tempo: 22ms
RSS
Query
Template: /notizie/index.cfm:19
Execution Time: 244 ms
Record Count: 159
Cached: No
Lazy: No
SQL:
SELECT * FROM news
where tipo ='news' and (data<'20210804' or (data='20210804' and ora<='113308'))
and( titolo like '%capolista%' or keywords like '%capolista%' or descrizione like '%capolista%')
and azienda like '%01%'
order by data desc,ora desc,id_arg desc
id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
11013757NewsEditorialeL`INTER PASSA A BOLOGNA E SI AVVICINA ALLO SCUDETTO2021040408:11juve,torino,milan,atalanta, napoli,inter,conte,bologna,lukaku,roma,spezia,champions,lazio,sassuolo,crotoneRALLENTANO JUVE E MILAN, RISALGONO NAPOLI, ATALANTA E LAZIO<p>&#171;E' stato un grande passo in avanti&#187;: Sono queste le parole di Antonio Conte dopo la difficile vittoria dell'Inter in casa del Bologna. E' stato proprio il suo Bomber, Lukaku , a spedire i cugini rossoneri a - 8 in classifica. Conte ai microfoni, nel dopo partita sembra essere molto cauto, ma lo stop del Milan in casa 1-1 con la Sampdoria e della sempre temibile Juve nel derby con il Torino (pareggio 2-2), fanno ben sperare in una volata finale per lo scudetto con una partita ancora da recuperare mercoled&#236; 7 aprile contro il Sassuolo. Importanti vittorie del Napoli contro il Crotone (4-3), dell'Atalanta contro l'Udinese (3-2) e della Lazio contro lo Spezia ( 2-1), mentre la Roma viene fermata con un pari (2-2) dall'ottimo Sassuolo. Si fa avvincente, dietro la capolista Inter, la lotta per la zona Champions. Sono ben sei squadre in 9 punti: Milan 60 Pt, Atalanta 58 Pt, Juventus e Napoli a 56 Pt, Lazio 52 Pt e Roma a 51 Pt. Sar&#224; un finale di stagione avvincente a 9 giornate dalla fine. Pane per i denti degli appassionati di calcio che si godranno fino alla fine un campionato che quest'anno sta regalando una tanto attesa adrenalina. E mercoledi 7, il recupero di Torino che vedr&#224; in campo Juve e Napoli si preannuncia decisivo in chiave Champions. In coda sembra spacciato il Crotone, che ieri ha comunque dato filo da torcere al Napoli, mentre in 4 punti ci sono Parma (20 pt), Cagliari (22 pt) e Torino (24 pt). Ancora invischiate anche Spezia (29 pt), Benevento e Fiorentina (30pt).</p><p>Giacomo Barletta</p>ivomesivomesantonio-conte.jpgSISvolalinter-frenanojuvemilan-salelazionapoliatalanta-1013757.htmSI01,02,03,04,05,06,07,08,09,10,1101067n
21013754NewsEditorialeCADE A SORPRESA LA JUVE, VINCONO MILAN, ATALANTA, NAPOLI E LAZIO2021032200:30juve,roma,milan,inter,atalanta,verona,udinese,sconfitta,pirlo,pioli,stadium,olimpico,napoli,gattusoGattuso espugna anche l'Olimpico. Bella rimonta del Milan che passa a Firenze. Bene anche Atalanta e Lazio<p>La 28esima giornata di campionato, giornata molto importante per le inseguitrici dell'Inter, ci regala un'inatteso tonfo casalingo per la Juve, sconfitta allo Stadium per 1 a 0 dal Benevento, mentre vincono e convincono Milan, Napoli, Atalanta e Lazio. In attesa del recupero Inter- Sassuolo (gara non giocata per i tanti affetti da Covid-19), il turno di campionato ci ha regalato l'exploit dei ragazzi di Pippo Inzaghi che inguaiano la Juventus di Pirlo, che rimane a -10 dalla capolista. Dopo ben tre vittorie di fila, decide il goal di Adolfo Gaich, a soli venti minuti dal fischio finale, propiziato da un errato passaggio di Arthur. Resta comunque la pessima prestazione da parte della squadra di Pirlo, con tanti errori a centrocampo, in difesa e sottoporta (eroe della giornata il portiere Montip&#242;, autore di almeno tre interventi decisivi). Ottima prestazione invece per il Milan, che riesce ad imporsi per 3 goal a 2 dopo una grande rimonta, grazie alle reti di Ibrahimovic, Diaz e Chalanoglu. I rossoneri si portano cos&#236; temporaneamente a -6 punti dalla capolista. Partita combattuta e segnata da alti e bassi per entrambe le squadre. Dopo la sconfitta col Napoli e l'eliminazione dall'Europa League contro lo United, serviva una prova di carattere. E Pioli, nonostante le assenze, ha mandato in campo una squadra carica, tonica, che con la giusta determinazione ha sconfitto l'ostica Fiorentina di Prandelli a domicilio. Per i viola pesano i numerosi errori in fase difensiva.Vittorie convincenti anche per l'Atalanta a Verona (2 a 0 per i bergamaschi che agganciano la Juve), per la Lazio a Udine (vittoria quantomai importante e sofferta per a 1 a 0 al Friuli) e per il Napoli all'Olimpico. La banda-Gattuso dopo aver espugnato il Meazza passa nettamente anche a Roma imponendosi per 2 a 0 con la doppietta del ritrovato Mertens, che rilancia i partenopei a 53 punti e con la gara di Torino da recuperare. Adesso non resta che attendere e vedere come si evolver&#224; la &#171;situazione Inter&#187;, che dovr&#224; recuperare la partita con il Sassuolo e vedere se ci saranno ripercussioni sul campionato dovute a questa &#171;pausa&#187;, o se invece i nerazzurri continueranno la loro marcia verso il titolo, che a questo punto sembra davvero vicino per gli uomini di Antonio Conte. Adesso arriva la sosta, con il campionato che riprender&#224; sabato 3 aprile, vigilia di Pasqua, con Milan-Samp, Atalanta-Udinese, Napoli-Crotone, Sassuolo-Roma, Benevento-Parma, Genoa-Fiorentina, Lazio-Spezia, Cagliari-Verona, Bologna-Inter e Torino-Juve.</p><p>Alessandro Vispo</p>ivomesivomes27d06bf3-52c1-4a61-803f-7fe90217ee64.jpgSISnapolivince20aroma-juvepessima-belmilan-benedea.lazio-1013754.htmSI01,02,03,04,05,06,07,08,09,10,1101077n
31013742NewsEditorialeIl Milan perde il primato al termine di una brutta gara giocata al Picco e persa per 2 a 0. L`Inter batte la Lazio e va in testa2021021505:31maggiore,bastoni,ibra,pioli, italiano,milan,capolista,spezia,picco,provedel,donnarumma,salvezzaLa squadra di Italiano si impone con merito sui rossoneri<p><span>Dopo pi&#249; di un anno dall'ultima sconfitta fuori casa per il Milan (Atalanta-Milan 5-0 nel dicembre 2019) i rossoneri vengono sconfitti da un ottimo Spezia, grazie alle reti di Maggiore e Bastoni, e vengono scavalcati dall'Inter (3 a 1 alla Lazio) ad una settimana dal derby. Spezia in palla e ben schierato da Vincenzo Italiano, ma Milan deludente, mai entrato in campo al Picco.</span></p><p><span>Stefano Pioli &#232; deluso ma cerca di guardare al futuro. Ecco le sue parole rilasciate ai microfoni di DAZN nel post-partita: &#171;Dobbiamo reagire e sicuramente lo faremo. Lo Spezia ha vinto nettamente, questa &#232; la prima sconfitta che davvero abbiamo meritato perch&#233; abbiamo messo in campo troppo poco. E' stata una brutta serata per me e per la squadra, ma ripartiremo. Sapevamo che avremmo affrontato un avversario aggressivo, ma non abbiamo offerto una prestazione all'altezza&#187;.</span></p><p><span>Dopo diversi mesi il Milan perde anche il primato in classifica, detenuto dall'Inter, che nel posticipo serale ha battuto per 3 a 1 la Lazio. Risalgono la Roma, che vincendo sull'Udinese sale al terzo posto, il Napoli, che ha sconfitto di rigore una Juve disordinata e poco concreta sotto porta (anche per la bravura del portiere partenopeo Meret), e l'Atalanta, che espugna Cagliari all'ultimo respiro grazie a Muriel.</span></p><p><span>Alessandro Vispo</span></p>Caltagironeivomesivomesitaliano.spezia.jpgSISspezia-vittorioso-sul-milan-sorpassato-da-inter-che-batte-lazio-1013742.htmSI01,02,03,06,07,08,09,10,1101049n
41013697NewsCampionatiIl “Sarrismo?”, un’invenzione giornalistica.20200712172448La Juventus, prima della classe, ha smarrito la sua personalità.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'>Dopo aver visto Juventus – Atalanta, abbiamo riflettuto molto su quanto l’Atalanta sia molto avanti nel gioco rispetto alla Juventus. Un altro mondo, un’altra realtà. E’ innegabile la qualità e l’espressione di gioco profuso della squadra di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Gasperini,</b> che per tutto il primo tempo (e anche oltre), ha impartito lezioni di calcio ai più accreditati avversari. Per lunghissimi tratti della partita abbiamo visto una sola squadra in campo che correva con freschezza a mille all’ora e, soprattutto, sviluppava la coralità di un gioco moderno, molto vicino a quello espresso dalle più forti squadre europee. La Juve di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Sarri</b> non ne ha capito nulla e per tutto il primo tempo, tranne l’unico tiro in porta di Dybala, si è limitata a contenere la brillantezza del gioco dell’Atalanta, non per scelta ma per manifesta superiorità dell’avversario. E mentre Gasperini incanta con Zapata e Malinovskyi, Sarri si salva con due gol su rigore di Cristiano Ronaldo. Regole assurde, quelle arbitrali, regole che sanno di non calcio. Infatti, non è possibile dare tutti questi rigori perché la palla va a sbattere sul braccio del giocatore. Si ritorni all’intenzionalità e al braccio che si allarga dal corpo (giusto quello su Muriel, ingiusto quello causato da De Roon) per assegnare il calcio di rigore. Sia chiaro che non vogliamo far passare il messaggio di una Juve sempre aiutata dagli arbitri, perché a Milano contro il Milan, ad esempio, è stato dato lo stesso rigore inesistente su Bonucci, a cui era sbattuto il pallone sul braccio attaccato al corpo. Non esiste. Questa regola va cambiata e Rizzoli deve saperla modificare fin dall’inizio del prossimo campionato. Detto questo, non possiamo non continuare a sostenere che Sarri sia un allenatore non adatto alla Juve che appare sempre più compassata, priva di idee, fragile dal punto di vista fisico e mentale. Tutte magagne ingigantite da un’Atalanta brillante che meritava di vincere un match largamente dominato. Peccato, perché i sogni scudetto della bellissima squadra di Gasperini finiscono forse qui, visto che è terza in classifica a -9 dalla capolista Juve. Già, la capolista Juve! Che dire di questa squadra di Sarri che doveva essere modificata nella logica di un gioco brillante, divertente e si ritrova nell’inesauribile noiosa tiritera di chi vince il campionato per mancanza di avversari che non hanno la sua stessa regolarità, e poi perde la Champions per l’incapacità di sviluppare un gioco europeo diventato sempre più moderno e carico di logiche atletiche, fisiche, prima ancora che tecniche. Troppo poco per una Juve di campioni mal gestiti da un allenatore caparbio e cocciuto nell’insistere su una sua filosofia sarriana che è solo un’invenzione giornalistica. La Juve era già cinica, vincente in campionato e pure noiosa nel gioco. Cos’è cambiato con Sarri e il “Sarrismo” che ripropone un Danilo “pericoloso”, un centrocampo che cammina ed è incapace di verticalizzare il gioco e fornire palloni giocabili alle punte. E Bernardeschi dov’è finito? Insomma, la Juve vive sulla ritrovata verve di Dybala e su Cristiano Ronaldo. Un po’ poco per una squadra che ha investito fior di milioni di euro per rimanere quello che era. Una corazzata senza l’arma del bel gioco del calcio. Per noi, Sarri ha fallito. Chi lo ha scelto cominci a pensarci seriamente. Naturalmente, ci auguriamo di sbagliarci per i tifosi e il mondo bianconero, che tanto ha a cuore una Juventus che possa finalmente alzare la Champions al cielo. Ma così non va!</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 14pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torino Stadio Allianz Stadiumfl0711fl0711foto-sarri-in-conferenza-stampa-juve.jpgSiN-1013697.htmSi100451001,02,03,0701060
51013677NewsCampionatiIl sogno diventa realtà: Monza, Vicenza e Reggina promosse in Serie B20200609170552Dopo lo stop del campionato di Serie D, il Consiglio Federale decide ufficialmente le società promosse in Serie B nel Campionato 2020/`21<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'>Il Consiglio Federale riunitosi per votare la promozione in Serie B delle tre squadre che guidavano i rispettivi gironi, hanno tratto le seguenti conclusioni:</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'>Vanno in Serie B - Monza, Vicenza e Reggina-</span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'>Con la chiusura del Campionato di Serie D, invece, fanno il salto di categoria nove squadre tra cui il Palermo che torna tra i professionisti a un anno di distanza. Analizziamo dunque le società di calcio promosse, che hanno mandato letteralmente in visibilio i propri tifosi con eccessi di euforia, non proprio consoni al buon comportamento legato al rispetto delle regole anti covid 19. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 16pt;'>Monza</span></b><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'>: Primo nel Girone A con 61 punti, la squadra allenata da <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Christian Brocchi</b> ha reso felice i tifosi brianzoli e, soprattutto il presidente <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Berlusconi </b>e l’amministratore delegato <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Galliani,</b> i quali dopo questa splendida promozione, si prefiggono di costruire una squadra in grado di salire in Serie A già dal campionato successivo. I brianzoli sono tornati in Serie B dopo 19 lunghi anni di attesa. L’euforia è alle stelle e la consapevolezza di avere costruito delle fondamenta molto resistenti nel tempo, si sta facendo largo in un ambiente che avverte l’autostima innescata dalla leadership del presidente Berlusconi.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 16pt;'>Vicenza:</span></b><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'> Primo nel Girone B con 61 punti, la squadra di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Mimmo Di Carlo</b> è stata capolista del girone fino allo stop, con 6 punti di vantaggio sulla Reggio Audace. Questa promozione ha il gusto dolce di una missione compiuta, prova ne è che i veneti biancorossi possono brindare a un ritrovato entusiasmo, che era stato perso dopo il fallimento societario avvenuto nel 2018. Grandi sono le ambizioni di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Renzo Rosso</b>, imprenditore e fondatore di Diesel che ha rilevato il Vicenza e dato forte entusiasmo a tutto l’ambiente biancorosso. Importante è la storia di questa antica società veneta che vanta nei suoi storici annali calcistici, un’epopea di imprese che ancora trasudano tra le gradinate dello storico stadio <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Romeo Menti</b>, sul cui tappeto erboso hanno calcato campioni come <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Romeo Menti, Luis Vinicio, Giulio Savoini e Paolo Rossi</b> il quale, nella seconda metà degli anni settanta, assieme all’allenatore <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Giovan Battista Fabbri</b>, si rese promotore nel raggiungere il secondo posto in Serie A nel Campionato 1977/’78. E poi, come dimenticare <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Roberto Baggio</b>, giovane biancorosso nel Campionato 1984/’85, che fece di quel L.R. Vicenza la palestra iniziale per una luminosa carriera. Dunque, tutto ritorna, e adesso per il Vicenza si prospetta un futuro degno del suo storico passato.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 16pt;'>Reggina:</span></b><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'> Primo nel girone C con 69 punti, gli amaranto calabresi tornano in Serie B come prima forza del girone con ben 9 punti di vantaggio sul Bari prima dello stop. La società del presidente Luca Gallo e dell’allenatore calabrese Domenico Toscano, mancavano dalla Serie B dal 2014, mentre agli inizi del 2000 avevano gustato l’esperienza vissuta nella massima serie. E’ inutile dire il grande entusiasmo che si respira a Reggio Calabria da parte di tutto l’ambiente, per una promozione a lungo sognata e adesso vissuta nella speranza di restare in questa categoria senza nascondere la voglia di ritornare presto in quella massima serie, che è appartenuta ai colori amaranto ai tempi del presidente Foti. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 16pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Romafl0711fl0711serie-b.jpgSiN-1013677.htmSi100451001,02,0301053
61013674NewsCampionatiL’algoritmo dell’anti calcio20200603162328Il Presidente della FIGC Gravina propone un`idea per ultimare il campionato in caso di positività da covid 19<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 8pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 12pt;'>Tra le tante diavolerie pensate dal presidente della FIGC Gravina per portare a termine il campionato 2019/20 interrotto per la nota pandemia da covid 19, ci sono i playoff, i playout e l’algoritmo. Tutto ciò, naturalmente, qualora la partenza che avverrà il 20 giugno prossimo, dovesse incepparsi malauguratamente a causa di un solo positivo da virus che costringerebbe ad attuare la quarantena delle squadre. Siamo all’assurdo di un pallone di Serie A che per il suo alto volume di interessi economici deve iniziare con la paura di non finire. Tenuto conto che playoff e playout sarebbero già mal digeriti dalle società di calcio e pensiamo pure della stessa UEFA, l’algoritmo diventerebbe l’assurda forzatura in un’ultima analisi studiata per definire in fretta e furia chi vincerà lo scudetto, chi parteciperà alla Champions, alla Europa League del prossimo anno e chi sarà retrocesso in Serie B. Siamo all’assurdo di un calcolo matematico che prevede la Media Punti/Partita, la differenza punti casa/trasferta, Calendario mancante, Differenza reti e Gol fatti. Un difficilissimo computo di laurea ingegneristica che disconoscerebbe il senso di un calcio fatto per essere definito sul campo. Certo, capiamo le difficoltà dovute ad un momento epocale di pandemia in cui tutto è insicuro, instabile e di difficile programmazione, tuttavia, forzare un campionato che comunque non potrà definirsi regolare per la mancata prosecuzione naturale delle partite previste nel calendario del campionato di serie A 2019/20, non è certamente il massimo della scelta. Ma questo gioco del calcio, purtroppo, risente troppo degli alti interessi economici che gli gravitano attorno e, come tale, neanche una situazione estrema come quella che stiamo vivendo, può permettere di interrompere un meccanismo oleato da tanti milioni di euro entrati ormai nella logica ordinaria che mette in gioco gli interessi della Lega Calcio e delle Società di Serie A che attendono i lauti proventi derivanti da Sky, dagli sponsor e da altri diritti di immagine, conclusi nei contratti con i calciatori. Adottare l’algoritmo significherebbe finire in fretta e furia qualcosa che ha assoluto bisogno di definirsi senza sé e senza ma. Ma il mondo del calcio, giustamente, è contrario a questo eventuale sistema di applicazione dell’algoritmo in quanto, se è vero che per la sua oggettività eviterebbe un contenzioso in tribunale da parte delle società scontente, è altresì vero che non terrebbe conto della differenza di un incontro con la capolista che non è uguale al confronto con una squadra che è fanalino di coda in campionato. Perplessità che coinvolgono unanimemente i presidenti delle società di calcio di serie A, ma anche tutto ciò che c’è intorno a un sistema calcio che non può accettare una soluzione di questo tipo. Meglio sarebbe non assegnare alcun titolo, fermandosi su quelle che erano state le indicazioni prima del blocco, facendo solamente recuperare le partite non disputate e stilare la partecipazione alle Coppe Europee. Sì, così la situazione si aggroviglia ancor di più, in quanto il pericolo in corso d’opera di un eventuale ma possibile caso positivo al covid 19, farebbe crollare ogni possibilità di continuità. Comunque vedremo cosa accadrà, anche se la ripresa del calcio, pur con tutte le sue attenuanti, resta un motivo di piacevolezza per la gente, per il suo desiderio di riprendere a vivere, per la legittima voglia di perdersi in discorsi opinabili che enfatizzano il tifo di parte. Ma l’algoritmo no. E’ l’anti calcio.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 107%; font-family: "Cambria",serif; font-size: 16pt; mso-fareast-font-family: Calibri; mso-fareast-theme-font: minor-latin; mso-bidi-font-family: "Times New Roman"; mso-bidi-theme-font: minor-bidi; mso-ansi-language: IT; mso-fareast-language: EN-US; mso-bidi-language: AR-SA;'>Salvino Cavallaro&nbsp;<span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b>Romafl0711fl0711presidente-gravina.jpgSiNpresidente-figc-proposta-1013674.htmSi100451001,02,0301082
71013352NewsCampionatiEcco perché Juventus Roma arriva al momento giusto.20171219163228Il fascino del big match dell`antivigilia di Natale. <br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>La 18ma giornata di Serie A (penultima del girone d’andata) ci propone il big match tra Juventus e Roma. Una sfida di antichi veleni e antipatie senza fine, che hanno caratterizzato la storia di queste due società di calcio sempre rivali, più nella forma del mal accettarsi aprioristicamente, che nel reale antagonismo per la conquista del titolo di Campione d’Italia. L’attesa è da sempre spasmodica fra le due tifoserie, tanto da registrare sempre il tutto esaurito nei due stadi di appartenenza. E anche per questo incontro del 23 dicembre, antivigilia di Natale che sarà molto fredda dal punto di vista climatico, duemila e cento tifosi della Roma riempiranno il settore ospiti dell’Allianz Stadium. Nonostante le numerose lamentele per il caro biglietto che ai tifosi giallorossi costerà circa 45 euro, i tagliandi a loro riservati sono andati polverizzati nell’arco di un’ora. Segno evidente che, come sempre, l’attesa per questa partita è davvero intensa. E ne hanno ben donde le due tifoserie ad aspettare con così tanta ansia questo big match dal sapore cruciale, almeno per quanto riguarda la sistemazione nell’alta classifica che potrebbe concorrere anche al titolo d’inverno, sia per la Juve che per la Roma. Il Napoli è capolista con 42 punti, mentre la Juventus segue a 41 e la Roma è a 38. Tenuto conto che i giallorossi devono ancora recuperare una partita, qualora dovessero vincere il big match con la Juve si sistemerebbero al pari della Vecchia Signora. Ma se a vincere la partita saranno i bianconeri, ecco che il titolo d’inverno sarà riservato a Napoli e Juve, che nell’ultimo turno di andata se la vedranno fuori casa, rispettivamente con Crotone e Verona. Comunque, a parte queste considerazioni di carattere numerico, pensiamo che la sfida tra Juventus e Roma arrivi proprio al momento giusto della stagione per situazioni di carattere tecnico che sono molto simili tra loro. Le due squadre, infatti, sono in un momento positivo di forma che sta lievitando domenica dopo domenica. La compagine di Eusebio Di Francesco, fin dall’inizio del campionato sta mostrando tutto il suo valore dal punto di vista tecnico, cui si è aggiunto quell’ordine tattico e mentale che l’ha resa anche cinica e granitica. E non è un caso che domenica scorsa nel match casalingo contro il Cagliari, i giallorossi abbiano sofferto l’avversario per tutta la partita e poi superato con un misero ma importantissimo gol di Fazio proprio allo scadere del match. E’ stata una prova di forza e di grande carattere che non è da sottovalutare. La Juve di mister Allegri, invece, a Bologna ha dato una dimostrazione di squadra che non demorde mai e anche quando sembra non essere all’apice della sua forma, ha dentro di sé grandi valori di caparbietà che fanno sempre la differenza. Il momentaneo problema dovuto alle precarie condizioni di forma di Dybala, non va ad intaccare la crescita globale di una Juve che trova sempre il modo (grazie anche ai tanti campioni della rosa a disposizione di Allegri) di superare certi momenti difficili che per altre squadre potrebbero essere irreparabili. La Juventus sta lievitando molta convinzione nelle proprie forze, in attesa di quel mese di marzo tanto declamato da mister Allegri, in cui, a suo dire, la sua squadra raggiungerà quella condizione di forma fisica e mentale capace di sostenere la dirittura d’arrivo in Champions, ma anche in Campionato. Dunque, alla luce di tutte queste considerazioni, possiamo proprio dire che il big match tra Juventus e Roma arrivi al momento giusto per dare tante risposte sulle ambizioni reali delle due squadre.</span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 16pt;'>Salvino Cavallaro </span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Torino Allianz Stadiumfl0711fl0711foto-max-allegri.jpgSiNecco-perche-juventus-roma-arriva-al-momento-giusto-1013352.htmSi100451001,02,03030227
81013185NewsCampionatiL’analisi della nona giornata di Serie A20161024165917Disamina aggiornata sul campionato di calcio.<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Dopo il tonfo di sabato sera della Juventus a Milano contro i rossoneri di Montella e la vittoria della Sampdoria nel derby di Genova, la domenica calcistica ha dato parecchi spunti di riflessione. Una su tutte la conferma della Roma che vincendo 4 a 1 contro un rabberciato Palermo, si propone in maniera convinta ad essere tra le più titolate squadre pretendenti al titolo di campione d’Italia. La squadra di Spalletti si trova assieme al Milan al secondo posto in classifica, con due punti di distacco dalla capolista Juventus. Ma, mentre la giovane compagine di Montella deve ancora crescere sotto il profilo della maturità e quindi della continuità di risultati, i giallorossi di Spalletti garantiscono maggiore esperienza e campioni che stanno lentamente trovando un gioco d’assieme che lascia ben sperare per il futuro. Anche il Napoli, sempre alle prese con il problema Gabbiadini che è stato espulso a Crotone per fallo di reazione, vincendo in Calabria si porta a terzo posto in classifica a 4 punti dalla Juve. Ma ciò che più conta è che la squadra di Maurizio Sarri è decisa ad uscire fuori da un periodo particolare che ha destabilizzato l’armonia e la tranquillità di inizio campionato. Bene per Torino e Lazio che si dividono la posta in palio e mettono in evidenza grandi presupposti per continuare a far bene in un campionato che potrebbe vederle illuminate da mille motivazioni agonistiche. Chievo e Atalanta proseguono la marcia di una raccolta punti da mettere in cascina per il prosieguo del campionato. La prima ha pareggiato 0 a 0 in casa dell’Empoli, mentre i bergamaschi di Gasperini vincendo 2 a 1 contro l’Inter, si confermano squadra ostica e difficile da affrontare per tutti. Già, l’Inter di Frank de Boer e la sua crisi. Un argomento più volte trattato, discusso e affrontato da noi con particolare attenzione. Una società, quella nerazzurra, che sta forse pagando i tanti errori commessi in questi anni dopo il triplete conquistato da Josè Mourinho. Con l’avvento in società da parte del filippino Erik Thohir e poi della società cinese Suning, le cose si sono aggravate in maniera esponenziale. Prima Mancini in veste di allenatore – dirigente con libertà di far comprare costosissimi giocatori che poi si sono rivelati inutili alla causa nerazzurra e adesso De Boer, l’olandese chiamato a sostituire il Mancio in corsa, che sta pagando forse più del dovuto il suo non conoscere il calcio e la lingua italiana. Insomma, fatto è che anche lui è sulla graticola e in procinto di essere sostituito sulla panchina dell’Inter, qualora dovesse perdere ancora nella prossima partita contro il Torino. Ma, proseguendo ancora nella nostra analisi della nona giornata di Serie A, dobbiamo mettere in evidenza il largo punteggio di 5 a 3 che la Fiorentina di Paulo Sousa ha conquistato contro il Cagliari in terra sarda. Una partita strana, in cui si è evidenziata una giornata in cui le rispettive difese sono apparse molto disattente a beneficio degli attaccanti. Ma la giornata davvero positiva degli avanti viola, hanno dato lustro alle giocate di un centrocampo molto propositivo in fase di ripartenza. Il Cagliari, da parte sua, è incappato in una giornata negativa che ha fatto smaltire la sbornia della vittoria conseguita a Milano contro l’Inter. Per il resto, Bologna e Sassuolo si sono divise la posta in palio pareggiando 1 a 1 una partita vivace, che a tratti ha evidenziato piacevoli spunti tecnici e agonistici. Vince l’Udinese in casa contro il Pescara. Un 3 a 1 molto eloquente del nuovo corso targato Del Neri, capace di far ben sperare i friulani verso una risalita in classifica che significherebbe mettere al sicuro un campionato tranquillo. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><br><br><br><br>Torinofl0711fl0711pallone8.jpgSiNl-analisi-della-nona-giornata-di-serie-a-1013185.htmSi100451001,02,03030402
91013065NewsCampionatiInarrestabile Juve20160118154519Juventus,Massimiliano Allegri,Dybala,Juventus,Massimiliano Allegri,Napoli,SarriDieci vittorie consecutive in campionato, 42 punti in classifica a soli due lunghezze dal Napoli capolista, ma, soprattutto, una grande condizione fisica e mentale che la pone tra le squadre in predicato a vincere lo scudettoDieci vittorie consecutive in campionato, 42 punti in classifica a soli due lunghezze dal Napoli capolista, ma, soprattutto, una grande condizione fisica e mentale che la pone tra le squadre in predicato a vincere lo scudetto; il quinto consecutivo. La <a href="/squadre/juventus.cfm" class="link-6" classname="link-6" target="" name="nome">Juventus</a> di <a href="/personaggi/massimiliano-allegri-1000296.cfm" class="link-6" classname="link-6" target="" name="nome">Massimiliano Allegri</a> non finisce mai di stupire. Eppure sembra ieri che tutti la davano per “morta”, proprio all’inizio di questo campionato in cui si è persino trovata nei bassifondi di una classifica che non poteva essere vera. La Juve è la Juve, pur con tutti gli sbagli iniziali in cui il suo allenatore ha provato con insuccesso, soluzioni tattiche che non sono confacenti alle caratteristiche dei suoi giocatori. 4-3-3 oppure 4-4-2 o anche 4-3-2-1, il mister della Juve all’inizio le aveva provate proprio tutte, cercando d’inventarsi un trequartista che non c’è. E i risultati sono stati quelli che conosciamo. Poi, dopo la batosta subita a <b>Sassuolo</b>, in cui il gol di Sansone ha sancito la crisi della Juventus, c’è stato una sorta di proficuo guardarsi negli occhi tra vecchi e nuovi bianconeri. Ma, soprattutto, da parte di Allegri c’è stato il ritorno a quel 3-5-2 che è fautore di tante conquiste bianconere. <b>Dybala</b> viene finalmente considerato come giocatore d’attacco inamovibile, Mandzukic cresce di partita in partita, Alex Sandro mette in mostra le sue grandi qualità tecniche di talento brasiliano, <b>Khedira</b>, che dopo il lungo infortunio dà il suo apporto essenziale in un centrocampo in cui anche <b>Marchisio</b> aveva bisogno di aiuto. E poi Pogba che ha ritrovato la sua dimensione di gioiellino della Juve, dopo le tante tentazioni estive di mercato che, certamente, sono destinate a continuare. Insomma, la Juve che a cominciare da Buffon, Bonucci, Chiellini, Barzagli, Lichtsteiner e Marchisio stesso, decide di rimboccarsi le maniche e da allora son dolori per tutti. Diciamo subito che all’inizio di queste dieci vittorie consecutive, la squadra di Allegri non ha mostrato di centrare nell’immediato il bel gioco di antica memoria juventina. Ma la grinta, la determinazione e il furore agonistico mostrato in campo, hanno portato vittorie e anche un gioco piacevole, capace di meccanismi in fase di interdizione e d’attacco che sono sembrati finalmente degni del blasone targato Juve. E così, mentre tutti (specie il Napoli di Sarri) aspettano che la Vecchia Signora d’Italia fermi il suo inarrestabile impeto di vittorie, la Juve risponde con un secco 4 a 0 rifilato all’Udinese in terra friulana. In campo una sola squadra che macina gioco, con la testa di continuare a scalare una classifica che fino a due mesi fa era impietosa per i colori bianconeri. Ma questo è il calcio. Sì, perché quando si trovano le motivazioni e l’orgoglio da grande squadra, la musica cambia. Ci sono dati di fatto inconfutabili in questa Juve che è in piena corsa per Scudetto, Chempions League e Coppa Italia. Dati che confermano una media impressionante di risultati che sono il frutto di grande temperamento, coesione e autostima ritrovata. E’ bello il calcio quando sprigiona simili motivi di orgoglio. La Juve, durante la sua lunga e gloriosa storia, ci ha abituato a tutto. Anche a questa lunga serie di vittorie, atte al recupero di un iniziale terreno perduto in maniera anomala. Per questo si dice che la Juve non muore mai.TorinoFL0711FL0711massimiliano-allegri.jpgSiNla-iuve-di-allegri-inarrestabile-1013065.htmSi100451001,02,03,04,05,06,07,08,09,400101154
101012883NewsEditorialeIl Mondiale che non t`aspetti20140618160144Procede la Coppa del Mondo in Brasile, tra delusioni e sorprese<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Quando tutto sembra scontato, ecco che c’è sempre qualcosa che non t’aspetti. Il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Mundial do</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Brasil</b> continua la sua strada fatta di previsioni azzeccate e ciò che non avevi previsto. Non stiamo certamente parlando dell’imprevisto annuncio di matrimonio tra <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Balotelli</b> e la sua <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Fanny</b> e neanche della loro lite che accompagna gli innumerevoli gossip correlati al pallone mondiale. Noi ci riferiamo a ben altro, e cioè, ad esempio, all’inaspettata mancata vittoria del Brasile contro il Messico, che ha dimostrato di essere una squadra ben organizzata e per nulla rinunciataria al bel gioco, nonostante fosse al cospetto di un Brasile che non ha dato l’impressione di essere cinico. Più bello a vedersi che pragmatico, il Brasile ha bisogno di non innamorarsi troppo di sé, di non soffermarsi su evanescenti tocchi di classe che sanno più di narcisismo che di sostanziale gioco di squadra. Certo, i campioni verde oro non si discutono dal punto di vista tecnico, ma danno l’impressione di essere funamboli votati più a deliziare il pubblico che a mettere dentro la porta i palloni che fanno vincere la partita. E così, contro il Messico di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Guillermo Ochoa</b>, (portiere formidabile senza contratto alcuno, per non aver rinnovato con l’Aiaccio) ma anche di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Vazquez,</b> <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Herrera </b>e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Guardado</b>, ci provano addirittura a vincere la partita contro i “mostri sacri” della <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Selecao.</b> I nostri occhi, dunque, hanno visto un bel Messico e, inaspettatamente, un assai mediocre Brasile che non è andato oltre lo 0 a 0. Anche la <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Russia</b> di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Capello</b> non è andata oltre l’1 a 1 contro la <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Corea del Sud</b> nel gruppo H. <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Don Fabio</b> è stato “tradito” dalla papera madornale del suo portiere <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Akinfeev</b> che su tiro di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Lee Keun Ho</b>, si è lasciato sfuggire il pallone in rete come fosse una saponetta. Poi, per fortuna, la Russia riacciuffa il risultato grazie alla rete di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Kherzakov,</b> suo uomo simbolo. Un pari che certamente non accontenta <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Capello,</b> il quale dovrà trovare soluzioni diverse se vorrà conquistare gli ottavi di finale. Nello stesso girone H, il <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Belgio</b> vince contro l’ostica <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Algeria</b> per 2 a 1 ed è già capolista. Nel girone G, buon esordio degli <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Stati Uniti</b> del tedesco <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Jurgen Klinsmann</b>, che battendo il Ghana si portano in testa alla classifica con 3 punti a parità della Germania; e non è davvero poca cosa. Riassumendo la situazione, possiamo dire che ad oggi, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Croazia, Spagna, Inghilterra, Uruguay, Portogallo e Russia</b> sembrerebbero le squadre che hanno inaspettatamente deluso, mentre hanno confermato i pronostici della vigilia, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Francia</b>, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Svizzera, Germania, Argentina, Olanda, Italia</b>, con il sorprendente <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Messico </b>e la <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Selecao Verde Oro</b> che è da rivedere. Per il resto, a 48 ore dalla partita contro la <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Costa Rica</b> (anch’essa sorprendente per trovarsi in testa alla classifica a pari punti dell’Italia), gli azzurri di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Prandelli </b>sembrano proiettati su tre cambi: il rientro di <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Buffon</b> e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Thiago Motta</b>, con <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Abate </b>a destra, <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Darmian</b> sull’out di sinistra e <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Chiellini </b>che ritorna nel suo ruolo naturale di centrale, rilevando <b style="mso-bidi-font-weight: normal;">Paletta.</b> E intanto il Mundial procede il suo cammino, tra pomeriggi assolati, carichi di asfissiante umidità e lunghe notti italiane che pur deste, danno l’opportunità di sognare un azzurro che…! Chissà cosa accadrà. <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Brasilefl0711fl0711pallone8.jpgSiNil-mondiale-che-non-t`aspetti-1012883.htmSi100451001,02,03030363
111012830NewsCalcio EsteroLiga, 35a giornata: pari tra Elche e Levante, il Real in campo stasera20140426085016liga spagnola, atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoReal Madrid in campo alle 20 contro l`OsasunaSi dividono la posta in palio Elche e Levante nell'anticipo del venerdì, valevole per la 35a giornata di Liga spagnola. 1-1 il risultato finale con le reti di Boakye per i padroni di casa e di Angel per gli ospiti. Partita divertente nella quale si sono registrati 22 tiri in porta (record in questa stagione) nonostante il fatto che il Levante sia la squadra con meno percentuale di possesso palla di tutto il campionato (37%) e l'Elche con meno gol realizzati&nbsp;negli incontri casalinghi di tutta Europa (13). Un punto solo, dunque, per gli illicitani, che speravano di sganciarsi definitivamente dalla lotta per non retrocedere e che, invece, riescono solamente a raggiungere quota 36 punti a +4 dal terz'ultimo posto attualmente occupato dal Getafe; il Levante, di contro, con 42 punti è ad un passo dal celebrare la permanenza nella massima categoria.<br>Come al solito saranno 4 gli incontri che caratterizzeranno il sabato di Liga e tra le grandi solamente il Real Madrid, reduce dall'impresa del Bernabeu contro il Bayern Monaco, sarà impegnato oggi. <br>Alle 16 andrà in scena allo stadio Los Carmenes Granada-Rayo Vallecano. Le due formazioni giungono a questo impegno con la salvezza ormai quasi raggiunta. Al&nbsp; Rayo manca solo la certezza matematica, mentre per il Granada, nonostante la sconfitta rimediata a Siviglia può ancora vantare cinque punti di vantaggio sul Getafe. <br>Da rilevare anche come i padroni di casa, nel girone di ritorno, abbiano fatto del fattore campo il proprio punto di forza, lasciando scappare solo 8 punti dall'inizio dell'anno e avendo vinto 4 degli ultimi 5 incontri casalinghi. Per conquistare i 3 punti e la salvezza il Granada si affiderà alle due stelle, Yacine Brahimi e Youssef El Arabi che, insieme, hanno segnato 6 degli ultimi 7 gol della compagine andalusa.<br>Alle 18 si giocherà le ultime possibilità proprio il Getafe per evitare l'amara retrocessione in Liga Adelante. La squadra di Madrid è reduce da un buon&nbsp;pareggio a Valencia contro il Levante e si trova ora ad occupare la fatidica terz'ultima posizione a quota 32 insieme al Valladolid, mentre il Malaga dall'alto&nbsp; dei suoi 41 punti può godersi un finale di campionato senza grossi patemi d'animo.&nbsp; Inutile dire che per il Getafe si tratta di una delle partite più importanti dell'ultima decade: dopo 9 stagioni consecutive nella massima serie, avendo disputato anche le coppe europee e due finali di coppa del Re, il Getafe è in pericolo e le sensazioni che accompagnano "los azulones"(gli azzurri) non sono delle migliori.<br>Alle 20, finalmente, toccherà al Real Madrid di Carlo Ancelotti, ancora in corsa su tutti i fronti, anzi con la coppa del Re già in bacheca e la finale di Lisbona di Champions League ad un passo. Proprio il pensiero della sfida in Germania potrebbe essere l'unica insidia odierna: bisognerà mantenere la calma e la concentrazione anche perchè l'Osasuna lotta per non retrocedere ed è reduce da una striscia di 4 risultati utili consecutivi. Con una vittoria il Real si porterebbe a meno 3 dalla capolista Atletico e, come è noto, avendo giocato una partita in meno, che sarà recuperata il 7 maggio. <br>Infine, chiuderà il sabato di Liga, Betis-Real Sociedad. Il Betis, fanalino di coda, a meno dieci punti dalla quota salvezza, probabilmente sta già pensando a come risalire nella massima categoria. Non ha più nulla da chiedere al campionato se non quello di salvare, almeno, l'onore e retrocedere a testa alta per quanto possibile.<br>Mentre i baschi della Real Sociedad, grazie al rocambolesco successo contro l'Espanyol, ha compiuto un passo importante verso l'Europa. Infatti, a quattro&nbsp; turni dalla fine del campionato, la Real Sociedad è sesta, con due punti di vantaggio sul Villareal (la settima si qualifica per la prossima Europa League sempre che non sia il Valencia ad aggiudicarsi quella in corso). <br><br>LIGA – Programma e Risultati 35/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Elche-Levante 1-1&nbsp; 63'Boakye(E) - 74'Angel (L)<br><br>Oggi<br><br>Granada-Rayo Vallecano<br>Getafe-Malaga<br>Real Madrid-Osasuna<br>Betis-Real Sociedad<br><br>Domani<br><br>Espanyol-Almeria<br>Valencia-Atletico Madrid<br>Athletic Bilbao-Siviglia<br>Villarreal-Barcellona<br><br>Lunedì<br><br>Celta Vigo-Valladolid<br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-35-pari-tra-elche-e-levante-real-madrid-contro-osasuna-1012830.htmSi100427901,02,03030416
121012802NewsCalcio EsteroLiga,31a giornata:la capolista Atletico rischia a Bilbao20140329102144Liga spagnola, atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoIn campo tutte le grandiLiga spagnola di nuovo in campo, senza sosta dopo il turno infrasettimanale, per dare vita alla 31a giornata. Ne mancano otto e la lotta per la conquista del titolo è più che mai aperta. Le grandi del calcio iberico andranno tutte in campo oggi ma ci saranno da valutare diversi aspetti perchè martedì e mercoledì si giocherà l'andata dei quarti di finale di Champions League e il derby tutto spagnolo tra Atletico e Barcellona. Ma andiamo con ordine.<br>Alle 16 fischio d'inizio al "Cornellà-El Prat" del derby catalano tra Espanyol e Barça. All'andata si imposero di misura gli azulgrana del Tata Martino grazie alle rete di Alexis Sanchez ed è chiaro che la differenza di tasso tecnico tra le due squadre è veramente abissale. Ma un derby è pur sempre un derby e nonostante l'Espanyol non ha più nulla da chiedere al campeonato, dato che naviga lontano dai posti europei e lontano dalla zona retrocessione, l'11 di Aguirre proverà a regalare ai propri tifosi quella gioia che solo una vittoria nel derby può dare. Certamente i precedenti non fanno ben sperare: negli ultimi 4 scontri diretti, infatti, il Barcellona ha vinto sempre con un complessivo 11-0 e per rintracciare l'ultimo successo dell'Espanyol bisogna risalire al 2009.<br>Aguirre non dovrà fare i conti nè con problemi gravi d'infermeria nè con squalificati però sì con alcuni dubbi che rispondono ai nomi del centrocampista David Lopez e dell'attaccante Jhon Córdoba; il Tata Martino, oltre ai lungodegenti Puyol e Cuenca dovrà fare a meno del portiere Victor Valdes. <br>Alle 18 al "Balaidos" andrà in scena Celta-Siviglia. I padroni di casa sono reduci dalla prevedibile sconfitta proprio contro il Barcellona e conservano ancora&nbsp; 5 punti di vantaggio sulla zona retrocessione, ma lo stato di forma e di grazia del Siviglia incute paura, reduce da 6 vittorie consecutive e, soprattutto, dalla splendida vittoria ottenuta contro il Real Madrid un paio di giorni fa. Nel Siviglia Unai Emery ha già scritto una pagina importante di storia dato che mai prima d'ora gli andalusi avevano inanellato una serie di 6 vittorie di fila&nbsp;nella massima categoria. Tra le fila del Celta, Luis Enrique dovrà sopperire alle assenze di Cabral infortunato e, probabilmente, di Rafinha che soffre un'artrite all'alluce del piede sinistro; in compenso recupererà Wellinton e Krhon-Dehli che hanno scontato una giornata di squalifica.<br>Alle 20, a Bilbao, l'incontro più importante della giornata, ossia quello tra l'Athletic e l'Atletico Madrid. Per gli uomini di Simeone, primi in classifica, quindi, una trasferta insidiosissima. All'andata finì 2-0 per l'Atletico con i gol di Villa e Diego Costa ma a Bilbao, probabilmente, sarà tutta un'altra storia. I baschi in casa hanno battuto il Barcellona e pareggiato contro il Real e sono sempre andati a segno in tutte e 17 le gare disputate in casa. Inoltre i bilbaini sono imbattuti da 6 giornate e in casa hanno totalizzato ben 36 punti. Quest'oggi, però, Valverde dovrà fare a meno di elementi importanti come Kike Sola, Gurpegi ed Herrera. Simeone, invece, recupererà Felipe Luis, che rientra dalla squalifica.<br>Infine alle 22 un altro derby stracittadino, quello tra Real Madrid e Rayo Vallecano. Per mera statistica difficlmente il Real perderà di nuovo giacché è reduce da due sconfitte di fila. Ma il calcio a volte sa soprendere e il Rayo, certamentente non paragonabile al talentuoso Real Madrid, si accinge ad affrontare&nbsp; l'impegno odierno senza eccessivi patemi d'animo e con una striscia positiva di 5 turni che ha permesso di uscire dalle sabbie mobili della zona retrocessione che, adesso, è lontana 5 punti. Il Real sarà impegnato mercoledì nei quarti di finale di champions contro i tedeschi del Borussia Dortmund ma non può permettersi il lusso di ulteriori passi falsi perchè la vetta, con due avversari come Atletico e Barça, potrebbe allontanarsi definitivamente.<br><br>LIGA – Programma e Risultati 31/a Giornata<br><br>Oggi<br><br>Espanyol-Barcellona<br>Celta-Siviglia<br>Athletic Bilbao-Atletico Madrid<br>Real Madrid-Rayo Vallecano<br><br>Domani<br><br>Valladolid-Almeria<br>Osasuna-Real Sociedad<br>Villareal-Elche<br>Valencia-Getafe<br><br>Lunedì<br><br>Granada-Levante<br>Betis-Malaga<br><br>CLASSIFICA <br><br>1)At.Madrid 73<br>2)Barcellona 72<br>3)Real Madrid 70<br>4)At.Bilbao 56<br>5)Siviglia 50<br>6)Real Sociedad 49<br>7)Villareal 48<br>8)Espanyol 40<br>9)Valencia 40<br>10)Levante 37 <br>11)Granada 34<br>12)Celta 33<br>13)Rayo 33<br>14)Malaga 32<br>15)Elche 31<br>16)Almeria 30<br>17)Osasuna 29<br>18)Getafe 28 <br>19)Valladolid 27 <br>20)Betis 22<br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-31-atletico-madrid-rischia-a-bilbao-1012802.htmSi100427901,02,03030500
131012799NewsCalcio EsteroLiga,30a giornata: una Bacca avvelenata per il Real Madrid20140327092320Liga spagnola, Atlético Madrid, barcellona, real Madrid, athletic bilbaoCade il Real a Siviglia, Atletico in vettaTurno infrasettimanale di Liga spagnola, valido per la 30a gironata di Liga, ricco di emozioni. La notizia, in primis, è che il Real Madrid, dopo aver perso il "classico", cade per la seconda volta in 3 giorni, in quel di Siviglia, e scivola in terza posizione. Certo, nulla ancora è deciso ma è significativo il fatto che due sconfitte di fila il Real non le faceva registrare dal 2009. "Merengues" sconfitte 2-1 in casa di un meraviglioso Siviglia che inanella la sesta vittoria di fila. Decidono due reti del colombiano Carlos Bacca (12 gol) che raggiunge e ribalta l’iniziale vantaggio di Cristiano Ronaldo. La vittoria&nbsp; del Siviglia ha, secondo me, dei nomi e cognomi ben precisi: intanto quello di Unai Emery che si conferma allenatore esperto e adatto a realtà calcistiche di medio-alto livello e, poi, quelli di Bacca, Rakitic e del portiere Beto.<br>E l'Atletico di Simeone si ritrova capolista solitario con 73 punti in virtù del successo casalingo, seppur di misura, sul Granada. A decidere l'incontro ci pensa l'ispano-brasiliano Diego Costa che centra la 23a marcatura stagionale. Al secondo posto, con 72 punti, c'è il Barcellona che rifila tre rei al Celta&nbsp;Vigo; doppietta di Neymar e 22° centro per Leo Messi. Per i catalani, però la brutta notizia è l'infortunio di Valdés costretto ad uscire in barella, a scricchiolare è il ginocchio del portiere. Il modo con il quale Valdés abbandona il campo non fa presumere nulla di buono, quasi piangendo e tappandosi il volto con le mani, bisognerà&nbsp; aspettare, quindi, gli esami clinici per sapere quale sarà il futuro prossimo dell'estremo difensore del Barça.<br>Nel quarto incontro disputato ieri, importante per quando riguarda la corsa alla salvezza, il Rayo Vallecano batte l'Osasuna grazie ad un rigore trasformato da Larrivey a tempo scaduto. <br>Si chiuderà stasera la 30a giornata con altri 4 incontri, due alle 20 e due alle 22. <br>Al Al Coliseum Alfono Perez si affronteranno Getafe e Villareal, due squadre che ultimamente sono alquanto in difficoltà. I padroni di casa non vincono addirittura da novembre ed occupano la terzultima posizione con 28 punti; gli ospiti certamente non sono preoccupati dalla retrocessione ma la delusione è grande visto che hanno cullato per gran parte della stagione quella quarta posizione che darebbe accesso ai preliminari di Champions League. Ormai, però, è troppo tardi, è mancata la continuità, ma resta il fatto che, da matricola, il "sottomarino giallo" abbia disputato una stagione al di sopra di ogni aspettativa.<br>In contemporanea si disputerà Real Sociedad-Valladolid. I padroni di casa, dopo la sconfitta di lunedì sera in casa dell'Almeria, si trovano a -9 dal quarto posto e a questo punto non resta che accontentarsi di inseguire un posto in Europa League.<br>Infine, andranno in campo le due compagini di Valencia. I "pipistrelli" del Valencia ad Almeria e i "granotes" del Levante contro il fanalino di coda Betis.<br><br>LIGA – Risultati 30/a Giornata<br><br>Martedì<br><br>Malaga-Espanyol 1-2&nbsp; 33'Sergio Garcia-76' Pizzi(E) - 34'Perez(M)<br>Elche-Athletic Bilbao 0-0<br><br>Ieri<br><br>Barcellona-Celta Vigo 3-0&nbsp;&nbsp; 6'-67'Neymar-30' Messi<br>Rayo Vallecano-Osasuna 1-0&nbsp; 90'Larrivey<br>Atletico Madrid-Granada 1-0&nbsp; 63'Diego Costa<br>Siviglia-Real Madrid 2-1&nbsp; 14'C.Ronaldo(R) - 19'-72'Bacca(S)<br><br>Oggi<br><br>Getafe-Villarreal<br>Real Sociedad-Valladolid<br>Almeria-Valencia<br>Levante-Real Betis<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)At.Madrid 73<br>2)Barcellona 72<br>3)Real Madrid 70<br>4)At.Bilbao 56<br>5)Siviglia 50<br>6)Real Sociedad 46 *<br>7)Villareal 45 *<br>8)Espanyol 40<br>9)Valencia 39 *<br>10)Levante 37 *<br>11)Granada 34<br>12)Celta 33<br>13)Rayo 33<br>14)Malaga 32<br>15)Elche 31<br>16)Almeria 29 *<br>17)Osasuna 29<br>18)Getafe 28 *<br>19)Valladolid 27 *<br>20)Betis 19 *<br><br>* 1 partitta in meno<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>SpagnaFL0411FL0411diegocosta.jpgSiNliga-giornata-30-real-madrid-sconfitto-a-siviglia-atletico-in-vetta-1012799.htmSi100427901,02,030301526
