QUANDO IL CALCIO GIOVANILE RAPPRESENTA LA PARTE MIGLIORE DELLO SPORT


Il pallone, il gioco più bello che aiuta a crescere tanti ragazzi anche attraverso sfortunate circostanze.
tempo: 41ms
RSS
Torino, 04/10/2021 -

Ci sono storie nel calcio che devono essere messe sempre in primo piano come messaggi che riconciliano con i buoni sentimenti, i quali nulla hanno a che fare con la facile retorica. Sì, perchè quando avvengono certi fatti legati al cuore in un rettangolo verde in cui giocano a pallone dei ragazzini, allora si ha l'obbligo di parlarne perchè questo vuol dire migliorarsi e crescere con l'etichetta di uomini veri. Tutto avviene sabato 2 ottobre 2021, durante la partita di campionato 2006 Candiolo - San Secondo. Passano solamente 10 minuti dall'inizio della partita e il biancorosso Luca Lo Grasso è costretto ad uscire in lacrime in barella. Minuti terribili, carichi d'ansia per l'arrivo dell'ambulanza che appare dopo pochi minuti. Luca viene subito soccorso, coccolato dai sanutari della Croce Verde di Vinovo, i quali gli immobilizzano subito l'arto dopo avergli tagliato le scarpette da calcio. Poi la lunga corsa all'ospedale mentre la squadra lotta e vince la partita. Una vittoria che i compagni di Luca gli dedicano con affetto. Ma c'è poi un altro messaggio di cuore per Luca che non ti aspetti, ed è il gesto fatto dai ragazzi della Croce Verde di Vinovo che hanno soccorso il ragazzo, i quali il giorno dopo si recano in ospedale per regalargli un paio di scarpette nuove. Ecco, questo è il gesto di donazione che sa di piccolo grande regalo partito dal cuore, da sentimenti forti e veri che ti riconciliano con il calcio e anche con il mondo intero. Una sorta di piccola pillola di fiducia che aiuta ad andare avanti e a vedere il calcio e lo sport con gli occhi della speranza. Luca ha avuto dai sanitari la sentenza: frattura scomposta di tibia e perone con interessamento dei legamenti. I tempi di rientro saranno lunghi, ma Luca è forte e siamo sicuri che, nonostante le lacrime versate, ritornerà in campo come e meglio di prima. E' il calcio che aiuta i ragazzi a diventare uomini veri. Un fatto non trascurabile che è poi la logica educativa di un pallone giovanile che deve avere come base il mero divertimento, senza assilli da futuro campione. Questi pensieri lasciamoli fare a quei genitori che vorrebbero vedere nel proprio figlio ciò che loro non sono stati. Sono i bimbi, sono i ragazzi che insegnano a noi adulti il vero significato dei primi calci al pallone e dello sport in genere.

Salvino Cavallaro




    Query
    Template: /notizie/index.cfm:19
    Execution Time: 0.675 ms
    Record Count: 1
    Cached: No
    Lazy: No
    SQL:
    SELECT * FROM news
    where tipo ='news' and (data<'20211202' or (data='20211202' and ora<='203509'))
    and id_arg = 1013825
    and azienda like '%01%'
    order by data desc,ora desc,id_arg desc
    id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
    11013825NewsEditorialeQuando il calcio giovanile rappresenta la parte migliore dello sport2021100411:57Il pallone, il gioco più bello che aiuta a crescere tanti ragazzi anche attraverso sfortunate circostanze. <p>Ci sono storie nel calcio che devono essere messe sempre in primo piano come messaggi che riconciliano con i buoni sentimenti, i quali nulla hanno a che fare con la facile retorica. S&#236;, perch&#232; quando avvengono certi fatti legati al cuore in un rettangolo verde in cui giocano a pallone dei ragazzini, allora si ha l'obbligo di parlarne perch&#232; questo vuol dire migliorarsi e crescere con l'etichetta di uomini veri. Tutto avviene sabato 2 ottobre 2021, durante la partita di campionato 2006 Candiolo - San Secondo. Passano solamente 10 minuti dall'inizio della partita e il biancorosso <strong>Luca Lo Grasso</strong> &#232; costretto ad uscire in lacrime in barella. Minuti terribili, carichi d'ansia per l'arrivo dell'ambulanza che appare dopo pochi minuti. Luca viene subito soccorso, coccolato dai sanutari della Croce Verde di Vinovo, i quali gli immobilizzano subito l'arto dopo avergli tagliato le scarpette da calcio. Poi la lunga corsa all'ospedale mentre la squadra lotta e vince la partita. Una vittoria che i compagni di Luca gli dedicano con affetto. Ma c'&#232; poi un altro messaggio di cuore per Luca che non ti aspetti, ed &#232; il gesto fatto dai ragazzi della Croce Verde di Vinovo che hanno soccorso il ragazzo, i quali il giorno dopo si recano in ospedale per regalargli un paio di scarpette nuove. Ecco, questo &#232; il gesto di donazione che sa di piccolo grande regalo partito dal cuore, da sentimenti forti e veri che ti riconciliano con il calcio e anche con il mondo intero. Una sorta di piccola pillola di fiducia che aiuta ad andare avanti e a vedere il calcio e lo sport con gli occhi della speranza. <strong>Luca ha avuto dai sanitari la sentenza: frattura scomposta di tibia e perone con interessamento dei legamenti.</strong> I tempi di rientro saranno lunghi, ma Luca &#232; forte e siamo sicuri che, nonostante le lacrime versate, ritorner&#224; in campo come e meglio di prima. E' il calcio che aiuta i ragazzi a diventare uomini veri. Un fatto non trascurabile che &#232; poi la logica educativa di un pallone giovanile che deve avere come base il mero divertimento, senza assilli da futuro campione. Questi pensieri lasciamoli fare a quei genitori che vorrebbero vedere nel proprio figlio ci&#242; che loro non sono stati. Sono i bimbi, sono i ragazzi che insegnano a noi adulti il vero significato dei primi calci al pallone e dello sport in genere.</p><p><strong>Salvino Cavallaro</strong></p>Torinofl0711fl0711foto-calcio-giovanile.jpgSIncalcio-1013825.htmSI0101055n

    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013