danno 30 milioni ve lo diamo: tra l'altro, proprio questa è la cifra per poter prendere o Higuain o Jovetic, obiettivi primari del mercato bianconero. Il Principino vuole sentirsi importante, e il saper assolutamente incedibile Vidal e Pogba, suoi compagni di reparto, un po' lo infastidisce: lui si sente fondamentale per questa squadra, e se proprio deve andar via lo farebbe solo per un top club estero.<br><br>Intanto oggi&nbsp;la Juve è entrata ufficialmente in contatto col City, dichiarandosi interessata a Tevez e chiedendo così d'aprire un tavolo di trattative: il giocatore vuole parlare col nuovo tecnico Pellegrini prima di far le sue scelte comunque. In ogni caso adesso, i bianconeri, sembrano in vantaggio sul Milan, nonostante la volontà del giocatore di vestirsi di rossonero. Si parte da 8-10 milioni.<br><br>C1007650FL0141FL0141c_3_media_1610657_immagine_ts673_400.jpgSiNjuve-marottaconferma-marchisio-o-quasi-1012159.htmSiT1000007100205001,02,03,06030547
1841012157NewsCalciomercatoCalciomercato Fiorentina, tutti pazzi per Gomez20130617180218calciomercato, fiorentina, juventus, gomezLa caccia è aperta: viola in pole, ma c`è l`Atletico. La Juve sonda il terreno e prepara l`alternativa a Jovetic.Il classico valzer delle punte rischia di diventare una febbrile tarantella, con <STRONG>Juventus </STRONG>e&nbsp;<STRONG>Fiorentina</STRONG> che non hanno ancora tolto il cartello "cercasi" dal&nbsp;posto del centravanti. Intendiamoci, i viola sarebbero teoricamente in una botte di ferro con <STRONG>Jovetic</STRONG>, se non fosse che il montenegrino è in odore di addio, con la possibilità di poter finalmente celebrare le nozze con i bianconeri. E così si cerca all'estero un sostituto in grado di prendere il suo posto: l'erede di Jo-Jo sarebbe <STRONG>Mario Gomez</STRONG>, per il quale il <STRONG>Bayern Monaco</STRONG>&nbsp;è disposto a trattare ma solo se le pretendenti saranno in grado di sostenere le pretese economiche della società, nonché del calciatore. Ma ad insidiare i viola, che secondo la <EM>Gazzetta </EM><STRONG>ha già raggiunto un accordo di massima con il bomber tedesco</STRONG>, sarebbe l'<STRONG>Atletico Madrid</STRONG>. Gli spagnoli cercano qualcuno in grado di rimpiazzare <STRONG>Falcao</STRONG>, che aspetterà l'apertura ufficiale della finestra di mercato per volare a Montecarlo. <br><br> Se tuttavia Jovetic rimarrà al suo posto, la Juventus virerà a sua volta su <EM>El Torero</EM>. Secondo il quotidiano tedesco <EM>Bild</EM>, i vertici di Torino stanno effettuando un sondaggio per capire quale sia la volontà dell'attaccante, per poi sferrare eventualmente l'attacco decisivo. Ma attenzione al terzo incomodo, perché il secondo nome che figura sulla lista dei desideri di Roberto Mancini (dopo Cavani, naturalmente) è proprio Gomez. E quanto a disponibilità economica, il <STRONG>Manchester City</STRONG> non scherza. Tutto si deciderà al tavolo delle trattative, partendo dal presupposto che potrà sedersi solo chi garantirà sufficiente copertura economica. Una stima? <STRONG>Circa trenta milioni per il cartellino, almeno cinque per l'ingaggio</STRONG>.<br><br>C1007650FL0435FL0435gomez.jpgSiNcalciomercato-fiorentina-gomez-juventus-1012157.htmSiT1000007,T1000024100612201,02,03,06030845
1851012156NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, preso Zaza20130617120113juventusFiltrano i primi dettagli Filtrano i primi dettagli dell'accordo fra Simone Zaza e la Juventus. A riportarli è Il Secolo XIX questa mattina che riporta come l'attaccante in scadenza contrattuale con la Sampdoria abbia già trovato un accordo con il club campione d'Italia sulla base di un contratto quadriennale a circa 800 mila euro a stagione. Manca, invece l'accordo fra i bianconeri e i blucerchiati che hanno ricevuto una concreta proposta da 4 milioni di euro dal Napoli. Tocca, dunque, alla Juventus alzare la proposta per il cartellino del giocatore ex Ascoli altrimenti la strada rimarrà in salita.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-preso-zaza-1012156.htmSiT1000007100075701,02,03,06,08030454
1861012151NewsCalciomercatoMancini: “Mi piacerebbe guidare una Nazionale”20130614202436Mancini, Manchester City, DzekoIl tecnico è rimasto senza panchina, ma la voglia di tornare ad allenare è tanta.Ha già voglia di tornare in panchina Roberto Mancini. Lo ha dichiarato in occasione della presentazione del Gran Galà del Cuore in programma a Capri il 22 giugno. «Mi piacerebbe tornare alla guida di una squadra – ha detto l’ex allenatore del Manchester City - magari anche con una Nazionale per i Mondiali dell’anno prossimo”. E su Benitez ha spiegato che “si tratta di un grande allenatore con l’esperienza giusta per poter avere successo in una piazza bella ma difficile come Napoli”. Infine l’ipotesi Dzeko sotto il Vesuvio: “E’ un grandissimo giocatore e in Italia potrebbe essere un attaccante da venti-trenta gol a stagione”.C1007650FL0881FL0881Roberto-Mancini_41.jpgSiNmancini-voglio-allenare-1012151.htmSi101199701,02,03030150
1871012150NewsCalciomercatoAmbrosini e la pista viola20130614201957Ambrosini, Fiorentina, MilanL`ormai ex capitano rossonero saluta Milanello e ha ancora voglia di mettersi in gioco.Ha voluto ringraziare proprio tutti nella conferenza-stampa di commiato e non ha escluso un futuro in maglia viola. "L'amarezza che sto provando adesso - ha detto Massimo Ambrosini - non può essere superiore alla soddisfazione di aver vissuto questi lunghi, splendidi 18 anni di Milan". E su quello che potrà accadere ha spiegato: ""La Fiorentina è una grandissima società, con una grandissima squadra e un grande allenatore, ha un progetto veramente serio e intrigante se si facessero avanti starei a sentire quello che hanno da proporre. So di voler e poter dare ancora qualcosa al calcio".C1007650FL0881FL0881ambrosini.jpgSiNambrosini-maglia-viola-1012150.htmSiT1000027101199701,02,03030454
1881012149NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, tutto su Nainggolan e Isla20130614165718Inter, Isla, Kolarov, Nainggolan, Osvaldo, calciomercatoGuarin e Duncan per far cassa, poi l`assalto. Paulinho la chiave per il via libera ad Osvaldo.&nbsp;La chiave dell'<STRONG>Inter</STRONG> di Mazzarri sta nel centrocampo. Da lì partirà la rifondazione di una squadra che ha profondamente deluso e ha bisogno di investimenti audaci. Dall'Inghilterra giungono voci di un'imminente offerta del Sunderland per <STRONG>Duncan</STRONG>. Per <EM>The Journal </EM>il club di Paolo Di Canio starebbe pensando di mettere sul piatto 8,2 milioni di euro. <STRONG>Nel frattempo i dirigenti dell'Anzhi sarebbero sbarcati a Milano</STRONG> per convincere Moratti a lasciar partire <STRONG>Guarin</STRONG>. Gli argomenti sono piuttosto convincenti: 30 milioni, che il club nerazzurro investirebbe per il mercato in entrata. Così potrebbe giungere a compimento la missione <STRONG>Nainggolan</STRONG>, per il quale giovedì mattina Branca ha incontrato il patron del Cagliari Massimo Cellino. La richiesta dei sardi è di 15 milioni, più alcune contropartite tecniche come il portiere Bardi, l'Under 21 Caldirola o il centrocampista&nbsp;Benassi. <BR><BR>Una volta sistemato il settore centrale, in via Durini si lavorerà sulle fasce puntando dritto ad <STRONG>Isla</STRONG> e <STRONG>Kolarov</STRONG>, valutato 12 milioni di euro dal City. Juventus e Udinese hanno rinnovato la comproprietà del cileno, ma<STRONG> i torinesi cederebbero all'Inter la loro metà</STRONG> in cambio di una cifra intorno ai sette milioni. Intanto per l'attacco prende corpo l'ipotesi <STRONG>Osvaldo</STRONG>, che la Roma potrebbe decidere di lasciar partire se <STRONG>Paulinho</STRONG> - che la scorsa estate sembrava ad un passo dai nerazzurri - firmasse con il club capitolino.&nbsp;Tuttavia i giallorossi non concederebbero alcuno sconto per l'attaccante azzurro, pretendendo qualcosa come 20 milioni per&nbsp;sedersi al tavolo delle trattative.&nbsp;C1007650MilanoFL0435FL0435nainggolan.jpgSiNinter-tutto-su-nainggolan-e-isla-1012149.htmSiT1000026100612201,02,03030961
1891012148NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marchisio: «Vedremo se sono ancora importante»20130614155922Marchisio, Juventus«Conoscete la mia volontà«. Ma le pretendenti si fanno avanti: cosa deciderà la dirigenza?La giostra del calciomercato è appena cominciata e la <STRONG>Juventus</STRONG> guarda subito all'attacco. La priorità è&nbsp;terminare finalmente la ricerca di un top player, ragion per cui le tre carte in tavola sono <STRONG>Jovetic, Higuain, Tevez (più vicino al Milan).</STRONG> Tuttavia dal Brasile, dove la Nazionale prepara il debutto in Confederations Cup, <STRONG>Claudio Marchisio</STRONG> lancia chiari segnali in conferenza stampa: "Per adesso non ho sentito nessuno e non mi sono giunte offerte. Leggo quello che scrivete sui giornali, poi con la società vedremo se Marchisio è ancora un giocatore importante come lo è stato fino ad oggi". <br><br> Parole criptiche che lasciano intravedere la voglia del centrocampista di&nbsp;continuare a giocare in maglia bianconera&nbsp;("Non devo ripetere qual è la mia volontà, lo sapete benissimo"), <STRONG>ma non escludono la possibilità che la società possa decidere di venderlo</STRONG> per far cassa, incoraggiata anche dalle ottime prestazioni di Vidal e Pogba. Il <EM>Principino </EM>torinese quindi passa la palla alla dirigenza: "Se le cose cambieranno sarà normale guardare altre strade". Lo scatenato (e danaroso) Monaco e il Manchester United stanno alla porta, pronti a mettere mano al portafoglio. <br><br>C1007650Rio de JaneiroFL0435FL0435marchisio.jpgSiNjuventus-marchisio-vediamo-se-sono-ancora-importante-1012148.htmSiT1000007100612201,02,03,06030419
1901012147NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, Cavani verso il Real Madrid20130614122551napoliDopo le dichiarazioni Dopo le dichiarazioni di ieri della madre di Edinson Cavani oggi è il giorno del padre, Luis Cavani che dai microfoni di MarcaTv parla del futuro del Matador: "L'intenzione di Edinson è quella di giocare in una squadra come il Real Madrid. Lui alla famiglia ha detto che vuole giocare nel Real, ma se lo facesse in maniera pubblica sarebbe una situazione scomoda. Per lui si parla di 65 milioni di euro e il Napoli non vuole trattare, ma il desiderio del ragazzo è un altro".C1007650adm001adm001124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNnapoli-cavani-verso-il-real-madrid-1012147.htmSiT1000017100075701,02,03,08030724
1911012146NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, il Psg vuole El Shaarawy20130613105517milanCome riporta La Gazzetta dello SportNon solo Napoli e Manchester City su Stephan El Shaarawy, ma anche il PSG degli sceicchi e sopratutto di Leonardo, grande amico dell'ad Adriano Galliani e dell'ambiente rossonero. Il dirigente milanista sente il brasiliano tutti i giorni, che se dovesse fallire l'assalto a Wayne Rooney si butterebbe a capo fitto sull'occasione che riguarda il Faraone. Ancora il prezzo ufficiale non è stato fissato, ma probabilmente con 40 milioni l'italo-egiziano potrebbe lasciare Milanello. Lui non è molto contento dell'idea di essere ceduto, ma con il modulo che si appresta a schierare Allegri sarebbe sacrificato e quindi, una possibile destinazione all'estero, potrebbe anche favorire la sua crescita. C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-il-psg-vuole-el-shaarawy-1012146.htmSiT1000027100075701,02,03,07,08030620
1921012143NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, adesso bisogna alzare l`asticella20130612112324juventusAntonio Conte lo ha premesso Antonio Conte lo ha premesso dopo il secondo scudetto consecutivo: alzare l’asticella è un obbligo. Ergo, obiettivo Champions. Per questo motivo, tutti gli sforzi di Marotta e Paratici dovranno essere indirizzati nel miglioramento mirato della rosa bianconera. E quale è stato il vero tasto dolente, che seppur vincente in Italia, ha visto la Juventus patire in ambito europeo? Certamente quello dell’attaccante di peso, una punta da 30-35 reti stagionali che sblocchi la mole di gioco che la squadra produce anche in quelle gare chiuse tatticamente e che possa competere con le difese più forti del continente. Al momento però, tra richieste economiche ed obiettivi poco funzionali a questo discorso, tutto il lavoro della dirigenza bianconera è bloccato. Ecco perché. <BR>I tre nomi che in queste prime schermaglie di mercato sono stati accostati ai bianconeri sono quelli di Tevez, Higuain e Jovetic. Servirebbero a completare quel tassello che veramente manca per completare il puzzle? A livello tattico, forse no. A livello economico, men che meno. Tevez è forse il più abbordabile a livello di costi (seppur con un fardello legato all’ingaggio molto ingombrante) ma non è tipicamente quel bomber che può risolvere una gara tesa come succede spesso contro le piccole in Italia e che seppur con esperienza internazionale, non ha mai concluso stagioni con caterve di reti a carico. Poi c’è di mezzo il Milan, con cui l’argentino ha da tempo un discorso aperto e che potrebbe ostacolare ulteriormente una trattativa che comunque convince poco.<BR>Higuain è forse il giocatore che più si avvicina al prototipo di calciatore che servirebbe al progetto, anche se sarebbe tutta da dimostrare la sua adattabilità al campionato italiano, soprattutto in vista dei tempi che serviranno a Llorente per calarsi nella parte. Ma principale ostacolo, anche qui, sono i soldi: dopo alcuni tira e molla, Florentino Perez ha dichiarato che 30 milioni non basterebbero per prendere ‘El Pipita’. <BR>La stessa cifra che i tenaci fratelli Della Valle hanno più volte dichiarato di volere, cash, per Stevan Jovetic, vero oggetto dei desideri dell’entourage bianconero. Una seconda punta però, spesso soggetta ad infortuni fisici, di grande prospettiva in quanto giovane e motivato, ma non proprio quel giocatore di cui si parlava sopra. Ad aggravare la situazione, il forte contenzioso tra Fiorentina e Juventus (specie dopo il caso Berbatov) e la notevole pressione ambientale che Firenze sa creare quando sente parlare di Torino, sponda bianconera. Insomma: o la Juventus si presenta con il denaro cash (contropartite, al momento, non sarebbero gradite) oppure anche questa strada potrebbe presto essere abbandonata. <BR>Che fare, dunque? I veri bomber, ci sarebbero anche. Ma i costi sono davvero proibitivi. Cavani o Lewandowski sarebbero davvero funzionali, ma appaiono irraggiungibili per motivi economici. Anche se proprio l’eventuale cessione del Matador, potrebbe portare denaro sonante nelle casse di De Laurentiis, che avrebbe così una netta priorità nella scelta del successore sul mercato. <BR>La situazione è davvero complicata. Ed arrivare agli ultimi giorni del mercato, come succede ultimamente, non sarebbe il massimo per Conte che vorrebbe la rosa quasi completa per gli inizi del ritiro estivo. La patata bollente, è in mano a Marotta, che deve dimostrare anche a livello di mercato che la società c’è. Se si vuole alzare veramente l’asticella, bisogna avere coraggio. Conte, restando, l’ha avuto. L’Europa aspetta la Juve.<br><br> Gabriele Cavallaro. <BR><br><br>C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-adesso-bisogna-alzare-l-asticella-1012143.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07030539
1931012142NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, Garcia ha già detto chi vuole20130612110840romaCome riporta La Gazzetta dello SportOrmai manca solo l'ufficialità, ma dopo l'incontro con Pallotta a New York Rudi Garcia può essere già considerato il nuovo tecnico della Roma. Come riporta La Gazzetta dello Sport, si tratta del 25esimo tecnico straniero alla guida dei giallorossi, il primo francese. Adesso il club capitolino può cominciare a lavorare sul mercato; molti innesti serviranno per il 4-3-3 che ha in mente l'ormai ex Lille. I terzini devono spingere, possibile che Garcia si porti dietro Digne, mentre la difesa (con l'arrivo di Benatia) dovrebbe essere già a posto. A centrocampo da valutare la situazione di De Rossi, ma Nainggolan sarebbe davvero un grande colpo. Le pedine più importanti dello scacchiere sono gli esterni di attacco: uno è Lamela, per l'altro Garcia farà il nome di Payet. La punta centrale deve essere fisica e capace di creare spazi per gli inserimenti: Destro rimane (a differenza di Osvaldo), andrà cercato un altro giocatore.C1007650adm001adm001marquinhos.jpgSiNroma-garcia-ha-gia-deciso-chi-vuole-1012142.htmSiT1000012100075701,02,03030692
1941012139NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, nuova offerta per Jovetic20130611093849juventusCome riporta Tuttosport Come riporta Tuttosport in prima pagina nuovi dettagli riguardanti la trattativa tra Juventus e Fiorentina per il trasferimento nel club bianconero dell'attaccante montenegrino Stevan Jovetic. Il club bianconero - si legge - ha presentato una nuova offerta nelle ultime ore: 20 milioni più il cartellino del centrocampista classe '90 Luca Marrone. Aumentato, quindi, di due milioni di euro il conguaglio economico rispetto alla precedente offerta. Attesa a questo punto la reazione della famiglia Della Valle che fino a questo punto non s'è mai mossa rispetto all'iniziale pretesa di 30 mln di euro. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-nuova-offerta-per-jovetic-1012139.htmSiT1000007100075701,02,03,06030479
1951012138NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, in arrivo il centravanti20130610123052milanCome riporta La Gazzetta dello SportIl cambio di sistema di gioco da parte di Massimiliano Allegri in vista della prossima stagione, porta il club di Via Turati a pensare alla cessione di Kevin-Prince Boateng e di Robihno, in favore di un treuqartista ed una punta d'area di rigore. Mentre nel primo caso in pole c'è sempre Alessandro Diamanti, per l'attacco si pensa sempre di più ad Alessandro Matri, per il quale Galliani ha già avviato i contatti con la Juventus. L'alternativa al bomber bianconero è Ishak Belfondil, pallino milanista ormai dallo scorso gennaio, ma nei piani del tecnico toscano, l'ex Cagliari è il primo obiettivo per affiancare Balotelli e prendere sostanzialmente il posto del brasiliano. C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-1012138.htmSiT1000027100075701,02,03,06,07030416
1961012133NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta ha deciso il centravanti20130609112447juventus, marottaCome riporta La Gazzetta dello SportNon solo Jovetic. La Juventus infatti quest'oggi sarà a Madrid in occasione della sfida delle vecchie glorie bianconere contro quelle del Real. Agnelli e Marotta saranno ospiti di Florentino Perez e parleranno con i dirigenti blancos di Higuain. Verranno affrontati i temi riguardanti le cifre del giocatore anche perché l'Arsenal pressa e i bianconeri devo sbrigarsi se non vogliono farsi beffare. Higuain, intanto, potrebbe arrivare a Madrid nelle prossime ore dopo essere stato espulso in Nazionale nella gara contro la Colombia.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-ha-deciso-il-centravanti-1012133.htmSiT1000007100075701,02,03,06030550
1971012128NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, mega offerta del Chelsea: 58 milioni per Cavani20130608100957Napoli, Cavani, ChelseaNuovo assalto per il bomber partenopeo, ostacolo più grande la clausola di rescissione. E De Laurentiis potrebbe farsi tentare...Sembrava essere Madrid la destinazione prediletta di <STRONG>Cavani</STRONG>. Tuttavia si rincorrono nelle ultime ore voci sempre più insistenti di un'offerta avanzata dal patron del <STRONG>Chelsea</STRONG> Roman Abramovich, che vorrebbe regalare a <STRONG>Mourinho</STRONG> l'attaccante uruguagio. <STRONG>Si parla di 58 milioni di euro</STRONG>, cifra molto vicina ai 60 della clausola rescissoria prevista dal contratto che lega Cavani al Napoli fino al 2017. Tuttavia se i Blues riuscissero a soddisfare le esigenze economiche di <STRONG>De Laurentiis</STRONG>, egli presterebbe fede a quanto ha dichiarato a metà maggio ai microfoni di <EM>Napolimagazine.com</EM>, ossia che "<EM>se viene qualcuno e la paga </EM>(la clausola rescissoria, ndr)<EM>, e al giocatore piace la destinazione, noi non possiamo dire di no. I contratti sono contratti, noi siamo persone per bene e li rispettiamo</EM>". <BR><BR>Superato lo scoglio De Laurentiis,&nbsp;bisognerebbe far fronte alle pretese economiche del giocatore. Non sarebbe però un problema per il club londinese, fresco di vittoria in Europa League, proporre quegli <STRONG>8,5 milioni</STRONG> che anche il Psg aveva intenzione di&nbsp;mettere sul piatto ad aprile, quando era sembrato che la destinazione più probabile del <EM>Matador </EM>potesse essere proprio il Parco dei Principi.<BR><BR>C1007650NapoliFL0435FL0435124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNcalciomercato-napoli-mega-offerta-dal-chelsea-58-milioni-per-cavani-1012128.htmSiT1000017100612201,02,03,08030655
1981012127NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, i nuovi arrivi a centrocampo20130607111116milanSecondo quanto riportato da TuttosportSecondo quanto riportato da Tuttosport, infatti, cinque giocatori con le valigie in mano a Milanello e altrettanti sono, invece, pronti ad arrivare. Iniziando dalle uscite il nome più importante è senza dubbio quello del capitano del Milan: Massimo Ambrosini. Per lui il contratto scade a fine mese e dopo aver parlato di rinnovo, oggi la possibilità più concreta è quella di un addio, con la Fiorentina che nelle ultime ore si è fatta avanti. Vicino all'addio anche Kevin Prince Boateng, corteggiato in Premier e Budensliga, Antonio Nocerino, Mathieu Flamini e Bakaye Traore. In arrivo, invece, oltre al sicuro Riccardo Saponara, potrebbero presto approdare in rossonero Juraj Kucka, Andrea Poli oltre al talento della Primavera Bryan Cristante. Il sogno infine è una vecchia conoscenza del calcio italiano: Javier Pastore oggi al PSG.<br><br>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-i-nuovi-arrivi-a-centrocampo-1012127.htmSiT1000027100075701,02,03,07030694
1991012126NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, pronti via: arriva Perea20130606144557Calciomercato, Lazio, PereaTre milioni per il talento colombiano: battuta la concorrenza dell`Udinese.<strong>Giovane e forte</strong>: ecco quali saranno le caratteristiche della <strong>Lazio</strong> che verrà. <strong>Petkovic</strong> ha già messo a segno il primo colpo di mercato assicurandosi le prestazioni di <strong>Brayan Perea</strong>, attaccante classe '93 del <strong>Deportivo Calì</strong>. Perea, soprannominato in patria <em>Coco</em>, ha accumulato 54 presenze con gli <em>Azucareros</em> a dispetto della sua giovane età. I biancocelesti hanno strappato un accordo da tre milioni di euro per il cartellino, offrendo al giocatore un quadriennale. Dovrà guardare ad un altro obiettivo l'<strong>Udinese</strong>, che aveva adocchiato da tempo il talento colombiano.<br><br> Perea ha mostrato un'ottima visione di gioco agli ultimi Mondiali Under 20, oltre all'agilità che lo rende una spina nel fianco per tutti i difensori. Ecco alcune delle sue giocate: <a href="https://www.youtube.com/watch?v=EzdG6A83Dbo">https://www.youtube.com/watch?v=EzdG6A83Dbo</a><br><br>C1007650RomaFL0435FL0435petkovic.jpgSiNcalciomercato-lazio-pronti-via-arriva-perea-1012126.htmSiT1000018100612201,02,03030861
2001012121NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta insiste per Tevez20130606110520juventusCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport nuovo contatto con Carlos Tevez. Il giocatore, in caso di cessione dal Manchester City, ha deciso di puntare solo sulla Juventus, chiarendo fin dalle prime battute che sarebbe disposto a diminuire l'ingaggio di 10 milioni che in questo momento percepisce in Inghilterra. 6 milioni più bonus è l'offerta prevista dai bianconeri, proposta che piace all'argentino pronto per una nuova avventura calcistica. La società di Corso Galileo Ferraris è pronta ad investire non più di 8 milioni di euro per il cartellino del giocatore, con la parola dell'Apache che sarà fondamentale per iniziare o bloccare l'intera trattativa. <br><br>C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-insiste-per-tevez-1012121.htmSiT1000027,T1000007100075501,02,03,06,07,08,09030663
2011012122NewsCalciomercatoMilan: basta tridente, si punta a Ilicic20130606104113milan allegri Berlusconi Sfumata l`ipotesi CerciLe parole esatte non le sapremo mai, ma non sono difficili da intuire: <EM>"tu resti, ma si fa a modo mio. Difesa a 4, trequartista, e niente tridente"</EM>, firmato, con affetto, Silvio Berlusconi. <BR><BR>Dall'altra parte Massimiliano Allegri, in quel di Arcore, col suo bell'accento toscano, non si è tirato indietro e avrà risposto con un<EM> "signorsì</EM>! " a denti stretti.<BR><BR>E ora? cambia tutto. Modo di giocare, idee e, soprattutto, obiettivi di mercato. Al tecnico piaceva <STRONG>Cerci</STRONG>, impossibile da inserire negli schemi berlusconiani però, e dunque un giocatore da ammirare solamente. Si punta forte su<STRONG> Ilicic</STRONG>, trequartista sloveno con una buona esperienza nel nostro campionato, e per niente disposto a far la Serie B a Palermo: <STRONG>Zamparini</STRONG> vuole dieci milioni, ma si può chiudere pure per 8.5. Il problema però è la Fiorentina: al giocatore non dispiace affatto la soluzione toscana e, anzi, sembra prediligerla. I viola però dovranno prima pensare a risolvere la grana Jovetic e, di conseguenza, se Galliani fa in fretta, Ilicic a breve potrebbe vestire il rossonero. Ovviamente bisogna considerare un altro aspetto fondamentale: per acquistare il Milan deve fare cassa. Gli unici che al momento possono portare cash sono <STRONG>Boateng</STRONG> ( se non va via lui niente Ilicic visto che già in rosa c'è pure Saponara come trequartista) e <STRONG>Robinho</STRONG>: il brasiliano sembra destinato al Santos e si aspetta solo l'offerta.<BR><BR>In avanti in rosa ci saranno 5 punte: inamovibili Balotelli, El Shaarawy,&nbsp;Pazzini e Niang, si cerca l'attaccante con cui completare l'organico. Piace <STRONG>Belfodil</STRONG>, che può fare sia la prima che la seconda punta, ma su di lui c'è pure l'Inter. Praticamente impossibile invece arrivare a<STRONG> Muriel</STRONG>.<BR><BR>FL0141FL0141josip-ilicic1.jpgSiNmilan-basta-tridente-si-punta-a-ilicic-1012122.htmSiT1000027100205001,02,03,06,07,08,09030454
2021012123NewsCalciomercatoLewandowski e Borussia ai saluti: «Voglio una nuova sfida»20130606094052lewandowski borussia Sembra fatta col Bayern, ma occhio a Chelsea e RealRobert Lewandowki, in un'intervista alla Bild, annuncia la fine della sua avventura al Borussia Dortmund: <br><br><em>" E' un club fantastico che ho sempre adorato, ma per il mio futuro voglio una nuova sfida. Il nostro rapporto è di piena fiducia: sono sicuro che posso fidarmi dei dirigenti del Borussia e che insieme troveremo una soluzione comune. Presumo che tutto sarà chiarito (il giocatore va in scadenza nel 2014) e che sarò in grado di lasciare questa estate il club. Questa sarebbe la cosa migliore per tutti."</em><br><br>Il trasferimento del polacco al Bayern Monaco sembra cosa fatta ormai da un bel po', ma fin quando non arriverà l'ufficialità occhio Chelsea e Real Madrid ci sperano. <br><br>Lewandowski, al Borussia dal 2010, in giallonero ha già vinto due campionati.<br><br>FL0141FL0141robert-lewandowski.jpgSiNlewandowski-e-borussia-ai-saluti-voglio-una-nuova-sfida-1012123.htmNo100205001,02,03,06,07,08,09030487
2031012119NewsCalciomercatoPanchina Roma: Garcia in vantaggio, ma occhio a Mancini20130606081611roma garcia blanc manciniIn stand by BlancLa lotta oramai a loro si è ristretta a loro tre: <strong>Rudi Garcia</strong>,<strong> Laurent Blanc</strong> e<strong> Roberto Mancini</strong>. <br><br>O meglio, i primi due sono in lotta davvero, il terzo è un' idea che stuzzica la mente un po' di tutti; Ricapitoliamo però meglio: alla Roma tutti quanti avevano già in testa Allegri, e la conferma al Milan ha di conseguenza spiazzato tutti. Piaceva Donadoni, ma lui da Parma non si muove: e allora si è iniziato a vagliare la pista estera: Blanc o Garcia?<br><br>Fino a qualche giorno fa sembrava fatta per l'ex ct della Francia, non proprio l'uomo più felice del mondo&nbsp;all'idea di&nbsp;andare a Roma, ma disposto a firmare un bel biennale. A Sabatini però, il francese, non è mai piaciuto più di tanto: lui preferisce Rudi Garcia. Ecco allora che con Blanc si raffredda un po' tutto e si contatta l'ex tecnico del Lille: lui si, è felicissimo di venire alla Roma e di dar vita ad un progetto tutto nuovo, e guadagna solo un milione. Affare fatto? macchè. Ecco spuntare il terzo nome: Roberto Mancini. Un passato alla Lazio, ma che poco importa alla tifoseria della Roma, che già spinge per lui: il nome stuzzica, alla piazza piace, lui non disdegnerebbe la panchina giallorossa e sarebbe pure disposto a limarsi l'ingaggio. Vedremo.<br><br>Intanto sul mercato sembra quasi fatta per Rafael del <strong>Santos</strong> e <strong>Benatia</strong> dell'Udinese: la nuova Roma, a prescindere da chi la guiderà, sta nascendo.<br><br>FL0141FL0141roberto_mancini_01.jpgSiNpanchina-roma-garcia-passa-in-pole-ma-occhio-a-mancini-1012119.htmSi100205001,02,03,06,07,08,09030467