141012796NewsCalcio EsteroLiga,30a giornata: il Real rischia grosso a Siviglia20140326092619Liga spagnola, atlético Madrid, real Madrid, barcellona, athletic bilbaoStasera in campo le tre bigIn campo anche la Liga spagnola, come tanti altri campionati europei, per il turno infrasettimanale valido per la 30a giornata. Nei due anticipi giocati ieri vittoria, in trasferta a Malaga, dell'Espanyol e pareggio a reti bianche dell'Athletic Bilbao sul campo dell'Elche. Incontro piacevole quello disputato a "La Rosaleda" di Malaga con i padroni di casa che non vincono tra le mura amiche da quasi due mesi in occasione della rimonta in extremis contro il Siviglia.<br>Sorride, invece, l'Espanyol di Aguirre grazie soprattutto a Sergio Garcìa e Stuani e tocca quota 40 punti con i quali ancora mantiene viva una minima speranza di raggiungere i posti che valgono l'Europa. <br>Saranno quattro gli incontri odierni, due alle 20 e due alle 22, e saranno protagoniste tutte le prime della classe. Il Barcellona dovrà dare continuità alla splendida vittoria al Santiago Bernabeu di pochi giorni fa contro il Celta Vigo di Luis Enrique, il quale, già si vocifera, potrebbe diventare il nuovo allenatore dei catalani in caso di addio di Tata Martino. Sarebbe il ritorno di una bandiera dato che Luis Enrique con la maglia blugrana ha disputato 300 partite, realizzato 109 reti e vinto 3 campionati, 2 Coppe del Re, 1 Supercoppa, 1 Coppa delle Coppe ed una Supercoppa Europea, oltre che avere allenato per tre stagioni il Barcellona B.<br>Adesso, però, deve pensare a salvare il suo Celta e deve farlo passando indenne dal Camp Nou contro un Barça che ultimamente ha stentato ma che è reduce, come detto, dall'impresa di Madrid. Non sarà semplice perché&nbsp;il Barcellona in casa è una macchina perfetta e con l'obiettivo campionato, che in caso di vittoria finale sarebbe il settimo negli ultimi 10 anni.<br>In contemporanea si giocherà Rayo Vallecano-Osasuna, due squadre che al momento festeggerebbero la salvezza ma che non possono permettersi alcun lusso visto che i punti di distacco dal Getafe terzultimo sono troppo pochi. Il Rayo è imbattuto da quattro turni (tre vittorie consecutive e un pareggio); l'Osasuna, invece, è in&nbsp; netta crisi di risultati(quattro sconfitte consecutive). <br>Alle 22, quindi, in campo, le due compagini di Madrid. L'Atletico riceverà al "Vicente Calderòn il Granada con il cuore pieno di entusiamo per essere attualmente la capolista a nove giornate dal termine. Il Granada di Luis Alcaraz è reduce dalla vittoria contro l'Elche ma in trasferta è poca cosa e in questa stagione stagione ha collezionato 7 sconfitte. Inoltre mancheranno, tra le fila degli andalusi, uomini importanti come Piti, Llori e, probabilmente, il portiere titolare, Roberto Fernández con una caviglia dolorante.<br>Sulla carta, delle tre grandi sorelle, l'impegno più arduo sarà quello del Real Madrid sul campo del Siviglia. Intanto gli uomini di Ancelotti devono superare il blocco psicologico che probabilmente si porteranno dietro dall'essere stati travolti dal Barcellona e, sicuramente, il Siviglia non è l'avversario migliore per rimettersi in marcia. Gli uomini di Unai Emery sono, infatti, reduci da 5 vittorie consecutive e dall'incredibile rimonta contro i "cugini" del Betis negli ottavi di finale d'Europa League. Improbabile che possano raggiungere la qualificazione ai preliminari di Champions visto che il quarto posto dista 9 punti.<br>Superfluo dire che il Real è obbligato a vincere perchè a questo punto della stagione due sconfitte consecutive potrebbero far perdere il treno per la vittoria finale e dovrà farlo senza poter contare su Sergio Ramos e Angel Di Maria squalificati, che saranno, presumibilmente, sostituiti da Varane e Isco.<br><br>&nbsp;<br>LIGA – Risultati 30/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Malaga-Espanyol 1-2&nbsp; 33'Sergio Garcia-76' Pizzi(E) - 34'Perez(M)<br>Elche-Athletic Bilbao 0-0<br><br>Oggi<br><br>Barcellona-Celta Vigo<br>Rayo Vallecano-Osasuna<br>Atletico Madrid-Granada<br>Siviglia-Real Madrid<br><br>Domani<br><br>Getafe-Villarreal<br>Real Sociedad-Valladolid<br>Almeria-Valencia<br>Levante-Real Betis<br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-30-in-campo-le-tre-grandi-real-rischia-a-siviglia-1012796.htmSi100427901,02,03030376
151012756NewsCalcio EsteroLiga, 27a giornata: sabato in-Fausto per il Barcellona, Atletico corsaro20140309084620Liga spagnola, Real Madrid, Barcellona, Atlético Madrid, Athletic BilbaoCrolla il Barcellona a Valladolid, l`Atletico stende il CeltaBenvenuto tra i rifiuti cantava Fausto Rossi, in arte Fausto'o, verso la fine degli anni '70 e tra i rifiuti sguazza da ieri il Barcellona, che fu delle meraviglie.<br>I catalani escono con le ossa rotte dal José Zorrilla di Valladolid, sconfitti di misura proprio dalla rete segnata nella prima frazione di gioco dall'italiano Fausto Rossi, classe 1990, cresciuto e di proprietà della Juventus.<br>Non è stata, però, una sconfitta arrivata per caso o per sfortuna; il Valladolid ha disputato un incontro brillante, un primo tempo asfissiante per la qualità e la quantità del pressing attuato e un secondo tempo meraviglioso se si considera la voglia che i castigliani hanno dimostrato di avere nell'aiutarsi reciprocamente in qualsiasi zona del campo e con una difesa ordinata e sempre attenta. La reazione del Barcellona è stata in alcuni tratti veemente ma quasi&nbsp;sempre inefficace nel trovare gli sbocchi giusti per le proprie giocate offensive. <br>Discorso diverso, invece, per l'Atletico Madrid che, privo di Diego Costa, Arda Turan e Godin, riesce ad espugnare il Balaìdos di Vigo grazie alla doppietta di David Villa.<br>Risultato che appare, comunque, bugiardo considerato che fino al minuto 60 gli uomini di Simeone erano apparsi in seria difficoltà, confermando il momento non proprio positivo<br>(due vittorie nelle precedenti nove partite). Il Celta resta a metà classifica ma, complice la clamorosa vittoria del Valladolid contro il Barcellona vede&nbsp;assottigliarsi a soli 4 punti il margine sulla zona retrocessione.<br>Nonostante l'assenza del giocatore più importante, Rafinha, Luis Enrique ha modellato una squadra difficile da superare, che migliora giornata dopo giornata. L'Atletico è stato messo in difficoltà per gran parte dell'incontro grazie a buone trame di gioco, alla buona prestazione di Nolito e ad un preziosissimo Oubina davanti alla difesa. Simeone può ritenersi più che soddisfatto per essere tornato a casa con i tre punti e con il sogno in tasca di lottare fino alla fine contro i cugini del Real per la conquista del titolo.<br>Negli altri incontri disputati ieri fanno notizia lo stop del Villareal che perde malamente a Granada contro una squadra che non vinceva da parecchio tempo e la vittoria del fanalino di coda Betis che, con il medesimo risultato, fa fuori un Getafe ormai allo sbando. Zona salvezza che resta ancora lontanissima per i betici che cominciano a coltivare il rimpianto per una stagione che poteva essere più all'altezza del proprio blasone.<br>Anche oggi saranno 4 gli incontri che caratterizzeranno la domenica di Liga spagnola. Si parte alle 12 con Espanyol-Elche. I catalani si trovano in una sorta di limbo, lontani dalle posizioni che valgono l'Europa e lontani dalla zona retrocessione; i tre punti servono solo per far felici i tifosi che vivono un momento di scoramento. Storicamente il campo dell'Espanyol è considerato uno dei campi più difficili di Spagna e quest'anno, invece, non è stato un fortino inespugnabile, anzi, tutto il contrario; infatti la squadra di Aguirre ha vinto solo 3 degli ultimi 8 incontri casalinghi. Dall'altro lato, l'Elche, che per la prima volta calcherà il prato de El Prat, vive un buon momento, avendo perso solo contro il Real negli ultimi 5 incontri di campionato disputati, da tenere in conto, però, che non vince in trasferta da ottobre 2013. <br>Alle 17 sarà la volta del derby tra Almeria e Siviglia. Incontro sentitissimo per i padroni di casa anche per alcune connotazioni sociali e politiche di rivalsa nei confronti del capoluogo andaluso. Partita della vita, quindi, per l'Almeria che ha bisogno di punti per conquistare la salvezza, dall'altro lato un Siviglia che giovedì affronterà il primo dei due turni di Europa League contro il Betis in un altro derby infuocato.<br>Alle 19 toccherà al Real Madrid approfittare dello scivolone del Barça e mantenere a debita distanza l'Atletico. L'avversario sarà il piccolo ma mai domo Levante.<br>I valenciani non hanno nulla da perdere e non hanno nemmeno problemi di classifica dato che non perde da 8 giornate; peseranno, comunque, le assenze di Diop e Simao Mate infortunati e di Casadesùs squalificato. Tutto sta, dunque, nella testa e nei piedi della capolista Real, una squadra, forse, poco spettacolare ma che rispecchia totalmente il carattere e il pragmatismo di Carlo Ancelotti.<br>Infine, alle 21, chiuderà la domenica di Liga un interessante Valencia-Athletic Bilbao. I padroni di casa hanno interrotto la settimana scorsa in casa del Rayo Vallecano una striscia positiva che durava da sei giornate ed è costretto a disputare un finale di stagione perfetto se vuole ancora raggiungere i posti validi per l'Europa; di contro, l'Athletic può tranquillamente considerarsi la vera sorpresa di questo campionato. L'undici allenato da Ernesto Valverde,&nbsp;ha sei punti di vantaggio sulla quinta in classifica e culla il sogno dei preliminari di Champions League.<br><br><br>LIGA – Programma e Risultati 27/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Valladolid-Barcellona 1-0&nbsp; 17'Rossi<br>Real Betis-Getafe 2-0&nbsp; 16'Leo Baptistao-39'Ruben Castro<br>Celta Vigo-Atletico Madrid 0-2&nbsp; 62'-64'Villa<br>Granada-Villarreal 2-0&nbsp; 23'Rico-33'El Arabi<br><br>Oggi<br><br>Espanyol-Elche<br>Almeria-Siviglia<br>Real Madrid-Levante<br>Valencia-Athletic Bilbao<br><br>Domani<br><br>Osasuna-Malaga<br>Real Sociedad-Rayo Vallecano<br><br>SpagnaFL0411FL0411fausto-rossi.jpgSiNliga-giornata-27-barcellona-perde-atletico-vince-1012756.htmSi100427901,02,03030358
161012720NewsCalcio EsteroLiga,25a giornata: crolla anche l`Atletico, sorride Ancelotti20140224090945Liga spagnola, Real Madrid, Barcellona, Atlético MadridReal Madrid in vettaLa 25a giornata di Liga spagnola regala emozioni, risultati a sopresa ed un'unica capolista: il Real Madrid di Carlo Ancelotti. <br><br>Dopo il Barcellona anche l'Atletico Madrid va in "black-out" e torna a casa, dalla trasferta di Pamplona, con un contundente 0-3 al passivo. Partita perfetta dell'Osasuna che tramortisce gli uomini di Simeone già nel primo tempo grazie alle reti di Cejudo, Armenteros e Raul Torres. Suona, quindi, più di un campanello d'allarme in casa&nbsp;Atletico che due settimane fa era <br>uscito con le ossa rotte anche dal campo dell'Almeria e, si sa, nel calcio una battuta d'arresto ci può stare, ma due consecutive diventano la dimostrazione che qualcosa smette di funzionare nell'ingranaggio. E se una perde, c'è l'altra che vince. E' doveroso parlare e sottolineare la grande prestazione dell'Osasuna, il miglior Osasuna della stagione, ancor di più di quello che impose il pari a Real e Barça. <br>Simeone avrà tutta la settimana per curare le ferite della propria creatura, si consolerà del fatto che non avrà squalificati e infortunati, ma avrà bisogno del vero Atletico domenica prossima quando al "Vicente Calderòn" affronterà proprio il Real Madrid.<br>Tra le altre sfide della domenica da segnalare il ritorno al successo dell'Athletic Bilbao, 2-0 sul campo del fanalino di coda Betis, che mantiene la quarta posizione e un vantaggio di 4 punti sulla Real Sociedad. Sul risultato finale, però, incide e non poco la "longa manus" del direttore di gara che nega due rigori&nbsp; evidentissimi agli andalusi ( uno per un fallo su Ruben Castro e l'altro per un fallo di mano di Balenziaga) e, poi, ne fischia uno molto dubbio ai baschi. Il Betis, <br>tutto cuore e tristezza chiude l'incontro in 9 per le espulsioni di Perquis e Lorenzo Reyes.<br>Tornano a sorridere anche il Siviglia di Unai Emery che espugna lo stadio del Rayo Vallecano con firma di Coke e il Valencia che supera 2-1 a tempo scaduto il Granada con una zampata decisiva di Vezo.<br>La 25a giornata si chiuderà stasera con il posticipo tra Espanyol e Villareal. I padroni di casa sono reduci da due importanti successi (Granada e Athletic Bilbao) e attualmente occupano una più che dignitosa decima posizione. Naturalmente sono altre le aspirazioni del Villareal che, forse, nelle ultime domeniche sta pagando dazio alla stanchezza derivante da una stagione intensa vissuta sempre nelle primissime posizioni. Per il "sottomarino giallo" sbancare "El Prat" di Barcellona sarebbe un toccasana per rilanciarsi all'inseguimento di Real Sociedad e Athletic Bilbao.<br><br>LIGA – Risultati 25/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Valladolid-Levante 1-1&nbsp; 25'Casadesus(L) - 52'Guerra(V)<br><br>Sabato<br><br>Real Madrid-Elche 3-0&nbsp; 34'Illaramendi-71'Bale-81'Isco<br>Celta Vigo-Getafe 1-1&nbsp; 20'Lafita(G) - 59'Rafinha(C)<br>Real Sociedad-Barcellona 3-1&nbsp; 32'a.gol Song-54'Griezmann-59'Zurutuza(R) - 36'Messi(B) <br>Almeria-Malaga 0-0<br><br>Ieri<br><br>Rayo Vallecano-Siviglia 0-1&nbsp; 57'Coke<br>Real Betis-Athletic Bilbao 0-2&nbsp; 34'Muniain-81'Fernandes<br>Valencia-Granada 2-1&nbsp; 47'Piti(G) - 64'Paco-91'Vezo(V)<br>Osasuna-Atletico Madrid 3-0&nbsp; 6'Cejudo-21'Armenteros-42'Raul Torres<br><br>Lunedì<br><br>Espanyol-Villarreal<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Real Madrid 63<br>2)Barcellona 60<br>3)At.Madrid 60<br>4)At.Bilbao 47<br>5)Real Sociedad 43<br>6)Villareal 40<br>7)Siviglia 35<br>8)Valencia 35<br>9)Levante 33<br>10)Espanyol 32<br>11)Celta 30<br>12)Osasuna 29<br>13)Granada 27<br>14)Elche 26<br>15)Getafe 26<br>16)Almeria 26<br>17)Malaga 25<br>18)Valladolid 22<br>19)Rayo 20<br>20)Betis 14<br><br><br>SpagnaFL0411FL0411Ancelotti41.jpgSiNliga-giornata-25-crolla-anche-atletico-madrid-real-madrid-primo-1012720.htmSi100427901,02,03030393
171012711NewsCalcio EsteroLiga, 25a giornata: il Barcellona rischia a San Sebastian20140222100557Liga spagnola, Barcellona, Real Madrid, Atlético MadridDifficile trasferta per il Barcellona, il Real sogna la vettaPareggio tra Valladolid e Levante nell'anticipo della 25a giornata di Liga spagnola. Incontro per nulla entusiasmante ma, comunque, giocato con grande intensità. Per i valenciani è la settima partita consecutiva senza sconfitte, mentre per il Valladolid è un occasione persa per allontanarsi dalla zona retrocessione. Dopo il vantaggio levantino con Casadesus, ci pensa il solito Javi Guerra a riequilibrare il conto.<br>Il sabato di Liga ci offrirà due delle tre capolista in campo. Alle 16 toccherà al Real Madrid scendere sul prato del Santiago Bernabeu per affrontare il "piccolo" Elche senza, però, due uomini importanti come Cristiano Ronaldo e Modric. Non tutti i mali vengono per nuocere dato che i due fuoriclasse potranno riposare in vista dell'impegno in Champions League contro lo Schalke 04. Ci sarà ancora spazio, dunque, per Jese Rodríguez, diventato beniamino dei tifosi in virtù delle ultime eccellenti prestazioni.<br>L'Elche di Francisco Segura dal canto suo è imbattuto da tre giornate ed è risalito fino alla quattordicesima posizione, ma il discorso salvezza non è ancora chiuso dato che le rivali non sono lontanissime.<br>Alle 18, in Galizia e più esattamente al "Balaidos" si affronteranno Celta e Getafe, due squadre con stati d'animo completamente diversi.<br>Il Celta Vigo è imbattuto da quattro turni ed è reduce dalla splendida vittoria in trasferta contro il Villareal. Dall'altra parte, il Getafe non vince&nbsp;addirittura da nove turni e dai quali ha ottenuto solo due miseri punti. La terza squadra di Madrid, comunque, conserva ancora quattro punti di vantaggio dalla zona retrocessione e la panchina di Luis García Plaza traballa e non poco.<br>Alle 20 toccherà al Barcellona e dovrà vedersela all'"Anoeta" contro l'ostica Real Sociedad. Messi &amp; co. non hanno un buon ricordo dello stadio di San Sebastian visto che non ci vincono dal 2010; da allora due sconfitte ed un pareggio. Insomma, tutto da perdere per i catalani che, commettendo un passo falso, perderebbero la vetta della classifica. <br>I baschi sono reduci dal successo di misura conquistato a Malaga per 1-0, che ha permesso alla squadra allenata da Jagoba Arrasate di alimentare le speranze di conquistare un posto per l'Europa, magari quella che conta di più, ovvero la Champions League.<br>Infine, alle 22, chiuderà il sabato di Liga un, anche se meno importante ma comunque avvincente, Almeria-Malaga, rispettivamente 16a e 17a in classifica. Entrambe, dunque, con l'acqua alla gola, alla disperata ricerca di punti che allontanino dalla zona retrocessione. Ed ecco che il derby andaluso di stasera assume connotazioni calcisticamente drammatiche. L'Almeria è reduce dalla sconfitta sul campo del Levante ma negli ultimi mesi ha imparato a sfruttare più il fattore campo, tanto da arrivare a sconfiggere persino il molto più quotato Atletico Madrid. Dall'altra parte il Malaga del tedesco Schuster appare completamente allo sbando e&nbsp;con un vantaggio sulla terzultima ormai ridotto a soli tre punti.<br><br>LIGA – Programma e&nbsp;Risultati 25/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Valladolid-Levante 1-1&nbsp; 25'Casadesus(L) - 52'Guerra(V)<br><br>Sabato<br><br>Real Madrid-Elche<br>Celta Vigo-Getafe<br>Real Sociedad-Barcellona<br>Almeria-Malaga<br><br>Domenica<br><br>Rayo Vallecano-Siviglia<br>Real Betis-Athletic Bilbao<br>Valencia-Granada<br>Osasuna-Atletico Madrid<br><br>Lunedì<br><br>Espanyol-Villarreal<br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-25-barcellona-rischia-contro-la-real-sociedad-1012711.htmSi100427901,02,03030425
181012613NewsCalcio EsteroLiga,16a giornata: Real fermato a Pamplona, il Barcellona regola il Villareal20131215102996Liga, 16a giornata, Barcellona, Atlético Madrid, Real MadridPasso falso del Real, il Barcellona vola a 43 puntiIl sabato di Liga è stato contrassegnato dall'inatteso ma non imprevedibile pareggio del Real Madrid a Pamplona. Un mezzo passo falso grave per gli uomini di Ancelotti che&nbsp;si ritrovano di nuovo a 5 punti dalla capolista Barcellona. Terra ostica quella di Navarra per le grandi del calcio spagnolo; dopo il Barcellona, gli uomini di Javi Gracia fermano anche le "Merengues", che sono costrette a rimontare le due reti del catalano, guarda un po', Oriol Riera e perdipiù in 10 uomini a causa dell'espulsione, per doppia ammonizione, di Sergio Ramos. La reazione "blanca" arriva nella ripresa complici il gol di Isco, siglato pochi secondi prima dell'intervallo, e l'espulsione di Gato Silva, che ristabilisce la parità numerica. Ci pensa il portoghese Pepe a riequilibrare il risultato a 10 minuti dalla fine. <br>Il Barcellona ringrazia e non si lascia sfuggire l'occasione per distanziare nuovamente il Real e volare a quota 43 punti battendo l'ostico Villareal per 2-1. Orfani di Messi, gli uomini del Tata Martino si affidano a Neymar, autore di una doppietta inframmezzata dal momentaneo pareggio di Musacchio. C'erano da un lato l'esperienza e i successi ottenuti dai catalani, mentre dall'altra la voglia e i sogni di una squadra che, non solo è appena tornata nel massimo campeonato, ma che è anche tra&nbsp; le squadre più giovani dell'intera Liga con una età media che non supera i 25 anni. <br>Negli altri due incontri disputati ieri, vittorie per il Granada sul campo del Rayo Vallecano e del Malaga sul Getafe grazie al sempreverde Roque Santa Cruz. Tre punti che consentono all'11 di Schuster di risollevarsi in classifica.<br>Saranno quattro le partite della domenica di Liga. Si parte subito, alle 12, con Almeria-Espanyol. I padroni di casa sono penultimi in classifica a quota 12.posizione. Gli andalusi hanno ottenuto solo 5 punti in casa ed è il peggior risultato della Liga. L’unica vittoria casalinga è datata 2 novembre, di misura e a spese del Valladolid. L'Espanyol è come una creatura incompleta; un inizio strepitoso di stagione e poi il vuoto, dalla zona Europa all'attuale dodicesimo posto. In trasferta gli uomini di Aguirre hanno conquistato solo 7 punti riuscendo a vincere, ultimamente, solo sul campo del Rayo.<br>Alle 17 sarà la volta di Real Sociedad- Betis Siviglia. I baschi, in settimana, hanno concluso la fallimentare partecipazione in Champions e devono assolutamente reagire per agganciare la quarta posizione. Sulla panchina del Betis non siederà più Pepe Mel, esonerato, e al suo posto Juan Carlos Garrido; da valutare l'impatto, dunque, che il nuovo allenatore avrà su una squadra in una situazione disperata. <br>Alle 19 al Sanchez Pizjuán si affronteranno Siviglia e Atheltic Bilbao. I baschi sono reduci da tre vittorie consecutive, l'ultima quella ai danni del Barcellona, ottenuta tra le inespugnabili (fino ad ora) mura del Nuovo San Mamès. Fuori casa, però, il rendimento della squadra di Valverde è meno strabiliante e l’impegno contro il Siviglia non sarà per nulla semplice, infatti, negli ultimi sette incontri disputati tra campionato ed Europa League, il Siviglia non ha mai perso. La brutta notizia è che&nbsp;mancherà Rakitic, il migliore del Siviglia.<br>Infine, alle 21, il match clou tra Atletico Madrid e Valencia. L'Atletico, ormai, non ha più bisogno di presentazioni; al momento in Europa non c’è, forse,&nbsp;squadra più in forma: in Champions è arrivata anche la vittoria contro il Porto, e in campionato, se non fosse stato per il mezzo passo falso contro il Villarreal qualche settimana fa (1-1), oggi sarebbe in testa in solitaria. Da non sottovalutare che il Valencia rappresenta la bestia nera dei "colchoneros", sempre in difficoltà contro Banega e compagni nelle ultime stagioni e spesso sconfitti nelle sfide contro la formazione allenata attualmente da Djukic. Naturalmente, l’obiettivo degli uomini di Simeone sarà quello di tenere il passo della capolista Barcellona.<br><br>LIGA – Programma 16/a Giornata<br><br>Venerdì<br><br>Levante-Elche 2-1&nbsp; 25'Sapunaru(E) - 41'-80'Barral(L)<br><br>Ieri<br><br>Osasuna-Real Madrid 2-2&nbsp; 17'-40'Riera(O) - 45'Isco-80'Pepe(R)<br>Rayo Vallecano-Granada 0-2&nbsp; 35'Rico-89'Riki<br>Barcellona-Villarreal 2-1&nbsp; 30'-68'Neymar(B) - 48'Musacchio(V)<br>Malaga-Getafe 1-0&nbsp; 75'Santa Cruz<br><br>Oggi<br><br>Almeria-Espanyol<br>Real Sociedad-Real Betis<br>Siviglia-Athletic Bilbao<br>Atletico Madrid-Valencia<br><br>Domani<br><br>Valladolid-Celta Vigo<br><br>SpagnaFL0411FL0411neymar-barcelona.jpgSiNliga-giornata-16-real-pareggia-a-pamplona-barcellona-batte-villareal-1012613.htmSi100427901,02,03010241
191012612NewsCalcio EsteroLiga, 16a giornata: il Real a Pamplona, il Villareal minaccia il camp Nou20131214114718Liga, Barcellona, Real Madrid, VillarealReal Madrid a Pamplona, Barcellona-Villareal il big matchAl via, ieri, sera, la 16a giornata di Liga spagnola, con il derby valenciano tra il Levante e l'Elche. Dopo 4 sconfitte consecutive il Levante riesce a centrare di nuovo il successo, 2-1 il risultato finale. Come da copione era l'Elche a tenere il pallino del gioco, con il Levante tutto chiuso nella propria tre quarti in attesa del contropiede vincente. Infatti proprio gli ospiti passavano in vantaggio con un incredulo Sapunaru, che nemmeno era stato convocato e che ha dovuto sostituire all'ultimo momento l'influenzato Damiàn. Elche che nel corso del primo tempo avrebbe potuto dilagare in almeno altre due circostanze con Botia e Fidel. Tutta un'altra storia nel secondo tempo con il Levante tutto proteso all'attacco e con Barral sugli scudi a concretizzare il gioco dei padroni di cosa. Due reti che danno ossigeno ai padroni di casa, che salgono a quota 20 distanziando di 3 punti proprio i "cugini" di Elche e, più in generale, la zona retrocessione.<br>Come consuetudine saranno quattro gli incontri del sabato di Liga. Alle 16 subito in campo il Real Madrid in casa dell'Osasuna.<br>Ai padroni di casa, memori del recente pareggio contro il Barcellona, serve disputare la partita della vita. Certo, la classifica non fa bene sperare; il team di Pamplona ha solo 13 punti in classifica e in casa ha ottenuto solo 2 successi, 1 pareggio e ben 4 sconfitte. Inoltre dovrà fare a meno di uomini importanti come De las Cuevas, Sisi e Nino e dello squalificato Patxi Puñal. Di contro, il Real Madrid deve centrare la vittoria per mantenere vivo l'inseguimento alla capolista Barcellona. Real sempre più Ronaldo-Bale dipendente visto l'imbarazzante pareggio in coppa del Re (i due erano assenti), poi riscattato grazie al successo in Champions contro il Copenaghen. <br>Alle 18 importantissima sfida salvezza al "Vallecas" tra il Rayo e il Granada. Ai padroni di casa manca la continuità anche a causa di una difesa alquanto allegra. La buona notizia è che saranno di nuovo a disposizione due uomini fondamentali come Alberto Perea e Cobeño. Il Granada affronta l'incontro con la consapevolezza di poter anche centrare l'intera posta in palio. Con 17 punti in classifica&nbsp;la squadra di Pozzo può affrontare serenamente la trasferta, consapevole di avere tra le proprie fila un centravanti, El Arabi, che può fare la differenza in qualsiasi momento. Un dato statistico da non ignorare è che il Rayo non ha mai perso in casa contro&nbsp;il Granada.<br>Alle 20 il big match di giornata tra Barcellona e Villareal. Il "sottomarino giallo" minaccia il Camp Nou; gli uomini di Marcelino hanno vinto le ultime due trasferte ed il Barcellona non perde due partite consecutive in Liga dal 2009. Gli ingredienti ci sono tutti per assistere ad un incontro memorabile, condito anche dal ritorno in terra catalana di un ex, che sta facendo le fortune del Villareal, il messicano Giovani dos Santos. <br>Infine, il match delle 22, vedrà di fronte Malaga e Getafe. I padroni di casa non attraversano un momento felice e il tecnico tedesco Schuster è continuamente messo in discussione. Del resto i risultati fin qui ottenuti non testimoniano a suo favore: 14 punti in 15 gare sono un misero bottino; in casa, poi, il Malaga ha ottenuto solo 3 successi, 1 pareggio e 4 sconfitte. Praticamente lo stesso bottino che il Getafe vanta in trasferta. Precedenti alla mano dovrebbe vincere il la squadra di casa, ma viste le circostanze contingenti non ci sarebbe nulla di strano in una vittoria degli ospiti.<br>Schuster, presumibilmente, proverà a schierare il suo Malaga con un 4-1-4-1, con Camacho davanti alla difesa e Juanmi unica punta, con Portillo ed Eliseu sulle fasce e Darder e Tissone centrali. Ancora in panchina Roque Santa Cruz. Dall'altro lato, Garcia Plaza dovrebbe confermare, invece, il 4-2-3-1. In attacco, al posto di Ciprian Marica, che pure aveva avuto un&nbsp; buon impatto con la Liga, ci sarà nuovamente Colunga supportato da Diego Castro.&nbsp;<br>&nbsp;<br><br>LIGA – Programma 16/a Giornata<br><br>Ieri<br><br>Levante-Elche 2-1&nbsp; 25'Sapunaru(E) - 41'80'Barral(L)<br><br>Oggi<br><br>Osasuna-Real Madrid<br>Rayo Vallecano-Granada<br>Barcellona-Villarreal<br>Malaga-Getafe<br><br>Domani<br><br>Almeria-Espanyol<br>Real Sociedad-Real Betis<br>Siviglia-Athletic Bilbao<br>Atletico Madrid-Valencia<br><br>Lunedì<br><br>Valladolid-Celta Vigo<br><br>SpagnaFL0411FL0411real_madrid_gareth_bale.jpgSiNliga-giornata-16-real-a-pamplona-villareal-minaccia-barcellona-1012612.htmSi100427901,02,03010256
201012603NewsCalcio EsteroLiga,15a giornata: Real e Atletico Madrid non mollano 20131201093447Liga spagnola, Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid 3 gol e un assist per Gareth BaleNegli incontri di venerdì validi per la 15a giornata di Liga spagnola si riscatta il Getafe, che dopo averne subito 7 dall'Atletico la scorsa settimana, torna al successo, seppur di misura, sul Levante grazie al gol del bomber Pedro Leon. Il Getafe, così, torna nelle zone alte della classifica e, precisamente al sesto posto; di contro, il Levante continua ad essere risucchiato nella parte bassa della graduatoria. Delusione Villarreal, invece, che fallisce una&nbsp;clamorosa occasione&nbsp;per tenere il passo delle tre grandi del calcio iberico. Gli uomini di Marcelino non vanno oltre l'1-1 casalingo contro il Malaga che&nbsp;riesce ad acciuffare il pareggio soltanto a tempo scaduto con Weligton. Un punto che, quindi, risulta più utile agli ospiti.<br>Nella giornata di ieri, stravincono le due compagini di Madrid mettendo così sotto pressione la capolista Barcellona. Per l'Atletico di tratta della 13a vittoria&nbsp;stagionale in campionato raggiungendo quota 40 punti, gli stessi del Barça, che, ovviamente, deve ancora giocare. Gli uomini di Simeone liquidano in trasferta la pratica Elche con il più classico dei risultati, 2-0, in virtù delle reti siglate da Koke e Diego Costa.<br>Il Real non è da meno e travolge al “Bernabeu” il Valladolid con un rotondo 4-0 con Benzema e tripletta di Gareth Bale. <br>Nelle altre due sfide giocate ieri, ottimo successo in trasferta per la Real Sociedad che vince sul campo dell’Espanyol 2-1 grazie all’autorete di Stuani e al gol di Griezmann. Con questo successo la Real riscatta in parte l'eliminazione dalle coppe europee e si rilancia in campionato all'inseguimento della quarta piazza.<br>Infine, vittoria importantissima per il Celta Vigo di Luis Enrique, che rompe finalmente la maledizione del "Balaidos", regolando per 3-1 l'Almeria.<br>Quattro gli incontri in programma oggi. Il fanalino di coda Betis affronterà nel più classico degli scontri salvezza il Rayo Vallecano. Partita delicatissima per i padroni di casa, dunque, che non vincono tra le mura amiche da fine settembre; il Rayo, nonostante la penultima posizione in classifica, sembra essere più in forma dato che ha vinto due partite delle ultime quattro disputate in trasferta.<br>Poi toccherà a Granada e Siviglia che daranno vita ad uno dei tanti derby andalusi. Il Siviglia di Emery è squdra discontinua, certamente carica per gli ultimi due successi ottenuti, in casa dell'Espanyol e nel derby cittadino contro il Betis. Il Granada, invece, in casa ha vinto solo due volte in questa stagione e perso 5. Presumibilmente sarà un incontro equilibrato.<br>Valencia-Osasuna sarà un match importante soprattutto per il futuro di mister Djukic la cui panchina continua a traballare. La vittoria in Europa League ha certamente calmato momentaneamente l'ira dei valencianisti, che comunque non sono contenti dei risultati fin qui ottenuti. L’Osasuna, però, è un avversario tutt'altro che semplice, reduce dalla vittoria esterna contro il Valladolid per 1-0 e con due successi ottenuti nelle ultime 5 gare. <br>Infine, il Barcellona andrà di scena al Nuovo San Mamès di Bilbao e non sarà, almeno sulla carta, facile. Innanzitutto c'è da dire che storicamente il Barcellona è solito soffrire in terra basca, poi, c'è da aggiungere che l'Athletic è ancora imbattuto nel nuovo stadio e che sta giocando davvero bene, occupando meritatamente la quinta posizione in classifica. Le premesse, quindi, ci sono tutte, per poter aspettarsi un passo falso della capolista, reduce tralaltro dall'"anomala" sconfitta in Champions contro l'Ajax.<br>Valverde&nbsp; potrà contare sull’attaccante Aduriz che rientra dalla squalifica e su Balenziaga e l'ambiente a Bilbao è carico e la speranza di sconfiggere i primi della classe al massimo.<br>Il Tata Martino dovrà fare a meno di Messi, del portiere Valdes e di Jordi Alba; mentre Dani Alves, che non ha giocato ad Amsterdam, dovrebbe essere regularmente in campo. <br><br>&nbsp;<br><br>LIGA – Risultati 15/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Getafe-Levante 1-0&nbsp; 79'Pedro Leon<br>Villarreal-Malaga 1-1&nbsp; 32'Soriano(V) - 94'Weligton(M)<br><br>IERI<br><br>Elche-Atletico Madrid 0-2&nbsp; 63'Koke-74'Diego Costa<br>Celta Vigo-Almeria 3-1&nbsp; 9'Suso(A) - 26'Orellana-49'Oubina-59'Charles(C)<br>Real Madrid-Valladolid 4-0&nbsp; 33'-64'-89'Bale-36'Benzema<br>Espanyol-Real Sociedad 1-2&nbsp; 31'Cordoba(E) - 69'Griezmann-88'A.gol Stuani(R)<br><br>OGGI<br><br>Real Betis-Rayo Vallecano<br>Granada-Siviglia<br>Valencia-Osasuna<br>Athletic Bilbao-Barcellona<br><br>SpagnaFL0411FL0411real_madrid_gareth_bale.jpgSiNliga-giornata-15-real-e-atletico-madrid-non-mollano-1012603.htmSi100427901,02,03010222
211012594NewsCalcio EsteroLiga, 14a giornata: Barça, Atletico e Real inarrestabili20131124103156Liga, Barcellona, Atletico Madrid, Real MadridPoker del Barça, manita del Real, l`Atletico ne fa 7Nell'anticipo della 14a giornata di Liga Spagnola l'Osasuna, dopo due sconfitte di fila che l'avevano riportata in piena bagarre per la salvezza, riscopre il gusto della vittoria&nbsp;in casa del Valladolid. Successo di misura grazie alla rete siglata da Oier a 6 minuti dalla fine. Il Valladolid, che non vince da 4 giornate, naviga adesso in brutte acque nonostante il buon inizio di campionato.<br>Nella giornata di ieri le tre big del calcio iberico hanno surclassato i rispettivi avversari. La capolista Barcellona, priva di Messi,Xavi, Victor Valdes e Dani Alves, ne rifila quattro al Granada mantenendo la vetta e tenendo a debita distanza le inseguitrici. Iniesta, Fabregas, Sanchez e Pedro firmano il poker.<br>L'Atletico Madrid risponde al Barcellona annientando il "povero" Getafe, che comunque era una delle squadre più in forma prima della sosta, sommergendolo con 7 reti.&nbsp;Doppietta per Villa e Raul Garcia, in gol anche Diego Costa che raggiunge quota 14 centri su altrettanti incontri disputati. <br>A -3 dai "colchoneros" si conferma il Real Madrid di Carlo Ancelotti, che, in casa dell'Almeria vince col perentorio punteggio di 5-0. Apre le marcature il solito Cristiano&nbsp; Ronaldo (17 in campionato e sempre più vicino alla conquista del pallone d'oro), Benzema, Bale, Isco e Morata. <br>L'incontro più spettacolare ed emotivamente più combattuto è stato quello giocato a San Sebastian tra Real Sociedad e Celta Vigo. <br>Baschi scatenati e vittoriosi per 4-3 grazie al poker di reti firmato dal messicano, ex Arsenal, Carlos Vela che fa letteralmente impazzire la difesa di Luis Enrique, che deve arrendersi nonostante l’ottima prestazione.<br>Come consuetudine saranno 4 gli incontri della domenica di Liga. Si parte con il derby della regione valenciana tra Levante e Villareal. La squadra di casa,&nbsp;prima della sosta, aveva perso due incontri di fila contro Granada e Athletic Bilbao scivolando così al decimo posto della graduatoria. Una vittoria risolleverebbe il morale e, probabilmente, riporterebbe gli uomini di Caparròs nuovamente in zona Europa, ma il cammino casalingo fino ad ora è stato deficitario ed occorre una grande prestazione per poter avere la meglio sui "cugini" del Villareal. Dal canto loro, gli uomini di Marcelinho, che continuano a mantenere la quarta posizione, hanno<br>dimostrato una grande solidità che ha messo in difficoltà persino club più blasonati del "piccolo" Levante.<br>Poi, sarà la volta di Rayo Vallecano-Espanyol. Gli ospiti non vincono da ben 5 turni, racimolando solo un pareggio e scivolando in classifica non molto distanti dalla zona retrocessione. Il Rayo, invece, è squadra che non conosce il segno X e proprio oggi il pareggio non servirebbe granchè a nessuna delle due, anche se muovere quantomeno la classifica sarebbe sempre meglio.<br>A seguire andrà di scena l'altro derby di giornata della regione valenciana, quello tra l'Elche ed il Valencia. L'Elche è reduce da due pareggi e due sconfitte nelle ultime 4 giornate ma ha ampiamente dimostrato di mettere in difficoltà chiunque se gioca con intensità e caparbietà. Attualmente tredicesimo, non male per esere una matricola ed uno dei club con il bilancio più basso dell'intero campionato. Che dire del Valencia; fino ad ora è una grande delusione e non riesco a trovare altri aggettivi se non mediocre. I tifosi sono infuriati e chiedono a viva voce amore per la maglia e, invece, puntualmente, trovano in campo 11 damerini che nemmeno sudano.<br>Infine, altro derby, quello andaluso stavolta, tra le due compagini di Siviglia. Il derby sivigliano ha sempre offerto intensità, passione ed emozioni, e stavolta si tinge anche di una componente drammatica per entrambe le squadre. Il Betis occupa attualmente l'ultima posizione in classifica e nemmeno il Siviglia vive momenti sereni. <br>Se negli anni passati questo derby significava ben altro con entrambe le squadre a lottare, almeno, per un posto in Europa League, questa serà in palio c'è molto di più dei tre punti.<br><br>&nbsp;<br><br>LIGA – Risultati 14/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Valladolid-Osasuna 0-1&nbsp; 84'Oier<br><br>IERI<br><br>Barcellona-Granada 4-0&nbsp; 20'Iniesta-40'Fabregas-71'Sanchez-90'Pedro<br>Real Sociedad-Celta Vigo 4-3&nbsp; 6-71'-78'-81'Vela(R) - 23'-57'Rafinha-28'Lopez(C)<br>Almeria-Real Madrid 0-5&nbsp; 3'C.Ronaldo-61'Benzema-72'Bale-75'Isco-81'Morata<br>Atletico Madrid-Getafe 7-0&nbsp; 26'-52'R.Garcia-37'A.gol Lopo-49'-78'Villa-69'Diego Costa-93'Adrian<br><br>OGGI<br><br>Levante-Villarreal<br>Rayo Vallecano-Espanyol<br>Elche-Valencia<br>Siviglia-Betis Siviglia<br><br>DOMANI<br><br>Malaga-Athletic Bilbao<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-14-barcellona-atletico-e-real-inarrestabili-1012594.htmSi100427901,02,03010256
221012586NewsCampionatiCatania: Peruzzi e Spolli sulla strada del recupero in vista della trasferta di Torino20131115232856spolli, peruzzi, torino, catania, de canio, etnei, roma, milan, sampdoria, verona, massimino, rossazzurri, granata, pulvirentiAlla ripresa il Torino fuori, prima del lunch - match del 1 dicembre contro il Milan al Massimino<div align="justify">Dopo l'importantissimo successo ottenuto contro la squadra di Guidolin grazie al penalty trasformato da Maxi Lopez, arrivato alla vigilia della pausa per via delle amichevoli delle nazionali, si lavora per recuperare gli infortunati e smaltire l'infermeria in casa Catania. Ieri, a Torre del Grifo, prima doppia seduta settimanale per il Catania di mister De Canio. Tra mattino e pomeriggio il tecnico calabrese e il suo staff tecnico hanno tenuto sul campo i rossazzurri complessivamente per tre ore e un quarto. In mattinata, due ore di approfondimenti tattici sulle due fasi di gioco. Nel pomeriggio, lavoro in palestra ed esercitazioni di gioco ad alta intensità. Seconda giornata consecutiva in gruppo per Gino Peruzzi, il terzino destro argentino definito il nuovo "Zanetti" che, seppur non al meglio, risponde bene alle sollecitazioni della preparazione atletica e dunque potrebbe tornare a disposizione già per la trasferta di Torino contro l'undici di Ventura. Sulla via del recupero anche Nicolas Spolli, che tuttavia continua a non rischiare più di tanto, essendo reduce da un problema muscolare. Ancora ai boxe gli altri infortunati, che si allenano&nbsp;<em><span style="cursor: auto;"> </span></em><span style="cursor: auto;">per poter recuperare ed acquisire la giusta condizione: le valutazioni sulla disponibilità sono rinviate alla prossima settimana. Anche il tecnico etneo De Canio preferisce aspettare una settimana in più, in generale, per il recupero definitivo dei suoi atleti, piuttosto che rischiare di perdere un giocatore per maggior tempo. </span>Dopo la sosta i rossazzurri renderanno visita ai granta, prima del match di domenica 1 dicembre del Massimino contro il Milan (fischio d'inizio ore 12,30). Poi, altra trasferta fondamentale in casa della Sampdoria, prima di ospitare, nell'anticipo delle ore 18 di sabato 14 dicembre il Verona al Massimino. Prima della pausa per le vacanze natalizie etnei impegnati in casa dell'attuale capolista Roma. Si tratta di 5 gare che diranno tantissimo per il futuro della compagine catanese del presidente Pulvirenti, che spera nel frattempo di recuperare i tanti infortunati attualmente in infermeria e di risalire lentamente posizioni in classifica. <br>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <br><em><strong style="cursor: auto;"></strong></em></div>C1012317ivomesivomesspolli.jpgSiNcatania-spolli-peruzzi-recupero-1012586.htmSi100075401,02,03010532
231012576NewsCampionatiTorino, per fortuna ci sono i sentimenti20131112125997torinoCom’è in contraddizione Com’è in contraddizione questo Toro, capace d’illuderti che qualcosa sta cambiando in meglio e poi sbatterti di brutto in una realtà angustiante, sempre la stessa per amarezza. E intanto, mentre i granata di Ventura perdono malamente a Cagliari, la Juve strapazza a Torino il Napoli di Benitez. Pioggia di gol, di furore agonistico, di gioco, di grinta, di determinazione e impostazione tattica, che fanno passare persino in secondo piano il millimetrico (21 cm.) di fuorigioco non rilevato dall’arbitro, in occasione del primo gol di Llorente. Un gap che sembra incolmabile tra le due società della città sabauda, due realtà che già in passato abbiamo avuto modo di farne il distinguo. Ma, per fortuna, ci sono i sentimenti, e la variegata e impareggiabile letteratura granata vanta una storia che ormai ha superato di molto il mezzo secolo. Tanti trascorsi che s’intrecciano tra fatti e racconti di grande calcio e poesia pura, in un intersecarsi di emozioni da brividi. Si inizia con la tragedia di Superga e gli Invincibili Campioni del Grande Torino, per continuare poi negli anni con le storie di Giorgio Ferrini, della “Farfalla Granata” personificata da Gigi Meroni, fino ad arrivare al fallimento della società granata avvenuto nel 2005, quando a capo dell’azienda figuravano Franco Cimminelli, azionista di riferimento e Tilli Romero, il presidente che, suo malgrado, fu artefice della morte di Gigi Meroni in un incidente stradale avvenuto proprio a Torino. Già, la farfalla granata, una storia coinvolgente che la Rai TV trasmetterà in prima serata l’11 novembre. Un film che milioni di spettatori potranno ammirare con sentimento e romanticismo, dove la storia del pallone granata s’intreccia perfettamente con la vita di Gigi Meroni, un campione che, per caratteristiche personali, non ha avuto eguali nel corso degli anni. Ma il calcio è calcio e, pur consapevoli e orgogliosi di una lunga, interessante storia letteraria, si scorrono le pagine di questa società granata capace di vincere un solo scudetto in 64 anni di football, post Grande Torino. Un po’ poco, anche in considerazione dell’altra realtà vincente della città piemontese. Ma, ritornando ai fatti attuali, dobbiamo rimarcare una metamorfosi notevole della squadra di Ventura, capace di pareggiare una bella partita in casa contro la Roma capolista, e poi riprendere la strada dell’anonimato a Cagliari, perdendo malamente una partita al cospetto di una squadra per nulla irresistibile. Il Toro visto allo stadio Is Arenas di Cagliari, nel primo tempo è apparso assente ingiustificato; molle, lento, stralunato, con poche e confuse idee. Un film già visto che, purtroppo, non è paragonabile al romanticismo della fiction prima citata; tutt’altro. Su 8 gare il Toro ha perso 3 volte e pareggiato 5 match. No, così non va proprio. Non è l’allenatore da cambiare e non sono neppure i giocatori ad essere sostituiti, perché loro, in fondo, fanno quello che è nelle loro limitate corde tecniche. In mezzo alla squadra c’è un solo giocatore davvero importante: Cerci, che quasi sempre sembra predicare nel deserto. Forse bisognerebbe ripartire dalla società stessa, da una casa granata che non c’è, da una sede che non esiste e che è perennemente provvisoria, da un campo Filadelfia monco e distrutto che è la vergogna della città di Torino, da una rete di osservatori insufficienti, da un Settore Giovanile che una volta era il fiore all’occhiello del Toro vero, e da una mentalità che, per forza di cose, deve essere ammodernata ed adeguata al calcio contemporaneo.&nbsp; E’ vero che non c’è futuro senza passato, ma il presente ha il significato di essere ciò che si è, nonostante il grande passato. Ci piacerebbe davvero (e a chi non piacerebbe?) vedere il Toro sicuro di se, con autostima, sia nella conduzione societaria sia nella parte tecnica. Non esiste una grande squadra se alle spalle non c’è una grande società. Nulla nasce per caso e, rifugiarsi consapevolmente nei sentimenti romantici della storia del Toro, che ci coinvolge sempre in maniera intensa, purtroppo non cambia la realtà mediocre di una società e di una squadra granata senza continuità di risultati, i cui limiti non riescono a proiettata definitivamente in quell’Olimpo del calcio nazionale che da 64 anni l’aspetta ancora a braccia aperte.&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR><BR>Salvino Cavallaro&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1012317FL0711FL0711barreto-6.jpgSiNtorino-per-fortuna-ci-sono-i-sentimenti-1012576.htmSiT1000099100451001,02,03,06,08030534
241012575NewsCampionatiSerie A, Top e Flop della 12a giornata20131111143556calcioTanta Juve, vista la splendida prestazione, tra i top di giornataTanta Juve, vista la splendida prestazione, tra i top di giornata. Bene poi anche Fiorentina, Genoa e Cagliari. Trai flop, di contro, il Napoli sconfitto a Torino poi Livorno e Milan.<br><br> TOP<br><br> Pegolo = Co autore, insieme a Berardi, del risultato che non ti aspetti: un pari clamoroso a casa della Roma capolista. Uomo ragno. <br><br> Nagatomo = Il soldatino giapponese sta vivendo una stagione magica, insieme al collega Jonathan. Merito,anche, del particolare rapporto di Mazzarri con gli esterni. Indemoniato.<br><br> Lucarelli = Autoritario dietro, si spinge in attacco per portare al suo Parma un punticino che fa comunque classifica. Leader.<br><br> Conti = Festeggia la sua trecentesima col Cagliari grazie ad una superba doppietta da calcio piazzato. A fine gara avrà offerto la cena a Padelli, complice del regalino. Cecchino.<br><br> Pogba = Quando vede Napoli, scatta qualcosa. Prestazione (ormai non è una novità) assolutamente mostruosa. Tanto quanto la rete spettacolare del 3 a 0. Certezza.<br><br> G. Rossi = Testa indiscussa della classifica marcatori, reti pregevoli e prestazioni confortanti. Pepito è tornato. La Fiorentina e Prandelli ringraziano. Rinato.<br><br> Keita = Giovane talento di belle speranze, tiene a galla una Lazio derelitta e porta un po’ di ossigeno vitale alla banda Petkovic. Speranza.<br><br> Formazione TOP = Pegolo; Nagatomo, Lucarelli, Barzagli; Pogba, Pirlo, Conti, Kucka; G. Rossi, Keita, Llorente.<br><br> FLOP<br><br> Bardi = Regala alla squadra che ancora ne ha la proprietà un gustoso cadeaux pre natalizio. Ha comunque stoffa e si rifarà. Goffo.<br><br> Rosi = Espulsione a parte, non dimostra quasi mai di essere a suo agio pur contro una Lazio che di questi tempi non farebbe paura nemmeno alla selezione scapoli/ammogliati. Nervoso.<br><br> Maggio = Continuamente costretto al ruolo di terzino basso, naufraga come tutto il suo Napoli di fronte alla tempesta bianconera. Spaventato.<br><br> Montolivo = Simbolo di un Milan in crisi piena. Spesso falloso, lascia i suoi in dieci anzitempo e conferma ancora di più di non essere adatto al ruolo di faro in una grande. Spento.<br><br> Hamsik = Quando il richiamo della grande sfida si fa sentire, lui scientificamente si eclissa. Segno che ancora non può considerarsi un campione fatto e finito. Ectoplasma.<br><br> Matri = Doveva essere la salvezza di Allegri che lo ha voluto nonostante i pareri della tifoseria. Potrebbe rivelarsi un vero boomerang. Inutile.<br><br> De Luca = Giovane di belle speranze che però stecca in una delle rare opportunità che gli vengono concesse. Denis è nettamente un altro pianeta. Sfiduciato.<br><br> Formazione FLOP = Bardi; Rosi, Maggio, Sorensen; Montolivo, Hamsik, Hernanes, Ljajic; Matri, De Luca, Emeghara.<br><br> Gabriele Cavallaro <br><br> &nbsp;<br><br> <BR>&nbsp;<br><br>C1012317adm001adm001c-33509839.jpgSiNserie-a-top-e-fop-della-dodicesima-giornata-1012575.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07,08030670
251012572NewsCampionatiJuventus, Conte: «Higuain forte ma noi abbiamo Tevez in avanti»20131110183458juventusC’eravamoC’eravamo anche noi a rappresentare il Calcio24, alla conferenza stampa indetta da Antonio Conte prima della partita di domenica sera contro il Napoli. Alle 14,30 di sabato 9 novembre, il tecnico juventino si presenta puntuale nella sala stampa di Vinovo. Idee chiare e concetti che non lasciano trasparire incertezze, vengono espressi dal tecnico bianconero sul modulo di gioco da applicare contro i partenopei di Benitez. I temi toccati sono stati i più disparati: dalla difesa che ritorna a 3, all’importanza della partita, alla risposta a ciò che ha detto Benitez in conferenza stampa, a Pepe, a Carlos Tevez e poi anche a Fernando Llorente. Questi i punti e i personaggi volutamente toccati per significare l’importanza del match. <BR>Difesa: “L’assenza di Caceres pesa, perché mi hanno tolto l’unico terzino che mi era rimasto. Per questo motivo sono obbligato al ritorno in campionato con il modulo 3-5-2, dato che il 4-3-3 in queste condizioni è di difficile attuazione. Per quanto riguarda Chiellini, dobbiamo ancora decidere, ma non c’è molto ottimismo e sarà difficile recuperarlo in tempo per domani. La sosta per la Nazionale ci permetterà di recuperare tutti gli infortunati”.<BR>Pensieri e previsioni su Juve– Napoli: “Sarebbe bello che potesse vincere questo importante match, la squadra che ha espresso il miglior calcio sul campo nell’arco dei 90 minuti. Penso che né noi e neanche loro vogliano pareggiare la partita. E’ nell’interesse di tutti il desiderio di superarsi. Ma in un campionato difficile come il nostro, tutte le partite sono importanti e tutte valgono tre punti. Domani, inizialmente terrò fuori un centrocampista, visto che contro il Real hanno giocato tutti e quattro. Poi, a partita in corso, vedrò di inserirlo. Questa, per me, è un’arma importante”.<BR>Benitez: “Il tecnico del Napoli ha detto che la sua squadra è solo al 75%? Pensiamo cosa farà quando raggiungerà il 100%. Magari non ci sarà neanche campionato, visto che attualmente sia noi che loro siamo pari, a tre punti di distacco dalla Roma capolista. Spero che Benitez capisca che se quest’anno non vince il campionato non avrà fatto nulla”.<BR>Pepe: “Giustamente mi chiedete di Pepe. Seguo il suo processo di miglioramento fisico, ma per quanto riguarda i tempi di recupero e la completa guarigione del ragazzo, è giusto che si pronunci lo staff medico. Io sono l’allenatore”.<BR>Carlos Tevez: “Non è solo un giocatore importante, è uno che ha carisma ed è capace di trascinare la squadra. Lui ama segnare, ma la sua qualità tecnica è tale che riesce anche a far segnare. Per me è un bene che il C.T. argentino Sabella non l’abbia convocato in Nazionale. Sarebbe stato un bel guaio. Higuain? è un giocatore di grande spessore e, quest’estate, sarebbe potuto arrivare anch’egli alla Juve. Ma noi stiamo bene con Carlos. E poi, il Napoli ha pagato 40 milioni di euro il centravanti argentino, ed ha preso altri due giocatori dal Real…..!”<BR>Llorente: “Fernando può e deve migliorare. Sta a lui applicarsi con serietà, così come ha fatto in questo primo scorcio di campionato. Penso che più imparerà a conoscere il campionato italiano e i suoi giocatori, e migliori saranno le sue prestazioni in campo. D’altra parte, il ragazzo sa bene che il posto da titolare se lo deve guadagnare come tutti. L’attacco della Juve ha ottimi giocatori e lui deve dimostrare di essere meglio degli altri”. <br><br> Salvino Cavallaro<br><br> &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR><br><br>C1012317FL0711FL0711c-33509839.jpgSiNjuventus-conte-higuain-e-forte-ma-noi-abbaimo-tevez-in-avanti-1012572.htmSiT1000007100451001,02,03,06,08030368
