JOHAN CRUYFF, LA STELLA DEL CALCIO TOTALE.


Il calciatore che fu innovatore di una svolta calcistica epocale.
tempo: 38ms
RSS
Barcellona, 25/03/2016 -


Quando muore una stella è sempre una fonte inesauribile di luce che viene a mancare. Johan Cruyff è morto all’età di 69 anni non ancora compiuti. Da un po’ di tempo era ammalato e combatteva con grande dignità, pur sapendo di essere afflitto da un cancro ai polmoni. E’ stato la leggenda del calcio totale, quell’innovazione teorico – pratica che partì dall’Olanda per propagarsi poi a macchia d’olio in tutto il mondo. Dopo Maradona e Pelè è stato il più grande calciatore del mondo. Un numero 14 che egli ha voluto stampato sempre sulla sua maglia, durante tutta la sua attività di calciatore professionista. Dall’Aiax, alla Nazionale Orange, al Barcellona, dove trovò la sua collocazione di calciatore, poi di allenatore e quindi di vita privata. Possiamo dire che esiste un calcio che si identifica prima di Cruyff, e un altro che continua dopo di lui. Squadra corta, pressing alto, movimento continuo, possesso palla, si integravano perfettamente alla sua classe innata, ai suoi dribbling, all’intelligenza tattica che egli sapeva mettere in campo. Era il calcio del dopo “catenaccio”, di quel contropiede che badava sostanzialmente a difendersi prima ancora di rischiare un attacco che poteva significare la paura di perdere. Ma con l’avvento di Cruyff, del suo Aiax e della sua Olanda, intorno agli anni ’70, c’è stata una svolta epocale che cambiò il senso di un calcio diventato più propositivo, divertente e aggressivo. Il maggior possesso palla era garanzia di superiorità nel costruire azioni da gol, togliendo così all’avversario la possibilità di imporre il proprio gioco. Una logica che non fa una grinza a livello teorico e che Cruyff seppe interpretare in maniera magistrale, prima da giocatore e poi da coach in quel Barcellona che s’innamorò del suo calcio totale e che poi nel tempo seppe diventare anche Tiki Taka, per effetto di molteplici passaggi brevi e precisi che avevano l’obiettivo di far possesso palla. Massimo due tocchi, senza mai buttare via la palla alla “viva il parroco”, così come si faceva nel calcio antico in cui si marcava a uomo, e poi, fatto il gol all’avversario, ci si chiudeva in un’arcigna difesa che non dava spazio allo spettacolo. Un calcio troppo stantio che doveva subire un’innovazione culturale e sportiva. Molti furono gli imitatori di quel calcio totale olandese, cui Johan Cruyff fu il massimo rappresentante. Tra questi, anche il Torino di Gigi Radice volle imitarne l’esempio, vincendo lo scudetto nel 1975-’76. Imitazioni non sempre facili da seguire, proprio per quella peculiarità di un calcio globale in continuo movimento, che richiedeva una preparazione atletica di notevole dispendio fisico e mentale. Ma fu la logica della svolta di un calcio che non seppe più tornare indietro e che sull’esempio del maestro allenatore Johan Cruyff, si fondò la continuità attraverso il credo calcistico imposto da Arrigo Sacchi, Frank Rijkard, Pep Guardiola, Luis Enrique e altri nomi illustri del calcio contemporaneo. E così, la storia di quel magnifico numero 14 che ha calcato prima i campi di tutta Europa e poi la magica panchina del Barcellona, si chiude proprio in quella città catalana che Cruyff ha amato tutta la vita.

Salvino Cavallaro              

 



Salvino Cavallaro


    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.673 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20210731' or (data='20210731' and ora<='164851'))
    and id_arg = 1013097
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013097NewsEditorialeJohan Cruyff, la stella del calcio totale.20160325161133Il calciatore che fu innovatore di una svolta calcistica epocale. <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>Quando muore una stella è sempre una fonte inesauribile di luce che viene a mancare. Johan Cruyff è morto all’età di 69 anni non ancora compiuti. Da un po’ di tempo era ammalato e combatteva con grande dignità, pur sapendo di essere afflitto da un cancro ai polmoni. E’ stato la leggenda del calcio totale, quell’innovazione teorico – pratica che partì dall’Olanda per propagarsi poi a macchia d’olio in tutto il mondo. Dopo Maradona e Pelè è stato il più grande calciatore del mondo. Un numero 14 che egli ha voluto stampato sempre sulla sua maglia, durante tutta la sua attività di calciatore professionista. Dall’Aiax, alla Nazionale Orange, al Barcellona, dove trovò la sua collocazione di calciatore, poi di allenatore e quindi di vita privata. Possiamo dire che esiste un calcio che si identifica prima di Cruyff, e un altro che continua dopo di lui. Squadra corta, pressing alto, movimento continuo, possesso palla, si integravano perfettamente alla sua classe innata, ai suoi dribbling, all’intelligenza tattica che egli sapeva mettere in campo. Era il calcio del dopo “catenaccio”, di quel contropiede che badava sostanzialmente a difendersi prima ancora di rischiare un attacco che poteva significare la paura di perdere. Ma con l’avvento di Cruyff, del suo Aiax e della sua Olanda, intorno agli anni ’70, c’è stata una svolta epocale che cambiò il senso di un calcio diventato più propositivo, divertente e aggressivo. Il maggior possesso palla era garanzia di superiorità nel costruire azioni da gol, togliendo così all’avversario la possibilità di imporre il proprio gioco. Una logica che non fa una grinza a livello teorico e che Cruyff seppe interpretare in maniera magistrale, prima da giocatore e poi da coach in quel Barcellona che s’innamorò del suo calcio totale e che poi nel tempo seppe diventare anche Tiki Taka, per effetto di molteplici passaggi brevi e precisi che avevano l’obiettivo di far possesso palla. Massimo due tocchi, senza mai buttare via la palla alla “viva il parroco”, così come si faceva nel calcio antico in cui si marcava a uomo, e poi, fatto il gol all’avversario, ci si chiudeva in un’arcigna difesa che non dava spazio allo spettacolo. Un calcio troppo stantio che doveva subire un’innovazione culturale e sportiva. Molti furono gli imitatori di quel calcio totale olandese, cui Johan Cruyff fu il massimo rappresentante. Tra questi, anche il Torino di Gigi Radice volle imitarne l’esempio, vincendo lo scudetto nel 1975-’76. Imitazioni non sempre facili da seguire, proprio per quella peculiarità di un calcio globale in continuo movimento, che richiedeva una preparazione atletica di notevole dispendio fisico e mentale. Ma fu la logica della svolta di un calcio che non seppe più tornare indietro e che sull’esempio del maestro allenatore Johan Cruyff, si fondò la continuità attraverso il credo calcistico imposto da Arrigo Sacchi, Frank Rijkard, Pep Guardiola, Luis Enrique e altri nomi illustri del calcio contemporaneo. E così, la storia di quel magnifico numero 14 che ha calcato prima i campi di tutta Europa e poi la magica panchina del Barcellona, si chiude proprio in quella città catalana che Cruyff ha amato tutta la vita.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Times New Roman","serif"; font-size: 12pt;'>&nbsp;</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br>Barcellonafl0711fl0711cruyff-350x280.jpgSiNjohan-cruyff-la-stella-del-calcio-totale-1013097.htmSi100451001,02,03030350

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013