2041012116NewsCalciomercatoIl calcio estivo tra sogni, illusioni e realtà20130605212314calcioCalcio. Ora che è tutto finito a livello di club Calcio. Ora che è tutto finito a livello di club e che i giochi sono fatti, è tempo di mercato, di sogni, di illusioni pallonare che spesso inondano la fantasia dei tifosi. Un andirivieni di notizie fondate e non, che fanno perdere la bussola e l’orientamento di quello che sarà veramente il nuovo assetto tecnico tattico della propria squadra del cuore. E così il “ballo” degli allenatori da una&nbsp; panchina all’altra e i nomi dei giocatori accostati a questa o a quella squadra, sembra quasi che facciano dimenticare le scadenze fiscali da pagare, il lavoro che non abbiamo più da anni e la difficile realtà quotidiana cui siamo continuamente esposti a causa di una crisi economica che attanaglia e non dà respiro. Ma del calcio e dei suoi relativi sogni no, di quelli non possiamo fare a meno. E che c’importa se le Polizze delle RC Auto aumentano a dismisura, se le bollette di gas, luce e telefono arrivano regolarmente in maniera spietata. Meglio leggere cosa e chi stanno trattando Galliani, Moratti, Marotta, Della Valle, Lotito e De Laurentiis. Sì, perché presto si ricomincia, sarà di nuovo ora di ritiri estivi, di foto ricordo con dedica, di maglie e giuramenti di campionati da sfacelo. E così leggiamo che Mazzarri è passato alla corte di Moratti per ricostruire un’Inter che ormai attende soci che riescano a dare respiro a quelle casse nerazzurre che, fino a poco tempo fa, apparivano stracolme di denaro. Il presidente Preziosi che prende a calci la telecamera di un collega giornalista, per averlo scoperto nella possibile trattativa con l’attuale presidente del Varese Rosati, che sarà il nuovo vicepresidente rossoblu. Il Milan, intanto, ha risolto la situazione legata a Massimiliano Allegri che sembrava protrarsi nel tempo come un tormentone. Lui è stato confermato da Berlusconi e Galliani, per cui resterà sulla panchina rossonera, deludendo la Roma e i romanisti che l’avrebbero accolto a braccia aperte e che adesso si trovano a dover decidere per Blanc o Garcia, l’attuale allenatore del Lilla.&nbsp; La Juve attende, e chissà per quanto ancora. Jovetic e Higuain sono in cima ai suoi pensieri, ma anche Tevez sarebbe gradito a Conte. Sono trattative difficili, soprattutto per quanto riguarda Jovetic, per cui la Fiorentina pretenderebbe 30 milioni di euro in contanti, rifiutando qualsiasi contropartita di giocatori. Prendere o lasciare! Vedremo come andrà a finire. D’altra parte siamo ancora agli inizi, il campionato 2012’13 si è appena concluso e i festeggiamenti bianconeri della Juventus riecheggiano ancora in maniera festante. La fase finale dei Campionati Europei degli azzurrini e la Confederations Cup della Nazionale maggiore stanno per cominciare. L’azzurro ha la priorità su tutto. Il resto può attendere!<BR><BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR><BR><BR>C1007650adm001adm001elsha420.jpgSiNil-calcio-estivo-tra-sogni-illusioni-e-realta-1012116.htmSi100075501,02,03,06,07030390
2051012115NewsCalciomercatoCairo, costruisci un Torino competitivo20130605212144torinoIn separata sede abbiamo posto in analisi In separata sede abbiamo posto in analisi il momento stagionale del calcio italiano, appena andato in vacanza e già alle prese tra sogni di mercato e illusioni dei vari tifosi. Volutamente non abbiamo citato quello che potrebbe essere o non essere il mercato del Torino, perché desideriamo fare un discorso a parte. Perso Bianchi e con tutta probabilità Ogbonna, anche Cerci sembra chiudere la porta granata del Toro per entrare a far parte del Milan. L’incontro di Cairo e Galliani lascia precludere un qualcosa di più di un semplice, timido interesse per l’ex fiorentino. E allora ci chiediamo: cosa resta a questo Toro? Si vuole ancora soffrire per l’ennesimo anno consecutivo rischiando di compromettere la massima categoria? Il popolo granata è stanco di rivivere sempre una realtà fatta di poco o nulla; è stufo di sentirsi ripetere la sinfonia che il Toro arriva da un fallimento, da parecchi campionati di Serie B e che bisogna avere pazienza. No, questi discorsi non possono più esistere. Il passato e l’inimitabile storia del Toro, non possono essere sminuiti da discorsi minimalisti che non si addicono alla gloria di una società che ha fatto un tratto di storia del calcio italiano. Il Toro deve poter fare un campionato su modello del Catania della passata stagione e, per fare questo, c’è bisogno di lungimiranza, correttivi tecnici, investimenti e non più scarti di altre squadre svenduti a prezzi stracciati e/o prestiti di giocatori con diritto di riscatto. Cairo deve aprire il suo portafoglio granata, mettersi a tavolino con Petrachi e Ventura e, con loro, deve costruire il Toro di “oggi” e non più il Toro di “domani”, per quello è già troppo tardi. Come? Acquistando (e sottolineiamo la parola “Acquistando”)&nbsp; un terzino sinistro, due esterni alti (perso Cerci resta Santana che non ha convinto come nelle attese) un centrocampista con cervello e piedi buoni, un attaccante capace di risolvere partite con gol a doppia cifra. Se si pensa che per il Toro è chiedere troppo, allora non ci si meravigli dell’eterno incompiuto granata. Se non si hanno i giocatori di categoria, non si va da nessuna parte. Ci piace pensare ad esempio che Luca Cigarini, centrocampista intelligente e regista dai piedi raffinati, possa essere davvero alla portata di un Toro che è pieno di incontristi e dove i soli Gazzi e Basha non bastano da soli a far fare al centrocampo del Toro il salto di qualità. I tifosi del Toro attendono dunque buone notizie dal fronte granata e, soprattutto, desiderano almeno una parvenza di buona volontà da parte di Cairo, nell’investire in un progetto che fino ad oggi non c’è mai stato.<br><br> Salvino Cavallaro<br><br>C1007650FL0711FL0711barreto-6.jpgSiNcairo-costruisci-un-torino-competitivo-1012115.htmSiT1000099100451001,02,03,07,09030747
2061012114NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, Mancini vuole ingaggio pesante20130605162644romaRoberto Mancini e la RomaRoberto Mancini e la Roma, un matrimonio difficile ma non impossibile. Secondo quanto rivelato da Sky Sport ci sarebbe stata una telefonata nella giornata di ieri tra la dirigenza giallorossa ed il tecnico ex Manchester City e Lazio, che sancito la disponibilità del Mancio di tornare a Roma ma sull'altra sponda del Tevere. Tuttavia, il contratto di 3 anni che il tecnico jesino conserva con il City è difficilmente sopportabile dalla Roma ed è proprio sull'accordo economico che la trattativa si è bloccata. C1007650adm001adm001mancini_e_tevez_ansa.jpgSiNroma-mancini-vuole-ingaggio-pesante-1012114.htmSiT1000012100075701,02,03030815
2071012113NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, le prime mosse nerazzurre20130605122749Barrientos, Inter, Moratti, Mazzarri, Lulic, Zunigal`Inter prepara le piste da seguire per rinascere e dimenticare le disastrose annate del post-triplete.Aspettando la presentazione di Mazzarri e l'avvio della sessione estiva di calciomercato, l'Inter prepara già le piste da seguire per rinascere e dimenticare le disastrose annate del post-triplete. Le priorità rimangono gli esterni e i nomi più gettonati sono quelli di Zuniga e Basta. Da qualche ora però si sono aggiunti altri giocatori che potrebbero fare al caso della squadra di Moratti: Lulic, che dopo aver deciso la Coppa Italia potrebbe lasciare Roma e Barrientos, autore di una grande stagione con il Catania.<br>FL0881FL0881152066hp2.jpgSiNbarrientos inter moratti mazzarri lulic zuniga-1012113.htmSi101199701,02,03030409
2081012111NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, dipende da Jovetic20130604110545juventusCome riportato da TuttoSportCome riportato da TuttoSport, non solo Juventus e Fiorentina sono involte nella trattativa per Jovetic. Mezza serie A infatti spera che l'affare non vada in porto, soprattutto nel caso ci dovesse essere Luca Marrone come contropartita. Il giocatore vuole giocare, la Juve e Conte non vorrebbero privarsene; si può aprire un discorso per la comproprietà. Ipotesi questa comunque da scartare nel caso di cessione alla Fiorentina nel discorso per Jovetic: in molte sono a gufare, dal Cagliari al Parma, dalla Sampdoria al Torino.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-dipende-da-jovetic-1012111.htmSiT1000007100075701,02,03,06030622
2091012110NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, il Napoli vuole Guarin20130603113139interCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport dietro la cena di giovedì scorso tra Napoli ed Inter, potrebbero partire le grandi manovre del mercato che comprenderebbero non solo Juan Zuniga, ma anche Fredy Guarin e Valon Behrami. Infatti se a Walter Mazzarri piace molto l'esterno, a Benitez piace tantissimo il centrocampista colombiano. I nerazzurri per il momento lo ritengono incedibile, ma al nuovo tecnico interista piace molto anche lo svizzero acquistato dai partenopei la scorsa estate. Il mercato è appena all'inizio, ma si inizia a pensare ad un maxi scambio che vedrebbe i due napoletani raggiungere il loro mentore a Milano, con Guarin pronto a prendere l'autostrada verso sud per raggiungere il tecnico spagnolo. Nei prossimi incontri tra le due società si parlerà anche di questa possibilità, intanto le carte iniziano a scoprirsi.C1007650adm001adm001guarin-inter.jpgSiNinter-il-napoli-vuole-guarin-1012110.htmSiT1000026100075701,02,03,07,08030707
2101012109NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani vuole Cerci20130602112524milanCome riporta Tuttosport Adriano Galliani ha espresso durante il suo viaggio di ritorno dalla Georgia, dove ha presenziato alla partita d'addio di Kakha Kaladze, in merito all'attaccante del Torino e della Nazionale. A riportare questa breve quando significativa dichiarazione è Tuttosport che riporta del forte interesse del Milan per l'attaccante romano. Cerci è attualmente in comproprietà tra Torino e Fiorentina, ma è difficile ipotizzare che la prossima stagione vesta una delle maglie dei due club in questione. Con Firenze e la maglia viola Cerci ha chiuso, per un amore mai sbocciato con la tifoseria, mentre al Toro potrebbe rimanere solo in caso di rinnovo della comproprietà (soluzione difficile ed osteggiata dalla stessa dirigenza gigliata). Ecco allora che spunta l'ipotesi Milan che ha già avviato i contatti con il ds toscano Pradè e conta su ottimi rapporti con il Torino.C1007650adm001adm001barreto-6.jpgSiNmilan-galliani-vuole-cerci-1012109.htmSiT1000027100075701,02,03,07030609
2111012108NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Marotta aspetta Jovetic20130601111214juventusCome riporta La Gazzetta dello SportCome riporta La Gazzetta dello Sport, nessuna preclusione verso la Juventus ma una richiesta che non si smuove da 30 milioni. E' questa la linea tenuta ieri dal presidente esecutivo della Fiorentina Mario Cognigni nell'incontro con Fali Ramadani per quanto riguarda il capitolo Stevan Jovetic. Adesso la società bianconera frena e prende tempo, un po' per capire quanto arrivare ad offrire, un po' perchè il tempo favorisce sempre chi cerca di comprare. In realtà la Vecchia Signora si aspetta una dichiarazione pubblica di JoJo, che si deve esporre in prima persona per esternare la propria preferenza nei confronti della Juventus. A quel punto l'attacco sarebbe immediato, anche se la società viola non ha alcuna intenzione di abbassare le proprie pretese. Dopo l'incontro con Cognigni di ieri, adesso le manovre passano in mano ai dirigenti per così dire "sportivi" della società, quindi a Pradè e Macia. Con 30 milioni Jovetic parte, adesso la Juve lo sa e si potrà muovere di conseguenza. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-marotta-aspetta-jovetic-1012108.htmSiT1000007100075701,02,03,06030658
2121012106NewsCalciomercatoStudiando il post-Jojo20130530111842Fiorentina, Montella, Gomez, JoveticIn casa Fiorentina si cerca già da settimane quell`attaccante che potrebbe sostituire Jovetic.In casa Fiorentina si cerca già da settimane quell'attaccante che potrebbe sostituire Jovetic, il montenegrino che tanto bene ha fatto negli ultimi anni. Mentre Montella rimane fedele al suo impegno con i viola, il giovane talento viene salutato anche da Aquilani, che da Coverciano ammette la probabile partenza del suo numero 8. Per la prossima stagione dunque circolano già i nomi dei possibili sostituti: da Negredo a Yilmaz, per arrivare addirittura a Mario Gomez. Uno di questi fenomeni potrebbe atterrare presto a Firenze, piazza che ha mancato di poco la Champions e che sogna finalmente l'Europa dei grandi.<br>C1007650FL0881FL088120120419_sj.jpgSiNfiorentina montella gomez jovetic-1012106.htmSiT1000024101199701,02,03030563
2131012103NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, dopo Jorginho anche Regini20130530110945milanCome riporta Tuttosport Come riporta Tuttosport il Milan continua la sua operazione di ringiovanimento della rosa. Ieri infatti, presso la sede rossonera in Via Turati è stato praticamente definito l'acquisto del giovane centrocampista dell'Hellas Verona, fresco di promozione in Serie A, Jorginho. La società di Berlusconi ha anticipato i tempi per evitare che l'interesse di PSG e Inter si trasformasse in offerta, così da assicurarsi una delle migliori sorprese del campionato cadetto. Chiuso per l'italo-brasiliano, adesso Galliani si butterà anima e corpo sulla trattativa per acquistare Vasco Regini, centrale difensivo in comproprietà tra Empoli e Samporia, che è in cima alla lista del club milanista. La prossima settimana potrebbe essere quella giusta per ufficializzare anche questo altro colpo pescato tra le fila della Nazionale Under 21 di Mangia. C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-dopo-jorginho-anche-regini-1012103.htmSiT1000027100075701,02,03,07030558
2141012102NewsCalciomercatoDzeko per Cavani, mentre Rafa chiede Skrtel20130529194436Cavani, Dzeko, Benitez, Napoli, SkrtelIl futuro di Cavani pare ormai essere lontano da Napoli. Il "matador" pensa seriamente alle destinazioni Manchester, sponda City, e Real Madrid, con la spagnola favorita. I primi a farsi avanti però in modo concreto sono stati gli inglesi del nuovo tecnico Pellegrini, i quali hanno offerto come contropartita il bomber Edin Dzeko. La trattativa è ancora ferma alle valutazioni dei cartellini ma il nuovo tecnico del Napoli Benitez ha al momento altri piani. L' intenzione è quella di mettere mano a un altro reparto poichè i difensori centrali del Napoli potrebbero non bastare. Per questo l'allenatore spagnolo ha chiesto alla società Skrtel, uno dei giocatori della sua ex Liverpool.<br>C1007650FL0881FL0881benite.jpgSiNcavani-dzeko-rafa-chiede-skrtel-1012102.htmSiT1000017101199701,02,03030844
2151012100NewsCalciomercatoMonaco, si aspetta il comunicato per Falcao20130529113941monaco, falcaoFalcao percepirà Ancora non è ufficiale, ma presto arriveranno anche i comunicati. Radamel Falcao è praticamente un giocatore del Monaco, gli accordi sono già stati sanciti e il colombiano passerà in Francia per 45 milioni di euro. Nel club monegasco Falcao percepirà uno stipendio davvero faraonico, pari a 14 milioni di euro all'anno per 5 stagioni. Per capire la portata dell'ingaggio, basti pensare che Cristiano Ronaldo al Real Madrid guadagna circa 12 milioni a stagione.C1007650adm001adm001falcao.jpgSiNmonaco-si-aspetta-il-comunicato-per-falcao-1012100.htmSi100075701,02,03030386
2161012097NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, sulle tracce di Danilo Pantic20130528151550Mercato JuventusDanilo PanticMentre si continua a parlare ormai da anni degli eventuali Top Players che servono alla Juventus, la rete di osservatori del club bianconero mette gli occhi su un giovane di nazionalità serba, Classe '96, pressochè sconosciuto al grande pubblico, ma che sembra essere uno dei profili più interessanti dell'intero continente. E' un centrocampista con un notevole potenziale e margine di miglioramento, che, secondo me, potrà anche adattarsi al ruolo di esterno sinistro.<BR><BR>Un piccolo assaggio delle abilità di Danilo Pantic: <A href="http://livehighlights24.com/2013/05/28/danilo-pantic/">http://livehighlights24.com/2013/05/28/danilo-pantic/</A><BR><BR>TorinoFL0411FL0411marotta.jpgSiNmercato-juventus-occhi-puntati-su-danilo-pantic-1012097.htmSi100427901,02,03,06010681
2171012098NewsCalciomercatoSorpresa Real Madrid, vuol vestirsi di Tricolore20130528112444Real MadridFabio CannavaroE' quantomeno curioso che gli spagnoli sempre pronti a tacciare di "catenacciari, noi italiani e ad accusarci di giocare un brutto calcio, stiano poco a poco spingendo l'opinione pubblica verso un Real Madrid Tricolore.<BR><BR>E' vero che l'approdo di Carlo Ancelotti sulla panchina del Real Madrid non è ancora ufficiale, ma in Spagna parlano già di chi sarà il suo vice. Il quotidiano 'Marca' lo ha definito 'Segundo de Oro': alias Fabio Cannavaro.<BR><BR>L'ex difensore della Juventus, secondo il giornale spagnolo, è stato scelto personalmente da Ancelotti per affiancarlo nella sua avventura madrilena. Cannavaro conosce l'ambiente - ha giocato col Real per tre stagioni, vincendo due campionati e una supercoppa di Spagna - e sarebbe il perfetto uomo spogliatoio.<BR><BR>Nel frattempo Florentino Perez ha annunciato che se sarà rieletto, affiderà la gestione del progetto sportivo per i prossimi quattro anni a Zinedine Zidane. Pronta anche una proposta di rinnovo per Ronaldo e la conferma di capitan Casillas, messo da parte da Mourinho.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>MadridFL0411FL0411cannavaro fabio.jpgSiNreal-madrid-si-veste-di-tricolore-ancelotti-cannavaro-1012098.htmSi100427901,02,03,06010385
2181012096NewsCalciomercatoClamoroso Roma, Osvaldo ceduto all`Atletico Madrid20130528111420roma, osvaldoCome riporta Il Romanista Il Romanista oggi in edicola fa il punto sul futuro di Pablo Daniel Osvaldo, centravanti giallorosso reduce dall'esclusione dalla Confederations Cup dopo il tweet di accuse nei confronti di Aurelio Andreazzoli. Il numero 9 sarebbe stato però già ceduto, venerdì scorso: 20 milioni di euro circa dall'Atletico Madrid per prenderlo, uno dei motivi per cui è stato escluso dall'undici titolare con la Lazio in Tim Cup.C1007650adm001adm00120121119_osvaldo4.jpgSiNclamoroso-roma-osvaldo-ceduto-all-atletico-madrid-1012096.htmSiT1000012100075701,02,03030829
2191012094NewsCalciomercatoClamoroso Juventus, Vucinic verso la cessione all`Inter20130527101420juventus, vucinicCome riporta TuttosportCedere Mirko Vucinic all'Inter per arrivare all'acquisto di Gonzalo Higuain. E' questo uno dei piani dei dirigenti della Juventus in vista delle prossime settimane di mercato. A Walter Mazzarri il montenegrino piace molto e l'affare, considerando gli ammortamenti delle ultime due stagioni, si potrebbe chiudere a 15 milioni con una lauta pulsvalenza da parte dei bianconeri ed un tesoretto da poter girare immediatamente al Real per arrivare all'attaccante argentino. La rivoluzione dell'attacco juventino, potrebbe passare proprio dalla cessione di Vucinic, considerato l'arrivo di Llorente e il possibile approdo a Vinovo anche di uno tra Jovetic e Tevez, il futuro dell'ex bomber della Roma potrebbe essere lontano da Antonio Conte e più vicino a Mazzarri ed alla sua nuova Inter. C1007650adm001adm001mirko-vucinic-braccia-aperte.jpgSiNclamoroso-juventus-vucinic-verso-la-cessione-all-inter-1012094.htmSiT1000007100075701,02,03,060101208
2201012092NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, riscattare Isla per prendere Ranocchia20130525105740juventus, ranocchiaCome riporta La Gazzetta dello SportCome già detto, la nuova Inter di Mazzarri punterà forte su Mauricio Isla (24) in vista della prossima stagione. L'esterno della Juventus è visto come priorità, oltre a Zuniga, per le fasce; intanto i bianconeri devono però riscattare l'intero cartellino del giocatore, versando nove milioni e mezzo nelle casse dell'Udinese. Dopo, riporta La Gazzetta dello Sport, si potrà parlare con l'Inter, con Conte che ai nerazzurri dovrebbe chiedere Andrea Ranocchia: uno scambio alla pari che potrebbe fare bene ai bilanci di entrambi i club.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-riscattare-isla-per-prendere-ranocchia-1012092.htmSiT1000007100075701,02,03,06030449
2211012091NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Allegri può restare20130524103728milan, allegriCome riporta La Gazzetta dello SportPer una volta il tempo che passa anzichè essere un nemico è diventato il miglior alleato di Massimiliano Allegri e Adriano Galliani. Il tecnico e l'ad del Milan infatti, continuano con diplomazia a lavorare per cercare di dare continuità al lavoro intrapreso in questi anni, attendendo che magari, come già successo in passato (vedi Balotelli), il presidente Berlusconi torni sui suoi passi dando ragione a squadra e tifosi che vorrebbero ancora Allegri sulla panchina della prossima stagione. Il numero uno milanista continua a cullare il suo sogno di lanciare un nuovo allenatore con Clarence Seedorf, ma l'incognita del patentino da allenatore che non varrebbe nel nostro campionato e le contestazioni dei tifosi verso questa scelta, potrebbero anche far sì che nei prossimi giorni tutto cambi. Novità attese a questo punto per lunedì, quando Berlusconi tornerà dalla Russia e quando Galliani incontrerà nuovamente l'allenatore toscano. C1007650adm001adm001allegri_600x449.jpgSiNmilan-allegri-puo-restare-1012091.htmSiT1000027100075701,02,03,07030621
2221012090NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, in arrivo gli esterni20130523105051interCome riporta La Gazzetta dello SportUna rivoluzione sugli esterni per far volare la nuova Inter targata Walter Mazzarri. Già pronto l'assalto nerazzurro per alcuni giocatori importanti che possano mettere le ali al 3-5-2 previsto dal tecnico toscano. Primo nome in lista è Juan Zuniga, contratto in scadenza nel 2014 con il Napoli che però lo valuta 10 milioni di euro. Dalla Juve si pensa a Mauricio Isla, con l'idea (per ora soltanto tale) di scambio alla pari con un vecchio pallino di Antonio Conte: Andrea Ranocchia. Dalla Spagna si parla dell'interesse per il classe '90 Wakaso Mubarak dell'Espanyol, bloccato però dal passaporto extra-comunitario. Ultimi nomi in lista Dusan Basta dell'Udinese e il fedelissimo mazzariano Christian Maggio, che però il Napoli non ha nessuna intenzione di cedere.C1007650adm001adm001zuniga.jpgSiNinter-in-arrivo-gli-esterni-1012090.htmSiT1000026100075701,02,03,06,08030826
2231012089NewsCalciomercatoMilan chiama Seedorf20130522194554Seedorf, Milan, Allegri, BerlusconiLa panchina del Milan sembra essere destinata all`olandese ex rossonero.<P class=MsoNormal>Berlusconi ormai ha deciso: Clarence Seedorf deve sedere sulla panchina rossonera. Nonostante la resistenza dei giocatori e di Galliani, schierati dalla parte di Max Allegri, il presidente sembra ormai non avere dubbi. La scelta dell’ex premier è coerente con la filosofia seguita negli ultimi anni “il Milan ai milanisti” e anche se l’olandese non ha ancora ottenuto il patentino per allenare in Italia una soluzione si troverà, come è sempre stato. Nel frattempo Allegri spera ancora nella sua conferma e intanto strizza l’occhio alla Roma.<BR><BR><br><br>C1007650FL0881FL0881C_3_Media_1407544_immagine_ts673_400.jpgSiNmilan-chiama-seedorf-1012089.htmSiT1000027101199701,02,03,07030391
2241012088NewsCalciomercatoVarane segue Mou20130522193043Varane, Mourinho, Chelsea, Real MadridIl talento del Real potrebbe partire con lo Special One.I ritorno del tecnico portoghese alla corte del Chelsea appare quasi certo e così il ricchissimo club inglese cerca già di soddisfare le richieste del nuovo mister. Josè ha in mente il primo rinforzo: Raphael Varane, che seguirebbe così lo Special One a Londra. Il giovanissimo difensore attualmente in forza al Real Madrid ha sorpreso tutti con una stagione strepitosa nella quale ha tolto il posto a Pepe, uno dei senatori dei Galacticos. Chi sa se il talento stupirà ancora con una partenza davvero inaspettata. FL0881FL0881mourinho.jpgSiNvarane-segue-mou-1012088.htmSi101199701,02,03030304
2251012086NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, incontro con il Real Madrid20130522120886juventus, real madridA riportarlo è la Gazzetta dello SportOggi primo incontro interlocutorio tra la Juventus e il Real Madrid per Gonzalo Higuain, con i dirigenti juventini nelle prossime ore in Spagna per trattare il futuro dell'argentino direttamente con Florentino Perez, numero uno del club madrinista. Prime battute uffiiciali che metteranno in chiaro domanda ed offerta ma che mireranno inizialmente a limare il prezzo richiesto dai Blancos, ovvero 30 milioni. I bianconeri vorrebbero scendere a 22, ma alla fine la sensazione è che si possa chiudere nel mezzo. La Juve ha dalla sua il fatto che a mettere sul mercato Higuain è stato lo stesso club spagnolo e che quindi, se vorrà cederlo, comunque vada dovrà forzatamente scendere a patti con i bianconeri, club che piace e non poco allo stesso bomber sudamericano.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-incontro-con-il-real-madrid-1012086.htmSiT1000007100075701,02,03,06030596
2261012084NewsCalciomercatoClamoroso Roma, preso Benatia: i dettagli20130521114328roma, benatiaL’EquipeLa clamorosa indiscrezione arriva dalla Francia e a pubblicarla è L’Equipe: Mehdi Benatia, difensore dell’Udinese sul quale sembrava in vantaggio il Napoli (col Milan alla finestra, lo aveva cercato a gennaio), sta per trasferirsi alla Roma. Calciatore ambito da diversi club, considerato che s’è reso protagonista dell’ennesima ottima stagione con i bianconeri conquistando l’Europa League, avrebbe scelto il club giallorosso: la trattativa per il suo trasferimento si formalizzerà per una cifra di circa 11 milioni di euro. L’arrivo di Benatia sembra aprire a un altro movimento di mercato (ma in uscita) dei capitolini: ovvero il possibile addio a Marquinhos, il 19enne difensore brasiliano è da tempo nel mirino del Barcellona (i catalani lo hanno cercato con maggiore insistenza) e del Paris Saint Germain.C1007650adm001adm001benatia.jpgSiNclamoroso-roma-preso-benatia-1012084.htmSiT1000012100075701,02,03,07,08030679
2271012083NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, arriva Biglia20130521105655lazio, bigliaLa conferma arriva Sembra ad un passo dalla chiusura la trattativa tra la Lazio e l'Anderlecht per l'approdo nella Capitale di Lucas Biglia, centrocampista italo-argentino e capitano dei biancomalva freschi campioni del Belgio. La conferma arriva questa mattina dalle pagine de Il Messaggero che cita un blitz decisivo della dirigenza biancoceleste per chiudere l'operazione. Biglia arriverà dunque a Roma per circa 6 milioni di euro e con un contratto quadriennale da 1,5 milioni di euro netti a stagione.C1007650adm001adm001petkovic.jpgSiNlazio-preso-biglia-1012083.htmSiT1000018100075701,02,03030660
2281012079NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, preso Poli20130520110515milan, poliSecondo quanto riporta TuttosportSecondo quanto riporta Tuttosport, domani a Milano dovrebbe esserci l'incontro decisivo per il passaggio di Andrea Poli dalla Sampdoria ai rossoneri. Dopo i primi contatti avvenuti la scorsa settimana, adesso è arrivato il momento per Adriano Galliani di affondare il colpo e sorpassare definitivamente la Juventus nella corsa per il centrocampista doriano. Vista la scadenza del contratto fissata nel 2014 con la Samp, il costo del cartellino non dovrebbe superare i 4 milioni di euro, prezzo di saldo per un giocatore di sicuro affidamento e sopratutto di certa prospettiva.C1007650adm001adm001elsha420.jpgSiNmilan-preso-poli-1012079.htmSiT1000027100075701,02,03,06,07030434
2291012077NewsCalciomercatoJuventus, tanti gli obiettivi20130519150133juventus, marottaSono molte le piste Sono molte le piste di mercato seguite dalla Juventus. I bianconeri non vogliono lasciare niente di intentato, sia per quanto riguarda le prime scelte che per le alternative. Uno dei bracci di ferro più interessanti, riporta TuttoSport, riguarda quello con il Bologna per Alessandro Diamanti, che i felsinei valutano non meno di 10 milioni di euro. Intanto la dirigenza della Vecchia Signora non si dimentica della difesa: nei prossimi giorni tornerà a valutare Bonera, che è in scadenza con il Milan; per quanto riguarda le fasce ci sono Senad Lulic e Juan Camilo Zuniga.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-tanti-gli-obiettivi-1012077.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07030531
2301012076NewsCalciomercatoInter-Gomez: procuratore a Milano, si tratta20130519140439Gomez inter atletico madridI nerazzurri devono guardarsi dall`Atletico MadridLeo Rodríguez, procuratore di Alejandro Gomez, è a Milano. Nessun viaggio turistico o di cortesia, bensì pronte ad instaurare una trattativa con l'Inter: le parti sono ancora lontani, la concorrenza è piuttosto viva, ma la volontà di portare comunque in porto l'affare c'è.<br><br>Andiamo per ordine: Pulvirenti ha fissato il prezzo, ossia dieci milioni. L'Atletico Madrid, su suggerimento di Simeone, ex tecnico del Catania, arriva fino a 9: su quel milione si potrebbe lavorare e la trattativa sembra facilmente concludibile. <br><br>Però, a bloccare il tutto, c'è l'Inter: Moratti ha "prenotato" il Papu&nbsp;già da un anno, e l'argentino non vuole lasciare l'Italia,&nbsp;senza tralasciare il fatto&nbsp;che sarebbe felice di&nbsp;raggiungere la colonia biancoceleste&nbsp;in nerazzurro. Da Palazzo Durini offrono 4 milioni più Biraghi: troppo poco per gli etnei, ma se si alzasse un po' di più la parte economica dell'affare la trattativa si potrebbe sbloccare da un momento all'altro.<br><br>C1007650FL0141FL0141alejandro-gomez-catania_25889648_980x980.jpgSiNinter-gomez-procuratore-a-milano-si-tratta-1012076.htmSiT1000014,T1000026100205001,02,03,09030673
2311012075NewsCalciomercatoIl City piomba su Falcao: super offertona e Monaco superato20130519135212falcao city64 milioni offerti ai ColchonerosRadamel Falcao è, senza ombra di dubbio, l'uomo del momento: la sua partenza da Madrid sembra ormai praticamente scontata e, l'unica cosa da decidere, adesso, è la destinazione.<br><br>Se, fino a qualche giorno fa, sembrava fatto il suo trasferimento al neopromosso Monaco, adesso l'inserimento del Manchester City ha scombussolato tutto: 64 milioni l'offerta di Monsour e colpo di mercato, stando almeno a quanto riporta il Mirror, molto vicino.<br><br>Fuori dall'asta invece il Chelsea: Abramovich vuole Rooney a tutti i costi.<br><br>C1007857FL0141FL0141falcao.jpgSiNil-city-piomba-su-falcao-super-offertona-e-monaco-superato-1012075.htmSi100205001,02,03,06,07,08,09030710
2321012072NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, in arrivo quattro acquisti20130517110950milanQuattro nomi Quattro nomi e un sogno. E' questo il programma che il Milan ha in testa per convincere Massimiliano Allegri a dire no al corteggiamento della Roma. Questo è quanto riporta La Gazzetta dello Sport che cita una serie di acquisti pronti in caso di qualificazione in Champions League. Alessio Cerci del Torino (ma in comproprietà con la Fiorentina), Josip Ilicic del Palermo, Gokhan Inler del Napoli e Danilo Avelar del Cagliari sono gli obiettivi per il 4-3-3 del tecnico toscano. Il sogno invece risponde al nome di Hernanes della Lazio.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-in-arrivo-quattro-acquisti-1012072.htmSiT1000027100075701,02,03,07,08030647