261012560NewsCalcio EsteroLiga, 12a giornata: Barcellona, Real ed Atletico inarrestabili20131103095524Liga spagnola, Barcellona, Real, Atletico MadridVincono le prime della classe&nbsp;<BR><BR>Nessuna sorpresa eclatante ma tante emozioni nella 12a giornata di Liga spagnola. Nell'anticipo del venerdì il Barcellona fà suo, di misura, il derby catalano.<BR>Un Barcellona poco in partita, forse con la testa già alla Champions League, ha la meglio sui "cugini" dell'Espanyol grazie al gol di Alexis Sanchez al minuto 68. La capolista, dunque, prosegue la marcia raggiungendo quota 34 punti ed ottenendo la 12a vittoria stagionale. L'Espanyol, nonostante la buona&nbsp;prestazione inanella la seconda sconfitta nelle ultime tre gare.<BR>Domina, soffre e vince il Real Madrid in casa del Rayo Vallecano. Le "merengues" avanti di tre reti grazie alla doppietta di Cristiano Ronaldo e al centro di Benzema, mollano la presa e subiscono nell'arco di due minuti due reti su calcio di rigore entrambi trasformati da Viera. Sul 2-3 la reazione del Rayo si fà ancora più&nbsp;veemente ma "los vallecanos"&nbsp;non riescono a sfruttare nessuna delle ben sei occasioni da gol create.<BR>La Real Sociedad sembra finalmente essere tornata sui livelli della passata stagione e ne rifila 5 all'Osasuna. Le reti di Ansotegi, Martinez, Griezmann, Castro e dell'ex Fiorentina Seferovic regalano ai baschi la terza vittoria nelle ultime quattro partite disputate. <BR>Nelle altre due sfide del sabato da segnalare la seconda vittoria di fila per l'Almeria che, dopo avere battuto il Valencia al Mestalla, vince di misura anche contro il Valladolid raggiungendo quota 9 punti e risollevandosi dall'ultimo posto in solitaria, che adesso condivide con Rayo e Betis. Il Siviglia, dopo la goleada&nbsp;subita dal Real Madrid, si fa sorprendere in casa da un rinvigorito Celta Vigo, che grazie alla rete decisiva di Lopez ottiene la seconda vittoria <BR>consecutiva in trasferta.<BR>Tra gli incontri disputati ieri, l'Atletico Madrid liquida la pratica Athletic Bilbao col più classico dei risultati. 2-0 il finale con le reti di Villa e Diego Costa che valgono l'11a vittoria stagionale. Per Costa si tratta del tredicesimo centro&nbsp;che vale&nbsp;anche la leadership nella classifica marcatori<BR>condivisa, però,&nbsp;con Cristiano Ronaldo.<BR>Dopo tre sconfitte consecutive sembra rivedere la luce anche il Valencia di Miroslav Djukic vittorioso sul difficilissimo campo del Getafe grazie ad una magnifica realizzazione dai 25 metri dell'ex Parma, Dorlan Pabon.<BR>Si morde le mani, invece, l'altra squadra di Valencia, ossia il Levante, che ogni volta che raggiunge le parti alte della classifica non riesce mai ad assestare il colpo decisivo per spiccare il volo. E allora succede che il Granada colga l'intera posta in palio al 91 minuto grazie al gol di Piti e, soprattutto, grazie all'errore dal dischetto di El Zhar, il quale tira centralmente e non sorprende l'estremo difensore andaluso Roberto Fernandez.<BR>Infine, tanti gol ed emozioni nel derby d'Andalusia tra Malaga e Betis Siviglia. 3-2 il finale, con la zampata vincente al 90'di Samuel Garcia, entrato al posto di Tissone al minuto 85 e che fa esplodere "La Rosaleda".<BR>Stasera il posticipo vedrà di fronte due delle piacevoli sorprese della Liga spagnola. Al "Martinez Valero" si affronteranno Elche e Villareal per dare vita ad uno dei tanti derby della regione valenciana. Dei 5 precedenti tra le due squadre ad Elche, il Villareal non ha mai vinto ed il bilancio è di 2 pareggi e tre sconfitte.<BR>Stasera, però, il Villareal vorrà e dovrà cogliere il successo se vuole continuare a navigare in compagnia delle "big". Non sarà semplice perchè il piccolo&nbsp; Elche è maturato giornata dopo giornata ed ha bisogno di muovere la classifica per tenere la zona retrocessione a debita distanza.<BR><BR>LIGA – Risultati 12/a Giornata<BR><BR>VENERDI'<BR><BR>Barcellona-Espanyol 1-0&nbsp; 68'Sanchez)<BR><BR>SABATO<BR><BR>Real Sociedad-Osasuna 5-0&nbsp; 34'Ansotegi-47'Martinez-56'Griezmann-81'Castro-88'Seferovic<BR>Almeria-Valladolid 1-0&nbsp; 39'Rios<BR>Rayo Vallecano-Real Madrid 2-3&nbsp; 2'-49'C.Ronaldo-30'Benzema(RM) - 53'-55'Viera(RV)<BR>Siviglia-Celta Vigo 0-1&nbsp; 47'Lopez<BR><BR>IERI<BR><BR>Getafe-Valencia 0-1&nbsp; 41'Pabon<BR>Atletico Madrid-Athletic Bilbao 2-0&nbsp; 33'Villa-41'Diego Costa<BR>Levante-Granada 0-1&nbsp; 91'Piti<BR>Malaga-Betis Siviglia 3-2&nbsp; 13'Santa Cruz-61'Eliseu-93'S.Garcia(M) - 33'Verdu-63'Figueras(B)<BR><BR>OGGI<BR><BR>Elche-Villareal<BR><BR>CLASSIFICA<BR><BR>1)Barcellona 34<BR>2)At.Madrid 33<BR>3)Real Madrid 28<BR>4)Villareal 20<BR>5)At.Bilbao 20<BR>6)Getafe 19<BR>7)Levante 17<BR>8)Real Sociedad 17<BR>9)Valencia 16<BR>10)Espanyol 15<BR>11)Granada 14<BR>12)Siviglia 13<BR>13)Elche 13<BR>14)Malaga 13<BR>15)Celta 12<BR>16)Valladolid 11<BR>17)Osasuna 10<BR>18)Rayo 9<BR>19)Betis 9<BR>20)Almeria 9<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411sanchez.jpgSiNliga-spagnola-giornata-12-barcellona-real-madrid-atletico-madrid-inarrestabili-1012560.htmSi100427901,02,03010224
271012558NewsCalcio EsteroLiga,11a giornata: Real a valanga, Cristiano provoca Blatter20131031095939Liga, 11a giornata Barcellona, Real Madrid, Atletico MadridIl Real si impone 7-3 sul Siviglia, tripletta di CristianoTurno infrasettimanale anche in Liga spagnola valido per l'11/a giornata. La capolista Barcellona rimane tale con numeri impressionanti: 10 vittorie ed un pareggio, 33 gol fatti e 7 subiti. La vittima&nbsp;di giornata&nbsp;il Celta Vigo, sconfitto 3-0 al "Balaidos" con le reti siglate da Sanchez, Fabregas e un'autorete di Fernandes.<br>Ieri sera il Real Madrid ha reagito alla sconfitta in occasione del "Classico", liquidando il Siviglia con un pirotecnico 7-3. Tripletta di Cristiano Ronaldo, con dedica provocatoria a Sepp Blatter che qualche giorno fa l'aveva definito:"uno che spende soldi dal parrucchiere e si comporta da comandante", e doppiette di Gareth Bale e Karim Benzema. Per il Siviglia sono andati a segno Rakitic (3 gol in 2 partite) finalmente recuperatosi dall'infortunio e Bacca. Il croato ex Schalke<br>04 ha, però, sbaglia anche un calcio di rigore, ininfluente ma che avrebbe reso meno amara la trasferta di Madrid.<br>Impattano 0-0 Espanyol e Malaga. Gli uomini di Aguirre non vincono da due partite e non riescono a sfruttare il turno casalingo mentre gli ospiti sembrano essere migliorati in difesa dopo il tremendo 0-5 incassato domenica scorsa per mano del Celta Vigo; gli andalusi, però, sono a secco di vittorie da cinque giornate.<br>Crolla ancora il Valencia, che addirittura resuscita il fanalino di coda, Almeria ed esce dal Mestalla accompagnato dagli impietosi fischi del proprio pubblico. Gli andalusi di Almeria si impongono per 2-1, in rimonta, grazie alle reti di Torsiglieri e Vidal, che ribaltano l’iniziale vantaggio su calcio di rigore di Jonas.&nbsp; Per il Valencia si tratta della terza sconfitta consecutiva e a questo punto la panchina di Miroslav Dukic comincia a scricchiolare.<br>Convincente vittoria anche per l’Osasuna, che torna al successo dopo due turni, contro il Rayo Vallecano. 3-1 firmato Oier, Riera e Torres che vale il terzo successo stagionale dei pamplonesi. <br>Infine, pareggiano 2-2 Valladolid e Real Sociedad con gli ospiti in vantaggio due volte con Griezmann e raggiunti dai gol di&nbsp; Larsson e Guerra a 10 minuti dalla fine.&nbsp;La rimonta sarebbe potuta essere di quelle&nbsp;storiche ma i padroni di casa falliscono un calcio di rigore al 91 calciato da Ebert.<br>Stasera, quattro incontri archivieranno il turno infrasettimanale, due con inizio alle 20 e due con inizio alle 22.<br>Presso il “Nuevo los Carmenes”, l'Atletico Madrid sarà chiamato ad una grande prestazione con l'obiettivo di rimanere in scia del Barcellona e tenere a debita distanza il Real. Gli andalusi sono attualmente tredicesimi con 11 punti e ciò che più preoccupa è il rendimento tra le mura amiche: infatti, in 5 partite solo un successo e 4 sconfitte, 2 reti realizzate (entrambe nella stessa gara) e 5 subite.<br>Sempre alle 20, il Villareal ospiterà il Getafe. La neopromossa, guidata da Marcelino, è tornata prepotentemente a scalare la&nbsp;vetta del calcio spagnolo grazie anche al fattore "El Madrigal", laddove ha ottenuto 4 vittorie ed un pareggio, contro il Real Madrid, in 5 incontri disputati. Anche il Getafe sta andando oltre ogni più rosea aspettativa con l'attuale sesto posto in classifica ed è&nbsp;reduce da due successi esterni consecutivi.<br>Gli altri incontri vedranno di fronte Athletic Bilbao ed Elche, con i baschi tutti protesi a difendere l'imbattibilità del "Nuovo San Mamès, e Betis Siviglia-Levante. <br><br>LIGA – Risultati 11/a Giornata<br><br>MARTEDI'<br><br>Espanyol-Malaga 0-0<br>Celta Vigo-Barcellona 0-3&nbsp; 8'Sanchez-47'A.golFernandes-54'Fabregas<br><br>IERI<br><br>Valencia-Almeria 1-2&nbsp; 33'Jonas(V) - 62'Torsiglieri-69'Vidal(A)<br>Valladolid-Real Sociedad 2-2&nbsp; 15'-53'Griezmann(R) - 76'Larsson-79'Guerra(V)<br>Osasuna-Rayo Vallecano 3-1&nbsp; 1'Oier-13'Riera-58'Torres(O) - 71'Galvez (R)<br>Real Madrid-Siviglia 7-3&nbsp; 13'-27'Bale-32'60'-71'C.Ronaldo-53'-80'Benzema(R) - 38'-63'Rakitic-40'Bacca(S)<br><br>OGGI<br><br>Granada-Atletico Madrid<br>Villarreal-Getafe<br>Athletic Bilbao-Elche<br>Betis-Levante<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-11-real-a-valanga-cristiano-provoca-blatter-1012558.htmSi100427901,02,03010351
281012553NewsCalcio EsteroLiga,11a giornata: stasera in campo il Barcellona20131029100226Liga, 11a giornata - BarcellonaIn campo per il turno infrasettimanale, stasera tocca al barcellonaTre punti pesanti quelli dell'Athletic Bilbao sul campo del Getafe, nel posticipo della 10a giornata, che consentono agli uomini di Valverde di piazzarsi in quinta posizione solitaria&nbsp;ad un solo punto dal Villareal. Vittoria storica considerato che l'Athletic non aveva mai vinto prima d'ora sul campo dei madrileni, i quali si mordono le mani per il rigore sciupato da Diego Castro e parato magistralmente da Iraizoz.<br>Conclusasi la 10a giornata si parte subito con l'11a, per via del turno infrasettimanale. Due gli incontri in programma oggi.<br>Alle 20 scenderanno in campo Espanyol e Malaga. Entrambe sono reduci da due pesantissime sconfitte, la prima, dal 3-0 in casa del Levante, la seconda, dallo 0-5 rifilato dal non certo irresistibile Celta Vigo; inoltre, gli andalusi non vincono dal 24 settembre allorquando sconfissero 2-0 l'Almeria, ultima in classifica.<br>L'Espanyol, in generale, pur avendo fatto bene fino a questo momento, deve provare a migliorare qualcosa in difesa e mister Aguirre, infatti, sta cercando soluzioni alternative anche perchè dovrà fare a meno di Javi Lopez ed Hector Moreno. Il Malaga, probabilmente privo del suo giorcatore migliore, Roque Santa Cruz, che non si è allenato, non ha ancora vinto in trasferta e, particolare di non poco conto, non ha mai vinto nel "Cornellà-El Pratt".<br>Alle 22 in campo la capolista Barcellona in quel di Vigo. Entrambe sono reduci da importanti successi, quello del Barça nel "Clasico" e quello del Celta a Malaga.<br>Sarà la partita degli ex visto che nel Celta giocano Nolito, Fontàs e Rafinha, quest'ultimo in prestito e, naturalmente il tecnico del Celta, Luis Enrique, storica bandiera del Barcellona che fu. <br>Nonostante la goleada a Malaga, che comunque indica una ripresa, la classifica del Celta continua ad essere traballante con soli 9 punti in saccoccia frutto di 2 vittorie, 3 pareggi e 5 sconfitte e il triste "primato" di non avere ancora vinto davanti al proprio pubblico. <br>Dal canto suo, Tata Martino dovrebbe ruotare qualche elemento senza, però, sconvolgere più di tanto la formazione titolare; quasi sicuramente rientrerà nella formazione iniziale Carles Puyol che è rimasto a guardare dalla panchina le sfide contro Milan e Real, anche perchè non al meglio della condizione dopo la&nbsp; lunga assenza per infortunio.&nbsp; <br><br><br>Ecco il programma completo dell'11a giornata<br><br>OGGI<br><br>Espanyol-Malaga<br>Celta Vigo-Barcellona<br><br>DOMANI<br><br>Valladolid-Real Sociedad<br>Valencia-Almeria<br>Osasuna-Rayo Vallecano<br>Real Madrid-Siviglia<br><br>GIOVEDì<br><br>Granada-Atletico Madrid<br>Villareal-Getafe<br>Betis-Levante<br>Athletic Bilbao-Elche<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-11-turno infrasettimanale-barcellona-a-vigo-1012553.htmSi100427901,02,03010164
291012549NewsCalcio EsteroLiga,10a giornata: l`Atletico schianta il Betis 5-020131028090047Liga, 10a giornataL`Atletico Madrid schianta il Betis 5-0Un sontuoso Atletico Madrid risponde alla capolista Barcellona nella domenica della 10/a giornata di Liga spagnola.&nbsp; Gli uomini di Diego Simeone hanno liquidato per 5-0 il Betis Siviglia. Partita senza storia, col vantaggio "colchonero" già al primo minuto con Oliver. Poi, Villa,<br>Diego Costa e Gabi dilagano. L’Atletico torna, quindi, al successo in campionato dopo la sconfitta di sabato scorso in casa dell'Espanyol e&nbsp;grazie a questo&nbsp;successo i colchoneros <br>rimangono nella scia della capolista e, cosa più importante, incrementano il vantaggio sul Real di Ancelotti portandolo ad un rassicurante +5. <br>Fari puntati, ovviamente, anche sul derby della regione valenciana tra Villarreal e Valencia. Una partita molto sentita che la neo promossa Villarreal ha dominato e stravinto per 4-1. I gol di Uche, Perez e la doppietta di Dos Santos schiantano gli uomini di Djukic, che rimangono fermi in 11a posizione con 13 punti. Vola, invece, il “sottomarino giallo” in quarta posizione subito dietro il Real di Carlo Ancelotti. <br>Vittoria di misura, nonostante la superiorità numerica, per il Siviglia che con Rakitic, rientrato finalmente dall'infortunio, e Samperio regola 2-1 lo scorbutico Osasuna, che, però, era rimasto in 10&nbsp;a causa&nbsp;dell’espulsione di Damia al 35' del primo tempo. <br>Seconda vittoria consecutiva, infine, per la Real Sociedad che trascinata da Griezmann (doppietta) e Angel liquida la pratica Almeria rilanciandosi prepotentemente in corsa per l’Europa.<br>Stasera si archivierà la 10a giornata con la sfida tra Getafe e Athletic Bilbao. Una sorta di "piccolo big match" quello che si disputerà al "Coliseum Alfonso Perez" tra due squadre attualmente appaiate in quinta posizione con 16 punti.<br>Entrambe le compagini possono definirsi come le autentiche rivelazioni di questo scorcio di campionato. Per il Getafe, certamente l'obiettivo è e continuerà ad essere il raggiungimento di una tranquilla salvezza, ma se dovesse inanellare la quinta vittoria consecutiva sarebbe un risultato storico perla più piccola&nbsp; tra le squadre di Madrid. Il tecnico del Getafe, Luis Garcia, si affiderà ancora una volta al cannoniere Colunga e all'ex Real Madrid, Pedro Leon.<br>Di contro, gli uomini di Valverde, che comunque stanno facendo un buon lavoro, dovranno migliorare in alcuni settori del campo. E' sotto gli occhi di tutti che l'Athletic abbia una difesa colabrodo con 13 gol subiti e che, soprattutto, il rendimento in trasferta non sia all'altezza di quello casalingo(solo 3 punti in 4 gare disputate).<br><br><br>LIGA – Risultati 10/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Rayo-Valladolid 0-3&nbsp;&nbsp; 31'Ebert-40'Guerra-48'Larsson<br><br>SABATO<br><br>Malaga-Celta Vigo 0-5&nbsp; 6-64'Lopez-23'Fernandez-73'Nolito-81'Charles<br>Barcellona-Real Madrid 2-1&nbsp; 18'Neymar-78'Sanchez(B) - 91'Jesé Rodriguez(R)<br>Elche-Granada 0-1&nbsp; 26'Iturra<br>Levante-Espanyol 3-0&nbsp; 25'-51'El Zhar-27'Diawara<br><br>IERI<br><br>Siviglia-Osasuna 2-1&nbsp; 55' Rakitic-75'Samperio(S) - 87'Riera(O)<br>Villarreal-Valencia 4-1&nbsp; 17'Uche-22'Perez-50'-84'Dos Santos(Vi) - 63'R.Costa(Va)<br>Real Sociedad-Almeria 3-0&nbsp; 13'-50'Griezmann-55'Angel<br>Atletico Madrid-Real Betis 5-0&nbsp; 1'Oliver Torres-53'-57'Villa-65'Diego Costa-92'Gabi<br><br>OGGI<br><br>Getafe-Athletic Bilbao<br><br>CLASSIFICA<br><br>1)Barcellona 28<br>2)At.Madrid 27<br>3)Real Madrid 22<br>4)Villareal 20<br>5)Getafe 16<br>6)At.Bilbao 16<br>7)Levante 16<br>8)Espanyol 14<br>9)Valencia 13<br>10)Siviglia 13<br>11)Real Sociedad 13<br>12)Elche 12<br>13)Granada 11<br>14)Valladolid 10<br>15)Celta 9<br>16)Malaga 9<br>17)Rayo 9<br>18)Betis 8<br>19)Osasuna 7<br>20)Almeria 3<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411simeone.jpgSiNliga-giornata-10-l-atletico-schianta-il-betis-1012549.htmSi100427901,02,03010222
301012547NewsCalcio EsteroLiga, 10a giornata: il Barcellona stende il Real20131027102913Liga, 10a giornataIl Barcellona vince il «classico« con le reti di Neymar e Sanchez&nbsp;<br><br>Sabato di grande calcio nella 10/a giornata di Liga spagnola e grande Barcellona. Al Camp Nou i blaugrana s’impongono 2-1 sugli eterni rivali del Real con le reti siglate da Neymar e dalla perla di Alexis Sanchez che sorprende Diego Lopez, Jesé Rodriguez accorcia le distanze per le merengues nei primi istanti dei tre minuti di recupero concessi dall'arbitro, ma è troppo tardi. Tre punti al Barça, quindi, che vola a quota 28 a +6 dal Real e, momentaneamente, a +4&nbsp; dall’Atletico Madrid. Eppure, per la prima volta dopo tantissimo tempo, il Real ha mostrato il meglio di sè, soprattutto con l'ingresso in campo di Ilarramendi e Benzema, il primo a dirigere l'orchestra a fianco di un Modric nella sua miglior versione e con il francese&nbsp;ad inserirsi&nbsp;in profondità tra le maglie della difesa catalana. Tutto ciò non è stato sufficiente, vuoi per un rigore non concesso che sarebbe valso il gol del pareggio, vuoi per la traversa che ancora trema su un siluro dello stesso Benzema, vuoi, infine, perchè il Barcellona è più squadra ed ha nella propria faretra molte più frecce a disposizione. <br>Tra gli ltri incontri disputati ieri sorprende la fantastica goleada del Celta sul campo del Malaga. Uno 0-5 che non lascia alibi agli andalusi. Vittoria in&nbsp;trasferta anche per il Granada che espugna il campo dell'Elche in virtù del gol di Iturra e che permette alla squadra di Pozzo di tornare alla vittoria dopo due sconfitte consecutive. Infine, il Levante liquida con un rotondo 3-0 l'Espanyol di mister Aguirre e coglie per la prima volta in questa stagione il successo casalingo.<br>&nbsp;Quattro incontri in programma nella giornata di oggi. Alle 12 sarà la volta di Siviglia-Osasuna. Gli andalusi iniziano a recuperarsi dalle difficoltà di questo&nbsp;scorcio di stagione dovute soprattutto agli infortuni e potrebbero già da oggi recuperare pedine importanti come M'Bia e Rakitic. Dal canto suo l'Osasuna ha il morale ben alto, dopo avere espugnato il campo del Malaga ed avere costretto la capolista al primo pareggio stagionale e può vantare, contro il Siviglia, il ruolo<br>di bestia nera. <br>Alle 17 si affronteranno Villareal e Valencia. Gli uomini di Garcia Toral sono quarti&nbsp; ma negli ultimi 3 incontri hanno conquistato solo un punticino, pareggio col Celta e sconfitte contro Betis e Athletic Bilbao. Al Valencia servono punti per avvicinarsi al gruppo di testa ed è reduce dalla brutta sconfitta casalinga contro la Real Sociedad. E’ proprio in trasferta che l'11 di Djukic soffe di più; infatti finora solo 4 punti in 4 partite, frutto di 1 vittoria e 1 pareggio. <br>Alle 19 la Real Sociedad cercherà di dare continuità alla vittoria della settimana scorsa&nbsp;e proverà&nbsp;a raddrizzare, così, una classifica ancora piuttosto deficitaria, soprattutto se paragonata a quella della scorsa stagione. L'avversario di oggi, l'Almeria, almeno sulla carta, non dovrebbe impensierire eccessivamente i baschi, che potrebbero, vincendo, far saltare la prima panchina della stagione, ovvero quella di mister Rodriguez.<br>Atletico Madrid-Betis chiuderà il programma odierno di Liga. Dopo otto vittorie consecutive, nello scorso week-end, è arrivata la prima sconfitta in campionato della stagione. Un risultato che ha lasciato tutti con l’amaro in bocca visto il contemporaneo pareggio del Barcellona contro l’Osasuna e che avrebbe potuto proiettare i colchoneros in testa alla classifica. <br>Anche in Champions League l’Atletico va benissimo: 9 punti in tre partite e primato nel girone. <br>Gli ospiti vivono un momento molto negativo della loro stagione. Reduci da tre sconfitte nelle ultime quattro partite, per gli uomini di Pepe Mel non sarà per nulla facile ottenere punti questa sera, tuttavia, proveranno a mettere in difficoltà i colchoneros.<br><br>&nbsp;<br><br>LIGA – Risultati 10/a Giornata<br><br>VENERDI'<br><br>Rayo-Valladolid 0-3&nbsp;&nbsp; 31'Ebert-40'Guerra-48'Larsson<br><br>IERI<br><br>Malaga-Celta Vigo 0-5&nbsp; 6-64'Lopez-23'Fernandez-73'Nolito-81'Charles<br>Barcellona-Real Madrid 2-1&nbsp; 18'Neymar-78'Sanchez(B) - 91'Jesé Rodriguez(R)<br>Elche-Granada 0-1&nbsp; 26'Iturra<br>Levante-Espanyol 3-0&nbsp; 25'-51'El Zhar-27'Diawara<br><br>OGGI<br><br>Siviglia-Osasuna<br>Villarreal-Valencia<br>Real Sociedad-Almeria<br>Atletico Madrid-Real Betis<br><br>DOMANI<br><br>Getafe-Athletic Bilbao<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagmaFL0411FL0411sanchez.jpgSiNliga-giornata-10-barcellona-stende-il-real-madrid-1012547.htmSi100427901,02,03010222
311012541NewsCalcio EsteroLiga,10a giornata: il «Classico» promette spettacolo20131026102333Liga 10a giornata, Barcellona-Real MadridBarcellona-Real Madrid promette spettacoloIniziata&nbsp;ieri sera la 10a giornata di Liga spagnola con Rayo Vallecano-Valladolid. Hanno avuto la meglio gli ospiti con un rotondo 0-3&nbsp;in virtù delle&nbsp;reti di Ebert, Javi Guerra e Larsson e, soprattutto, grazie alla splendida prestazione dell'italiano Fausto Rossi, autore di due assist e, più in generale, vero e proprio faro del gioco del Valladolid. Risultato giusto che evidenzia ancora una volta come il Rayo sia una delle squadre che più gol ha subito (24) in questa scorcio di stagione; per il Valladolid si tratta della seconda vittoria stagionale, che allo stato attuale vale la tredicesima posizione.<br>Il sabato di Liga, come di consueto, prevede 4 incontri e tutti gli occhi saranno puntati sul "Classico" Barcellona-Real Madrid con calcio d'inizio alle 18.<br>Alle 16, alla "Rosaleda", scenderanno in campo Malaga e Celta Vigo. Entrambe non navigano in acque tranquille. I padroni di casa, con 9 punti, sono lontani dai posti che varrebbero l'Europa, mentre gli ospiti, guidati da Luis Enrique, hanno fatto anche peggio con appena 6 punti. Certamente gli andalusi sono favoriti nel match odierno, contando anche su una buona difesa, solo 9 gol subiti fin qui e terzo miglior reparto del campionato; di contro, un attacco spuntato con appena 11 reti realizzate. Gli ospiti, invece, hanno subito tanto (13 gol) e&nbsp;segnato pochissimo (8).<br>Alle 20 si affronteranno Elche e Granada al "Martinez Valero" e sarà una partita considerata ad alto rischio a causa delle polemiche e degli incidenti scaturiti dopo la partita play off del giugno 2011. Per quanto riguardo l'aspetto tecnico della gara, entrambi gli allenatori dovranno vedersela con&nbsp;pesanti assenze. Da un lato mancheranno Cisma, Sapunaru e, probabilmente, Edu Albacar; dall'altro non saranno dell'incontro Diakhaté, Piti, Yebda e Dani Benítez.<br>Alle 22, il sabato di Liga si chiuderà al "Ciutat de Valencia" dove scenderanno in campo Levante ed Espanyol. Sarà una sfida di medio-alta classifica tra due squadre che stanno facendo bene. Dopo un inizio tremebondo (0-7 a Barcellona), il Levante ha subito solo un'altra sconfitta (contro il Real) ed ha collezionato 3 vittorie e 3 pareggi. I valenciani, però, non hanno ancora vinto tra le mura amiche e stasera potrebbe essere l'occasione giusta. L'Espanyol con 14 punti è reduce dall'impresa casalinga contro l'Atletico Madrid, ma in trasferta ha ottenuto solo una vittoria in 4 incontri disputati. <br>Come detto, alle 18 tutti gli occhi saranno puntati sul Camp Nou dove si disputerà la partita delle partite, quella tra Barcellona e Real Madrid e, sicuramente,&nbsp;merita uno spazio a parte. <br>Il Barcellona è reduce dal pareggio a Pamplona contro l'Osasuna, che ha interrotto la striscia di 8 vittorie consecutive in campionato, e dal pareggio per 1-1 sul campo del Milan in Champions league. Risultati, dunque, che hanno evidenziato alcune lacune della squadra allenata da Martino, il cui potenziale, però, rimane senza dubbio di altissimo livello. Per l'occasione, spazio ai titolari e al trio d'attacco composto da Pedro, Sanchez e Messi.<br>Il Real è reduce dalla vittoria in Champions contro la Juventus, ma la squadra è apparsa in difficoltà in più di un'occasione nonostante la superiorità numerica. Oggi si presenta l'occasione per ridurre le distanze dalla capolista e Carlo Ancelotti sta pensando qualche accorgimento tattico; primo fra tutti, un possibile "finto 9" con Bale, Di Maria e Cristiano Ronaldo in attacco. <br>Una partita come questa è una fonte interminabile di dati statistici, curiosità e numeri. Per esempio, il Barcellona non batte il Real, considerando tutte le competizioni, da 5 gare (2 pareggi e 3 sconfitte) e nelle ultime 10 stagioni la striscia non è mai andata oltre i 5 incontri consecutivi. Il Real ha vinto gli ultimi due incontri disputati e, stasera, potrebbe inanellare la terza vittoria consecutiva contro gli eterni rivali, cosa che non succede dal lontanissimo 1979. Se Messi dovesse segnare superebbe il mitico Alfredo Di Stefano nella classifica dei bomber di sempre nella storia di questa sfida (18). <br>Insomma le premesse ci sono tutte per assistere ad un incontro che, come sempre e comunque vada, scriverà la storia del calcio iberico. <br><br><br>Ecco il programma completo della 10a giornata<br><br>Ieri<br>Rayo-Valladolid 0-3&nbsp;&nbsp; 31'Ebert-40'Guerra-48'Larsson<br><br>Oggi<br>Malaga-Celta<br>Barcellona-Real Madrid<br>Elche-Granada<br>Levante-Espanyol<br><br>Domani<br>Siviglia-Osasuna<br>Villareal-Valencia<br>Real Sociedad-Almeria<br>Atletico Madrid-Betis<br><br>Lunedì<br>Getafe-Athletic Bilbao<br>&nbsp;&nbsp; <br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411220908416-0f27d4c6-d0d9-4bf1-a53d-433bc821b539.jpgSiNliga-giornata-10-barcellona-real-madrid-promette-spettacolo-1012541.htmSi100427901,02,03010244
321012522NewsCampionatiBasta: «Ci sta perdere ,ma non così»20131020100550Udinese, milanBasta: «Ci sta perdere ,ma non così«Amareggiato <B>Dusan Basta,</B> che ai microfoni di Udinese Channel dice la sua dopo la quarta sconfitta esterna su quattro partite: <I>"Fuori casa abbiamo fatto finora molto male e non so per quale motivo. Sicuramente dobbiamo migliorare, siamo troppo poco pericolosi fuori casa. Il mister ci dirà se è un problema di modulo o di spirito, noi dobbiamo lavorare per migliorare a tutti i costi. Si può dire che stasera siamo stati leggermente più cattivi rispetto alle altre trasferte, ma siamo stati comunque troppo imprecisi e poco pungenti davanti".</I><br><br> Il problema c'è; ora tocca risolverlo:<I> "In spogliatoio ne parliamo. Siamo consapevoli che è un problema. Ci sta perdere a San Siro contro il Milan, ma dovremmo essere più pericolosi. Si può perdere, ma non facendo così pochi tiri in porta".</I><br><br> <br><br> Un tour de force, che però non finisce qui per Basta:<I> "Personalmente sono un po' stanco dopo le due partite con la nazionale, ma ho lavorato bene per questa partita, come lo farò per la prossima, che sarà difficilissima contro la Roma capolista. Non sarà facile affrontare una squadra che ha vinto otto partite consecutive".</I><br><br>gp01ctgp01ctdusan-basta.jpgSiNudinese milan-1012522.htmSi-01,02,03,07010204
331012515NewsCalcio EsteroLiga, 9a giornata: rientra Puyol dopo 7 mesi20131019095651Liga, 9a giornataIn campo Real Madrid, Real Sociedad, Barcellona e Atlético MadridConclusasi la sosta dei campionati per disputare gli ultimi turni dei gironi di qualificazione al mondiale, torna anche la Liga spagnola per&nbsp;dare vita alla nona giornata.<br>Giornata che sarà spalmata, come spesso accade, in tre giorni:&nbsp;4 incontri oggi, 4 domani e due lunedì. Tutte in campo stasera le regine di Champions League: Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid e Real Sociedad. <br>Alle 16 sullo sfondo del glorioso Santiago Bernabeu, il Real Madrid affronterà il Malaga. Il Real, certamente, non può permettersi di perdere altri preziosi punti per non lasciar scappare le avversarie Atletico e Barcellona. L'incontro odierno può servire agli uomini di Ancelotti anche per dare una spinta al morale di squadra e tifosi prima del tour de force contro Juventus, Barcellona e Siviglia. Il Malaga, di contro, non ha mai vinto in casa del Real e questo, dal punto di vista "blanco"&nbsp;non sarebbe nemmeno il momento opportuno considerato che il tecnico italiano non ha ancora, del tutto, convinto la "nobile" tifoseria merengue. Chi, invece, ha conquistato i tifosi è sicuramente uno dei grandi ex del match, Isco Alarcòn, che affronterà per la prima volta i suoi ex compagni e la sua terra, visto che il giocatore è nato a Benalmádena, a pochi kilometri da Malaga. Non sarà l'unico ex visto che assisteremo anche al ritorno del tedesco Bernd Schuster al Santiago Bernabeu. Fari puntati anche sul francese Benzema che, più volte fischiato dal proprio pubblico, ha tanta voglia di mettersi in mostra e di tornare al gol sulle ali dell'entusiasmo per le due reti realizzate con la maglia della nazionale contro la Finlandia.<br>Gli andalusi sono reduci da una sconfitta inattesa contro l’Osasuna tra le mura amiche e sono alla ricerca di punti importanti; l’avvio di campionato non lascia ben sperare, solo nove punti ottenuti in otto giornate e distacco dalla testa che è già di 15 punti. <br>Alle 18 sarà la volta di Valencia-Real Sociedad. Incontro che si presenta per le due compagini con prospettive diverse. I padroni di casa sembrano avere raggiunto una certa stabilità dopo un avvio più che faticoso e non perdono da 4 giornate; di contro, la Real Sociedad non vince dall'esordio in Liga. Per i baschi, tutti i sogni di inizio stagione sembrano essere svaniti sia in Champions League che in campionato, considerati i deludentissimi risultati in entrambe le competizioni.<br>Il Valencia fà del Mestalla il suo punto di forza, laddove ha conquistato 9 dei 13 punti in classifica generale e in più ha recuperato Joao Pereira e Ricardo Costa, entrambi reduci da lievi infortuni. Nei 62 precedenti incontri al Mestalla la Real Sociedad ha vinto solo 10 volte, pareggiato 11 e perso 41; cionostante i baschi hanno vinto gli ultimi 2: 2-5 la scorsa stagione e 0-1, firmato Antoine Griezmann nella stagione 2011-12.<br>Alle 20 l'Osasuna riceverà il Barcellona con la speranza di diventare la prima squadra a fermare la capolista. Catalani che, però, sono ad una sola vittoria dall'eguagliare il record del Real Madrid di 9 vittorie consecutive nelle prime 9 giornate di campionato ma "El Sadar" di Pamplona non è un campo facilissimo per il Barcellona che ha perso per 3-2 nel 2012. Un dato statistico interessante è che entrambe non hanno ancora pareggiato in queste prime 8 giornate di Liga. <br>Da sottolineare il possibile rientro dopo 7 mesi di Carles Puyol, che è di nuovo pronto per scendere in campo e poco a poco recuperare la forma e rientrare a pieno titolo nell'11 titolare.&nbsp; <br>Naturalmente il Barcellona spererà che i "cugini" dell'Espanyol riescano a fermare il fin qui inarrestabile Atletico Madrid. Al "Cornellà-El Prat" andrà in scena, alle 22, la squadra di Diego Simeone, l'unica fin qui in grado di reggere il passo dei blaugrana. Dopo un inizio più che promettente gli uomini di Javier Aguirre sembrano essersi bloccati. Le ultime tre sconfitte di fila contro Villarreal, Getafe ed Elche potrebbero essere state metabolizzate con l'aiuto della sosta. Il tecnico messicano, però, dovrà fare i conti con la pesante assenza di Victor Sanchez, mediano goleador, per squalifica. Al suo posto possibile l'inserimento di Alex. <br>I biancorossi di Madrid sono stati perfetti finora; una squadra che basa tutto su grinta e atletismo, specchio anche del carattere di Simeone, e che è capace anche di offrire un bel gioco. Da sottolineare come la settimana dedicata alla nazionali non ha restituito al tecnico argentino giocatori in ottime condizioni. Cionostante,ad esclusione di Leo Baptistao, l'Atletico comunque potrà contare su tutti gli effettivi. <br><br>Ecco il programa completto della 9a giornata<br><br>Oggi<br><br>Real Madrid-Malaga<br><br>Valencia-Real Sociedad<br><br>Osasuna-Barcellona<br><br>Espanyol-Atletico Madrid<br><br>Domani<br><br>Granada-Getafe<br><br>Almeria-Rayo Vallecano<br><br>Betis-Elche<br><br>Valladolid-Sevilla<br><br>Lunedì<br><br>Celta-Levante<br><br>Athletic Bilbao-Villareal<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411puyol.jpgSiNliga-giornata-9-1012515.htmSi100427901,02,03010219
341012512NewsCampionatiIl tecnico azzurro: Mi sono piaciuti carattere e prestazione. Behrami: Se giochiamo cosi` arriveranno i risultati 20131019092844Benitez, NapoliIl tecnico azzurro: Mi sono piaciuti carattere e prestazione. Behrami: Se giochiamo cosi` arriveranno i risultati Il tecnico azzurro: Mi sono piaciuti carattere e prestazione. Behrami: Se giochiamo cosi' arriveranno i risultati <DIV id=testo> "<EM>Ci è mancato il gol, siamo stati superiori alla Roma</EM>". Rafa Benitez legge con razionalità il match dell'Olimpico analizzando la gara nel suo complesso al di là degli episodi. Napoli a testa alta contro la capolista...<br><br> "<EM>Abbiamo fatto meglio di loro nel primo tempo con due chiare occasioni da gol. Nel secondo tempo abbiamo avuto il controllo di tutto per 25 minuti, poi il rigore ha cambiato la partita".</EM><br><br> <EM>"E’ chiaro che se la Roma può giocare con 11 uomini dietro la palla dopo il vantaggio allora diventa dura. Con una squadra forte subìre un gol alla fine del primo tempo e poi un rigore dopo, diventa difcicile per tutti. Ma a me è piaciuta la prestazione ed il carattere della squadra"</EM>.<br><br> "<EM>Non è una partita decisiva, ma posso dire che noi abbiamo fatto tutto giusto, solo che non siamo riusciti a segnare. Quindi si prosegue con fiducia. Se facciamo gol con Pandev o dopo con Insigne parliamo di una partita diversa. Ci è mancato solo il gol</EM>".<br><br> Il rigore è almeno dubbio..."<EM>Io non sono qui per dire se è rigore o no, sono qui per dire che la mia squadra ha fatto benissimo fino a quel momento. Poi mi pare che contatti così in area ce ne siano cinquanta a partita.</EM>..".<br><br> Poi sulla decisione di lasciar fuori Higuain. "<EM>Ho deciso io che era meglio iniziare con Pandev invece che con Gonzalo</EM>".<br><br> <SPAN style="FONT-SIZE: 14pt; FONT-FAMILY: 'Times New Roman','serif'"><IMG alt="" src="http://www.sscnapoli.it/shared/UserFiles/image/imgvecchiosito_535X353/ANDATA%202012_2013/behrami-napoli-bayern-31_primo.jpg" width=535 height=355></SPAN><br><br> Stessa analisi della gara per <STRONG>Valon Behrami</STRONG>...<br><br> "<EM>Io credo che il Napoli abbia fatto una gran partita fino all’episodio del rigore. E’ chiaro che dopo una sconfitta si resta male, ma a freddo dobbiamo dire che se si gioca così ci sono tanti elementi positivi su cui contare".<BR></EM><br><br> <EM>"All’inizio del secondo tempo li abbiamo messi dietro e li abbiamo schiacciati. Certo, nel momento in cui eravamo padroni della partita ci è mancata la cattiveria per andare in gol probabilmente. Che dire, il campionato è fatto di momenti: a loro gira bene, a noi di meno. Ma quando ci siamo guardati in faccia nello spogliatoio abbiamo capito che possiamo competere ad alti livelli"</EM><br><br></DIV>gp01ctgp01ctbenitez.jpgSiNbenitez napoli-1012512.htmSi-01,02,03,08010234
351012511NewsCampionatiAll`Olimpico l`anticipo dell`ottava giornata di Serie A: Roma - Napoli 2-020131019092558Roma, NapoliAll`Olimpico l`anticipo dell`ottava giornata di Serie A: Roma - Napoli 2-0All'Olimpico l'anticipo dell'ottava giornata di Serie A <DIV id=testo> Napoli: Reina, Maggio, Albiol, Britos (44' Cannavaro), Mesto, Inler (83' Dzemaili), Behrami, Callejon, Hamsik, Insigne, Pandev (67' Higuain). A disp. Rafael, Colombo, Fernandez, Armero, Radosevic, Mertens, Zapata. All.Rafa Benitez<br><br> Roma: De Sanctis, Maicon, Benatia, Castan, Dodo', Pjanic, De Rossi, Strootman, Florenzi (81' Marquinho), Totti (33' Borriello), Gervinho (57' Ljajic). All. Rudi Garcia<BR><BR>Arbitro: Orsato di Schio<BR>Marcatori: 45'+3' Pjanic, 71' Pjanic<BR>Note: espulso Cannavaro al 70' per doppia ammonizione. Ammoniti Pandev, Inler, Benatia.<br><br> <IMG alt="" src="http://www.sscnapoli.it/shared/UserFiles/image/NAPOLI%202013%20ANDATA/rona.jpg" width=532 height=355><br><br> Roma - <STRONG>Gioca il Napoli, vince la Roma. La capolista segna su punizione e rigore, gli azzurri arrivano per due volte davanti alla porta su azione&nbsp; sullo 0-0, ma la palla non entra. Questa è la partita, il bignami dei 90 e passa minuti dell'Olimpico. Il resto è letteratura calcistica, legittima e buona per tutte la opinioni, i colori e le passioni. Il Napoli ha due clamorose occasioni da gol negli ultimi 10 minuti del primo tempo. Prima Pandev solo davanti a De Sanctis (salva De Rossi sulla linea), poi Insigne che in area colpisce il palo. Passano 3 minuti ed all'ultimo secondo del recupero Pjanic segna una bellissima punizione. Nel secondo tempo assedio azzurro, Roma schiacciata che sembra cedere. Ma poi c'è un contatto in area Cannavaro-Borriello, prima trattenuta in attacco, poi corpo a corpo e crollo in area di entrambi. L'arbitro ci vede il fallo da rigore. Cannavaro viene espulso per doppia ammonizione. Pjanic segna su rigore la sua doppietta. La Roma vince l'ottava partita consecutiva, il Napoli perde così la prima partita in campionato. E' il calcio. Ma gli azzurri mostrano il piglio della grande squadra. Manca una vita alla fine della stagione. Complimenti ai vincitori e onore ai vinti. L'avventura continua...</STRONG><br><br> <IMG alt="" src="http://www.sscnapoli.it/shared/UserFiles/image/NAPOLI%202013%20ANDATA/rona%20(7).jpg"><br><br> - Primo tempo -<br><br> 15' - primo tiro in porta della Roma: testa di De Rossi su angolo di Totti, Reina blocca sicuro<BR>16' - sinistro di Gervinho in area, fuori<BR>24' - ammonito Pandev<BR>31' - taglio di Inler per Callejon in area, lo spagnolo cerca il tiro d'esterno al volo ma non inquadra la porta<br><br> <IMG alt="" src="http://www.sscnapoli.it/shared/UserFiles/image/NAPOLI%202013%20ANDATA/rona%20(5).jpg" width=532 height=355><BR>33' - entra Borriello per Totti<BR>35' - grande occasione per il Napoli. Insigne lancia Pandev che è solo davanti a De Sanctis che si supera e compie una gran parata<BR>41' - destro di Florenzi a cavallo dell'area, palla fuori<BR>44' - entra Cannavaro per Britos<BR>45' - ancora grande palla gol per il Napoli, Insigne si libera in area e colpisce il palo<BR>45' + 2' - ammonito Cannavaro<BR>45' + 3' - gol della Roma: punizione di Pjanic direttamente all'incrocio dei pali: 1-0<br><br> <IMG alt="" src="http://www.sscnapoli.it/shared/UserFiles/image/NAPOLI%202013%20ANDATA/rona%20(7).jpg" width=532 height=355><br><br> - Secondo tempo -<br><br> 48' - botta di Inler che sfiora il palo<BR>57' - entra Ljajic per Gervinho<BR>64' - sinistro di Hamsik che scheggia il palo<BR>67' - entra Higuain per Pandev<BR>70' - rigore per la Roma per fallo di Cannavaro su Borriello.<BR>70' - espulso Cannavaro per doppia ammonizione<BR>71' - il rigore lo tira Pjanic e segna<BR>74' - ammonito Inler<br><br> <IMG alt="" src="http://www.sscnapoli.it/shared/UserFiles/image/NAPOLI%202013%20ANDATA/rona%20(6).jpg"><BR>80' - sinistro di Inler, blocca De Sanctis<BR>81' - entra Marquinho per Florenzi<BR>83' - entra Dzemaili per Inler<BR>90' + 2' - ammonito Benatia<BR>90' + 4' - finisce 2-0 per la Roma. Prima sconfitta del Napoli in campionato, ma grande prestazione azzurra.<br><br> <IMG alt="" src="http://www.sscnapoli.it/shared/UserFiles/image/NAPOLI%202013%20ANDATA/rona%20(4).jpg" width=532 height=355><br><br> La squadra va a salutare i tifosi azzurri all'Olimpico<br><br></DIV>gp01ctgp01ctpjanic-4.jpgSiNroma napoli-1012511.htmSi-01,02,03,08010239
361012481NewsCampionatiNapoli-Livorno: le pagelle. Top Pandev e Inler, flop Bardi20131006170725Napoli,Livorno,pagelle,voti,risultato,campionato,pandevI voti del match della 7a giornata di Serie A tra Napoli e LivornoAllo stadio "San Paolo" il Livorno di Nicola sfida i padroni di casa del Napoli, sfortunato reduce della trasferta di Champions League contro l'Arsenal.<br>Gli Azzurri vogliono dimostrare che la netta disfatta dell'"Emirates Stadium" è stata solo un incidente di percorso e mirano alla vittoria in campionato che permetterebbe loro di tornare a -2 dalla Roma capolista; assenti, però, tre pezzi pregiati come Albiol, Zuniga e soprattutto "El Pipita"&nbsp;Higuain.<br>Anche il Livorno è in cerca di riscatto dopo la sconfitta nello scontro fra neopromosse con l'Hellas Verona.<br>Avvio tutto a favore del Napoli che dopo appena tre minuti trova il gol; grande cavalcata dell'ex Psv Mertens che parte dal limite della propria aerea di rigore e serve Pandev che mette dentro in diagonale.<br>I partenopei continuano a macinare gioco e al 14' sfiorano il raddoppio con lo stesso attaccante macedone che mette in difficoltà coi suoi dribbling la difesa amaranto e spara alto. Ma il 2 a 0 è nell'aria e pochi minuti dopo Inler prova la gran botta dalla distanza e coglie impreparato Bardi che interviene goffamente sul pallone.<br>La risposta del Livorno arriva solo sul finire del primo tempo ma è pericolosa. Emeghara fa esplodere una conclusione a volo che ricorda quella di Van Basten agli Europei del 1988 e colpisce l'incrocio.<br>La ripresa è un monopolio del Napoli che trova il gol al 53' con Callejon e che gestisce il risultato fino al 82' quando sugli sviluppi di un contropiede fotocopia del primo gol va in gol anche&nbsp;Marek Hamsik.<br><br>&nbsp;<br><br>&nbsp;<br><br>NAPOLI (4-2-3-1): Reina 6; Mesto 6, Fernandez 6,5, Britos 6, Armero 6,5; Inler 7, Behrami 6,5; Callejon 6,5( 22' s.t. Insigne 6,5), Hamsik 6,5( 38' s.t. Bariti s.v), Mertens 7; Pandev 7,5( 30' s.t Zapata 6). A disposizione: Rafael, Colombo, Uvini, Cannavaro, Dzemaili, Radosevic, Bariti, Insigne, Zapata. All. Benitez 6,5<br><br>&nbsp;<br><br>LIVORNO (3-5-2): Bardi 4,5; Coda 5,5, Rinaudo 5, Ceccherini 5,5; Schiattarella 6, Luci 5( 19' s.t Siligardi 6), Duncan 6, Greco5( 7' s.t Piccini 6 ), Mbaye 5,5; Emeghara 5,5, Paulinho 6. A disposizione: Anania, Valentini, Decarli, Piccini, Benassi, Borja, Emerson, Belingheri, Lambrughi, Siligardi, Mosquera. All. Nicola 5<br><br><br>ARBITRO: Bergonzi di Genova 6<br><br>&nbsp;<br><br>TOP NAPOLI<br><br>Pandev: Autentico incubo della difesa amaranto. Dribbling, gol, assist e numeri di alta scuola per il funambolico attaccante azzurro.<br><br><br>FLOP NAPOLI<br><br>Nessuno<br><br>&nbsp;<br><br>TOP LIVORNO<br><br>Paulinho: Fa a sportellate con la difesa del Napoli, lotta anche sul 4 a 0 ma non è ben assistito dai suoi compagni.<br><br><br>FLOP LIVORNO<br><br>Bardi: Forse la peggior partita di quest'anno per il giovane portiere dell'Under 21 che è responsabile&nbsp;su due dei quattro gol napoletani.<br><br><br>C1012317NapoliFL0657FL0657Goran-Pandev-Wallpaper-2.jpgSiNnapoli-livorno-campionato-serie-a-pagelle-1012481.htmSiT1000091,T1000007100664701,02,03010435
371012447NewsCampionatiSerie A, Top e Flop della 6a giornata20131001141321serie aRoma, Verona e Napoli Roma, Verona e Napoli tra le formazioni più brillanti di giornata, finiscono di merito tra i top. Male invece l’Udinese, la Lazio e la Samp.<br><br> TOP<br><br> Rafael = Se il Verona stupisce a ripetizione è anche merito del suo portierone. Parate decisive contro il Livorno. Sorpresa. <br><br> Nagatomo = Il piccolo samurai è praticamente sempre in movimento. Viaggia sulla fascia di competenza che è un piacere e fornisce anche assist decisivi. Duracell.<br><br> Barzagli = Se La Juventus finalmente riesce a non subire è anche (ma non solo) merito del rinato trio difensivo delle meraviglie. Concreto.<br><br> Iturbe = Gioiello su punizione che conferma le indiscrezioni sulle sue doti per chi già le conoceva e lo fa scoprire alla platea della massima serie. Ma è ancora presto. Talento. <br><br> Strootman = Il centrocampo della Roma capolista è nettamente il migliore fino a questo punto. E il giovane olandese si è calato nella parte con notevole bravura. Faro.<br><br> Denis = Torna al gol dopo molte giornate e assicura all’Atalanta quella vittoria che senza le sue perle, sembrava non volesse arrivare. Puntero.<br><br> Pandev = Da prma punta o da esterno d’attacco, resta comunque un’alternativa più che valida per il Napoli di Benitez. Infatti appena chiamato, risponde con una doppietta. Prezioso.<br><br> Formazione TOP = Rafael; Nagatomo, Barzagli, Benatia; Iturbe, Strootman, Nainggolan, Pogba; Denis, Pandev, Gervinho.<br><br> FLOP<br><br> Neto = A Firenze sudano freddo ad ogni suo intervento. Per un ruolo delicato come quello del portiere, tutta questa frenesia non è ottimale. Spaventato.<br><br> Antonsson = Imbarcata colossale del Bologna nella Capitale. Il perticone svedese guida la scialuppa in alto mare della retroguardia rossoblu. Groviera.<br><br> G. Silva = Solitamente freccia sulla fascia dell’Udinese, incappa in una giornata pessima per lui e per tutta la truppa di Guidolin. Stanco.<br><br> Ederson = Lazio in piena crisi, si fa raggiungere dal Sassuolo e non snocciola un minimo di gioco. Lui poi latita come non mai. Assente.<BR>Palombo = Spostato nel ruolo che fu, non morde e non imposta. E la Samp barcolla pericolosamente sul fondo della classifica. Sfiduciato.<br><br> Robinho = Sbaglia a due passi dalla porta confermando le sue mirabolanti qualità di brasiliano atipico. Triste.<br><br> Immobile = Una gara di puro contenimento, il suo derby. Condito da un’entrata killer che lascia segni inequivocabili sulle caviglie di Tevez. Agitato.<br><br> Formazione FLOP = Neto; Antonsson, G. Silva, Antonini; R. Alvarez, Palombo, Ederson, Sestu; Di Natale, Robinho,Immobile.<br><br> Gabriele Cavallaro <BR><br><br>C1012317adm001adm001barzagli-6.jpgSiNserie-a-top-e-flop-della-sesta-giornata-1012447.htmSi100075701,02,03,06,08030341
381012386NewsCalcio EsteroLiga: al via la 6a giornata20130924095535Liga spagnolaGiornata 6Nell'ultimo incontro della 5a giornata di Liga, l'Espanyol sconfigge l'Athletic Bilbao per 3-2 ed aggancia il Villareal a quota 11 punti al quinto posto. Partita densa di emozioni con i padroni di casa impegnati fin dai primi minuti dell'incontro a contenere il forte centrocampo basco composto da Beñat, Iturraspe e De Marcos. I catalani dilagano nel secondo tempo grazie alle reti di Victor Sanchez e Sergio Garcìa; sul 3-1 a nulla vale il gol di Ibai che porta il punteggio sul definitivo 3-2.<br><br>In Spagna, così come nel resto d'Europa, non ci sono soste e pronti, dunque, per la sesta giornata che si disputerà da stasera fino a giovedì senza soluzione di continuità. Quattro gli incontri previsti per stasera, 2 alle ore 20 e 2 alle 22.<br>Il Barcellona ospita la Real Sociedad di Jagoba Arrasate. I baschi stanno faticando parecchio in questa stagione anche per via della partecipazione in Champions e sembrano non avere lo stesso smalto della passata stagione. Settimi in classifica con 6 punti, frutto di una vittoria, tre pareggi ed una sconfitta, fino a questo momento quello che soprprende di più è il fatto che abbiano segnato solo 4 reti, grazie soprattutto al nazionale messicano Carlos Vela, che ne ha realizzatti due. In questa cornice si inseriscono le statistiche certamente non favorevoli alla squadra di San Sebastian, che al Camp Nou è reduce da 17 sconfitte consecutive e bisogna risalire al 1995 per trovare l'ultimo risultato positivo (1-1). Dal canto suo il Barcellona vuole la sesta vittoria consecutiva. E' un Barcellona che soffre di più, almeno apparentemente, rispetto al passato: Messi non è al meglio, Jordi Alba è ancora infortunato. Però, c'è un Pedro motivatissimo e lo stesso Messi ha voglia di gol dato che al prossimo centro riuscirà a raggiungere ed eguagliare&nbsp;l'ormai leggendario Raul Gonzalez nela speciale classifica marcatori di sempre della Liga.<br>Contemporaneamente il Levante di Caparros affronterà il Valladolid dell'ex allenatore Juan Ignacio Martinez. Valladolid che almeno sulla carta parte sfavorito visto che dovrà rinunciare ad Alvaro Rubio, Marc Valiente, Oscar, Victor Perez e Larsson.<br>Poi toccherà all'altra capolista, l'Atletico Madrid, impegnata in casa contro l'Osasuna, reduce dalla prima vittoria in campionato. Non dovrebbero esserci grossi problemi per gli uomini di Simeone ma attenzione ai cali di concentrazione e al turn-over. Confermato, comunque, il 4-4-2. <br>Di scena anche uno dei tanti derby andalusi, Malaga-Almeria. I padroni di casa cercano il quarto risultato utile consecutivo, mentre l'Almeria, tutt'altro che irresistibile, cercherà di portare a casa almeno un punto. In fondo l'Almeria, fino ad ora, si è dimostrata squadra da X, prolifica&nbsp;ma con una difesa colabrodo (10 gol fatti e 13 subiti).<br><br>Ecco il programa completo della 6a giornata<br><br>Giocano Oggi<br><br>Barcellona-Real Sociedad<br><br>Levante-Valladolid<br><br>Malaga-Almeria<br><br>Atlético Madrid-Osasuna<br><br>Giocano Domani<br><br>Granada-Valencia<br><br>Siviglia-Rayo<br><br>Elche-Real Madrid<br><br>Giocano Giovedì<br><br>Athletic Bilbao-Betis<br><br>Getafe-Celta<br><br>Villareal-Espanyol<br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br><br>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-al-via-la-sesta-giornata-1012386.htmSi100427901,02,03010241
