“STORIE GRANATA DI POETI GUERRIERI”, IL LIBRO DI GAETANO PIZZUTO


La voce dei tifosi del Toro nel libro di Gaetano Pizzuto
tempo: 25ms
RSS
Torino, 28/04/2016 -


“Per quelli come me che credono ancora alle favole. C’era una volta…..una storia da raccontare. Un mondo senza Toro era come un giardino senza fiori, una sinfonia senza musica, un Louvre senza Monna Lisa, un vigneto senza sole, la storia del cinema senza Marilyn, come un giorno senza amore”. Già, senza amore. E come avrebbe mai potuto avere l’idea di racchiudere in un libro dedicato ai tifosi del Toro, dandogli l’opportunità di esprimere i propri sentimenti, di arrabbiarsi e commuoversi tra le tante storie di vita personale che s’intersecano al percorso sportivo e umano all’affascinante storia del Torino, se in tutto ciò non ardesse un profondo amore? Gaetano Pizzuto siciliano di nascita e torinese d’adozione, è un personaggio che sembra uscito da un mondo che è l’esatto contrario di quello contemporaneo. Gli parli e scorgi subito nei suoi occhi la poesia che ti prende per mano e ti porta là dove vuole il cuore. Ai  più superficiali potrebbe apparire ingenuo, ma la sensibilità che gli è connaturata e traspare cristallina come gocce d’acqua, fa di lui un uomo speciale, originale per tanti versi, uno che mette sempre davanti il cuore sopra ogni cosa. E’ facile cogliere in Tano Pizzuto i tratti romantici di un uomo d’altri tempi, che a forza si adatta alla realtà di un mondo in cui i valori si stanno disperdendo con troppa facilità. Egli ama l’arte in tutte le sue forme e la poesia è nelle sue corde come l’aria che respira. Tempo fa ha pubblicato quattro raccolte di poesie, l’ultima nel 2012 intitolata “Un sogno lungo 90 lune” edito dalla Casa Editrice Genesi. Nel 2014 si è messo in evidenza come scrittore pubblicando il libro “Storie da Baci e cuori da lupi” che racchiude la lunga storia del gruppo sportivo Valerio Bacigalupo, società dilettantistica di Torino, di cui Tano Pizzuto è stato prima giocatore e poi allenatore di calcio.

Oggi si presenta al mondo della già vasta letteratura granata con la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Storie Granata di Poeti Guerrieri”, edito da Impremix Edizioni Visual Grafika che si può trovare nelle migliori librerie o richiedendolo tramite posta elettronica a: tano.pizzuto@libero.it. Sono storie raccontate in maniera intima da chi vive il Toro in una forma speciale e non conosce altro modo per esprimere quel profondo amore che li lega a quella squadra di calcio chiamata Torino, che è qualcosa di più, qualcosa di diverso da tutte le altre. Eppure, mentre gusti delicatamente le pagine di questo libro che è corredato da fotografie e illustrazioni anche inedite, ti accorgi della cura nel non cadere nella facile retorica, trasmettendo al lettore quelle esperienze di vita vissuta in prima persona, dagli stessi tifosi granata. Sono sentimenti forti che scaturiscono dall’anima di ogni tifoso del Toro, che pur manifestandosi in maniera diversa, sono simili nel concetto d’amore che talora può pure sfociare in momentanea rabbia e quasi odio, ma che poi ritorna a essere ancora amore profondo. E’ quindi un liberare la propria anima da tante cose vissute insieme. Essere granata è qualcosa di particolare e, se non lo sai, lo scopri leggendo le pagine di esperienze personali vissute tra fratelli di DNA, che s’intersecano negli anni tra trasferte al seguito del Toro e palpitanti momenti vissuti in quella Curva Maratona che resta l’anima e il cuore pulsante del tifo granata. Ma dentro questo libro di Tano Pizzuto c’è ancora di più. C’è la tradizione, ci sono gli affetti, i legami, le lacrime di gioia e di dolore, tanto dolore. Ma c’è l’empatia con una storia che vorresti spiegare bene a chi non capisce cosa vuol dire appartenere al tifo granata. Perché si tifa Toro se da un po’ di anni non vince niente? Perché si è così irrimediabilmente legati alla storia del Grande Torino e di quegli invincibili giocatori caduti nella tragedia di Superga? Semplicemente perché dentro tutte queste cose si racchiudono le emozioni e i palpiti di un vissuto che appaiono ancora più grandi dello stesso gioco del pallone. E’ ciò che fa grande il cuore e la passione granata che fa sembrare minimalista il calcio fatto di plusvalenze e iperbolici interessi economici. E’ come tuffarsi nel mare dei sentimenti forti che vengono estratti dal profondo dell’anima, esplorando ogni angolo di vissuto granata. Dunque, un’opera letteraria che Tano Pizzuto ha prima pensato come idea originale nel dare voce al racconto dei tifosi del Toro, e poi ha realizzato dopo 16 lunghi mesi di accurato e attento lavoro. E’ la bellezza di un libro, capace di farti riflettere sul perché tu stesso sei del Toro!