2331012071NewsCalciomercatoPalermo, non c`è il capitano20130517110734palermo, miccoliQui le storie a lieto fine non c`entranoQui le storie a lieto fine non c'entrano. Palermo a memoria d'uomo non ricorda un gesto d'affetto senza conseguenze; parliamo solo di calcio. La retrocessione matematica conquistata sul campo Domenica scorsa ha lasciato tutto l'ambiente palermitano interdetto e le vicende extra di Fabrizio Miccoli stanno dividendo le opinioni della tifoseria su di un tema delicato. Le parole del presidente non hanno gettato acqua sul fuoco ma la situazione è parsa complicata fin da subito anche se non è trapelato un clima di sopportazione nei suoi confronti anzi alla tifoseria non è importato granchè della storiaccia finchè non si è arrivati al capolinea della serie B. La squadra rosanero rimarrà orfana del suo capitano? Sopravvivere a Palermo sembra difficile a questo punto; probabilmente l'approccio alla permanenza anche dopo la retrocessione è saltato a causa delle notizie di cronaca. Tutto ciò sta distraendo dalla gara di chiusura del torneo e dal commiato dalla serie A, paradossalmente giunto nelle ultime giornate di campionato per mano di alcuni degli artefici della promozione post radiazione. La chiusura in serata col Parma sarà un modo per ringraziare i tifosi sperando che sia terminata la polemica su chi o cosa retroceda in serie B: la società giocherà in quella serie l'anno prossimo e la città farà da sfondo a quella nuova stagione. Collocare il riscatto sociale nell'ambito calcistico non è molto incoraggiante per il futuro della città. Nel frattempo la società inizia a pensare alla rosa della prima squadra dato che qualcuno partirà a casua del monte ingaggi limitato per la nuova categoria e qualcuno anzi troppi torneranno a Palermo dai prestiti. Sannino? Sembra la persona giusta per chiudere dignitosamente e ricominciare con umiltà.&nbsp; <br><br> Fabio Zerillo<br><br>C1007650adm001adm001miccoli.jpgSiNpalermo-non-c-e-il-capitano-1012071.htmSiT1000023100075701,02,03030804
2341012068NewsCalciomercatoJuventus, è partito l`investimento: rinnovo milionario per Conte20130516105555juventus, conteCome riporta La Gazzetta dello SportAndrea Agnelli e Antonio Conte hanno parlato, si sono spiegati ed alla fine hanno trovato l'accordo su tutti i punti chiave per continuare insieme. Lo sforzo economico della Juventus in vista della stagione 2013-2014 sarà il più importante da quando il tecnico pugliese siede sulla panchina bianconera. Garantiti 7-8 acquisti per rinfrescare la rosa, ma sopratutto almeno altri 4-5 giocatori di primo piano che arriveranno per colmare il gap con le grandi d'Europa. Oltre questo, anche il ruolo dello stesso allenatore verrà aggiornato avvicinandolo sempre di più al manager all'inglese, con maggiore potere di mercato ma anche sulle decisioni da prendere sulla squadra. In estate arriverà anche il prolungamento di contratto. Accordo solo da firmare, con una prolungamento fino al 2016 a 5 milioni di euro a stagione. A riportarlo è la Gazzetta dello Sport.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-e-partito-l-investimento-rinnovo-milionario-per-conte-1012068.htmSiT1000007100075701,02,03,06030419
2351012067NewsCalciomercatoScossa Monaco20130515193812Monaco, Falcao, TevezIl club francese pronto a piazzare nuovi colpi dopo l`arrivo quasi certo di Falcao.Che il club francese del russo Rybolovlev abbia intenzioni serie per le prossime stagioni si era capito dopo l’affare Falcao, praticamente ormai acquistato grazie al pagamento della clausola da 60 milioni. La folle spesa del club francese pare non essere finita qui. Dopo aver raggiunto l’accordo con il fuoriclasse colombiano, il tecnico Ranieri vuole mettere a segno altri grandi colpi. Il primo della lista è Moutinho, centrocampista portoghese di grande qualità e tra gli altri preferiti figurano Tevez e Dzeko con l’argentino leggermente favorito. L’exploit PSG probabilmente non sarà l’unico in casa transalpina ed in proposito i primi segnali sono più che evidenti. FL0881FL0881ranieri.jpgSiNscossa-monaco-1012067.htmSi101199701,02,03030535
2361012066NewsCalciomercatoAncelotti via dalla Francia20130515193555Ancelotti, PSG, Real MadridIl tecnico emiliano è ormai ai ferri corti con il Paris Saint-Germain.<!--[if gte mso 9]><xml> <w:WordDocument> <w:View>Normal</w:View> <w:Zoom>0</w:Zoom> <w:HyphenationZone>14</w:HyphenationZone> <w:PunctuationKerning/> <w:ValidateAgainstSchemas/> <w:SaveIfXMLInvalid>false</w:SaveIfXMLInvalid> <w:IgnoreMixedContent>false</w:IgnoreMixedContent> <w:AlwaysShowPlaceholderText>false</w:AlwaysShowPlaceholderText> <w:Compatibility> <w:BreakWrappedTables/> <w:SnapToGridInCell/> <w:WrapTextWithPunct/> <w:UseAsianBreakRules/> <w:DontGrowAutofit/> </w:Compatibility> <w:BrowserLevel>MicrosoftInternetExplorer4</w:BrowserLevel> </w:WordDocument> </xml><![endif]--> <p class="MsoNormal">Il tecnico emiliano è ormai ai ferri corti con il Paris Saint-Germain e proprio nelle prossime ore incontrerà la dirigenza del club transalpino per discutere sull’imminente futuro. La recente vittoria del campionato francese ha automaticamente allungato il contratto dell’allenatore di un altro anno, nonostante il mister abbia già da tempo espresso a Leonardo e soci la sua volontà di allontanarsi da Parigi. Dopo i primi segnali di dissenso da parte dell’allenatore, a bussare alla porta di Ancelotti sono stati due club d’eccezione: Real Madrid e Manchester United. Preferendo la prima destinazione, Carletto ha rifiutato l’eredità di Ferguson ai Red Devils, avvicinandosi sempre di più alla capitale spagnola, dove Florentino Perez gli ha promesso un colpo da 90: Gareth Bale. <br><br>C1007858FL0881FL0881carlo-ancelotti.jpgSiNancelotti-via-dalla-francia-1012066.htmSi101199701,02,03030662
2371012063NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, in partenza Guarin20130515113998inter, guarinSecondo quanto riportato da La Gazzetta dello SportCon Marcelo Ferreyra, agente di Fredy Guarin, a Milano e una serie di voci legate al mercato estivo ecco che l'attualità nerazzurra si riempie già delle notizie di calciomercato. Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, infatti, il centrocampista colombiano piace molto al Tottenham e ad alcuni club spagnoli: per questo motivo l'arrivo dell'agente dell'ex Porto a Milano probabilmente sfocerà in un incontro. Se arrivassero proposte vicine ai 20 milioni di euro potrebbe partire.C1007650adm001adm001guarin-inter.jpgSiNinter-in-partenza-guarin-1012063.htmSiT1000026100075701,02,03,07030561
2381012060NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, arriva la conferma: niente contatti tra Allegri e la Roma20130514115640milan, allegriUna presa si posizione piuttosto decisaUna presa si posizione piuttosto decisa: è quella che il Milan espone attraverso il proprio sito ufficiale con un comunicato che non lascia spazio ad ulteriori dubbi relativamente alle voci che in giornata avevano avvicinato il tecnico dei rossoneri Massimiliano Allegri alla Roma.<BR>Questa la nota pubblicata dal tecnico milanista pochi minuti fa.<br><br> In riferimento ad alcune notizie pubblicate oggi su qualche quotidiano, Massimiliano Allegri smentisce di aver incontrato alcun rappresentante della società A.S. Roma.<br><br> <BR>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001allegri_600x449.jpgSiNmilan-arriva-la-conferma-niente-contatti-tra-la-roma-e-allegri-1012060.htmSiT1000027100075701,02,03,07030390
2391012058NewsCalciomercatoClamoroso Atletico Madrid, Falcao va al Monaco20130513182029atletico madrid, monacoSky SportA dirlo è stato pochi minuti fa Sky Sport, che ha specificato come alla notizia manchi solo l’ufficialità. Una bomba di mercato doc, considerato che tutti davano per fatto il passaggio del bomber colombiano, attualmente in forza all’Atletico Madrid, al Chelsea di Mourinho. Ed invece ecco avanzare l’offerta del club del Principato, attualmente allenato da Claudio Ranieri e prossimo al ritorno in Ligue 1, forte dell’enorme potere economico del proprietario, l’oligarca russo Rybolovlev. Per ingaggiare Falcao, il Monaco verserà nelle casse dell’Atletico Madrid l’intera clausola recissoria, pari a 60 milioni di euro.<br>C1007650adm001adm001falcao.jpgSiNclamoroso-atletico-madrid-falcao-va-al-monaco-1012058.htmSi100075701,02,03030446
2401012054NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, vicino il vice Pirlo20130513112626juventus, pirloGli interessi maggiori della Juventus Gli interessi maggiori della Juventus per quanto riguarda il mercato concernono il reparto avanzato. Tuttavia i bianconeri tengono d'occhio anche gli altri settori. In particolare, riporta TuttoSport, la Vecchia Signora è alla ricerca di un vice-Pirlo. Il nome caldo è quello di Francesco Lodi (29), già entrato nel mirino da tempo anche di Inter e Milan. Già alcuni abbozzi di trattativa ci sarebbero con il Catania, che parte da una richiesta di 6-7 milioni di euro. La Juventus vorrebbe cercare di abbassarla inserendo alcune contropartite tecniche come Immobile o alcuni giovani interessanti della Primavera come Padovan e Beltrame.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-vicino-il-vice-pirlo-1012054.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07,09030686
2411012050NewsCalciomercatoNapoli, enigma Mazzarri20130512140330Mazzarri, Napoli, De LaurentiisL`allenatore del Napoli è in scadenza, deciderà di andare via?<P class=MsoNormal>Se Cavani sembra ormai destinato ai saluti finali, l’ipotesi che Mazzarri resti sulla panchina partenopea è ancora aperta. Il tecnico toscano è in scadenza di contratto e il suo presidente ha pronto per lui un biennale da 3,5 milioni di euro a stagione con l’opzione per il terzo anno. Soltanto dopo l’ultima di campionato Mazzarri incontrerà la dirigenza e scioglierà la riserva. Per lui ci sono sirene importanti come Inter e Roma e nel frattempo De Laurentiis tiene d’occhio Pellegrini e Pioli.<BR><BR><br><br>C1007650FL0881FL0881mazzarri-walter.jpgSiNenigma-mazzarri-1012050.htmSiT1000017101199701,02,03,08030565
2421012049NewsCalciomercatoIl City punta Lamela20130512135928Roma, Manchester City, Lamela, CalciomercatoLamela osservato speciale stasera al Meazza.<P class=MsoNormal>Tanti giovani in vetrina stasera nella partitissima di San Siro tra Milan e Roma. Non mancheranno osservatori provenienti da diverse nazioni per tenere d’occhio i talenti in campo. Tra i più in vista anche Erik Lamela, punta giallorossa che sarà oggetto di attenzioni da parte del c.t. argentino Savella, ma anche degli emissari del Manchester City, pronti ad un’offerta importante per aggiudicarsi le prestazioni del “Coco”. Si parla addirittura di 30 milioni pronti per il giovane attaccante della Roma, autore fino al momento di ben 15 marcature in campionato.<BR><BR><br><br>C1007650FL0881FL0881andreazzoli.jpgSiNcity-punta-lamela-1012049.htmSi101199701,02,03,07030366
2431012048NewsCalciomercatoJuve, Higuain sempre più vicino20130512135630Juventus, CalciomercatoConte ha già in mente i rinforzi per la Juve di domani. <P class=MsoNormal>Conte ha già in mente i rinforzi per la Juve di domani. Tra questi spicca Gonzalo Higuain, punta del Real Madrid il cui nome già da tempo è accostato alla squadra bianconera. Pare ci sia già stata un’offerta di ben 22 milioni di euro ma al momento Florentino Perez ha una pretesa ancora maggiore, vorrebbe chiudere a 30. La sensazione è che a 25 o 26 milioni l’affare possa concludersi, anche se l’Arsenal è sempre alla finestra. Se ne saprà di più il 20 maggio, data in cui è previsto un vertice tra le due società.<BR><BR> <OBJECT id=ieooui classid=clsid:38481807-CA0E-42D2-BF39-B33AF135CC4D></OBJECT> <STYLE> st1:*{behavior:url(#ieooui) } </STYLE> <br><br>C1007650FL0881FL0881marotta.jpgSiNhiguain-sempre-piu-vicino-1012048.htmSiT1000007101199701,02,03,06030662
2441012039NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, incontro per Cavani20130510111048juventus, cavaniSi continua a lavorare Si continua a lavorare sull'asse Napoli-Torino. Edinson Cavani continua a tenere banco fra la società del presidente De Laurentiis e la piazza juventina. Secondo quanto riportato da TuttoSport questa mattina il numero uno azzurro e Beppe Marotta, dg della Vecchia Signora, per continuare a lavorare su quest'ipotesi. Alla base dei questa possibilità un'offerta da 30 milioni di euro più una serie di contropartite da scegliere fra Mirko Vucinic, Alessandro Matri, Paolo De Ceglie, Mauricio Isla e Luca Marrone. Per il bomber uruguaiano pronto un contratto da 6 milioni l'anno con bonus e nuova clausola rescissoria. <br><br> &nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNjuventus-incontro-per-cavani-1012039.htmSiT1000007100075701,02,03,06,08030617
2451012038NewsCalciomercatoNapoli, si avvicina Montella20130510110920napoli, montellaNelle ultime Nelle ultime ore in casa Napoli è tornato di moda il nome di Vincenzo Montella come eventuale sostituto di Walter Mazzarri qualora il tecnico toscano decidesse di non accettare la maxi offerta di rinnovo arrivata dal presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis. Secondo quanto riportato da Tuttosport la Fiorentina per rilevare la posizione dell'Aeroplanino avrebbe preso in considerazione il nome di Eugenio Corini oggi al Chievo Verona.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650adm001adm001delaurentiis67.jpgSiNnapoli-si-avvicina-montella-1012038.htmSiT1000017100075701,02,03,08030790
2461012037NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, pronta l`offerta per Cerci20130510110545milan, cerciMentre Massimiliano Allegri Mentre Massimiliano Allegri attende di raggiungere ufficialmente il traguardo della qualificazione in Champions per incontrare la società e parlare del proprio futuro (adesso più probabile una permanenza a Milanello con prolungamento di un anno del contratto), in casa rossonera si inizia a pensare al mercato per la prossima stagione. Due sono gli obiettivi richiesti dallo stesso tecnico toscano per migliorare l'attuale rosa. Il primo è il difensore del Cagliari, da sempre pallino dell'allenatore, Davide Astori; mentre il secondo nome metterebbe d'accordo tutti in società, ovvero Alessio Cerci. L'esterno del Torino, in comproprietà con la Fiorentina, sarebbe il perfetto rinforzo per formare un tridente tutto italiano, ma i rossoneri probabilmente dovranno accendere un derby di mercato con l'Inter, visto che il giocatore piace molto anche a Stramaccioni e Moratti. A riportarlo è la Gazzetta dello Sport. <BR>C1007650adm001adm001barreto-6.jpgSiNmilan-pronta-l-offerta-per-cerci-1012037.htmSiT1000027100075701,02,03,07030447
2471012033NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, tutto deciso: via Andreazzoli20130509125874roma, andreazzoliSecondo quanto riportato da Sky SportSecondo quanto riportato da Sky Sport, Aurelio Andreazzoli non sarà ancora sulla panchina della Roma la prossima stagione. Al momento il ruolo di tecnico della compagine capitolina se lo contendono due allenatori: Massimiliano Allegri e Walter Mazzarri con l'allenatore azzurro in vantaggio su quello rossonero.C1007650adm001adm001andreazzoli.jpgSiNroma-tutto-deciso-via-andreazzoli-1012033.htmSiT1000012100075701,02,03030496
2481012035NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, offerta irrinunciabile di De Laurentiis a Cavani20130509102438napoli, cavaniIl Napoli non vuole perdere Edinson CavaniIl Napoli non vuole perdere Edinson Cavani. Secondo indiscrezioni rivelate da Radio Marte, emittente radiofonica ufficiale del club partenopeo, il presidente Aurelio De Laurentiis sta preparando un'offerta irrinunciabile per l'attaccante uruguayano. Nei prossimi giorni dovrebbero esserci novità.C1007650adm001adm001delaurentiis67.jpgSiNnapoli-offerta-irrinunciabile-di-de-laurentiis-a-cavani-1012035.htmSiT1000017100075701,02,03,08030670
2491012030NewsCalciomercatoBarcellona, difficile vedere Thiago Silva in blaugrana20130508184630Thiago Silva, Barcellona, CalciomercatoPer rafforzare la difesa il Barça pensa con convinzione ad un colpo da 90.<p class="MsoNormal">Per rafforzare la difesa il Barça pensa con convinzione ad un colpo da 90: Thiago Silva. L’ex difensore del Milan è il preferito di Tito Vilanova, ma l’operazione rischia di non avviarsi a causa dei costi esorbitanti. Così l’attenzione del club catalano si sposta su altre direzioni: il giovane Marquinhos della Roma ma anche Vincent Kompany, attuale capitano del Manchester City. Dopo la debacle contro il Bayern rinforzare il reparto difensivo per il Barcellona è diventata la priorità.<br><br><br><br>C1007857FL0881FL0881183229749-50461bb0-a458-4b89-93fd-3f170b69689a.jpgSiNthiago-silva-barcellona-1012030.htmSi101199701,02,03030559
2501012029NewsCalciomercatoRoma, il giallo della panchina giallorossa20130508183637Roma, Allegri, Mazzarri, CalciomercatoLa sconfitta interna col Chievo complica il futuro europeo per la squadra giallorossaLa sconfitta interna col Chievo complica il futuro europeo per la squadra giallorossa, ma anche le possibilità di permanenza in panchina di Andreazzoli. Tra i nomi in ballo spicca Mazzarri, il cui futuro si conoscerà a breve ma torna di moda la strada che porta ad Allegri. L’attuale tecnico del Milan infatti a sorpresa ha dichiarato sul suo futuro si saprà di più tra una decina di giorni. Intanto sul fronte societario, Baldini è diventato un obiettivo del Tottenham.C1007650FL0881FL0881mazzarri.jpgSiNallenatore-roma-1012029.htmSiT1000012101199701,02,03030365
2511012028NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, Denis verso la capitale20130508182521Denis, Calciomercato, LazioProtagonista anche quest’anno con la maglia dell’Atalanta<p class="MsoNormal">Protagonista anche quest’anno con la maglia dell’Atalanta, è diventato uno degli attaccanti più richiesti. Per German Denis c’è la fila: in pole position la Lazio (vi immaginate che tandem con Klose?), ma subito dopo ecco la Fiorentina di un Montella alla ricerca di un vero finalizzatore. Tra le pretendenti non manca qualche club straniero ed anche la Juve di Conte, che però al momento preferisce puntare l’obiettivo su top player di maggiore fama. <br><br> <!--[if gte mso 9]><xml> <w:LatentStyles DefLockedState="false" LatentStyleCount="156"> </w:LatentStyles> </xml><![endif]--><!--[if !mso]><object classid="clsid:38481807-CA0E-42D2-BF39-B33AF135CC4D" id=ieooui></object> <style> st1:*{behavior:url(#ieooui) } </style> <![endif]--><!--[if gte mso 10]> <style> /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman"; mso-ansi-language:#0400; mso-fareast-language:#0400; mso-bidi-language:#0400;} </style> <![endif]--><br><br>C1007650FL0881FL0881denis.jpgSiNdenis-verso-capitale-1012028.htmSiT1000018101199701,02,03030566
2521012027NewsCalciomercatoJuve-Higuain, matrimonio in vista?20130508181338Higuain, Juventus, CalciomercatoPer diventare una corazzata anche in Europa, i campioni d’Italia pensano già ai rinforzi. Per diventare una corazzata anche in Europa, i campioni d’Italia pensano già ai rinforzi. <br>Il nome più gettonato è quello di Gonzalo Higuain. I contatti tra Juve e Real sono sempre più continui e la fiducia del club spagnolo nei confronti dell’argentino si è ormai incrinata. Potrebbe così concludersi una storia d’amore già iniziata l’anno scorso, quando la dirigenza bianconera tentò il primo assalto. Intanto a breve si attendono novità sul fronte cessioni con Matri e Quagliarella in partenza. C1007650FL0881FL0881GONZALO-HIGUAIN580.jpgSiNjuve-higuain-1012027.htmSiT1000007101199701,02,03030359
2531012025NewsCalciomercatoCalciomercato Fiorentina, intreccio tra Cerci e Cuadrado20130508163219fiorentinaNella FiorentinaNella Fiorentina del futuro ballano anche alcune comproprietà molto importanti. Quella principale, dato il valore del giocatore, autore di una stagione da protagonista, è quella di Juan Guillermo Cuadrado. Il colombiano è in prestito con diritto di riscatto per la metà fissato a cinque milioni. Il fatto è, riporta quest'oggi TuttoSport, che con la stessa cifra i viola possono riscattare la metà di Alessio Cerci del Torino e avere così la certezza di un giocatore interamente gigliato. Oltretutto Cuadrado e Cerci di fatto occupano lo stesso ruolo; in questo scenario ipotetico, Cuadrado tornerebbe all'Udinese, che poi potrebbe rivenderlo al migliore offerente.<br>C1007650adm001adm001barreto-6.jpgSiNfiorentina-intreccio-tra-cerci-e-cuadrado-1012025.htmSiT1000024100075701,02,03030641
2541012022NewsCalciomercatoCagliari, Astori salta il Parma20130508162849cagliari, astoriIl difensore del CagliariIl difensore del Cagliari Davide Astori non prenderà parte alla gara di questa sera contro il Parma. Il giocatore è stato colto nella notte da un attacco febbrile. Al suo posto è stato chiamato Dario Del Fabro, che ha raggiunto in fretta i compagni a Trieste.<br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001astori.jpgSiNcagliari-astori-salta-il-parma-1012022.htmNoT1000019100075701,02,03030602
2551012021NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, si punta Touré20130508162557milan, touréDall`Inghilterra arrivano confermeDall'Inghilterra arrivano conferme circa la trattativa fra il Milan ed il difensore del Manchester City Kolo Toure (32). Secondo quanto riportato dal Daily Mail, i rossoneri sono pronti ad avanzare un'offerta al giocatore il cui contratto scade a giugno e che ha già confermato che lascerà l'Ethiad a fine stagione. Quest'anno per Toure poche presenze, solo 16 in tutte le competizioni: la concorrenza non manca, con Galatasaray, Fenerbahce, Monaco e PSG tutte accostate all'ivoriano. Sempre secondo il tabloid britannico, i rossoneri hanno deciso di investire in giocatori di esperienza per poter competere con la Juventus l'anno prossimo.<br>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-si-punta-toure-1012021.htmSiT1000027100075701,02,03030516
2561012019NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, scopriamo il centravanti che vuole Conte20130508110958juventus, conteIniziano a prendere Iniziano a prendere forma le richieste di Antonio Conte in vista della prossima stagione. Come riportato da TuttoSport, il tecnico della Juventus vuole almeno tre giocatori di levatura internazionale. Innanzitutto serve un'altra punta oltre a Llorente (preso lo scorso gennaio): i sogni sono i soliti, da Higuain (forse il più reale) a Suarez passando per il ritorno di Ibra. Spazio sempre al reparto avanzato, quello che probabilmente verrà maggiormente modificato. Allora i nomi di seconde punte ed esterni di attacco di sprecano: Jovetic, Sanchez, Muriel, ma anche Nani, Cuadrado e Bonaventura. Il tutto senza dimenticarsi della difesa, dove Conte vuole un centrale difensivo di riserva come Ogbonna.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-il-centravanti-che-vuole-conte-1012019.htmSiT1000007100075701,02,03,06030553
2571012017NewsCalciomercatoRivoluzione Inter, ecco come sarà20130507190913Serie A, Inter, CalciomercatoLa società nerazzurra alle prese con uno stravolgimento interno che si spera possa rilanciare la squadra per il prossimo anno.<P class=MsoNormal>Comunque vada, la stagione ormai è di quelle fallimentari. Inevitabili quindi i cambiamenti o meglio le rivoluzioni a partire dal fronte giocatori. Troppe le sconfitte rimediate in campionato (addirittura 14), disastroso il bottino collezionato negli ultimi 8 turni con soli sei punticini, peggio di alcune squadre impegnate nella lotta per non retrocedere. <SPAN style="mso-spacerun: yes">&nbsp;</SPAN><BR>Stramaccioni intanto è chiamato a vincere lo scontro diretto con la Lazio per non mollare del tutto un sogno europeo che si allontana di giornata in giornata. La missione non sembra di quelle più facili soprattutto se Klose sarà lo stesso di domenica scorsa quando la sua manita ha schiantato in 61 minuti il malcapitato Bologna. <BR>Malgrado tutto il giovane tecnico romano sembra il più accreditato a sedere sulla panchina nerazzurra anche per la prossima stagione. Moratti continua a stimarlo mentre le ipotesi legate ai nomi di Mazzarri, Miahjlovic, Zeman e Zenga sembrano allontanarsi di giorno in giorno.<BR>Grandi ribaltamenti si annunciano anche riguardo lo staff, in primis potrebbe cambiare più di qualcosa nello staff medico nerazzurro. <SPAN style="mso-spacerun: yes">&nbsp;</SPAN><BR>Poi, tra i personaggi di primissimo piano che potrebbero far parte del gruppo dirigenziale a partire da giugno spicca il nome di Leonardo, attualmente impegnato nella capitale transalpina. L’ex coach potrebbe affiancare la figura di Branca all’interno della società, che vedrebbe così una gestione leggermente diversa da quella degli anni precedenti. <BR>Rivoluzione non solo tra gli addetti ai lavori, ma anche nella squadra stessa, dove importanti innesti potranno garantire maggior qualità soprattutto a centrocampo. I nomi in ballo sono sicuramente d’eccezione: Sanchez, Modric e Fabregas i tre campioni che potrebbero lasciare la Liga con destinazione Milano (anche il Milan è sulle loro tracce), Naingolaan è un altro obiettivo, come lo sono Fernando del Porto e Gomez del Catania. Ma siamo sicuri che questi giocatori approvino il trasferimento nella città della Madonnina senza la possibilità di giocare in Europa? Meglio tenere a freno i sogni, anche se quando si parla di calciomercato tutto è possibile.<BR>Sul fronte arrivi i nomi di Icardi e Campagnaro sembrano già scontati ma l’ipotesi più suggestiva potrebbe essere quella del clamoroso ritorno di Eto’o che però dovrebbe ridursi di almeno metà le sue pretese e chiudere la carriera in Italia. Alla voce partenze c’è chi dice che potrebbe starci il nome di Alvarez protagonista di un ottimo finale di stagione, più difficile l’addio di Handanovic anche se la proposta del Barcellona è tutt’altro che indecente.&nbsp;<SPAN style="mso-spacerun: yes">&nbsp;</SPAN><BR><BR>Ma l’obiettivo più imminente si gioca in queste ultime tre giornate e se è vero che i tempi del Triplete sembrano lontanissimi è anche vero che acciuffare un posto in Europa è ancora una “mission possible” per non deludere i tifosi nerazzurri e mister Moratti, il cui peggior piazzamènto da quando è a capo dell’Inter è l’ottava piazza del 1998-99. <BR><BR> <OBJECT id=ieooui classid=clsid:38481807-CA0E-42D2-BF39-B33AF135CC4D></OBJECT> <STYLE> st1:*{behavior:url(#ieooui) } </STYLE> <BR><BR><BR><BR><br><br>FL0881FL0881stramaccioni.jpgSiNrivoluzione-inter-1012017.htmSiT1000026101199701,02,03,07,09030407
2581012015NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Bojan verso l`Amburgo20130507180414milan, bojanL`Hamburger Morgen PostL'Hamburger Morgen Post fa il punto sulla missione di Fink e Arnesen, dirigenza dell'Amburgo, in quel di Milano per parlare con Bojan Krkic. Il 'cugino di quarto grado di Leo Messi' è definito come uno dei ragazzi di prestigio del passato del Barcellona ed è valutato circa 13 milioni di euro. L'HSV difficilmente potrebbe pagare questa cifra, ma potrebbe avere delle agevolazioni in caso di cessione del coreano Heung Min-Son, che piace al Dortmund. L'entourage del calciatore ha già fatto sapere al club tedesco di esser disposto al trasferimento.C1007650adm001adm001Z_Bojan_0013.jpgSiNmilan-bojan-verso-l-amburgo-1012015.htmSiT1000027100075701,02,03030366
2591012011NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, rinnova Legrottaglie20130507175816catania, legrottaglieNicola Legrottaglie giocheràNicola Legrottaglie giocherà nel Catania anche nella prossima stagione. Il Catania ha ufficializzato poco fa il rinnovo del contratto del difensore, che ha prolungato fino al 30 giugno del 2014. Come si legge nella nota diramata dal sito ufficiale del club, Legrottaglie rappresenta il difensore con più reti all'attivo in Serie A (ben 22).C1007650adm001adm001legrottaglie 2.jpgSiNcatania-rinnova-legrottaglie-1012011.htmSiT1000014100075701,02,03030347
2601012010NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, ag. Isla: «Possibile il Napoli»20130507175659napoli, islaIntervenendo a Radio CrcIntervenendo a Radio Crc, l'agente tra gli altri di Pablo Armero e Mauricio Isla, Claudio Vagheggi, ha parlato dei suoi assistiti: "Armero è un giocatore fantastico e a Napoli ha trovato gli stimoli giusti. Deve avere pazienza perché è arrivato in una squadra già collaudata ma ogni volta che subentra, fa bene. Mazzarri sa bene come gestirlo e sono certo che nella prossima stagione sarà uno dei protagonisti principali.<br><br>Isla? Farebbe comodo al Napoli. C'è da capire quali siano le intenzioni della Juventus. Certo, se il Napoli acquistasse Isla, farebbe un mercato da grande club anche perché alla fine credo che Cavani vada al City.<br><br>Benatia? L'Udinese non vuole parlare di mercato prima della fine della stagione. Muriel? È destinato ad essere uno dei giocatori più importanti ma bisogna avere la pazienza di aspettarlo. In questo momento l'Udinese non tratta nessuno".<br><br><br>C1007650adm001adm001isla-6.jpgSiNjuventus-agente-isla-possibile-il-napoli-1012010.htmSiT1000007100075701,02,03030465
2611012004NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, preso Astori20130506111931napoli, astoriSecondo quanto riportato Primo colpo in arrivo per il Napoli. Secondo quanto riportato da Il Mattino il direttore sportivo azzurro, Riccardo Bigon sarebbe veramente ad un passo dal definire l'arrivo nella prossima stagione di Davide Astori, difensore centrale del Cagliari. Il difensore bergamasco lascerà dunque la Sardergna dopo cinque stagioni.C1007650adm001adm001astori.jpgSiNnapoli-preso-astori-1012004.htmSiT1000017100075701,02,03,08030558
2621011996NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, la squadra vuole Ibrahimovic20130503214436Juventus, ibrahimovicCome riporta TuttosportDopo il si arrivato direttamente da Zlatan Ibrahimovic, la Juventus incassa anche altri due via libera per la clamorosa operazione che potrebbe portare lo svedese a vestire nuovamente la casacca bianconera. Il primo arriva direttamente dallo spogliatoio di Antonio Conte, dove i veterani come Buffon e Chiellini (che rimansero anche in Serie B) e Pirlo (compagno di squadra al Milan) hanno già dato il proprio assenso al ritorno del campione di Malmoe. L'altro via libera arriva direttamente dallo sponsor tecnico della società juventina di cui Zlatan è testimonial. Un affare che coinvolgerebbe 14 milioni di tifosi bianconeri e che fa gola anche da un punto di vista commerciale. L'agente Mino Raiola e Pavel Nedved stanno lavorando alacremente per trovare una soluzione economica che soddisfi tutte le parti in causa, ma man mano che si avvicina il via del mercato, anche questa operazione sembra sempre più possibile. A riportarlo è Tuttosport. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-la-squadra-vuole-ibrahimovic-1011996.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07030528