391012369NewsCoppeChampions League: Napoli senza paura, Milan tre punti d`oro20130919103882Champions League, Milan e NapoliNapoli e Milan buona la primaNapoli da 10 cum laude e con l'autorità tipica di una grande. Il primo esame non era dei più facili, contro quel Borussia Dortmund che l'anno scorso è stato finalista e che in questa stagione ha già messo sotto i campioni, connazionali, del Bayern nella Supercoppa di Germania. <br>Napoli compatto e ordinato, mai in difficoltà nella gestione del pallone e con quell'autorevolezza di chi vuole vincere. Forza che deriva anche dalla piena consapevolezza delle proprie qualità. <br>Tra gli azzurri, su tutti, spiccano i due centrali di centrocampo, con un Inler tornato a grandissimi livelli. Da segnalare anche il gran lavoro degli esterni, con un Maggio sugli scudi. In avanti, poi, Higuain ha ormai cancellato il ricordo di Cavani, ormai sempre più sbiadito, e gran lavoro<br>anche di Lorenzo Insigne costantentemente impegnato ad allargare le maglie della difesa tedesca per creare i varchi giusti. Ciò che colpisce più di ogni altra cosa è che tutte queste abilità individuali vengono messe a disposizione della squadra che all'unisono è pronta a chiudere sistematicamente gli spazi, ad insistere con la densità difensiva, a riprendere le posizioni a ritroso in fase di non possesso palla <br>per poi ripartire in velocità. Adesso il Napoli preparerà la sfida col Milan a San Siro in quello che sarà il primo grande ostacolo verso il sogno scudetto. Si ricomincerà, come ama dire Benitez, sin prisa y sin pausa.<br>E, a proposito di Milan, nonostante la vittoria per 2-0 contro il Celtic, sembra non esserci fisicamente, non crea gioco e soffre&nbsp;moltissimo in difesa. <br>Sabato scorso a Torino nei minuti finali, i rossoneri si sono salvati da una sconfitta che sarebbe stata pesante; ieri sera, nella prima di Champions hanno vinto nel finale, dopo aver rischiato in più di un’occasione di andare sotto. <br>Sono bastati i goal di Zapata, con deviazione decisiva di un difensore, e Muntari (uno dei peggiori in campo) per far sorridere Allegri. <br>Ma da sorridere forse, a parte il risultato, non c’è niente. Infortuni e gioco condizionano le scelte di Allegri. Contro gli scozzesi il tecnico livornese&nbsp;ha iniziato&nbsp;con il 4-3-1-2 con Birsa dietro Balotelli e Matri, ma poco dopo è passato al 4-3-3 con Matri centrale e con Balotelli e Birsa larghi sugli esterni. Una&nbsp;decisione che fa capire che anche lo stesso tecnico non stia&nbsp;del tutto&nbsp;tranquillo in questo fase&nbsp;iniziale della stagione. Domenica, come detto,&nbsp;a San Siro arriva il Napoli, che ieri ha dominato il Borussia, ma più che altro dalla sfida contro il Celtic, il Milan dovrà valutare le condizioni di alcuni dei suoi uomini come&nbsp;Birsa&nbsp;Constant. L’infermeria a Milanello è piena e bisognerebbe capire anche i perché di tutti questi infortuni, visto che molti sono muscolari e non causati da scontri di gioco. Unica nota positiva è che il Milan nelle difficoltà reagisce sempre e soprattutto nel finale, anche se domenica servirà molto di più contro&nbsp;la capolista&nbsp;Napoli.<br><br>&nbsp;<br><br>EuropaFL0411FL0411benite.jpgSiNchampions-league-napoli-senza-paura-milan-tre-punti-d-oro-1012369.htmSi100427901,02,03,07,08010304
401012363NewsCampionatiSpecial Rudi e Don Rafè, alla conquista dell`Italia20130917153043napoliTre giornate, tre vittorie e primo posto &nbsp; OK, ancora è presto per giudicare, siamo agli inizi: “chi ben inizia è a metà dell’opera” però dice qualcuno… Tre giornate, tre vittorie e primo posto in coabitazione: Roma e Napoli, le due che non ti aspetti, o forse si. Due squadre nuove, quadrate e spettacolari: due allenatori che sanno vincere, hanno le loro idee, il loro carisma e, soprattutto, sanno quel che vogliono. Rudi Garcia e Rafa Benitez sono già entrati nei cuori dei tifosi, e non era mica semplice: uno doveva far dimenticare la bruciante sconfitta in finale di Coppa Italia nel derby e ricreare uno spogliatoio, l’altro doveva far dimenticare gli addii di Cavani e Mazzarri, che tanto bene avevano fatto in azzurro. Sabatini è stato chiaro fin dal primo momento: voleva Garcia in panchina, e Garcia ha preso. Mai scelta più azzeccata: il francese, che ha pure vinto uno scudetto col Lilla, non esattamente una delle squadre più forti in Francia e comunque prima dell’avvento degli sceicchi nel Principato e sotto la Tour Eiffel, ci sa fare, e sembra aver trasmesso un carattere forte alla sua squadra. Maicon, uno che qualcosina l’ha vinta, appena è arrivato ha dichiarato che, nei metodi d’allenamento e nel rapporto coi giocatori, Rudi ricorda molto il suo grande maestro Josè Mourinho. Special Rudi dunque: speciale nel regalare alla squadra un gioco divertente, nel recuperare mentalmente talenti come Pjanic e De Rossi, o nel dare fiducia a ottimi giocatori come Balzaretti e Castan, nel valorizzare giovani come Florenzi, nell’ instaurare un ottimo rapporto con la squadra e, a dir poco fenomenale, nel rimettere in sesto uno spogliatoio a pezzi peggio d’un puzzle. Garcia inoltre riesce a comunicare con tutti: pensate che durante una partita dal francese per Pjanic e Gervinho, all’inglese per Strootman e Bradley, senza trascurare il perfetto italiano con cui chiama gli azzurri (Totti è Francescò, ndr) e quelli che vivono nel nostro paese già da un bel po’. Poliglotta lo è pure Rafa Benitez, anche se lui ultimamente si sta specializzando col napoletano: il simpatico tecnico spagnolo, per tutti in città è Don Rafè. Lui, più che rimettere in sesto uno spogliatoio o ridare fiducia ad un gruppo, ha dovuto formare una squadra: di milioni da spendere ne ha avuti tanti, ma senz’altro tutti spesi bene. Sono arrivati giocatori con l’indole vincente ma anche con tanta voglia di riscatto, e i risultati sembrano dargli ragione: il Napoli gioca bene, diverte, segna e vince. Lui sin dal primo momento ha dato il pallone ai suoi: tanto possesso palla, prove di tiqui taqua e giusto lavoro sulla forma fisica. Senza esagerare su quest’ultimo aspetto: a correre deve essere il pallone, non loro. Ha tanta voglia di rivalsa Benitez, verso un campionato che ha dovuto abbandonare troppo presto: lui, ai tempi dell’Inter, si sentiva in grado di portare avanti la squadra, ma fu cacciato. Troppo presto, forse ingiustamente visto che a mandarlo fu uno spogliatoio di vedove mourinhane, ma si sa che allenare una squadra che ha vinto tutto non è mai facile. Anche per uno, come lui, che ha lasciato ben poco per strada. Acqua passata comunque caro Don Rafè: adesso c’è il tuo nuovo Napoli, capolista assieme alla Roma dello Special. Rudi però.<br><br> <BR>&nbsp;<br><br>C1012317FL0141FL0141benite.jpgSiNspecial-rudi-e-don-rafe-alla-conquista-dell-italia-1012363.htmSiT1000017100205001,02,03,08030600
411011969NewsCalcio EsteroLiga, 33a giornata: Barça e Real in campo pensando alla Champions League20130427092558LigaGiornata 33È iniziato ieri il turno 34 della Liga spagnola con il pareggio ricco di gol tra il Rayo e l'Osasuna.&nbsp;Passo in avanti verso la salvezza per l'Osasuna che forse avrebbe meritato di cogliere i tre punti. Comunque è un punto che fa muovere la classifica. Oggi si disputeranno quattro incontri, tutti ad alta tensione emotiva. Il primo in ordine temporale sarà quello tra Levante e Celta Vigo. Gli uomini di Juan Ignacio Martinez non rischiano la retrocessione, ma sono lontani dal 7° posto,&nbsp;occupato dal Betis (8 punti di distanza), che, attualmente, è l’ultima squadra che si qualificherebbe per l’Europa. Recuperare 8 punti in 6 giornate appare un’impresa alquanto improbabile. Di contro, la squadra galiziana, che lo scorso lunedì&nbsp;ha vinto&nbsp;lo scontro diretto con il Saragozza, non&nbsp;occupa più l'ultima posizione. Sono solamente 2 i punti che li separano dalla salvezza e da oggi il Celta potrà contare di nuovo sul suo&nbsp;miglior realizzatore, Aspas, che ha scontato le sue 4 giornate di squalifica. <BR><BR>Poi toccherà ad Atletico Bilbao-Barcellona. I baschi, reduci da quattro punti in cinque partite, occupano attualmente la 14° posizione con 36 punti e la zona rossa non è distante. Quindi, l'obiettivo è ottenere almeno un punto contro la capolista. Certo, il Barcellona, reduce dalla batosta&nbsp;in Champions League contro il Bayern Monaco,&nbsp;avvicenderà parecchi uomini&nbsp;non avendo particolari patemi d'animo in un campionato che ha già vinto da tempo.<BR><BR>Ed è il giorno del derby di Madrid, un derby che potrebbe essere leggendario per l'Atletico. La squadra di Simeone è in un buon momento di forma e una vittoria porterebbe i "colchoneros" a 71 punti, raggiungendo gli eterni rivali in seconda posizione. E le circostanze sono favorevoli visto che le "merengues" avranno la testa alla "remontada" che proveranno a realizzare ai danni dei tedeschi di Dortmund.<BR><BR>Infine, il match-clou della salvezza tra Real Saragozza e Maiorca chiuderà l'avvincente sabato di calcio spagnolo. Il Saragozza di Manolo Jimenez ha solo un risultato a disposizione. Sono ormai 15 le partite senza vittoria. Per il Maiorca, invece, si tratterà di evitare la sconfitta. Reduce da tre vittorie in 7 incontri, il Maiorca è attualmente terz'ultimo distante un solo punto dalla salvezza.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/liga/">http://livehighlights24.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocata ieri<BR><BR>RAYO VALLECANO-OSASUNA 2-2&nbsp; 7'Delibasic-57'Piti(R) - 8'Loe-13'Arribas(O) - Oggi<BR><BR>LEVANTE-CELTA VIGO <BR><BR>ATHLETIC BILBAO-BARCELLONA <BR><BR>ATLETICO MADRID-REAL MADRID <BR><BR>SARAGOZZA-MAIORCA <BR><BR>Domenica<BR><BR>ESPANYOL-GRANADA <BR><BR>MALAGA-GETAFE <BR><BR>VALLADOLID-SIVIGLIA <BR><BR>REAL SOCIEDAD-VALENCIA <BR><BR>Lunedì<BR><BR>REAL BETIS-DEPORTIVO LA CORUNA <BR><BR>spagnaFL0411FL0411mourinho.jpgSiNliga-giornata-33-in-campo-real-e-barçellona-pensando-alla-champions-1011969.htmSi100427901,02,03010357
421011894NewsCampionatiMilan, Galliani: «Confermerò squadra e tecnico»20130421213825milan, gallianiAdriano GallianiAdriano Galliani, ad del Milan, ai microfoni di Sky Sport parla della corsa verso il terzo posto e conferma tecnico e squadra per la prossima stagione: "Abbiamo cambiato tutta la squadra in estate, domenica scorsa solo Abbiati e Abate erano nella rosa dello scorso anno. Quando si fa un cambio così radicale è normale trovare delle difficoltà all'inizio, anzi penso che aver trovato una quadratura dopo appena otto gare sia un grande risultato. Da allora in poi non abbiamo praticamente più perso punti dalla Juve capolista. Sapevamo di avere un calendario difficile in questo periodo, giocando contro la quarta, la seconda e ora la prima del campionato, ma ora questo calendario è finito e guardiamo con fiducia al futuro cercando di difendere questo terzo posto dagli assalti delle avversarie. Io firmerei su questo risultato visto dove eravamo dopo le prime otto giornate. Noi non ci accontentiamo del terzo posto, ma in un anno in cui abbiamo cambiato tanto e risistemato i conti con una squadra giovane. Il prossimo anno non avremo problemi con questa squadra, che verrà confermata in blocco. Allegri resta e continua con noi. Balotelli? Mi ha fatto piacere che lui sia rimasto a Milano da grande professionista, anziché volare a New York per la premiazione di Time. Non l'abbiamo forzato nella scelta e il Milan non ha fatto nulla per impedire il suo viaggio: è stata una sua decisione". C1007650adm001adm001galliani.jpgSiNmilan-galliani-confermero-squadra-e-tecnico-1011894.htmSiT1000027100075701,02,03,06,07030225
431011775NewsEditorialeSerie A: le doppiette di Vidal e Pinilla più l`irriconoscibile Guarin. Top e Flop della 32a giornata20130416161992serie aAncora Juventus, poi Udinese, Cagliari, Roma e FiorentinaAncora Juventus, poi Udinese, Cagliari, Roma e Fiorentina portano tra i top di giornata alcuni dei propri giocatori, protagonisti di vittorie convincenti. Di contro Palermo, Inter, Lazio e Atalanta portano i propri alla formazione dei flop, dopo gare in tono negativo.<br><br>TOP<br><br>Buffon = Un paio di interventi salva risultato, un piccolo smacco a chi inopinatamente ha voluto pensionarlo. Un pezzo di scudetto, oltre che di storia bianconera, è tutto suo. Insuperabile.<br><br>Angelo = Non un fine dicitore della biglia, ma un brasiliano atipico, tutto corsa e agonismo. Si sblocca e porta legna per la salvezza del Siena. Tignoso.<br><br>Danilo = Diga che argina le offensive di un Parma a dire il vero spuntato, gestisce il pacchetto arretrato udinese con notevole sicurezza. Davanti fanno il resto. Deciso.<br><br>Vidal = Doppietta fondamentale per stendere la Lazio. Concretezza spaziale, agonismo fondamentale. Chi pensa di cederlo, solo a pensarlo, commette un delitto. Prezioso.<br><br>Lamela = Il miglior gol di giornata, un sinistro a giro di delicatezza commovente. La definitiva conferma di un talento davvero purissimo. Ispirato.<br><br>Muriel = Discontinuo, ancora non totalmente maturo, ma dotato di grandi numeri. Quando si accende diventa un calciatore importante. Cinico.<br><br>Pinilla = Furbo nel conquistarsi il rigore, sgomita per un posto da titolare che in questo momento gli spetterebbe di diritto. Cobra.<br><br>Formazione Top = Buffon; Angelo, Danilo, Lichsteiner; Ilicic, Lamela, Vidal, Pizarro; Pinilla, Muriel, Pandev.<br><br>FLOP<br><br>Sorrentino = Era tanto tranquillo al Chievo, ha scelto il pericolo della lotta retrocessione. Ed i nervi son saltati. Spaventato.<br><br>Cana = Rigore procurato, papera davanti a Buffon, interventi maldestri dietro. Non proprio una gara da ricordare, la sua contro la capolista. Molle.<br><br>Ogbonna = Gli infortuni ne hanno pregiudicato la seconda parte di stagione, ma quella che era una sicurezza per i granata è diventata una preoccupazione. Balbettante.<br><br>Gomez = Il Catania ha tirato un po’ i remi in barca ed anche il suo potenziale si è affievolito. Che pensi già alla prossima stagione, chissà lontano da Catania? Stanco.<br><br>Guarin = Sulle gambe, non riesce a tirar fuori dalla crisi la sua Inter, già a pezzi. Sarebbe l’unico che potrebbe farlo. Spuntato.<br><br>Denis = Dalla tripletta all’Inter all’espulsione contro la Fiorentina. Nella vita, come nel calcio, esiste anche il giusto mezzo. Nervoso.<br><br>Immobile = Di cognome e di fatto, questa volta. Non aiuta il Genoa a piazzare la zampata decisiva per una salvezza più sudata della sua maglietta dopo il derby. Incolore.<br><br>Formazione Flop = Sorrentino; Cana, Ogbonna, Santacroce; Gomez, Guarin, Hernanes, Flamini; Denis, Immobile, Klose.<br><br>Gabriele Cavallaro. <br><br><br>C1007650adm001adm001marotta.jpgSiNserie-a-le-doppiette-di-vidal-e-pinilla-piu-l-irriconoscibile-guarin-top-e-flop-della-trentaduesima-giornata-1011775.htmSiT1000007,T1000027100075701,02,03030493
441011563NewsCalcio EsteroLigue 1, 31a giornata:Marsiglia di misura sul Bordeaux, oggi Rennes-PSG20130406071217Ligue 131a giornataLa 31 giornata di Ligue 1 si è aperta con l’anticipo tra Marsiglia e Bordeaux.&nbsp;La squadra di Elie Baup, forte della bella vittoria esterna contro il Nizza della settimana scorsa e del conseguente sorpasso sul Lione nella lotta per il secondo posto,&nbsp;ha sconfitto&nbsp;al Velodrome un Bordeaux ormai salvo, grqzie ad un gol di Gignac. Marsiglia adesso a 4 punti dalla capolista PSG ma chiaramente con una partita in più. Proprio gli uomini di Ancelotti apriranno il sabato di ligue 1 andando in scena a Rennes e cercando di non pensare alla sfida di mercoledi&nbsp; in Champions in casa del Barcellona. Sempre di sabato, le sfide salvezza tra il Brest, che cerca punti sul più tranquillo Bastia, il Sochaux e l’Ajaccio, e lo scontro tra le ultime della classe Nancy e Troyes. Domenica chiuderanno il St.etienne, che con una vittoria contro L’Evian TG aggancerebbe al terzo posto un Lione in crisi dopo la recente sconfitta in casa contro il Sochaux, e che cerca di risorgere a domicilio del pericolante Reims. Infine, la sfida tra Lille e Lorient, ormai salve.<BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Marsiglia-Bordeaux 1-0&nbsp;&nbsp; 41'Gignac</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Rennes-PSG</STRONG><BR><BR><STRONG>Nancy-Troyes</STRONG><BR><BR><STRONG>Montpellier-Valenciennes</STRONG><BR><BR><STRONG>Bastia-Brest</STRONG><BR><BR><STRONG>Sochaux-Ajaccio</STRONG><BR><BR><STRONG>Tolosa-Nizza</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Saint Etienne-ETG</STRONG><BR><BR><STRONG>Reims-Lione</STRONG><BR><BR><STRONG>Lille-Lorient</STRONG><BR><BR>FranciaFL0411FL0411ligue-1.jpgSiNligue-1-giornata-31-marsiglia-vince-e-consolida-il-secondo-posto-1011563.htmSi100427901,02,03010225
451011536NewsCampionatiSantos, incredibile rete su punizione di Neymar VIDEO20130405132938santos, neymarEnnesima rete di Neymar Ennesima&nbsp;rete di Neymar con la maglia del Santos. Il fenomeno brasiliano ha siglato la rete del definitivo 1-1 nel match contro il Sao Caetano con un delizioso calcio di punizione dal limite. In classifica il Santos sale a -3 dal San Paolo capolista, impegnato domenica sul campo del Botafogo SP.<br><br> <A href="http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&amp;v=Wy2tBm6h3Uo">http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&amp;v=Wy2tBm6h3Uo</A><BR><br><br>C1007650adm001adm001neymar.jpgSiNsantos-incredibile-rete-su-punizione-di-neymar-1011536.htmSi100075701,02,03030362
461011374NewsCalcio EsteroBundesliga, 27a giornata: il Bayern potrebbe già laurearsi campione20130330091050Bundesliga27a Giornata<DIV align=justify>Si gioca tra oggi e domani la&nbsp;27a giornata di Bundesliga. ll Bayern Monaco dei record&nbsp;riceve in casa&nbsp;l’Amburgo nel posticipo delle 18.30. Il match potrebbe decretare, a sette giornate dal termine,&nbsp;la matematica vittoria del campionato da parte della squadra di Heynckes, in caso di vittoria e contemporaneo passo falso del Borussia Dortmund a Stoccarda.<BR>In ogni caso, se non&nbsp;dovesse essere&nbsp;oggi, la matematica certezza della vittoria del Meisterschale arriverà a breve, per cui il Bayern Monaco, che martedì giocherà&nbsp;l'andata del&nbsp;quarto di finale di champions contro la Juventus, può giocare&nbsp;senza eccessivi patemi d'animo&nbsp;e far riposare pedine importanti: Heynckes potrebbe decidere di tenere a riposo Boateng, Javi Martinez e Ribery, oltre a Gomez a cui quest’anno è stato comunque spesso preferito per scelta tecnica Mandzukic. <DIV align=justify>Il Borussia Dortmund, considerati i 20 punti di distacco dalla capolista, ha poco da chiedere alla Bundesliga se non confermarsi seconda forza del campionato. Jurgen Klopp, presumibilmente,&nbsp;avvicenderà molti uomini,&nbsp;in vista della partita di mercoledì prossimo a Malaga valida per i quarti di finale di Champions League.&nbsp; </DIV> <DIV align=justify>Quantomai incerta ed entusiasmante la lotta per il quarto posto, che vede sei squadre in tre punti: Eintracht Francoforte, Schalke, Magonza, M'gladbach,Amburgo e Friburgo si giocano un posto nell'Europa che conta della prossiam stagione.</DIV> <DIV align=justify><BR>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>Giocano Oggi </DIV></DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify><STRONG>Fortuna-Bayer Leverkusen</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Augsburg-Hannover</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Stuttgart-Borussia Dortmund</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Mainz-Werder Bremen</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Freiburg-Borussia M’gladbach</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Schalke-Hoffenheim</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Bayern Munich-Hamburger</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG></STRONG>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>Giocano Domani</DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify><STRONG>Wolfsburg-Norimberga</STRONG></DIV> <DIV align=justify><STRONG>Greuther-Eintracht</STRONG></DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV> <DIV align=justify>&nbsp;</DIV>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-27-bayern-potrebbe-laurearsi-campione-1011374.htmSi100427901,02,03010252
471011343NewsCampionatiSerie D - Girone I 29a giornata: ACR Messina un passo in più verso la Lega Pro20130329112324Serie D Girone I29a giornataL'Acr Messina, con un gol di Chiaria, batte la Pro Cavese e, a cinque giornate dal termine, compie un altro passo in avanti verso la promozione. Risultato bugiardo, comunque, viste le&nbsp;4&nbsp;o&nbsp;5 occasioni chiare da gol con gli scatenatissimi, ma imprecisi in più di un'occasione, Corona e lo stesso Chiaria.&nbsp;Con la vittoria di ieri i giallorossi mantengono i 5 punti di vantaggio sulla seconda, il Nuovo Cosenza, che solo al 92' acciuffa la vittoria e i tre punti per mantenere vive le speranze nell'incontro casalingo contro il Sambiase. In vantaggio solo dopo due minuti col solito Mosciaro, si fa riprendere e superare. Poi, ci pensano Guadalupi al 72' e Franzese in pieno recupero a compiere la rimonta e mantenere invariato il distacco dalla capolista. L'altra squadra di Messina, ex Camaro, si conferma terza forza del campionato andando a vincere a Ribera. Per quanto riguarda la bassa classifica, prosegue la risalita del Noto che rifila 5 gol al Paternò, che, però, non ha potuto schierare la squadra titolare a causa dei mancati pagamenti ai giocatori dei rimborsi spese.<BR><BR>Risultati 29a giornata<BR>Agropoli-C.Montalto 1-0&nbsp;&nbsp; 96'Montano<BR>Nissa-Vibonese 0-2 51'Marasco-71'Caterisano<BR>Noto-Paternò 5-0&nbsp; 1'Santaniello-16'pignatta-21'El Bahja-23'-56'Leon Merito<BR>Ragusa-Gelbison 0-0<BR>Messina-Pro Cavese 1-0 47'Chiaria<BR>Ribera-Città di Messina 0-2 61'Ticione-93'Assenzio<BR>Acireale-Palazzolo 0-3 18'-85'Mazzeo-44'Sarli<BR>Nuovo Cosenza-Sambiase 3-2 2'Mosciaro-72'Guadalupi-92'Franzese(N) - 36'Curcio-67'Carrozza(S)<BR>Savoia-Licata 3-2 6'Nasto-79'Savarese-85'Pallonetto(S) - 8'Riccobono-68'Saani(L)<BR><BR>Classifica<BR><BR>1)Acr Messina 67<BR>2)Nuovo Cosenza 62<BR>3)Città di Messina 51<BR>4)Savoia 48<BR>5)Gelbison 48<BR>6)Vibonese 43<BR>7)Ribera 41<BR>8)C.Montalto 40<BR>9)Agropoli 40<BR>10)Pro Cavese 38<BR>11)Paternò 38<BR>12)Palazzolo 37<BR>13)Ragusa 36<BR>14)Licata 36<BR>15)Noto 33 (-3)<BR>16)Sambiase 30<BR>17)Acireale 15<BR>18)Nissa 8(-1)<BR><BR>Prossimo Turno 7/4/2013<BR><BR>Palazzolo-Noto<BR>Paternò-Agropoli<BR>Pro Cavese-N.Cosenza<BR>Vibonese-Acireale<BR>Gelbison-Nissa<BR>Sambiase-Ragusa<BR>Città di Messina-Savoia<BR>Licata-Messina<BR>C.Montalto-Ribera<BR><BR>ItaliaFL0411FL0411messinaregginajw7.jpgSiNserie-d-girone-i-giornata-29-acrmessina-altro-passo-verso-la-lega-pro-1011343.htmSi100427901,02,03010162
481011341NewsCalcio EsteroLigue 1, 30a giornata: Psg all`esame Montpellier con in testa il Barcellona20130329104052Ligue 130a giornataNonostante il pareggio&nbsp;esterno con il Saint-Etienne, il PSG è sempre&nbsp;saldamente in testa nella Ligue 1 e&nbsp;potrebbe accingersi&nbsp;a vincere il campionato a 18 anni dall’ultimo trionfo che risale alla stagione 1993/94. Stasera gli uomini di Ancelotti saranno impegnati a giocare l'anticipo della 30a giornata contro il Montpellier campione di Francia in carica. Difficile poterlo chiamare scontro d'alta classifica considerando che a diviidere le due squadre ci sono la bellezza di 13 punti e sei posizioni. Sono giorni intensi per i parigini che sicuramente avranno la testa altrove e più concretamente alla sfida di champions league contro il Barcellona. Intanto, però, ci sono da difendere i 5 punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice, l'Olympique Lione, che giocherà domenica tra le mura amiche contro il Sochaux. Mentre l'Olympique Marsiglia, distante 7 punti dalla capolista,&nbsp;affronterà il Nizza in trasferta.<BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>PSG-Montpellier</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Troyes-Saint-Étienne<BR>Bordeaux-Lorient<BR>Valenciennes-Bastia<BR>Rennes-Nancy<BR>Ajaccio-Toulouse<BR>Evian TG-Reims</STRONG><BR><BR>Giocano Domenica<BR><BR><STRONG>Nice-Olympique Marsiglia<BR>Brest-Lille<BR>Olympique Lyonnais-Sochaux</STRONG><BR><BR>FranciaFL0411FL0411carlo-ancelotti.jpgSiNligue-1-giornata-30-psg-montpellier-aspettando-il-barcellona-1011341.htmSi100427901,02,03010225
491011269NewsCampionatiBrasile 2014: le big a rischio qualificazione20130327100428Brasile 2014Le big a rischio qualificazioneDiverse blasonate nazionali sono a rischio qualificazione per il Mondiale che si disputerà in Brasile nell'estate del 2014. Nutrono ancora qualche speranza nazionali del calibro di Inghilterra e Uruguay, più complicata lla situazione di Portogallo e Francia e, addirittura, disperata quella della Turchia.<br><br> La nazionale inglese di Roy Hodgson&nbsp;può ritenersi soddisfatta dal pareggio ottenuto ieri sera in Montenegro. I tre leoni salgono a quota 12 punti e rimangono distanti 2 soli punti dalla capolista capitanata da Mirko Vucinic. Inoltre, gli inglesi, delle 4 partite in programma ne giocheranno 3 in casa, una delle quali proprio contro i montenegrini. <br><br> L'Uruguay, perdendo in nottata contro il Cile, si è complicato notevolemnte il cammino al mondiale. La gloriosa "Celeste" allenata da Tabarez è attualmente in sesta posizione a quota 13 punti e, se non dovesse risalire la china, sarebbe eliminata. Con cinque incontri ancora da disputare, però, tutto è possibile. Importantissimi impegni saranno quelli in Venezuela e Perù che precederanno il big-match casalingo&nbsp;contro la Colombia di Radamel Falcao.<br><br> L'inatteso e sorprendente pareggio della Spagna in casa contro la Finlandia aveva&nbsp;ridato vigore alle speranze di qualificazione diretta alla Francia, ma i&nbsp;campioni del Mondo e d'Europa non sbagliano un colpo quando sono chiamati a legittimare la propria forza, e l'incontro di ieri ne è stata l'ennesima dimostrazione.&nbsp;Da&nbsp;evidenziare che le "Furie Rosse", a Parigi, non avevano mai battuto i padroni di casa in gare ufficiali, e questa sconfitta peserà sul cammino dei transalpini, che ora tornano in seconda posizione ad un solo punto dagli spagnoli. Restano da giocare tre gare e risulta difficile pensare che la Spagna possa compiere ulteriori&nbsp;passi falsi.<br><br> Il Portogallo di Paulo Bento, dopo il 3-3 di venerdì scorso in Israele,&nbsp;sembra nettamente&nbsp;in difficoltà.&nbsp;I lusitani e gli israeliani sono fermi a quota 11, ad un solo punto dalla capolista Russia (12), che però ha due gare in meno e&nbsp;presumibilmente&nbsp;otterrà il pass diretto battendo Nord Irlanda e Lussemburgo. Decisiva sarà la gara del 7 Giugno, quando i lusitani riceveranno la Russia di Fabio capello.<br><br> Infine la Turchia. La&nbsp;nazionale guidata&nbsp;da Avci è praticamente&nbsp;fuori dal prossimo Mondiale, a meno che non ottenga clamorosi risultati nelle restanti quattro partite. I turchi, pareggiando in casa contro l’Ungheria salgono a quota 7 in classifica, occupando la quarta posizione. In testa c'è l’Olanda, virtualmente qualificata, per i play-off è&nbsp;lotta serrata&nbsp;tra Ungheria (11 punti) e Romania (10), con la Turchia quasi fuori. Nel prossimo&nbsp;turno la Turchia se la dovrà vedere a Bucarest con la Romania dove, se non riuscirà a fare risultato pieno, verrebbe aritmeticamente estromessa dalla fase finale. <br><br>EuropaFL0411FL04111479464-2c37b94b26a0ee574ab281bb54f15be3.jpgSiNbrasile-2014-le-big-a-rischio-qualificazione-1011269.htmSi100427901,02,03030293
501011146NewsCampionatiItalia, successi per Bulgaria e Danimarca20130322224636calcioIl giovane attaccante Andreas Cornelius Israele-Portogallo 3-3<BR><BR>Si è conclusa la prima partita della giornata di qualificazioni ai mondiali, zona Europa. A Tel Aviv Israele e Portogallo hanno dato vita a uno spettacolare incontro, terminato 3-3. Bruno Alves porta in vantaggio i lusitani dopo 2', poi si scatena Israele che va in gol con Hemen, Ben Basat e Gershot. Sembra finita, visto che il 3-1 viene firmato al 70'. E invece prima Helder Postiga accorcia le distanze al 72', infine al 93' arriva l'insperato pari di Fabio Coentrao.<BR><BR><BR>Bulgaria-Malta 6-0 <BR><BR>Questo pomeriggio, è scesa in campo la Nazionale di Malta, prossima avversaria dell'Italia. Sonora sconfitta per i ragazzi di Pietro Ghedin che in Bulgaria hanno perso 6-0. A segno allo stadio Vasil Levski National Stadium Popov, Gargarov, Ivanov e Tonev, con quest'ultimo autore di una tripletta.<BR>Grazie a questa vittoria la squadra del ct Penev è salita a nove punti in classifica, uno in meno dell'Italia capolista del gruppo B. <BR><BR>Repubblica Ceca-Danimarca 0-3<BR><BR>Il giovane attaccante Andreas Cornelius s'è messo in luce anche quest'oggi nella sfida giocata dalla sua Danimarca contro la Repubblica Ceca. La nazionale scandinava ha ottenuto la sua prima vittoria nel gruppo B vincendo all'Andruv Stadion con un secco 0-3. A sbloccare la partita proprio il centravanti classe '93 di proprietà del Copenaghen. La rete del 2-0 porta la firma dell'ex Palermo Kjaer, mentre il gol che ha chiuso i giochi è del centrocampista del Mainz Niki Zimling, ex meteora dell'Udinese. Con questo risultato si sono concluse le partite in scena quest'oggi valide per il gruppo B. Ecco la classifica: Italia 10; Bulgaria 9; Danimarca 5; Repubblica Ceca 5; Armenia 3; Malta 0.<BR><BR><BR><BR>C1007650adm001adm001cesare-prandelli.jpgSiNitalia-successi-per-bulgaria-e-danimarca1011146.htmSi100075701,02,03030359
511011012NewsCampionatiSerie A, 29a giornata: la Juve mette le mani sullo scudetto. Lotta a viso aperto per il terzo posto.20130318095514serie aLa 29` giornata di serie A sancisce di fatto l`attribuzione <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri></FONT></FONT></SPAN>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>La 29' giornata di serie A sancisce di fatto l'attribuzione dello scudetto alla Juventus, che espugna il Dall'Ara di Bologna nell'anticipo del sabato. Il Napoli non molla, ma, nonostante la vittoria in casa contro un'ottima Atalanta, resta a 9 punti dalla capolista. Il Milan sembra la favorita al terzo posto, ma la Fiorentina resta in agguato e la Roma potrebbe rientrare clamorosamente nei giochi. Sembra abbandonare la corsa, invece la Lazio, che cade malamente in quel di Torino, sponda granata, sotto la neve. In coda, sempre più vicine alla serie Bwin Pescara e Palermo, entrambe sconfitte, mentre appare chiaro che il terzo nome della squadra retrocessa verrà fuori tra Genoa e Siena. Prima dei riassunti delle singole partite, i consueti TOP/FLOP della giornata:<?xml:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:office" /><o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>TOP: Totti(Roma): protagonista nella vittoria capitolina contro il Parma, "Er Pupone" segna il gol numero 226 in serie A. Inarrestabile!<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>FLOP: Ciani(Lazio): due fallacci in un quarto d'ora gli valgono il doppio giallo, che comporta l'inferiorità numerica alla sua squadra, poi sconfitta a Torino. Disastroso!<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>CATANIA-UDINESE 3-1: un super Catania sogna l' Europa League, dopo aver battuto una diretta concorrente come l'Udinese. Gioco frizzante, passaggi rapidi e imprevedibili e grande rapidità di manovra sono le caratteristiche peculiari della squadra di Maran. E proprio al termine di due contropiedi fulminei Gomez segna la sua personale doppietta (49' e 67'). Poi ci pensa Lodi a chiudere i conti. Per l'Udinese il gol speranza porta il nome di Muriel, minuto numero 81, ma ormai la partita è compromessa e il Catania continua a volare.<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>BOLOGNA-JUVENTUS 0-2: la Juventus supera l'ostacolo Bologna e mette la parola fine al discorso scudetto. La partita non regala grandi emozioni nel primo tempo, poche le occasioni, nonostante il ritmo sia piuttosto alto. Nella ripresa il discorso cambia e la Juventus legittima la propria leadership: il neo entrato Naldo si lascia sfuggire Vucinic, che batte Curci e sigla l'1-0(61' minuto). Al 73' poi è di nuovo Naldoa tenere in gioco Marchisio, che sigla il gol del raddoppio. Il Bologna resta in piedi fino alla fine, ma le occasioni per riaprire la partita mancano.<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>SIENA-CAGLIARI 0-0: la noia ha la meglio sulle due squadre. Punto più utile al Cagliari che al Siena. I toscani comunque rimangono in corsa per la salvezza.<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>FIORENTINA-GENOA 3-2: pirotecnico susseguirsi di emozioni al Franchi di Firenze, dove scende in campo uno tra i migliori Genoa della stagione. Al vantaggio di Aquilani al 33', risponde Portanova al 58' minuto, dopo una grave disattenzione della difesa viola. Cuadrado riporta in vantaggio i toscani su papera di Tzorvas, ma poco dopo Antonelli è lesto a deviare in rete un pallone vagante. A dieci minuti dal termine, l'ex Cassani mette nella porta sbagliata sugli sviluppi di un corner, condannando il Genoa ad una sconfitta immeritata.<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>MILAN-PALERMO 2-0: un super Balotelli regna assoluto a San Siro e punisce un buon Palermo, ormai pronto alla retrocessione. SuperMario prima si procura e trasforma un calcio di rigore dopo 10 minuti, e poi, dopo numeri e giocate da vero fuoriclasse, ribadisce in rete una corta respinta di Sorrentino(minuto 66).<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>NAPOLI-ATALANTA 3-2: emozioni a non finire al San Paolo, dove il Napoli tiene ipoteticamente aperto il discorso scudetto. Doppietta di Cavani(il primo gol è su calcio di rigore), con tanto di polemica a chi l'aveva criticato, e nel mezzo l'autorete di Cannavaro. Al 73' è Denis a pareggiare i conti, ma poco dopo Pandev riporta in vantaggio i partenopei, al termine di una bella azione collettiva.<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>PESCARA-CHIEVO 0-2: partita poco spettacolare. Nella prima frazione sono gli abruzzesi a provarci di più e reclamano un netto rigore, non concesso. Il Chievo colpisce solo negli ultimi secondi di partita, ma è letale: Stoian e Thèrèau(88', 93') condannano di fatto il Pescara alla serie Bwin.<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>ROMA-PARMA 2-0: una ritrovata Roma, dopo la cura Andreazzoli, super un discreto Parma. Match in discesa fin dai primi minuti, quando Lamela devia in rete un tiro di De Rossi. Parma pericoloso con Paletta e Amauri, mentre i giallorossi colgono la traversa, dopo una punizione bolide di Totti. Ed è proprio il capitano a chiudere i conti al 70', sempre su calcio piazzato.<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>TORINO-LAZIO 1-0: la partita di decide di fatti dopo 15 minuti, quando Ciani si fa espellere per doppio giallo. L'uomo in meno è avvertito dalla Lazio, che tenta di reagire ma concede troppi spazi ai veloci contropiedisti del Torino, come Jonathas, che al 78' trova il gol partita.<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri>SAMPDORIA-INTER: rinviata per neve<o:p></o:p></FONT></FONT></SPAN><BR><BR><br><br>C1007650FL0761FL0761c-33509839.jpgSiNserie-a-ventinovesima-giornata-juventus-prende-scudetto-lotta-aperta-per-il-terzo-posto-1011012.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000014,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000095,T1000097,T1000099100844901,02,03,06,07,08,09030786
521011005NewsCalcio EsteroBundeliga, 26a giornata: Manita del Dortmund, Bayern corsaro a Leverkusen20130317113515Bundesliga26a giornataIl match clou della 26/a giornata di Bundesliga, quello tra la capolista Bayern Monaco e il Bayer alla “BayArena” di Leverkusen, se lo aggiudicano i bavaresi, che liquidano 2-1 i rossoneri. Il Borussia Dortmund&nbsp;ritrova continuità&nbsp;travolgendo al “Westfalenstadion” il Friburgo, alla deriva ormai dopo un inizio di 2013 al top, consolidando il secondo posto alle spalle degli irraggiungibili bavaresi. Lewandowski e Sahin, doppietta per entrambi, più la rete di&nbsp; Bittencourt rimontano l’iniziale vantaggio ospite.&nbsp;Debacle clamorosa dello Schalke, che in Baviera viene schiantato 3-0 dal Norimberga. Una sconfitta pesante e inaspettata, che potrebbe pregiudicare la corsa al quarto posto di Huntelaar e compagni. Sorride, invece, l’Augsburg, capace di espugnare di misura Amburgo e di allungare sulla zona retrocessione diretta, dove stazionano invece, l’Hoffenheim e l’ormai spacciato Greuther Furth, entrambi costretti al pari.<br><br> Venerdì<br><br> <STRONG>Wolfsburg-Fortuna Dusseldorf 1-1&nbsp;&nbsp; 37′ Bolly(F) - 52′ Olic (W)</STRONG><br><br> Giocate Ieri<br><br> <STRONG>Borussia Dortmund-Friburgo 5-1 28′ Schmid(F) - 41′-45′ Lewandowski-44′ e 72′ Sahin-78′&nbsp; Bittencourt (B)</STRONG><br><br> <STRONG>Amburgo-Augsburg 0-1&nbsp; 8′ Callsen-Bracker </STRONG><br><br> <STRONG>Hoffenheim-Mainz 0-0</STRONG><br><br> <STRONG>Norimberga-Schalke 04 3-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 31′ Feulner-69′Esswein-87′ Frantz</STRONG><br><br> <STRONG>Werder Brema-Greuther Furth 2-2&nbsp;&nbsp; 47′ -70′ rig.Hunt (W) - 52′ Fürstner -62′ Fustner (G)</STRONG><br><br> <STRONG>Bayer Leverkusen-Bayer Monaco 1-2&nbsp;&nbsp; 37′ Mario Gomez -87′ aut.Wollscheid(BM) - &nbsp;75′Rolfes (BL)</STRONG><br><br> Oggi<br><br> <STRONG>Eintracht Francoforte-Stoccarda<BR>Borussia Monchengladbach-Hannover<BR></STRONG><br><br>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-26-manita-dortmund-bayern-corsaro-a-leverkusen-1011005.htmSi100427901,02,03010202
531010999NewsCampionatiSerie A, Bologna-Juventus 0-2, le pagelle: Top Vucinic e Marchisio. Flop Naldo20130317000037Bologna,Juventus,pagelle,serie aI voti dell`anticipo della 29esima giornata di Serie AIl Bologna più in forma di questa stagione, quattro vittorie nelle ultime cinque giornate, sfida al "Dall'Ara" la capolista Juventus alla ricerca di punti utili per l'obiettivo tricolore.<BR>Parte meglio il Bologna che dopo appena sei minuti sorprende con Gilardino la difesa avversaria, bravo Buffon, però, a scongiurare il pericolo con un'abile tackle in uscita. Con il passare dei minuti crescono i bianconeri che sfiorano il gol con Vidal che spara incredibilmente alto da posizione molto favorevole. Al 36' Padoin trova un ottimo spunto sull'esterno, mette in mezzo ma Vucinic viene anticipato dal difensore a pochi passi dalla rete. Allo scadere del primo tempo un ottimo contropiede permette&nbsp;a Vidal di trovarsi in aerea di fronte al portiere, ma è ancora imprecisa la conclusione del cileno.<BR>Nella ripresa partono forte i bianconeri con Giovinco che al 2' manca inverosimilmente la porta con un tiro a giro. Dopo pochi minuti Gilardino la mette dentro di testa sugli sviluppi di un calcio da fermo, ma il gol viene annullato perchè viziato dal fuorigioco di partenza dell'attaccante biellese.<BR>Ma al 16' la Juventus passa in vantaggio: Marchisio recupera una palla a metà campo, serve Vucinic che elude la marcatura del difensore felsineo e trafigge Curci. Al 28' il duetto si ripete a parti inverse: uno-due tra il montenegrino e il numero otto bianconero che piazza lucidamente la sfera nell'angolino basso.<BR>I rossoblù provano ad accorciare le distanze con il solito Diamanti e con un'azione individuale di Moscardelli, ma il risultato non cambia. Prevalgono i bianconeri dopo una partita a viso aperto, giocata abbastanza bene e senza paura da parte di tutte e due le squadre. Il Bologna resta comunque largamente fuori dalle zone più basse della classifica, i bianconeri allungano momentaneamente a +12 sul Napoli e vedono sempre più da vicino l'opportunità di divenire bicampioni d'Italia.<BR><BR>BOLOGNA (4-2-3-1): Curci 6,5; Garics 5,5 ( dal 24' s.t Christodoulopoulos 6), Antonsson 5,5, Cherubin 5,5, Morleo 6; Perez 6, Taider 6; Kone 5,5 ( dal 13' s.t Naldo 5 ), Diamanti 6,5, Gabbiadini 6; Gilardino 6,5( dal 29's.t Moscardelli 6). All: Pioli 6<BR><BR><BR>JUVENTUS&nbsp; (3-5-2): Buffon 6,5; Barzagli 6,5, Bonucci 6,5, Chiellini 6,5; Padoin 7, Vidal 6,5 ( dal 45 s.t Quagliarella s.v), Pirlo 7, Marchisio 7,5, Peluso 6,5; Vucinic 7,5( dal 37's.t Matri s.v), Giovinco 6,5( dal 31' s.t Pogba 6). All: Conte 6,5<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>TOP BOLOGNA<BR><BR>Diamanti: Come succede da diverse domeniche, è lui il trascinatore dei rossoblù. Partita di grande corsa e sacrificio, spesso pericoloso con i suoi cross taglienti e precisi.<BR><BR><BR>FLOP BOLOGNA<BR><BR>Naldo: Pioli pensa a lui per dare più protezione alla propria difesa, ma&nbsp;il giovane brasiliano si rende&nbsp;protagonista negativo in entrambi i gol bianconeri. Troppo semplice il modo&nbsp;in cui si fa aggirare da Vucinic.<BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650FL0657FL0657vucinic 2.jpgSiNpagelle-bologna-juventus-serie-a-1010999.htmSiT1000007,T1000020100664701,02,03,06,08030590
541010961NewsCampionatiBologna, Pioli: «Ci proveremo ma sarà difficile»20130315154251bologna, pioliDomani la capolista Juventus farà visita al BolognaDomani la capolista Juventus farà visita al Bologna. Squadra sicuramente in forma, quella felsinea, e reduce da tre vittorie consecutive. Queste le parole della vigilia del tecnico Stafano Pioli in conferenza stampa, e riportate dal sito ufficiale della società: "Siamo felicissimi della notizia che lo stadio sarà pieno, significa che i nostri tifosi ci credono e non vediamo l'ora domani di entrare al Dall'Ara, ed essere accolti dal loro sostegno e dai loro cori. La Juventus è la squadra più forte d'Italia, ma abbiamo voglia di provarci, siamo consapevoli del nostro buon momento e della necessità di una prestazione ancora migliore di quelle dell'ultimo periodo se vogliamo fare risultato. I nostri avversari metteranno in campo tecnica, intensità e concentrazione: è una partita prestigiosa, molto attesa, siamo pronti per giocarla, consci delle difficoltà che troveremo, ma non vogliamo precluderci niente. Il Bologna sta bene e ha trovato i meccanismi giusti, su cui è giusto insistere".C1007650adm001adm0011458879-34ad6442743e8dcc8db85af4fefe6858.jpgSiNbologna-pioli-sara-dura-ma-ci-proveremo-1010961.htmNoT1000020100075701,02,03030305
551010829NewsCampionatiIl punto del lunedì sulla serie A: colpo di c...oda della Juventus, cadono Napoli e Lazio. Palermo e Pescara si preparano alla serie Bwin20130311102632serie aLa 28` giornata di serie A avvicina ulteriormente la Juventus allo scudetto, grazie ad una fortunosa vittoria contro il Catania<DIV> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">La 28' giornata di serie A avvicina ulteriormente la Juventus allo scudetto, grazie ad una fortunosa vittoria contro il Catania, strettamente connessa alla debacle del Napoli, in quel di Verona. Ora sono 9 i punti che separano i partenopei dai bianconeri. Le inseguitrici non fanno certo meglio, dato che Lazio e Inter escono con le ossa rotte dal loro stadio, sconfitte rispettivamente dalla Fiorentina e dal Bologna. In coda, Palermo e Pescara salutano quasi matematicamente la serie A, dopo le gravi sconfitte contro Siena, unica in grado di poter riaprire il discorso salvezza, e Atalanta. </SPAN><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">GENOA-MILAN 0-2: il Milan prosegue l'ottimo periodo ed espugna Marassi, affossando un Genoa ancora non tranquillo e invischiato nei bassifondi della classifica. E' Pazzini a sbloccare la partita dopo appena 22 minuti, su assist di De Sciglio. I padroni di casa provano a recuperare, ma la porta della squadra di Allegri sembra stregata: palo di Bovo su una punizione telecomandata, e possibile rigore non concesso per fallo di mano di Niang in piena area. Ecco che quindi la conseguenza è il raddoppio degli ospiti, al 60' grazie al solito Mario Balotelli, che non sbaglia a tu per tu con Frey. </SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">UDINESE-ROMA 1-1: poche emozioni nel match del sabato sera. Roma e Udinese provano a farsi male, ma non troppo. Lamela regala il vantaggio agli ospiti, dopo 20 minuti. Le occasioni mancano da ambo le parti, ma al 62' arriva l'insperato pareggio dei friulani grazie a Muriel. L'Europa rimane lontana per tutte e due le squadre.</SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">ATALANTA-PESCARA 2-1: l'Atalanta chiude in maniera quasi definitiva il discorso salvezza, battendo in casa un sempre meno speranzoso Pescara, a cui non è servito il cambio di panchina. La squadra del neo allenatore Bucchi, in realtà, si porta in vantaggio grazie a D'Agostino, dopo una ventina di minuti. Ma i padroni di casa reagiscono d'orgoglio e ritrovano uno dei protagonisti della scorsa stagione, ovvero Gustav German Denis. El Tanque prima pareggia di rigore, al 34', e attorno al 60' porta il vantaggio ai suoi.</SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">CAGLIARI-SAMPDORIA 3-1: sfida salvezza, tra due squadre comunque relativamente tranquille. Dominano in lungo e in largo i sardi, con il mattatore dell'incontro Ibarbo, autore di una strepitosa tripletta(18', 52', 72' minuto). Sampdoria non pervenuta, a parte il gol su rigore di Maxi Lopez, quando ormai l'arbitro stava fischiando la fine dei giochi.</SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">CHIEVO-NAPOLI 2-0: il Chievo trova 3 punti sicurezza in chiave salvezza e allo stesso tempo chiude ogni discorso relativo allo scudetto: il Napoli cade, e male, e vede la Juve capolista più in alto di 9 punti. Dramè al 12' mette subito la partita in salita per i ragazzi di Mazzarri, il quale capisce ben presto che per i suoi non è giornata. Thereau raddoppia in scioltezza al 43' minuto del primo tempo.</SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">JUVENTUS-CATANIA 1-0: scudetto sì, scudetto no. La Juventus trova sul fil di sirena il gol che vale 3 punti e probabilmente lo scudetto, vista anche la sconfitta del Napoli. I problemi della squadra di Conte sono gli stessi da un paio d'anni a questa parte: il reparto offensivo latita e sciupa l'incredibile (vedi Vucinic). Laddove mancano gli uomini, ecco che interviene la fortuna: ultimi scampoli di partita, Giaccherini in area conclude in maniera poco convinta, ma ne esce un tiro "sporco" su cui il portiere ospite non può fare nulla. </SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">PALERMO-SIENA 1-2: la sfida che valeva una stagione intera vede il Palermo farsi recuperare in casa da un ottimo Siena. Anselmo illude i palermitani sul finire del primo tempo. Ma Emeghara al 51' e Rosina, su rigore, al 72' ribaltano il match e lanciano i toscani verso un'insperata salvezza. Sui siciliani piovono fischi: ormai la serie Bwin è ad un passo.</SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">PARMA-TORINO 4-1: i ducali confermano di essere una delle migliori squadre tra le mura amiche. Eppure sono i granata a passare in vantaggio, al 56' minuto, dopo un primo tempo in cui sono i padroni di casa a dominare il match. Il marcatore è Santana. Poi si scatena l'istinto da goleador di Amauri, che segna una tripletta in tutte le maniere possibili ed immaginabili. Nel mezzo la rete sicurezza di Sansone.</SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">INTER-BOLOGNA 0-1: l'Inter cade ancora, dopo la folle serata di Europa League. Al Bologna basta un gol, quello di Gilardino, per piegare una squadra che tale non è, o meglio non lo è più. Nel primo tempo i rossoblù la fanno da padroni, ma sprecano troppo con Gabbiadini e lo stesso Gilardino. Ma il "violino" al 57' sfrutta al meglio un assist di Perez e batte Carrizo. L'Inter tenta di tornare in partita, ma Curci sfodera alcune ottime parate, che chiudono la porta in faccia alla banda di Stramaccioni.</SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">LAZIO-FIORENTINA 0-2: Fiorentina corsara all'Olimpico. Lazio battuta grazie ai due "terribili" ragazzini serbi: prima Jovetic al 20' poi Ljajic al 50' complicano il cammino dei biancocelesti verso la Champions League. Il solo Lulic tenta di rimettere in piedi la partita, ma senza esito.</SPAN><BR><br><br> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">In chiusura la consueta rubrica TOP/FLOP: </SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">TOP - Amauri(Parma): strepitosa la prova di "Gesù" Amauri, che in periodo pasquale resuscita e sfodera una prestazione ai limiti dello straordinario. Riesumato!</SPAN><BR><BR> <P style="LINE-HEIGHT: 13pt; TEXT-INDENT: 0pt; MARGIN-BOTTOM: 10pt; MARGIN-LEFT: 0pt; MARGIN-RIGHT: 0pt"><SPAN style="FONT-SIZE: 11pt">FLOP - Stramaccioni(allenatore Inter): evento più unico che raro, vedere un allenatore protagonista di questa rubrica. Nel bene o nel male è la squadra che gioca, che vince o perde. Il flop di Strama è però doveroso: dopo la vittoria in casa Juventus, la squadra non l'ha più seguito. Inutili le prediche ai giornalisti, inutili le difese a spada tratta dei suoi giocatori. Ormai da mesi è abbandonato a se stesso. Indifendibile!</SPAN><BR><BR><BR><BR><BR><BR><br><br></DIV>C1007650FL0761FL0761c-33509839.jpgSiNserie-a-colpo-di-coda-della-juventus-1010829.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000014,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000095,T1000097,T1000099100844901,02,03,06,07,08,09030819
561010831NewsCalcio EsteroLigue 1, 28a giornata: tra Lione e Marsiglia vince la noia, PSG a +420130311095994Ligue 128a giornataA dieci partite dal termine della Ligue 1 e dopo il passo falso della settimana scorsa il Paris Saint Germain ritorna a guadagnare punti su chi insegue e&nbsp;si porta a +4. La&nbsp;squadra di Ancelotti, grazie a una doppietta di Ibra, vince in rimonta contro il fanalino di coda Nancy. Il big match della&nbsp;28a giornata di Ligue 1 è andato di scena a Lyon. Parttia noiosa che si conclude con un nulla di fatto tra il Lyon, appunto, e l'O.Marsiglia, a tutto vantaggio del Paris Saint Germain. Due punti persi soprattutto per il Lione che vede la capolista scappare, mentre il Marsiglia inizia a sentire il fiato di Saint Etienne e Nizza sul collo. Proprio il Nizza, battendo nel pomeriggio il Montpellier con una doppietta di Bahoken, conferma le proprie&nbsp;ambizioni, regolando i campioni in carica. A dieci turni dal termine, la qualificazione alle coppe europee&nbsp;si fa sempre più concreta&nbsp;per i nizzardi. <br><br> Giocate Ieri<br><br> <STRONG>Nizza-Montpellier 2-0&nbsp;&nbsp; 12′ Bahoken-24′ Bahoken</STRONG><br><br> <STRONG>Bordeaux-Bastia 1-0&nbsp;&nbsp; 57′ Diabate</STRONG><br><br> <STRONG>Lione-Marsiglia 0-0</STRONG><br><br> Sabato<br><br> <STRONG>Paris Saint Germain-Nancy 2-1&nbsp;&nbsp; 36′ Moukandjo(N) - 59′-62′ Ibrahimovic</STRONG><br><br> <STRONG>Ajaccio-Lorient 1-0&nbsp;&nbsp; 75′ Zubar</STRONG><br><br> <STRONG>Brest-Tolosa 0-1&nbsp;&nbsp; 45′ Rabiot</STRONG><br><br> <STRONG>Evian-Sochaux 5-1&nbsp;&nbsp;&nbsp; 44′-74' Barbosa-64′-78'Khlifa-71′ Berigaud(E) - 53′Bakambu(S)</STRONG><br><br> <STRONG>Troyes-Reims 4-2&nbsp;&nbsp;&nbsp; 7′-70' Jean-55′ Faussurier-90'Yattara(T) - 65′ De Preville-77′ Fortes(R)</STRONG><br><br> <STRONG>Valenciennes-Lille 1-3&nbsp;&nbsp; 24′ Melikson(V) - 55′ Rodelin, 82′ De Melo, 89′ Pedretti(L)</STRONG><br><br> Giocata Venerdì<br><br> <STRONG>Rennes-Saint Etienne 2-2&nbsp;&nbsp; 44′ Danzé-51′ Feret (R) - 45′+1′ Mollo-65′ Aubameyang</STRONG><br><br> <STRONG>Classifica</STRONG><br><br> 1)PSG 57<BR>2)Lione 53<BR>3)Marsiglia 50<BR>4)Nizza 48<BR>5)Saint Etienne 48<BR>6)Lille 46<BR>7)Montpellier 44<BR>8)Rennes 42<BR>9)Bordeaux 41<BR>10)Lorient 40<BR>11)Tolosa 37<BR>12)Valenciennes 35<BR>13)Ajaccio 32<BR>14)Bastia 30<BR>15)Brest 29<BR>16)Sochaux 27<BR>17)ETG 27<BR>18)Reims 27<BR>19)Troyes 23<BR>20)Nancy 21<br><br> &nbsp;<br><br> <BR>&nbsp;<br><br>FranciaFL0411FL0411877717-14768359-640-360.jpgSiNligue-1-giornata-28-lione-marsiglia-vince-la-noia-paris-piu-4-1010831.htmSi100427901,02,03010176