Salvino Cavallaro

Salvino Cavallaro


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.56 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210731' or (data='20210731' and ora<='170216'))
    and id_arg = 1013108
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013108NewsEditoriale“Storie Granata di Poeti Guerrieri”, il libro di Gaetano Pizzuto20160428171731La voce dei tifosi del Toro nel libro di Gaetano Pizzuto<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>“Per quelli come me che credono ancora alle favole. C’era una volta…..una storia da raccontare. Un mondo senza Toro era come un giardino senza fiori, una sinfonia senza musica, un Louvre senza Monna Lisa, un vigneto senza sole, la storia del cinema senza Marilyn, come un giorno senza</span></b><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">amore”</b>. Già, senza amore. E come avrebbe mai potuto avere l’idea di racchiudere in un libro dedicato ai tifosi del Toro, dandogli l’opportunità di esprimere i propri sentimenti, di arrabbiarsi e commuoversi tra le tante storie di vita personale che s’intersecano al percorso sportivo e umano all’affascinante storia del Torino, se in tutto ciò non ardesse un profondo amore? <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Gaetano Pizzuto</b> siciliano di nascita e torinese d’adozione, è un personaggio che sembra uscito da un mondo che è l’esatto contrario di quello contemporaneo. Gli parli e scorgi subito nei suoi occhi la poesia che ti prende per mano e ti porta là dove vuole il cuore. Ai<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp; </span>più superficiali potrebbe apparire ingenuo, ma la sensibilità che gli è connaturata e traspare cristallina come gocce d’acqua, fa di lui un uomo speciale, originale per tanti versi, uno che mette sempre davanti il cuore sopra ogni cosa. E’ facile cogliere in Tano Pizzuto i tratti romantici di un uomo d’altri tempi, che a forza si adatta alla realtà di un mondo in cui i valori si stanno disperdendo con troppa facilità. Egli ama l’arte in tutte le sue forme e la poesia è nelle sue corde come l’aria che respira. Tempo fa ha pubblicato quattro raccolte di poesie, l’ultima nel 2012 intitolata <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Un sogno lungo 90 lune”</b> edito dalla Casa Editrice Genesi. Nel 2014 si è messo in evidenza come scrittore pubblicando il libro <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Storie da Baci e cuori da lupi”</b> che racchiude la lunga storia del gruppo sportivo <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Valerio Bacigalupo,</b> società dilettantistica di Torino, di cui <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Tano Pizzuto</b> è stato prima giocatore e poi allenatore di calcio. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>Oggi si presenta al mondo della già vasta letteratura granata con la sua ultima fatica letteraria dal titolo <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">“Storie Granata di Poeti Guerrieri”,</b> edito da <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Impremix Edizioni Visual Grafika</b> che si può trovare nelle migliori librerie o richiedendolo tramite posta elettronica a: <a href="mailto:tano.pizzuto@libero.it"><font color="#0000ff">tano.pizzuto@libero.it</font></a>. Sono storie raccontate in maniera intima da chi vive il Toro in una forma speciale e non conosce altro modo per esprimere quel profondo amore che li lega a quella squadra di calcio chiamata Torino, che è qualcosa di più, qualcosa di diverso da tutte le altre. Eppure, mentre gusti delicatamente le pagine di questo libro che è corredato da fotografie e illustrazioni anche inedite, ti accorgi della cura nel non cadere nella facile retorica, trasmettendo al lettore quelle esperienze di vita vissuta in prima persona, dagli stessi tifosi granata. Sono sentimenti forti che scaturiscono dall’anima di ogni tifoso del Toro, che pur manifestandosi in maniera diversa, sono simili nel concetto d’amore che talora può pure sfociare in momentanea rabbia e quasi odio, ma che poi ritorna a essere ancora amore profondo. E’ quindi un liberare la propria anima da tante cose vissute insieme. Essere granata è qualcosa di particolare e, se non lo sai, lo scopri leggendo le pagine di esperienze personali vissute tra fratelli di DNA, che s’intersecano negli anni tra trasferte al seguito del Toro e palpitanti momenti vissuti in quella Curva Maratona che resta l’anima e il cuore pulsante del tifo granata. Ma dentro questo libro di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Tano Pizzuto</b> c’è ancora di più. C’è la tradizione, ci sono gli affetti, i legami, le lacrime di gioia e di dolore, tanto dolore. Ma c’è l’empatia con una storia che vorresti spiegare bene a chi non capisce cosa vuol dire appartenere al tifo granata. Perché si tifa Toro se da un po’ di anni non vince niente? Perché si è così irrimediabilmente legati alla storia del Grande Torino e di quegli invincibili giocatori caduti nella tragedia di Superga? Semplicemente perché dentro tutte queste cose si racchiudono le emozioni e i palpiti di un vissuto che appaiono ancora più grandi dello stesso gioco del pallone. E’ ciò che fa grande il cuore e la passione granata che fa sembrare minimalista il calcio fatto di plusvalenze e iperbolici interessi economici. E’ come tuffarsi nel mare dei sentimenti forti che vengono estratti dal profondo dell’anima, esplorando ogni angolo di vissuto granata. Dunque, un’opera letteraria che Tano Pizzuto ha prima pensato come idea originale nel dare voce al racconto dei tifosi del Toro, e poi ha realizzato dopo 16 lunghi mesi di accurato e attento lavoro. E’ la bellezza di un libro, capace di farti riflettere sul perché tu stesso sei del Toro!</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torinofl0711fl0711foto-copertina-libro-toro.jpgSiNstorie-granata-di-poeti-guerrieri-il-libro-di-gaetano-pizzuto-1013108.htmSi100451001,02,03030262

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013