2631011978NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, trovato il club che paga la clausola di Cavani20130429123512napoli, cavaniCome riporta La Gazzetta dello SportCome riporta La Gazzetta dello Sport, il Manchester City insiste per Edinson Cavani. Indiscrezioni provenienti dall'Inghilterra parlano di un City disposto a tutto pur di mettere le mani sul Matador. Lo sceicco Mansour, proprietario del club, avrebbe deciso di pagare per intero i 63 milioni di euro della clausola rescissoria: non solo, per Cavani c'è pronto un pazzesco ingaggio da 250 mila sterline a settimana, oltre 12 milioni di euro l'anno. Il City è pronto a sbaragliare la concorrenza.C1007650adm001adm001124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNnapoli-trovato-il-club-che-paga-la-clausola-di-cavani-1011978.htmSiT1000017100075701,02,03,08030454
2641011961NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, per Jovetic si offrono Osvaldo e Bertolacci20130426113557roma, joveticLa Roma La Roma ha un grande sogno di mercato chiamato Stevan Jovetic. Lo scrive l'edizione odierna di Leggo, che racconta di come la proposta giallorossa sia già pronta: 10 milioni di euro più Pablo Daniel Osvaldo, Andrea Bertolacci o, in alternativa al centrocampista, Gianluca Caprari. Il montenegrino vorrebbe cambiare aria, l'agente si sarebbe già messo in contatto con Walter Sabatini e la Roma per lui preparerebbe un contratto da quasi 3,5 milioni di euro a stagione.<br><br> &nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001fiorentina.jpgSiNroma-per-jovetic-osvaldo-e-bertolacci-1011961.htmSiT1000012,T1000024100075701,02,03030787
2651011955NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, è certa la partenza di Cassano: i dettagli20130425115115inter, cassanoSecondo quanto riporta SportLa rottura non sembra sanabile. Massimo Moratti ha confermato Andrea Stramaccioni sulla panchina dell’Inter e invece sembra che Antonio Cassano sia destinato a partire. Il giocatore aveva iniziato a parlare di rinnovo con la società, ma quella lite con il tecnico pare abbia compromesso il suo rapporto con la squadra e a Sky dicono che il suo agente, Beppe Bozzo, stia valutando offerte che gli sono arrivate dal Qatar che però non sembrano interessare all’attaccante. FantAntonio ha un contratto che scade nel 2014, ma non rientrerebbe – secondo quanto riporta Andrea Paventi a SkySport24 – nei piani della società nerazzurra che si è assicurata Botta e Icardi, dice di voler trattenere Longo e tratta anche Gomez.C1007650adm001adm001cassano.jpgSiNinter-e-certa-la-partenza-di-caasano-i-dettagli-1011955.htmSiT1000026100075701,02,03030545
2661011953NewsCalciomercatoCalciomercato Fiorentina, dall`Inghilterra Jovetic all`Arsenal20130424161330fiorentina, joveticArsenal e FiorentinaVentotto milioni di euro l'offerta, trentacinque milioni di euro la richiesta iniziale. Arsenal e Fiorentina trattano per la cessione di Stevan Jovetic ai Gunners, con Arsene Wenger che sarebbe in piena corsa per chiudere per quello che è definito il 'nuovo Van Persie": la novità è che i viola parrebbero propensi ad abbassare le pretese ed a dire sì. Per il ventitreenne montenegrino, scrive Caughtoffside, i viola chiederebbero qualcosa in più di quanto proposto dai londinesi, mentre il ragazzo avrebbe già ricevuto ed accettato la proposta di un quadriennale superiore ai 5,5 milioni di euro circa all'anno.C1007650adm001adm00120120419_sj.jpgSiNfiorentina-dall-inghilterra-e-fatta-per-jovetic-all-arsenal-1011953.htmSiT1000024100075701,02,03030723
2671011945NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, il prescelto è Allegri20130424115415roma, allegriLa scadenza per il nuovo tecnico della RomaLa scadenza per il nuovo tecnico della Roma, scrive oggi Il Messaggero. Due settimane, prima della finale di Tim Cup, segnali che pare escludere dalla corsa Aurelio Andreazzoli che, anche se dovesse vincerla, vedrebbe al suo posto un nuovo allenatore. Il primo nome resta Massimiliano Allegri, l'alternativa è Walter Mazzarri, mentre le altre candidature sono quelle di Roberto Donadoni, Stefano Pioli, Eusebio Di Francesco, Rolando Maran e Manuel Pellegrini del Malaga.C1007650adm001adm001allegri_600x449.jpgSiNroma-il-prescelto-e-allegri-1011945.htmSiT1000012100075701,02,03030672
2681011946NewsCalciomercatoCalciomercato Inter: Moratti vuole affidare la ricostruzione a Leonardo20130424115049inter calciomercatoPiacciono intanto Ibarbo e GomezE' già entrato in fermento il calciomercato in casa Inter: qualche colpo è stato messo già a segno, ma molte altre cose sono ancora da valutare.<br><br> Facciamo una panoramica della situazione in Via Durini: l'allenatore, è deciso, sarà ancora una volta Andrea Stramaccioni. Il tecnico quest'anno ha dovuto affrontare mille contrattempi ma ha dimostrato, con la squadra al completo, di potersela giocare con chiunque. Zeman, Zenga, Mihajlovic e chi più ne ha più ne metta sembrano solo voci di corridoio.<br><br> Bisognerà fare chiarezza poi all'interno della dirigenza: Branca ha sbagliato tutto e rischia il posto. Ironia della sorte l'unica sua salvezza sembra essere l'ingaggio di Leonardo,&nbsp;a cui Moratti&nbsp;ha offerto di ricoprire il ruolo di amministratore delegatore, un factotum insomma, che si occupi di tutto e che sia il tramite tra il presidente, la dirigenza (Branca e Ausilio), e la squadra. Il brasiliano sembra essersi stancato del Psg e delle continue critiche dei media francesi e, se accetta di ridursi l'ingaggio, la trattativa si potrebbe chiudere in qualche secondo. <br><br> Bisogna capire il perchè di tutti questi inforuni quest'anno e trovare una soluzione: Moratti ha detto che prenderà delle decisioni a riguardo e di conseguenza il dottor Combi rischia.<br><br> Risolti tutti questi grattacapi si potrà iniziare a pensare alla squadra del futuro: presi Andreolli, Botta, Laxalt, Campagnaro e Icardi, si punterà sulla crescita definitiva di Kovacic e&nbsp;sulle conferme Guarin, Ranocchia&nbsp;e Palacio.&nbsp;Moratti comunque non si fermerà qui: piacciono Ibarbo del Cagliari, Gomez del Catania, e si continua a cercare un mediano: Cigarini e Lodi sono i&nbsp;soliti nomi, ma occhio al ritorno di fiamma per Fernando. <br><br> In uscita occhio ad Handanovic: il Barcellona cerca un portiere e sembra sia disposta ad offrire una grossa cifra (sui 28mln) per lo sloveno. A queste cifre l'Inter ci penserà su più d'una volta. C'è poi la situazione Cassano: Fantantonio non ha la benchè minima intenzione di andare all'estero, e in Italia si&nbsp;sposterebbe solo per la Samp, che però non sembra particolarmente interessata a lui, "costringendolo" così a restare in nerazzurro.<br><br> Inosomma: le voci sono tante, i progetti tantissimi, e i problemi ancora di più. <br><br> Work in progress Inter!<br><br>C1007650FL0141FL0141c_27_articolo_33323_grouparticolo_immagineprincipale.jpgSiNcalciomercato-inter-moratti-riprende-i-contatti-con-leonardo-1011946.htmSiT1000026100205001,02,03,09030472
2691011944NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus: Conte a Monaco per Muller, ma prima bisogna vendere20130424112043juve mercatoPer Ibra bisogna valutare l`ambienteCon lo scudetto oramai vinto la Juve pensa già alla prossima stagione: Conte vuole uno squadrone per poter colmare il gap con le altre regine d'Europa e poter dunque competere in Champions.<BR><BR>Ieri Conte e Paratici erano a Monaco per valutare di presenza Muller e Sanchez: il cileno ha deluso un pò, destando qualche perplessità, mentre il tedesco, per la sua abilità al sacrificio e per la sua duttilità piace sempre di più. Inoltre, dopo l'acquisto di Goetze, i bavaresi dovranno obbligatoriamente cedere qualche pezzo grosso e il maggior indiziato sembra essere proprio il numero 25; i dialoghi tra le due dirigenze comunque sembrano essere particolarmente accesi visto che in settimana si è parlato ancora di Vidal: la risposta è sempre no, ma se le cifre continuano a salire tutto può cambiare.<BR><BR>Indipendemente da Vidal, comunque bisognerà sfoltire la rosa per poter fare cassa: Matri e Quagliarella già sono con le valigie, Giovinco potrebbe lasciare pure e uno tra Lichsteiner e Vucinic potrebbe essere sacrificato per arrivare al top player. Marotta inoltre sta lavorando pure sulle comproprietà e ha già riscattato Asamoah: diverso il discorso per Isla, che non ha convinto e potrebbe essere rispedito al mittente.<BR><BR>In entrata oltre a Muller e Sanchez piacciono Jovetic, Suarez e, come già noto, Ibrahimovic: se per il viola fare trattative con la Fiorentina sembra alquanto improbabile,&nbsp;per l'uruguaiano invece quello che desta apprensione, oltre al costo dell'operazione (intorno ai 40mln), è il comportamento del giocatore, protagonista domenica dell'ennesimo colpo di testa in campionato).<BR><BR>Discorso a parte per Ibrahimovic: lui strizza l'occhio alla Juve, ma la Juve lo strizza a lui? Sulle sue qualità c'è ben poco da discutere (anche se difficilmente lo&nbsp;immaginiamo a&nbsp;sacrificarsi come fanno le punte di Conte) ma l'ambiente ha dimenticato il suo sgarbo di abbandonare la nava che affondava andato proprio dal peggior nemico (l'Inter, ndr)?<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650FL0141FL0141352468c79f56971df3ef2bc925c3d6.jpgSiNcalciomercato-juventus-conte-a-monaco-per-muller-ma-prima-bisogna-vendere-1011944.htmSiT1000007100205001,02,03,06030414
2701011943NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, per Cavani si inserisce anche un club italiano20130423193999napoli, cavaniIl campionatoIl campionato non è ancora finito e le voci intorno alla cessione di Cavani si fanno sempre insistenti. La cessione del Matador sarà senza dubbio la storia più intrigante del mercato ed è tutt’altro che finita, come riporta l'edizione odierna de Il Mattino. La situazione: dall’Inghilterra trapela un crescente ottimismo. De Laurentiis, secondo quanto hanno spifferato gli emissari dello sceicco dal nome impossibile, Mansour bin Zayed el Nahyan, sarebbe pronto a cedere all’offertona: 70 milioni di euro che potrebbero diventare 45, magari con dentro l’attaccante bosniasco Dzeko con pedina di scambio. Senza dimenticare il Chelsea. <br>Il ds Bigon, però, deve arrendersi all’evidenza. «Lui non è sul mercato, ma il mercato non lo dettiamo noi». Il patron ha già rifiutato l’offerta a gennaio dello Zenit San Pietroburgo che potrebbe tornare all’attacco a maggio. C’è anche il Monaco allenato da Claudio Ranieri: ma il Principato non sembra essere meta calcistica gradita. L’uruguaiano è giovane, intelligente, ambizioso. E lega il futuro agli obiettivi. La novità è che la Juventus pare sia pronta a lanciare la propria offerta.C1007650adm001adm001124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNnapoli-per-cavani-si-inserisce-anche-un-club-italiano-1011943.htmSiT1000017100075701,02,03030474
2711011940NewsCalciomercatoMilan, Raiola: «Vi dico perché Balotelli ha preso me»20130423185434milan, raiolaMino Raiola si confessa a cuore aperto alla rivista francese "France Football". Il più potente manager del mondo del calcio racconta come è riuscito a diventare il procuratore di Mario Balotelli: "Io ero il solo a non correre dietro Mario. Lui si allenava tutti i giorni con Ibra, che riteneva il più forte giocatore di tutti. E sapeva che ero io il suo agente". Raiola chiarisce anche la leggende che vuole che lui abbia fatto il pizzaiolo ad Amsterdam, nel ristorante gestito dalla sua famiglia: "Non mi offende perché è un lavoro onesto e degno di ogni rispetto. La mia famiglia aveva un ristorante a venti chilometri da Amsterdam, frequentato anche dalla regina d'Olanda. La sera davo una mano a mio padre, lavando i piatti, i pavimenti, sistemando i tavoli e facendo il cameriere - conclude - . Ma non ho mai saputo fare una pizza, semplicemente perché non ne ero capace".C1007650adm001adm001raiola.jpgSiNmilan-raiola-vi-dico-perche-balotelli-ha-voluto-me-1011940.htmSiT1000027100075701,02,03030468
2721011938NewsCalciomercatoClamoroso dalla Spagna, il Milan pronto a prendere Casillas20130423152827milan, casillasCome riportano alcuni quotidiani spagnoliA poco meno di due mesi dall’apertura della sessione estiva di calciomercato, è già iniziato il lavoro della dirigenza del Milan, per iniziare a definire le prime strategie da seguire, per cercare di puntellare l’organico allenato da Massimiliano Allegri. Come riportano alcuni quotidiani spagnoli, tra le questioni presenti sulla scrivania degli operatori di mercato rossoneri ci sono l’acquisto di due difensori centrali, per via degli addii annunciati a fine stagione di Mario Yepes e Daniele Bonera, e soprattutto l’acquisto di un nuovo portiere di esperienza, in quanto potrebbe non esserci il prolungamento, di un altro anno, il rinnovo di Christian Abbiati. Così, prima di prendere la decisione definitiva di affidarsi a Marco Amelia, il club di Via Turati si sta guardando attorno, per cercare di compiere qualche affare importante. In particolare, secondo le ultime indiscrezioni, il Milan sta monitorando la situazione relativa a Iker Casillas. Il portiere spagnolo in forza al Real Madrid, potrebbe lasciare le merengues in estate dopo ben 14 anni, per via di qualche divergenza con la società e con Josè Mourinho. Su di lui, però, ci sono sia Arsenal e Liverpool, pronte a darsi battaglia per accaparrarsi un portiere di notevole esperienza internazionale. Il Milan è avvertito.C1007650adm001adm001casillas.jpgSiNmilan-clamoroso-dalla-spagna-pronto-a-prendere-casillas-1011938.htmSiT1000027100075701,02,03030507
2731011934NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, in arrivo il centravanti Russel20130423130143catania, russelDel Dundee UnitedLe ultimissime indiscrezioni che arrivano dalla Scozia continuano ad accostare il Catania all’attaccante del Dundee United Johnny Russel. Il club scozzese è in trattativa per il rinnovo del contratto in scadenza, ma ad oggi non si registrano novità in proposito ed il Catania rimane alla finestra. La società dell’Elefante starebbe valutando la possibilità di fare firmare al giocatore un pre-contratto, ma occhio alla concorrenza del Celtic Glasgow.C1007650adm001adm001almiron.jpgSiNcatania-in-arrivo-il-centravanti-russel-1011934.htmNoT1000014100075701,02,03,09030642
2741011931NewsCalciomercatoClamoroso Bayern Monaco, preso Gotze dal Borussia Dortmund pagando la clausola20130423120928bayern monaco, gotzeL`annuncio arriva proprio L'annuncio arriva proprio nelle ore di immediata vigilia delle semifinali di Champions League, nelle quali sono impegnati entrambi i club, e già questa di per sé può essere interpretata come una notizia. Mario Goetze lascerà il Borussia Dortmund a fine stagione e il prossimo anno vestirà la maglia del Bayern Monaco di Pep Guardiola. A ufficializzare la cessione proprio il club giallo nero, sul proprio sito ufficiale, confermando che la società bavarese ha pagato al Borussia la clausola rescissoria di 37 milioni inserita nel contratto del 20enne centrocampista offensivo, uno dei grandi talenti del calcio tedesco, punto di forza della squadra di Klopp e della nazionale di Loew.C1007650adm001adm001gotze.jpgSiNclamoroso-bayern-monaco-preso-gotze-1011931.htmNo100075701,02,03030511
2751011924NewsCalciomercatoMilan, Galliani si nasconde: «In porta resta Abbiati»20130422184610milan, gallianiNuove dichiarazioniNuove dichiarazioni rilasciate da Adriano Galliani nel corso dell'Assemblea dei Soci dell'Ac Milan. Questa volta il dirigente rossonero ha fatto il punto sul mercato dei portieri escludendo l'acquisti di nuovi estremi difensori: "L'anno prossimo resterà Abbiati. Non ha troppi acciacchi e ieri sera ha fatto una parata super. Credo che resteranno questi tre portieri, abbiamo Gabriel che può diventare un numero uno importante. Abbiati è un immortale e abbiamo fiducia anche in Amelia".<br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-si-nasconde-in-porta-resta-abbiati-1011924.htmNoT1000027100075701,02,03030437
2761011922NewsCalciomercatoInter, si decide il destino di Cassano20130422181549inter, cassanoSecondo quanto rivelato da Sky SportTutto da decidere il futuro di Antonio Cassano (30), attaccante legato all'Inter da un contratto in scadenza nel 2014. Secondo quanto rivelato da Sky Sport, nelle prossime settimane Massimo Moratti incontrerà Andrea Stramaccioni - tecnico riconfermato anche per la prossima stagione - per decidere cosa fare con l'ex attaccante del Milan. Ci saranno da valutare anche eventuali offerte già arrivate al presidente dell'Inter per il calciatore.<br>C1007650adm001adm001cassano.jpgSiNinter-si-decide-il-destino-di-cassano-1011922.htmSiT1000026100075701,02,03030443
2771011916NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Agazzi prenderà il posto di Abbiati20130422173145milan, agazziIl Milan acquisteràLuca Tommasini ha dichiarato che il Milan acquisterà di certo un portiere nel corso del mercato estivo. Secondo il giornalista di Sky Sport, un nome a sopresa potrebbe essere quello di Michael Agazzi (28 anni, Cagliari). Il contratto del portiere rossoblu scade nel 2014.<br>C1007650adm001adm001agazzi.jpgSiNmilan-agazzi-prendera-il-posto-di-abbiati-1011916.htmSiT1000027100075701,02,03030394
2781011915NewsCalciomercatoCagliari, Nainggolan: «Non andrò più a Napoli»20130422173025cagliari, nainggolanNainggolan<br>"De Laurentiis ci prende in giro, non credo che giocherò qui". Astori sembra più cauto: "Per ora penso soltanto al Cagliari. A fine stagione decideremo il mio futuro. Fa male perdere al 94'".C1007650adm001adm001nainggolan.jpgSiNcagliari-nainggolan-non-andro-piu-a-napoli-1011915.htmNoT1000019100075701,02,03030501
2791011913NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, ritornerà Fossati20130422172818milan, fossatiCome riporta Come riporta calciomercato, il Milan segue da vicino le performance del centrocampista Marco Ezio Fossati, che sta disputando un'ottima stagione in prestito all'Ascoli.<br><br>Per Fossati, finora, 30 presenze e 4 gol, condite da prestazioni sempre ad alto livello. Dopo la passata stagione che lo ha visto in prestito al Latina, per lui è pronto il rientro in prima squadra. Il tecnico dei marchigiani, Massimo Silva, lo tiene in grandissima considerazione. Viene impiegato sia da mezz’ala di centrocampo che da trequartista e il Milan lo sta seguendo con molto interesse. Tra i giovani centrocampisti rossoneri in giro, Marco è quello che sta giocando con maggiore continuità e che sta offrendo prestazioni sempre molto positive".<br><br>C’è la possibilità che il prossimo anno venga integrato nella rosa del Milan. Se continua su questa strada, verosimilmente avrà più che una possibilità di partire per il ritiro estivo con i rossoneri. Anche se ora c'è da conquistare la salvezza con l'Ascoli.<br><br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-ritornera-fossati-1011913.htmNoT1000027100075701,02,03030369
2801011912NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, Petkovic fortemente in bilico20130422172714lazio, petkovicIl futuro di Vladimir PetkovicIl futuro di Vladimir Petkovic sulla panchina della Lazio rischia di non essere più così saldo. Come riporta 'LaRepubblica', dopo i pessimi recenti risultati che hanno portato la squadra al settimo posto in classifica, Lotito ha messo sotto processo la squadra e lo stesso allenatore: rischia di saltare in caso di mancata qualificazione in Europa. Un'ipotesi remota, considerati gli ottimi risultati ottenuti nella prima parte della stagione.C1007650adm001adm001petkovic.jpgSiNlazio-petkovic-fortemente-in-bilico-1011912.htmSiT1000018100075701,02,03030764
2811011910NewsCalciomercatoClamoroso Cagliari, rischia l`esclusione dal campionato20130422165716cagliariIscrizione campionatoIscrizione campionato a rischio per il Cagliari: la querelle stadio mette a rischio il club rossoblu. L'avvertimento è stato lanciato dal presidente della Figc Giancarlo Abete a margine di un convegno in corso a Milano: "Ci si può iscrivere al campionato - le parole del numero uno della Federcalcio - solo se c'è la disponibilità di uno stadio che non potrà essere protagonista delle incertezze duraete tutto il campionato in corso". C1007650adm001adm0010m12zmva--473x264.jpgSiNclamoroso-cagliari-rischia-esclusione-dal-campionato-1011910.htmSiT1000019100075701,02,03030758
2821011909NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, Zenga: «Allenerò i nerazzurri»20130422163328inter, zengaArrivano altre dichiarazioniArrivano altre dichiarazioni da parte di Walter Zenga, tecnico dell'Al Nasr, che ha parlato a ruota libera di un suo possibile futuro sulla panchina dell'Inter: "Un giorno sarò alla guida dell'Inter - riporta fcinternews.it -. Dico questo basandomi sulla mia personalità, sulla mia forza e sulla mia abilità di ottenere ciò che voglio. Non è difficile capirlo, se mi chiamasse la società nerazzurra, io sarei libero di andare. Tutti sanno che il mio sogno è allenare l'Inter, chiudendo il cerchio e tornando a Milano. I nerazzurri sono sempre nel mio cuore", le parole di Zenga, che aveva già confessato il suo "ottimo rapporto" con il presidente Moratti.C1007650adm001adm001zenga.jpgSiNinter-zenga-allenero-i-nerazzurri-1011909.htmSiT1000026100075701,02,03030469
2831011850NewsCalciomercatoClamoroso Juventus, contatto diretto tra Ibrahimovic e Conte20130420104990juventus, ibrahimovicSecondo quanto riporta La Gazzetta dello SportSecondo quanto riporta&nbsp;La Gazzetta dello Sport, Zlatan Ibrahimovic vuole allenarsi con il "Mourinho" italiano, ovvero Antonio Conte. Il giocatore è attratto dai metodi di allenamento del tecnico bianconero, con il quale avrebbe addirittura avuto i primi contatti per sottolineargli direttamente la stima, ricambiata immediatamente. Infatti è stato proprio Conte a sottolineare ai propri dirigenti il gradimento per il gigante di Malmoe che a questo punto potrebbe realmente tornare a giocare in Italia. Per far si che questo accada però, ci sono alcuni sottolineati dalla Juve direttamente a Mino Raiola: il primo è che il prezzo del cartellino non può superare i 10 milioni; il secondo che l'ingaggio al massimo sarà di 7,5 milioni netti più bonus fino al 2017. A queste condizioni, Ibra può tornare ad essere bianconero. C1007650adm001adm001877717-14768359-640-360.jpgSiNclamoroso-juventus-contatto-diretto-tra-ibrahimovic-e-conte-1011850.htmSiT1000007100075701,02,03,06030431
2841011845NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, obiettivo Benteke20130419183338inter, bentekeIl tecnico dell`Aston Villa Paul LambertIl tecnico dell'Aston Villa Paul Lambert si è espresso così in merito alla situazione di Christian Benteke, attaccante belga finito nel mirino di diversi club europei, tra i quali anche l'Inter: "Benteke è appena arrivato e non vorrei restasse per una sola stagione - le parole del manager riportate da 'Sky Sports' - conosco la sua situazione e sicuramente la valuteremo alla fine del campionato. Per adesso sta facendo il suo lavoro, segna e gioca alla grande e non ha ancora mai bussato alla mia porta".<br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001stramaccioni.jpgSiNinter-obiettivo-benteke-1011845.htmSiT1000026100075701,02,03030266
2851011836NewsCalciomercatoClamoroso Juventus, Maxwell in bianconero nell`operazione Ibrahimovic20130419124843juventusCome riferisce Come riferisce Jacobelli per calciomercato, se in definitiva, la Juventus dovesse concretizzare l’assalto a Ibrahimovic, come potrebbe suggerire l'interpretazione delle parole di Mino Raiola, per la fascia sinistra bianconera il nome più caldo diventerebbe quello di Maxwell.<br><br> Sia la punta svedese che il terzino brasiliano giocano nel Paris Saint Germain, ma soprattutto sono gestiti dall’agente italo-olandese. E, variabile tutt’altro che trascurabile, tra Ibra e Maxwell resiste un’amicizia (hanno giocato assieme, oltre che in Francia, nell’Ajax, nell’Inter e a Barcellona).<br><br> Molto dipenderà dalla volontà di investimento per la corsia mancina: Gael Clichy e Aleksandar Kolarov, entrambi sotto contratto con il Manchester City, sono due obiettivi sensibili, ma anche giocatori che costano assai più rispetto a Maxwell, esterno di valore, ma che il 27 agosto compirà 32 anni.<br><br>C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNclamoroso-juventus-maxwell-in-bianconero-nell-operazione-ibrahimovic-1011836.htmSiT1000007100075701,02,03,06030526
2861011831NewsCalciomercatoClamoroso Inter, Zeman per la panchina20130419112042inter, zemanSi prepara una clamorosa rivoluzioneSi&nbsp;prepara una clamorosa rivoluzione: in corsa per la panchina anche il boemo. Il presidente difende Stramaccioni, ma intanto riflette sul successore. Il sogno è Spalletti, piace anche Mihajlovic. Fuori dalla Coppa Italia e oggi fuori dall'Europa: l'eliminazione certifica il fallimento del progetto. Tre anni dopo il Triplete squadra da ricostruire. Dopo Campagnaro-Icardi la tentazione è Sanchez. Cinque affari già chiusi (anche Andreolli, Laxalt e Botta), asta per Kondogbia. Via Cassano, Schelotto e Jonathan. Moratti cambia tutto, dal dg fino ai medici.C1007650adm001adm00120120902_zeman.jpgSiNclamoroso-inter-zeman-per-la-panchina-1011831.htmSiT1000026100075701,02,03030530
2871011829NewsCalciomercatoJuventus, Bonucci: «Vendicare la sconfitta dell`andata»20130419111549juventus, bonucciLeonardo BonucciLeonardo Bonucci, difensore della Juventus, ha parlato ai microfoni di 'Sky' dell'attuale stagione bianconera:<br><br> SCUDETTO - "Preferisco dare un giudizio al nostro campionato a fine stagione, dopo che avremo centrato l'obiettivo. Adesso dobbiamo stare lì sul pezzo finchè la matematica non ci dà la certezza di essere nuovamente campioni d'Italia".<br><br> MILAN - "Incontriamo un avversario in forma, lo dimostrano i risultati del 2013. Questo, sicuramente, ci deve dare ancora di più la carica, oltre al pensiero della sconfitta dell'andata. Vogliamo rifarci e mettere un altro mattoncino per andare a vincere lo Scudetto. A Milano ci mancò voglia di correre e umiltà. Da lì abbiamo cominciato un percorso di crescita che ci ha portato a una costanza di risultati. Balotelli? E' un grandissimo giocatore, ha ancora dei margini di miglioramento notevoli ma è già tra i migliori attaccanti al mondo. Contro di lui ci deve essere sempre massima attenzione, così come contro Pazzini, El Shaarawy, Niang e tutti gli attaccanti del Milan".<br><br> CHAMPIONS LEAGUE - "Abbiamo acquisito tanta esperienza, che ci servirà per il prossimo anno. L'eliminazione è stata metabolizzata, abbiamo imparato tante cose. Sappiamo che per arrivare a competere con le grandi squadre ci manca ancora qualcosina, però si può arrivare a quel livello attraverso lavoro, sacrificio e sudore. E' questo il nostro segreto".<br><br> COPPA ITALIA - "Siamo stati sfortunati. Se avessimo segnato al 96' adesso saremo qua a parlare di un'altra finale, però noi siamo la Juve e siamo costretti a vincere sempre".<BR><br><br>C1007650adm001adm001Bonucci_Leonardo.jpgSiNjuventus-bonucci-vendicare-la-sconfitta-dell-andata-1011829.htmNoT1000007100075701,02,03,06,07030410
2881011828NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, c`è l`offerta per Pellegrini20130419111446roma, pellegriniIl nuovo allenatore della RomaIl nuovo allenatore della Roma per il prossimo anno rischia di diventare un rebus. Tra la conferma di Andreazzoli e il sogno Allegri, secondo il 'Corriere dello Sport' la società giallorossa avrebbe fatto un'offerta a Manuel Luis Pellegrini Ripamonti, attuale allenatore del Malaga.<br><br> A conferma di ciò il quotidiano riporta anche le parole dell'agente del tecnico, che ha fatto i nomi delle squadre interessate a Pellegrini: Chelsea, Manchester City e, appunto, Roma. Per liberarlo dal Malaga, servono 4 milioni di euro.<BR><br><br>C1007650adm001adm001andreazzoli.jpgSiNroma-c-e-l-offerta-per-pellegrini-1011828.htmSiT1000012100075701,02,03030376
2891011820NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, rinnovi per Abbiati e Ambrosini: via Nocerino e Yepes20130418161622milanCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport, acquistato Saponara, interesse per Zaza. Milan: Galliani alla volata dei rinnovi. Abbiati e Ambrosini verso il sì, rebus Flamini. Zapata sarà riscattato, Bojan no. Yepes e Nocerino ai saluti.<br>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-rinnovo-per-abbiati-e-ambrosini-via-nocerino-e-yepes-1011820.htmNoT1000027100075701,02,03030331
2901011814NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, il Bayern Monaco avanti per Cavani20130418125031napoli, cavaniIl Bayern Monaco sarebbe scattato in testa Il Bayern Monaco sarebbe scattato in testa nella corsa per il centravanti Edinson Cavani. Il futuro tecnico dei bavaresi Pep Guardiola infatti sarebbe follemente innamorato del giocatore e avrebbe convinto la dirigenza bavarese ad aprire i cordoni della borsa per portare l'uruguayano in Germania. Il Bayern avrebbe infatti stanziato una cifra fra i 55 e i 60 milioni di euro per Cavani, cifra molto vicina ai 63 fissati nella clausola di rescissione del giocatore.<br><br> Superata in questo modo la concorrenza del Real Madrid, che offre 25 milioni e il cartellino di Karim Benzema, PSG, Chelsea e i due club di Manchester che ancora non hanno presentato offerte ufficiali, ma sono fortemente interessate al Matador azzurro.<BR><br><br>C1007650adm001adm001124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNnapoli-bayern-monaco-avanti-per-cavani-1011814.htmSiT1000017100075701,02,03,08030390
2911011813NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, stile Ibrahimovic per prendere Sanchez20130418124738juventus, sanchezSecondo quanto riporta SportSpunta l'idea di un'operazione di mercato "alla Ibrahimovic", ovvero simile a quella che portò l'attaccante svedese in rossonero nell'estate del 2010. Secondo quanto reso noto questa mattina dal quotidiano spagnolo Sport la dirigenza juventina per arrivare all'attaccante del Barcellona Alexis Sanchez starebbe pianificando un'offerta per il prestito oneroso a cinque milioni di euro del giocatore cileno con un diritto di riscatto fissato a 20 milioni di euro. Un'idea intelligente in un periodo di crisi economica che potrebbe risultare davvero vincente.C1007650adm001FL0711marotta.jpgSiNjuventus-stile-ibrahimovic-per-prendere-sanchez-1011813.htmNoT1000007100075701,02,03,06030656