571010828NewsCampionatiMaran parla di beffa: «Sconfitta ingiusta» dice il tecnico etneo a fine gara20130310205914maran, catania, juve, effa, giaccherini, juventus stadium, conte, sconfitta, scudettoIl Catania esce a testa alta dallo Juventus Stadium e pensa già alla sfida europea di sabato contro l`Udinese<P align=justify>Amarezza nello spogliatoio catanese a fine gara per una sconfita arrivata nei minuti di recupero, al termine di una gara ben preparata dal tecnico etneo Maran e giocata in maniera quasi perfetta dai rossazzurri, che oramai pregustavano un giusto pari in casa della capolista. "dispiace perchè ci abbiamo messo un grande cuore e tanta qualità, Non era facile, usciamo sconfitti, ma ci siamo fatti trovare pronti. La strada è quella giusta, dobbiamo pensare alla prestazione e non badare al risultato, è una sconfitta immeritata che sa di beffa". Così, dopo la sconfitta rocambolesca di domenica scorsa contro l'Inter arrivata sempre nel recupero (dopo che i rossazzurri avevano chiuso il primo tempo avanti 2 a 0) , Altra giornata nera&nbsp;dal punto di vista del risultato per gli etnei,&nbsp;che riescono a reggere il confronto per 90' contro i campioni d'Italia, che con la vittoria odierna ipotecano di fatto il secondo scudetto consecutivo (gli uomini di Conte vanno a +9 dal Napoli secondo, oggi sconfitto dal Chievo).&nbsp;Meritano comunque un plauso Biagianti e compagni per aver giocato a viso aperto contro la Juve, meritando anche di tornare a casa con un pareggio che oramai sembrava cosa fatta. Ma non è tempo per piangere sulle sconfitte, occorre subito rialzarsi e pensare già al prossimo impegno, la sfida casalinga si sabato pomeriggio contro l'Udinese di Guidolin. Sarà importante reagire e rialzarsi subito per dimenticare le due immeritate sconfitte contro Inter e Juventus e continuare a cullare il sogno europeo.&nbsp;<BR><BR><br><br>C1007650Torino Juventus Stadiumivomesivomesbiagianti2.jpgSiNmaran-catania-juve-beffa-1010828.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000014,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000095,T1000097,T1000099100075401,02,03,06,08,09010798
581010821NewsCalcio EsteroBundesliga, 25a giornata: Bayern vince in rimonta e si porta a +2020130310102512Bundesliga25a giornataNella 25a giornata di Bundesliga tutto secondo pronostico eccetto per i due gol subiti a domicilio dalla capolista Bayern Monaco, che comunque&nbsp;vince, anche se in rimonta,&nbsp;la decima gara consecutiva del 2013. A centrare la piccola e inutile&nbsp;impresa è&nbsp;stato il&nbsp;Fortuna Dusseldorf, che passa addirittura in vantaggio, prima di cedere 3-2 contro&nbsp;il carroarmato&nbsp;bavarese. Titolo&nbsp;sempre più nelle mani del Bayern, visto che le “antagoniste” principali cadono entrambe in trasferta. Il Borussia Dortmund perde il sentitissimo derby della Ruhr contro lo Schalke 04, che dopo&nbsp;un mungo momento buio&nbsp;rivede la luce; in rete&nbsp; l’ex milanista Huntelaar. Sconfitta di rigore, invece, per il Bayer Leverkusen, punito a Mainz da Ivanschitz. In seguito a questi risultati, il Bayern Monaco vola a più 20 e più 21 su gialloneri e aspirine. C’è anche la firma dell’ex juventino Diego nella goleada con cui il Wolfsburg spazza via in trasferta il Friburgo per 5-2.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Augsburg-Norimberga 1-2&nbsp;&nbsp;&nbsp; 21′ Kiyotake-54′ Esswein (N) -&nbsp;36′ Werner (A)</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Bayern Monaco-Fortuna Dusseldorf 3-2&nbsp;&nbsp; 16′ Bolly-71′ Lambertz (F) -&nbsp;45 Muller-74′ Ribery-86′ Boateng (B)</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Wolfsburg: 2-5&nbsp;&nbsp;&nbsp; 2′ Kruse-65'Flum(F) - 7′ Kjaer-16′ Vieirinha-22′ e 49′ Olic-90′ Diego (W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther Furth-Hoffenheim 0-3&nbsp;&nbsp; 10′ Firmino-16′ Jesulo-50′ Weis</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Bayer Leverkusen: 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 61′Ivanschitz</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke 04-Borussia Dortmund: 2-1&nbsp;&nbsp; 12′ Draxler-25′ Huntelaar(S) -&nbsp; 59′ Lewandowski (B)</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia Monchengladbach-Werder Brema 1-1&nbsp;&nbsp; 72'Mlapa(B) - 77'Ignjovski(W)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi&nbsp;<BR><STRONG>Hannover-Eintracht Francoforte<BR>Stoccarda-Amburgo<BR></STRONG><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-25-bayern-vince-in-rimonta-e-si-porta-a-piu-20-1010821.htmSi100427901,02,03010210
591010725NewsCampionatiIffhs, il Barcellona perde la vetta. Entrano nella Top ten Juventus e Inter20130304173931iffhsNella classifica IFFHS Nella classifica IFFHS il Barcellona non solo perde la vetta, ma scivola addirittura al quinto posto. I blaugrana sono stati sorpassati dal Chelsea, nuovo capolista, ma anche da Atletico Madrid, Bayern Monaco e Corinthians. Seguono Boca Juniors e Real Madrid, mentre sorprendono gli ingressi in top ten di Juventus (ottava) e Inter (nona). Chiude il San Paolo, mentre tra le italiane si segnalano la Lazio (14esima), il Milan (40esimo) e il Napoli (53esimo).C1007650adm001adm001c-33509839.jpgSiNiffhs-il-barcellona-perde-la-vetta-entrano-nella-top-ten-juventus-e-inter-1010725.htmSi100075501,02,03030210
601010705NewsBasketBasket - A1: Varese supera Caserta20130303165025basketAl PalaWhirpool di Masnago la capolista Pallacanestro Varese ha battuto la Juve Caserta nell`anticipo della sesta giornata di ritorno della Lega AAl PalaWhirpool di Masnago la capolista Pallacanestro Varese ha battuto la Juve Caserta nell'anticipo della sesta giornata di ritorno della Lega A. Risultato finale che rispecchia il divario di classifica nonostante una differenza fisica che non è sembrata per nulla eguale, almeno fino al terzo quarto. Se i primi venti minuti sono scivolati via in una lotta intensa, punto a punto, il merito è della squadra camapana altrimenti Varese sarebbe volata via subito. Mike Green carbura dopo qualche minuto e poi è un crescendo che trascina i padroni di casa al vantaggio sopo il primo parziale e fino a +8 all'intervallo. La Juve Caserta non molla e la buona gara di Maresca, Mordente e Michelori trova uno sfogo a circa otto minuti dal termine grazie alle triple della mano caldissima di Dan Mavrides. Annientato il divario in doppia cifra varesino inizia una mini gara che vede gli ospiti soccombere dall'alto dei canestri pesanti firmati da Dusan Sakota, Andrea De Nicolao ed il solito Green permettono a Varese di rimanere avanti finchè la forza fisica casertana non scema e la lucidità viene meno. Varese non ha mai dato l'impressione di potere mollare la presa sul risultato ma gli ospiti hanno limitato molto il potenziale offensivo specie nel finale. C'è ancora lavoro da fare ma Varese rimane la squadra da battere anche nella testa e questa adesso diventa davvero difficile, con Green sempre protagonista e i ragazzi più giovani che dimostrano personalità. La Juve Caserta torna da Masnago con una buona prestazione e il rimpianto di chi deve ancora migliorare per riuscire a migliorare la sua posizione in classifica e guardare al futuro sportivo con più serenità. Adesso tocca a Siena e Sassari dare continuità. <BR><BR>Fabio Zerillo<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>adm001adm001olimpia.jpgSiNbasket-basket-a1-varese-supera-caserta-1010705.htmSi100075701,02,03,060301072
611010602NewsBasketBasket - A1, Cantù batte Varese20130225121225basketLa quinta giornata del girone di ritorno rimane mancante della sfida di BolognaLa quinta giornata del girone di ritorno rimane mancante della sfida di Bologna, in mezzo al maltempo che ha limitato le manifestazioni sportive di tutta l'alta Italia. In serata la capolista ospite della NGC Arena di Cantù. La sfida tutta lombarda tra Cantù e Varese lascia una bella immagine nella mente dei tifosi lariani; per i rossi varesini invece significa l'aggancio al primo posto da parte della Dinamo Sassari. Sul campo si è rivista la Cantù della Coppa Italia: splendido Aradori, Mancinelli in crescita, ottimo Cusin; Brooks e Tyus danno un contributo muscolare sopratutto nell'ultimo quarto. Varese ha giocato, ha tentato di farlo ma si è fermata sul più bello. Primo quarto scorrevole con punteggio basso, poi esce Cantù fino al terzo. Al quarto tempo di gioco le squadre impattano a quota 52 e da quel momento solo Mike Green riesce a tenere a galla le canotte rosse. Aradori non sbaglia un colpo; troppi errori dalla lunetta per Varese e sembran pochi i 16 punti di Dunston Bryant. Vitucci ( Varese ) prova a scuotere i suoi che però finiscono col perdere il controllo della palla e subire Cantù da tre punti. Applausi per i biancoblù; un filo di nervosismo per Varese che adesso deve ricominciare da qui per il primo posto.<br><br> Fabio Zerillo<BR><br><br>adm001adm001cantu.jpgSiNbasket-basket-a1-cantu-batte-varese-1010602.htmSi100075701,02,030301009
621010522NewsCampionatiSerie A, 25a giornata: batoste per Inter e Lazio. Cade anche la Juventus20130218225824serie a Il 25’ turno di serie A si apre al venerdì con la vittoria del Milan, che approda incredibilmente al terzo posto<P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><SPAN style="mso-ascii-font-family: Calibri; mso-hansi-font-family: Calibri; mso-bidi-font-family: Calibri; mso-ansi-language: #0010" lang=it><FONT size=3><FONT face=Calibri></FONT></FONT></SPAN>&nbsp;Il 25’ turno di serie A si apre al venerdì con la vittoria del Milan, che approda incredibilmente al terzo posto, dopo un avvio di stagione disastroso. Le altre big deludono e non poco: il Napoli non va oltre uno scialbo 0-0 casalingo contro un’ottima Sampdoria, mentre il trio Juventus-Inter-Lazio riesce a fare addirittura peggio. I bianconeri di Conte cadono all’Olimpico di Roma, risentendo probabilmente delle fatiche di Champions. Zero scuse, invece, per i ragazzi di Stramaccioni e Petkovic: clamorose cadute rispettivamente a Firenze e a Siena. In coda, vittoria importante per il Cagliari, che inguaia il Pescara di Bergodi. La rubrica TOP/FLOP vede come protagonista positivo il nigeriano del Siena Emeghara, mattatore nel 3 a 0 alla Lazio. Quattro gol in altrettante presenze rilanciano la squadra di Iachini alla ricerca di un’insperata salvezza. Da dimenticare invece la giornata di Paletta(Parma), autore di un’autorete nel giorno del suo compleanno, che condanna di fatto alla sconfitta il suo ottimo Parma.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>MILAN-PARMA 2-1: l'anticipo del venerdì lancia al terzo posto un sempre più sorprendente Milan. Nel primo tempo è, però la squadra di Donadoni a mettere in seria difficoltà quella di Allegri, ma il gol non arriva. E così, al 39' minuto, ecco la regola "gol sbagliato, gol subito": cross blando di Boateng e Paletta decide di festeggiare il compleanno con una goffa autorete. Nella ripresa il Parma continua a fare la sua partita, ma per gli attaccanti ducali non è decisamente giornata. Il Milan è poco brillante, ma al 78' minuto il solito Balotelli si rende protagonista: conquista una dubbia punizione, litiga un po' con tutti per calciarla e sfodera un destro imprendibile all'incrocio dei pali. E' la rete che chiude i giochi e solo per dovere di cronaca segnaliamo l'inutile gol di Sansone a tempo scaduto.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>CHIEVO-PALERMO 1-1: davvero poco da dire su questo scontro salvezza. I siciliani partono meglio e al 5' minuto passano in vantaggio con Formica. I clivensi faticano a trovare spazi e per trovare il pareggio devono sfruttare un rigore al 55', trasformato in gol da Thèrèau. Il punto è più utile ai veneti, con il Palermo che rimane sempre più invischiato nei bassifondi della classifica.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>ROMA-JUVENTUS 1-0: il sabato calcistico si chiude con una sorpresa. Alla Roma riesce l'impresa di battere la capolista e di interrompere la crisi nella quale era da tempo immersa. Decide la giocata del singolo, della bandiera, della storia passata e presente dei capitolini: Francesco Totti, al minuto 58, sfodera un colpo dei suoi e porta in vantaggio i padroni di casa. La squadra di Conte è apparsa stanca, probabilmente a causa degli impegni infrasettimanali, ma il problema in zona gol continua a ripresentarsi puntuale come un orologio svizzero. Juventus sempre in testa, ma i pericoli sono dietro l'angolo.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>CATANIA-BOLOGNA 1-0: al Massimino è un monologo dei padroni di casa. Un gol di Almiron, sul finire del primo tempo, regala la vittoria che significa salvezza anticipata per gli uomini di Maran. Poco prima, clamoroso palo di Bergessio. Nella ripresa, felsinei più pericolosi con Gabbiadini e Gilardino, ma la difesa del Catania regge il colpo.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>GENOA-UDINESE 1-0: fondamentale vittoria per la squadra genoana, nella corsa salvezza. Il gol da tre punti è di Kucka, al 33' minuto. Poco concreti gli uomini di Guidolin, che impensieriscono in più occasioni Frey, soprattutto nel finale con Benatia e Merkel, ma il pari non arriva.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>NAPOLI-SAMPDORIA 0-0: il Napoli butta al vento l'occasione di accorciare sulla Juventus, non andando oltre uno scialbo pareggio a reti bianche contro la Sampdoria. Sono i doriani i più pericolosi, con De Sanctis decisivo su Sansone e&nbsp; Behrami miracoloso prima su Costa, poi su Icardi.La ripresa è ad appannaggio dei padroni di casa, ma la sola emozione è il palo di Hamsik.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>PESCARA-CAGLIARI 0-2: delicatissima sfida all'Adriatico di Pescara. I padroni di casa partono meglio e nel primo tempo colpiscono un palo con Weiss, su cui è decisiva la deviazione di Agazzi. A spuntarla è però il Cagliari, grazie a Sau, autore di una doppietta: al 53' di testa, su cross di Cossu e al 61' con una girata mancina su servizio di Pisano. Pescara sempre più giù in classifica, mentre i sardi respirano aria di salvezza.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>TORINO-ATALANTA 2-1: il Torino si conferma "bestia nera" dell'Atalanta, sconfitta all'andata per 1-5. Le cose non cambiano nella gara di ritorno, nella quale il portiere bergamasco Consigli salva i suoi solo fino al 43', quando Cerci in contropiede regala il vantaggio alla squadra di Ventura. Nella ripresa cambiano le cose, grazie anche all'ingresso dell'ex interista Livaja, bravo a procurarsi il rigore, trasformato da Denis, che vale il pari. Ma, come detto, il Torino ha in serbo la beffa dell'ultimo minuto: Birsa anticipa di testa Scaloni e regala la vittoria ai suoi.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>FIORENTINA-INTER 4-1: al Franchi i viola travolgono una sempre più brutta Inter. L’inizio è prepotente da parte della squadra di Montella, che sblocca il risultato dopo 13 minuti grazie a Ljajic, su assist aereo di Jovetic. Lo stesso JoJo è l’autore del raddoppio toscano, con un gran destro dal limite, e del gol che chiude i discorsi al 55’ minuto. L’umiliante 4 a 0 arriva dieci minuti più tardi grazie ancora a Ljajic. Rete della bandiera allo scadere, firmata Antonio Cassano.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>SIENA-LAZIO 3-0: una irriconoscibile Lazio subisce una clamorosa batosta in quel di Siena. L’eroe della giornata è Emeghara, che segna al 6’ minuto di testa su cross di Rubin, e al 61’, bruciando la disastrosa difesa biancoceleste. Nel mezzo va a segno anche Rosina al 23’. La squadra di Petkovic è veramente pochissima roba: un tiro di Candreva e una punizione di Hernanes non possono indubbiamente bastare per fare risultato<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><BR><BR>&nbsp;<br><br>C1007650FL0761FL0761fiorentina.jpgSiNserie-a-crollano-lazio-e-inter-cade-anche-la-juventus-1010522.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000014,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000095,T1000097,T1000099100844901,02,03,06,07,08,09030767
631010478NewsCampionatiSerie A, Roma-Juventus 1-0. Le pagelle: Top Totti e Lamela. Flop Vidal e Asamoah20130216231719Roma,Juventus,anticipo,pagelleI voti della sfida dell`Olimpico tra Roma e JuventusAll'Olimpico la nuova Roma di Andreazzoli cerca di scacciare la crisi di risultati che non la vede ancora vittoriosa in questo 2013, ma ha di fronte la capolista Juve che proviene dal trionfo di Champions League&nbsp;in terra scozzese contro il Celtic.<BR>Diametralmente opposto, dunque, è il morale delle due squadre ma è unico l'obiettivo di entrambe: portare a casa i tre punti. I bianconeri impongono il proprio gioco guidato dalle solite geometrie di Pirlo e dalla corsa ininterrotta degli esterni, ma il tridente giallorosso dimostra di aver le capacità di impensierire gli ospiti. Al 10' minuto, infatti, Osvaldo riesce ad eludere la marcatura della difesa della Signora e supera anche Buffon, ma si defila eccessivamente e fallisce l'occasione di portare in vantaggio i suoi. Al 18' Pirlo con una punizione precisa chiama Stekelemburg ad un grande intervento negando la gioia del gol al centrocampista bresciano. Pochi minuti dopo, lo stesso regista bianconero subisce un brutto fallo da Francesco Totti che interviene con i tacchetti direttamente sul ginocchio destro dell'avversario. Ma per fortuna non è nulla di grave. Il primo tempo si chiude&nbsp;quindi sullo 0 a 0. <BR>Nella ripresa parte bene la Roma che sfiora il gol ancora con Osvaldo. Risponde Vucinic con un tiro pericoloso al limite dell'aria che sembrava rievocare il gol contro la Fiorentina e poi Matri che però non trova disattento il portiere giallorosso. L'occasione più nitida del match arriva sulla testa di Osvaldo che a un metro dalla porta non riesce ad angolare la traiettoria. Ma il gol è nell'aria e all' 11' Totti sfrutta una respinta molle di Vidal sugli sviluppi di un calcio da fermo e lascia partire un bolide che coglie di sorpresa Buffon e che si infila all'incrocio dei pali. Dieci minuti dopo, un'azione di contropiede sorpende i bianconeri e libera De Rossi in aerea di rigore ma il mediano della Nazionale cicca clamorosamente l'appuntamento con il pallone e con il raddoppio. Sterile la controffensiva della Juventus che cerca il pareggio facendo esordire anche Anelka nel nostro campionato e provando a mettere pressione con il 4-3-3 ridisegnato da Conte, ma non c'è nulla da fare. Vince la Roma che , soprattutto nel secondo tempo, ha dato l'impressione di sovrastare gli avversari come poche altre squadre erano riuscite a fare nel corso di questa stagione.&nbsp;Le tre partite in sette giorni&nbsp;hanno&nbsp;pesato palesemente sulle gambe dei bianconeri che pagano soprattutto&nbsp;il grande dispendio di energie della gara del&nbsp;Celtic Park.&nbsp;<BR><BR>ROMA (3-4-2-1): Stekelenburg 6; Piris 7, Burdisso 6,5, Marquinhos 7; Torosidis 7, Pjanic 6,5 (dal 22' s.t Bradley 6), De Rossi 6,5, Marquinho 6 (dal 37' s.t Balzaretti s.v); Lamela 7, Totti 7,5 (dal 42' s.t Florenzi s.v); Osvaldo 6,5. Allenatore: Andreazzoli.<BR><BR>JUVENTUS (3-5-2): Buffon 6; Barzagli 5,5, Bonucci 5,5, Caceres 6,5; Lichtsteiner 6,5, Vidal 5(dal 26' s.t Anelka 6), Pirlo 5,5, Pogba 6, Asamoah 5 (dal 10' s.t Padoin 5,5); Matri 5, Vucinic 5 (dal 10 s.t Giovinco 5). Allenatore: Conte.<BR><br><br> TOP ROMA<BR><BR>Totti: In un momento così delicato per la storia recente dei giallorossi non poteva che essere lui a risollevare la squadra dalla crisi. Fondamentale la sua fantasia al servizio dei compagni, micidiale come sempre il suo destro.<BR><BR>FLOP ROMA<BR><BR>Nessuno.<BR><BR>TOP JUVENTUS<BR><BR>Lichtsteiner: Le sue sortite offensive sulla fascia sembrano l'unica arma in grado di dare fastidio alla formazione romanista<BR><BR><BR>FLOP JUVENTUS<BR><BR>Vidal: Spento, a tratti irriconoscibile. Non il guerriero che siamo abituati a veder lottare in campo<BR><BR>Asamoah: Soffre visibilmente il rientro dalla Coppa d'Africa. Non spinge quasi mai e va in difficoltà sulle discese di Torosidis nella sua zona di competenza.<BR><BR><br><br>C1007650RomaFL0657FL0657totti_nuove_010.jpgSiNroma-juventus-pagelle-anticipo-1010478.htmSiT1000007,T1000012100664701,02,03,06030402
641010432NewsBasketBasket - A1: Siena è tornata20130214105259basket, sienaBasket SienaLa festa della Coppa Italia ha ormai preso piede. La manifestazione della coppa nazionale ha emesso un verdetto non proprio scontato ma il pronostico di massa è stato rispettato. La Menssana&nbsp; Siena ha vinto meritatamente sul campo un trofeo che sembra prediligere i colori biancoverdi, che siano toscani, campani o veneti. Pronostico rispettato per quarti di finale; le più forti sono andate in semi finale. Lì dove Varese ha messo in evidenza i limiti caratteriali e tecnici della Virtus Roma, così come una Dinamo Sassari ha trovato pane per i suoi denti affrontando e perdendo la sfida ai campioni d'Italia. Proprio loro, al centro di una storiaccia all'italiana, dove tutti sanno e nessuno parla, hanno dimostrato di essere squadra, essere forti e sopratutto essere consapevoli di saper giocare una pallacanestro veloce e aggressiva, letale sotto canestro. Abbiamo una buona rappresentanza all'Eurolega. Finale combattuta fino ad un certo punto perché Varese ha giocato bene a sprazzi, dimostrando di meritare il ruolo di capolista. Adesso ha bisogno di imparare come fare a mettere sotto gli avversari sul piano dei nervi, nella partita secca. Brown e Hackett sopra gli scudi; Varese non può essere solo il mostruoso Green. A mente fredda il campionato si prospetta ancora più interesssante dato che le prime quattro hanno un discreto equilibrio ( bene anche Cantù, che ha meno pretese ). Sappiamo che c'è in giro una regina e indossa una maglia biancoverde<BR><br><br> Fabio Zerillo<br><br>adm001adm001siena-b.jpgSiNbasket-basket-siena-e-tornata-1010432.htmSi100075701,02,030301026
651010357NewsCampionatiVola la Juventus. Si ferma il Milan. Continua la crisi della Roma20130210232858serie aSerie A<P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>La 24' giornata lancia la Juventus a +5 sul Napoli secondo: i bianconeri superano la Fiorentina, mentre i partenopei frenano le ambizioni scudetto a Roma, dove pareggiano contro la Lazio. Rallenta il Milan, sempre a -3 dal terzo posto, mentre l'Inter si rilancia battendo il Chievo. Continua la discesa nel baratro da parte della Roma, il cui ambiente appare caratterizzato da un'anarchia che probabilmente libera dall'esonerato Zeman più di una responsabilità. In coda nulla di significativo: i pareggi tra Bologna e Siena e tra Palermo e Pescara lasciano inalterata la classifica. Il capitolo top/flop vede sul gradino più alto del podio Gigi Buffon, impegnato solo nei primi 20 minuti di Juventus-Fiorentina, ma nei quali deve sventare più di un' occasione. Decisamente mesta la performance di Osvaldo, che si prende la responsabilità di calciare un rigore, negandolo a Totti, e lo sbaglia malamente. <br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>JUVENTUS-FIORENTINA 2-0: l'anticipo delle 18 di sabato vede, di fronte alla capolista Juventus, l'ambiziosa Fiorentina di Montella. La partita però non regala lo spettacolo offerto all'andata: la Fiorentina dura un quarto d'ora, ma i bianconeri passano in vantaggio al 20' con un gran destro da fuori di Vucinic, che batte un non impeccabile Viviano. La reazione ospite è poco convinta e la Juve si dimostra padrona del campo. Il raddoppio è la giusta conseguenza: minuto 41, Vidal serve Matri, lasciato colpevolmente solo in area, che supera per la seconda volta il portiere viola. La ripresa è poca roba: i bianconeri controllano il risultato.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>LAZIO-NAPOLI 1-1: l'anti Juventus sarà la Juventus stessa. Questo il verdetto emerso dal confronto tra Lazio e Napoli. La partita è la più bella della giornata: pali, traverse, errori sotto porta e miracoli dei rispettivi portieri. La squadra di Petkovic passa in vantaggio all'11' minuto grazie ad un bolide di Sergio Floccari, che poco dopo tenta di ripetersi ma trova il palo sulla sua strada. La ripresa è ad appannaggio del Napoli, che prima colpisce la traversa con Inler, e poi all'87' pareggia i conti con un eurogol di Campagnaro sugli sviluppi di un calcio d'angolo.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>ATALANTA-CATANIA 0-0 E PARMA-GENOA 0-0: accumuniamo queste partite poichè caratterizzate da poche emozioni e risultato condiviso. <br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>BOLOGNA-SIENA 1-1: scontro salvezza al Dall'Ara. I toscani partono con il piglio giusto nel primo tempo e alla mezz'ora trovano il vantaggio: assist di Sestu, colpo di testa preciso di Emeghara che batte un impreparato Curci. Ma i felsinei non ci stanno e attorno al 41' minuto Kone batte Pegolo e congela il risultato sull' 1 a 1. Nella ripresa le emozioni non sono pervenute: pareggio più utile agli emiliani, poichè il Siena resta all'ultimo posto in classifica.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>CAGLIARI-MILAN 1-1: rallenta la corsa del Milan al terzo posto. I rossoneri impattano contro un Cagliari ben messo in campo, al quale il pareggio sta stretto. I sardi mettono in difficoltà gli ospiti nel primo tempo, ma il vantaggio arriva solo al 45': assist di Cossu e Ibarbo di testa non fallisce. La reazione della squadra di Allegri non è delle migliori e per il pareggio serve un rigore(generoso) fischiato ai danni di Balotelli, che lo stesso SuperMario realizza all'82'.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>PALERMO-PESCARA 1-1: sfida drammatica al "Barbera", tra due squadre seriamente invischiate nella lotta per non retrocedere. Il pareggio finale non serve a nessuno. E' il Pescara a passare in vantaggio con l'unica chance avuta al 73', dopo che il Palermo del neo tecnico Malesani aveva tentato di tutto per sbloccare il risultato. Alla fine il pari arriva meritatamente grazie a Fabbrini(minuto 80).<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>SAMPDORIA-ROMA 3-1: la risalita della Samp, targata Delio Rossi, la caduta continua della Roma. I capitolini partono meglio ma nel corso del primo tempo sbagliano di tutto. I padroni di casa allora prendono coraggio nella ripresa ed Estigarribia al 56' porta in vantaggio a sorpresa la Samp. Poi l'evento che può cambiare il match: rigore per la Roma, Osvaldo salta qualsiasi gerarchia e decide di assumersi la responsabilità. Il risultato però non è dei migliori; penalty calciato malamente, Totti allibito e Romero in festa. Ecco allora che Sansone raddoppia al 73', Lamela accorcia al 75' e Icardi al 77' chiude i conti.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>UDINESE-TORINO 1-0: prosegue il buon periodo dell'Udinese, che batte con il minimo sforzo un buon Torino. Decide in apertura il gol di Pereyra, ma il match è stato caratterizzato da un paio di decisioni arbitrali controverse e manca un netto calcio di rigore a favore dei granata.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>INTER-CHIEVO 3-1: il posticipo della domenica regala emozioni solo nel primo tempo. Dopo appena 2 minuti, infatti, l'Inter passa in vantaggio con Cassano, anche se il portiere Puggioni non è immune da colpe. Il vantaggio dura poco: 21' minuto e il Chievo risponde presente: Rigoni pareggia i conti di testa. Ma i nerazzurri rispondono presente: Ranocchia trova la zuccata vincente(minuto 26). La ripresa è più scialba e i padroni di casa chiudono i conti con un'azione tutta argentina Zanetti-Cambiasso-Milito, con il principe che segna l'ottavo gol stagionale.<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal><BR><BR><BR>&nbsp;<br><br> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<br><br>C1007650FL0761FL076120121119_osvaldo4.jpgSiNvola-la-juventus-si-ferma-il-milan-continua-la-crisi-della-roma-1010357.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000014,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000095,T1000097,T1000099100844901,02,03,06,07,08030519
661010337NewsCalcio EsteroPremier League, 26a giornata: City,che tonfo! Valanga Chelsea sul Wigan.20130210100532Premier League26a giornataNel sabato della 26a giornata di Premier League&nbsp; torna alla vittoria il Chelsea, che&nbsp;sconfigge con un sonoro&nbsp;4-1 il Wigan allo Stamford Bridge. Primo tempo più complicato del previsto&nbsp;e chiuso in vantaggio con la rete di Ramires, nella ripresa i Blues dilagano e chiudono i conti nel finale, respingendo il tentativo di rimonta dei "Latics". Passo avanti importante per la squadra di Benitez, considerando anche il&nbsp;crollo del Manchester City sul campo del Southampton. Gli uomini di Mancini perdono 3-1 contro i "Saints" e ora intravedono il rischio che il Manchester United, domani, incrementi il vantaggio in vetta alla classifica.&nbsp;Nella battaglia per&nbsp;il quarto posto vincono sia il Tottenham che l'Arsenal, in attesa dell’Everton impegnato&nbsp;oggi all' Old Trafford contro la capolista. Gli "Spurs" piegano il Newcastle 2-1&nbsp;grazie ad&nbsp;un Gareth Bale in grande spolvero. Vince, come detto,&nbsp;anche l’Arsenal, di misura per 1-0 allo Stadium of Light di Sunderland, in una gara sofferta fino all’ultimo. Decisivo il gol di Cazorla, ma l’espulsione di Jenkinson al 62′ ha obbligato i Gunners a una mezz’ora finale in trincea, per respingere gli attacchi dei padroni di casa, fermati in un paio di occasioni da interventi strepitosi del polacco&nbsp;Szczesny. Vittoria&nbsp;con goleada&nbsp;per lo Swansea, che ha travolto il QPR per 4-1 davanti al proprio pubblico. Per lo Swansea&nbsp;questa vittoria vale il&nbsp;settimo posto a 37 punti.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Tottenham-Newcastle 2-1&nbsp;&nbsp; 5'-78'Bale(T) - 24'Gouffran(N)</STRONG><BR><BR><STRONG>Chelsea-Wigan 4-1&nbsp;&nbsp; 23'Ramires-56'Hazard-87'Lampard-90'Marin(C) - 58'Maloney(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Norwich-Fulham 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoke-Reading 2-1&nbsp;&nbsp; 67'Huth-81'Jerome(S) - 83'Mariappa(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Swansea-QPR 4-1&nbsp;&nbsp; 8'-67'Michu-18'Rangel-50'Hernandez(S) - 48'Zamora(Q)</STRONG><BR><BR><STRONG>Sunderland-Arsenal 0-1&nbsp;&nbsp; 36'Cazorla</STRONG><BR><BR><STRONG>Southampton-Man.City 3-1&nbsp;&nbsp; 7'Puncheon-22'Davis-48'A.gol Barry(S) - 39'Dzeko(M)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Aston Villa-West Ham</STRONG><BR><BR><STRONG>Man.United-Everton</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Liverpool-WBA</STRONG><BR><BR><BR><BR>InghilterraFL0411FL0411lampard.jpgSiNpremier-league-giornata-26-tonfo-city-chelsea-a-valanga-1010337.htmSi100427901,02,03010265
671010316NewsCalcio EsteroBundesliga, 21a giornata: spicca Bayern Monaco-Schalke 0420130209092439Bundesliga21a giornataIn Germania si gioca il 21° turno di campionato e sicuramente l'incontro di cartello è quello che vedrà di fronte&nbsp;la capolista Bayern e lo Schalke. In altri anni, però, sarebbe stata certamente una partita "scudetto", adesso, invece, è solo una partita importante per il blasone più che per la classifica vera e propria.&nbsp;Il Bayern&nbsp;non ha bisogno di presentazioni. E'&nbsp;la dominatrice assoluta della Bundesliga fin dalla primagiornata con 16 vittorie, 3 pareggi e 1 sconfitta, e dodici punti di vantaggio sul Borussia Dortmund secondo. Nelle tre partite del 2013 sono arrivate tre vittorie con otto gol segnati e zero subiti. Di contro, lo Schalke 04 è in&nbsp;coma irreversibile:&nbsp;nelle ultime otto partite ha vinto una sola volta, e anche il cambio di allenatore, arrivato a dicembre, non ha dato alla squadra la scossa decisiva per invertire la tendenza. Ormai anche la qualificazione alla prossima Champions League, che fino a novembre sembrava una formalità, è quasi&nbsp;del tutto&nbsp;compromessa, anche per via delle numerose ed importanti&nbsp;assenze dei vari Fuchs, Papadopoulos, Afellay, Moritz, Huntelaar e Marica.<BR><BR>Il Dortmund, secondo in classifica, sarà impegnato in casa contro l'Amburgo,&nbsp;che, dalle ultime uscite,&nbsp;sembra&nbsp;nettamente in crescita. In zona Champions l'Eintracht affronterà il Norimberga in casa, mentre il Leverkusen se la dovrà vedere contro il Monchengladbach. Hannover e Werder, che puntano ancora ad un piazzamento per la qualificazione alla prossima Europa League, cercano i 3 punti, rispettivamente, in casa contro l'Hoffenheim e fuori casa contro lo Stoccarda.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>B.Dortmund-Amburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Werder Brema</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M.-Bayer L.</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther F.-Wolfsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Norimberga</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Hoffenheim</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayern M.-Schalke </STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Augsburg-Mainz</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Fortuna</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>GermaniaFL0411FL0411ribery.jpgSiNbundesliga-giornata-21-spicca-bayern-schalke-1010316.htmSi100427901,02,03010161
681010315NewsCalcio EsteroPremier League, 26a giornata: City all`inseguimento sul difficile campo del Southampton20130209090717Premier League26a giornataIn Inghilterra prosegue la lotta a distanza tra il City e lo United, con quest'ultimo, a dire il vero, sempre più&nbsp;autorevolmente vicino alla vittoria finale. La capolista giocherà domenica&nbsp;contro l'insidioso&nbsp;Everton all’Old Trafford. Non meno problematica, però, appare la trasferta degli uomini di Mancini sulle rive della Manica, dove ad attenderli troveranno un Southampton che non può fare sconti a nessuno e che in questo momento è una delle squadre più in forma del campionato. Da seguire con attenzione anche il doppio testa-coda fra Tottenham e Newcastle e fra Chelsea e Wigan, con le londinesi date ovviamente per favorite. Tutte impegnate fuori casa le squadre in lotta per la salvezza, e cioè, QPR, Fulham e Reading, tranne l’Aston Villa, che ha, quindi, la&nbsp;ghiotta occasione, forse l’ultima, di agganciare la zona-salvezza; l’avversario, infatti, è il non irresistibile West Ham. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/</A><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Tottenham-Newcastle</STRONG><BR><BR><STRONG>Chelsea-Wigan</STRONG><BR><BR><STRONG>Norwich-Fulham</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoke-Reading</STRONG><BR><BR><STRONG>Swansea-QPR</STRONG><BR><BR><STRONG>Sunderland-Arsenal</STRONG><BR><BR><STRONG>Southampton-Man.City</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Aston Villa-West Ham</STRONG><BR><BR><STRONG>Man.United-Everton</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Liverpool-WBA</STRONG><BR><BR>InghilterraFL0411FL0411Roberto-Mancini_41.jpgSiNpremier-league-giornata-26-city-impegnato-contro-il-southampton-1010315.htmSi100427901,02,03010197
691010218NewsCampionatiSerie D Girone I, 22a giornata: pari nel derby di Messina, il Cosenza rosicchia due punti20130204114128Serie D Girone I22a giornataFrena l'Acr Messina, ma è un punto pesante nel derby contro il Città di Messina giocato nello storico campo "Celeste". Immagino che sia stata un'emozione grandissima per tutti i tifosi ritornare sulle gradinate di uno stadio che nel corso dei decenni ha visto le grandi cavalcate verso la serie A e le gesta del Messina più recente che fu, dei vari Zampagna, Buonocore, Parisi e tanti altri. Il Nuovo Cosenza non si lascia sfuggire l'occasione e vince in trasferta contro il Ribera per 1-2, portandosi così a meno 4 dalla capolista. Vittoria anche per il Savoia, che ha la meglio su un tostissimo Acireale e che si porta in terza posizione scavalcando un Gelbison ormai irriconoscibile.<BR><BR>Risultati 22a giornata<BR>Paternò-Pro Cavese 1-2<BR>Ribera-Cosenza 1-2<BR>C.Montalto-Licata 1-0<BR>Acireale-Savoia 2-3<BR>Agropoli-Ragusa 2-0<BR>Città di Messina-Acr Messina 0-0<BR>Noto-Nissa 6-0<BR>Palazzolo-Sambiase 2-0<BR>Vibonese-Gelbison 2-0<BR><BR>Classifica<BR><BR>1)Acr Messina 51<BR>2)Nuovo Cosenza 47<BR>3)Savoia 39<BR>4)Gelbison 38<BR>5)Città di Messina 35<BR>6)C.Montalto 34<BR>7)Licata 33<BR>8)Ribera 31<BR>9)Vibonese 30<BR>10)Paternò 29<BR>11)Ragusa 29<BR>12)Pro Cavese 27<BR>13)Sambiase 26<BR>14)Agropoli 26<BR>15)Palazzolo 26<BR>16)Noto 17 (-3)<BR>17)Acireale 15<BR>18)Nissa 7(-1)<BR><BR>Prossimo Turno 17/2/2013<BR><BR>Acireale-Noto<BR>Licata-paternò<BR>Acr Messina-C.Montalto<BR>Nissa-Agropoli<BR>Cosenza-Città di Messina<BR>Pro Cavese-palazzolo<BR>Ragusa-Ribera<BR>Sambiase-Vibonese<BR>Savoia-Gelbison<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>ItaliaFL0411FL0411messinaregginajw7.jpgSiNserie-d-girone-i-pari-derby-messina-cosenza-rosicchia-due-punti-1010218.htmSi100427901,02,03010134
701010216NewsCalcio EsteroLiga, 23a giornata: pari Barça a Valencia, Atletico Madrid a -920130204104932Liga23a giornataLa domenica della 22a giornata di Liga vede impattare la capolista Barcellona al Mestalla di Valencia. Messi, su rigore, risponde all’iniziale vantaggio di Banega per i padroni di casa che mancano, così,&nbsp;l’aggancio al quarto posto.&nbsp;Vittoria di misura per l'Atletico Madrid contro il Betis; risolve Diego Costa al 16′ del secondo tempo. I “Colchoneros” continuano a tenere aperto il discorso titolo ma ciò che più conta, per i biancorossi, è l’aver allungato sui cugini del Real in classifica, ora distanti 7 punti. Rimane al quarto posto il Malaga che però non va oltre l’1-1 casalingo contro il Real Saragozza. La sorpendente Real Sociedad rifila un secco 3-0 al Maiorca grazie ai gol di Castro, Carlos Vela e Ifran. Baschi, quindi, in piena lotta per un posto in Europa mentre per gli isolani è notte fonda; solo 17 punti conquistati finora, quarta sconfitta consecutiva. Infine da segnalare il successo del Siviglia che supera per 2-1 il Rayo Vallecano con le reti di Rakitic e Negredo. <BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Malaga-Real Zaragoza 1-1&nbsp;&nbsp; 23'Isco(M) - 14'Postiga(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Siviglia-Rayo 2-1&nbsp;&nbsp; 45'Rakitic-55'Negredo(S) - 51'Dominguez(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Barcellona 1-1&nbsp;&nbsp; 33'Banega(V) - 39'Messi(B)</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Betis 1-0&nbsp;&nbsp; 61'D.Costa</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Maiorca 3-0&nbsp;&nbsp; 55'G.Castro-70'Vela-88'Ifran</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Osasuna-Celta 1-0&nbsp;&nbsp; 55'Armenteros</STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Deportivo 3-1&nbsp;&nbsp; 12'Pizzi(D) - 25'Castro-81'Vazquez-84'Colunga(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Levante 3-2&nbsp;&nbsp;41'A.gol DeLaFuente-67'Stuani-69'S.Garcia(E) - 47'R.Garcia-87'Martins(L)&nbsp;</STRONG><BR>&nbsp;<BR><STRONG>Granada-Real Madrid 1-0&nbsp;&nbsp; 22'A.gol Cristiano Ronaldo</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Valladolid-At.Bilbao 2-2&nbsp;&nbsp; 8'Guerra-15'Bueno(V) - 22'DeMarcos-50'Susaeta(A)</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR><STRONG></STRONG>1)Barcellona 59<BR>2)At.Madrid 50<BR>3)Real Madrid 43<BR>4)Malaga 36<BR>5)Betis 35<BR>6)Valencia 34<BR>7)Rayo 34<BR>8)Levante 33<BR>9)Real Sociedad 33<BR>10)Valladolid 29<BR>11)Getafe 29<BR>12)Siviglia 29<BR>13)At.Bilbao 26<BR>14)Espanyol 25<BR>15)Real Saragozza 24<BR>16)Granada 23<BR>17)Osasuna 21<BR>18)Celta 20<BR>19)Maiorca 17<BR>20)Deportivo 16<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-ventitreesima-giornata1010216.htmSi100427901,02,03010193
711010206NewsCalcio EsteroBundesliga,20a giornata:Bayern «tritatutto»20130203101880Bundesliga20a giornataNeanche il sorprendente Magonza riesce nell'impresa di fermare la marcia trionfale della capolista della Bundesliga Bayern Monaco; i bavaresi, come una corazzata,&nbsp;abbattono&nbsp;in trasferta la buona e intraprendente&nbsp;compagine biancorossa, mettendosi, ora, comodamente&nbsp;ad assistere allo&nbsp;scontro diretto&nbsp;odierno per il secondo posto tra il Bayer Leverkusen e il Borussia Dortmund. Risolvono la gara una doppietta del&nbsp;bomber Mandzukic e un gol di Muller. Sa di clamoroso la sconfitta dello Schalke 04, che, incredibilmente, crolla&nbsp;al “Veltins Arena” sotto i colpi del modesto Greuther Furth, alla sua seconda vittoria stagionale. Per quanto riguarda la lotta salvezza si registra un'ottima vittoria dell’Hoffenheim, che batte 2-1 in casa il Friburgo in rimonta, mentre non va oltre un pareggio l’Augsburg, 1-1 a Wolfsburg. Crolla lo Stoccarda a Dusseldorf contro il Fortuna, mentre la matricola Eintracht Francoforte continua a meravigliare tutti rifilando un rotondo 2-0, in trasferta, all'Amburgo.<br><br> Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Schalke-Greuther 1-3&nbsp;&nbsp; 47'Bastos(S) - 52'Klaus-90'Djurdjic</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Augsburg 1-1&nbsp;&nbsp; 23'Naldo(W) - 25'Moravek(A)</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Bayern M. 0-3&nbsp;&nbsp; 41'Muller-50'-57'Mandzukic</STRONG><BR><BR><STRONG>Fortuna-Stoccarda 3-1&nbsp;&nbsp; 10'-37'Kruse-76'Fink(F) - 60'Gentner(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Friburgo 2-1&nbsp;&nbsp; 10'-26'Volland(H) - 4'Kruse(F)</STRONG><BR><BR><STRONG>Amburgo-Eintracht 0-2&nbsp;&nbsp; 22'-36'Lakic</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Norimberga-Borussia M.</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Borussia D.</STRONG><br><br> Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Werder-Hannover 2-0&nbsp;&nbsp; 85'-88'Petersen</STRONG><BR><BR><BR><BR><br><br>GermaniaFL0411FL0411muller.jpgSiNbundesliga-giornata-20-bayern-trita-anche-il-mainz-1010206.htmSi100427901,02,03010381
721010195NewsCalcio EsteroBundesliga,20a giornata:Petersen regala la vittoria al Werder,Bayern sul campo del Mainz20130202093335Bundesliga20a giornataSi gioca il&nbsp;20° turno in Bundesliga e nell'anticipo uno strepitoso Nils Petersen ha regalato la vittoria al Werder Brema nei minuti finali dell'incontro.&nbsp;La prima marcatura, giunta all'85'&nbsp;è nata&nbsp;da un’invenzione di Elia che,&nbsp;libertosi sulla sinistra, ha servito l’assist vincente all'attaccante di proprietà del Bayern Monaco. Dopo solo 3 minuti,&nbsp;&nbsp;è stato, poi, Yildirim a mettere&nbsp;al centro&nbsp;per l'eroe di giornata,&nbsp;Petersen, che ha concluso&nbsp;al volo di sinistro.<br><br> Oggi scenderà&nbsp;in campo la capolista Bayern Monaco sul campo della rivelazione Mainz: i bavaresi potrebbero&nbsp;soffrire contro la compagine di Tuchel. Certo, il Bayern Monaco è sempre favorito, tuttavia il Magonza è una squadra solida, soprattutto in casa, e può dare fastidio anche allo squadrone bavarese.&nbsp;Entrambe le squadre subiscono pochissimo: in trasferta il Bayern ha subito 1 gol in 9 partite e in casa il Mainz ne ha subiti 6 sempre in 9 incontri. Il sabato di Bundesliga offre altri interessanti incontri, come Amburgo-Eintracht, che vale per l'Europa e i sogni di Champions&nbsp;e gli incontri casalinghi del Wolfsburg e dello Schalke, che potrebbero essere utili a risalire la china per entrambe.<br><br> Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><br><br> Giocata Ieri<br><br> <STRONG>Werder-Hannover 2-0&nbsp;&nbsp; 85'-88'Petersen</STRONG><br><br> Giocano Oggi<br><br> <STRONG>Schalke-Greuther</STRONG><br><br> <STRONG>Wolfsburg-Augsburg</STRONG><br><br> <STRONG>Mainz-Bayern M.</STRONG><br><br> <STRONG>Fortuna-Stoccarda</STRONG><br><br> <STRONG>Hoffenheim-Friburgo</STRONG><br><br> <STRONG>Amburgo-Eintracht</STRONG><br><br> Giocano Domani<br><br> <STRONG>Norimberga-Borussia M.</STRONG><br><br> <STRONG>Bayer L.-Borussia D.</STRONG><br><br>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-20-werder-vincente-bayern-sul-campo-del-mainz-1010195.htmSi100427901,02,03010142
731010194NewsCalcio EsteroLiga,22a giornata:pari in rimonta per l`Athletic, stasera il Real di scena a Granada20130202091828Liga22a giornataNell'anticipo di ieri sera della 22a giornata della Liga spagnola, pareggio in rimonta per&nbsp;l'Athletic Bilbao, che strappa un punto&nbsp;preziosissimo al Jose Zorrilla&nbsp;di Valladolid. I padroni di casa partono subito fortissimo e dopo un quarto d’ora&nbsp;si portano&nbsp;già sul 2-0 grazie alle reti di Javi Guerra e Bueno, ma la reazione dei baschi è veemente e già al 22′ arriva il gol di De Marcos che accorcia le distanze. La rimonta è completata ad inizio ripresa quando Susaeta&nbsp;mette in rete&nbsp;il 2-2 finale.<br><br> Potrebbe essere nel complesso una giornata favorevole per il Real Madrid di Mourinho che, vola a Granada per&nbsp;ridurre lo svantaggio dalla capolista, in attesa&nbsp;che scenda in campo&nbsp;domani sera al 'Mestalla' di Valencia. Un Valencia che, nonostante tutto, è riuscito a racimolare 12 punti nelle ultime cinque partite. Da segnalare anche lo scontro salvezza odierno&nbsp;tra Osasuna e Celta Vigo. La squadra di Mendilibar viene dal pesantissimo ko subito contro il Barcellona, il Celta invece sembra vivere un buon momento, come testimoniano i due pareggi&nbsp;ottenuti contro il&nbsp;Malaga e la Real Sociedad.<br><br> Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><br><br> Giocata Ieri<br><br> <STRONG>Valladolid-At.Bilbao 2-2&nbsp;&nbsp; 8'Guerra-15'Bueno(V) - 22'DeMarcos-50'Susaeta(A)</STRONG><br><br> Giocano Oggi<br><br> <STRONG>Osasuna-Celta</STRONG><br><br> <STRONG>Getafe-Deportivo</STRONG><br><br> <STRONG>Espanyol-Levante</STRONG><br><br> <STRONG>Granada-Real Madrid</STRONG><br><br> Giocano Domani<br><br> <STRONG>Malaga-Real Zaragoza</STRONG><br><br> <STRONG>Siviglia-Rayo</STRONG><br><br> <STRONG>Valencia-Barcellona</STRONG><br><br> <STRONG>At.Madrid-Betis</STRONG><br><br> <STRONG>Real Sociedad-Maiorca</STRONG><br><br>SpagnaFL0411FL0411mourinho.jpgSiNliga-giornata-22-bilbao-pareggia-in-rimonta-real-di-scena-a-granada-1010194.htmSi100427901,02,03010146
741010157NewsCalcio EsteroPremier League, 24a giornata: City spuntato, lo United può scappare20130130095540Premier League24a giornataIl Manchester City è stato&nbsp;fermato al Loftus Road dal QPR, ultimo in classifica,&nbsp;di Harry Redknapp. Un pareggio a conti fatti giusto in quella che è stata una&nbsp;partita con pochi spazi&nbsp;e con poche occasioni da gol per la squadra di Mancini, salvate ogni volta da un puntualissimo Julio Cesar. Il Newcastle batte l’Aston Villa 2-1 al Villa Park, costruendo il successo sui due gol segnati nel primo tempo da Cissé e Cabaye, in una partita dove i Magpies hanno anche schierato dal primo minuto i tre nuovi acquisti Gouffran, Debuchy e Sissoko. Per l'’Aston Villa&nbsp;è un periodaccio:&nbsp;la squadra di Lambert resta&nbsp;ferma a 20 punti, in&nbsp;piena bagarre per non &nbsp;retrocedere. Negli altri due incontri giocati ieri si sono registrati i pareggi&nbsp;tra Sunderland e Swansea e tra Stoke City e Wigan, con quest'ultimo capace di rimontare due reti al passivo.<BR><BR>Stasera, dunue, la capolista Manchester United può aumentare il vantaggio sul City, vincendo all'Old Trafford contro il Southampton. Occhio però a non darlo per scontato;&nbsp;la formazione guidata dall'ex-nazionale argentino Mauricio Pochettino&nbsp;viene una striscia di sei risultati utili consecutivi.&nbsp;Tra gli altri incontri della 24a giornata spicca Reading-Chelsea, con i londinesi che continuano a stentare. Entrambe le formazioni non disporranno dei portieri titolari, McCarthy e Cech, entrambi infortunati. E saranno numerosissime le assenze nelle fila del Chelsea: Luiz, Terry, Mikel, Moses in Coppa D'Africa e Hazard squalificato. Altro incontro interessante sarà quello dell'Emirates Stadium, dove l'Arsenal riceverà il Liverpool in una gara dove la posta in palio sembra quasi essere quella di mantenere viva la speranza per un posto nell'Europa che conta della prossima stagione.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/premier-league/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Aston Villa-Newcastle 1-2&nbsp;&nbsp; 19'P.Cissè-31'Cabaye(N) - 49'Benteke(A)</STRONG><BR><BR><STRONG>Sunderland-Swansea 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoke-Wigan 2-2&nbsp;&nbsp; 23'Shawcross-48'Crouch(S) - 50'McArthur-61'DiSanto(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>QPR-Man.City 0-0</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Norwich-Tottenham</STRONG><BR><BR><STRONG>Arsenal-Liverpool</STRONG><BR><BR><STRONG>Everton-WBA</STRONG><BR><BR><STRONG>Fulham-West Ham</STRONG><BR><BR><STRONG>Reading-Chelsea</STRONG><BR><BR><STRONG>Man.United-Southampton</STRONG><BR><BR><BR><BR>InghilterraFL0411FL0411sir alex ferguson.jpgSiNpremier-league-giornata-24-city-spuntato-united-puo-allungare-1010157.htmSi100427901,02,03010121
751010169NewsCampionatiRugby, le Aquile del Tirreno tornano a volare20130130093457rugbyRugbyGrande impresa delle Aquile del Tirreno che domenica scorsa a Milazzo nel campo del Fossazzo hanno battuto il Cus Catania con il risultato di 13 -8. E’ stata una partita dai due volti:un primo tempo di netta marca mila-barcellonese ,che dopo una meta realizzata da Francesco&nbsp; Ruvolo.nonostante il pareggio conseguito dai catanesi con un piazzato,ritornavano in vantaggio con una meta di Paolini seguita da un altro piazzato:13-5 .Così si chiudeva il primo tempo.Dopo pochi minuti dall’inizio del secondo tempo si faceva espellere un giocatore delle Aquile ,ma il Cus Catania riusciva solo a piazzare un calcio di punizione. Vittoria sofferta,ma meritata della squadra di la Rosa e Foti ,che li lancia al primo posto in classifica della serie C siciliana. Da notare che gli avversari erano scesi al Fossazzo galvanizzati dalla vittoria larga contro il Palermo,capolista , di una settimana prima,mentre i nostri avevano ceduto le armi a Reggio Calabria contro l’omonima squadra. La partita è stata seguita da un pubblico numeroso,che ha incitato i rosso-blu-gialli locali al grido di “Aquile-Aquile”. Nel terzo tempo birra in quantità,ma artigianale, offerta da uno dei genitori dei ragazzi impegnati&nbsp; nelle squadra yuniores, direttamente dalla sua produzione per i giovani rugbisti, vincitori e vinti,come nelle migliori tradizioni del rugby.A tutti prosit!<BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR>Attilio Andrioloadm001adm001rugby.jpgSiNrugby-le-aquile-del-tirreno-tornano-a-volare-1010169.htmSi100075701,02,03,09030136