2921011808NewsCalciomercatoClamoroso Milan, Boateng verso il Manchester City20130418114332milan, boatengCome riporta Repubblica Come riporta Repubblica il Manchester City è su Boateng. Mancini vuole il centrocampista ghanese: e l'affare è possibile. I rossoneri chiedono almeno 20 milioni, cifra molto abbordabile per le casse inglesi. <br><br> In questi giorni è in programma un incontro tra l'agente del giocatore e il club per discutere din una eventuale trattativa.<br><br>C1007650adm001adm001muntari-6.jpgSiNclamoroso-milan-boateng-verso-il-manchester-city-1011808.htmSiT1000027100075701,02,03,07030452
2931011806NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, i rinforzi arrivano dal Belgio20130418111941lazioCome riporta Il Corriere dello SportCome riporta Il Corriere dello Sport, tre piste in Belgio per la Lazio. La missione del diesse Tare domenica scorsa a Bruxelles non era per incontrare i rappresentanti del fondo inglese che possiedono il 50 per cento del cartellino di Felipe Anderson, talento del Santos trattato a gennaio e ancora vicino alla società biancoceleste. L’obiettivo del blitz riguardava alcuni giocatori di Bruges e Anderlecht. Secondo le nostre indiscrezioni, l’attenzione dei dirigenti biancocelesti si sarebbe soffermata su Carlos Bacca, 26 anni, attaccante colombiano, 22 gol in 25 partite della Jupiler League. Il suo contratton scade nel 2016, lo seguono anche diversi club in Bundesliga. Il Bruges ha respinto un’offerta di 7 milioni dell’Anderlecht. Nei mesi scorsi Bacca è entrato in nazionale. E’ una punta di movimento, che piazza grandi progressioni e vede la porta. Potrebbe essere accostato per caratteristiche al turco Burak Yilmaz, trattato l’estate scorsa senza successo prima che firmasse per il Galatasaray. La Lazio cerca una punta, è ovvio. E le nostre indiscrezioni dicono che sta seguendo un giocatore del Bruges. Dopo il week-end sono spuntate altre due candidature. Si tratta di Matias Suarez e di Cheilkou Kouyatè. Il primo è un attaccante argentino, esterno offensivo classe ‘88 cresciuto nel Belgrano di Cordoba, scadenza 2015 e appena rientrato dopo un lungo infortunio. Il secondo è un difensore centrale di origine senegalese, classe ‘89, nato a Dakar e con passaporto belga. Kouyatè è una pertica alta un metro e 91 e ha il contratto in scadenza nel 2014. Potrebbe essere considerato un nuovo Diakitè, rispetto a cui vanta già una solida esperienza in Champions League. Non rinnoverà il contratto con l’Anderlecht, è quotato e può essere preso a cifre abbordabili.<br><br> FELIPE ANDERSON - Lotito e il ds Tare sono in attesa della svolta per il gioiello del Brasile Under 20, che era stato vicinissimo alla Lazio il 31 gennaio. L’affare non si chiuse a 7,5 milioni di euro per il mancato accordo con il fondo inglese che detiene il 50 per cento del cartellino. La società biancoceleste è pronta ad alzare la posta sino a 10 milioni.<br><br>C1007650adm001adm001suarrez.jpgSiNlazio-i-rinforzi-arrivano-dal-belgio-1011806.htmSiT1000018100075701,02,03030649
2941011805NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, bianconeri insoddisfatti di Asamoah arriva il sostituto20130418111213juventus, asamoahCome riporta Tuttosport Come riporta Tuttosport la Juventus cerca rinforzi per la fascia sinistra e non è un segreto che negli ultimi giorni si sia rivolta direttamente al Manchester City per chiedere informazioni a proposito di Aleksandar Kolarov (27). Questi sondaggi però avrebbero aperto anche un'altra porta al club bianconero, perchè alcuni intermediari di mercato avrebbero aperto la possibilità del cambio di casacca del compagno che ha di fatto rubato il posto all'ex terzino laziale, ovvero Gael Clichy. Il primo ha un valore di circa 10 milioni ma guadagna 6 milioni netti l'anno, il secondo vale circa 13 milioni ma ha uno stipendio di 5 milioni. Entrambi assicurerebbero grande qualità alla fascia sinistra di Conte ed entrambi verranno seguiti con attenzione da qui alla fine della stagione. Una terza ipotesi sarebbe quella che porta al terzino del PSG Maxwell (32), che però è più avanti con gli anni e che quindi non garantirebbe una lunga permanenza a grandi livelli. C1007650adm001adm001asamoah-juventus-napoli.jpgSiNjuventus-bianconeri-insoddisfatti-di-asamoah-arriva-il-sostituto-1011805.htmSiT1000007100075701,02,03,06030526
2951011800NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Prandelli dalla prossima stagione20130417182923milan, prandelliIn casa Milan prendeIn casa Milan prende corpo l'idea che porta a Cesare Prandelli. Secondo quanto riporta Sportmediaset, la società rossonera starebbe pensando di affidare - dopo il mondiale in Brasile nel 2014 - la panchina all'attuale commissario tecnico della Nazionale. Il tecnico soddisfa la dirigenza rossonera sia sull'aspetto tecnico-tattico che per gli atteggiamenti e sarebbe favorito dal fatto di avere già ottimi rapporto con alcune colonne del Milan come Balotelli, Montolivo, El Shaarawy e tutti gli altri azzurri.C1007650adm001adm001cesare-prandelli.jpgSiNmilan-prandelli-dalla-prossima-staione-1011800.htmSiT1000027100075701,02,03030497
2961011798NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, parla l`agente di Cavani: «Vuole vincere. La sua valutazione è di 70 milioni»20130417175520napoli, cavaniEdinson non ha'Edinson non ha mai detto di voler lasciare il Napoli, ma e' giusto che un giocatore come lui abbia voglia di vincere, quindi chiedersi quali siano le aspettative del proprio club per il futuro e' piu' che normale'. Lo ha detto Claudio Anellucci, procuratore di Cavani, rispondendo a Raisport1 in merito al futuro del proprio assistito. 'Fa piacere - ha detto - pensare ci sia tutto questo interesse su di lui. De Laurentiis ha parlato di 70 milioni, credo sia una giusta valutazione'.C1007650adm001adm001124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNnapoli-parla-l-agente-di-cavani-1011798.htmSiT1000017100075701,02,03030401
2971011788NewsCalciomercatoCalciomercato Torino, pronta l`offerta per Lucas Orban20130417115618torino, lucas orbanSecondo quanto riporta Tuttosport Secondo quanto riporta Tuttosport il Torino sarebbe pronto a dare l'assalto decisivo per il terzino sinistro argentino a metà tra Tigre e River Plate Lucas Orban (24). Il giocatore ha una clausola rescissoria fissata a 2,5 milioni di dollari (circa 2 milioni di euro) che diventerebbero circa 3 a causa della tassazione prevista dallo stato argentino. La trattativa è ben avviata e favorita dalle mosse anticipate messe a segno dal club granata. Adesso manca solo che il ds Gianluca Petrachi parta per il Sudamerica, viaggio fissato a salvezza raggiunta, per chiudere gli ultimi dettagli e assicurarsi le prestazioni del difensore argentino ma in possesso del passaporto spagnolo. <br><br> &nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001barreto-6.jpgSiNtorino-pronta-l-offerta-per-lucas-orban-1011788.htmNoT1000099100075701,02,03030315
2981011785NewsCalciomercatoJuve: arrivano i soldi20130417093052juve samsungSamsung pronta a sborsare 120 mln per aver intestato lo stadioLa notizia, finore, è stata top secret: adesso però qualcosa trapela. Sulla Juve stanno per piovere milioni d'euro, pronti ad essere riutilizzati sul mercato: la Samsung infatti, colosso sud coreano, è pronta a investire 120 milioni per poter intestare col proprio nome lo Juventus Stadium e per poter sponsorizzare la società mettendo il loro marchio sulle maglie.<BR><BR>Tutto questo, stando ad alcune fonti, sembra esser stato messo già nero su bianco qualche giorno fa,&nbsp;ma, per vie delle quotazioni in borsa della Juve, non è stato fatto uscire fuori; soldi, tanti soldi cash, che serviranno per puntellare una squadra già forte: Ibra e Verratti sono i primi due obiettivi, trattenere Pogba e Vidal la base da cui ripartire.<BR><BR>C1007650FL0141FL0141samsung.jpgSiNjuve-arrivano-i-soldi-1011785.htmSiT1000007100205001,02,03,06030549
2991011780NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, acquistato Sebastian Leto 20130416173359catania, letoIl Catania comunicaIl Catania comunica di aver raggiunto l'accordo economico con il calciatore Sebastian Eduardo Leto. Centrocampista svincolato dal Panathinaikos.<br><br>C1007650adm001adm001sebastian-eduardo.jpgSiNcatania-acquistato-leto-dal-panathinaikos-1011780.htmNoT1000014100075701,02,03030547
3001011767NewsCalciomercatoCagliari, triennale per Lopez20130416105255cagliari, lopezAssieme a PulgaAssieme a Pulga, sta facendo volare il Cagliari; Diego Lopez, ex capitano rossoblu e attuale allenatore, è atteso dal master di Coverciano (non ha ancora il patentino) e da un contratto triennale. Ne dà notizia 'La Gazzetta dello Sport'.<br>C1007650adm001adm001lopez.jpgSiNcagliari-triennale-per-lopez-1011767.htmNoT1000019100075701,02,03030516
3011011766NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Dedé va al Cruzeiro20130416102844milan, dedéSecondo quanto riporta `Globoesporte`Secondo quanto riporta 'Globoesporte', è praticamente definito il trasferimento di Dedè dal Vasco de Gama al Cruzeiro. Già lunedì potrebbe essere formalizzato l'affare.<br><br>Al Vasco andranno 5,5 milioni di euro per il 45% dei diritti del giocatore. Il club di Rio de Janeiro avrà in cambio anche alcuni giocatori entro il 2013 (si parla di Allyson, Wellington Paulista e Diego Renan).<br><br><br>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-dede-va-al-cruzeiro-1011766.htmNoT1000027100075701,02,03030290
3021011762NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, Basta il primo obiettivo20130416093329inter, bastaSecondo quanto riporta La Gazzetta dello SportSecondo quanto riporta&nbsp;La Gazzetta dello Sport, l'obiettivo numero uno dell'Inter per rinforzare le fasce sarebbe l'esterno dell'Udinese Dusan Basta (28). Dopo che Sebastian Jung ha rinnovato il proprio contratto con l'Eintracht infatti, gli osservatori nerazzurri sono stati avvistati sempre più spesso allo stadio Friuli proprio per seguire le prestazioni del bianconero. I due club sono in ottimi rapporti dopo l'affare Handanovic e sopratutto con la comproprietà di Davide Faraoni da discutere a breve e da poter utilizzare per favorire un passaggio del serbo da Udine a Milano. C1007650adm001adm001dusan-basta.jpgSiNinter-basta-il-primo-obiettivo-1011762.htmSiT1000026100075701,02,03030346
3031011760NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, la Juventus vuole Guarin20130415184154inter, guarinPotrebbe finire col termine della stagionePotrebbe finire col termine della stagione in corso l'esperienza in nerazzurro di Fredy Guarín (26). A rivelarlo è la testata portoghese A Bola, secondo la quale l'ex centrocampista del Porto è finito nel mirino di Juventus e Tottenham; a volerlo a Londra è il manager degli Spurs Andrè Villas Boas, che ha avuto a disposizione il colombiano durante l'esperienza comune ai Dragoes. C1007650adm001adm001guarin-inter.jpgSiNinter-la-juventus-vuole-guarin-1011760.htmSiT1000026100075701,02,03030408
3041011758NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, offerto un triennale ad Allegri20130415173337roma, allegriLa società giallorossaSecondo quanto riferito da Radio Radio,&nbsp;la società giallorossa avrebbe offerto un contratto triennale ad Allegri. L'allenatore toscano andrà in scadenza con la società rossonera il 30 giugno 2014 e non ha ancora rinnovato.<br>C1007650adm001adm001allegri_600x449.jpgSiNroma-offerto-un-triennale-ad-allegri-1011758.htmNoT1000012100075701,02,03030307
3051011749NewsCalciomercatoClamoroso Juventus, il nuovo obiettivo è Hernanes20130415153726Juventus, hernanesLa Gazzetta dello SportLa Gazzetta dello Sport in edicola quest'oggi parla di una possibile idea di mercato della Juventus: stiamo parlando del profeta Hernanes, centrocampista e trascinatore della Lazio. Secondo la rosea, l'interesse dei bianconeri per il brasiliano è stato finora discreto, ma potrebbe farsi più intenso una volta finito il campionato. Hernanes ha più volte ribadito di stare bene a Roma, ma per adesso il rinnovo con la Lazio non è arrivato. Il club di Lotito potrebbe anche pensare di cedere il giocatore, a patto che arrivi una proposta economica interessante. C1007650adm001adm001hernanes_700.jpgSiNclamoroso-juventus-il-nuovo-obiettivo-e-hernanes-1011749.htmNoT1000007100075701,02,03030339
3061011747NewsCalciomercatoClamoroso Torino, Cerci torna alla Fiorentina20130415034830torino, cerciCome riferisce La NazioneCome riferisce La Nazione, la Fiorentina avrebbe già fatto sapere al Torino che a fine stagione Alessio Cerci dovrebbe rientrare a Firenze. La mossa si è resa necessaria per far sì che il diritto di riscatto fissato dal club granata l’estate scorsa per riscattare il giocatore (3,5 milioni di euro) è sicuramente insufficiente per portarsi a casa l’esterno offensivo. La sensazione è che Montella (per ragione tattiche) e soprattutto Pradè e Macia (per questioni economiche) abbiano deciso di valutare con attenzione, prendendosi un po’ di tempo rispetto al prossimo mercato estivo, la posizione di Cerci. Giocatore che grazie alla buona stagione nel Toro, sfociata anche nella convocazione in Nazionale, ha adesso una valutazione superiore ai 3,5 milioni. Oggi il prezzo giusto del cartellino del giocatore si è assestato intorno ai 7 milioni di euro.<br><br>&nbsp;<br>Rileggendo anche un’altra posizione relativa a un viola in prestito secco, Manuel Vargas, anche in questo caso Pradè e Macia vorrebbero risolvere la situazione entro l’inizio delle trattative d’estate. Difficile che il Genoa riscatti il peruviano, semmai opterà per un rinnovo del prestito, così la Fiorentina sembra intenzionata a proporlo come pedina di scambio per arrivare a un obiettivo per la prossima stagione. Da qualche giorno si parla di un possibile inserimento di Vargas nella trattativa con il Bayern Monaco per arrivare a Contento. La prima risposta dei tedeschi è stata decisamente fredda.<br><br>&nbsp;<br>Ogni giorno che passa spunta una nuova pretendente anche per un vecchio pallino della Fiorentina, Pierre Emerick Aubameyang del Saint-Etienne. L’attaccante, cresciuto nel Milan ed attualmente in Francia, piace molto anche in Germania e più precisamente al Borussia Dortmund che, in estate, dovrà fare i conti con l’addio al bomber Lewandowski.<br>Al momento, tuttavia, non ci sarebbe nulla più che un interessamento senza alcun passo concreto vero e proprio. Ma le pretedenti aumentano ed il compito della Fiorentina si fa sempre più difficile.<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001barreto-6.jpgSiNtorino-cerci-torna-alla-fiorentina-1011747.htmSiT1000099100075701,02,03030536
3071011738NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, clamoroso dalla Spagna: Cavani ha già firmato per il Real Madrid20130414192932napoli, cavaniCome riporta SportCome riporta Sport, Florentino Perez, presidente del Real Madrid ha già esaudito la prima richiesta che ha fatto Carlo Ancelotti pronto a prendere il posto di José Mourinho. Si tratta dell'attaccante Edinson Cavani, con la quale il club di Madrid ha trascorso diversi mesi di negoziazione e la cui firma è praticamente fatta.C1007650adm001adm001124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNnapoli-clamoroso-dalla-spagna-cavani-ha-gia-firmato-con-il-real-madrid-1011738.htmSiT1000017100075701,02,03030415
3081011728NewsCalciomercatoClamoroso Ascoli, via Pergolizzi e torna Silva20130414074230ascoli, pergolizzi, silvaTutto confermatoTutto confermato. L'Ascoli Calcio, attraverso il proprio sito ufficiale, comunica di aver sollevato dall'incarico Rosario Pergolizzi e di aver richiamato sulla panchina bianconera Massimo Silva.C1007651adm001adm001ascoli-6.jpgSiNclamoroso-ascoli-via-pergolizzi-e-torna-silva-1011728.htmNo100075501,02,030301011
3091011727NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, i dettagli dell`incontro tra Marotta e l`agente di Sanchez e Vidal20130414033943juventusEmergono nuovi dettagli Emergono nuovi dettagli sull'incontro occorso tra Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, e l'agente Fernando Felicevich, procuratore tra gli altri del bianconero Arturo Vidal e dell'obiettivo juventino Alexis Sanchez. A rivelare i dettagli del colloquio è Alfredo Pedullà, che sul suo blog scrive: "L'incontro tra Beppe Marotta e l'agente Fernando Felicevich c'è stato, come vi abbiamo anticipato. Dopo i contatti che lo stesso agente aveva avuto ieri con il direttore sportivo Fabio Paratici. Ma il summit con l'amministratore delegato della Juve era ritenuto il più importante per fissare alcuni paletti. Felicevich non assiste direttamente Isla, ma lo aiuta come se fosse un consulente di fiducia. Dopo il grave infortunio, la Juve testerà Mauricio in questo finale di campionato per decidere se puntarci o meno per la prossima stagione: per l'esterno è stato fatto un grosso investimento, il club bianconero non vuole buttarlo a mare. Capitolo Sanchez: la Juve è interessata, magari non è una priorità assoluta, però il cileno appartiene alla lista. Oggi il Barcellona lo ritiene incedibile e se entrasse nell'ordine di idee di metterlo sul mercato chiederebbe non meno di 28-30 milioni. Se ne riparlerà. Aggiornamento su Vidal: sono possibili adeguamento e prolungamento del contratto, ma questo nulla toglie rispetto a quanto vi abbiamo raccontato ieri. Ovvero, se arrivasse una proposta da 35 milioni di euro in su gradita al centrocampista, la cessione sarebbe da prendere in seria considerazione. I club alla finestra sono tre: Psg, Real Madrid e Bayern, partita apertissima".C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-i-dettagli-dell-incontro-tra-marotta-e-lagente-di-sanchez-e-vidal-1011727.htmSiT1000007100075701,02,03,06030342
3101011718NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Vidal o rinnova o verrà ceduto20130413111545juventus, vidalCon l`incontro Con l'incontro a Milano tra i dirigenti bianconeri e Fernando Felicevich, agente di Arturo Vidal, si aprono più scenari a propostio del futuro del centrocampista cileno. Il primo è quello di un possibile rinnovo di contratto, visto che Conte stravede per il giocatore e che lo stesso centrocampista sta benissimo a Torino. Una trattativa per il rinnovo che però non escluderebbe a priori una cessione, visto che PSG e Real Madrid sono in forte pressing e che di fronte ad un'offerta importante, il cileno potrebbe essere il sacrificato per la campagna acquisti bianconera. Sul fronte parigino poi c'è da mettere in conto il forte interesse juventino per Marco Verratti e Zlatan Ibrahimovic, infatti se uno dei due venisse inserito in un'eventuale trattativa, allora nonostante il grande legame in vita tra Vidal e la Juve, le strade potrebbero anche dividersi. C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-vidal-o-rinnova-o-verra-ceduto-1011718.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07030384
3111011717NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, i dettagli dell`accordo con Campagnaro20130413111312napoli, campagnaroSecondo il quotidiano Secondo il quotidiano napoletano Il Roma, Hugo Armando Campagnaro avrebbe già trovato l'accordo e firmato il suo contratto con l'Inter e definito anche i dettagli economici. Ecco quanto si legge a proposito del difensore: "In realtà è tutto fatto (lui in alcune interviste ha parlato di trattative molto avanzate) con l'Inter, dove avrebbe già firmato un triennale coi nerazzurri da 1,4 milioni a stagione".C1007650adm001adm001campagnaro.jpgSiNnapoli-i-dettagli-dell-accordo-con-campagnaro-1011717.htmSiT1000017100075701,02,03030242
3121011709NewsCalciomercatoCalciomercato Torino, Barreto vuole il riscatto20130412163998torino, barretoBarreto ora deve conquistareBarreto ora deve conquistare il Torino con la continuità. L'attaccante brasiliano è il rinforzo richiesto e ottenuto da Ventura a gennaio, ma la punta deve convincere anche la dirigenza granata per restare in futuro. Dopo un avvio discreto sotto il punto di vista delle prestazioni, adesso l'ex Udinese ha trovato anche la via del gol, segnando sia contro il Napoli che contro il Bologna. Cairo e Petrachi si stanno convincendo della bontà dell'operazione conclusa a gennaio con Pozzo, ma a giugno si discuterà già del riscatto dell'intero cartellino o del rinnovo della sua comproprietà. Se Barreto continuerà così, Ventura non potrà che metterci una buona parola.C1007650adm001adm001barreto-6.jpgSiNtorino-barreto-vuole-il-riscatto-1011709.htmNoT1000099100075701,02,03030280
3131011705NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, piace il centravanti Belotti20130412155129catania, belottiProtagonista Protagonista di una stagione positiva in Prima Divisione con la maglia dell'Albinoleffe, il 19enne attaccante Andrea Belotti, che già l'anno scorso, sempre tra le file dei seriani, era stato capace di esordire in Serie B dimostrando piglio deciso e maturità atletica, sarebbe stato messo nel mirino dalla dirigenza del Catania, stando a quanto riportato sulle pagine di TuttoLegaPro.com. In scadenza di contratto con il club lombardo, che gli ha dato i natali calcistici, la punta classe '93, nel giro della nazionale Under-20 di Gigi Di Biagio, potrebbe essere ingaggiato dalla società etnea in estate e poi girato in prestito nella categoria cadetta.C1007650adm001adm001almiron.jpgSiNcatania-piace-il-centravanti-belotti-1011705.htmNoT1000014100075701,02,03030258
3141011696NewsCalciomercatoClamoroso Ibrahimovic, andrà via dal Psg: vuole la Juventus o il Napoli20130412130939psg, ibrahimovicCome riporta Il Corriere dello Sport E adesso? Se arriva Mourinho, se porta Cristiano Ronaldo, i mal di pancia di Zlatan Ibrahimovic potrebbero come d’incanto ricomparire? E chi li curerebbe? Come riporta Il Corriere dello Sport Lo scenario che si apre sul futuro dell’asso svedese è assolutamente tutto da leggere. Avendo anche la schiettezza necessaria per dire che questi fatti potrebbero portare Ibra lontano da Parigi. D’altra parte qualche avvisaglia c’è stata. Dalle parole d’amore per il Milan appena arrivato in Francia, alla meraviglia con cui poco tempo fa si è fatto una domanda che più o meno suonava così: ma cosa vogliono questi tifosi del Psg che si lamentano come se fossero persone abituate a vincere? Detto da lui, che come si vince lo sa. Ecco che il quadro si comincia a delineare. O per lo meno il campo delle ipotesi che infittiscono l’orizzonte, giustifica i dubbi sul futuro di un uomo che un imbarazzo lo avrà: quello di lasciare 14 milioni di euro netti, quanti ne guadagna a Parigi .<BR><BR><BR>il punto di partenza è proprio questo. Per cambiare squadra Ibra deve mettere in soffitta un ingaggio così. Soprattutto se la squadra dovesse essere la Juventus. Perché un discorso, molto molto sotto traccia, c’è (...). E se quello della Juve è un ambiente che conosce (pur essendo cambiata la dirigenza), sembra che a Zlatan piacerebbe anche un’altra ipotesi, al momento oggettivamente più difficile da mettere a tavolino (sempre per i numeri che sulla carta evoca l’operazione Ibrahimovic): parliamo del Napoli che, certo, se perdesse Cavani avrebbe bisogno di un nome per infiammare l’entusiasmo della gente. E Ibra sarebbe quel tipo di nome. Al solo accostamento vengono i brividi. Ma il calcio vive anche di irrazionalità, quindi... Altrimenti ci sarebbe sempre la Premier per lo svedese: City o Chelsea, l’imbarazzo di una scelta. <BR><BR><BR>C1007650adm001adm001877717-14768359-640-360.jpgSiNclamoroso-ibrahimovic-andra-via-dal-psg-vuole-juventus-o-napoli-1011696.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07,08030591
3151011702NewsCalciomercatoCalciomercato Bologna, la Juventus vuole Diamanti per sostituire Pepe20130412125956juventus, diamantiLa Juventus ha individuato La Juventus ha individuato in Diamanti l'ideale sostituto di Pepe, fermo dalla scorsa estate e che quindi è tutto da valutare a livello di recupero.<br><br> Secondo quanto riportato da 'La Gazzetta dello Sport', nelle ultime settimane c'è stato uno scatto bianconero per il duttile calciatore del Bologna (trequartista naturale, centrocampista all'occorrenza e&nbsp; punta esterna) cercato anche da Inter e Napoli.<br><br> &nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001diamanti.jpgSiNbologna-la-juventus-vuole-diamanti-per-sostituire-pepe-1011702.htmNoT1000020100075701,02,03,06,08030344
3161011699NewsCalciomercatoMilan, Boateng infuriato con Allegri20130412112724milan, boatengUna stagioneUna stagione luci ed ombre, con il finale a sorpresa. E' quasi arrivato il momento di tirare le somme, la storia d'amore tra Kevin Prince Boateng e il Milan si trova davanti ad un bivio. Confrontarsi e crescere insieme, o salutarsi, magari con una stretta di mano e il poco credibile "rimaniamo amici". Il centrocampista ghanese, cercato da Premier e Bundesliga, ha sempre messo il Milan al centro dei suoi pensieri, ma a fine stagione avrà un confronto con Galliani per chiarire un paio di questioni. In primis la sua posizione, dopo una stagione a spasso per il campo: "Non mi piace cambiare sempre ruolo, quest'anno ho giocato in attacco, da trequartista e a centrocampo - ha detto a Sky Sport - Allegri mi dice che è positivo il fatto di saper giocare in tanti ruoli, ma non è perfetto per me".<br><br> Il Boa si è stufato di essere un giocatore anarchico, un malessere che si aggiunge a quello legato al rinnovo del contratto, in scadenza nel 2014. Alla richiesta di aumento e prolungamento fatta recapitare in via Turati lo scorso inverno, Galliani ha risposto picche, rimandando la questione a maggio, ma non è escluso che il numero due rossonero prenda in considerazione l'ipotesi, in accordo con Allegri, di cederlo al miglior offerente.<br><br>C1007650adm001adm001muntari-6.jpgSiNmilan-boateng-infuriato-con-allegri-1011699.htmSiT1000027100075701,02,03,07030361
3171011697NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, Osvaldo resterà in Italia20130412112446roma, osvaldoCome evidenzia `Tuttosport`Osvaldo sempre più lontano dalla Capitale. La spaccatura con la Roma appare ormai insanabile: l'italo-argentino saluterà Trigoria al termine della stagione. Per lui si ritorna a parlare di Juventus e, come evidenzia stamane 'Tuttosport', di un ipotetico scambio con i bianconeri che porterebbe Quagliarella in giallorosso. L'ex attaccante doriano ingolosisce e non poco la dirigenza romanista e, oltre al cartellino dell'ex napoletano, nelle casse del club capitolino finirebbe anche un sostanzioso conguaglio economico. Quagliarella però stuzzicherebbe anche la fantasia di club stranieri: Zenit su tutti.C1007650adm001adm00120121119_osvaldo4.jpgSiNroma-osvaldo-restera-in-italia-1011697.htmSiT1000012100075701,02,03,06030331
3181011694NewsCalciomercatoMercato Torino: il Newell`s apre alla cessione di Ignacio Scocco20130412103724TorinoIl Newell`s apre alla cessione di ScoccoArriva un'apertura importante da parte del presidente del Newell's Old Boys Guillerme Lorente per il passaggio di Ignacio Scocco al Torino. Secondo quanto riportato da Tuttosport, per cercare di chiudere al più presto l'operazione il ds granata Gianluca Petrachi partirà per l'Argentina non appena la formazione di Ventura acquisirà la matematica salvezza. Sempre in Sudamerica il Toro continua a seguire anche la situazione di Galeano e Orban. Scocco (27) ha attualmente una valutazione di 5/6 milioni di euro.<br><br> Video con i gol più belli di Ignacio Scocco: <A href="http://livehighlights24.com/2013/04/12/ignacio-scocco/">http://livehighlights24.com/2013/04/12/ignacio-scocco/</A><br><br>TorinoFL0411FL0411Giampiero-Ventura-tecnico-del-Bari.jpgSiNmercato-torino-newells-apre-alla-cessione-di-scocco-1011694.htmSi100427901,02,03010382
3191011692NewsCalciomercatoUdinese, nuovo stadio. Pozzo: «è un sogno che si avvera»20130412100757UdineseNuovo stadio: lavori al via tra un meseIl patron dell'Udinese è al settimo cielo. Il progetto nuovo stadio ha visto finalmente la luce e in&nbsp;Friuli la soddisfazione è grande dopo tanti anni di lotta contro la sempre complicata burocrazia.<BR><BR>"In certi momenti quasi non ci credevo più, si chiude una battaglia iniziata dieci anni fa. Lo Stadio Friuli è nato per ospitare 45 mila persone, ma nel corso degli anni l'emorragia di spettatori è stata inarrestabile e attualmente la media delle persone che frequentano gli stadi in Italia è in continuo declino" - ha ricordato il patron bianconero nella puntata speciale di 'Friuli 2013' dedicata esclusivamente al nuovo stadio<BR><BR>Quindi Pozzo assicura: "Inizieremo i lavori il giorno dopo l'ultima gara interna di campionato, il 13 maggio, e, con l'aiuto di tutte le parti coinvolte, contiamo di finirli entro dicembre 2014. Non abbiamo seguito un modello di riferimento per la ristrutturazione dello stadio, ma vorremmo gli spalti all'inglese con una maggior semplicita' di accesso e deflusso".<BR><BR>Infine ha preso la parola anche l'ingegnere Roberto Regni dello Studio Area Progetto Associati, autore del progetto del nuovo impianto, che sorgerà sulle ceneri di parte dell'attuale stadio: "Ci e' stato richiesto di creare un impianto sportivo moderno e sostenibile mantenendo l'immagine storica dell'arco.<BR><BR>Si tratta di un progetto a bassissimo impatto ambientale che permetterà a tutti gli spettatori di creare quel clima da dodicesimo uomo in campo. La capienza offrirà 25 mila posti a sedere e i bar saranno tutti riscaldati". <BR><BR>&nbsp;<BR><BR>UdineFL0411FL0411friuli.jpgSiNudinese-nuovo-stadio-pozzo-sogno-che-si-avvera-1011692.htmSi100427901,02,03010346
3201011687NewsCalciomercatoBarcellona, papà Messi: «Poteva venire in Italia»20130411172224barcellona, messiJorge MessiJorge Messi, papà di Lionel, ai microfoni di TVE ha rivelato della possibilità di trasferirsi in Italia anziché in Spagna. "Ricordo che insieme alla mia famiglia discutemmo del fatto di scegliere se andare a vivere in Spagna o Italia. Leo era molto eccitato dall'idea di giocare nel Barcellona, non avrebbe mai scelto Madrid. Se Lionel non avesse avuto bisogno di seguire delle cure ormonali non ci saremmo ritrovati nella condizione di cercare un club che pagasse bene".C1007650adm001adm001messi.jpgSiNbarcellona-papa-messi-poteva-venire-in-italia-1011687.htmNo100075701,02,03030304
3211011686NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, ag. Aubameyang: «Confermo il forte interesse dei nerazzurri»20130411171925inter, aubameyangPierre-Emerick Aubameyang Pierre-Emerick Aubameyang, attaccante classe 1989, ex Milan, Digione, Lilla, Monaco e, attualmente, in forza al Saint-Ètienne, è nelle mire dell'Inter. Non è solo una voce di mercato, ma c'è qualcosa in più. E la conferma arriva a FcInterNews direttamente dall'agente del giocatore, Oscar Damiani Junior: "L'interesse dell'Inter c'è tutto. Personalmente, a inizio anno, ho avuto modo di parlare con Branca e Ausilio. Però, non abbiamo discusso di costi o di offerte. Sono state chiacchierate in cui abbiamo parlato della caratteristiche tecniche del giocatore. "Aubameyang piace al club nerazzurro. In quel ruolo stanno cercando un giocatore e posso dire che i dirigenti dell'Inter mi hanno confermato di aver avuto buone relazioni sul mio assistito. Prima della finale di Coppa di Lega Saint-Ètienne-Rennes, in programma il 20 aprile, il club non vuole parlare di mercato: credo che, dopo questa partita, si potranno intavolare discorsi. Il prezzo lo fa il mercato. Il giocatore credo che andrà via a fine stagione, anche se non è nostra intenzione alimentare aste. Certo se poi c'è un'offerta di 10 milioni e arriva un club che rilancia a 15, poi lì si vedrà cosa fare. Altre italiane? In Italia, la Fiorentina. In Germania ci sono un paio di club, mentre in Premier League c'è l'interesse di Newcastle, Tottenham e so per certo che anche Manchester City e Arsenale lo seguono costantemente".<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001stramaccioni.jpgSiNinter-agente-aubameyang-confermo-il-forte-interesse-dei-nerazzurri-1011686.htmNoT1000026100075701,02,03030276
3221011683NewsCalciomercatoLa nuova Roma sarà slava: i dettagli20130411163814romaArchiviatiArchiviati i sogni della Champions e in attesa della semifinale di Coppa Italia, la Roma guarda avanti e pensa a una restaurazione della squadra. Come riporta Leggo, a prescindere dalla scelta dell'allenatore, Sabatini si sta muovendo in anticipo e starebbe per chiudere il primo colpo: Ilicic del Palermo.<br><br>Il centrocampista sloveno è stato l'ultimo acquisto del ds in Sicilia, un giocatore che lui reputa di alto livello. In occasione di Palermo-Roma, il direttore sportivo ha sferrato il suo attacco: Zamparini ha dato la disponibilità a cedere Ilicic in cambio di qualche giovane, soprattutto se il Palermo dovesse retrocedere (piacciono Caprari e Bertolacci). Non ci sarebbero problemi per l'ingaggio, visto che il giocatore guadagna 500mila euro. Anche il procuratore del 25enne, Ruznic, non smentisce la trattativa: "Tra le due parti intercorrono ottimi rapporti, a fine stagione faremo le nostre valutazioni".<br><br>Alla Roma, inoltre, servono due terzini (Basta e Wallace in pole), un centrale di difesa individuato in Dragovic, austriaco del Basilea (a fine anno Burdisso vuol tornare al Boca) e un centrocampista. In attacco, al posto di Osvaldo, Sabatini punta su Aubameyang del Saint Etienne.<br><br>C1007650adm001adm001andreazzoli.jpgSiNla-nuova-roma-sara-slava-1011683.htmSiT1000012100075701,02,03030349
3231011678NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Vidal sarà il sacrificato 20130411121811juventus, vidalCome riporta La Gazzetta dello SportCome riporta La Gazzetta dello Sport, oltre a Llorente, la Juve dovrà ingaggiare un centravanti di prima fascia e un altro attaccante di spessore, persino a costo di sacrificare una colonna come Vidal.<BR>Il salto di qualità solo se arriva la grande punta.<BR>Per un’ora alla pari, nonostante le assenze pesantissime di Lichtsteiner e Vidal. Juve in gara coi vicecampioni d’Europa sia a livello di organizzazione sia sotto il profilo dell’intensità. Ma se quando porti la palla là davanti poi non arriva il guizzo, allora oltre un certo livello non vai, gli altri mettono la freccia e ti salutano. È ciò che Conte va dicendo da tempo: organizzazione, compattezza e atteggiamento competono al tecnico, ma per alzare la posta servono i «carichi pesanti», i fuoriclasse, gli specialisti.<br><br> Non una, ma due punte... È una questione di semplice qualità. Il doppio confronto con il Bayern non può non aver tolto ogni dubbio ai vertici della Juve: bisogna intervenire pesantemente in attacco. E forse, a prescindere da Llorente, non basta un solo innesto. Servono due grandi punte: un top player e un giocatore di livello appena inferiore, magari un giovane già con grandi prospettive. A costo di sacrificare un big fra quelli con maggiore mercato.<br><br> Vidal? Sì, anche Vidal se necessario, considerato che Pogba ha definitivamente dimostrato di essere pronto per i palcoscenici più prestigiosi. E allora occhi aperti sui fronti Higuain, Benzema, Suarez, Tevez e Ibrahimovic per quanto riguarda le carte sicure. E a seguire le piste giovanissime che portano a Jovetic, Muriel e Sanchez.<br><br> Solo ritocchi invece negli altri reparti: prima fare cassa con i vari Quagliarella, Matri, anche Giovinco e De Ceglie; quindi andare a caccia di un vice Pirlo (Verratti su tutti), di un difensore di prospettiva e magari anche di una punta esterna (se Pepe non si riprende) per consentire a Conte più soluzioni tattiche (le tre punte o il «rombo»), cosa ai limiti dell’impossibile con l’attuale rosa. <br><br>C1007650adm001adm001vidal.jpgSiNjuventus-vidal-sara-il-sacrificato-1011678.htmSiT1000007100075701,02,03,06030547
3241011677NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, Osvaldo incontra la società20130411121715roma, osvaldoOsvaldo ha incontrato Osvaldo ha incontrato il ds della Roma Walter Sabatini: un incontro breve che però è servito a rimandare tutti i discorsi sul futuro dell'attaccante.<br><br> Secondo quanto riportato da 'La Gazzetta dello Sport', l'italo-argentino, tra la vena esplosiva di Totti e il ritorno a disposizione di Destro, sembra essere sempre meno indispensabile al progetto, e così il suo valore, in previsione della cessione, corre il rischio di scendere in fretta.<BR><br><br>C1007650adm001adm00120121119_osvaldo4.jpgSiNroma-osvaldo-incontra-la-societa-1011677.htmNoT1000012100075701,02,03030271
3251011672NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, il campione è in attesa20130411114666juventus, sanchezOsservatore interessato Archiviata l'avventura in Champions League per la Juventus è arrivato il momento di iniziare a lavorare sulla prossima stagione. Nei prossimi giorni, secondo quanto riportato da Tuttosport, si terrà a questo proposito una riunione fra dirigenti e tecnico per fare il punto sulle varie trattative da portare avanti. Osservatore interessato a questo summit Fernando Felicevich, agente di Alexis Sanchez, che in questi giorni si trova a Barcellona per stare vicino al giocatore ex Udinese e ascoltare tutte le eventuali proposte che arriveranno per lui. Oltre alla Juventus, per il "Nino Maravilla", sono da tenere in considerazione anche Inter, Napoli in Serie A oltre a City e Tottenham in Premier League.C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNjuventus-il-campione-e-in-attesa-1011672.htmSiT1000007100075701,02,03,06,08030543
3261011664NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, offerta del Napoli per El Shaarawy20130410184659napoli, el shaarawyLa rivelazione arriva "Era arrivata un'offerta a gennaio da parte del Napoli". La rivelazione arriva da Roberto La Florio, agente di Stephan El Shaarawy, che ai microfoni di Radio Kiss Kiss ha svelato questo retroscena relativo al mercato invernale: "Il Milan ha subito respinto l'offerta. La società non vuole in nessun modo rinunciare al calciatore, quindi non è mai iniziata nessuna trattativa".C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-offerta-del-napoli-per-el-shaarawy-1011664.htmSiT1000027100075701,02,03030319
3271011660NewsCalciomercatoMilan, Raiola si prende anche Niang20130410145529milan, raiolaL`arrivo di Mario Balotelli L'arrivo di Mario Balotelli al Milan ha avuto effetti benefici sul terreno di gioco, ma non solo. L'attaccante italiano è infatti diventato subito una figura di riferimento all'interno dello spogliatoio milanista, e specialmente il francese M'Baye Niang sembra essersi legato in maniera particolare a SuperMario. I due attaccanti, che condividono lo stesso taglio di capelli, potrebbero presto avere un'altra cosa in comune: secondo l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport nei giorni scorsi Balotelli e Niang erano a cena insieme a Mino Raiola. L'agente, che al Milan gestisce gli interessi di Balotelli e Salamon, dovrebbe presto prendere sotto la sua ala protettrice anche il giovane francese ex Caen e rinnovare così il forte rapporto di collaborazione con la società rossonera.<BR>C1007650adm001adm001raiola.jpgSiNmilan-raiola-si-prende-anche-niang-1011660.htmNoT1000027100075701,02,03,07030328
3281011630NewsCalciomercatoClamoroso Napoli, pronto l`assalto a Hernanes e Diakité: i dettagli dell`offerta20130409114712napoli, hernanes, diakitéSecondo quanto riporta Tuttosport Secondo quanto riporta Tuttosport per evitare di rompere gli ottimi rapporti con Claudio Lotito, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis avrebbe bloccato l'accordo con Modibo Diakitè in scadenza con i biancocelesti chiedendo al ds Bigon di trovare un'altra soluzione per non scontentare i laziali. Il dirigente partenopeo allora avrebbe intenzione di fare un'offerta per Hernanes, visto che anche il brasiliano è in scadenza (ma nel 2014) senza nessuna intenzione di rinnovare. Insomma un'offerta da circa 20 milioni per sbloccare anche Diakitè con una sorta di bonus (prezzo del centrocampista leggermente gonfiato) che in questo modo consegnerebbe a Mazzarri due rinforzi di alto calibro senza fare uno sgarbo alla società laziale. C1007650adm001adm001hernanes_700.jpgSiNclamoroso-napoli-pronto-l-assalto-a-hernanes-e-diakite-i-dettagli-dell-offerta-1011630.htmSiT1000017100075701,02,03,08030481
3291011621NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Bojan verso il Fenerbahce20130408192750milan, bojanIn due stagione In due stagione in Serie A, Bojan Krkic non è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante né con la Roma né con il Milan. Probabile che i rossoneri non esercitino il diritto di riscatto con il Barcellona e, secondo 'fussball.ch', il suo futuro potrebbe essere in Turchia, dove è molto corteggiato dal Fenerbahce.<br>C1007650adm001adm001Z_Bojan_0013.jpgSiNmilan-bojan-verso-il-fenerbahce-1011621.htmNoT1000027100075701,02,03030309
3301011619NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, arriva il comunicato: Gargano non verrà riscattato20130408181115inter, garganoCome riporta TuttosportCome riporta Tuttosport, il Napoli si appresta a riabbracciare Walter Gargano dall'Inter. I nerazzurri hanno già espresso la volontà di non riscattare l'uruguaiano a giugno. Nuove notizie invece trapelano su Fernando: la chiamata di Scolari fa lievitare il prezzo del calciatore tanto che il Gremio chiede almeno 10 mln mentre Bigon è fermo a 8. L'affare dunque non è ancora definito come tutti pensano. C1007650adm001adm001walter-gargano.jpgSiNinter-arriva-il-comunicato-gargano-non-verra-riscattato-1011619.htmNoT1000026100075701,02,03030295
3311011612NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, incredibile proposta di rinnovo per Mazzarri20130408163138napoli, mazzarriUna mega proposta Una mega proposta di rinnovo, quella fatta da De Laurentiis a Mazzarri per rilanciare le ambizioni in casa Napoli. Oltre tre milioni a stagione con eventuali bonus. E il numero uno del club ha lasciato carta bianca all'allenatore: Mazzarri può stabilire la durata, da uno a tre anni - scrive l'esperto di mercato Alfredo Pedullà sul suo blog -. Possibile che scelga una via di mezzo, contratto biennale, ma questi sono dettagli. L'aspetto più importante è che, con il trascorrere delle settimane, l'allenatore sia sempre più orientato ad accettare. La Champions diretta e un mercato prestigioso possono fare il resto. Aspettiamo. Tuttavia mai Mazzarri è stato così vicino a un nuovo matrimonio con il Napoli.C1007650adm001adm001mazzarri.jpgSiNnapoli-incredibile-proposta-di-rinnovo-per-mazzarri-1011612.htmSiT1000017100075701,02,03030273
3321011609NewsCalciomercatoClamoroso Roma, Reja: «Se mi chiamano i giallorossi lo prendo seriamente in considerazione»20130408135411roma, rejaNel giorno di Roma-LazioNel giorno di Roma-Lazio, ennesimo capitolo del derby della Capitale, l'ex allenatore biancoceleste Edy Reja non ha chiuso la porta a una clamorosa ipotesi di mercato. Intervistato da 'Radio Manà Sport', il goriziano ha dichiarato: "Un ritorno? Io ho già dato alla Lazio, non sono più un ragazzino. Se chiamasse la Roma? Non potrei non prenderla in considerazione..."C1007650adm001adm001Reja.jpgSiNclamoroso-roma-reja-se-chiamano-i-giallorossi-prendo-in-considerazione-1011609.htmNoT1000012100075701,02,03030268
3331011608NewsCalciomercatoLazio, i convocati per la Roma20130408133998lazioIl tecnico della Lazio Al termine dell'allenamento odierno il tecnico della Lazio Vladimir Petkovic ha diramato la lista dei convocati in vista della sfida di questa sera (ore 20:45) allo stadio Olimpico contro la Roma.<br><br> PORTIERI: Marchetti, Bizzarri, Strakosha;<br><br> DIFENSORI: Biava, Radu, Ciani, Cana, Stankevicius;<br><br> CENTROCAMPISTI: Ledesma, Onazi, Mauri, Ederson, Candreva, Lulic, Gonzalez, Hernanes, Crecco;<br><br> ATTACCANTI: Floccari, Kozak, Saha, Rozzi, Klose.<br><br>C1007650adm001adm001petkovic.jpgSiNlazio-i-convocati-per-la-roma-1011608.htmNoT1000018100075701,02,03030263
3341011607NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, in tante vogliono Dzemaili20130408133357napoli, dzemailiDopo il Wolfsburg Dopo il Wolfsburg anche lo Schalke04 ha iniziato seguire con interesse Blerim Dzemaili, centrocampista svizzero del Napoli. Il giocatore, secondo quanto riportato dalla BILD, sarebbe stato visionato dal club di Gelsenkirchen nelle ultime settimane consapevole, però, che sarà dura strapparlo alla società del presidente De Laurentiis. Dzemaili (26) ha un contratto fino al 2015 con il club azzurro, un ingaggio da 1,5 milioni di euro netti a stagione e una valutazione che si aggira sui 7 milioni di euro.C1007650adm001adm001dzemaili.jpgSiNnapoli-in-tante-vogliono-dzemaili-1011607.htmNoT1000017100075701,02,03,08030317
3351011604NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, pronta l`offensiva per Tevez20130408121250inter, tevezTra i principali obiettivi Tra i principali obiettivi della prossima campagna acquisti dell'Inter c'è quello di rinforzare l'attacco, quest'anno funestato dall'infortunio di Milito. Secondo quanto riporta 'Sportmediaset' i nerazzurri sarebbero pronti a tornare all'assalto per l'argentino del Manchester City Carlos Tevez. L'attaccante era già stato vicino all'arrivo alla corte di Moratti lo scorso anno, e per la prossima finestra di mercato il club milanese sarebbe in pole position.C1007650adm001adm001mancini_e_tevez_ansa.jpgSiNinter-pronta-l-offensiva-per-tevez-1011604.htmSiT1000026100075701,02,03030323
3361011585NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Julio Cesar arriverà a costo zero20130407121005milan, julio cesarCome riferiscono i quotidiani inglesi Come riferiscono i quotidiani inglesi Julio Cesar nuovo portiere del Milan a giugno a costo zero: tra conferme e smentite, i rossoneri guardano con ottimismo ad una contrattazione definita prioritaria da tutta la società.<br><br> Julio Cesar ha una valutazione di mercato di circa quattro milioni di euro e un contratto con il QPR che scadrà solo al 30 giugno del 2016. <br><br> &nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001Julio_cesar_Vicario.JPGSiNmilan-julio-cesar-arrivera-a-costo-zero-1011585.htmNoT1000027100075701,02,03,07030330
3371011574NewsCalciomercatoReal Madrid, Mourinho ha rifiutato il Chelsea: vuole il Psg20130407015915real madrid, mourinhoDopo aver allontano un ritorno nell`immediato all`InterDopo aver allontano un ritorno nell'immediato all'Inter, Mourinho è pronto a dire no ad un'altra sua ex: il tecnico portoghese, infatti, come si legge sul 'Sunday People', sarebbe intenzionato a rifiutare un'eventuale offerta del Chelsea. Alla base della decisione dello 'Special One' ci sarebbe il suo desiderio di prendere il posto di Alex Ferguson alla guida del Manchester United quando il manager scozzese deciderà di abdicare: ecco perché l'attuale allenatore del Real Madrid non vorrebbe compromettere il suo sogno di guidare i 'Red Devils' tornando al Chelsea, ma preferirebbe affrontare l'avventura francese con il Paris Saint-Germain prima di sbarcare, magari con qualche altro titolo in bacheca, a 'Old Trafford'.<br><br> &nbsp;<br><br>adm001adm001cristiano-mourinho.jpgSiNreal-madrid-mourinho-ha-rifiutato-il-chelsea-vuole-il-psg-1011574.htmSi100075701,02,03030322
3381011568NewsCalciomercatoClamoroso Barcellona, possibile Sergio Ramos per la difesa20130406154221barcellona, sergio ramosIl Mundo Deportivo Il Mundo Deportivo quest'oggi in edicola parla di una clamorosa operazione di mercato che potrebbe andare in scena la prossima estate. Il Barcellona infatti è alla ricerca di un forte difensore centrale da affiancare a Pique, e fra i nomi seguiti con interesse dai blaugrana ci sarebbe anche il centrale del Real Madrid Sergio Ramos. Nessun contatto fra i club, ma i catalani osservano con interesse la situazione e potrebbero intervenire se lo spagnolo decidesse di lasciare il Bernabeu.adm001adm001sergio-ramos.jpgSiNclamoroso-barcellona-sergio-ramos-per-la-difesa-1011568.htmSi100075701,02,03030346
3391011567NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, la collaborazione del Barcellona per arrivare a Ibrahimovic20130406153996juventus, ibrahimovicSecondo quanto riporta TuttosportSecondo quanto riporta Tuttosport, il Barcellona potrebbe dare una mano alla Juventus per un eventuale assalto estivo a Zlatan Ibrahimovic. Infatti se in Champions League dovesse arrivare una sconfitta pesante, i malumori dell'attaccante del PSG potrebbero rivelarsi insanabili, con lo svedese pronto ancora una volta a fare le valigie magari proprio per tornare in Italia. Ibra ha già fatto intendere che l'esperienza parigina non lo sta esaltando e nel caso in cui arrivasse anche un fallimento in Coppa allora il futuro francese dell'attaccante potrebbe veramente essere segnato. C1007650adm001adm001877717-14768359-640-360.jpgSiNjuventus-la-collaborazione-del-barcellona-per-arrivare-a-ibrahimovic-1011567.htmSiT1000007100075701,02,03,06030467
3401011555NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, nel mirino il centravanti fratello di Pogba20130405200836Juventus, pogbaCome riporta Come riporta Matteo Palmigiano per calciomercato, Paul Pogba non è l’unico calciatore in famiglia. Il centrocampista della Juventus è, infatti fratello minore di Florentin e Mathias, gemelli, nati nel 1990, ed entrambi giocatori. Il primo gioca in Francia con il Sedan, formazione della Ligue 2, mentre il secondo con il Crewe Alexandra, squadra della nPower League 1 (terza serie inglese). Mathias, in particolare, sta disputando una stagione molto positiva.<br><br>Matias Pogba è un centravanti dal grande fisico, - proprio come Paul - cresciuto nelle giovanili del Celta Vigo, insieme al fratello gemello Florentin. Con la squadra spagnola non esordisce mai in prima squadra e nel 2009 passa al Quimper, club francese di quarta serie, senza lasciare, però, il segno. L’anno successivo lo acquistano i gallesi del Wrexham, con cui l’attaccante segna 16 gol in due stagioni. Dopo essere stato eletto migliore giovane del club, nel 2012 si libera a costo zero, scatenando l’ira del club britannico. Vi ricordate? Paul Pogba fece lo stesso la scorsa estate con il Manchester United, prima di firmare con la Juventus.<br><br>Il Crewe Alexandra gli offre un biennale con un opzione per il terzo anno e Mathias accetta. Il 22enne gioca alla grande in questa stagione con i Railwaymen, realizzando 13 gol e 6 assist in 34 partite. Il commissario tecnico della Guinea, Michel Dussuyer, rimasto molto colpito dai progressi del giocatore, lo fa esordire in nazionale il 5 febbraio 2013 in un'amichevole contro il Senegal a Parigi. Mathias e Florentin, nati in Guinea, nonostante abbiano il passaporto francese, hanno scelto, infatti, di giocare proprio per il Syli nationale (Elefante nazionale), a differenza di Paul. Le ottime prestazioni di Mathias Pogba hanno attirato l’interesse di diversi club della Premier League. Chissà se, un giorno, lo vedremo in Italia insieme a Paul.<br><br>C1007650adm001adm001pogba-frat.jpgSiNjuventus-nel-mirino-il-fratello-centravanti-di-pogba-1011555.htmSiT1000007100075701,02,03030445
3411011544NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, l`obiettivo è Ramirez20130405160530inter, ramirezCi ha provatoCi ha provato la scorsa estate,&nbsp; farà un tentativo anche a giugno. L'Inter vuole Gaston Ramirez, trequartista uruguaiano classe 1990, in forza al Southampton. Dopo una stagione in Premier League, con all'attivo 4 gol in 22 partite, l'ex Bologna si è già stufato della Premier League e delle scarse ambizioni dei Saints, lontani quattro punti dalla zona calda della classifica. Il problema è come sempre il prezzo: pagato 14 milioni di euro dagli inglesi, solo nove mesi fa, Ramirez ne costa altrettanti. Nella trattativa potrebbe essere decisiva la volontà del giocatore che sogna il ritorno in Italia.<br><br>La ricerca da parte di Branca di un trequartista, Diamanti, Eriksen o Ramirez che sia, (al quale va aggiunto l'acquisto di Botta dal Tigre), fa sorgere il dubbio che forse Coutinho, a questa Inter, sarebbe potuto servire. A Liverpool il brasiliano, maglia numero 10 sulle spalle, ha conquistato allenatore, tifosi e critica con 2 gol e 3 assist in 6 presenze, dimostrando tutto quello che si diceva di buono su di lui.<br><br>C1007650adm001adm001ramirez-sou.jpgSiNinter-l-obiettivo-e-ramirez-1011544.htmNoT1000026100075701,02,03030525
3421011543NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, in arrivo un altro colpo alla Klose20130405160424lazio, pizarroLa Lazio ci riprovaLa Lazio ci riprova. Dopo il grande colpo Miroslav Klose preso a costo zero dal Bayern Monaco, i capitolini vorrebbero ripetere l'operazione con un altro bomber esperto: il 34enne peruviano Claudio Pizarro che andrà in scadenza di contratto con i bavaresi a giugno. Ma secondo 'geruchteticker.com', oltre ai biancocelesti anche il Torino avrebbe sondato il terreno.<br>C1007650adm001adm001pizarro-ba.jpgSiNlazio-in-arrivo-un-altro-colpo-alla-klose-1011543.htmSiT1000018100075701,02,03030423
3431011531NewsCalciomercatoCalciomercato Verona, preso Ebagua20130405123837verona, ebaguaSecondo quanto riportato Il Verona vuole difendere la seconda posizione in classifica di B e raggiungere la promozione e il ds Sean Sogliano già pianifica il futuro. Secondo quanto riportato da 'TuttoSport', il dirigente avrebbe messo a segno il primo colpo per la prossima stagione: Gulio Ebagua. L'attaccante del Varese non ha rinnovato col club lombardo e sarebbe pronto a firmare un triennale con i gialloblù.C1007651adm001adm001ebagua.jpgSiNverona-preso-ebagua-1011531.htmNo100075701,02,03030353
3441011526NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, arriva il primo sì di Ibrahimovic20130405120320juventus, ibrahimovicCome riferisce TuttosportCome riferisce Tuttosport, torna di moda il nome di Zlatan Ibrahmivoc per la Juventus. I bianconeri, da tempo sulle tracce del tanto chiaccherato top player per compiere il definitivo salto di qualità, starebbero pensando seriamente allo svedese del PSG, complice anche la voglia dell'attaccante di cambiare aria per una serie di motivi. In particolar modo Ibra non è affascinato dal campionato francese, che spesso lo costringe a giocare in stadi con pochissimi spettatori. In secondo luogo, nonostante il ricco stipendio, Ibra è costretto a versare quasi metà ingaggio al fisco. Ecco quindi che l'affare si potrebbe fare, grazie anche alla mediazione di Nedved, grande amico di Mino Raiola (procuratore di Ibra ed ex agente del ceco). Anche il costo potrebbe essere contenuto, con il PSG disposto a lasciarlo partire per una cifra irrisoria pur di liberarsi del pesante stipendio. Ovviamente Ibra dovrebbe abbassare le sue pretese per l'ingaggio, ma intanto arrivano i primi sì dello svedese per la Juventus.C1007650adm001adm001877717-14768359-640-360.jpgSiNjuventus-arriva-il-primo-si-di-ibrahimovic-1011526.htmSiT1000007100075701,02,03,06030569
3451011523NewsCalciomercatoSampdoria, prossima settimana arriva l`agente di Icardi 20130405031918sampdoria, icardiMauro Icardi Mauro Icardi (20) promesso sposo all'Inter. L'attaccante della Sampdoria, che ieri ha affrontato a Marassi la sua futura squadra, alla Sampdoria sta vivendo un momento di leggera flessione dopo l'esplosione a cui a Genova e non solo hanno assistito tra gennaio e febbraio.<BR>Nessun dubbio, comunque, sul suo trasferimento in estate e in tal senso nuove indiscrezioni arrivano da Primocanalesport. La prossima settimana sarà in Italia il suo procuratore argentino Abian Morano. Un modo per stare vicino al suo assistito e per aggiornarsi da vicino sulla trattativa tra Inter e Sampdoria che è ormai giunta ai dettagli. C1007650adm001adm001sampdoria-6.jpgSiNsampdoria-prossima-settimana-arriva-l-agente-di-icardi-1011523.htmSiT1000097100075701,02,03030573
3461011522NewsCalciomercatoCalciomercato Genoa, Preziosi stasera con Galliani20130404205128genoaSky Sport Kucka e il Milan si avvicinano. Ma Enrico Preziosi, presidente del Genoa, a Sky Sport&nbsp; smentisce: “Kucka col Milan non l’ho mai trattato. Per lui ho avuto una chiamata dalla Lazio o dall’Udinese, non ricordo, ma non l’ho mai trattato e con Galliani non ne parlerò stasera quando andremo a cena”.C1007650adm001adm001kucka_juraj1.jpgSiNgenoa-prezioni-stasera-incontra-galliani-1011522.htmNoT1000022100075701,02,03,07030458
3471011518NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani: «Julio Cesar è un buon portiere»20130404200113milan, gallianiPresente al teatro Vetra Presente al teatro Vetra per l'inaugurazione della nuova GEA, l'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani ha parlato di mercato soffermandosi sulla questione Julio Cesar: "Smentisco il suo arrivo anche se è un buon portiere".<BR>Sui suoi rapporti con la GEA: "Sono qui perché sono stato invitato. Abbiamo sempre avuto un buon rapporto con loro, da Nesta in avanti. In quella occasione Moggi ha portato un giocatore importante al Milan, nonostante ci fosse anche la concorrenza della Juventus. Allegri arrivato al Milan grazie a Moggi? Quando è arrivato a Milanello non aveva procuratori, ora non so se ce l'ha". C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-julio-cesar-e-un-buon-portiere-1011518.htmNoT1000027100075701,02,03,06,07030286
3481011516NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, si prova a chiudere per Felipe Anderson20130404190641lazio, felipe andersonCome riporta Sky SportCome riporta Sky Sport, Felipe Anderson fa cento. Cento sono le partite che giocherà con la maglia del Santos, un traguardo incredibile per lui che ha soltanto 19 anni. Anderson fará stasera la centesima presenza, nel campionato Paulista contro il Sao Caetano. Una striscia di partite che si interromperà presto, perché nel futuro di Felipe Anderson c’è la Lazio. Si continua a trattare, contatti continui soprattutto con il fondo, che è l’ultimo ostacolo. La Lazio nei prossimi giorni, dopo l’Europa League, potrebbe fare un blitz in Brasile per chiudere definitivamente.C1007650adm001adm001petkovic.jpgSiNlazio-si-prova-a-chiudere-per-felipe-anderson-1011516.htmNoT1000018100075701,02,03030205
3491011510NewsCalciomercatoSalernitana, in arrivo un centravanti dalla Lazio20130404172039lazioLa Salernitana pensa La Salernitana pensa già al mercato estivo e all'allestimento della squadra che dovrà lottare per il vertice in Prima Divisione. Per l'attacco piace Diao Keita. La stella di origini senegalesi della Primavera della Lazio potrebbe arrivare in caso di promozione. Il classe '95 è dotato di grande rapidità e di una tecnica sopraffina, tanto da indurre Petkovic ad alcune convocazioni in prima squadra. In passato ha militato nel settore giovanile del Barcellona, che l'ha poi scartato insieme ad Icardi. A portarlo in Italia il mediatore Nunzio Marchione per meno di 300mila euro. La Lazio ci punta molto per il futuro e vorrebbe farlo crescere a Salerno.C1007650adm001adm001petkovic.jpgSiNsalernitana-in-arrivo-un-centravanti-dalla-lazio-1011510.htmNoT1000018100075701,02,03030292
3501011507NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, ag. Santon. «Trattiamo con lo Zenit San Pietroburgo»20130404162883milanIl Milan Il Milan deve fare i conti con la concorrenza di Luciano Spalletti per il terzino del Newcastle Davide Santon. La conferma arriva dal suo agente Renzo Contratto in una intervista a 'Izvestia': "Abbiamo avuto diversi contatti con lo Zenit e sono interessati al mio assistito. Ma per ora è concentrato soltanto sul Newcastle. 12 milioni di euro per il suo cartellino? So che i Magpies non lo cederanno per meno di una certa cifra".C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-agente-santon-trattiamo-con-lo-zenit-san-pietroburgoo-1011507.htmNoT1000027100075701,02,03030208
3511011503NewsCalciomercatoSampdoria, l`agente di Zaza incontra la società20130404160008napoli, zazaIl tanto attesoIl tanto atteso incontro per il rinnovo contrattuale di Zaza con la Sampdoria è in corso in questi minuti. Ad evidenziarlo è SoccerWeb24. Si attendono novità per quanto riguarda l’esito dell’incontro che appare al quanto complicato e difficile da portare a termine con una fumata bianca. Napoli e Inter sono pronti a strapparlo.C1007650adm001adm001ascoli-6.jpgSiNsampdoria-incontro-tra-l-agente-di-zaza-e-la-societa-1011503.htmNoT1000097100075701,02,03030517
3521011500NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, nessuna conferma per Julio Cesar20130404142656milan, julio cesarSky SportGianluca Di Marzio, giornalista di Sky Sport, scrive sul suo internet che al momento non ci sarebbero stati ancora contatti tra la dirigenza del Milan e quella del Queens Park Rangers per parlare del portiere brasiliano, classe 1979, Julio Cesar.C1007650adm001adm001Julio_cesar_Vicario.JPGSiNmilan-nessuna-conferma-per-julio-cesar-1011500.htmNoT1000027100075701,02,03,07030377