761010137NewsCalcio EsteroLiga,21a giornata:vincono Barça e Real, crolla l`Atletico Madrid20130128104842Liga21a giornataValanga di gol nella domenica della 21a giornata di Liga spagnola. Il Barcellona capolista allunga sull’Atletico Madrid sconfitto a Bilbao e mantiene 15 punti di vantaggio sul Real Madrid. Il Barça&nbsp; ha travolto l'Osasuna 5-1 con poker di Leo Messi e gol di Pedro Rodriguez. Il quattro volte Pallone d’Oro sale a quota 33 reti in 21 partite. Tripletta per Cristiano Ronaldo nel 4-0 finale&nbsp;contro il Getafe. Esce sconfitto&nbsp;e in malo modo&nbsp;dal campo dell’Athletic Bilbao la formazione di Diego Simeone: 3-0 secco firmato da San José, Susaeta e De Marcos. Ora sono solo 4 le lunghezze di vantaggio dei “Colchoneros” sui&nbsp;"cugini" del Real&nbsp;Madrid, che inseguono in terza posizione. Il Rayo Vallecano vince la sfida per l’Europa contro il Real Betis 3-0 e di fatto riapre la corsa per il quarto posto Champions. In soli due punti ci sono sei squadre che si contenderanno la qualificazione nell’Europa che conta. Approfitta del passo falso del Betis per salire al quarto posto in solitaria il Malaga che vince 3-2 in casa del Maiorca grazie ai gol di Saviola, Isco e Nacho Monreal.<br><br> Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Real Madrid-Getafe 4-0&nbsp;&nbsp; 53'Ramos-62'-65'-72'Cristiano Ronaldo</STRONG><BR><BR><STRONG>Rayo-Betis 3-0&nbsp;&nbsp; 3'Piti-64'Delibasic-82JoseCarlos</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-Osasuna 5-1&nbsp;&nbsp; 11'-28'-56'-58'Messi-40'Pedro(B) - 24'Loe(O)</STRONG><BR><BR><STRONG>Atl.Bilbao-Atl-Madrid 3-0&nbsp;&nbsp; 50'Mikel-77'Susaeta-84'DeMarcos</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca-Malaga 2-3&nbsp;&nbsp; 11'Saviola-16'Isco-62'Monreal(MAL) - 27'Victor-71'Giovani(MAI)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Celta-Real Sociedad 1-1&nbsp;&nbsp; 32'KhronDelhi(C) - 59'Elustondo(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Valladolid 2-1&nbsp;&nbsp; 8'Baraja(V) - 44'Barkero-90'A-gol Rukavina(L)</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Espanyol 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Valencia 2-3&nbsp;&nbsp; 1'Jonas-63'Valdez-90'R.Costa(V) - 32'-45'SanchezRiki(D)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Siviglia-Granada</STRONG><br><br> <STRONG>Classifica</STRONG><br><br> 1)Barcellona 58<BR>2)At.Madrid 47<BR>3)Real Madrid 43<BR>4)Betis 35<BR>5)Malaga 35<BR>6)Rayo 34<BR>7)Levante 33<BR>8)Valencia 33<BR>9)Real Sociedad 30<BR>10)Valladolid 28<BR>11)Getafe 26<BR>12)At.Bilbao 25<BR>13)Siviglia 23<BR>14)Real Saragozza 23<BR>15)Espanyol 22<BR>16)Granada 20<BR>17)Celta 20<BR>18)Osasuna 18<BR>19)Maiorca 17<BR>20)Deportivo 16<br><br> &nbsp;<br><br> <BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR><br><br>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-giornata-21-vincono-barça-e-real-crolla-l-atletico-madrid-1010137.htmSi100427901,02,03010116
771010133NewsCampionatiSerrie A, 22a giornata: rallentano le grandi tranne il Napoli. Goleada della Sampdoria20130127232010serie aSerie A<P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp; <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>La ventiduesima giornata di serie A regala emozioni, sorprese e conferme. Le emozioni sono quelle che si vivono a Marassi, dove la Sampdoria ricorda nella miglior maniera possibile il presidente Riccardo Garrone, ma anche al Dall'Ara, con un pirotecnico 3 a 3 tra Bologna e Roma. Le sorprese sono invece relative alla caduta interna della Lazio, che perde terreno sulla capolista Juventus, il cui pareggio di ieri merita un discorso a parte, e al match del Massimino, dove cade la Fiorentina contro un sempre più super Catania: complimenti a Maran, la cui squadra offre un gioco spumeggiante, veloce e difficile da fronteggiare. Ed eccoci, infine, al capitolo conferme: si parlava prima del pareggio interno della Juventus contro il Genoa; le difficoltà in zona gol, nonchè la mancanza di concentrazione nei momenti salienti del match, non sono più una novità. Passano così in secondo piano gli eventuali errori arbitrali di ieri sera (possibile rigore non dato al club torinese), nonostante la dirigenza juventina si aggrappi ad essi. Continua invece il buon periodo del Milan, che ora punta con insistenza alla zona Champions. In chiusura, consueta parentesi su TOP/FLOP della giornata: il migliore è indubbiamente Icardi (Sampdoria), mattatore nella goleada contro il Pescara; il peggiore è Sorensen(Bologna), il quale è responsabile di due dei tre gol della Roma.<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>LAZIO-CHIEVO 0-1: l’anticipo delle 18 di sabato regala poche emozioni. La Lazio gioca a ritmi bassi e il Chievo non rischia nulla. A rompere l’equilibrio, ecco che al 61’ Paloschi porta in vantaggio gli ospiti. Hernanes, Mauri e Dias tentano la giocata individuale per riaprire i giochi, ma la mira è imprecisa. Brutto stop per la squadra di Petkovic, che ad oggi non sembra avere le capacità per rappresentare l’anti Juve. Il Chievo incamera tre punti d’oro e si allontana dalla zona retrocessione.<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>JUVENTUS-GENOA 1-1: un sabato sera di sentimenti contrastanti: delusione in casa Juve, fiducia per quanto riguarda la sponda Genoa. I bianconeri partono forte e sfiorano più volte il vantaggio nel corso del primo tempo, ma l’assenza di una punta in grado di risolvere la situazione si sente. Non a caso il gol è rocambolesco: minuto 54, cross di Lichtsteiner, pronta deviazione di Quagliarella, che insacca, ma è decisiva la deviazione di un difensore ospite. Il raddoppio, e quindi la conseguente chiusura della partita, non arriva: ecco allora che il Genoa è bravo a credere alla possibilità del pareggio, che si concretizza al 69’ con Borriello, abile a finalizzare di testa un cross di Kucka. Vucinic, e soprattutto Giovinco, mancano i rispettivi appuntamenti con il gol, e alla squadra torinese non riesce la fuga sugli inseguitori, che possono ancora credere nel discorso scudetto.<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>BOLOGNA-ROMA 3-3: il match delle 12.30 regala emozioni a non finire. Errori difensivi ma anche tanto spettacolo, con il risultato in bilico fino alla fine. Dopo 26 minuti il risultato è già sul 2 a 2: al vantaggio di Florenzi(9’ minuto), risponde quasi subito Gilardino (17’). Ma è ancora più immediata la reazione ospite: sono passati 40’ secondi dal pareggio felsineo, quando Osvaldo riporta in vantaggio la Roma. Ma, come detto, al 26’ Gabbiadini piazza alle spalle di un rivedibile Goicoechea, il pallone del pareggio. La ripresa mantiene ritmi altissimi, e le difese non certo imperforabili fanno la differenza: Pasquato al 54’ regala la terza gioia ai padroni di casa, ma i romani non si arrendono e al 74’ pareggiano definitivamente i conti con Tachtsidis. L’ultimo spezzone di gara si chiude con un doppio legno di Diamanti; prima il palo poi la traversa mantengono la parità di risultato.<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>ATALANTA-MILAN 0-1: un Milan sprecone ma molto voleteroso espugna l’Atleti Azzurri di Bergamo. Di El Shaarawy la rete decisiva al 29’ minuto. L’Atalanta sonnecchia e fatica a svegliarsi, mentre gli ospiti provano a chiudere il match, senza molta fortuna: Niang e Montolivo hanno mira imprecisa, mentre i bergamaschi sono più attivi nel finale, quando tentano il colpo del pareggio con conclusioni dalla distanza. Ma la squadra di Allegri resiste senza soffrire più di tanto e incamera tre punti importantissimi, che garantiscono una certa continuità, alla ricerca del terzo posto.<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>CAGLIARI-PALERMO 1-1: la sfida salvezza della domenica sorride ai sardi, sotto di un gol fino al 90’, quando Thiago Ribeiro non perde l’ultimo treno per recuperare lo svantaggio e pareggia i conti. Amaro in bocca per il Palermo, a cui il punto serve relativamente. Incoraggiante quanto meno la prestazione, condita dal gol di Ilicic, ma i siciliani restano al penultimo posto in classifica.<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>CATANIA-FIORENTINA 2-1: calcio veloce e spumeggiante quello che mettono in campo le squadre di Maran e Montella. Passano i toscani al 22’ con una rete di Migliaccio. La reazione dei padroni di casa c’è, ma il pari arriva solo nella ripresa, quando su cross di Gomez, Legrottaglie insacca(50’ minuto). L’assedio della Fiorentina non ha esito: traversa di Cuadrado e stesso esito ha la conclusione di Ljajic. Poi l’evento che rovina i piani di Montella: rosso per Aquilani e poco dopo arriva la doccia fredda, con il gol del definitivo 2 a 1 di Castro(88’). Fiorentina in difficoltà di risultati ma non di prestazioni, alla quale risponde un Catania, oggi supportato da una buona dose di fortuna, abilissimo a sfruttare i problemi altrui.<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>PARMA-NAPOLI 1-2: con la sconfitta dei ducali, cade anche l’ultimo baluardo casalingo, e pertanto nessuna squadra può vantare l’imbattibilità tra le mura amiche. Il Napoli, in vantaggio con Hamsik al 20’, e raggiunto da un comunque ottimo Parma grazie al gol di Sansone(74’), si conferma Cavani-dipendente: è l’uruguaiano a segnare la rete decisiva all’85, quella che consente al Napoli di essere a soli 3 punti dalla Juventus capolista.<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>SAMPDORIA-PESCARA 6-0: nella giornata del ricordo a Riccardo Garrone, la Sampdoria regala una gioia ai suoi tifosi, anzi sei, tante quante le reti rifilate ad un impresentabile Pescara. La fiera del gol comincia al 31’ con il rigore realizzata da Eder, e prosegue al 41’ con il raddoppio di Icardi. Nella ripresa non si assiste ad alcuna reazione da parte degli abruzzesi e la Sampdoria decide di dilagare: Obiang(50’) e soprattutto Icardi (56’, 58’ e 71’) rendono indimenticabile il giorno dedicato a Garrone.<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>UDINESE-SIENA 1-0: massimo risultato, minimo sforzo. Questo il riassunto della domenica dell’Udinese, che supera un Siena sempre più ultimo in classifica. Nella giornata in cui Di Natale si prende una pausa in zona gol, decisiva è la reta di Muriel al 36’. La squadra di Guidolin torna cosi’ in corsa per un insperato posto in zona Europa League. <BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>INTER-TORINO 2-2: L’Inter non riesce a portare a casa il bottino pieno, contro un ottimo Torino. Match subito in discesa per i padroni di casa: punizione di Chivu che coglie impreparato Gillet (5’minuto). Ma al 23’ l’immediata risposta ospite: errore di Guarin e Meggiorini pareggia. La punta granata si conferma implacabile ad inizio ripresa, quando al 52’ firma la personale doppietta. L’Inter riesce a strappare il pari al 66’ grazie a Cambiasso, subentrato all’infortunato Mudingayi. Il finale incandescente, con brividi da ambo le parti, non comporta tuttavia un cambio di risultato. <BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR> <P style="MARGIN: 0cm 0cm 10pt; mso-pagination: none; mso-layout-grid-align: none" class=MsoNormal>&nbsp;<BR><BR><br><br>C1007650FL0761FL0761stramaccioni.jpgSiNserie-a-ventiduesima-giornata-rallentano-le-grandi-tranne-il-napoli-goleada-della-sampdoria1010133.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000014,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000095,T1000097,T1000099100844901,02,03,06,07,08,09030426
781010121NewsCalcio EsteroLiga, 21a giornata: scontro per l`Europa Levante-Valladolid, le big in campo domani20130126093990Liga21a giornataCon tutte le big impegnate domani, il sabato della 21a giornata di Liga spagnola si rende intressante per sfide che, a vario titolo, possono modificare la geografia delle posizioni delle squadre che ambiscono ad un posto al sole nel gotha del calcio europeo. Il Levante ospiterà tra le mura amiche la matricola terribile Valladolid. I Valenciani hanno bisogno dei tre punti dopo due sconfitte consecutive che gli hanno fatto perdere terreno. Di contro gli uomini di Djukic devono dimostrare di essere competitivi nonostante l'assenza per infortunio del suo uomo migliore, Ebert.&nbsp; Nel pomeriggio&nbsp;il Celta Vigo chiederà strada a una Real Sociedad ancora al settimo cielo dopo l'inaspettata vittoria sulla capolista Barcellona per scacciare via i fantasmi della bassa classifica. In serata andrà di scena un delicatissimo scontro salvezza Saragozza-Espanyol e, infine, chiuderà il sabato di liga spagnola un appassionante Deportivo-Valencia.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/liga/</A><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Celta-Real Sociedad</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Valladolid</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Espanyol</STRONG><BR><BR><STRONG>Deportivo-Valencia</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Real Madrid-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>Rayo-Betis</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-Osasuna</STRONG><BR><BR><STRONG>Atl.Bilbao-Atl-Madrid</STRONG><BR><BR><STRONG>Maiorca-Malaga</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Siviglia-Granada</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411levante.jpgSiNliga-giornata-21-big-in-campo-domani-spicca-levante-valladolid-1010121.htmSi100427901,02,03010152
791010120NewsCalcio EsteroBundesliga, 19a giornata: Borussia Dortmund stellare acciuffa il secondo posto20130126092003Bundesliga19a giornataA Dortmund, nel match valido come anticipo della diciannovesima giornata di Bundesliga, il Borussia supera per 3-0 il Norimberga e&nbsp;si porta&nbsp;così&nbsp;al secondo posto in classifica, raggiungendo il Bayer leverkuse. A decidere&nbsp;l'incontro sono i polacchi Blaszczykowski, che prima sblocca il risultato al 18' su&nbsp;un rigore&nbsp;molto contestato dagli ospiti, e&nbsp;al 21', quando sfrutta a dovere un perfetto assist di Goetze, e Lewandowsky che, all'88', insacca su&nbsp;assist di Reus. Il Norimberga, autore di un buon primo tempo, si&nbsp; è reso spesso pericoloso dalle parti del portiere avversario. Solo una certa dose di sfortuna e qualche imprecisione in fase di rifinitura hanno impedito al Norimberga di riaprire il match nel corso della prima frazione di gioco, come peraltro ampiamente meritato.&nbsp;<BR>Oggi pomeriggio&nbsp;il Bayer&nbsp;Leverkusen se la dovrà vedere contro il Friburgo e provare a vincere per riallontanare i temibili rivali di Dortmund dalla seconda posizione e per non perdere eventuale ed ulteriore terreno dalla capolista Bayern Monaco.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/bundesliga/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>B.Dortmund-Norimberga 3-0&nbsp;&nbsp; 18'-21'Blaszczykowski-88'Lewandowski</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Greuther F.-Mainz</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Hoffenheim</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M.-Fortuna</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Schalke</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Wolfsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Friburgo-Bayer L.</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Amburgo-Werder</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Bayern M.</STRONG><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411lewandowski.jpgSiNbundesliga-giornata-19-borussia-dortmund-stellare-acciuffa-il-secondo-posto-1010120.htmSi100427901,02,03010116
801010119NewsCalcio EsteroLigue 1, 22a giornata: il Lione doma il Valenciennes20130126090558Ligue 122a giornataLa capolista Lione&nbsp;liquida la difficile trasferta di Valenciennes rifilando un 2-0 ai padroni di casa e mette pressione&nbsp;sulle rivali impegnate tra stasera e domani. A decidere&nbsp;l'incontro una rete di Fofana in avvio di match e di Gomis, che chiude il match&nbsp;poco prima della mezz'ora su perfetto assist del giovane Lacazette. Il&nbsp;Lione, dunque,&nbsp;di nuovo&nbsp;da solo solo in vetta alla classifica e in attesa del risultato che verrà fuori domani dal Parco dei Principi di Parigi. Intanto, stasera, sarà di scena&nbsp;il Marsiglia chiamato a&nbsp;difendere la terza posizione&nbsp;contro il Rennes, che con una vittoria si porterebbe a -3&nbsp;proprio dai marsigliesi. Stessa cosa potrebbe fare il Nizza contro il Bordeaux. Insomma, campionato appassionante e giornata che si preannuncia ricca di emozioni.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/ligue-1/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/ligue-1/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Valenciennes-Lione 0-2&nbsp;&nbsp; 8'Fofana-28'Gomis</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Rennes-Marsiglia</STRONG><BR><BR><STRONG>Montpellier-Sochaux</STRONG><BR><BR><STRONG>ETG-Ajaccio</STRONG><BR><BR><STRONG>Reims-Tolosa</STRONG><BR><BR><STRONG>Nancy-Lorient</STRONG><BR><BR><STRONG>Troyes-Brest</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Saint Etienne-Bastia</STRONG><BR><BR><STRONG>Nizza-Bordeaux</STRONG><BR><BR><STRONG>PSG-Lille</STRONG><BR><BR><BR><BR>FranciaFL0411FL0411173977hp2.jpgSiNligue-1-giornata-22-lione-doma-il-valenciennes-1010119.htmSi100427901,02,03010159
811010066NewsCalcio EsteroLiga, 20a giornata:goleada Real a Valencia, l`Atletico perde Falcao20130121094251Liga20a giornataIn Liga spagnola spicca&nbsp;su tutto&nbsp;la “manita”, maturata interamente nel primo tempo,&nbsp;del Real Madrid in casa del Valencia con doppiette di Cristiano Ronaldo e Di Maria e&nbsp;gol iniziale di Higuain. Real che rimane al terzo posto a -15 dalla capolista Barça e a -7 dai "cugini" dell’Atletico.&nbsp;Anche l’Atletico non ha avuto particolari problemi a liquidare l'altra squadar di Valencia, il Levante, con un secco 2-0 firmato da Adrian e Koke. Brutte notizie, però, per l'infortunio muscolare occorso a Falcao, che potrebbe rimanere fuori per una ventina di giorni. Nelle altre due sfide il Valladolid regola il Real Saragozza 2-0 portandosi a sole 3 lunghezze dalla zona&nbsp;"Europa". Da segnalare anche il colpo di coda dell’Osasuna che a Pamplona batte 2-1 il Deportivo La Coruna abbandonando così l’ultimo posto della classifica che attualmente è occupato proprio dai galiziani.<br><br> Tutti i gol della Liga su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Osasuna-Deportivo 2-1&nbsp;&nbsp; 26'Sola-61'Nino(O) - 90'Camunas(D)</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Real Saragozza 2-0&nbsp;&nbsp; 12'Guerra-74'Gonzalez</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Levante 2-0&nbsp;&nbsp; 32'Adrian-60'Koke</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Real Madrid 0-5&nbsp;&nbsp; 9'Higuain-34'-45'DiMaria-36'-41'C.Ronaldo</STRONG><br><br> Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Granada-Rayo 2-0&nbsp;&nbsp; 24'A.gol Amat Mass-80'Recio</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Barcelona&nbsp;3-2&nbsp;&nbsp; 7'Messi-25'Pedro(B) - 40'-62'G.Castro-90'Agirretxe(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Siviglia 1-1&nbsp;&nbsp; 40'Reyes(S) - 44'Colunga(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Celta 1-1&nbsp;&nbsp; 37'DeMichelis(M) - 76'Fernandez(C)</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Espanyol-Maiorca 3-2&nbsp;&nbsp; 16'Simao-68'Verdu-84'Baena(E) - 35'Giovanni-42'J. Marquez(M)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Betis-At.Bilbao</STRONG><br><br> <STRONG>Classifica</STRONG><br><br> 1)Barcellona 55<BR>2)At.Madrid 47<BR>3)Real Madrid 40<BR>4)Betis 34<BR>5)Malaga 32<BR>6)Rayo 31<BR>7)Levante 30<BR>8)Valencia 30<BR>9)Real Sociedad 29<BR>10)Valladolid 28<BR>11)Getafe 26<BR>12)Siviglia 23<BR>13)Real Saragozza 22<BR>14)At.Bilbao 21<BR>15)Espanyol 21<BR>16)Granada 20<BR>17)Celta 19<BR>18)Osasuna 18<BR>19)Maiorca 17<BR>20)Deportivo 16<br><br> &nbsp;<br><br> <BR><BR><BR>&nbsp;<br><br>SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-giornata-20-real-e-atletico-vincono-falcao-infortunato-1010066.htmSi100427901,02,03010164
821010055NewsCalcio EsteroBundesliga,18a giornata:al Bayern il derby di Baviera, Borussia cinquina al Werder20130120102346Bundesliga18a giornataLa Bundesliga riprende così come l'avevamo lasciata, ossia con un Bayern Monaco totalmente dominatore del campionato tedesco. Vero è che ieri ha affrontato il fanalino di coda&nbsp;Greuther e che, quindi, l'impegno non era dei più probanti, ma&nbsp;la sensazione è che&nbsp;la capolista abbia acquisito una forza ed una maturità che, forse, ancora le mancavano. In fondo quello col Greuther era pur sempre un derby e, come tale, da prendere con le molle. Alle spalle dei bavaresi si&nbsp;consolida il secondo posto&nbsp;del Bayer Leverkusen, che regola la matricola terribile Eintracht Francoforte con un 3-1 che non ammette repliche. "Aspirine" scatenate, che rimangono con il Borussia Dortmund le uniche antagoniste del Bayern, almeno sulla carta, perchè abissale&nbsp;sembra il distacco.&nbsp;I detentori della Bundesliga stravincono a Brema contro il Werder strapazzandolo con un sonoro&nbsp;5-0. Si rivede anche l'ex juventino Diego nel 2-0 con cui il Wolfsburg batte lo Stoccarda, mentre terminano con due pareggi&nbsp;per 0-0&nbsp;le restanti gare, Hoffenheim-Monchengladbach e Mainz-Friburgo.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Bayern Monaco-Greuther 2-0&nbsp;&nbsp; 26'-61'Mandzukic</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Friburgo 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer Leverkusen-Eintracht 3-1&nbsp;&nbsp; 31'Boenisch-33'Kiessling-58'Schurrle(B) - 78'Meier(E)</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia M. 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Stoccarda 2-0&nbsp;&nbsp; 51'Diego-67'Madlung</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Borussia D. 0-5&nbsp;&nbsp; 9'Reus-19'Gotze-48'Santana-81'Lewandovski-85'Blaszczykovski</STRONG><BR><BR>Giocano oggi<BR><BR><STRONG>Norimberga-Amburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Fortuna-Augsburg</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Schalke-Hannover 5-4&nbsp;&nbsp; 44'Farfan-49'Draxler-64'Hoger-88'Holtby-90'Howedes(S) - 55'Pinto-59'-68'Huszti-90'Diouf(H)</STRONG><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-18-tutto-facile-per-la-capolista-bayern-1010055.htmSi100427901,02,03010151
831010040NewsCalcio EsteroBundesliga, 18a giornata: ripresa col botto, 9 gol tra Schalke e Hannover20130119095253Bundesliga18a giornataPartita&nbsp;pirotecnica quella giocata ieri sera a Gelsenkircken tra lo Schalke e l'Hannover;&nbsp;la spuntano i padroni di casa, raggiunti una sola volta e poi sempre avanti nel tabellino. In rete il&nbsp;talentuoso Draxler e Holtby tra i migliori.<BR><BR>Oggi pomeriggio la capolista Bayern Monaco, dopo essersi regalato uno degli allenatori più capaci per la prossima stagione,&nbsp;inagurerà il proprio 2013 ospitando il Greuther Furth, fanalino di coda. Il Leverksuen, invece, attende alla 'BayArena' l'Eintracht di Francoforte. Ma il match più atteso della giornata è sicuramente quello tra Werder Brema e Borussia Dortmund.<BR><BR>Tutti i gol su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Schalke-Hannover 5-4&nbsp;&nbsp; 44'Farfan-49'Draxler-64'Hoger-88'Holtby-90'Howedes(S) - 55'Pinto-59'-68'Huszti-90'Diouf(H)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Bayern Monaco-Greuther</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Friburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer Leverkusen-Eintracht</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia M.</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Stoccarda</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Borussia D.</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Norimberga-Amburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Fortuna-Augsburg</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411draxler-4.jpgSiNbundesliga-giornata-18-9-gol-tra-schalke-e-hannover-1010040.htmSi100427901,02,03010172
841010039NewsCalcio EsteroLiga, 20a giornata: il Barça atteso a San Sebastian20130119093351Liga20a giornataNell'anticipo di ieri sera valido per il 20° turno di Liga, l'Espanyol "mata" in extremis un mai domo Maiorca e ottiene tre punti d'oro in chiave salvezza. All'Estadi Cornellà-El Prat, sono stati i padroni di casa a passare in vantaggio grazie ad un magistrale&nbsp;calcio di punizione di Simao. Poi l'uno-due micidiale degli ospiti che pareggiano con un preciso sinistro di Giovani dos Santos e si portano in vantaggio con una conclusione da fuori area di Javi Marquez. Grande reazione dei catalani che riportano il punteggio in parità con un rigore trasformato da Verdù e a trovare il gol vittoria con Baena a 7' dal termine.<BR><BR>Oggi sono previste quattro gare e spiccano su tutte quella della capolista Barcellona in visita a San Sebastian sul campo della Real Sociedad, e&nbsp;quella fra Malaga e Celta Vigo, che mette di fronte due squadre in palese difficoltà nell'ultimo periodo. La prima sta lentamente scivolando giù in classifica dopo un ottimo avvio di stagione e&nbsp;la seconda è in piena bagarre pernon retrocedere.<BR><BR>Tutti i gol della Liga su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Espanyol-Maiorca 3-2&nbsp;&nbsp; 16'Simao-68'Verdu-84'Baena(E) - 35'Giovanni-42'J. Marquez(M)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Granada-Rayo</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Barcelona</STRONG><BR><BR><STRONG>Getafe-Siviglia</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Celta</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Osasuna-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>Valladolid-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Real Madrid</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Betis-At.Bilbao</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411tito_vilanova_2432135b.jpgSiNliga-giornata-20-barça-atteso-sul-campo-della-real-sociedad-1010039.htmSi100427901,02,03010143
851010033NewsCalcio EsteroLigue 1, 21a giornata:stasera in campo la capolista Lione20130118102243Ligue 121a giornataStasera si disputerà l’anticipo della 21a giornata di Ligue 1.&nbsp;Il Lione di Rèmi Garde, dalla scorsa settimana primo in classifica, troverà davanti a sè, allo Stade de Gerland, l’Evian,&nbsp;attualmente al terzultimo posto e priva dei suoi due portieri(tra i pali ci sarà il terzo portiere Andersen). Il Lione proviene da due&nbsp;vittorie consecutive che gli hanno permesso di ragginugere la vetta solitaria. Lisandro Lopez e compagni, in casa, sono invincibili e sui 30 punti disponibili nelle 10 partite disputate tra le mura amiche ne hanno conquistati ben 25. L’Evian dal canto suo, arriva all’ appuntamento con la capolista, dopo tre sconfitte consecutive, e con solo 4 punti conquistati nelle ultime 6 partite. <br><br> Potrete vedere le immagini salienti di tutta la Ligue 1 su: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/category/ligue-1/">http://livehighlights24.wordpress.com/category/ligue-1/</A><br><br> Oggi<br><br> <STRONG>Lione-ETG</STRONG><br><br> Domani<br><br> <STRONG>Marsiglia-Montpellier</STRONG><br><br> <STRONG>Sochaux-Reims</STRONG><br><br> <STRONG>Lorient-Troyes</STRONG><br><br> <STRONG>Brest-Saint Etienne</STRONG><br><br> <STRONG>Ajaccio-Valenciennes</STRONG><br><br> <STRONG>Tolosa-Nancy</STRONG><br><br> Domenica<br><br> <STRONG>Bastia-Rennes</STRONG><br><br> <STRONG>Lille-Nizza</STRONG><br><br> <STRONG>Bordeaux-PSG</STRONG><br><br>FranciaFL0411FL0411ligue-1.jpgSiNligue-1-giornata-21-stasera-in-campo-la-capolista-lione-1010033.htmSi100427901,02,03010119
861010014NewsCampionatiSerie A, 20a giornata: brillano Lazio, Napoli e Bologna. Si ferma la Juventus20130114132627<SPAN lang="">Prima giornata di ritorno, per quanto riguarda la serie A. L'avvio ufficiale viene dato da Bologna e Chievo, alle 18 di sabato. Nel match del Dall'Ara i felsinei annichiliscono un Chievo a tratti troppo rinunciatario e calano il poker(4 a 0 il risultato finale), trascinati da un Gilardino di nuovo in forma e autore di una doppietta. Spostandoci di qualche km a nord e circa un paio di ore più tardi, l'Inter piega 2 a 0 un tranquillo Pescara, sul quale aleggiano ancora i fasti dell'impresa della scorsa settimana a Firenze. Le partite domenicali regalano altrettante emozioni e sorprese, prima tra tutte il mezzo passo falso esterno della capolista Juventus, in quel di Parma; la formazione di Conte non va oltre l' 1 a 1 e i ragazzi di Donadoni rimangono l'unica squadra imbattuta tra le mura amiche. Cadono ancora sia la Roma di Zeman, che, pur dominando a lungo il match, esce sconfitta dal "Massimino" di Catania, sia la Fiorentina di Montella, contro un Udinese Di Natale-dipendente. In chiave alta classifica, brillano il Napoli e la Lazio: i partenopei, che piegano un Palermo fiducioso nel mercato per rimettere in piedi una squadra in grosse difficoltà, sperano di recuperare i due punti derivanti dalla penalizzazione, mentre la Lazio superano l'Atalanta e accorciano sulla Juve. Nella bassa classifica, pirotecnici gli scontri salvezza Cagliari-Genoa e Torino-Siena; i sardi rimontano lo svantaggio e mettono in grossi guai la squadra di Del Neri, ora terz'ultima in classifica, mentre il Torino vince col brivido (rigore sbagliato per il Siena al 90', dall'ex di turno Rosina) e regala un po' di tranquillità ai propri tifosi. Il posticipo tra Sampdoria e Milan termina, invece a reti bianchi, rallentando la rincorsa della formazione di Allegri al terzo posto.<BR><BR></SPAN>C1007650FL0761FL07611458879-34ad6442743e8dcc8db85af4fefe6858.jpgSiNserie-a-ventesima-giornata-brillano-lazio-napoli-bologna-si-ferma-la-juventus-1010014.htmSi100844901,02,03,06,07,08,09030159
871010012NewsCampionatiSerie D, Girone I 19a giornata: Messina chiama, Cosenza risponde20130114121937Serie D Girone I19a giornataL'Acr Messina, davanti ad una cornice di pubblica meravigliosa e non riscontrabile&nbsp;in nessun altro stadio che ospitai partite&nbsp;di categorie inferiori,&nbsp;sembra avere acquisito la maturità necessaria per provare a vincere il campionato. Quello di ieri, sulla carta, era un incontro facile, ma proprio per questo aumentano i rischi di perdere la concentrazione ed incappare in risultati scomodi. E invece, come detto, l'Acr senza correre grossi rischi fà suoi i tre punti battendo il Noto col più classico dei risultati. Ci pensano gli uomini più rappresentativi della compagine giallorossa, ossia Corona e Savanarola, quest'ultimo autore di un gol di pregevole fattura, a dare ai giallorossi i gol decisivi. D'altro canto il Nuovo Cosenza non molla e mantiene invariato il distacco dalla capolista.<BR><BR>Risultati 19°Turno<BR><BR>Gelbison-C.Montalto 1-1<BR>Licata-Agropoli 2-0<BR>Messina-Noto 2-0<BR>N-Cosenza-Acireale 2-1<BR>Palazzolo-Savoia 0-1<BR>Pro Cavese-Ribera 1-0<BR>Ragusa-Nissa 1-0<BR>Sambiase-C.di Messina 1-2<BR>Vibonese-Paternò 0-0<BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Acr Messina 44<BR>2)Nuovo Cosenza 41<BR>3)Gelbison 35<BR>4)Savoia 32<BR>5)C.Montalto 31<BR>6)Città di Messina 31<BR>7)Licata 30<BR>8)Ribera 28<BR>9)Ragusa 28<BR>10)Vibonese 27<BR>11)Paternò 24<BR>12)Agropoli 24<BR>13)Pro Cavese 21<BR>14)Sambiase 20<BR>15)Palazzolo 19<BR>16)Acireale 11<BR>17)Noto 8 (-3)<BR>18)Nissa 7(-1)<BR><BR><STRONG>Prossimo Turno 20/1/2013<BR></STRONG>Paternò-Gelbison<BR>Ribera-Licata<BR>C.Montalto-Sambiase<BR>Acireale-Ragusa<BR>Agropoli-Acr Messina<BR>Città di Messina-Pro Cavese<BR>Nissa-Savoia<BR>Noto-Cosenza<BR>Palazzolo-Vibonese<BR><BR>ItaliaFL0411FL0411messinaregginajw7.jpgSiNserie-d-girone-i-giornata-19-messina-chiama-cosenza-risponde-1010012.htmSi100427901,02,03010166
881009990NewsCalcio EsteroLiga 19a giornata:Brutto Real, Kaka espulso. Occhi puntati su Malaga-Barcellona20130113091923Liga19a giornataIl sabato della 19/a giornata della Liga spagnola ci offre un Real veramente allo stremo.&nbsp;A Pamplona, tra otto ammoniti ed una espulsione, quella del brasiliano Kakà, il Real, orfano per l'occasione di Cristiano Ronaldo, non va oltre lo 0-0 contro l’Osasuna e di fatto&nbsp;dà un ulteriore addio&nbsp;a qualsiasi velleità di rimonta, qualora ne nutrisse ancora. Vittoria molto importante del Valencia che al “Mestalla” supera 2-0 il Siviglia grazie ai gol del solito Roberto Soldado, portandosi ad una sola lunghezza dal quarto posto valido per la Champions League e attualmente occupato dal Malaga, avversario odierno della capolista Barça. Il Barcellona, ovviamente, cercherà di vincere come sempre per continuare la marcia trionfale verso il titolo, la squadra di Pellegrini però è chiamata al riscatto dopo la clamorosa sconfitta contro il Deportivo e vorrà togliersi la soddisfazione di infliggere la prima sconfitta in Liga agli uomini di VIlanova ed ha il potenziale per riuscire nell'impresa.<br><br> Seguiremo gli incontri pubblicando i video dei momenti salienti su : <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/">http://livehighlights24.wordpress.com/</A><BR><BR>Giocate Ieri <BR><BR><STRONG>Valladolid-Maiorca 3-1&nbsp;&nbsp; 21'-90'Ebert-88'Gonzalez(V) - 38'Victor(M)&nbsp;&nbsp; </STRONG><BR><BR><STRONG>Espanyol-Celta 1-0&nbsp;&nbsp; 23'S.Garcia</STRONG><BR><BR><STRONG>Osasuna-Real Madrid 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Siviglia 2-0&nbsp;&nbsp; 50'-89'Soldado</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Betis-Levante</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Real Saragozza</STRONG><BR><BR><STRONG>Malaga-Barcellona</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Rayo 1-2&nbsp;&nbsp; 48'Bangoura-65'Piti(R) - 77'Dominguez(A)</STRONG><br><br> Lunedì<BR><BR><STRONG>Getafe-Granada</STRONG><BR><BR><br><br>SpagnaFL0411FL0411soldado.jpgSiNliga-giornata-19-brutto-real-fari-puntati-su-malaga-barcellona-1009990.htmSi100427901,02,03010130
891009897NewsCampionatiHIGHLIGHTS ILCALCIO24 - Lazio-Cagliari 2-1 - GUARDA ORA20130105221007Serie AVideoAl 62' Cagliari clamorosamente in vantaggio. Gran tiro dal limite di Sau che punisce Marchetti con una conclusione chirurgica sul primo palo. <br><br> Al 79' arriva il pareggio della Lazio. Corner da destra, Biava fa da sponda di testa, Konko mette dentro in scivolata sul secondo palo.<br><br> All'83' si completa la rimonta della Lazio con il Cagliari in 10 per l'espulsione di Cossu per protestare. Klose s'invola verso l'area&nbsp;del Cagliari&nbsp;e prova il pallonetto, Agazzi lo travolge in uscita. La palla&nbsp;va fuori&nbsp;&nbsp;ma l'arbitro indica il dischetto ed espelle il portiere. Candreva non sbaglia.<br><br> La Lazio si porta a -5 dalla Juventus capolista.<br><br> Link Video: <A href="http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/05/serie-a-lazio-cagliari-2-1/">http://livehighlights24.wordpress.com/2013/01/05/serie-a-lazio-cagliari-2-1/</A><br><br> &nbsp;<br><br>RomaFL0411FL0411esultanza-ciani-floccari-onazi-e1353255690451.jpgSiNilcalcio24-lazio-cagliari-video-1009897.htmSi100427901,02,03010269
901009857NewsCalciomercatoCalciomercato Juventus, preso Peluso20121231093141juventus, atalanta, pelusoJuventus Atalanta PelusoPierpaolo Marino,dg dell'Atalanta, sembra aver trovato l'accordo con la società juventina che acquisirà il giocatore attraverso la formula del prestito con diritto di riscatto. L'intera operazione ,dunque, dovrebbe costare 5 milioni che la Juventus ,in caso di eventuale esercizio del riscatto, verserà nelle casse della dea.<BR>L'acquisto di Peluso è fondamentale per la causa della capolista perchè va a colmare il vuoto nella fascia sinistra lasciato da Asamoah che sarà impegnato con la sua nazionale per disputare la Coppa d'Africa e forse parzialmente anche quella di Chiellini che dovrebbe rientrare dall'infortunio pressochè nello stesso periodo in cui tornerà il ghanese. <BR><BR>Insomma, si aspetta solo l'ufficialità di un affare che conferma la solidità dei rapporti fra le due società già consolidata con le operazioni che hanno portato Padoin in bianconero nella scorsa sessione di mercato invernale e Gabbiadini, girato poi in prestito al Bologna. Per quanto riguarda l'attacco, abbandonata la pista Top Player, uno tra Borriello o Boakye dovrebbe approdare a Torino. <BR><BR><BR>C1007650FL0657FL0657peluso.jpgSiNjuventus-preso-peluso-1009857.htmSiT1000007100664701,02,03,04,06030292
911009837NewsCampionatiSerie A, il fantasma dell`anti-Juve20121227153344serie a, juventusSerie A JuventusChe ci crediate o no, qualcuno che possa impensierire la Juventus nella lotta scudetto non c’è ancora e di conseguenza nessuna delle inseguitrici può meritare l’appellativo di anti-Juve. Vi sono infatti ben 8 punti di differenza tra la capolista e la Lazio seconda, 9 tra Juventus e Inter e addirittura 17 dal Milan. Le scusanti sono molte: dal progetto giovane di Zeman, al rinnovo generazionale in casa interista, a quello dell’altra sponda di San Siro con tanto di perdita di fuoriclasse del calibro di Ibrahimovic e Thiago Silva, sottratti con forza al pubblico della Serie A, ormai demoralizzato nel vedere il loro successo al Paris Saint-Germain. Eppure questa Juventus non porta con sé il record dell’anno scorso di imbattibilità, né interna né esterna, poiché prima l’Inter a Torino per 3-1 e poi il Milan a San Siro per 1-0 hanno avuto la meglio sulla Torinese scudettata. Il campionato ne risente per spettacolo e ascolti, soprattutto se consideriamo il divario che le due milanesi, uniche squadre capaci di battere i bianconeri, mostrano in classifica dalla prima forza del campionato. Dati rassicuranti invece li mostrano le due outsider di questa edizione della Serie A che ha visto unirsi con prepotenza Fiorentina e Lazio alla corsa Champions.<br><br> La squadra allenata da Vladimir Petkovic, soprattutto grazie alla classe di un talento come Klose ormai noto a tutti da svariati anni, è riuscita a dettare il proprio gioco in molte occasioni contro squadre della portata di Milan e Roma, soffrendo però contro il Napoli, capace di sbarazzarsene con un rotondo 3-0. L’allenatore bosniaco sta trovando quindi la quadratura del cerchio con l’organico pressoché invariato rispetto a quello dell’anno scorso riuscendo ad acquisire il soprannome forse momentaneo di “anti-Juve”.<br><br> La Fiorentina, invece, è riuscita nella difficile impresa di mandare in goal il maggior numero di giocatori della propria rosa, superando così la Juventus in questa particolare classifica. Il gioco espresso da Montella è uno dei migliori mostrati in Italia grazie all’innesto di giocatori talentuosi come Pizarro, Aquilani, Rodriguez, Borja Valero e l’indimenticabile Toni.<BR>I gigliati si trovano così accodati in un lungo convoglio di inseguitrici con Lazio, Napoli, Roma e Inter, pronti a mettere la freccia e superare le concorrenti quando meno se l’aspettano.<br><br> Il Napoli, purtroppo per i suoi tifosi, non si sta dimostrando all’altezza di seguire le orme della Juventus fino a superarla; gli azzurri mostrano una debolezza a livello mentale che permette loro solo di affidarsi alla classe di pochi ma grandi talenti come Cavani, Hamsik e Insigne che, se non risultano in giornata, non riescono a portare i partenopei alla vittoria. Tutto ciò è anche dovuto alle pesanti questioni extracalcistiche che hanno penalizzato la società di 2 punti in classifica e l’hanno privata del loro capitano Cannavaro e di Grava.<br><br> Se la Juventus non espone un suo tesserato nella zona alta della classifica marcatori c’è un motivo ben preciso: questo progetto, non esageratamente costoso in stile PSG, mira a creare un organico coeso e forte del collettivo, capace di affrontare chiunque a testa bassa, sapendo soffrire e ripartire anche contro grandi avversari come il Chelsea, schiantato per 3-0 in Champions League.<br><br> Il Milan, dal canto suo, può contare sulla classe del giovane El Shaarawy, sempre più baby-fenomeno, in questa squadra totalmente cambiata rispetto all’anno scorso. Il Club di via Turati ha dovuto dapprima subire le critiche della tifoseria che non vedeva arrivare risultati positivi perfino contro squadre con obiettivi decisamente più modesti come Sampdoria e Atalanta e poi ha dovuto frenare gli entusiasmi dopo la vittoria contro la capolista Juventus. Il problema dei rossoneri risiede sicuramente in una difesa capace di prendere goal praticamente in ogni partita, contro qualunque avversario di qualsiasi livello tecnico.<br><br> L’altro club di Milano, l’Internazionale, dopo un mercato più che buono, non è riuscita a sfruttare al meglio il talento dei propri bomber al 100%, facendosi superare da club come l’Atalanta, Lazio, Parma fuori casa e trovando solo un pari interno contro Cagliari e Genoa, squadra in grande crisi.<BR>Per questo non ci stupiremmo se a breve anche Stramaccioni dovesse trovare il giusto equilibrio tra una difesa preparata e un attacco che potenzialmente dovrebbe segnare molti più goal. Siamo solo a Natale, bisogna dirlo, però la Juventus per ora può dormire sonni tranquilli.<br><br> Massimiliano Pappalardo<br><br>C1007650adm001adm001conte-6.jpgSiNserie-a-il-fantasma-dell-anti-juve-1009837.htmSiT1000007100075701,02,03,06,07,08030196
921009707NewsCalcio EsteroBundesliga, 17a giornata: finito il girone d`andata. Bayern campione d`inverno20121217091348Bundesliga17a giornata&nbsp;<BR><BR>All’”Allianz Arena” il Bayern Monaco chiude il 2012 impattando 1-1 contro il Borussia Monchengladbach&nbsp;e conservando ampiamente la testa della classifica del massimo campionato tedesco. Il Bayer Leverkusen approfitta del pareggio del Bayern Monaco per rosicchiare due punticini alla capolista. Guidato da un&nbsp;fenomenale Kiessling,&nbsp;il Bayer&nbsp;asfalta un ottimo Amburgo, portandosi a nove punti dai bavaresi. Bene anche la matricola terribile Eintracht Francoforte: i biancorossi vanno a prendersi i tre punti su un campo difficile come quello del Wolfsburg; protagonista ancora Meier, capocannoniere della Bundesliga. Nelle altre gare del sabato della 17/a giornata, spicca il 3-1 dell’altra sorpresa di stagione, il Mainz, che rifila un&nbsp;umiliante 3-1 allo Stoccarda. Solo 1-1 nella sfida salvezza tra il Greuther Fürth e l’Augsburg, entrambe all’ultimo posto in classifica con soli 9 punti. Lo Schalke 04 chiude il girone d'andata&nbsp;con una sonora sconfitta: un 3-1 casalingo senza appello per la formazione di Stevens. Il 2012 della Bundesliga si chiude con la vittoria dei campioni in carica del Borussia Dortmund; gli uomini di Klopp espugnano&nbsp;per 3-1 il campo dell’Hoffenheim, al quale evidentemente non è bastato il cambio di allenatore per risalire la china.&nbsp; <BR><BR>La Bundesliga si ferma per la lunga pausa invernale, prossimo appuntamento il 19 gennaio 2013.<BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Bayern M.-Borussia M. 1-1&nbsp;&nbsp; 31'Marx(BO) - 59'Shaqiri(BM)</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Fortuna-Hannover 2-1&nbsp;&nbsp; 40'Schahin-83'Ilso(F) - 70'Diouf(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther F.-Augsburg 1-1&nbsp;&nbsp; 10'Molders(A) - 69'Sobiech(G)</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Eintracht 0-2&nbsp;&nbsp; 13'Meier-18'Inui(E)</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Amburgo 3-0&nbsp;&nbsp; 27'-67'Kiessling-37'Schurrle(B)</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Stoccarda 3-1&nbsp;&nbsp; 55'-71'N.Muller-90'Soto(M) - 48'A.gol H.Muller(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke-Friburgo 1-3&nbsp;&nbsp; 20'Farfan(S) - 26'-61'Rosenthal-32'Schmid(F)</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri&nbsp;<BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia D. 1-3&nbsp;&nbsp; 26'Gotze-58'Grosskreutz-66'Lewandovski(B) - 35'Shipplock(H)</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Norimberga 1-1&nbsp;&nbsp; 82'Gebhart(N) - 88'Petersen(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR><STRONG></STRONG>1)Bayern 42<BR>2)Bayer L. 33<BR>3)Borussia D. 30<BR>4)Eintracht 30<BR>5)Friburgo 26<BR>6)Mainz 26<BR>7)Schalke 25<BR>8)Stoccarda 25<BR>9)Borussia M. 25<BR>10)Amburgo 24<BR>11)Hannover 23<BR>12)Werder 22<BR>13)Fortuna 21<BR>14)Norimberga 20<BR>15)Wolfsburg 19<BR>16)Hoffenheim 12<BR>17)Greuther 9<BR>18)Augsburg 9<BR><BR><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-17-finito-il-girone-d-andata-1009707.htmSi100427901,02,03010188
931009681NewsCampionatiPremier League, City chiama United risponde: successi per le due di Manchester20121216022547premier leaguePremier LeagueSono state sei le partite giocate oggi nella massima serie del campionato inglese, la 17esima giornata di Premier si è aperta alle 14.30 con la vittoria per 3-1 dei Citizens ai danni del Newcastle, in gol per gli uomini di Mancini (senza Balotelli in campo) Aguer (10'), Javi Garcia (39') e Yaya Tourè (88') intervallata dalla rete in apertura di secondo tempo dell’attaccante bianco-nero Ba (51'), per gli uomini di Alan Pardew è la seconda sconfitta consecutiva in campionato, e vengono scavalcati in classifica dall’Aston villa che, batte fuori casa uno sprecone Liverpool per 3-1 con la doppietta di Benteke e in mezzo il gol di Weimann, inutile, il gol di Gerrard nel finale di partita, che non evita ai suoi la quinta sconfitta in campionato. Unico pareggio di giornata è l’1-1 tra Stoke City ed Everton che si dividono la posta in palio con un gol per tempo in una partita pressocchè equilibrata, l’Everton rimane così quarto in attesa della partita di domani del Tottenham impegnato in casa con lo Swansea. Fa un balzo in avanti in classifica il Norwich City che, batte di misura, 2-1, uno spento Wigan che, dopo aver raggiunto il pareggio con Malooney, si lascia sorprendere poco dopo dall’attaccante di casa Hoolahan; per la squadra di casa si tratta del decimo risultato utile consecutivo mentre il Wigan scende al terz’ultimo posto della graduatoria. Colpo grosso invece per il QPR che coglie la sua prima vittoria in campionato, imponendosi per 2-1 sul Fulham, eroe di giornata il marocchino Taarbat autore di una doppietta che stronca la difesa distratta del Fulham che nel finale cerca di raddrizzare il match, ma che produce solo il gol, inutile, di Petric a 5' dal termine fermandosi così per la quinta volta in campionato; chi non si ferma invece, è il Manchester Utd . Gli uomini di Ferguson colgono la quattordicesima vittoria del campionato e mantengono il +6 sui rivali del City, già in avanti per 2-0 nel primo tempo i Red Devils chidono la pratica già al 14' del secondo tempo grazie al 3-0 momentaneo, l’unica vera grande distrazione della difesa della capolista, frutta il gol di Campbell 71' , poi solo ordinaria amministrazione. Per chiudere la giornata mancano all’appello oltre alla già citata partita degli Spurs, l’Arsenal, impegnata lunedì col Reading e il match tra WBA e West Ham, e naturalmente la partita posticipata tra Chelsea e Southampton, in virtù dell’impegno dei Blues nel mondiale per club.<BR><BR>Fabrizio Passalacqua<BR><BR>adm001adm001aguero.jpgSiNpremier-league-city-chiama-united-risponde-successi-per-le-due-di-manchester-1009681.htmSi100075701,02,03030148
941009676NewsCalcio EsteroHIGHLIGHTS ILCALCIO24 - Bundesliga, Bayer Leverkusen-Amburgo 3-020121215174221Bundesliga17a giornata&nbsp;<BR><BR>Convincente vittoria del Bayer che si porta a -9 dalla capolista Bayern Monaco. Doppietta di Kiessling, autentico mattatore dell'incontro. La Bundesliga tornerà a metà gennaio con la prima del girone di ritorno.<BR><BR>Link Video: <A href="http://www.trilulilu.ro/video-sport/bl3-0h">http://www.trilulilu.ro/video-sport/bl3-0h</A><BR><BR>LeverkusenFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNhighlights-il-calcio24-bayer-leverkusen-amburgo-3-0-1009676.htmSi100427901,02,03010120
951009662NewsCalcio EsteroLigue 1, 18a giornata: oggi il Marsiglia va a Tolosa, domenica di fuoco con Psg-Lione20121215093859Ligue 118a giornata&nbsp;<BR><BR>Nell'anticipo giocato ieri il Rennes ha la meglio su un Valenciennes ancora frastornato dalla goleada ricevuta nel turno infrasettimanale dal Psg. Al Route de Lorient i padroni di casa del Rennes si sbarazzano del Valenciennes con un goal per tempo. Apre le marcature Feret dopo pochi minuti e raddoppia Pitroipa nella ripresa. <BR><BR>L'OM sarà impegnato questo pomeriggio contro il Tolosa. Gli uomini di Baup dovranno&nbsp;provare&nbsp;ad espugnare&nbsp;lo Stadio Municipale&nbsp;di Tolosa per raggiungere in vetta la capolista Lione ed attendere pazientemente il risultato che verrà fuori, domani sera,&nbsp;dal Parco dei Principi tra Psg e Lione.&nbsp;In teoria domani sera potremmo assistere a un terzetto al comando della classifica a pari punti.<BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Rennes-Valenciennes 2-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 5'Feret-72'Pitroipa</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Tolosa-O.Marsiglia</STRONG><BR><BR><STRONG>Reims-Lille</STRONG><BR><BR><STRONG>Nizza-ETG</STRONG><BR><BR><STRONG>Montpellier-Bastia</STRONG><BR><BR><STRONG>Sochaux-Brest</STRONG><BR><BR><STRONG>Troyes-Ajaccio</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Nancy-Bordeaux</STRONG><BR><BR><STRONG>Saint Etienne-Lorient</STRONG><BR><BR><STRONG>PSG-Lione</STRONG><BR><BR><BR><BR><BR><BR>FranciaFL0411FL0411877717-14768359-640-360.jpgSiNligue-1-giornata18-tolosa-marsiglia-domenica-di-fuoco-psg-lione-1009662.htmSi100427901,02,03010184
961009659NewsCalcio EsteroBundesliga, 17a giornata: pareggio Bayern, oggi tocca al Leverkusen20121215085912Bundesliga17a giornata&nbsp;<BR><BR>Pareggio casalingo a sorpresa per la capolista Bayern Monaco. Incontro più difficile del previsto per la capolista che trova davanti a sè un Borussia ordinato e solido. Dopo un buon avvio di gara bavarese grazie ad uno scatenato Ribery, gli ospiti trovano il vantaggio su rigore per un fallo di mano di Boateng da un cross proveniente dalla sinistra. Nella ripresa il Bayern va vicino al gol del pareggio e solo un po' di sfortuna e gli interventi strepitosi del ventenne portiere Der Stegen glielo impediscono. La svolta arriva con l'ingresso di Shaqiri che dà vivacità alla manova e sfrutta al meglio un assist di Ribery e insacca il gol del pari.<BR><BR>Il Leverkusen ha, dunque, la possibilità, di ridurre di due punti l'attuale distacco, ma prima deve battere tra le mura amiche il pur sempre ostico Amburgo,&nbsp;che è&nbsp;in netta ripresa dopo un inizio di stagione in sordina. L'Eintracht Francoforte, terzo in classifica, se la dovrà vedere con il Wolfsburg, che&nbsp;attualmente appare come&nbsp;la squadra che appare più&nbsp;forma. Cercheranno punti che serviranno per raggiungere l'obiettivo Europa lo Schalke 04 in casa contro il Friburgo e lo Stoccarda sul campo del Mainz.<BR><BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Bayern M.-Borussia M. 1-1&nbsp;&nbsp; 31'Marx(BO) - 59'Shaqiri(BM)</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Fortuna-Hannover</STRONG><BR><BR><STRONG>Greuther F.-Augsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Eintracht</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Amburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Stoccarda</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke-Friburgo</STRONG><BR><BR>Domani <BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Borussia D.</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder-Norimberga</STRONG><BR><BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-17-pari-bayern-oggi-tocca-al-leverkusen-1009659.htmSi100427901,02,03010193
971009622NewsCalcio EsteroLigue 1, 17a giornata: passo falso casalingo del Lione, Marsiglia e Psg a -320121213085233Ligue 117a giornataE' più corta la classifica del campionato francese dopo il turno infrasettimanale valido per la 17a giornata. Abbiamo già ampiamente parlato della conviincente prestazione del Psg, che ha&nbsp;travolto il Valenciennes.<BR><BR>La capolista Lione a sorpresa non va oltre il pari casalingo col Nancy, che adesso lascia l'ultima posizione. Anzi, allo Stade de Gerland, le cose per la capolista sono state più complicate del previsto visto che&nbsp;sono stati proprio gli ospiti a passare in vantaggio con Loties, mentre il pareggio è arrivato solo all'83' con Bastos che ha battuto Gregorini con&nbsp;la complicità di una deviazione. Vince anche il Marsiglia che era impegnato in Corsica contro il Bastia e rimane agganciato al Psg in seconda posizione a tre punti dal Lione.<BR><BR>Giocate Martedì<BR><BR><STRONG>Valenciennes-Psg 0-4&nbsp; 28'-49-54'Ibra-82'Lavezzi</STRONG><BR><BR><STRONG>Nizza-Rennes 1-0&nbsp;&nbsp; 66'Cvitanich</STRONG><BR><BR><STRONG>Lille-Tolosa 2-0&nbsp; 55'Basa-83'Payet</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Lione-Nancy 1-1&nbsp; 74'Loties(N) - 83'Bastos(L)</STRONG><BR><BR><STRONG>Lorient-Sochaux 2-0&nbsp;&nbsp;44'Traorè-53'Kone</STRONG><BR><BR><STRONG>Ajaccio-Reims 2-0&nbsp;&nbsp; 31'Mutu-77'a.gol Tacalfred</STRONG><BR><BR><STRONG>Brest-Montpellier 1-2&nbsp;&nbsp; 14'Vasat(B) - 21'a. gol Martial-57'Utaka(M)</STRONG><BR><BR><STRONG>Etg-Troyes 2-0&nbsp;&nbsp; 30'-71'Barbosa</STRONG><BR><BR><STRONG>Bastia-Marsiglia 1-2&nbsp; 15'Valbuena-70'Ayew(M) - 82'Modeste(B)</STRONG><BR><BR>Oggi <STRONG>Bordeaux-Saint Etienne</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1)Lione 35<BR>2)Marsiglia 32<BR>3)PSG 32<BR>4)Lorient 27<BR>5)Saint Etienne 26<BR>6)Bordeaux 26<BR>7)Valenciennes 26<BR>8)Rennes 26<BR>9)Nizza 26<BR>10)Lille 25<BR>11)Tolosa 23<BR>12)Montpellier 23<BR>13)Bastia 19<BR>14)ETG 19<BR>15)Ajaccio 19<BR>16)Brest 18<BR>17)Reims 17<BR>18)Sochaux 16<BR>19)Nancy 10<BR>20)Troyes 9<BR><BR><BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>FranciaFL0411FL0411173977hp2.jpgSiNligue-1-giornata-17-pari-lione-psg-e-marsiglia-a-meno-tre-1009622.htmSi100427901,02,03010180
981009605NewsCalcio EsteroLigue 1, 17a giornata: spettacolare poker del Psg, stasera di scena la capolista Lione20121212083440Ligue17a giornata&nbsp;<BR><BR>Vince e convince il Psg di Ancelotti, che rifila un poker a domicilio al Valenciennes e riduce la distanza che lo separa dalla capolista Lione, che, però, sarà impegnato stasera in casa contro il fanalino di coda Nancy. Primo tempo equilibrato, coi padroni di casa molto intraprendenti ma Ibra è in campo e, poco a poco, i parigini guadagnano metri fino ad asfissiare i padroni di casa nella loro metà campo. E' proprio lo svedese a sbloccare alla mezz'ora. Nel secondo tempo non c'è storia, il Psg dilaga, Ibra realizza un hat-trick, e non solo porta a casa tre punti importantissimi ma espugna uno dei campi più ostici dell'intero campionato francese.<BR><BR>Negli altri due incontri vittorie casalinghe per il Nizza e il Lille. La prima approfittando di una doppia superiorità numerica per via delle espulsioni di Kana Biyik e Jebbour, la seconda vincnedo meritatamente e riportandosi nelle zone "europee" della classifica. <BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Valenciennes-Psg 0-4&nbsp; 28'-49-54'Ibra-82'Lavezzi</STRONG><BR><BR><STRONG>Nizza-Rennes 1-0&nbsp;&nbsp; 66'Cvitanich</STRONG><BR><BR><STRONG>Lille-Tolosa 2-0&nbsp; 55'Basa-83'Payet</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Lione-Nancy</STRONG><BR><BR><STRONG>Lorient-Sochaux</STRONG><BR><BR><STRONG>Ajaccio-Reims</STRONG><BR><BR><STRONG>Brest-Montpellier</STRONG><BR><BR><STRONG>Etg-Troyes</STRONG><BR><BR><STRONG>Bastia-Marsiglia</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Bordeaux-Saint Etienne</STRONG><BR><BR><BR><BR>FranciaFL0411FL0411C_27_photogallery_7028_listphoto_itemPhoto_3_immagine.jpgSiNligue-1-giornata-17-poker-del-psg-stasera-tocca-al-lione-1009605.htmSi100427901,02,03010238
991009602NewsCampionatiLigue 1, Ibrahimovic e Lavezzi trascinano il Psg al successo20121211205457ligue 1, psg, valenciennesLigue 1 Psg ValenciannesIl padrone della Ligue 1 ha un nome e un cognome: Zlatan Ibrahimovic. Davvero troppo forte lo svedese per giocare in un campionato cosi modesto e infatti anche stasera contro il Valenciennes ne ha fatti tre. E con questi sono 17 in 14 partite, una media mostruosa. La partita si è chiusa sul 4a0 per il Psg di Ancelotti col quarto gol messo a segno da un rinvigorito Lavezzi che si stà riprendendo bene dopo un avvio davvero stentato per uno con la sua classe. Partita non bellissima ma per i parigini stasera era importante vincere per non staccarsi troppo dalla capolista Lione anche in vista dello scontro al vertice in programma domenica sera al Parco dei Principi. Primo tempo con poche occasioni, solo qualche tiro da lontano del Valenciennes, che però non impensieriscono Sirigu, e qualche contropiede del Psg. Il gol è arrivato a metà del tempo con un cross di Menez per Lavezzi che tira in porta, sulla traiettoria si avventa Ibra che nn ha problemi a fare gol. Poche emozioni fino al riposo, dal quale il psg torna molto più voglioso di chiudere la partita. Infatti dopo nemmeno quattro minuti della ripresa Ibra approfitta di una corta respinta del portiere avversario per fare 2 a 0. Passa un'altra manciata di minuti e ancora lo svedese sfrutta al meglio un assist al bacio di Menez e fà comodamente 3 a 0. Partita ovviamente chiusa con Ibra che prova in tutti i modi a far segnare Menez senza però riuscirci. Il quarto sigillo lo mette a segno Lavezzi su assist di Verratti, appena subentrato a Thiago Motta. Adesso tutti concentrati per lo scontro di domenica col Lione. Ma con un Ibra così...<BR><br><br> Orlando Cacciotti<br><br>adm001adm001877717-14768359-640-360.jpgSiNligue-1-ibrahimovic-e-lavezzi-trascinano-il-psg-al-successo-1009602.htmSi100075701,02,03030189
1001009579NewsCalcio EsteroBundesliga 16a giornata:Bayern saldamente in testa, cade il Bayer Leverkusen20121210091722Bundesliga16a giornata&nbsp;<br><br> Con la maggior parte degli incontri giocati sabato che hanno sancito ancora una volta il netto predominio del Bayern Monaco, la domenica di Bundesliga ha confermato che i bavaresi non hanno rivali capaci di impensierirli. Brutta sconfitta per il Leverkusen sul campo dell'Hannover. Un 3-2 che fa perdere terreno al Bayer nei confronti della capolista Bayern Monaco. In vantaggio con Castro dopo soli due minuti di gara, il Bayer ha subito la rimonta dei padroni di casa, che hanno ribaltato il risultato coi goal di Husztli su rigore e Diouf. Kiessling ha poi trovato il pareggio per gli ospiti, ma ancora un rigore siglato da Husztli a venti minuti dal termine ha sancito la vittoria dell'Hannover.<br><br> Giocata&nbsp;Venerdi <BR><BR><STRONG>Amburgo-Hoffenheim 2-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 27'-74'Rudnevs</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Friburgo-Greuther 1-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 15'Caligiuri</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Bayern Monaco 0-2&nbsp;&nbsp; 40'Muller-63'Gomez</STRONG><BR><BR><STRONG>Norimberga-Fortuna&nbsp;2-0&nbsp;&nbsp; 27'Polter-90'Feulner</STRONG><BR>&nbsp;<BR><STRONG>Borussia D.-Wolfsburg 2-3&nbsp;&nbsp; 6'Reus-61'Blaszczykowski(B) - 36'Diego-41'Naldo-73'Dost(W)</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda-Schalke 3-1&nbsp; 2-38-61'Ibisevic(ST) - 12'Marica(SC)</STRONG><BR><BR><STRONG>Eintracht-Werder Brema 4-1&nbsp;&nbsp; 47'Meier-62'Scwegler-63'Aigner-90'Inui(E) - 54'Petersen(W)</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Borussia M.-Mainz 2-0&nbsp; 58'Hanke-63'Arango</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover-Bayer L. 3-2&nbsp; 2'Castro-58'Kiessling(B) - 20'-69'Huszti-57'Diouf(H)</STRONG><br><br> <STRONG>Classifica</STRONG><br><br> 1)Bayern 41<BR>2)Bayer L. 30<BR>3)Borussia D. 27<BR>4)Eintracht 27<BR>5)Scalke 25<BR>6)Stoccarda 25<BR>7)Amburgo 24<BR>8)Borussia M. 24<BR>9)Friburgo 23<BR>10)Hannover 23<BR>11)Mainz 23<BR>12)Werder 21<BR>13)Norimberga 19<BR>14)Wolfsburg 19<BR>15)Fortuna 18<BR>16)Hoffenheim 12<BR>17)Greuther 8<BR>18)Augsburg 8<BR><BR><BR><BR><br><br>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-16-cade-il-leverkusen-1009579.htmSi100427901,02,03010148
1011009569NewsCalcio EsteroLigue 1 16a giornata:goleada PSG in attesa di Saint Etienne Lione20121209111536Ligue 116a giornata&nbsp;<br><br> Goleada del PSG di Carlo Ancelotti che ne rifila 4 all'Evian Thonon Gaillardha e riscatta così&nbsp;la sconfitta&nbsp;patita&nbsp;a Nizza la settimana scorsa. Goleada di ex "italiani" con le marcature di Ibra, Lavezzi&nbsp;e Thiago Motta. Scelta giustissiam quella di far giocare larghissimo sulla sinistra Ezequiel Lavez che, grazie anche, alle sovrapposizioni dei compagni, ha tagliato come il burro il chiusissimo 5-4-1 degli avversari. Adesso il PSG è, almeno momentaneamente, a&nbsp;sole due lunghezze dalla capolista Lione. <br><br> Lione che sarà impegnato nel "derby du Rhone" sul campo del Saint Etienne, quarto in classifica.<br><br> Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>Tolosa-Bastia 0-0</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>PSG-ETG 4-0&nbsp;&nbsp; 28'Ibra-31'Lavezzi-84'Motta-86'Gameiro</STRONG><BR><BR><STRONG>Sochaux-Lille 1-1&nbsp;&nbsp; 63'Roux(L) - 65'Mikari(S)</STRONG><BR>&nbsp;<BR><STRONG>Nancy-Valenciennes 1-1&nbsp;&nbsp; 31'Loties(N) - 73'a. gol Haidara(V)</STRONG><BR><BR><STRONG>Rennes-Brest 2-2&nbsp;&nbsp; 63'Feret-69'Alessandrini(R) - 71'Lesoimier-87'Benschop(B)</STRONG><BR>&nbsp;<BR><STRONG>Montpellier-Ajaccio 3-0&nbsp;&nbsp; 29'Utaka-33'Cabella-67'Belhanda</STRONG><BR><BR><STRONG>Troyes-Nizza 1-1&nbsp;&nbsp; 31'Darbion(T) - 90'Cvitanich(N)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<br><br> <STRONG>Reims-Bordeaux</STRONG><BR><BR><STRONG>Ol.Marsiglia-Lorient</STRONG><BR><BR><STRONG>Saint Etienne-Ol. Lione</STRONG><BR><BR><br><br>FranciaFL0411FL0411ezequiel-lavezzi_aggrandissement_paysage.jpgSiNfrancia-ligue-1-giornata-16-golead-psg-match-clou-saint-etienne-lione-1009569.htmSi100427901,02,03010197
1021009554NewsCampionatiSerie D Girone I 15a giornata:l`ACR Messina prova ad allungare nel Big Match a Cosenza20121208110124Serie D Girone I15a giornata&nbsp;<BR><BR>Giornata che si presenta foriera di emozioni. Si affrontano infatti le prime due in classifica,&nbsp;Nuova Cosenza e ACR Messina. E' un&nbsp;incontro che potrebbe riaprire il campionato o far volare la capolista peloritana. <BR><BR>Intanto l'attenzione si è contemporaneamente spostata sul calcio mercato che nella serie D è già aperto da una decina di giorni. Ci sono alcune novità nelle due formazioni che, però, vivono momenti societari nettamente differenti. Sotto gli occhi di tutti le difficoltà economiche dei calabresi, il tecnico Gagliardi ha chiesto rinforzi per provare a vincere il campionato ma le casse societarie a quanto pare sono vuote. Il DS, vecchia conoscenza della Serie A e della Nazionale, Stefano Fiore,&nbsp;brancola nel buio e, ancora peggio, dovrebbero essere in procinto di andarsene il portiere Frlez(di proprietà del Chievo) e i giovani&nbsp;Bria, Akuku, Naccarato, Libertini e forse Liotti (infortunatosi gravemente alla spalla). <BR><BR>L'ACR, invece, sembra avere le idee più chiare:una decina di giorni fa ha rescisso il contratto di Leon il cui rendimento è stato davvero al di sotto delle sue potenzialità e delle aspettative di tutto l'ambiente giallorosso. In settimana, invece, si è già aggregato il forte centrocampista Peppe Savanarola, 26 anni. Agli occhi dei più potrebbe sembrare un perfetto sconosciuto ma gli addetti ai lavori sanno bene che è un&nbsp;colpo di mercato del ds Fabrizio Ferrigno di altissimo livello. Savanarola, infatti, proveniente dal Paternò o Comprensorio Normanno,&nbsp;ha già realizzato nove reti. <BR><BR>Intanto, pronto ad approfittare di questa sfida c’è il Gelbison, che sulla carta avrà una partita più agevole, con il Noto ultimo della classe.<BR><BR>15a giornata(9 dicembre-ore 14:30)<BR><BR>Ribera-Palazzolo<BR>Acireale-Sambiase<BR>Agropoli-Vibonese<BR>Città di Messina-Paternò<BR>Nissa-Pro Cavese<BR>Noto-Gelbison<BR>Nuovo Cosenza-Messina<BR>Ragusa-Licata<BR>Savoia-C.Montalto<BR><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>ItaliaFL0411FL0411messinaregginajw7.jpgSiNserie-d-girone-i-giornata-15-nuova-cosenza-acr-messina-1009554.htmSi100427901,02,03030181
1031009550NewsCalcio EsteroLigue 1 16a giornata:PSG insegue il Lione impegnato domani nel derby contro il S.Etienne20121208100357Ligue 116a giornata&nbsp;<br><br> Noiosissimo pareggio a reti bianche nell'anticipo di ieri della 16a giornata di Ligue 1 tra il Tolosa e il Bastia. <br><br> E' un turno favorevole al PSG, almeno sulla carta. Gli uomini di Ancelotti dovranno vedersela tra le mura amiche contro l'Evian. Il Lione capolista sarà impegnato domani nel derby contro il sorpendente Saint Etienne che attualmente occupa la terza posizione. Dovrebbe essere un turno favorevole anche&nbsp;per il Marsiglia che ospita il Lorient, che, comunque, è pur sempre una squadra molto ostica e difficile da affrontare. Più&nbsp;agevole potrebbe essere il compito del&nbsp; Valenciennes che giocherà sul campo del fanalino di coda Nancy.<br><br> Giocata Ieri<br><br> <STRONG>Tolosa-Bastia 0-0</STRONG><br><br> Giocano Oggi<br><br> <STRONG>PSG-ETG</STRONG><br><br> <STRONG>Sochaux-Lille</STRONG><br><br> <STRONG>Nancy-Valenciennes</STRONG><br><br> <STRONG>Rennes-Brest</STRONG><br><br> <STRONG>Montpellier-Ajaccio</STRONG><br><br> <STRONG>Troyes-Nizza</STRONG><br><br> Giocano Domani<br><br> <STRONG>Reims-Bordeaux</STRONG><br><br> <STRONG>Ol.Marsiglia-Lorient</STRONG><br><br> <STRONG>Saint Etienne-Ol. Lione</STRONG><br><br>FranciaFL0411FL0411877717-14768359-640-360.jpgSiNligue-1-giornata-16-psg-all-attacco-del-lione-1009550.htmSi100427901,02,03010143
1041009549NewsCalcio EsteroBundesliga 16a giornata:testa-coda Augsburg-Bayern Monaco20121208094996Bundesliga16a giornata&nbsp;<br><br> Nell'anticipo di ieri l'Amburgo ha la meglio sull'Hoffenheim, Con un goal per tempo di Rudnevs la squadra di Fink coglie un'importante vittoria interna e conquista tre punti che le permettono di portarsi in zona europea raggiungendo, momentaneamente l'Eintracht a quota 24 punti. Al 28'&nbsp;Rudnevs sblocca il risultato con un colpo di testa su assist di Diekmeier e&nbsp;nella ripresa chiude la partita con un forte tiro sugli sviluppi di un calcio da fermo.<br><br> Oggi scenderà in campo l'incontrasta, fino ad ora, capolista Bayern Monaco che visiterà il fanalino di coda Augsburg. Il Dortmund di Klopp, in casa contro il Wolfsburg, cercherà di mantenere salda la terza posizione.&nbsp;Per la zona Champions&nbsp;interessante sarà anche Stoccarda-Schalke. Infatti, se lo Stoccarda dovesse vincere raggiungerebbe in quarta posizione proprio lo Schalke&nbsp;in quarta posizione. Ne potrebbe approfittare, quindi,&nbsp;l'Eintracht Francoforte, che, però, non avrà vita facile in casa contro il Werder Brema. Importanti sfide in chiave salvezza&nbsp;saranno quelle tra&nbsp;Norimberga e Fortuna Dusseldorf e tra Friburgo e Greuther Furth.&nbsp;&nbsp;<br><br> Giocata Ieri <br><br> <STRONG>Amburgo-Hoffenheim 2-0&nbsp;&nbsp;&nbsp; 27'-74'Rudnevs</STRONG><br><br> Giocano Oggi<br><br> <STRONG>Friburgo-Greuther</STRONG><br><br> <STRONG>Augsburg-Bayern Monaco</STRONG><br><br> <STRONG>Norimberga-Fortuna</STRONG><br><br> <STRONG>Borussia D.-Wolfsburg</STRONG><br><br> <STRONG>Stoccarda-Schalke</STRONG><br><br> <STRONG>Eintracht-Werder Brema</STRONG><br><br> Giocano Domani<br><br> <STRONG>Borussia M.-Mainz</STRONG><br><br> <STRONG>Hannover-Bayer L.</STRONG><br><br>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-16-testa-coda-augsburg-bayern-1009549.htmSi100427901,02,03010132
1051009508NewsCoppeChampions League, Gruppo D: il City cerca l`Europa League20121204100420Champions League Gruppo DProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Sesta ed ultima gara del girone D&nbsp;e la partita è fondamentale solo per il Manchester City che, eliminato matematicamente dalla corsa agli ottavi, cerca in Germania, in casa del capolista Borussia Dortmund, i punti utili per continuare la stagione continentale in Europa League. <BR><BR>I campioni di Germania, certi del primo posto del girone, dovrebbe dare spazio alle seconde linee: Kehl e Lewandowski, quindi, partiranno dalla panchina mentre Reus e Gotze dovrebbero giocare solo un tempo.<BR><BR>Anche Mancini dovrebbe far riposare qualcuno, anche perchè a questo punto il campionato ha sicuramente la priorità, sebbene sia importante acciuffare il terzo posto nel girone. Balotelli dovrebbe essere l’unica punta e supportato da Nasri, Silva ed Aguero. Panchina per Tevez e Maicon.<BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>BORUSSIA DORTMUND(4-2-3-1): Weidenfeller - Piszczek - F. Santana - Hummels - Schmelzer - Gundogan -&nbsp;Leitner - Reus - Gotze, Blaszczykowski - Schieber<BR><BR>MANCHESTER CITY (4-2-3-1): Hart - Zabaleta - Kompany - Nastasic - Clichy - Yaya Toure -Garcia - Silva - Aguero - Nasri - Balotelli <BR><BR>Arbitro: Mazic.(SER)<BR><BR>Nell'altro incontro del girone dovrebbe essere dato spazio alle riserve anche in casa Real; l’Ajax, invece, dovrebbe schierare il suo undici migliore per&nbsp;tentare&nbsp;di mantenere il terzo posto in classifica. I risultati negli scontri diretti con il Borussia Dortmund impediscono alla formazione di Mourinho di vincere il girone. <BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>REAL MADRID(4-2-3-1): Casillas - Albiol -&nbsp;Varane -&nbsp;Carvalho -&nbsp;Marcelo -&nbsp;Khedira -&nbsp;Essien -Kakà - Modric - Callejon - Higuain<BR><BR>AJAX(4-3-3): Vermeer - Van Rhijn - &nbsp;Alderweireld - Moisander - Blind - Poulsen - De Jong -Eriksen - Sana - Boerrigter - Babel<BR><BR>Arbitro: Kralovec (Rep.Ceca)<BR><BR>Classifica<BR><BR>B.Dortmund 11<BR>Real Madrid 8<BR>Ajax 4<BR>Man.City 3<BR><BR>EuropaFL0411FL0411balotelli.jpgSiNchampions-league-gruppo-d-probabili-formazioni-1009508.htmSi100427901,02,03010180
1061009502NewsCoppeChampions League, Gruppo A: Psg-Porto, il primo posto in palio20121204084328Champions League Gruppo AProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Ancelotti, la cui panchina inizia a scricchiolare,&nbsp;potrà&nbsp;contare&nbsp;sui rientranti Sirigu e Verratti, che molto probabilmente partiranno&nbsp;dal primo minuto.&nbsp;Potrebbe essere titolare anche Sissoko nel trio di centrocampo insieme allo stesso&nbsp;Verratti e Matuidi. Non è escluso, però, l'impiego dall'inizio&nbsp;del talento&nbsp;17enne Rabiot. In avanti, con l'insostituibile Ibrahimovic,&nbsp;potrebbe trovare&nbsp;spazio il brasiliano Nene. A completare il tridente ci sarà un&nbsp;ballottaggio tra Lavezzi e Menez. Psg obbligato a vincere per rimontare il punto che lo separa dalla capolista Porto.<BR><BR>Non&nbsp;dovrebbero esserci&nbsp;particolari problemi di formazione per il tecnico del Porto Vitor Pereira. Tra i pali il titolare sarà Helton. A sinistra nel quartetto di difesa ci sarà come di consueto il parigino Mangala e, con lui, probabilmente saranno&nbsp;confermati Ba, Otamendi e Danilo. Centrocampo affidato alla classe di Joao Moutinho e all'esperienza di Lucho Gonzalez, davanti il tridente&nbsp;dovrebbe essere formato da Rodriguez, Martinez e Varela. <BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>PSG(4-3-3): Sirigu - Van der Wiel - Alex - T. Silva - Maxwell - Verratti - Matuidi - Sissoko - Nene&nbsp;&nbsp;- Lavezzi(Menez) - Ibrahimovic<BR><BR>PORTO(4-3-3): Helton - Danilo - Otamendi - Ba - Mangala - &nbsp;L. Gonzalez - Defour - Moutinho -<BR>Varela - J. Martinez - J. Rodriguez<BR><BR>Arbitro:Thompson (SCO)<BR><BR>L'altro incontro del girone vedrà di fronte la Dinamo Zagabria e la Dinamo Kiev. Partita che non desta particolari emozioni visti i 4 punti che separano i croati dagli ucraini. Dinamo Kiev, quindi, già sicura di trasferirsi in Europa League.<BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>D.Zagabria(4-2-3-1): Kelava - Vrsjalko - Vida - Simunic - Pivaric - Kovacic - Ademi - Beciraj -Brozovic - Halilovic - Sammir<BR><BR>Dynamo Kiev (4-2-3-1): Shovkovski - Silva - Mikhalik - Khac’di - Taiwo - Vukojevic - Veloso - Mehmedi - Garmash - Raffael - Brown<BR><BR>Arbitro:Todorov (BUL)<BR><BR>Classifica<BR><BR>Porto 13<BR>Psg 12<BR>D.Kiev 4<BR>D.Zagabria 0<BR><BR><BR><BR>EuropaFL0411FL0411verratti-psg.jpgSiNchampions-league-gruppo-a-probabili-formazioni-1009502.htmSi100427901,02,03010155
1071009476NewsCalcio EsteroLigue 1, 15a giornata:spicca Lione-Montpellier20121201095649Ligue 115a giornata&nbsp;<BR><BR>Il big match della 15a giornata del campionato francese è sicuramente quello che vedrà di fronte&nbsp;l'Ol. Lione, attuale capolista, e gli attuali&nbsp;campioni di Francia del Montpellier. Montpellier fino a qui deludente, almeno considerando&nbsp;la splendida stagione scorsa, ma&nbsp;galvanizzato dal successo ottenuto sul Bordeaux e pronto a sgambettare pure&nbsp;il Lione. Il&nbsp;Lione sarà chiamato a difendere la vetta mettendo pressione&nbsp;a chi insegue. Primo fra tutti il Psg, impegnato&nbsp;sul&nbsp;complicato campo del Nizza. Tra le altre partite spiccano Bordeaux-Sochaux e Valenciennes-Reims. I Girondins&nbsp;cercano il riscatto&nbsp;dopo il ko di Montpellier e tornare in zona podio, stesso discorso per il Valenciennes, in leggera flessione nelle ultime due giornate, ma autentico rullo compressore in casa.<BR><BR>Ecco il programma completo della 15a giornata<BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Ajaccio-Saint Etienne 0-0</STRONG><BR><BR>Giocano oggi<BR><BR><STRONG>Ol.Lione-Montpellier</STRONG><BR><BR><STRONG>Valenciennes-Reims</STRONG><BR><BR><STRONG>ETG-Nancy</STRONG><BR><BR><STRONG>Bordeaux-Sochaux</STRONG><BR><BR><STRONG>Lille-Bastia</STRONG><BR><BR><STRONG>Nizza-PSG</STRONG><BR><BR>Giocano Domani<BR><BR><STRONG>Brest-Ol.Marsiglia</STRONG><BR><BR><STRONG>Troyes-Rennes</STRONG><BR><BR><STRONG>Lorient-Tolosa</STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>FranciaFL0411FL0411c_3_media_1567900_immagine_ts673_400.jpgSiNligue-1-giornata-15-presentazione-1009476.htmSi100427901,02,03030129
1081009473NewsCalcio EsteroBundesliga 15a giornata:tocca al Dortmund fermare il Bayern20121201091990Bundesliga15a Giornata&nbsp;<BR><BR>Sarà il Borussia Dortmund&nbsp;a tentare&nbsp;di riaprire la corsa al campionato tedesco. Il Bayern Monaco è capolista, attualmente, con dieci punti di vantaggio sulla seconda (il Bayer Leverkusen) e si è già laureato campione d'inverno (Herbstmeister) con tre giornate d'anticipo. Klopp, per&nbsp;cercare l'impresa all'Allianz Arena e rimettere in gioco il campionato,&nbsp;potrà disporre di&nbsp;Hummels e Goetze.&nbsp;Il Bayer Leverkusen è chiamato a confermarsi contro il Norimberga e&nbsp;allo stesso tempo ricevere&nbsp;buone notizie da Monaco di Baviera. Impegno ostico per lo Schalke, che ospita il Gladbach.&nbsp;L'Eintracht, che avrebbe dovuto riavvicinarsi alla vetta, nell'anticipo di ieri sera, ha preso quattro&nbsp;sberle dal Fortuna Dusseldorf,<BR><BR><BR>Ecco il programma completo della 15a giornata di Bundesliga.<BR><BR>Giocata Ieri<BR><BR><STRONG>Fortuna-Eintracht 4-0&nbsp;&nbsp; 38Reisinger-42'Fink-58'Rafael-85'Bellinghausen</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Greuther-Stoccarda</STRONG><BR><BR><STRONG>Augsburg-Friburgo</STRONG><BR><BR><STRONG>Mainz-Hannover</STRONG><BR><BR><STRONG>Schalke-Borussia M.</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayer L.-Norimberga</STRONG><BR><BR><STRONG>Bayern M.-Borussia D.</STRONG><BR><BR><STRONG>Giocano Domani</STRONG><BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Werder</STRONG><BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Amburgo</STRONG><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-15-spicca-bayern-monaco-borussia-dortmund-1009473.htmSi100427901,02,0301094
1091009462NewsCalcio EsteroPremier League Russa, 18a giornata: Zenit a Mosca, domenica big match Anzhi-CSKA20121130085615Russian Premier League18a giornata&nbsp;<BR><BR>In attesa che domenica si giochi il big match tra l'Anzhi e il CSKA nel quale le due squadre si contenderanno il titolo, lo Zenit, distante sei punti dalla capolista, sarà impeganto questo pomeriggio sul campo dello Spartak. Inutile dire che una vittoria e un risultato favorevole nello scontro diretto potrebbe riaccendere le speranze del team di Luciano Spalletti. <BR><BR>Lo Spartak Mosca sta attraversando un periodo non proprio felice, la squadra di mister&nbsp; Karpin si trova al 7’ posto della classifica con 29 punti, un posto che sicuramente&nbsp;non si addice ad&nbsp;un club&nbsp;tradizionalmente abituato alla vetta. Di contro, lo Zenit è attualmente&nbsp;al&nbsp;terzo posto della Premier Russa.&nbsp; <BR><BR>Programma della 18a giornata del campionato russo<BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>Fc Krasnodar - Kuban K.</STRONG><BR><BR><STRONG>Spartak Mosca - Zenit</STRONG><BR><BR>Domani<BR><BR><STRONG>Dinamo Mosca - Rubin K.</STRONG><BR><BR><STRONG>Alania V. - Lok. Mosca</STRONG><BR><BR><STRONG>Volga - Terek G.</STRONG><BR><BR>Domenica<BR><BR><STRONG>Anzhi - CSKA</STRONG><BR><BR><STRONG>K.S.Samara - FK Rostov</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Mordovya - Amkar</STRONG><BR><BR>RussiaFL0411FL0411spalletti.jpgSiNrussian-premier-league-giornata-18-gli-anticipi-1009462.htmSi100427901,02,03010132
1101009425NewsCalcio EsteroPremier League Russa, 17a giornata: pari tra Zenit e CSKA20121127093224Russian premier League17a giornata&nbsp;<BR><BR>Si è concluso ieri il lunghissimo week end di calcio russo con le partite di cartello delle big. Pareggio per 1-1 tra lo Zenit e il CSKA, gli uomini di Spalletti erano costretti a vincere ma un rigore a cinque minuti dalla fine ha spento qualsiasi velleità dei sanpietroburghesi; rimangono 6 i punti di svantaggio. Ne approfitta l'Anzhi che rosicchia due punti preziosi alla capolista grazie alla vittoria esterna sul campo dell'Amkar e riduce a 3 lo svantaggio.<BR><BR>Giocate Ieri <BR><BR><STRONG>Amkar-Anzhi 1-2 26'Semenov(AM) - 28'Akhmedov-90'Shatov(AN)</STRONG><BR><BR><STRONG>Rubin K.-Volga 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Zenit-CSKA Mosca 1-1 56'Yanbaev(Z) - 85'Elm(C)</STRONG><BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>FK Rostov-Mordovya 2-0&nbsp;&nbsp; 45'Dyakov-81'Kirichenko</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Terek Grozny-Alania 1-0&nbsp;&nbsp; 63'Lebedenko</STRONG><BR><BR><STRONG>Lok.Mosca-Krasnodar 3-2&nbsp;&nbsp; 3'-20' N'Doye-51'Obinna(L) - 9'Shipitsin-48'Wanderson(K)</STRONG><BR><BR>Giocate Domenica<BR><BR><STRONG>Spartak Mosca-Dinamo Mosca 1-5 16'-45'Kokorin-18'Noboa-79'-87'Semshov(DM) - 90'Dzyuba(SM)</STRONG><BR><BR><STRONG>Kuban K.-Samara 4-1 18'Baldè-20'-79'Popov-71'Pizzelli(K) - 64'a.gol Ozbiliz(S)</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>CSKA 40<BR>Anzhi 37<BR>Zenit 34<BR>Kuban 31<BR>Rubin K. 31<BR>Terek G. 31<BR>Spartak M. 29<BR>Lok.Mosca 28<BR>D.Mosca 24<BR>Krasnodar 22<BR>Amkar 18<BR>Rostov 17<BR>Volga 13<BR>Samara 13<BR>Alania V. 10<BR>Mordovya 8<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>RussiaFL0411FL0411spalletti.jpgSiNrussian-premier-league-giornata-17-pari-zenit-cska-1009425.htmSi100427901,02,03010130
1111009423NewsCalcio EsteroBundesliga, 14a giornata: match clou Amburgo-Schalke 0420121127090006Bundesliga14a giornata&nbsp;<BR><BR>Torna subito in campo, tra oggi e domani,&nbsp;la Bundesliga per disputare la 14a giornata. Lo Schalke 04, terzo in classifica, è costretto a vincere sul campo dell'Amburgo per&nbsp;non perdere ulteriore terreno dalla capolista&nbsp;Bayern. Non sarà&nbsp;semplice, però, anche a &nbsp;causa della storica rivalità tra le due squadre. In questa stagione l'Amburgo non ha mai pareggiato tra le mura amiche(3 vittorie e 3 sconfitte). Il Borussia Dortmund sembra la più credibile delle antagoniste del Bayern: superato a pieni voti il turno di Champions, la squadra di Kloop, in campionato,&nbsp;ha un ruolino di 4 vittorie consecutive. Impeganto oggi anche l'Eintracht di Francoforte, che è un po' la sorpresa di questa stagione e che affronterà il Magonza (nono). <BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Eintracht - Mainz</STRONG><BR><BR><STRONG>Amburgo - Schalke</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia D. - Fortuna</STRONG><BR><BR><STRONG>Hannover - Greuther</STRONG><BR><BR>Giocano domani<BR><BR><STRONG>Friburgo - Bayern</STRONG><BR><BR><STRONG>Borussia M. - Wolfsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Werder - Bayer L.</STRONG><BR><BR><STRONG>Stoccarda - Augsburg</STRONG><BR><BR><STRONG>Norimberga - Hoffenheim</STRONG><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-14-presentazione-1009423.htmSi100427901,02,03010134
1121009417NewsCampionatiSerie A, ore 21 Parma-Inter: per i nerazzuri un`occasione d`oro20121126121523Serie AProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Nel calcio non vincere una partita nel corso di un mese è una tragedia e proprio oggi si affrontano il Parma, che non vince dal 31 ottobre, e l'Inter che non ci riesce dal 3 novembre. I nerazzurri sono a -4 dalla capolista Juventus e giocheranno con l'intenzione di ridurre il gap. <BR><BR>Due assenti per Donadoni, che non potrà contare sullo squalificato Parolo e su Galloppa, infortunato di lungo corso. Rispetto al solito, il tecnico gialloblù dovrebbe optare per un più accorto 3-5-1-1, con&nbsp; Biabiany poco dietro l'unica punta Amauri. Per il resto, Rosi e Gobbi giocheranno sulle fasce, con Valdes&nbsp; e Acquah in mediana e Marchionni libero di sganciarsi sulla trequarti.<BR><BR>Nell'Inter non ci saranno gli squalificati Gargano e Cassano.&nbsp;Out per problemi fisici, anche i vari Chivu, Obi, Stankovic e Mudingayi. Lasciato a casa anche Sneijder per i ben noti motivi contrattuali, il tecnico nerazzurro ritrova però Ranocchia e con ogni probabilità Guarin, e si prepara a rispolverare Alvarez o Coutinho dal 1', con il primo avorito sul secondo per giostrare alle spalle di Milito e Palacio o allinearsi sulla mediana infoltita. Ma nelle ultime ore è&nbsp;trapelata la&nbsp;notizia che nel 3-5-2 più&nbsp;difensivo uno dei posti a centrocampo&nbsp;possa essere&nbsp;affidato al 19enne ghanese Duncan.<BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>Parma(3-5-1-1): MIRANTE - ZACCARDO - PALETTA - LUCARELLI - ROSI - MARCHIONNI - VALDES - ACQUAH - GOBBI - BIABIANY - AMAURI<BR><BR>Inter(3-5-2): HANDANOVIC - RANOCCHIA - SAMUEL - JUAN JESUS - ZANETTI - GUARIN - CAMBIASSO - NAGATOMO - COUTINHO - PALACIO - MILITO<BR><BR>ParmaFL0411FL0411donadoni.jpgSiNserie-a-parma-inter-probabili-formazioni-1009417.htmSi100427901,02,03,06010202
1131009411NewsCampionatiSerie D - Girone I,13a giornata: ACR Messina in vetta20121126094221Serie D-Girone IL`ACR rifila il poker al Licata e va in testaNella domenica che non ti aspetti cade l'ex capolista Gelbison, sconfitta sul campo della Nissa e ne approfitta l'ACR Messina che ne rifila 4 al Licata e si gode&nbsp;il primo posto&nbsp;solitario.Resta in scia&nbsp;il Nuovo Cosenza, vittorioso tra le mura amiche sulla Pro Cavese per 2-1,&nbsp;<BR><BR><BR>Risultati 13a giornata<BR><BR>Ribera-C.Montalto 0-0<BR>Acireale-Vibonese 0-1 23'Marasco<BR>Agropoli-Paternò 2-2 <BR>ACR Messina-Licata 4-1<BR>Nissa-Gelbison 2-0<BR>Noto-Palazzolo 1-0<BR>N.Cosenza-Pro Cavese 2-1<BR>Ragusa-Sambiase 1-1<BR>Savoia-Città di Messina 2-1<BR><BR>Classifica<BR><BR><BR>ACR Messina 29<BR>Nuovo Cosenza 28<BR>Gelbison 27<BR>C.Montalto 22<BR>Savoia 22<BR>Ribera 21<BR>Paternò 20<BR>Città di Messina 20<BR>Ragusa 19<BR>Agropoli 17<BR>Vibonese 17<BR>Licata 16<BR>Pro Cavese 13<BR>Sambiase 12<BR>Palazzolo 11<BR>Acireale 8<BR>Nissa 7 (-1)<BR>Noto 5 (-3)<BR><BR>ItaliaFL0411FL0411messinaregginajw7.jpgSiNserie-d-girone-i-giornata-13-risultati-classifica-1009411.htmSi100427901,02,03010271
1141009401NewsCalcio EsteroRussian Premier League, 17a Giornata20121125113645Russian Premier LeagueGiornata 17&nbsp;<BR><BR>Campionato russo, giunto alla giornata 17, spalmato come sempre in 4 giorni e con tutte le&nbsp;prime in classifica&nbsp;impegnate lunedì. Incontro di cartello sarà quello che vedrà di fronte lo Zenit degli italiani Bocchetti e Spalletti contro la capolista CSKA. Zenit obbligato a vincere per ridurre i 6 punti di svantaggio attuali. Sempre lunedì giocherà l'Anzhi, attuale seconda forza del campionato, sul campo dell'Amkar (undicesimo). Per Eto'o e compagni potrebbe essere un'occasione d'oro a seconda del risultato che verrà fuori da San Pietroburgo<BR><BR>Giocata Venerdì<BR><BR><STRONG>FK Rostov-Mordovya 2-0&nbsp;&nbsp; 45'Dyakov-81'Kirichenko</STRONG><BR><BR>Giocate Ieri<BR><BR><STRONG>Terek Grozny-Alania 1-0&nbsp;&nbsp; 63'Lebedenko</STRONG><BR><BR><STRONG>Lok.Mosca-Krasnodar 3-2&nbsp;&nbsp; 3'-20' N'Doye-51'Obinna(L) - 9'Shipitsin-48'Wanderson(K)</STRONG><BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Spartak Mosca-Dinamo Mosca 0-3 Parziale al min.60</STRONG><BR><BR><STRONG>Kuban K.-Samara</STRONG><BR><BR>Giocano Lunedì<BR><BR><STRONG>Amkar-Anzhi</STRONG><BR><BR><STRONG>Rubin K.-Volga</STRONG><BR><BR><STRONG>Zenit-CSKA Mosca</STRONG><BR><BR>RussiaFL0411FL0411spalletti.jpgSiNrussian-premier-league-giornata-17-1009401.htmSi100427901,02,03010135
1151009402NewsCampionatiSerie D - Girone I, 13a Giornata: l`ACR Messina affronta il Licata20121125095230Serie D - Girone IGiornata 13&nbsp;<BR><BR>Nella&nbsp;tredicesima giornata di Serie D -&nbsp;Girone I, la capolista Gelbison&nbsp;sarà impegnato nel&nbsp;più classico dei testa coda&nbsp;in casa del fanalino di coda&nbsp;Nissa, ultimo&nbsp;con 4 punti. All’inseguimento della capolista ci sono invece&nbsp;l'ACR Messina, che giocherà in casa con il Licata, e la Nuova Cosenza, che ospiterà la Pro Cavese.&nbsp;Il più staccato Comprensorio Montalto se la vedrà in una specie di scontro diretto con il Ribera, distante un punto, mentre il Città di Messina sfiderà in trasferta il Savoia, che in caso di vittoria potrebbe superare la sua rivale. Nella zone basse della classifica, il Noto penultimo ha l’occasione di avvicinare il Palazzolo distante sei lunghezze, cosi come l’Arcireale che affronterà la Vibonese. <BR><BR>Programma completo di oggi Inizio ore 14:30<BR><BR><STRONG>Ribera-C.Montalto<BR>Acireale-Vibonese<BR>Agropoli-Paternò<BR>ACR Messina-Licata<BR>Nissa-Gelbison<BR>Noto-Palazzolo<BR>Nuova Cosenza-Pro Cavese<BR>Ragusa-Sambiase<BR>Savoia-Città di Messina</STRONG><BR><BR><BR><BR>ItaliaFL0411FL0411messinaregginajw7.jpgSiNserie-d-girone-i-giornata-13-1009402.htmSi100427901,02,0301095
1161009398NewsCalcio EsteroLiga BBVA, 13a Giornata: Tonfo Real. Crollo Valencia20121125094667Liga BBVAGiornata 13 - Gli anticipiGiocate Ieri<BR><BR><STRONG>Rayo-Maiorca 2-0&nbsp; 87'Carrilho - 90'Delibasic</STRONG> Prestazione eccezionale ieri pomeriggio di Leo Carrilho Baptistao contro il Maiorca, uomo dell'incontro anche grazie al gol segnato nei minuti finali di una partita, con un tiro da lontano, che si avviava&nbsp;verso un&nbsp;noioso 0-0. Dopo il gol, sospinti dalla gioia del pubblico e dal crollo psicologico degli ospiti è ancora lui a regalare l'assist per il raddoppio.<BR><BR><STRONG>Valladolid-Granada 1-0&nbsp; 63'Manucho </STRONG>Il pubblico assiepato nel Josè Zorrilla ha assistito a un incontro alla pari, a tratti divertente, nel quale il più alto tasso tecnico dei padroni di casa ha prevalso. Matricola rivelazione quella del Valladolid e del tecnico Djukic che naviga nelle parti alte della classifica.<BR><BR><STRONG>Malaga-Valencia 4-0&nbsp; 8'Portillo-75'Saviola-81'SantaCruz-90'Isco</STRONG> Due delle spagnole da Champions, ma ieri in campo ce n'era solo una.&nbsp;Il Valencia in versione trasferta è sinceramente inguardabile, stanco.oltretutto, del difficile impegno europeo contro il Bayern. Il Malaga, che non vinceva da tempo in campionato, ha offerto una prestazione di ottimo livello.<BR><BR><STRONG>Betis-Real Madrid 1-0&nbsp; 17'Etxebarria</STRONG>&nbsp;Clamorosa sconfitta del Real che, a dirla tutta. dà l'impressione di essersi giocato qualsiasi speranza di rimontare il Barça capolista. Siviglia maledetta per gli uomini di Mourinho, Il Real non è apparso nemmeno lontano parente di quello che pochi mesi fa è diventato campione.<BR><BR>Giocano Oggi<BR><BR><STRONG>Espanyol-Getafe</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Bilbao-Deportivo</STRONG><BR><BR><STRONG>At.Madrid-Siviglia</STRONG><BR><BR><STRONG>Levante-Barcellona</STRONG><BR><BR>Lunedì<BR><BR><STRONG>Real Saragozza-Celta</STRONG><BR><BR>Giocata venerdì <BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Osasuna 0-0</STRONG><BR><BR>SpagnaFL0411FL041151537.jpgSiNliga-bbva-giornata-13-gli-incontri-di-sabato-1009398.htmSi100427901,02,03010151
1171009369NewsCoppeEuropa League-Gruppo F: Cavani in campo per la qualificazione20121122092016Europa League - Gruppo FProbabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Solito&nbsp;4-4-2 per il tecnico svedese Alm, che punta sulla velocità di Bangura per creare pericoli&nbsp;alla difesa del Napoli. Anche il centrocampo sembra&nbsp;ben assortito e con giocatori&nbsp;carismatici come Borges e Danielsson. Sulle fasce&nbsp;dovrebbero&nbsp;esserci Gustavsson e Mutumba. In difesa Karlsson e Majstorovic formeranno la coppia centrale, mentre Lorentzon agirà da terzino destro e&nbsp;Johansson da terzino sinistro.<BR><BR>Ampio&nbsp;avvicendamento per Walter Mazzarri, che, tuttavia schiererà Edinson Cavani per provare a sfatare il tabù trasferta in Europa e centrare la qualificazione: il 'Matador' è stato squalificato in campionato per cui avrà tempo per riposare. L'uruguayano dovrebbe far coppia con Edu Vargas in avanti, mentre a centrocampo ci sarà spazio Mesto, Donadel e Dossena. Il terzetto difensivo&nbsp;dovrebbe essere&nbsp;composto da Gamberini, Aronica e Britos. <BR><BR>Probabili formazioni<BR><BR>AIK SOLNA(4-4-2): Turina - Lorentzon - Karlsson - Majstorovic - Joahnsson - Gustavsson - Danielsson - Borges - Mutumba - Bangura - Lundberg<BR><BR>NAPOLI(3-5-1-1): Rosati - Britos - Aronica - Gamberini - Dossena - Dzemaili - Donadel - Behrami - Mesto - Vargas - Cavani<BR><BR>Arbitro: Hategan (ROM)<BR><BR>Nell'altro incontro, anch'esso in programma alle 21:05, il PSV si gioca la qualificazione in casa contro il Dnipro capolista.<BR><BR><BR><BR>EuropaFL0411FL0411124157881-ced6d0bc-0c7f-4179-914e-291887bb94bf.jpgSiNeuropa-league-gruppo-f-probabili-formazioni-1009369.htmSi100427901,02,03,08010343
1181009351NewsCampionatiMilazzo, continua il record negativo20121120084043milazzoMilazzoA&nbsp; Renate il Milazzo ottiene un buon pareggio a reti inviolate e ,incredibile a dirsi, stante l’inagibilità del Grotta di Polifemo,ritrova i suoi tifosi ,che in discreto numero si danno appuntamento sugli spalti del “Meda” muniti di bandiere e striscioni per incitare i beniamini siciliani. Si è trattato naturalmente di milazzesi ,che per motivi di lavoro o di studio si trovano in Lombardia e&nbsp; hanno voluto dare un esempio di attaccamento ai colori sociali e alla&nbsp; loro terra.<BR>Davanti ai loro tifosi Lewandowsky e compagni hanno lottato per portare a casa quel punticino,che aldilà delle parate strepitose di Tesoniero o dei “quasi gol” ,che hanno fatto imbestialire mister Sala e i tifosi del Renate, consente di respirare&nbsp; un po’ di ossigeno nella classifica asfittica&nbsp; dei siciliani e prepararsi con serenità alle prossime giornate di campionato,che potrebbero decidere il destino del Milazzo. Domenica&nbsp; al Grotta di Polifemo,molto probabilmente ancora inagibile, arriva il Santarcangelo,squadra che con i suoi 12 punti staziona ai margini della zona playout; per le aquile rossoblu l’imperativo è vincere per avvicinarsi ai romagnoli, dimezzando il distacco dagli stessi da 5 a 2 punti e, sperando in un passo falso del Rimini impegnato in una trasferta insidiosa ad Alessandria,agguantare anche l’altra squadra romagnola ferma&nbsp; a 10 punti,lasciandosi alle spalle il Fano e il Vallèe d’Aoste ,che se la vedranno rispettivamente con la capolista Savona in terra ligure e con la Giacomense sempre fuori casa. I pronostici sono fatti per non essere rispettati e per le aquile rossoblu la vittoria è diventata una chimera. Essa infatti manca dall’inizio del torneo,il che rappresenta un record ,di cui la squadra siciliana non può di certo vantarsi, perché&nbsp; ad oggi è l’unica fra le 111 squadre,che giocano nei campionati professionistici in Italia, a&nbsp; non aver mai vinto! Come se non bastasse il Milazzo soltanto per un gol non detiene un altro primato: quello delle reti subite; infatti l’Empoli in serie B ha incassato 30 reti,una in più dei rossoblu,anche se a giustificazione dei toscani c’è&nbsp; il maggior numero di partite disputate: ben 15 rispetto alle 12 dei mamertini!<BR>Domenica però potrebbe essere la volta buona per i mamertini in quanto il Santarcangelo con soli 8 gol all’attivo possiede il peggior attacco del girone,per cui la difesa rossoblu&nbsp; dovrebbe trascorrere una giornata relativamente tranquilla. Bene ha fatto la società a ritornare sui suoi passi e&nbsp; a reintegrare nell’organico Marc Lewandowsky,anche se resta il rimpianto per la rescissione di Ciccio Mignogna,che il Taranto non si è lasciato sfuggire, e Peppe Dama,che a suon di gol porterà l’Orlandina a vincere il campionato d’Eccellenza. Né l’ultimo acquisto Suriano sarà mai quel finalizzatore,quell’uomo di area che manca al fronte d’attacco milazzese. <BR>Ma facciamo un po’ di conti! Le aquile rossoblu nelle prossime sei&nbsp; partite giocheranno quattro volte in casa e ,se si vuole raggiungere la salvezza, occorrerà vincere tutti e quattro gli incontri casalinghi. Infatti&nbsp; ipotizzando la quota salvezza a 42-43 punti ,al Milazzo mancano ad oggi almeno 35 punti e vincendo la prossime quattro partite in casa, arriverebbe alla seconda giornata di ritorno con 19-20 punti (un pareggio in una delle due partite esterne è preventivabile). Basterebbero così facendo altri 22-23 punti da racimolare nelle restanti 16 partite per conquistare senza fatica la salvezza anticipata di qualche giornata,come successe nel campionato precedente.<BR>Se i nostri numeri torneranno,si potrebbero schiudere nuovi orizzonti per il calcio mamertino alla luce soprattutto delle decisioni,che vorrà prendere la prossima assemblea delle società di Lega Pro;la quale oltre alla riforma dei campionati ,che prevede&nbsp; la riduzione dell’organico delle squadre partecipanti da 69 a 60 nel campionato 2014-15,dovra’ votare la proposta del presidente Macalli di assegnare i rimborsi per l’utilizzo degli juniores esclusivamente alle società ,che si classificheranno nelle prime posizioni,escludendo quelle che lotterebbero per non retrocedere.<BR>Il Milazzo in questo caso dovrebbe allestire una squadra con juniores validi per lottare ai vertici del torneo,altrimenti sarebbe costretto a rinunziare o a trovare sponsorizzazioni tali da&nbsp; poter affrontare un campionato di Lega Pro anche con la prospettiva di non poter usufruire del contributo della Lega. Un bel guazzabuglio vero? Noi sappiamo già come finirà,ma non ve lo scriviamo finchè non sarà definitiva la proposta del presidente Macalli ed in attesa&nbsp; penseremo a salvare questa barca,tirandola fuori dalle secche del fondo classifica per portarla a navigare a vele spiegate in acque tranquille in attesa che,chissà,il vento possa cambiare e soffiare dalla nostra parte.<BR>&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; <BR>Il Santarcangelo, prossimo avversario del Milazzo, è una società,che disputa il campionato di 2^&nbsp; divisione di Lega Pro&nbsp; per il secondo anno consecutivo. I suoi colori&nbsp; sono il giallo-blu ed è stata fondata&nbsp; nel 1926. Il presidente si chiama&nbsp; Roberto Brolli e quest’anno ha affidato la squadra romagnola&nbsp; ad un allenatore ,Filippo Masolini (42 aa.), che l’anno scorso ha allenato le giovanili del San Marino. Alcuni lo ricorderanno regista di squadre blasonate come il Modena,la Triestina e il Cesena. E’ un debuttante&nbsp; per questa categoria,su cui grava l’impegno di confermare l’ottimo piazzamento del campionato scorso,quando i giallo-blu si piazzarono al 9°&nbsp; posto&nbsp; alle soglie della zona dei playoff. Il trainer Masolini ama giocare con un 4-3-1-2&nbsp; . Il portiere titolare&nbsp; cresciuto in casa si chiama&nbsp; Michele Nardi (’86) e dovrà far dimenticare i 5 gol subiti domenica scorsa in casa contro la Pro Patria. Difesa ben collaudata con atleti,che giocano assieme da parecchi anni: Alessandro Fabbri (‘90),Claudio Cola (’86),Giovanni Rossi(’89) e Luca Benedetti (’92) ,nonostante la sonora sconfitta di domenica non si discutono.<BR>A centrocampo giostra il capitano del&nbsp; Santarcangelo:Filippo Baldinini (25 aa.) ,accanto il ghanese Francis Obeng (’86) e gli esperti Paolo Rossi (29 aa.) e Dario Bazzi (’85).<BR>In attacco ritroviamo Valerio Anastasi ,di origini catanese, a 22 aa vanta già un curriculum invidiabile: dal Chievo è transitato l’anno scorso al Chieti,con cui è sceso al Grotta di Polifemo facendo un’ottima impressione,mentre quest’estate&nbsp; è passato al Santarcangelo e domenica ha siglato il gol della bandiera del 5 a 1. Sua spalla ideale&nbsp; è Manuel Canini,un ’93&nbsp; proveniente dal Cesena,che si fa sostituire spesso in corso di partita da Andrea Parodi,19 aa., in prestito dal Genoa.<BR>I romagnoli cercheranno di recuperare i punti lasciati per strada domenica scorsa proprio in terra siciliana,almeno così è nelle intenzioni del mister Masolini; noi inseguiamo la prima vittoria. Vedremo come andrà a finire!<br><br> Attilio Andriolo<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br> &nbsp;<br><br>C1007654adm001adm001milazzo.jpgSiNmilazzo-continua-il-record-negativo-1009351.htmSi100075701,02,03030910
1191009342NewsCalcio EsteroPremier League Russa: Vola il CSKA, Anzhi a secco20121119102226Russian Premier LeagueGiornata 16&nbsp;<BR><BR>La prima giornata di ritorno del campionato russo, che&nbsp;si concluderà stasera con le partite Samara-Lokomotiv e Krasnodar-T.Grozny, sembra avere spento le speranze di chi insegue la capolista CSKA, in particolare quelle dell'Anzhi di Eto'o e dello Zenit di Spalletti.<BR><BR><BR><BR>Giocate ieri<BR><BR><STRONG>CSKA Mosca-Amkar 3-0&nbsp; 25'Elm-73'Maazou-90'Cauna</STRONG><BR><BR><STRONG>Mordoia-K.Krasnodar 0-3&nbsp; 19'a.gol Stepanets-28'Baldè-49'Ozbiliz</STRONG><BR><BR><STRONG>Anzhi-Rostov 0-0</STRONG><BR><BR>Oggi<BR><BR><STRONG>K.S.Samara-Lok.Mosca</STRONG><BR><BR><STRONG>Krasnodar-T.Grozny</STRONG><BR><BR>Giocate&nbsp;Sabato <BR><BR><STRONG>Volga-Spartak Mosca 1-1&nbsp; 13'Kombarov(S) - 45'Salugin(V)</STRONG><BR><BR><STRONG>Dinamo Mosca-Zenit 1-0&nbsp; Sospesa</STRONG><BR><BR><STRONG>Alania V.-Rubin K. 0-2&nbsp; 57'Marcano-62'Kasaev</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1. &nbsp;CSKA Moscow &nbsp;39<BR>2. &nbsp;Anzhi Makhachkala 34<BR>3. &nbsp;Zenit Petersburg&nbsp; 33<BR>4. &nbsp;Rubin Kazan &nbsp;30<BR>5. &nbsp;Spartak Moscow &nbsp;29<BR>6. &nbsp;Kuban Krasnodar&nbsp;28<BR>7. &nbsp;Terek Grozny &nbsp;28<BR>8. &nbsp;Lok. Moscow &nbsp;22<BR>9. &nbsp;Dinamo Moscow &nbsp;21<BR>10. &nbsp;FC Krasnodar &nbsp;19<BR>11. &nbsp;Amkar &nbsp;16 &nbsp;18<BR>12. &nbsp;FK Rostov &nbsp;14<BR>13. &nbsp;Krylya Sovetov Samara &nbsp;13<BR>14. &nbsp;Volga Nyzhnyi &nbsp;12<BR>15. &nbsp;Alania Vladikavkaz 10<BR>16. &nbsp;Mordovya &nbsp;8<BR><BR><BR>RussiaFL0411FL0411cskamoscow.jpgSiNrussian-premier-league-risultati-marcatori-classifica-1009342.htmSi100427901,02,03010405
1201009340NewsCalcio EsteroLiga BBVA, 12a giornata: Simeone sulla scia del Barça20121119094545Liga BBVAGiornata 12:l`Atletico Madrid espugna GranadaGiocate Ieri<BR><BR><STRONG>Deportivo-Levante 0-2&nbsp; 40'Martins- 82'Barkero </STRONG><BR><BR>Splendida prestazione del nigeriano, ex Inter. Per lui un gol e la giocata che porta all'espulsione del portiere avversario. Depor in 10 e costretto a mettere in porta un difensore perchè aveva esaurito i cambi. Raddoppio nei minuti finali grazie a una pregevole intuizione di Barkero.<BR><BR><STRONG>Celta-Maiorca 1-1&nbsp; 22'Hemed(M) - 56'Young Park(C)</STRONG><BR><BR>Divisione della posta in palio tra Celta e Maiorca che corrono sul filo di lana della retrocessione. <BR><BR><STRONG>Getafe-Valladolid 2-1&nbsp; 45'Gonzalez(V) - 74'Alexis-78'Lafita(G)</STRONG><BR><BR>Grandiosa rimonta del Getafe contro&nbsp;l'ordinato Valladolid.<BR><BR><STRONG>Granada-At-Madrid 0-1&nbsp; 61'Arda Turan</STRONG><BR><BR>Grazie ad un secondo tempo&nbsp;intraprendente di&nbsp;Diego Costa, l'Atletico di Simeone conquista tre punti importanti in quel di Granada e che consentono di rimanere in scia della capolista Barcellona. Il gol del turco Turan arrivato grazie ad un assist fenomenale di Koke ha condannato un Granada volitivo che, forse, avrebbe meritato qualcosa in più, soprattutto nel primo tempo.<BR><BR><STRONG>Siviglia-Betis 5-1&nbsp; 1'-33'Reyes-5'-43'Fazio-90'Rakitic(S) - 66'Ruben Castro(B)</STRONG><BR><BR>Goleada del Siviglia nel derby, che diventa storico per i bianco rossi andalusi. Grande intensità del Siviglia che ha messo in evidenza tutte le pecche difensive del Betis.<BR><BR>Giocano stasera<BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Rayo</STRONG><BR><BR>Giocate Sabato<BR><BR><STRONG>Osasuna-Malaga 0-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Valencia-Espanyol 2-1&nbsp; 16'Viera-90'Soldado(V) - 31'Longo</STRONG><BR><BR><STRONG>Barcellona-Real Saragozza 3-1&nbsp; 14'-60'-Messi-28'Song(B) - 23'Montanes(R)</STRONG><BR><BR><STRONG>Real Madrid-A.Bilbao 5-1&nbsp; 12'a.gol Aurtenetxe-30'Ramos-32'Benzema-66'Ozil-72'Khedira(R) - 42'Gomez(A)</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1. &nbsp;Barcelona &nbsp;34<BR>2. &nbsp;Atletico Madrid 31<BR>3. &nbsp;Real Madrid &nbsp;26<BR>4. &nbsp;Levante &nbsp;20<BR>5. &nbsp;Malaga &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; 19<BR>6. &nbsp;Betis &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; 19<BR>7. &nbsp;Sevilla &nbsp;18<BR>8. &nbsp;Valencia &nbsp;18<BR>9. &nbsp;Getafe &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; 16<BR>10. &nbsp;Rayo Vallecano &nbsp;16<BR>11. &nbsp;Valladolid &nbsp;15<BR>12. &nbsp;Zaragoza &nbsp;15<BR>13. &nbsp;Athletic Bilbao 14<BR>14. &nbsp;Real Sociedad &nbsp;13<BR>15. &nbsp;Mallorca &nbsp;12<BR>16. &nbsp;Celta Vigo &nbsp;11<BR>17. &nbsp;Granada &nbsp;11<BR>18. &nbsp;Deportivo&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; 10<BR>19. &nbsp;Osasuna &nbsp; 9<BR>20. &nbsp;Espanyol &nbsp; 9<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411falcao.jpgSiNliga-bbva-giornata-risultati-marcatori-classifica-1009340.htmSi100427901,02,03010428