3531011499NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, il Bayern Monaco vuole Pjanic20130404142435milan, pjanicMiralem Pjanic nel mirino Miralem Pjanic nel mirino del Bayern Monaco. Lo scrive il 'Corriere dello Sport', secondo cui il nome del centrocampista bosniaco sarebbe stato segnalato espressamente da Guardiola. C'è di più: due emissari del club bavarese potrebbero presto sbarcare a Roma per gettare la basi della trattativa.<BR>C1007650adm001adm001pjanic-4.jpgSiNroma-il-bayern-monaco-vuole-pjanic-1011499.htmNoT1000012100075701,02,03030403
3541011497NewsCalciomercatoCalciomercato Fiorentina, smentito l`accordo tra Ljajic e l`Everton20130404140241fiorentina, ljajicSecondo quanto riporta Secondo quanto riporta&nbsp;Il Corriere Fiorentino la Fiorentina ha respinto con forza ogni ipotesi di accordo tra Adem Ljajic e l'Everton. Ieri dalla Serbia sono infatti arrivate alcune voci di un presunto accordo tra il serbo ed il club inglese (offerta da 8 milioni ai viola e 2 milioni netti l'anno per il giocatore), con i viola che però rispondono dicendo che le parti si incontreranno soltanto a fine stagione continuando a puntare al rinnovo di contratto in scadenza nel giugno 2014.C1007650adm001adm001ljajic.jpgSiNfiorentina-smentito-l-accordo-tra-ljajic-e-la-fiorentina-1011497.htmNoT1000024100075701,02,03030497
3551011494NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, l`obiettivo è Vilhena del Feyenoord20130404125536inter, vilhenaSecondo Sky SportSecondo Gianluca Di Marzio, giornalista di Sky Sport, il nuovo obiettivo dei neroazzurri sarebbe un giovanissimo: Tonny Vilhena.<BR><BR>Tonny Emilio Trindade de Vilhena è un ragazzo olandese, di origini angolane, di proprietà del Feyenoord, nato nel 1995. Centrocampista davvero duttile, in grado di giocare sia da interno in un centrocampo a 3 o a 4 sia da trequartista in un 4-2-3-1 o in un 4-3-1-2. Vilhena dispone di una grande tecnica individuale e di ottime capacità di inserimento che gli permettono di segnare diversi gol. Mancino naturale, in questa stagione ha giocato 18 partite in Eredivisie e ha segnato 4 gol. Ad inizio febbraio 2013, ha fatto il suo esordio con la maglia della nazionale Orange Under-21, andando in rete, ed il giorno dopo è stato convocato da Louis van Gaal nella nazionale maggiore, senza, però, scendere in campo.<BR><BR>Il ragazzo ha recentemente rinnovato il suo contratto con il Feyenoord fino al 30 giugno 2016. L’agente di Vilhena è Mino Raiola, a cui si sono, già, rivolte Juventus e Napoli per chiedere informazioni sul giocatore. Le italiane, però, non sono le uniche interessate al ragazzo, seguito in tutta Europa. Se l’Inter lo vuole davvero, deve muoversi in fretta.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650adm001adm001stramaccioni.jpgSiNinter-l-obiettivo-e-vilhena-del-feyenoord-1011494.htmNoT1000026100075701,02,03,06,08030270
3561011512NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, nel mirino Fernando del Gremio20130404110029napoli, fernandoIl centrocampistaIl centrocampista centrale Fernando Lucas Martins, stella del Gremio da poco 21enne, già stabilmente nel giro della nazionale maggiore carioca, sarebbe diventato un obiettivo primario per la dirigenza del Napoli, in vista della possibile cessione a titolo definitivo di Gokhan Inler. Il club partenopeo, stando a quanto riportato sulle pagine di Globo Esporte, avrebbe auspicato di coinvolgere il forte mediano nella trattativa per il riscatto di Eduardo Vargas da parte della società verdeoro, che però avrebbe intenzione di mantenere le due negoziazioni su binari assolutamente paralleli, nell'intento di dar vita a un'asta europea per il proprio gioiello di metà campo, con una prezzo di partenza non inferiore a 10 milioni di euro. Di attitudine difensiva, ma abile anche nella fase di impostazione del gioco, Fernando è attualmente legato all'Imortal fino al giugno 2016, ed è seguito con grande interesse anche da Inter e Roma.C1007650adm001adm001delaurentiis67.jpgSiNnapoli-nel-mirino-fernando-del-gremio-1011512.htmSiT1000017100075701,02,03,08030302
3571011484NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, pronta enorme offerta per Totti dalla MLS20130404091411roma, tottiTuttosportTuttosport oggi in edicola racconta del futuro di Francesco Totti. Perché i grandi investitori americani non stanno pensando, oggi, di rimpinguare le casse giallorosse, ma vorrebbero dare l'assalto al numero dieci della Roma. Sarebbe infatti pronta un'offerta monstre dalla MLS per Totti, sebbene la probabilità più alta e possibile è quella che porterà al rinnovo del Pupone con i capitolini.C1007650adm001adm001totti-6.jpgSiNroma-enorme-offerta-per-totti-dalla-mls-1011484.htmSiT1000012100075701,02,03030319
3581011470NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, colpo di Galliani: l`a.d. rossonero ha il sì di Dedé 20130403191117milan, dedéSecondo quanto riportaSecondo quanto riporta diggita.it il Milan avrebbe trovato l'accordo con Dedè, difensore brasiliano classe 1988 del Vasco da Gama. L'amministratore delegato rossoneri, Adriano Galliani, sarebbe riuscito a strappare un sì dal difensore, che approderebbe a Milano con in ingaggio da 2,5 milioni di euro a stagione.<BR><BR>Ma non è finita qui, perché ora bisogna passare al club brasiliano, che non svenderà il suo pezzo pregiato, anzi! Il Vasco Da Gama valuta il giocatore la bellezza di 15 milioni di euro, il Milan non ci pensa assolutamente a sborsare una cifra del genere, ma avendo trovato un accordo con il difensore, ora la trattativa è in discesa. <BR><BR><BR>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-colpo-di-galliani-l-a-d-rossonero-ha-il-si-di-dede-1011470.htmSiT1000027100075701,02,03,07030440
3591011468NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, bloccato un centrocampista per giugno20130403174947lazioCome riporta Il TempoCome riporta Il Tempo arriva Granit Xhaka, la Lazio lo ha bloccato per giugno. Raggiunto l'accordo con il Borussia Mönchengladbach, la trattativa è decollata nei giorni scorsi (venerdì per la precisione), Tare e Lotito hanno bruciato la concorrenza di Inter e Napoli. Il giovane centrocampista, gioiellino della Svizzera, sbarcherà nella Capitale a fine stagione per 5,5 milioni di euro, l'affare è praticamente concluso. Era stato seguito con attenzione anche nel mercato di gennaio, ma le richieste del club tedesco furono considerate eccessive. Ora si può fare: si tratta di un investimento per il futuro, Xhaka compirà 21 anni il prossimo ottobre, è considerato uno dei talenti più interessanti del calcio europeo. C'è anche l'intesa sull’ingaggio: 1 milione di euro a salire per i prossimi 5 anni.<br>&nbsp;<br>La conferma dello sprint biancoceleste sul giocatore è arrivata anche dalle parole del padre-manager: 'C'è un importante club italiano che lo segue e che ha quasi raggiunto l'accordo con il Borussia. E non si tratta dell'Inter', ha rivelato a persone di sua fiducia. La Lazio è in pole ed è pronta a formalizzare l'acquisto. Una mossa studiata per cautelarsi visti i problemi legati alla vicenda Felipe Anderson. Il Santos ha iniziato a giocare al rialzo e adesso punta sull'inserimento di un altro club per scatenare un'asta. Lotito e Tare contano sulla volontà del giocatore e non hanno nessuna intenzione di mollare la presa, sono convinti di riuscire a chiudere anche questa operazione. Dalla Francia è spuntato nelle ultime ore anche il nome di Eric Bauthéac, classe 1987 esterno offensivo del Nizza: scout della società lo avrebbero visionato.C1007650adm001adm001petkovic.jpgSiNlazio-bloccato-un-centrocampista-per-giugno-1011468.htmNoT1000018100075701,02,03030248
3601011465NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, due club di Premier League vogliono Allegri20130403165819milan, allegriL`allenatore chiederebbe Secondo Sportmediaset l'allenatore chiederebbe il prolungamento del contratto (che attualmente scade nel giugno 2014), per puntare allo Scudetto il prossimo anno e poi alla Champions nel 2014/15. Come noto, Allegri è seguito da tempo dalla Roma, ma a lui interessa molto anche il Premier League, dove non mancano gli ammiratori come Tottenham e Arsenal.C1007650adm001adm001allegri_600x449.jpgSiNmilan-due-club-di-premier-league-vogliono-allegri-1011465.htmSiT1000027100075701,02,03030294
3611011464NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, il primo rinforzo arriva dalla Romania: preso Popa20130403165151inter, popaArriva dalla Romania Arriva dalla Romania la notizia di un nuovo ingaggio per l'Inter: secondo quanto riporta un quotidiano locale, infatti, l'Inter avrebbe concluso l'acquisizione del 16enne Razvan Popa, centrocampista dello Sportul Studentesc. Viene riferito che il club nerazzurro spenderà 250mila euro per portare il ragazzo in Italia. A confermare il tutto, ci ha pensato lo stesso Popa, che ha dichiarato: "Andrò all'Inter, di più non posso dire. So che la mia vita ora cambierà e spero che adesso mi si aprano nuove prospettive".C1007650adm001adm001stramaccioni.jpgSiNinter-il-primo-rinforzo-arriva-dalla-romania-preso-popa-1011464.htmSiT1000026100075701,02,03030405
3621011461NewsCalciomercatoNapoli, proposta choc del Psg: Cavani per Ibrahimovic e l`ex rossonero aveva già fatto un pensiero20130403163334napoli, ibrahimovicCome riferisce Repubblica Come riferisce Repubblica, è già una suggestione fortissima, a prescindere da quello che succederà nei prossimi mesi. Zlatan Ibrahimovic sogna la maglia del Napoli e vorrebbe concludere la sua carriera al San Paolo, nello stadio di Maradona. Lo svedese se ne invaghì nella notte dell'addio al calcio di Ciro Ferrara, otto anni fa, quando i 60 mila di Fuorigrotta accolsero con un boato impressionante il ritorno a casa di Diego, l'ospite d'eccezione della festa. Ibra non nascose la sua invidia per il pibe de oro ("Mai visto tanto affetto per un calciatore in vita mia...") e da quel giorno si è messo in testa l'idea di vestirsi d'azzurro, prima di farla finita con il pallone. Ma non gli resta molto tempo a 31 anni. Il campione ha fretta e chissà che dalla sua tentazione non nasca qualcosa di concreto a breve scadenza, magari già nella prossima estate.<br><br>Il momento è propizio, perché Ibrahimovic ha deciso di tornare in Italia e il Napoli è la soluzione più praticabile, oltre che gradita dal giocatore. Parola di Mino Raiola. "A Zlatan<br>sarebbe piaciuto tanto giocare in maglia azzurra e mi ha detto che un giorno lo farà, perché il San Paolo lo affascina molto", confessò il manager un paio di mesi fa, lanciando pubblicamente un'esca a De Laurentiis. Fantamercato, si pensò allora. Ma adesso il Paris Saint-Germain s'è fatto avanti con decisione per Cavani e lo svedese è la perfetta pedina di scambio per aiutare lo sceicco Mansour ad acquistare il Matador.<br><br>Ibrahimovic a San Paolo e Cavani al Paris St Germain: è questo l'intreccio di cui si sussurra a Parigi. A De Laurentiis andrebbe, ovviamente, una robusta contropartita in milioni, con una parte della quale il club azzurro potrebbe accollarsi senza problemi il maxi ingaggio di Ibra. Il tempo dirà se alla suggestione seguirà qualcosa di concreto. Difficile, ma non impossibile. Il primo obiettivo del Napoli resta però confermare il Matador, a cui sta per essere offerto un altro ritocco (fino a 7 milioni) dell'ingaggio.&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br><br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001877717-14768359-640-360.jpgSiNnapoli-prposta-choc-del-psg-cavani-per-ibrahimovic-e-l-ex-rossonero-aveva-gia-fatto-un-pensiero-1011461.htmSiT1000017100075701,02,03030404
3631011460NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, Verratti rinnova col Psg e raddoppia lo stipendio20130403153660Juventus, verrattiMarco Verratti rinnova Marco Verratti rinnova col Paris Saint-Germain. Il centrocampista del club parigino non tornerà in Italia, ma secondo i media francesi avrebbe già raggiunto il rinnovo del contratto, con tanto di adeguamento dello stipendio attraverso il suo agente Donato Di Campli. Il nuovo contratto prevederebbe la scadenza fino a giugno del 2018, con l'ingaggio che passerebbe da 1,8 milioni a 3 milioni annui. C1007650adm001adm001verratti-psg.jpgSiNjuventus-verratti-rinnova-col-psg-e-raddoppia-lo-stipendio-1011460.htmSiT1000007100075701,02,030301591
3641011458NewsCalciomercatoCalciomercato Fiorentina, clamoroso Ljajic ha l`accordo con l`Everton20130403133820fiorentina, ljajicCome riporta l`esperto Come riporta l'esperto di mercato Luca Cellini il vero scoop è stato messo a segno da un quotidiano serbo: si sarebbe tenuto un incontro, lo scorso 23 marzo a Zurigo, fra Adem Ljajic, il suo procuratore Fali Ramadani e alcuni emissari dell'Everton. <BR><BR>Contrariamente a quanto fatto trapelare dal d.s. della Fiorentina Daniele Pradè, non arrivano dunque segnali positivi per il prolungamento del contratto di Ljajic con il club gigliato (scadenza attuale giugno 2014). <BR><BR>Sarebbe stato quindi sancito un accordo con l'Everton, che è pronto a versare nelle casse viola una cifra non superiore agli otto milioni di euro, e a girare al giocatore un ingaggio vicino ai due milioni di euro per i prossimi quattro anni.<BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650adm001adm001ljajic.jpgSiNfiorentina-clamoroso-ljajic-ha-l-accordo-con-l-everton-1011458.htmSiT1000024100075701,02,03030651
3651011456NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, pesante inserimento del Chelsea per Cavani20130403132356napoli, cavaniIl Matador L'edizione odierna de Il Mattino parla del futuro di Edinson Cavani. Il Matador è il pezzo pregiato non solo del Napoli ma dall'intera Serie A: la punta uruguaiana non ha mai detto esplicitamente di volersene andare, ma la clausola rescissoria di 63 milioni di euro apre più che uno spiraglio sul suo futuro. Dopo Real Madrid, Paris Saint-Germain e Manchester City, secondo il quotidiano ci sarebbe anche il Chelsea di Roman Abramovich nella corsa al fuoriclasse di Salto.C1007650adm001adm001124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNnapoli-pesante-inserimento-del-chelsea-per-cavani-1011456.htmSiT1000017100075701,02,03,08030265
3661011455NewsCalciomercatoCalciomercato Torino, nel mirino Scocco20130403125824torino, scoccoTuttosportTuttosport regala ampio spazio al mercato che verrà del Torino. Tanti obiettivi in Sudamerica, oggi quello caldo sembra quello di Ignacio Scocco: ventotto anni a fine maggio, seconda punta ma caratteristiche da centravanti, gioca nel Newell's Old Boys ma il club argentino deve riscattare il cartellino dall'Al-Ain per poi cederlo. Scocco piace anche al Parma, costa 3 milioni di euro e sarà visionato dal ds del Torino, Gianluca Petrachi, che oggi volerà in Argentina.C1007650adm001adm001barreto-6.jpgSiNtorino-nel-mirino-scocco-1011455.htmNoT1000099100075501,02,03030289
3671011453NewsCalciomercatoClamoroso Milan, accordo trovato con Julio Cesar20130403122539milan, julio cesarLa notizia ha dell`incredibile, ma la fonte, Alberto Costa dalle pagine del Corriere La notizia ha dell'incredibile, ma la fonte, Alberto Costa dalle pagine del Corriere della Sera, è più che attendibile: il Milan è a un passo da Julio Cesar. Proprio lui, una vita all'Inter e una serie infinita di trofei con i nerazzurri. Il brasiliano, attualmente al Qpr, sarebbe pronto a lasciare l'Inghilterra per tornare a Milano e prendere casa sull'altra sponda del Naviglio. Julio Cesar, 33 anni, prenderebbe il posto di Amelia, in partenza.<BR><BR>Le parti si sarebbero già parlate e avrebbero trovato anche un mezzo accordo. Il tutto dimenticando, per quanto possibile, il passato interista del brasiliano, eroe del triplete di Mourinho e attore protagonista della bellezza di 13 trofei nei sette anni nerazzurri.<BR><BR>C1007650adm001adm001Julio_cesar_Vicario.JPGSiNclamoroso-milan-accordo-trovato-con-julio-cesar-1011453.htmSiT1000027100075701,02,03,07030507
3681011452NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, rinnovo per Abbiati e intanto piace Brignoli20130403121741milanTuttosport Tuttosport oggi in edicola fa il punto sui guantoni che verranno di casa Milan. Christian Abbiati è in scadenza di contratto, ma salvo scossoni, il suo entourage vedrà il club per prolungare di un anno. Marco Amelia resterà a meno di proposte irrinunciabili, rimanendo al Milan come secondo, mentre Gabriel andrà in prestito in Serie A. Nel mirino, per il futuro, c'è intanto Alberto Brignoli, ventunenne estremo difensore della Ternana.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-rinnovo-per-abbiati-intanto-piace-brignoli-1011452.htmNoT1000027100075701,02,03,07030318
3691011440NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, il Napoli vorrebbe Osvaldo20130403032555napoli, osvaldoIn rotta con la Roma e con la tifoseria giallorossaIn rotta con la Roma e con la tifoseria giallorossa, Pablo Daniel Osvaldo (27) è un calciatore che potrebbe rientrare nel progetto tecnico del Napoli. Ne è certa la redazione di Sky Sport, secondo la quale l'attaccante italo-argentino piace molto all'allenatore partenopeo Walter Mazzarri: il tecnico di San Vincenzo, in caso di permanenza all'ombra del Vesuvio vista la scadenza contrattuale con la società presieduta da Aurelio De Laurentiis, potrebbe riuscire a domare il carattere dell'ex Espanyol come fatto in passato con Cassano e Lavezzi. <BR>C1007650adm001adm00120121119_osvaldo4.jpgSiNroma-il-napoli-vorrebbe-osvaldo-1011440.htmSiT1000012100075701,02,03,08030340
3701011433NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, obiettivo Torje20130402194510lazio, torjeAttualmente in Attualmente in Spagna per indossare la maglia del Granada, Gabriel Torje (23) potrebbe tornare in Italia a partire dalla prossima estate. L'attaccante rumeno è di proprietà dell'Udinese, società nella quale ha giocato nella scorsa stagione collezionando 21 presenze con due reti in Serie A: come riporta Sportmediaset sull'ex Dinamo Bucarest è forte l'interesse della Lazio, a caccia di rinforzi per il prossimo campionato. <br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001Gabriel-Torje.jpgSiNlazio-obiettivo-torje-1011433.htmNoT1000018100075701,02,03030385
3711011429NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, nel mirino Hetemaj e Thereau20130402174532lazio, hetemaj, thereauI biancocelestiE' di stamane la notizia dell'incontro tra Lotito e il Chievo per portare alla Lazio Cyril Thereau.&nbsp; Il presidente biancoceste a Villa San Sebastiano potrebbe aver parlato anche di un altro vecchio pallino: il finlandese Hetemaj. I biancocelesti lo puntarono la scorsa estate e potrebbero cercare di inserirlo nella trattativa.<br>C1007650adm001adm001thereau.jpgSiNlazio-nel-mirino-hetemaj-e-thereau-1011429.htmNoT1000018100075701,02,03030214
3721011427NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, Inler verso una possibile cessione20130402171646napoli, inlerCome riferisce Come riferisce l'esperto di mercato Giovanni Scotto, la serata di grazia di Blerim Dzemaili nel sabato di Torino ha sancito, probabilmente, la promozione a rango di titolare dello svizzero. Seconda gara consecutiva con lui in campo dal primo minuto al fianco di Behrami, e altra vittoria per il Napoli dopo quella con l'Atalanta. Anche se non sarà il massimo da vedere, Dzemaili gioca di prima e dà velocità al gioco azzurro, l'esatto opposto di quanto ha fatto vedere Inler nell'ultimo periodo. <br><br>Se Mazzarri dovesse rimanere, una bocciatura del centrocampista non sarebbe compatibile con ciò che De Laurentiis aveva in mente per l'ex Udinese, vale a dire farlo diventare il faro del centrocampo del Napoli. Mazzarri potrebbe definitivamente declassarlo, e come ha anticipato il Roma una sua cessione non è fantascienza. Il Galatasaray è molto interessato al centrocampista.<br><br>C1007650adm001adm001inler.jpgSiNnapoli-inler-verso-una-possibile-cessione-1011427.htmSiT1000017100075701,02,03030335
3731011425NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, presi due sudamericani20130402161112cataniaAntonino PulvirentiAntonino Pulvirenti, presidente del Catania, ha svelato al quotidiano La Sicilia di essersi già mosso per il mercato estivo: “E’ naturale che, al termine di una stagione così importante, i giocatori rossazzurri siano ambiti, che siano in scadenza o meno. E’ chiaro che ci sia interesse, ma è tutto da vedere se ci saranno realmente uscite dolorose. Intanto, vi posso confidare una primizia. Il Catania, avendo idee chiare per rafforzare la squadra, ha già l’accordo per l’acquisto di due giocatori. Nomi? Neanche per sogno: l’operazione si potrà chiudere all’apertura dei termini. Ma abbiamo gli accordi con i ragazzi e la società. Sono sudamericani, ma non chiedetemi i ruoli, perché non lo dirò mai e poi mai”.<br>C1007650adm001adm001almiron.jpgSiNcatania-presi-due-sudamericani-1011425.htmNoT1000014100075701,02,03060258
3741011420NewsCalciomercatoCalciomercato Parma, molto vicino Gabionetta del Crotone20130402155454parma, gabionettaSecondo quanto riportatoSecondo quanto riportato da TuttoB il Parma è pronta a portare in Serie A il Denilson Gabionetta. Il brasiliano del Crotone è ritenuto dal club ducale l'ideale vice-Amauri per la prossima stagione. I gialloblù sono pronti ad accelerare per chiudere l'affare nelle prossime settimane.<br>C1007650adm001adm001gabionetta.jpgSiNparma-molto-vicino-gabionetta-1011420.htmNoT1000016100075701,02,03030503
3751011417NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani deciderà il destino di Inzaghi20130402150819milan, gallianiDopo la vittoria nel Torneo Internazionale Dopo la vittoria nel Torneo Internazionale di Rieti con gli Allievi Nazionali, Pippo Inzaghi ha rilasciato una lunga intervista alle pagine di Milano e Lombardia della Gazzetta dello Sport.<br><br> Fra l'altro ha dichiarato: "Ho un contratto di due anni col Milan, saranno Galliani e Galli a decidere il mio futuro. Sono qui per crescere e quello che faccio mi strapiace. La società mi stima e mi sta vicino: una delle prime chiamate dopo la vittoria di Rieti è stata quella di Galliani".<br><br>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-decidera-il-destino-di-inzaghi-1011417.htmSiT1000027100075701,02,03,07030321
3761011416NewsCalciomercatoCalciomercato Trapani, preso l`ex Fiorentina e Bari Castillo20130402134931trapani, castilloJose Ignacio Castillo torna in campoJose Ignacio Castillo torna in campo, lo ha scelto il Trapani per l'attacco. Un'idea del ds Daniele Faggiano, che rinforza la squadra per questo rush finale. A caccia di gol utili per realizzare un sogno. Castillo ricomincia da Trapani e da questa settimana sarà a disposizione di Boscaglia.adm001adm001tifosi.jpgSiNtrapani-preso-l-ex-fiorentina-e-bari-castillo-1011416.htmNo100075701,02,03030278
3771011409NewsCalciomercatoCalciomercato Udinese, preso Bruno Fernandes del Novara20130402121613udinese, bruno fernandesSecondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport l'Udinese avrebbe praticamente chiuso per la metà del centrocampista portoghese del Novara Bruno Fernandes (18). Seguito da tempo dal club di Pozzo(l'altro giorno Carnevale ha assistito alla partita tra Novara e Cittadella), i bianconeri hanno bruciato la folta concorrenza (Atalanta, Palermo, Parma e Sampdoria) bloccando il giocatore sulla base di una comproprietà da 2,5 milioni di euro. <BR>C1007650adm001adm001udinese-guidolin-il-talent-scout-L-5BT0L4.jpgSiNudinese-preso-bruno-fernandes-del-novara-1011409.htmNoT1000011100075701,02,03030561
3781011405NewsCalciomercatoCalciomercto Milan, i dettagli sul rinnovo del centravanti Petagna20130402093520milan, petagnaAdriano Galliani in questi giorni sta lavorando Adriano Galliani in questi giorni sta lavorando per blindare l'attaccante Andrea Petagna, calciatore classe '95 considerato uno dei migliori prospetti della Primavera rossonera.<BR>La dirigenza di via Turati ha già fatto sapere che è pronta a blindare il calciatore con un contratto pluriennale. Un accordo che potrà essere firmato solo dopo il 30 giugno, giorno in cui Petagna compirà 18 anni e, quindi, potrà firmare contratti con durata maggiore ai tre anni. Il nuovo accordo sarà valido fino al 2018. <BR>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-i-dettagli-sul-rinnovo-del-centravanti-petagna-1011405.htmSiT1000027100075701,02,03,07030384
3791011385NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani ne vuole quattro del Genoa20130331223240milan, gallianiIl Milan guarda Il Milan guarda spesso in casa Genoa per rinforzare la rosa in vista della stagione successiva. Nel mirino dei rossoneri ci sono soprattutto quattro giocatori del Genoa che potrebbero fare al caso del Milan. Uno di questi è il portiere Perin che gioca nel Pescara ma è di proprietà del presidente Preziosi. Nel Genoa c’è anche quel Kucka che potrebbe far litigare Milan e Napoli, mentre a centrocampo gli occhi di Galliani sono puntati anche su Bertolacci, giovane centrocampista classe ’91 di scuola Roma. L’ultimo nome è l’esterno Antonelli.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-ne-vuole-quattro-del-genoa-1011385.htmSiT1000027100075701,02,03,07,08030624
3801011384NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, Zanetti ancora non firma il rinnovo20130331222339inter, zanettiLa Gazzetta dello Sport infatti riportaAncora non si sa se Javier Zanetti il prossimo anno sarà ancora in campo. La Gazzetta dello Sport infatti riporta: "Per quanto riguarda Zanetti ancora il rinnovo non è stato formalizzato. Ma è arduo credere che Moratti non assecondi il suo desiderio di giocare ancora".C1007650adm001adm001stramaccioni.jpgSiNinter-zanetti-ancora-non-firma-il-rinnovo-1011384.htmSiT1000026100075501,02,03030417
3811011380NewsCalciomercatoCalciomercato Fiorentina, arriva la conferma: Jovetic andrà via 20130331201927fiorentina, joveticIl talento montenegrino Sembra arrivata la fine della telenovela Jovetic. Il talento montenegrino lascerà la Fiorentina, e i soldi che entreranno in cassa saranno utilizzati per costruire una squadra in grado di lottare per grandi traguardi. Arsenal, Manchester City e Juve sono al momento le favorite, ma da qui all'inizio del mercato le pretendenti potrebbero aumentare. C1007650adm001adm00120120419_sj.jpgSiNfiorentina-arriva-la-conferma-jovetic-andra-via-1011380.htmSiT1000024100075701,02,03,06030465
3821011370NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, tris di affari col Genoa20130330070952milan, genoaSecondo l`edizione odierna di TuttosportKucka sì, Perin e Bertolacci pure. Secondo l'edizione odierna di Tuttosport ci sono le condizioni affinché in estate possa sbarcare a Milanello un trio proveniente dal Genoa. Oltre al centrocampista slovacco anche il portierino ora al Pescara e il centrocampista classe 1991 sono nel mirino di Via Turati e il Grifone è disposto a parlarne.C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-tris-di-affari-col-genoa-1011370.htmSiT1000027100075701,02,03,07010386
3831011351NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Rijkaard per il dopo Allegri20130329120935milan, rijkaardChi per il dopo Allegri Chi per il dopo Allegri sulla panchina del Milan? In Spagna non hanno dubbi: Rijkaard. In realtà, alla base di questa suggestione di mercato, c'è qualcosa che non torna. Il quotidiano sportivo 'Mundo Deportivo' riporta infatti la notizia citando 'fantomatici' media italiani come fonte della stessa. Fantomatici perché, di recente, nessun organo di stampa nostrano ha accostato l'ex centrocampista alla panchina rossonera. Una notizia quindi che non trova, al momento, alcun riscontro concreto.<BR>C1007650adm001adm001rijkaard.jpgSiNmilan-rijkaard-per-il-dopo-allegri-1011351.htmNoT1000027100075701,02,03,07010234
3841011349NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, piace Di Santo20130329120732lazio, di santoPer un argentino Per un argentino che se ne va, eccone uno che arriva. Mauro Zarate è sempre più lontano dalla Lazio, ma la prossima stagione il suo posto potrebbe essere preso dal connazionale Franco Di Santo: secondo il 'Daily Mail', Lotito starebbe seguendo con molto interesse l'ex attaccante del Chelsea, in scadenza di contratto con il Wigan.<BR>C1007650adm001adm001petkovic.jpgSiNlazio-piace-di-santo-1011349.htmNoT1000018100075501,02,03010234
3851011347NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani mette Cerci nel mirino20130329120559milan, cerciL`ad rossonero Adriano GallianiL'ad rossonero Adriano Galliani, sarebbe rimasto positivamente sorpreso dalla prova del tridente dell'Italia nel secondo tempo contro il Brasile e vorrebbe affiancare Alessio Cerci al duo già milanista El Shaarawy-Balotelli. Ma c'è da fare i conti con il Torino che detenie la metà del suo cartellino e vuole riscattare dalla Fiorentina l'altra metà.<BR>C1007650adm001adm001barreto-6.jpgSiNmilan-galliani-mette-cerci-nel-mirino-1011347.htmSiT1000027100075501,02,03,07010216
3861011336NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, incontro decisivo con l`agente di Lodi20130329074826catania, lodiQuesto quanto rivelato dal collega di Sky Sport Importanti novità relative al futuro del centrocampista Francesco Lodi (29) in casa Catania. Questo quanto rivelato dal collega di Sky Sport Gianluca Di Marzio tramite il suo blog: "Nel ritiro del Catania la dirigenza incontrerà Alessandro Moggi, suo agente. Certo l'interesse del Milan e, negli ultimi giorni di gennaio, anche il Porto ha chiesto informazioni. Attualmente Lodi guadagna circa 850 mila euro e se dovesse rimanere a Catania, ipotesi comunque difficile, potrebbe chiedere un aumento".C1007650adm001adm001238691hp2.jpgSiNcatania-incontro-decisivo-con-l-agente-di-lodi-1011336.htmSiT1000014100075501,02,03,07,09010340
3871011335NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, Damiao in partenza dall`Interncional di Porto Alegre20130329054637napoli, damiaoIl centravanti della nazionale verdeoro Leandro Damião Il centravanti della nazionale verdeoro Leandro Damião (23) lascerà quasi certamente l'Internacional al termine della stagione. A dichiararlo quest'oggi è stato il direttore sportivo del club brasiliano: "Damião è il giocatore che con più probabilità ci saluterà in estate. E' il giocatore del momento e molti club stranieri sono interessati a lui. E' un calciatore speciale", ha dichiarato Luis Cesar Souto de Moura.<BR>Chiaro il riferimento ai sondaggi che già sono arrivati dall'Europa: in prima linea c'è il Napoli che ha pensato proprio a lui per un'eventuale sostituzione di Cavani. Da non sottovalutare nemmeno l'offerta del Tottenham, club che segue il giocatore fin dalla scorsa estate. C1007650adm001adm001nuovo_archivio_foto_londra_2012_brasile_leandro_damiao_esulta_690x460.jpgSiNnapoli-damiao-in-partenza-dall-internacional-di-porto-alegre-1011335.htmSiT1000017100075501,02,03,08010327
3881011339NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, continua la corte a Mourinho20130329010338inter, mourinhoLa Gazzetta dello Sport "Non smettono di uscire fuori nuove 'spasimanti' di Mourinho, dopo che il portoghese ha sbandierato ai quattro venti la possibilità di tornare in una squadra già allenata in passato". Questo quanto riportato dal quotidiano spagnolo Marca, sempre attento alle vicende di casa Real, all'indomani della bomba lanciata da La Gazzetta dello Sport che parla di contatti telefonici fra il tecnico e il presidente nerazzurro Moratti: "All'interesse del Chelsea, reso noto negli ultimi giorni dalla stampa inglese, si aggiunge adesso quello dell'Inter", si legge a margine del commento alla notizia. Nel frattempo lo Special One è tornato da Londra a Madrid e ha diretto, dopo due giorni di assenza, l'allenamento del Real in vista della sfida di sabato contro il Zaragoza.<br><br> &nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001cristiano-mourinho.jpgSiNinter-continua-la-corte-a-mourinho-1011339.htmSiT1000026100075501,02,03010341
3891011334NewsCalciomercatoBrasile, offerta dalla Serie B per Adriano20130328214006adrianoHa fatto un`offerta ad AdrianoL'America di Rio, squadra della serie B carioca, ha fatto un'offerta ad Adriano, per usufruire delle sue prestazioni calcistiche e sfruttare i diritti di immagine. 'E' un ragazzo della favela di Vila Cruzeiro che ce l'ha fatta - ha spiegato il presidente dell'America Vinicius Cordeiro - e, in fondo, ha vinto nella vita. Da noi si sentirebbe come in famiglia. So che ha rifiutato alcune offerte, ma la nostra e' diversa, gli permetterebbe di stare vicino alla sua gente'.C1007650adm001adm001560eda8cd995d43234d80198c06c4c9a-42643-d41d8cd98f00b204e9800998ecf8427e.jpgSiNbrasile-offerta-dalla-serie-b-per-adriano-1011334.htmSi100075701,02,03010328
3901011329NewsCalciomercatoJuventus, Anelka: «Voglio restare in bianconero»20130328162619Juventus, anelkaNicolas AnelkaNicolas Anelka, replica su Twitter alle indiscrezioni della stampa francese, in particolare di "le 10Sport" in merito al suo futuro. "Non ho mai pensato nè mi ha mai sfiorato l'idea di rescindere il mio contratto con la Juventus, sono stupidaggini".<br>C1007650adm001adm001anelka.jpgSiNjuventus-anelka-voglio-restare-in-bianconero-1011329.htmNoT1000007100075501,02,03010182
3911011328NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, Cavani vuole solo il Real Madrid20130328162557napoli, cavaniEdinson Cavani vuole Edinson Cavani vuole solo il Real Madrid. L'asso uruguaiano - riporta 'Sportmediaset' - avrebbe scelto la sua destinazione in caso di addio la prossima estate al Napoli: 'Blancos' in pole, con l'intemediario Bronzetti a tenere calda la trattativa. Secco no del 'Matador' ai transalpini, che in cambio sarebbero disposti a mettere sul piatto il cartellino di Verratti. Parigi meta non gradita a Cavani, così come la Premier e Manchester. Prima dell'assalto all'ex Palermo, e quindi di un'offerta ufficiale ai partenopei, il Real vorrà definire il futuro in panchina di Mourinho. Intanto, De Laurentiis chiude le porte ad un possibile aumento d'ingaggio dell'attaccante, che chiederebbe 7 milioni di euro a stagione rispetto ai cinque che percepisce attualmente nel contratto in scadenza nel 2017.C1007650adm001adm001124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNnapoli-cavani-vuole-solo-il-real-madrid-1011328.htmSiT1000017100075501,02,03010260
3921011318NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, cominciano i rinnovi: obiettivo confermare i senatori20130328130032cataniaTuttosportTuttosport oggi in edicola fa il punto sui rinnovi di casa Catania. Per Sergio Almiron c'è una trattativa in corso con l'agente: l'accordo attuale scade nel 2014. Poi Nicola Legrottaglie, il cui contratto scade a giugno, mentre Giovanni Marchese è destinato ad andare al Genoa. Occhio, però, anche al mercato: il Catania vuole confermare la sua squadra in blocco, per far aumentare ulteriormente il valore dei suoi offettivi a meno di offerte irrinunciabili.C1007650adm001adm001barrientos500.jpgSiNcatania-cominciano-i-rinnovi-obiettivo-confermare-i-senatori-1011318.htmSiT1000014100075501,02,03,09030539
3931011315NewsCalciomercatoLa Juventus vende, in uscita tre big20130328120814juventusCome riporta La Gazzetta dello Sport Come riporta La Gazzetta dello Sport stasera sbarca in Italia Fernando Felicevich, procuratore di Sanchez e Vidal. Il talento ex Udinese piace sia all’Inter sia alla Juve, il centrocampista bianconero è nel mirino dei più ricchi club europei.<br><br> In agenda Sabato pomeriggio Felicevich assisterà a Inter-Juventus, ma le prime ore italiane saranno tutte dedicate ai vari sondaggi coi club. E nel faccia a faccia con Marotta si parlerà soprattutto di Vidal. Sia chiaro, la Juve non svende nessuno, e ufficialmente il cileno non è sul mercato. Detto questo, l’etichetta di incedibile non va più di moda da nessuna parte e un’adeguata offerta in contanti non troverebbe certo le porte sbarrate in corso Galileo Ferraris. Che cosa si intende per offerta adeguata? Fra i 30 e i 35 milioni. Ecco, di fronte a un simile «piatto» l’affare si fa. Cifre importanti, anzi parecchio importanti, di fatto un eventuale affare per la Juve. Valutazione che oltretutto non sembra spaventare in partenza Real e Psg.<br><br> Si compra se si vende Almeno un sacrificio di prestigio è d’altronde necessario se a giugno si vuole irrompere sul mercato dei top player. La Juve è oggi un club stabile economicamente e di alto profilo anche dal punto di vista tecnico. Può dunque permettersi di restare così, senza cedere nessuno, limitandosi a una politica mirata solo ai giovani. Ma questo frenerebbe l’avvicinamento ai colossi europei: per il salto di qualità serve almeno un «mostro» là davanti. E prima di acquistare bisogna vendere. Perché Vidal? Perché ha appunto un mercato pesante (l’unico bianconero su certe cifre), e perché a livello di alternative la Juve ha già pronti Pogba soprattutto, poi Asamoah (che è un interno prestato alla fascia) e quindi Poli, probabilissimo acquisto estivo. E siccome in attacco le cose vanno fatte in grande, non sono da escludere un altro paio di cessioni per fare cassa: in questo senso, occhio a Quagliarella e Matri, gente che gode di grande stima in Italia e all’estero. Con in mano almeno 45-50 milioni in contanti, allora sì che le prospettive cambierebbero in attacco. A proposito di punte, in Francia si dice che Anelka voglia risolvere subito il suo contratto.<br><br> <BR>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNla-juventus-vende-in-uscita-tre-big-1011315.htmSiT1000007100075501,02,03,06030464
3941011309NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, accordo raggiunto per Astori: questa la cifra20130328114882napoli, astoriSecondo quanto riporta Tuttosport Secondo quanto riporta Tuttosport da Cagliari rimbalza l'indiscrezione che vedrebbe già raggiunto un accordo tra il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ed il numero uno sardo Massimo Cellino per il passaggio in Campania di Davide Astori sulla base di 12 milioni di euro. Soldi versati cash nelle casse cagliaritane in virtù del fatto che al Napoli occorre investire su un difensore centrale mancino che garantisca un rendimento da vertice. <BR>C1007650adm001adm001astori.jpgSiNnapoli-accordo-raggiunto-per-astori-questa-la-cifra-1011309.htmSiT1000017100075701,02,03,08030319
3951011308NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, Cassano tra Genoa e Fenerbahce20130328114651inter, cassanoSecondo quanto riporta Tuttosport Secondo quanto riporta Tuttosport il futuro di Antonio Cassano sarà lontano dall'Inter in caso di permanenza alla Pinetina di Andrea Stramaccioni. Moratti in persona, in seguito allo scontro tra i due, ha bloccato tutte le pratiche per il rinnovo in attesa della conclusione della stagione e intanto si accendono le prime voci di mercato intorno a Fantantonio. Detto che Garrone non lo rivuole alla Samp, le alternative sono due: la prima è il Genoa, dove Cassano stava già per accasarsi prima dello scambio con Pazzini la scorsa estate; la seconda è il Fenerbahce, che vuole rispondere con un grande colpo al duo Drogba-Sneijder schierato dai rivali del Galatasaray. C1007650adm001adm001cassano.jpgSiNinter-cassano-tra-genoa-e-fenerbahce-1011308.htmSiT1000026100075701,02,03030304
3961011307NewsCalciomercatoCalciomercato Torino, piace Pato Rodriguez20130328114548torino, pato rodriguezSecondo quanto riporta TuttosportSecondo quanto riporta Tuttosport, con il viaggio in Sudamerica previsto per dopo Pasqua dal ds del Torino Gianluca Petrachi i granata torneranno alla carica per l'esterno sinistro del Santos Pato Rodriguez. Il giocatore la scorsa estate era stato ad un passo da vestire la maglia del Toro, salvo poi rimanere in Brasile per dietro-front da parte del club verde oro. Adesso la pista è tornata nuovamente molto calda, con il Santos che potrebbe cedere l'esterno durante la prossima sessione estiva. <BR>C1007650adm001adm001barreto-6.jpgSiNtorino-piace-pato-rodriguez-1011307.htmNoT1000099100075701,02,03030233
3971011304NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, confermato l`interesse per Cabral20130328081850napoli, cabralRimbalzate presso Rimbalzate presso i media italiani nel corso dei giorni passati, le indiscrezioni relative all'interessamento del Napoli nei confronti di Cabral (24), mediano del Basilea seguito anche dal Porto, sembrano trovare conferma sulle pagine di Futebol365.pt. In scadenza di contratto con il club elvetico, l'atleta svizzero di origine capoverdiana, al secolo Adilson Tavares Varela, potrebbe cambiare casacca a parametro zero, con ingaggio decisamente accessibile.<BR>C1007650adm001adm001delaurentiis67.jpgSiNnapoli-confermato-l-interesse-per-cabral-1011304.htmSiT1000017100075701,02,03,08030199
3981011364NewsCalciomercatoCalciomercato Torino, Bianchi a Napoli è possibile 20130328071933torino, bianchiRiccardo Bianchi, fratello e procuratore dell`attaccante Riccardo Bianchi, fratello e procuratore dell'attaccante del Torino Rolando Bianchi, è intervenuto a Radio Gol. "C'è grande stima tra Rolando e Mazzarri, non potrebbe essere altrimenti: con lui ha vissuto una delle migliori stagioni alla Reggina. Marino avrebbe voluto mio fratello a Napoli qualche anno fa, poi non se ne fece niente. Nello scorso gennaio c'è stato solo un pour parler. Ora è in scadenza, non credo che rinnoveremo con il Torino. Venire al Napoli? Vedremo, al momento non posso escludere niente".C1007650adm001adm001rolando-bianchi.jpgSiNtorino-bianchi-a-napoli-e-possibile-1011364.htmSiT1000099100075501,02,03,08010264
3991011303NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, il Sunderland vuole Zarate20130328071740lazio, zaratePotrebbe esserci l`Inghilterra nel futuro di Mauro Zárate Potrebbe esserci l'Inghilterra nel futuro di Mauro Zárate (26), attaccante da tempo fuori dai piani della Lazio e pronto a lasciare il sodalizio biancoceleste. L'entourage del calciatore argentino nelle ultime settimane ha chiesto la rescissione del contratto, mentre Talksport rivela che sulle tracce dell'ex Birmingham City e Inter c'è il Sunderland: i Black Cats sarebbero pronti a trattare Zarate nel caso in cui dovesse svincolarsi dalla Lazio. L'argentino potrebbe dunque tornare in Premier League dopo l'esperienza della stagione 2007-08, quando siglò quattro reti in 14 incontri.<BR>C1007650adm001adm001Zarate-21.jpgSiNlazio-il-sunderland-vuole-zarate-1011303.htmSiT1000018100075701,02,03030457
4001011302NewsCalciomercatoInter, nessuna sorpresa per Icardi20130328031622inter, icardiNon ci saranno sorprese Non ci saranno sorprese o colpi di scena per Mauro Icardi. Ne parla Gianluca Di Marzio "Inter e Samp si sono già sentite telefonicamente e si sono idealmente strette la mano per una cifra che oscilla tra i 12 e i 13 milioni. Vanno definite solo le contropartite tecniche, l'appuntamento è programmato a Genova dopo il recupero del 3 aprile".C1007650adm001adm001sampdoria-6.jpgSiNinter-nessuna-sorpresa-per-icardi-1011302.htmSiT1000026100075701,02,03030376
4011011295NewsCalciomercatoCalciomercato Roma, Osvaldo pronto ad andare via: lo conferma la sua compagna20130327184014roma, osvaldoAndreazzoli sembra voler puntare su Destro Andreazzoli sembra voler puntare su Destro e quindi Osvaldo destinato ancora a non giocare. Le parole della sua attuale fidanzata, Jimena Baron, sono un altro segnale di quanto lui si senta poco a suo agio nella capitale: 'Voleva mollare tutto e venire con me in Argentina', ha dichiarato ai microfoni di ciudad.com. Parole che sembrano preannunciare un addio a fine stagione. <br><br>Intanto la Juventus continua a monitorare il giocatore, il cui costo del cartellino si aggira sui 15 milioni di euro.<br><br>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm00120121119_osvaldo4.jpgSiNroma-osvaldo-pronto-ad-andare-via-lo-conferma-la-sua-compagna-1011295.htmSiT1000012100075501,02,03030430
4021011290NewsCalciomercatoInter, Bedy Moratti esalta i tifosi nerazzurri: «Il ritorno di Mourinho è possibile»20130327155654inter, morattiLa sorella del presidente Moratti, Bedy MorattiIn fondo sognare non costa nulla, certo però che i tifosi dell’Inter in questi giorni stanno facendo tanti sogni. Perché parlare di un clamoroso ritorno di José Mourinho è per i supporters nerazzurri qualcosa di importante. Lo Special One è stato l’artefice dei successi dell’Inter negli ultimi anni, ha riportato la Champions League a Milano dopo oltre 45 anni. La sorella del presidente Moratti, Bedy Moratti, intervistata&nbsp;da MagazineInter, ha dichiarato: “Ritorno di Mourinho? La gente fa bene a sognare, è difficile realizzarlo, ma nella vita tutto è possibile“.<br>adm001adm001cristiano-mourinho.jpgSiNinter-bedy-moratti-esalta-i-tifosi-nerazurri-il-ritorno-di-mourinho-e-possibile-1011290.htmSi100075701,02,03030426
4031011289NewsCalciomercatoJuventus, cresce l`ansia per Vidal20130327154839Juventus, vidalCome riporta La Gazzetta dello SportCome riporta La Gazzetta dello Sport, l'agente del cileno nel fine settimana sarà a Torino per discutere con i bianconeri anche di Sanchez.<br>Vidal, ansia Juve: in arrivo due offerte di Real e Bayern.<br>Meglio che la Juve si abitui. Da qui a fine agosto arriveranno molte offerte interessanti per i suoi campioni e in particolare per quello che è già stato individuato all’estero come l’obiettivo numero uno perché è nel pieno della maturità e perché i dirigenti bianconeri potrebbero anche decidere di cederlo in caso di proposta indecente. Si tratta di Arturo Vidal, che ha un contratto fino al 2016 ma che piace (e non poco) ai club europei più importanti e ricchi. Nei prossimi giorni è atteso in Italia Fernando Felicevich, procuratore di molti giocatori di alto livello e in particolare dei cileni Sanchez e Vidal.<br><br>Vidal - Quando la discussione si sposterà su Vidal, Felicevich cercherà di sondare la disponibilità della Juve di privarsi del centrocampista. I dirigenti bianconeri saranno chiarissimi: Vidal è incedibile a meno che non arrivi una proposta irrinunciabile. Ossia un’offerta da 30 milioni in su. Vidal farà 26 anni a maggio, è costato 10,5 milioni, una cifra già virtualmente ammortizzata nelle prime due stagioni in Italia. La plusvalenza sarebbe molto alta e Conte potrebbe sostituire il cileno in formazione con Pogba, che è già adesso un titolare aggiunto. La squadra che sembra più interessata a Vidal è il Real Madrid: Mourinho stravede per Arturo, ma anche se Josè dovesse lasciare il Bernabeu il club insisterebbe per acquistare il cileno. Il Real ha due grandi avversari nel Bayern Monaco e nel Paris St.Germain. I tedeschi volevano Vidal già nel 2011, quando accusarono il giocatore e il Bayer Leverkusen di scorrettezze varie. Guardiola vorrebbe proprio Vidal per il centrocampo del suo Bayern, malo stesso desiderio avrebbe Carlo Ancelotti per il Paris St.Germain. Il club francese, esattamente come il Bayern Monaco, non ha problemi economici e potrebbe permettersi la spesa di 30 milioni. Siamo ancora a marzo, ma le grandi manovre sono già iniziate.<br><br><br>C1007650adm001adm001vidal.jpgSiNjuventus-cresce-l-ansia-per-vidal-1011289.htmSiT1000007100075701,02,03030313
4041011285NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, vicino l`accordo per Astori20130327154212napoli, astori Non è un mistero che Davide Astori &nbsp;Non è un mistero che Davide Astori sia nel mirino del Napoli per la prossima estate. L'agente del difensore, Renzo Contratto, non nasconde l'interesse dei partenopei per il centrale del Cagliari: "Accordo con Cellino? Non lo escludo, non ho avuto comunicazioni in tal senso. In questo momento so che il Cagliari deve pensare a racimolare quei punti per arrivare alla salvezza, che è l'obiettivo primario - ha spiegato Contratto a 'Radio CRC' -. Il presidente Cellino non ha mai nascosto di avere l'ambizione di fare sempre qualcosa in più e questo è il motivo per il quale cede con difficoltà i suoi pezzi migliori. Tutti i ragionamenti, quindi, andranno rimandati. Astori è un grande professionista, è ambizioso e, raggiunta la salvezza, parlerò con Cagliari circa il suo futuro".<br>C1007650adm001adm001astori.jpgSiNnapoli-vicino-l-accordo-per-astori-1011285.htmNoT1000017100075701,02,03030260
4051011284NewsCalciomercatoRoma, Destro vorrebbe restare20130327154112roma, destroIntervenuto sulle frequenze di`Radio Crc` Intervenuto sulle frequenze di'Radio Crc', Renzo Contratto, procuratore del giovane attaccante della Roma Mattia Destro ha parlato del futuro del suo assistito seguito da sempre con molta attenzione da diversi club italiani eud europei. "Sono un piemontese abituato a parlare di cose pratiche e non di fronzoli - ha spiegato Contratto - in questo momento Destro sta bene alla Roma, che ha un organico forse superiore alle squadre che gli stanno davanti. La Roma ha sposato il progetto Mattia Destro e viceversa. Tutto il resto sono fantasie".<br>C1007650adm001adm001destro420.jpgSiNroma-destro-vorrebbe-restare-1011284.htmT1000012100075701,02,03030241
4061011281NewsCalciomercatoRoma, Sabatini elogia Andreazzoli20130327151819roma, sabatiniIl direttore sportivo della RomaIl direttore sportivo della Roma, Walter Sabatini, ha rilasciato una lunga intervista sulle colonne de Il Giornale di Sicilia. Tanti i temi, legati chiaramente al suo passato al Palermo ed ai ricordi della bella e lunga esperienza in rosanero. Di Andreazzoli dice che il tecnico è "un uomo che lavora con competenza, la squadra lo segue spontanamente", mentre di Totti che "farà di tutto per mantenere questa condizione". Sulla possibile retrocessione del Palermo, invece dice che "non sarebbe una vergogna: in serie B hanno giocato Juventus, Napoli, Torino e qualche tempo fa addirittura il Milan. La vergogna sarebbe non risollevarsi subito, istituire processi e far mancare fiducia e affetto alla squadra e a Zamparini che come l'araba fenice risorge sempre. Ma questo non accadrà perché Palermo è una città tollerante e di grande civiltà sportiva".C1007650adm001adm001andreazzoli.jpgSiNroma-sabatini-elogia-andreazzoli-1011281.htmSiT1000012100075701,02,03030236
4071011280NewsCalciomercatoCalciomercato Inter, Benteke vuole i nerazzurri20130327125520inter, bentekeLa ricerca di rinforzi per il reparto offensivo La ricerca di rinforzi per il reparto offensivo ha portato l’Inter a guardare in casa dell’Aston Villa, dove milita il 22enne centravanti congolose naturalizzato belga Christian Benteke. Per saperne di più, Interlive ha intervistato in esclusiva il suo procuratore: “Personalmente non ho avuto alcun contatto con i nerazzurri, non so se si sono parlati i due club – ha dichiarato Eris Kismet ai nostri microfoni – Di certo l’Inter è uno di quei club in cui Christian sogna di giocare. Cessione in estate? Nel calcio tutto è possibile se le tre parti in causa trovano una soluzione che renda tutti felici: Benteke ha un ottimo rapporto con il manager Lambert e se come penso l’Aston Villa rimarrà in Premier League potrebbe restare, visto che si trova benissimo con la società ed i tifosi. Detto questo, se un grande club come l’Inter dovesse fare un’offerta la valuteremo".C1007650adm001adm001stramaccioni.jpgSiNinter-benteke-vuole-i-nerazzurri-1011280.htmNoT1000026100075701,02,03030398
4081011277NewsCalciomercatoCalciomercato Lazio, nel mirino Torje20130327125055lazio, torjeLa Lazio ha messo La Lazio ha messo gli occhi su Gabriel Torje, fantasista dell'Udinese in prestito al Granada. Lo scrive l'olandese 'Voetball International'. Il 24enne calciatore romeno era già stato accostato ai biancocelesti prima dell'approdo in Friuli.<BR>C1007650adm001adm001Gabriel-Torje.jpgSiNlazio-nel-mirino-torje-1011277.htmNoT1000018100075701,02,03030234
4091011276NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, Galliani decisivo per Zaza20130327124951milan, gallianiIl Milan cerca di battere Juventus e Inter Il Milan cerca di battere Juventus e Inter nella corsa per Simone Zaza. Secondo quanto riportato da 'TuttoSport', nella giornata odierna ci sarà un bliz (decisivo?) di Adriano Galliani che prima dovrà capire le intenzioni della Sampdoria (società che detiene il cartellino dell'attaccante e che dovrà decidere se cederlo o provare a trattenerlo con un prolungamento del contratto che scade nel 2014) e poi, eventualmente, dovrà intavolare una trattativa.<BR>C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-decisivo-per-zaza-1011276.htmSiT1000027100075701,02,03,06,07030270
4101011275NewsCalciomercatoCalciomercato Torino, la Fiorentina vuole D`Ambrosio20130327124837torino, d`ambrosioIl Torino sta cercando di blindare Il Torino sta cercando di blindare Danilo D'Amboriso con un contratto triennale. Secondo quanto riportato da 'TuttoSport', dietro questa accelerata dei granata ci sarebbero le insidie Fiorentina e Inter che avrebbero messo il terzino nel mirino.<br><br> <BR>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001fiorentina.jpgSiNtorino-la-fiorentina-vuole-d-ambrosio-1011275.htmNoT1000099100075701,02,03030150
4111011271NewsCalciomercatoCalciomercato Torino, Pinilla per sostituire Bianchi20130327120327torino, pinillaTuttosport Tuttosport oggi in edicola fa il punto sull'attacco del Torino. Dopo Pasqua, il ds Gianluca Petrachi volerà in Argentina per una settimana, per visionare alcuni attaccanti. Nel valzer dei candidati, però, c'è sempre Mauricio Pinilla del Cagliari, da lungo tempo nel mirino della formazione granata. Il giramondo cileno ha un contratto che scade nel 2015, in estate ripartirà l'assalto.C1007650adm001adm001pinilla51.jpgSiNtorino-pinilla-per-sostituire-bianchi-1011271.htmSiT1000099100075701,02,03030400
4121011270NewsCalciomercatoTottenham, trovato il sostituto di Bale20130327120230tottenham, baleSeguito anche dal BarcellonaSeguito anche dal Barcellona, l'esterno offensivo della Real Sociedad Antoine Griezmann è finito nel mirino di mercato del Tottenham di André Villas-Boas. Il tecnico portoghese starebbe pensando al 22enne francese per sostituire Gareth Bale.<BR>adm001adm001bale.jpgSiNtottenham-trovato-il-sostituto-di-bale-1011270.htmNo100075701,02,03030339
4131011267NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, altro nome per il dopo Mazzarri20130327083540napoli, mazzarriA giugno andrà in scadenza di contrattoQuestione sempre aperta. In casa Napoli tiene banco la questione legata al futuro di Walter Mazzarri, con il tecnico che a giugno andrà in scadenza di contratto. Le possibilità di una sua permanenza sono in aumento, ma la società resta comunque vigile nel caso in cui non si riuscisse a trovare un accordo. Svanite le piste che portavano a Pioli e Maran - che nelle ultime ore hanno rinnovato con Bologna e Catania -, un nome da tenere in considerazione è quello di Roberto Di Matteo, in cerca di panchiona dopo essere stato esonerato dal Chelsea ad inizio stagione. Lo riporta Gianlucadimarzio.C1007650adm001adm001delaurentiis67.jpgSiNnapoli-altro-nome-per-il-dopo-mazzarri-1011267.htmSiT1000017100075701,02,03,08,09030329
4141011268NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, offensiva dello Shakthar Donetsk per Quagliarella20130327071434juventus, quagliarellaSecondo quanto emerso Nuova pista di mercato legata al futuro di Fabio Quagliarella (30), attaccante della Juventus ambito in Italia e all'estero. Secondo quanto emerso nel corso della trasmissione in onda su Sportitalia, sull'ex calciatore di Udinese e Napoli c'è stato il forte inserimento dello Shakhtar Donetsk.C1007650adm001adm001quagliarella21.jpgSiNjuventus-offensiva-dello-shakthar-donetsk-per-quagliarella-1011268.htmSiT1000007100075701,02,03,06,08030310
4151011260NewsCalciomercatoCalciomercato Milan, nel mirino Vidic20130327064043milan, vidicRivela Metro.co.ukIl calciatore classe '81, rivela Metro.co.uk, è finito nel mirino della società rossonera che è già al lavoro per rinforzare in maniera importante il reparto arretrato in vista della prossima stagione. Un acquisto in controtendenza con la politica che sta portando avanti Galliani in questi mesi, anche se - assicurano dall'Inghilterra - in questo caso l'amministratore delegato rossonero è pronto a fare un'eccezione. C1007650adm001adm001Nemanja+Vidic+Chelsea+v+Manchester+United+eA08Ogt_dSvl.jpgSiNmilan-nel-mirino-vidic-1011260.htmSiT1000027100075701,02,03,07030416
4161011258NewsCalciomercatoCalciomercato Genoa, possibile il ritorno di Criscito20130326205232genoa, criscitoDifensore dello Zenit San Pietroburgo Possibile ritorno al Genoa per Domenico Criscito (26), difensore dello Zenit San Pietroburgo ai box per un serio infortunio al ginocchio che lasciò i rossoblù nel 2011 per tentare l'esperienza in Russia. Come rivela Sky Sport il calciatore di origine napoletana potrebbe rientrare in Liguria - con conseguente riduzione dell'ingaggio - nel giro dei prossimi mesi visto il possibile addio al Grifone di Luca Antonelli, esterno mancino finito nel mirino dei club milanesi. <br><br> <BR>&nbsp;<br><br>C1007650adm001adm001n_criscito-bonucci-italia.jpgSiNgenoa-possibile-il-ritorno-di-criscito-1011258.htmSiT1000022100075701,02,03030536
4171011257NewsCalciomercatoCalciomercato Catania, arriva il rinnovo: blindato Maran20130326190152catania, maranImportante rinnovo in casa CataniaImportante rinnovo in casa Catania. Con una nota apparsa sul sito ufficiale, il Catania ha reso noto di aver siglato un nuovo accordo col tecnico Rolando Maran. "Siamo lieti di comunicare il prolungamento del rapporto contrattuale con l'allenatore della prima squadra Rolando Maran, fino al 30 giugno 2015. Per la prima volta il progetto legato alla guida tecnica cresce sviluppandosi sull'arco temporale di tre stagioni: la continuità di una scelta che si rinnova serve a rafforzare la chiara idea iniziale ed è un segnale importante per tutti", ha dichiarato il presidente Antonino Pulvirenti tramite il sito ufficiale del club etneo.<br>C1007650adm001adm001almiron.jpgSiNcatania-arriva-il-rinnovo-blindato-maran-1011257.htmNoT1000014100075701,02,03030261
4181011252NewsCalciomercatoPadova, nel mirino Ricchiuti20130326171444padova, ricchiutiAdrian Ricchiuti Adrian Ricchiuti a fine stagione andrà via dal Catania per fine contratto. Secondo quanto riportato il fantasista argentino ex Rimini piace a Padova e Novara che per la prossima stagione hanno già iniziato a sondare il terreno per l'estroso giocatore rossazzurro.C1007651adm001adm001tifosi.jpgSiNpadova-nel-mirino-ricchiuti-1011252.htmNo100075701,02,03030257
4191011251NewsCalciomercatoCalciomercato Napoli, piace Regini20130326171331napoli, reginiSecondo quanto riportato Secondo quanto riportato su Vasco Regini piomba anche il Napoli. Gli azzurri perderanno Campagnaro e potrebbero non riscattare il portoghese Rolando. La società azzurra acquisterà a giugno due difensori. Il difensore della Nazionale Italiana Under 21 è in comproprietà fra Empoli e Sampdoria. Ieri a Bassano del Grappa in occasione della gara degli azzurrini di Mangia c'era un osservatore del club partenopeo ad osservare proprio Regini.C1007650adm001adm001delaurentiis67.jpgSiNnapoli-piace-regini-1011251.htmNoT1000017100075701,02,03030199
4201011250NewsCalciomercatoGenoa, Foschi: «In tante vogliono Kucka»20130326171116genoa, foschiIl direttore sportivo del Genoa Rino FoschiIl direttore sportivo del Genoa Rino Foschi, è intervenuto sule frequenze di Radio Kiss Kiss Napoli. "Kucka è un giocatore importante, è in continua crescita e ha tanta qualità e quantità. E' appetito da tante società, specie all'estero: non mi va di parlare di calciomercato ora perché il nostro momento è delicato però, sicuramente, al Napoli piaceva anche l'anno scorso. Non è vero che l'entourage del Napoli ha offerto 11 milioni: qualora fosse stato così avremmo già firmato".<br><br>"Ciro in azzurro? Non lo escludo per il semplice motivo che il Napoli è un top club non perché c'è in piedi un qualcosa di calciomercato".<br><br>C1007650adm001adm001kucka_juraj1.jpgSiNgenoa-foschi-in-tante-vogliono-kucka-1011250.htmNoT1000022100075701,02,03030461
4211011249NewsCalciomercatoFiorentina, tanti gli obiettivi20130326162912fiorentinaLa Fiorentina è alla ricerca La Fiorentina è alla ricerca di un attaccante in grado di fargli fare il salto di qualità, scrive il Corriere dello Sport Stadio. Sono cinque i nomi che propone il quotidiano per l’attacco viola. In pole c’è sempre Aubameyang del Saint Etienne. Già da qualche mese Pradè e Macia trattano con i francesi, ma la richiesta di oltre dieci milioni era sembrata in un primo momento eccessiva. Con l’inserimento nella trattativa del Psg, le cose si complicano un po’ per i viola. Poi c’è Lisandro Lopez, il cui contratto scadrà nel 2014 e che già la scorsa estate avrebbe accettato di venire a Firenze, se il Lione non avesse fatto braccio di ferro. Tuttavia, scrive il quotidiano, Lisandro potrebbe anche rinnovare con Lione. Piace anche Benteke dell’Aston Villa. 22 anni già 13 gol, anche se la scorsa estate fu pagato 9 milioni di euro con contratto fino al 2016. Piace anche Ramirez del Southampton così come Thereau destina