1211009325NewsCalcio EsteroLiga BBVA Giornata 12:Barça e Messi inarrestabili20121118094227Liga BBVAGiornata 12:le partite di ieri e quelle di oggiGiocate ieri<BR><BR><STRONG>Osasuna-Malaga 0-0</STRONG> <BR><BR>Per il Malaga si tratta di una piccola crisi. Fin qui ha dimostrato di avere una buona squadra ma i troppi impegni ravvicinati stanno mettendo a dura prova un organico che, probabilmente, non è ancora al massimo. Gli andalusi non vincono da quattro giornate e, ieri, a Pamplona hanno sofferto grazie all'ottimo pressing dell'Osasuna. L'Osasuna è stato a un passo dal colpaccio, se non c'è riuscita è anche colpa anche dell'arbitro che ha annullato un gol valido a Kike Sola e alle strepitose parate di Willy Caballero.<BR><BR><STRONG>Valencia-Espanyol 2-1&nbsp; 16'Viera-90'Soldado(V) - 31'Longo</STRONG><BR><BR>Valencia fischiato dal proprio pubblico per gran parte del secondo tempo sull'1-1. Alla fine ha la meglio, immeritatamente,&nbsp;di un generoso Espanyol, che adesso è ultimo. La partita si è risolta nei minuti finali quando il guardalinee ha segnalato un fallo di mano di Hector Moreno con conseguente espulsione e rigore trasformato da Soldado.<BR><BR><STRONG>Barcellona-Real Saragozza 3-1&nbsp; 14'-60'-Messi-28'Song(B) - 23'Montanes(R)</STRONG><BR><BR>L'ennesima strabiliante prestazione di Lionel Messi ha dato la vittoria al Barça. Per l'argentino due gol e un assist. <BR><BR><STRONG>Real Madrid-A.Bilbao 5-1&nbsp; 12'a.gol Aurtenetxe-30'Ramos-32'Benzema-66'Ozil-72'Khedira(R) - 42'Gomez(A)</STRONG><BR><BR>Tutto facile per il Real Madrid che ha dato spettacolo contro un avversario volenteroso ma debole in difesa. Bilbaini che possono recriminare per un rigore non assegnato per un fallo di mano di Coentrao sul 3-1 e dalla cui successiva azione sarebbe nato il quarto gol.<BR><BR>Giocano oggi<BR><BR><STRONG>Deportivo-Levante: </STRONG>Dopo le polemiche post Real e del litigio tra Pepe e Ballesteros il Levante visita il Depor. Tre punti in palio di fondamentale importanza. Il Depor gioca per uscire dalla zona retrocessione, mentre i valenciani per entrare nei posti europei.<BR><BR><STRONG>Celta-Maiorca:</STRONG> Sarà una battaglia l'incontro di oggi pomeriggio. Entrambe le squadre devono lottare per lasciare la zona bassa della classifica. Il Celta non vince dal 5 ottobre(2-0 al Siviglia), il Maiorca dal 23 settembre(2-0 al Valencia). Sia per il Celta che per il Maiorca non fare punti sarebbe una catastrofe.<BR><BR><STRONG>Getafe-Valladolid:</STRONG> Il Getafe cerca il riscatto contro un Valladolid che gioca bene e convince. La zona retrocessione è vicina ed è importante frenare la caduta. Tutto il contrario dicasi per il Valladolid che, da matricola, sta sorprendendo tutti e vive per il momento una situazione di medio-alta classifica.<BR><BR><STRONG>Granada-At.Madrid:</STRONG> Due sconfitte consecutive e due partite senza gol per El Tigre Falcao stanno facendo suonare più di un allarme nello spogliatoio gestito da Simeone. Sarebbe importante per Los Colchoneros ritrovare la via della vittoria e mantenere le distanza dalla capolista.<BR><BR><STRONG>Siviglia-Betis:</STRONG> E' derby in quel di Siviglia. Partita equilibrata e, vincerla, in parte,&nbsp;salva la stagione<BR><BR><STRONG>Real Sociedad-Rayo:</STRONG> si gioca lunedì<BR><BR>SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-bbva-giornata-barcellona-messi-inarrestabili-1009325.htmSi100427901,02,03010368
1221009313NewsCalcio EsteroPremier League Russa, 16a giornata: il CSKA può allungare20121117112417Premier Ligue RussaGiornata 16Lo Zenit di Luciano Spalletti è costretto a vincere sul campo della Dinamo Mosca se vuole ancora inseguire la capolista CSKA, che giocherà domani tra le mura amcihe contro il Perm. Con una vittoria il tecnico italiano potrebbe acciuffare momentaneamente la prima posizione a pari punti con l'attuale capolista. Dovrebbe essere un turno facile anche per l'Anzhi che affronta il Rostov. <BR><BR>Programma della Giornata 16<BR><BR>Oggi<BR>Volga-Sp.Mosca&nbsp;<BR>Din.Mosca-Zenit S.&nbsp;<BR>Alaniya-R.Kazan&nbsp;<BR>Domani&nbsp;<BR>CSKA Mosca-A.Perm&nbsp;<BR>Mor.Saransk-Kub.Krasnodar&nbsp;<BR>A.Makhachkala-Rostov&nbsp;<BR>K.Sovetov-Lok.Mosca<BR>Lunedì&nbsp;<BR>Krasnodar-T.Grozny<BR><BR>RussiaFL0411FL0411spalletti.jpgSiNpremier-ligue-russa-giornata-spalletti-insegue-il-cska-1009313.htmSi100427901,02,03010217
1231009312NewsCalcio EsteroBundesliga, 12a giornata: lo Schalke 04, Eintracht e Dortmund tifano Norimberga20121117105717BundesligaGiornata 12Tutti alla rincorsa del Bayern e tutti con la speranza che il Norimberga fermi la lanciatissima capolista. Lo Schalke, secondo, deve però vincere una complicatissima trasferta a Leverkusen. Il Borussia Dortmund, campione in carica, può approfittarne per risalire la classifica visto che l'impegno casalingo contro il Greuther non dovrebbe essere difficile. Stesso discorso per l'Eintracht Francoforte che affronta in casa il fanalino di cosa Augsburg.<BR><BR>Ecco il programma completo della giornata 12 di Bundesliga<BR><BR><STRONG>Oggi<BR></STRONG>Borussia D.-Greuther Furth<BR>Borussia M.-Stoccarda<BR>Eintracht F.-Augsburg<BR>Hannover 96-Friburgo<BR>Amburgo-Mainz<BR>Norimberga-Bayern<BR>Bayer-Schalke 04<BR><STRONG>Domani<BR></STRONG>Werder Brema-Fortuna<BR>Hoffenheim-Wolfsburg<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-giornata-tutti-tifano-norimberga-1009312.htmSi100427901,02,03010256
1241009302NewsCampionatiSerie A, tredicesima giornata: match di lusso Juventus-Lazio e Napoli-Milan20121116205932serie aSerie A Tredicesima GiornataJuventus-Lazio: si parte dal dolce. Perché l’anticipo delle 18.00 di domani ha un sapore tutto particolare. Due squadre in salute, reduci da vittorie altrettanto eccezionali: i bianconeri hanno letteralmente asfaltato la piccola armata di Stroppa, gli aquilotti hanno vinto la partita più importante, la stracittadina contro il nemico Zeman. Ora Petkovic, ormai osannato dalla tifoseria, suona la carica e crede nel possibile sgambetto ai campioni d’Italia. Per non sbagliare sceglie il solito 4-5-1 con Klose prima punta: a Hernanes e Ledesma il compito di impostare gioco. Per Antonio Conte ritorni importanti, quelli di Pogba e di Vucinic pronti a spingere il club di Torino. <BR>L’impressione è che sarà una partita molto difficile per la capolista: quanto peserà l’assenza di Pirlo e quanto spazio occuperà, nella testa dei giocatori, la super sfida di martedì sera contro il Chelsea? Meno di ventiquattro ore e avremo il responso.<br><br> Napoli-Milan: si procede con il big match del sabato sera. Anche questo match ha un gusto, come dire, straordinario. Dopo molti anni si gioca a parti inverse: ora sono i partenopei a combattere per il primo posto, sono, invece, i rossoneri quelli che faticano a scalare posizioni. Il risultato sembra scontato ma non è così: anche se Cavani e compagni continuano a mostrare una forma spaventosa, la riunione di Berlusconi sembra aver rivitalizzato gli uomini di mister Allegri che, dopo aver visto Italia-Francia, ha capito definitivamente di non poter rinunciare a individui come Montolivo ed El Shaarawy, unici veri fari della squadra. Pazzini torna titolare, Pato ritorna in panchina: quanto pesa il rigore sbagliato contro la Fiorentina. Anche Mazzarri, però, propone novità: una su tutti è vedere Insigne in campo dal primo minuti a sostituire Goran Pandev, il macedone infatti non gode di un gran momento di forma. Pochi dubbi. Al San Paolo sarà una partita infuocata.<br><br> Inter-Cagliari: Stramaccioni sta recuperando, piano piano, diversi infortunati. Questa è stata la notizia migliore della settimana. Torna Ranocchia fra i titolari, tornano, forse, Sneijder e Coutinho almeno fra i convocati. Solo la conferenza del mister romano di domani potrà svelarci gli ultimi segreti. Per il resto poco altro, solo un imperativo: vincere, tornare a trionfare dopo l’imprevedibile sconfitta a Bergamo. I tifosi presenti a San Siro vedranno ancora tridente, ancora Cassano-Palacio-Milito, i magnifici tre nerazzurri. Pulga, dal canto suo, dopo quattro vittorie di fila si è fermato prima con la Fiorentina, perdendo 4-1 a casa dei toscani, poi con il brutto pareggio contro il Catania. Il Cagliari si affida a Pinilla e Sau per compiere il miracolo al Meazza, dove una vittoria manca dal lontano 1995.<br><br> Bologna-Palermo: è una bella sfida quella che andrà in scena al Dall’Ara di Bologna dove si affrontano due squadre che di simile hanno solo la classifica. Una classifica preoccupante per ambedue le formazioni che hanno entrambe un’importante chance di conquistare tre punti. Gasperini, però, ha appena ottenuto la seconda vittoria da quando siede sulla panchina rosanero: sconfiggere i blucerchiati di Ferrara non è stata proprio una mission impossible. Impossibili, invece, sono state le giocate e i gol di Dybala, nuovo fenomeno del nostro campionato. L’attacco dei siculi si baserà totalmente sui suoi piedi. Sembrava rinato e invece no: Gilardino, dopo un inizio scoppiettante, ha nuovamente un complicato rapporto con la porta, diventata un muro nelle ultime uscite. Diamanti agirà come trequartista proprio alle spalle di Alberto e anche di Gabbiadini, giovane che ha ancora molto da dimostrare. Pioli-Gasperini: si salvi chi può.<br><br> Siena-Pescara: ‘si salvi chi può’ è la frase adattissima anche per questa sfida. Importante si, decisiva no. Dopo la vittoria contro il Genoa e il pareggio contro il Parma, è nato un nuovo entusiasmo intorno a Cosmi e ai suoi beniamini. La prima sensazione è che per Rosina e Calaiò non dovrebbe essere un problema bombardare la porta di Perin: il Pescara, dopo la sconfitta per 6-1 contro la Juve, dovrà ritrovare una convinzione che forse non c’è mai stata. Stroppa deve puntare sui soliti noti, non avendo una formazione così ampia: Jonathas e Abbruscato saranno le punte con Quintero in mezzo al campo a sfornare palloni giocabili. Weiss, vera stella degli abruzzesi, potrebbe non essere convocato per problemi fisici.<br><br> Fiorentina-Atalanta: è questa la partita che suscita più curiosità nel pomeriggio domenicale. Due squadre belle, due squadre giovani, due squadre molto sudamericane. Una sfida spettacolare soprattutto perché le due formazioni sono reduci da momenti di forma straordinari: Fiorentina e Atalanta sono padrone incontrastate di Milano: i Viola hanno appena abbattuto il Milan tra le mura del Meazza, i bergamaschi hanno sconfitto in una rocambolesca partita i nerazzurri di Stramaccioni. Ora Montella e Colantuono vogliono contendersi l’Europa: i padroni di casa sono quarti, gli ospiti addirittura sesti. Il team del giovane allenatore ex Catania ha mostrato di saper camminare anche senza l’appoggio di un top player come Jovetic: anche domenica i favoriti per un posto da titolare sono Ljajic e Toni che agiranno grazie alla collaborazione di un centrocampo duro e roccioso con Borja Valero, Pizarro e Aquilani.&nbsp; Colantuono schiera il solito 4-4-1-1 con il piccolo Maxi Moralez e German Denis a ricoprire le posizioni offensive.<br><br> Catania-Chievo: il Catania di Maran vuole continuare a stupire e proverà a farlo contro un Chievo Verone non in grande condizione. Il tecnico ex Varese si basa sulla freschezza, sulla rapidità e sulla corsa di giocatori come Gomez e Barrientos che supporteranno il solito buon vecchio Bergessio, sempre pericoloso in mezzo all’area avversaria. Per Corini, invece, le scelte non solo moltissime: Thereau e Pellissier fanno ormai coppia fissa ma Di Michele e soprattutto un Paloschi tornato al gol, anche se su rigore, sono pronti a subentrare nel momento del bisogno. La partita si deciderà, sempre se finirà con la vittoria di una sull’altra, a centrocampo. I siculi faranno partire tutte le loro azioni dai piedi fatati di Ciccio Lodi che avrà accanto a sé uomini d’esperienza come Izco e Almiron. I gialloblù invece si appoggeranno alle incursioni e agli inserimenti di Luciano e di Hetemaj.<br><br> Udinese-Parma: che i friulani di mister Guidolin non abbiano più la spinta dello scorso anno ormai è cosa risaputa. Il problema, ora e prima di tutto, è la mancanza di vittorie che sta agitando il tecnico. La classifica, pur non bellissima, non preoccupa ancora anche se i bianconeri, già da questa domenica, dovranno fare bottino pieno. L’avversario non è dei più facile: il Parma, quando vuole, sa giocare bene a pallone ma in trasferta a faticato ovunque. Di Natale e Maicosuel ormai sono un must, per i biancoblu invece accanto ad Amauri sarà schierato Belfodil. <BR>Entrambe le squadre vengono da due pareggi, pareggio però molto diversi fra loro: i bianconeri hanno acciuffato due volte il Chievo grazie alla storica doppietta di Angella. La formazione di Donadoni, invece, non ha saputo battere il Siena e la partita è terminata a reti inviolate. Che sia la X di pareggio il segno più adeguato anche per questa partita?<br><br> Sampdoria-Genoa: questa volta è più di una stracittadina. Innanzitutto il derby della Lanterna non si gioca ormai da tempo: l’ultimo se lo ricordano entrambe le tifoserie molto bene. Rammentate Boselli? No? Beh non chiedetelo ai blucerchiati allora. Perché nella sua breve e poco significativa carriera italiana, l’attaccante argentino ha segnato il gol più importante della sua carriera, quello che alla fine condannò i sampdoriani a un anno di purgatorio in Serie B. E’ un derby speciale anche e soprattutto perché le due squadre arrivano a questo match in una condizione ai limiti dell’imbarazzo: Del Neri ha conquistato solo sconfitte da quando è arrivato sulla panchina dei Grifoni, Ferrara, invece, ha perso le ultime sette partite consecutive. Maxi Lopez non dovrebbe farcela, Borriello invece si. Sarà una partita accesa, dura, forse troppo dura. Sarà una partita tesissima, un’atmosfera particolare. Sarà una partita fantastica.<br><br> Roma-Torino: si chiude lunedì all’Olimpico di Roma dove i giallorossi di Zeman proveranno nuovamente a rialzarsi dopo la nuova e cocente delusione del derby contro la Lazio. Troveranno di fronte il Torino: sfida peggiore per la formazione del Boemo non ci poteva essere. I granata infatti non hanno ancora perso in trasferta e vengono da una convincente vittoria contro il Bologna. Lamela, unico vero insostituibile degli undici romanisti, farà coppia con Totti e Osvaldo: il sostituto di De Rossi, squalificato, sarà Marquinho, affiancato da Florenzi e Bradley, reduce da un bel gol con la nazionale statunitense. Ventura invece schiera il solito 4-2-4 che si trasforma in un classico 4-4-2 in fase di non possesso: Santana, Cerci, Bianchi, Sansone. Sono questi i fantastici 4 che dovranno conquistare Roma.<br><br>C1007650FL0882FL0882classificaseriea2011201212giornata.jpgSiNserie-a-tredicesima-giornata-match-di-lusso-tra-juventus-lazio-e-napoli-milan-1009302.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000014,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000095,T1000097,T1000099100877901,02,03,06,07,08,09030264
1251009259NewsCampionatiSerie D, Girone I: undicesima giornata20121112111150Serie D-Girone IGelbison primo,insegue l`ACR Messina&nbsp;<BR> <P align=left>Il match clou della giornata 11 è stato quello tra la capolista Nuova Cosenza, reduce da tre vittorie consecutive, e il Gelbison, squadra rivelazione di questo inizio di torneo. Il Gelbison vince 1-2 e si porta in testa alla classifica con 24 punti. Solo un punto dietro l'ACR Messina, che sconfigge per 1-0 il Sambiase grazie a un gol di Leon. Giallorossi che riscattano subito la sconfitta di 7 giorni fa patita proprio contro la capolista Gelbison, spietata negli scontri diretti. ACR più determinato nel secondo tempo. La chiave di volta è l'ingresso di Leon al posto di Quintoni sulla fascia sinistra. Il Messina inizia a giocare come sa, illuminato dai lanci precisi dell'hondureño. Magnifico il gol su punizione che scavalca&nbsp;la barriera e si insacca nell'angolino basso alla sinistra del portiere.<BR><BR>RISULTATI<BR><BR> <P align=left>Acireale-C.Normanno 0-1<BR>ACR Messina-Sambiase 1-0<BR>Agropoli-Città di Messina 2-2<BR>Cosenza-Gelbison 1-2<BR>Licata-Pro Cavese 2-2<BR>Nissa-Palazzolo 0-3<BR>Noto-C.Montalto 1-3<BR>Ragusa-Vibonese 0-0<BR>Savoia-Ribera 1-1<BR><BR> <P align=left><BR>Classifica<BR><BR> <P align=left>Gelbison 24<BR>ACR Messina 23<BR>Cosenza 22<BR>Città di Messina 20<BR>C.Montalto 20<BR>Savoia 19<BR>C.Normanno 18<BR>Ragusa 18<BR>Ribera 17<BR>Agropoli 15<BR>Pro Cavese 13<BR>Licata 13<BR>Sambiase 11<BR>Vibonese 11<BR>Acireale 8<BR>Palazzolo 8<BR>Nissa 4(-1)<BR>Noto 4<BR><BR>Prossimo turno (domenica 18 novembre): C.Montalto-Agropoli C.Normanno-Noto Gelbison-Ragusa Licata-Savoia Messina-Ribera Palazzolo-Acireale Pro Cavese-ACR Messina Sambiase-Cosenza Vibonese-Nissa.<BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><BR><br><br>ItaliaFL0411FL0411messinaregginajw7.jpgSiNserie-d-girone-i-giornata-risultati-e-classifica--1009259.htmSi100427901,02,03030191
1261009254NewsCalcio EsteroPremier League Russa, quindicesima giornata: CSKA sempre in vetta20121112094665Premier Liga RussaGiornata 15Perde terreno l'Anzhi di Eto'o, che non riesce ad andare oltre il pareggio sul difficile campo della Lokomotiv. Ne approfitta lo Zenit di Luciano Spalletti, che acciuffa la seconda posizione a pari punti proprio con l'Anzhi. Inarrestabile la marcia della capolista CSKA vittorioso 1-3 sull'ostico campo del Kuban. Adesso sono tre i punti di vantaggio sulla coppia di inseguitori.<BR><BR><STRONG>Risultati Giornata 15</STRONG><BR><BR><STRONG>FC Rostov&nbsp; Amkar Perm&nbsp; 3-0<BR>Dinamo de Moscú&nbsp; Alania Vladikavkaz&nbsp; 2-0<BR>Terek Grozny&nbsp; Mordovia Saransk&nbsp; 2-1<BR>Kuban Krasnodar&nbsp; CSKA Moscú&nbsp; 1-3<BR>Lokomotiv de Moscú&nbsp; Anzhi Majachkalá&nbsp; 1-1<BR>Rubín Kazán&nbsp; Krylia Sovetov Samara&nbsp; 2-0<BR>Volga Nizhny Novgorod&nbsp; Zenit St. Petersburgo&nbsp; 1-2<BR>Spartak Moscú&nbsp; FC Krasnodar&nbsp; 2-0</STRONG><BR><BR><STRONG>Classifica</STRONG><BR><BR>1 &nbsp;CSKA Mosca &nbsp;36<BR>2 &nbsp;Zenit St. Pietroburgo 33<BR>3 &nbsp;Anzhi Majachkalá 33<BR>4 &nbsp;Spartak Mosca &nbsp;28<BR>5 &nbsp;Terek Grozny &nbsp;28<BR>6 &nbsp;Rubín Kazán &nbsp;27<BR>7 &nbsp;Kuban Krasnodar&nbsp;25<BR>8 &nbsp;Lokomotiv Mosca 22<BR>9 &nbsp;FC Krasnodar &nbsp;19<BR>10 &nbsp;Amkar Perm &nbsp;18<BR>11 &nbsp;Dinamo Mosca&nbsp;&nbsp;&nbsp; 18<BR>12 &nbsp;FC Rostov &nbsp;13<BR>13 &nbsp;Krylia Sovetov Samara &nbsp;13<BR>14 &nbsp;Volga Nizhny Novgorod &nbsp;11<BR>15 &nbsp;Alania Vladikavkaz &nbsp;10<BR>16 &nbsp;Mordovia Saransk &nbsp;8<BR><BR>RussiaFL0411FL0411spalletti.jpgSiNpremier-liga-russa-giornata-cska-sempre-in-vetta-1009254.htmSi100427901,02,03010306
1271009249NewsCampionatiSerie A, Atalanta-Inter: Stramaccioni all`inseguimento della capolista20121111180000Serie APosticipo:probabili formazioni&nbsp;<BR><BR>Colantuono dovrebbe&nbsp;riproporre&nbsp;il 4-4-1-1, con gli stessi uomini che hanno&nbsp;sconfitto la Sampdoria in trasferta. A protezione di Consigli ci saranno i due centrali Stendardo e Manfredini, con Peluso sulla sinistra; Bellini ha un risentimento muscolare, a destra giocherà Raimondi. I due centrali di centrocampo saranno Carmona e Cigarini, con Schelotto a ricoprire la fascia destra e Bonaventura quella sinistra. Moralez agirà tra le linee, a supporto dell'unica punta Denis.<BR><BR>Retroguardia in emergenza per Stramaccioni, dove Samuel e Ranocchia sono out, entrambi per lesioni muscolari. Scala al centro della difesa Esteban Cambiasso, affiancato da Silvestre e Juan Jesus. Mudingayi&nbsp;out dopo&nbsp;l'infortunio di Belgrado; i due mediani saranno Guarin e Gargano, con Zanetti e Nagatomo&nbsp; sulle fasce. Dovrebbe essere confermato il tridente formato da Cassano, Palacio e Milito.<BR><BR>PROBABILI FORMAZIONI<BR><BR><STRONG>Atalanta(4-4-1-1):</STRONG> <SPAN id=divAdnetKeyword><SPAN style="FONT-SIZE: x-small">CONSIGLI - RAIMONDI - STENDARDO - MANFREDINI - PELUSO -<BR>SCHELOTTO - CARMONA - CIGARINI - BONAVENTURA - MORALEZ - DENIS</SPAN></SPAN><BR><BR><SPAN><SPAN style="FONT-SIZE: x-small"><STRONG>Inter(4-3-3):</STRONG> <SPAN id=divAdnetKeyword><SPAN><SPAN style="FONT-SIZE: x-small">HANDANOVIC - </SPAN><SPAN style="FONT-SIZE: x-small">SILVESTRE - CAMBIASSO - JUAN JESUS - </SPAN><SPAN style="FONT-SIZE: x-small">ZANETTI - GARGANO - GUARIN - NAGATOMO - </SPAN><SPAN style="FONT-SIZE: x-small">PALACIO - MILITO - CASSANO</SPAN></SPAN></SPAN></SPAN></SPAN><BR><BR>BergamoFL0411FL0411stramaccioni.jpgSiNserie-a-atalanta-inter-probabili-formazioni-1009249.htmSi100427901,02,03030125
1281009134NewsEditorialeJuventus-Inter, comincia l`attesa: i bianconeri appaiono imbattibili20121102105531juventus, interJuventus InterA Torino si avverte un’aria elettrica, spasmodica, fatta di tensione emotiva e trepidazione. Arriva l’Inter che sabato sera affronterà nel catino dello Juventus Stadium, sicuramente stracolmo di gente, quella Vecchia Signora acerrima nemica di sempre, non solo in campo e nei bar di periferia, ma anche in Lega e nei Tribunali. Una storia di ruggini mai sanate e di antagonismo che si è protratto negli anni in maniera davvero spropositata. Storie di inimicizie, purtroppo non solo sportive, che sono cominciate addirittura negli anni ’60, quando l’Inter di papà Moratti allenata da Helenio Herrera, mandò a Torino ad affrontare la Juventus di Sivori, Boniperti e Charles la squadra primavera con l’esordiente Sandro Mazzola. Allora fu considerata una sorta di irrisione verso la grande squadra bianconera che mieteva scudetti a volontà. <BR><BR>Gli anni sono passati e l’antagonismo tra le due fazioni è diventato addirittura insostenibile quando è scoppiato lo scandalo di Calciopoli. Da allora è stato un continuo andirivieni di accuse e veleni senza fine. Oggi, neanche la festa di Ognissanti e la Commemorazione dei defunti, storicamente giornate di mestizia e di riflessioni sul senso della vita, riescono a dare alla Torino bianconera attimi di tranquillità. L’attesa del pallone è troppo forte, e il turno di campionato infrasettimanale non ha fatto altro che acuire l’attesa del match. Juventus Inter resta comunque il derby d’Italia e oggi assume ancor più valore in considerazione del fatto che l’Inter, collocatasi in classifica a quattro punti dalla capolista Juventus, diventa la principale antagonista dei bianconeri per la conquista dello scudetto 2012’13. La squadra di Stramaccioni, dopo aver vissuto un lungo periodo di crisi dovuto al dopo Mourinho, ha faticato non poco nella ricostruzione della squadra e dei suoi assetti tattici che ne implicano il probabile inizio di un altro ciclo. E poi, affrontare questa Juve “imbattibile” sul suo terreno, stuzzica l’appetito a chiunque, figuriamoci se l’avversaria di turno si chiama Inter. La Juve, dopo avere visto le streghe contro il Bologna di Pioli, affila i suoi artigli nella consapevolezza della forza dimostrata fino ad oggi. <BR><BR>E’ un esame di maturità, soprattutto per l’Inter che, in quel di Torino, deve dimostrare di avere carattere, coerenza tattica e consapevolezza nei propri mezzi. Cassano, Palacio, Milito, Guarin, Cambiasso, sembrano prevalere su una difesa talora incerta soprattutto in Ranocchia, reo di non essere continuo. La squadra di Stramaccioni è forte soprattutto nelle ripartenze improvvise, ed è da questi contropiedi che la Juve deve proteggersi attraverso il suo già rodato centrocampo. La forza della squadra bianconera non la si scopre oggi, Pirlo che è in predicato di un meritatissimo pallone d’oro, rappresenta il faro insostituibile per questa Juve, anche se, a dire il vero, il giovane Pogba sta crescendo a vista d’occhio. Vedremo cosa succederà. Intanto possiamo dire che l’attesa è davvero tanta. Torino, con i suoi bellissimi colori autunnali che s’infrangono tra il lento fluire del Po, la sua collina e il parco del Valentino, aspetta con trepidazione l’attesissimo match e, ora dopo ora, sale quella febbre del sabato sera che non è propriamente riferita al film di John Travolta, ma a un incontro di calcio che non è certamente uguale agli altri. Non lo è mai stato!<BR><BR>Salvino Cavallaro<BR><BR><BR>C1007650FL0711FL0711juventus-inter.jpgSiNjuventus-inter-comincia-l-attesa-i-bianconeri-appaiono-imbattibili-1009134.htmSiT1000007,T1000026100451001,02,03,06030305
1291009119NewsCampionatiJuventus-Bologna, Davide contro Golia20121031083130Pre partita di Juventus-BolognaMercoledì 31 ottobre, ore 20.45, Juventus Stadium. Un giorno, un orario, un luogo e due squadre, con storie diverse&nbsp;e legate da un rapporto non certo idilliaco. Da una parte la Juventus, capolista e imbattuta(in campionato da tempo immemore, in casa nel nuovo stadio Imbattuta con la I maiuscola), dall'altra il Bologna, già in affanno, alla ricerca di punti salvezza e dell'impresa che può regalare un po' di tranquillità.&nbsp;La sfida ha le fattezze del&nbsp;biblico&nbsp;scontro Davide-Golia, e ripetere l'impresa del 26 febbraio 2011, quando i rossoblu espugnarono il vecchio Delle Alpi, sembra impossibile, poichè la Juventus di adesso non è quella in crisi di allora, e nemmeno i felsinei hanno lo sprint di un anno e mezzo fa. Eppure le partite dal finale già scritto possono regalare sorprese, al Bologna lo chiede probabilmente tutta la serie A; fermare gli imbattibili deve essere la parola d'ordine. Per quanto concerne le formazioni, i padroni di casa saranno orfani di Vidal(squalificato) e dell'ultima defezione Marchisio, e sembrano intenzionati a schierare il duo Bendtner-Giovinco in attacco; gli ospiti invece dovranno fare a meno di Diamanti, il cui ruolo sulla trequarti sarà gestito da Taider, che agirà alle spalle della coppia Gilardino-Gabbiadini. E dunque non resta che aspettare l'inizio della sfida: coraggio Bologna, sconfiggi gli imbattibili ed entra nella storia!<BR><BR>C1007650TorinoFL0761FL0761gilardino.jpgSiNjuventus-bologna-davide-contro-golia-1009119.htmSiT1000020100844901,02,03,06030231
1301008995NewsCampionatiJuventus, Kutuzov rimette in discussione la posizione di Conte20121019101133juventus, kutuzov, conteJuventus Kutuzov ConteCome riporta <EM>Il Corriere dello Sport</EM> il bielorusso del<STRONG> Bari</STRONG> lo avrebbe coinvolto nella combine di Salerno, ultima di B 2009. Un nuovo fronte che rimetterebbe in discussione la posizione del tecnico bianconero.<BR><BR>Il dubbio è sempre più strisciante e insistente. <STRONG>Antonio Conte</STRONG> era o no al corrente dell'intenzione dei suoi giocatori di favorire la vittoria della Salernitana nell'ultima gara del campionato di Serie B 2008-09? Finora il tecnico della Juventus, che tornerà in panchina il 9 dicembre dopo lo sconto di 6 mesi del Tnas per l'omessa denuncia per Albinoleffe-Siena 1-0 del 2010-11, è considerato dalla Procura di Bari una persona informata sui fatti e di penalmente rilevante a suo carico non c'è niente. Gli spifferi provenienti dal Palazzo di Giustizia pugliese però non possono lasciarlo del tutto tranquillo perché in mezzo a diversi interrogatori che spiegano «che Conte non sapeva niente» e «che ha preparato la partita come le altre volte», ce ne sarebbe uno di tenore opposto, dichiarazioni rese sotto giuramento che farebbero invece intuire che pure l'allenatore fosse al corrente della decisione presa dai giocatori baresi di non giocare... la partita della vita all'Arechi. In attesa di una chiusura sempre più imminente delle indagini su Bari-Treviso 0-1 e Salernitana-Bari 3-2, gli inquirenti mantengono il massimo riserbo, ma le affermazioni che se verificate potrebbe creare a Conte nuove difficoltà sotto il profilo delle giustizia sportiva, uscirebbero dal faccia a faccia avuto lo scorso 20 agosto in Puglia dall'attaccante Vitali Kutuzov, al Bari dal gennaio 2009 e tra i protagonisti della promozione in Serie A.<BR><BR>OMESSA DENUNCIA - Il Bari aveva conquistato la matematica promozione l'8 maggio dopo la vittoria nell'anticipo della Triestina contro il Livorno terzo in classifica. Il giorno successivo il 2-2 di Piacenza, una settimana dopo il 4-1 casalingo con il Modena. Salernitana-Bari è datata 23 maggio e i biancorossi erano reduci da 7 giorni con allenamenti blandi e molte feste. Su questo tasto avrebbe insistito parecchio Kutuzov, ripetendo quello che altri suoi compagni avevano specificato in precedenza. Il bielorusso, però, sarebbe andato oltre e avrebbe specificato che non solo i giocatori sapevano dell'approccio dei calciatori della Salernitana per garantirsi il successo casalingo contro la capolista e quindi la salvezza. Tutti nello spogliatoio biancorosso erano al corrente di quello che sarebbe accaduto. Dunque anche Conte che addirittura sarebbe stato informato direttamente dai suoi uomini della loro volontà di essere... molto arrendevoli alla luce dei legami di amicizia esistenti sul campo (tra i granata c'erano ex del Bari) e sulle tribune (gemellaggio tra le tifoserie). L'allenatore, insomma, secondo la versione dell'ex Milan e Parma, sapeva che Salernitana-Bari non sarebbe stata una partita vera. E non solo perché il Bari aveva "mollato" la presa dopo la promozione già festeggiata. Conte è già stato ascoltato in gran segreto a Monopoli dagli uomini della Procura di Bari lo scorso 6 settembre e ha dichiarato che non era a conoscenza di nulla sul match incriminato. Penalmente rischia niente perché non sapeva dei soldi arrivati a Bari da Salerno in cambio della sconfitta. Da capire viceversa cosa succederà sul fronte della giustizia sportiva quando, a inchiesta pugliese chiusa, Palazzi riceverà le carte. Lo ascolterà di nuovo lo juventino dopo le 3 ore e mezzo abbondanti di interrogatorio a metà luglio sulla vicenda legata al Siena? Inutile dire che se la procura federale appurerà che Conte era a conoscenza dell'illecito per Salernitana-Bari, scatterà un nuovo deferimento per omessa denuncia o anche qualcosa di peggio. Nei giorni scorsi, dopo le rivelazioni del pentito Marco Esposito, sarebbe finito nel registro degli indagati anche l'ex team manager del Bari Luciano Tarantino.<BR><BR><BR>C1007650adm001adm001conte-8.jpgSiNjuventus-kutuzov-rimette-in-discussione-posizione-di-conte-1008995.htmSiT1000007100075501,02,03,06030270
1311008927NewsCampionatiPremier League, settima giornata: c`è solo una capolista20121009183130premier league, settima giornataPremier League Settima GiornataDopo sette giornate dall'inizio del campionato inglese la situazione generale è simile alla nostra. <BR>Sette, infatti, sono anche le giornate giocate dalle nostre squadre.<BR>La Juventus si chiama Chelsea: anche il team di Di Matteo è prima con 19 punti ma, a differenza della squadra di Conte, sembra correre da sola. Dopo la vittoria in casa dei Gunners, i Blues hanno collezionato un'altra vittoria, mettendo al tappeto il modesto Norwich con un sontuoso poker. <BR>A rilento hanno iniziato le due squadre di Manchester, che camminano di pari passo a Inter e Lazio, 15 i punti ottenuti e un gap con il Chelsea di quattro punti che fa preoccupare, nonostante le poche giornate giocate.<BR><BR>Lo United di Sir Alex, però, ha sorpreso tutti, battendo nettamente il Newcastel al St. James's Park. I primi due gol sono stati firmati da due difensori, Evans ed Evra, mentre il terzo, un'autentica prodezza, è stato siglato da Cleverely.&nbsp; Un altro gol incredibile è stato quello di Kolarov, nel soddisfacente e convincente 3-0 dei Citizens contro il Sunderland. La squadra di Mancini che in Europa fatica e non poco, nei confini locali sembra ancora in grado di poter affrontare la sfida per la conquista del titolo.<BR><BR>Dopo i primi due 0-0 nelle prime due partite, l'Arsenal di Wenger preoccupava e non poco. Il malumore dell'ambiente, però, è stato sconfitto: i dodici punti ottenuti sono tutt'altro che un gran bottino ma, almeno, la squadra dell'Emirates potrà ambire alla lotta per la conquista di un posto valido per affrontare la Champions League.&nbsp; Insieme al Totthenam di Villas Boas, che settimana prossima vivrà un ritorno al passato contro il Chelsea, a 14 punti troviamo due piacevolissime sorprese: l'Everton di Liverpool e il West Bromwich Albiol. <BR><BR>Per una squadra di Liverpool in grande spolvero, ne esiste un'altra che vive, ormai da anni, una crisi senza fondo. I Reds hanno ottenuto solamente sei punti nelle prime sette giornate e per la squadra di Brendan Rodgers si profila una stagione durissima e difficilissima. Dopo la clamorosa sconfitta contro l'Udinese, il Liverpool ha ottenuto solo un deludente pareggio a reti inviolate contro lo Stoke City e tra i visi tristi dei tifosi della Kop si intravedeva soltanto un triste pallore. <BR><BR>Nei bassifondi della classifica, oltre a un affannato e poco brillante Southampton di Gaston Ramirez, troviamo il QPR. La stagione è iniziata malissimo e lo testimoniano i soli due punti ottenuti. Julio Cesar non può bastare per preservare una porta che viene bucata spesso, troppo spesso. E il vero talento, Taarabt, malgrado gli ultimi gol fatti, fatica a esplodere, essendo chiamato in causa con poca continuità. La situazione per la squadra di Mark Hughes non è comunque drammatica dato che Norwich e Reading hanno ottenuto solo tre punti e la zona salvezza dista la miseria di due distanze.<BR><BR>Due saranno le partite da tenere sott'occhio al rientro dalla pausa: West Brom e City, a un punto di distanza, combatteranno fino all'ultimo secondo per ottenere tre punti fondamentali.<BR>Sarà anche un derby bellissimo quello che verrà giocato a White Hart Lane tra Spurs e Blues. Villas Boas e Di Matteo, chi la spunterà?<BR><BR><BR><BR>LondraFL0882FL0882ivanovic.jpegSiNpremier-league-settima-giornata-c-e-solo-una-capolista-1008927.htmSi100877901,02,03010143
1321008903NewsCalcio EsteroLiga BBVA, la settima giornata. Pari e patta tra Barça e Real, Atletico primo20121008085617Liga BBVALa settima giornata<STRONG>Celta Vigo-Siviglia 2-0 60'Aspas-85'Lucas</STRONG><br><br> Casa dolce casa per il Celta in quel del "Balaidos" dove è tornato a vincere e perdipiù contro il Siviglia, sconfitto fino ad ora solo dalla capolista Barcellona.Troppi assenti trale fila degli andalusi per poter creare difficoltà ai padroni di casa<br><br> <STRONG>Rayo-Deportivo 2-1 18'Piti-29?Carlos(R) - 41'Pizzi(D)</STRONG><br><br> Una partita con "poco" calcio ma molti spunti interessanti.Notevoli i miglioramenti in fase difensiva dei padroni di casa.<BR>Eccezionali prestazioni dei due portieri, Ruben da un lato e Aranzubia dall'altro.<br><br> <STRONG>Real Saragozza-Getafe 0-1 64'Castro</STRONG><br><br> All'inizio tutto faceva presagire una vittoria casalinga e invece l'incontro si è trasformato in un dramma per i tifosi del Saragozza. Il gol vittoria del Getafe arriva, infatti, da un rigore e conseguente espulsione inesistenti.<br><br> <STRONG>Valladolid-Espanyol 1-1 70'Verdu(E) - 82'Gonzalez(V)</STRONG><br><br> Dopo 7 giornate l'Espanyol continua a cercare la prima vittoria. Partita con molte polemiche. Rigore generosissimo per l'Espanyol e un gol annullato per un fuorigioco inesistente negli ultimi minuti di gioco. Sarebbe stato il gol vittoria per i catalani allenati da Pochettino.<br><br> <STRONG>Betis-Real Sociedad 2-0 18'Paulao- 81'Castro Martin</STRONG><br><br> Con questa vittoria il Betis si posiziona al quarto posto. I sivigliani riescono a trasformare in oro molte delle occasioni che arrivano da calcio piazzato.<br><br> <STRONG>Levante-Valencia 1-0 22'Martins</STRONG><br><br> Il Levante fà suo il derby di Valencia grazie a un gol del nigeriano Martins. Eppure il Valencia,fino al gol subito,stava giocando bene, dilapidando, però, le varie occasioni da gol create. Dopo il vantaggio il Levante ha acquisito sicurezza e più volte è andato vicino al raddoppio.<br><br> <STRONG>Maiorca-Granada 1-2 65'El Arabi-76'Torje(G) - 86'Hemed(M)</STRONG><br><br> Il Granada riesce a dare continuità di risultati e vince su un campo difficile come quello di Maiorca, che, ad onor del vero, deve prendersela con la serie di infortuni che lo stanno penalizzando. A complicare ulteriormente la partita ci si mette anche l'ennesimo errore arbitrale della giornata in occasione del vantaggio su rigore degli ospiti.<br><br> <STRONG>At.Bilbao-Osasuna 1-0 12'Aduriz</STRONG><br><br> Importantissima vittoria dei padroni di casa che consente di navigare in acque più tranquille. Un gol di Aduriz sblocca una partita molto equilibrata. Da segnalare tre legni per gli ospiti.<br><br> <STRONG>Barcellona-Real Madrid 2-2 31'-61'Messi(B) - 23'66'C.Ronaldo(R)</STRONG><br><br> Pareggio su tutti i fronti, nel risultato e nella sfida personale a suon di gol tra Messi e Ronaldo. Due grandi squadre hanno offerto un grande incontro di calcio. Nonostante tutte le polemiche o rivalità alla fine vince il calcio giocato.<br><br> <STRONG>At.Madrid-Malaga 2-1 6'Falcao - 90'A.Gol Weligton(A) - 37'Santa Cruz(M)</STRONG><br><br> L'Atletico acciuffa la prima posizione insieme al Barcellona dopo la vittoria di ieri sera contro il Malaga e con Falcao che continua la sua marcia alla conquista del "Pichichi".Prima sconfitta stagionale per il Malaga.<br><br> Classifica<br><br> 1.Barcelona &nbsp;19<BR>2.Atletico Madrid 19<BR>3.Malaga &nbsp;14<BR>4.Betis &nbsp;12<BR>5.Real Madrid &nbsp;11<BR>6.Mallorca &nbsp;11<BR>7.Sevilla &nbsp;11<BR>8.Valladolid &nbsp;10<BR>9.Getafe &nbsp;10<BR>10.Rayo Vallecano 10<BR>11.Levante &nbsp;10<BR>12.Celta Vigo &nbsp;9<BR>13.Real Sociedad 9<BR>14.Valencia &nbsp;8<BR>15.Granada &nbsp;8<BR>16.Athletic Bilbao 8<BR>17.Zaragoza &nbsp;6<BR>18.Deportivo La Coruna &nbsp;6<BR>19.Osasuna &nbsp;4<BR>20.Espanyol &nbsp;2<br><br>SpagnaFL0411FL0411falcao.jpgSiNliga-bbva-la-settima-giornata-1008903.htmSi100427901,02,03010232
1331008781NewsCalcio EsteroLiga BBVA, il punto sulla sesta giornata20121001110131Liga BBVASesta giornataIl Real Madrid vince contro il Deportivo e si prepara per il "Clasico" di domenica prossima in casa della capolista Barcellona. Cristiano Ronaldo, con latripletta di ieri, raggiunge Messi a quota 6. Il pichichi è Falcao con 7 gol.<BR><BR>Giocate sabato<BR><BR><STRONG>Valencia-Real Saragozza 2-0 12' Feghouli - 59' Viera<BR>Malaga-Betis 4-0 13' Joaquin - 28'Saviola - 72'A.Gol Amaya - 74' Isco<BR>Real-Sociedad-At.Bilbao 2-0 62' Griezmann - 72' Vela<BR>Siviglia-Barcellona 2-3 25' Trochowski 48'Negredo(S) - 53'-84' Fabregas - 90' Villa(B)</STRONG><BR><BR>Giocate ieri<BR><BR><BR><STRONG>Granada-Celta Vigo 2-1 11'Siqueira - 17'Torje(G) - 20'Aspas</STRONG><BR><BR>Prima vittoria in campionato per il Granada di Pozzo grazie ad una splendida prestazione di Toño. Il portiere del Granada è l'eroe di giornata, che ha eretto un muro insormontabile per i giocatori del Celta. <BR><BR><STRONG>Valladolid-Rayo 6-1 5'Dominguez(R) - 10'Bueno-13'-86'Manucho-21'-56'Gonzalez-37'Rukavina(V)</STRONG><BR><BR>Il Valladolid ha dato una vera e propria lezione di calcio al Rayo e atutti gli amanti di football. Gli uomini di Djukic non hanno avuto alcuna pietà e il risultato finale sarebbe potuto essere anche più rotondo.<BR><BR><STRONG>Osasuna-Levante 4-0 55'Armentero-82'Lamah-89'Copovi-90'Nino</STRONG><BR><BR>L'Osasuna era obbligato a vincere e ci è riuscito rifilando quattro gol al Levante in una partita equilibrata che solo negli ultimi minuti è diventata un incubo per la squadra di Valencia.<BR><BR><STRONG>Real Madrid-Deportivo 5-1 16'Riki(D) - 23'-44'-84'Ronaldo-38'DiMaria-66'Pepe(R)</STRONG><BR><BR>Eccezionale prestazione di Di Maria, ieri sera l'uomo in più della squadra di Mourinho. L'argentino, giocando come interno sinistro, è stato un vero e proprio incubo per il Deportivo, e,soprattutto, per Manuel Pablo. <BR><BR><STRONG>Espanol-At.Madrid 0-1 30'Raul Garcia</STRONG><BR><BR>L'Atletico è in buon momento e vince anche senza la sua punta di diamante, Falcao. Gli uomini di Simeone non hanno dato vita ad una partita spettacolare ma, a volte, in campionato l'importante è vincere con umiltà.<BR><BR>Getafe-Maiorca stasera<BR><BR>Getafe e Maiorca chiuderanno stasera la sesta gornata in un incontro dagli obiettivi opposti. Il Getafe cercherà di vincere per uscire dal pantano della bassa classifica, mentre il Maiorca vuole inseguire i primi posti da champions.<BR><BR>Classifica<BR><BR>1.&nbsp;&nbsp;Barcelona &nbsp;&nbsp;18<BR>2.&nbsp;Atletico Madrid&nbsp; &nbsp;16<BR>3.&nbsp;&nbsp;Malaga &nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; 14<BR>4.&nbsp;&nbsp;Mallorca&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;11<BR>5.&nbsp;&nbsp;Sevilla &nbsp;&nbsp;11<BR>6.&nbsp;&nbsp;Real Madrid &nbsp;&nbsp;10<BR>7.&nbsp;&nbsp;Valladolid &nbsp;&nbsp;9<BR>8.&nbsp;&nbsp;Real Sociedad &nbsp;&nbsp;9<BR>9.&nbsp;&nbsp;Betis &nbsp;&nbsp;&nbsp;9<BR>10.&nbsp;Valencia &nbsp;&nbsp;8<BR>11.&nbsp;Rayo Vallecano &nbsp;7<BR>11.&nbsp;Levante &nbsp;&nbsp;7<BR>13.&nbsp;Celta Vigo &nbsp;&nbsp;6<BR>14.&nbsp;Zaragoza &nbsp;&nbsp;6<BR>15.&nbsp;Deportivo La Coruna &nbsp;6<BR>16.&nbsp;Granada &nbsp;&nbsp;5<BR>17.&nbsp;Athletic Bilbao &nbsp;5<BR>18.&nbsp;Osasuna &nbsp;&nbsp;4<BR>19.&nbsp;Getafe &nbsp;&nbsp;4<BR>20.&nbsp;Espanyol &nbsp;&nbsp;1<BR><BR>C1007857SpagnaFL0411FL0411cristiano-ronaldo-real-madrid.jpgSiNliga-bbva-la-sesta-giornata-1008781.htmSi100427901,02,03010697
1341008782NewsCalcio EsteroBundesliga, sesta giornata Bayern sempre primo20121001085824BundesligaLa sesta giornataVenerdì<BR><BR><STRONG>Fortuna Dusseldorf-Schalke 2-2&nbsp; 13' Huntelaar (S), 20' Matip (S), 47' e 77' Schanin(F) </STRONG><BR><BR>Sabato<BR><BR><STRONG>Amburgo-Hannover 1-0&nbsp; 20' Rudnevs (A) </STRONG><BR><BR>Basta un guizzo del lettone Rudnevs per avere ragione dell'Hannover. Un successo di misura che permette ai padroni di casa di respirare in classifica.<BR><BR><STRONG>Bayer Leverkusen-Greuther Furth 2-0 51', 62' Sam (BL)&nbsp;</STRONG><BR><BR>Sorride il Bayer grazie ad una doppietta di Sam, giunta nella ripresa. Modesta l'opposizione fornita dal Furth, che non è quasi mai riuscito ad impensierire i padroni di casa.<BR><BR><STRONG>Hoffenheim-Augsburg 0-0 </STRONG><BR><BR>Reti bianche e poche emozioni. Da segnalare nel finale, al minuto 88, l'espulsione occorsa a Salihovic, della squadra di casa. <BR><BR><STRONG>Norimberga-Stoccarda 0-2&nbsp; 1' Ibisevic&nbsp;- 75' Harnik (S)</STRONG><BR><BR>Punti-salvezza importanti per lo Stoccarda, in goal dopo un solo minuto con l'attaccante bosniaco Ibisevic. <BR><BR><STRONG>Werder Brema-Bayern Monaco 0-2 80' Luiz Gustavo (BM), 82' Mandzukic (BM)&nbsp;</STRONG><BR><BR>Bayern corsaro&nbsp;a Brema: decisivo l'uno-due nel finale ad opera di Luiz Gustavo (80') e Mandzukic (82'), giunto al nono goal stagionale, il sesto in Bundesliga. <BR><BR><STRONG>Borussia Dortmund-Borussia Monchengladbach 5-0 35' Reus (BD), 40' Subotic (BD), 70' Reus (BD), 79' Gundogan (BD), 85' Blaszczykowski (BD)</STRONG><BR><BR>Tornano alla vittoria i campioni di Germania del Borussia Dortmund. I gialloneri, tra le mura amiche del Signal-Iduna-Park, hanno travolto il Gladbach con un eloquente 5-0.&nbsp;Il Dortmund resta a sette punti dalla capolista Bayern.<BR><BR>Giocate ieri<BR><BR><STRONG>Eintracht Francoforte-Friburgo 2-1 50' Kruse (F), 67' e 73' Meier (E)</STRONG><BR><BR>Vittoria in rimonta per l'Eintracht, che a Francoforte ha battuto per 2-1 il Friburgo. Dopo un primo tempo terminato a reti inviolate, in apertura di ripresa la formazione ospite è andata in goal con Krose. Poi, però, si è scatenato Meier, che nell'arco di sei minuti ha prima ristabilità la parità e poi portato in vantaggio la formazione di casa. Friburgo in dieci nel finale di gara per l'espulsione di Guédé.<BR><BR><STRONG>Wolfsburg-Mainz 0-2 26' Dias, 37' Szalai </STRONG><BR><BR>E' la vittoria esterna del Mainz a chiudere il sesto turno di Bundesliga. Dias e Szalai, serviti da un grande Ivanschitz hanno permesso il colpo alla Volkswagen Arena, sorpassando i biancoverdi in classifica. Uomini di Tuchel che salgono a quota sette, Magath traballa a cinque.<BR><BR>Classifica<BR><BR>1.&nbsp; Bayern Munich&nbsp; 18<BR>2.&nbsp; Eintracht Frankfurt&nbsp; 16<BR>3.&nbsp; Borussia Dortmund&nbsp; 11<BR>4.&nbsp; Schalke 04&nbsp;&nbsp; 11<BR>5.&nbsp; Hannover 96&nbsp;&nbsp; 10<BR>6.&nbsp; Fortuna Dusseldorf&nbsp; 10<BR>7.&nbsp; Bayer Leverkusen&nbsp; 10<BR>8.&nbsp; Werder Bremen&nbsp;&nbsp; 7<BR>9.&nbsp; Hoffenheim&nbsp;&nbsp; 7<BR>10. Hamburger SV&nbsp;&nbsp; 7<BR>11. Mainz 05&nbsp;&nbsp; 7<BR>12. Nurnberg&nbsp;&nbsp; 7<BR>13. Borussia Monchengladbach 6<BR>14. Freiburg&nbsp;&nbsp; 5<BR>15. VfB Stuttgart&nbsp;&nbsp; 5<BR>16. Wolfsburg&nbsp;&nbsp; 5<BR>17. Greuther Furth&nbsp; 4<BR>18. Augsburg&nbsp;&nbsp; 2<BR><BR><BR>GermaniaFL0411FL0411bundesliga.jpgSiNbundesliga-la-sesta-giornata-1008782.htmSi100427901,02,03010261
1351008749NewsCalcio EsteroLiga BBVA, sesta giornata: il punto sugli anticipi di oggi20120929121531Liga BBVALiga, la sesta giornataValencia Real Saragozza ore 16<BR><BR>La Real Saragozza ritorna sul campo da dove iniziò l'incredibile rimonta per la salvezza della scorsa stagione e in un momento totalmente differente per i padroni di casa, i quali non hanno dato vita ad un inizio promettente e sicuramente non saranno propensi a regalare punti. Con una vittoria in sei partite (compresa la partita di champions), gli uomini di Pellegrino si troveranno di fronte una squadra che pensa ad accumulare punti utili per&nbsp;una salvezza che arrivi senza i patemi della scorsa stagione. <BR><BR>Malaga-Betis Siviglia ore 18<BR><BR>Malaga e Betis si misureranno nel derby andaluso con gli occhi ben aperti sulla parte alta della classifica. Gli uomini di Pellegrini vengono da un ottimo pareggio esterno a Bilbao e cercheranno di mantenere l'imbattibilità finora maturata. Il Betis, di contro, arrabbiato per la polemica sconfitta infrasettimanale ad opera dell'Atl.Madrid proveranno a bissare il trionfo ottenuto nella passata stagione.<BR><BR>Real Sociedad-At. Bilbao ore 20<BR><BR>Altro derby, stavolta basco. Fari puntati soprattutto su Eñaut Zubikarai, che sarà il grande protagonista della sfida che si giocherà nello stadio Anoeta. Il portiere di&nbsp;riserva della Real Sociedad sostituirà l'infortunato Claudio Bravo, e 28 anni potrà giocare il secondo incontro assoluto in un match di prima divisione spagnola.<BR><BR>Siviglia-Barcellona ore 22<BR><BR>Match clou della giornata. La capolista Barcellona ha chiaro in mente che una vittoria le permetterebbe di avvicinarsi al "Clasico" contro il Real Madrid della prossima settimana con una certa tranquillità. Ad accoglierla, però, stasera, ci sarà un rivale pericoloso che con l'aiuto del Sanchez Pizjuan cercherà di battere anche i campioni catalani. E il Real Madrid ne sa qualcosa.<BR><BR>Questi gli altri incontri della sesta giornata che si giocheranno domani:<BR><BR>Granada-Celta Vigo<BR><BR>Valladolid-Rayo Vallecano<BR><BR>Osasuna-Levante<BR><BR>Real Madrid-Deportivo La Coruña<BR><BR>Español-Atletico Madrid<BR><BR>Getafe-Maiorca Lunedì<BR><BR>C1007857SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNliga-bbva-sesta-giornata-gli-anticipi-1008749.htmSi100427901,02,03010625
1361008750NewsCalcio EsteroRussian Premier League, decima giornata: parte la sfida al CSKA Mosca20120929101931Russian Premier LeagueGiornata 10:a caccia del CSKALa Russian Premier League&nbsp;si avvia a vivere&nbsp;la decima giornata di campionato.<BR><BR>Il Cska Mosca capolista è atteso dal derby contro la Dinamo, avversario sulla carta facile ma che è reduce dalla vittoria sull'Amkar Perm e non è intenzionato a frenare la propria risalita nelle zone che maggiormente gli competono. Il Cska&nbsp;di Leonid Sluckij non ha comunque intenzione di&nbsp;arrestare la propria marcia&nbsp;dopo le sei vittorie consecutive messe in fila nell`ultimo mese. <BR><BR>Alle sue spalle in classifica, l'Anzhi cercherà di tenere il passo della&nbsp; capolista&nbsp;nell'impegno casalingo contro il Volga. Tra le due formazione c'è una distanza abissale e gli opsiti degli uomini di Guus Hiddink non vincono da otto turni. <BR><BR>La Lokomotiv sarà invece di scena in casa dello Zenit nell'anticipo delle 12. La squadra di San Pietroburgo,&nbsp;in difficoltà,&nbsp;in seguito ai deludenti risultati arrivati di recente, cerca&nbsp;il riscatto, per dare seguito al successo in coppa contro il Baltika. <BR><BR>Il Terek Grozny cercherà invece di&nbsp;tornare a sorpendere provando ad espugnare la casa del Kuban per riprendere la marcia verso il sogno, toccato con mano fino ad una settimana fa.<BR><BR>Dopo aver ritrovato la vittoria in occasione della sfida contro il Rostov, lo Spartak cercherà di&nbsp;bissare al Zvezda, dimora dell'Amkar Perm, avversario ostico che ha perso solo tre volte in stagione e mai in casa. <BR><BR>Proprio il Rostov sarà invece di scena contro il Rubin Kazan, ugualmente impegnato nella risalita nelle zone di prestigio. <BR><BR>Dopo il 6-1 al Mordovia, il Krasnodar affronterà il Krylya Sovetov, che deve mettere da parte il rammarico per essersi fatto rimontare dai campioni in carica di Luciano Spalletti da 0-2 a 2-2 sabato scorso. Dopo la batosta i rossoblù se la vedrano contro l'altra formazione neopromossa del torneo: l'Alanyia, reduce da due sconfitte negli ultimi tre turni.<BR><BR>Questo il programma completo:<BR><BR>Oggi<BR>Zenit&nbsp;- Lokomotiv Mosca<BR>Amkar&nbsp;- Spartak Mosca<BR>Kuban&nbsp;- Terek &nbsp;Kuban &nbsp;<BR><BR>Domani <BR>CSKA Mosca&nbsp;- Dinamo Mosca &nbsp;<BR>Anzhi&nbsp;- Volga <BR>FC Rostov&nbsp;- Rubin &nbsp;<BR><BR>Lunedì<BR>Krylia Sovetov&nbsp;- Krasnodar &nbsp;<BR>Mordovya Saransk&nbsp;- Alaniya &nbsp;<BR><BR>RussiaFL0411FL0411spalletti.jpgSiNrussian-premier-league-decima-giornata-1008750.htmSi100427901,02,03010269
1371008651NewspronosticiSerie A, pronostici quinta giornata: riscatto per Inter e Milan. Pareggio tra Napoli e Lazio20120925134531serie a, pronosticiSerie A Pronostici Quinta GiornataLa Serie A non si ferma e con il turno infrasettimanale che comincia domani vogliamo fornire ai nostri lettori i consigli su come scommettere in questa giornata.<BR><BR><BR><STRONG>Fiorentina-Juventus</STRONG> X2: si gioca Martedì 25/09 H. 20.45, l'anticipo della quinta giornata. Bianconeri imbattuti da 43 gare in campionato e che certamente proveranno a vincere. Fiorentina che di contro proverà a fermare la capolista&nbsp; anche se il compito è dei più difficili.<BR><BR>Mercoledì<BR><BR><STRONG>Catania-Atalanta</STRONG> 1: siciliani che in casa sono quasi imbattibili. <BR><BR><STRONG>Chievo-Inter</STRONG> X2: nerazzurri che in trasferta si trasformano, ma il Chievo è già reduce da due sconfitte.<BR><BR><STRONG>Genoa-Parma</STRONG> 1: grifoni che hanno dimostrato di potersela giocare con tutti, soprattutto in casa.<BR><BR><STRONG>Milan-Cagliari</STRONG> 1X: una volta il segno sarebbe scontato, ma con questo Milan tutto è possibile, lo dimostrano già le due sconfitte con Sampdoria e Atalanta.<BR><BR><STRONG>Napoli-Lazio</STRONG> X: non sono reduci da buone prestazioni e potrebbe venire fuori una partita dal pareggio scontato.<BR><BR><STRONG>Pescara-Palermo</STRONG> Over: difese allegre e attacchi che hanno bisogno di segnare, possibili tante reti.<BR><BR><STRONG>Roma-Sampdoria</STRONG> 1: Roma che proverà a riscattare la sconfitta casalinga contro il Bologna.<BR><BR><STRONG>Torino-Udinese</STRONG> X: sono in buona condizione&nbsp; e un pareggio potrebbe essere alla fine il risultato più probabile.<BR><BR><STRONG>Siena-Bologna</STRONG> 1X: posticipo della quinta giornata si giocherà Giovedì 27/09 H. 20.45, con i bianconeri può quotati degli ospiti.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650adm001adm001C_3_Media_1521781_immagine_obig.jpgSiNserie-a-pronostici-quinta-giornata-riscatto-per-inter-e-milan-pareggio-tra-napoli-e-lazio-1008651.htmSi100075501,02,03,06,07,080101490
1381008484NewsCalcio EsteroAnticipi Quarta Giornata della Liga: la tristezza corrode il Real Madrid20120916102746Liga BBVAAnticipi Liga spagnola: Barcellona primo a punteggio pienoValencia-Celta 2-1 3' Feghouli&nbsp;- 15' Cabral(C)&nbsp;- 50' Cissokho<BR><BR>Tre punti che momentaneamente tranquillizzano il Valencia ma che sollevano non pochi dubbi. I valenciani è vero che hanno vinto grazie ad un organico di una indiscutibile qualità, ma&nbsp;non sono riusciti&nbsp;ad esprimere un vero gioco di squadra.<BR><BR>Malaga&nbsp;- Levante 3-1 28' Saviola&nbsp;- 46'Michel (L)&nbsp;- 59' Joaquin&nbsp;- 90' Portillo<BR><BR>È il miglior inizio di stagione di tutti i tempi per la squadra andalusa. Vince e convince contro il Levante e capitalizza già 10 punti in 4 turni di Liga. Javier Saviola è stato uno degli indiscussi protagonisti dell'incontro con un gol e un assist. Poi, Joaquin e Portillo hanno spento le speranze di un mai domo Levante, che aveva agguantato il pareggio grazie ad un gran gol di Michel all'inizio del secondo tempo.<BR><BR>Getafe&nbsp;- Barcellona 1-4 32' Adriano&nbsp;- 74'&nbsp;- 78' Messi&nbsp;- 80' Sarabia (G)&nbsp;- 90' Villa<BR><BR>Le circostanze hanno obbligato Tito Vilanova a schierare una formazione atipica per una serie di motivi; uno di questi, perchè Messi non appariva nell'undici iniziale. L'argentino ha giocaato solo la mezz'ora finale ed è stata sufficiente per&nbsp; segnare due gol e risolvere una partita ostica in uno stadio dove il Barça solitamente incontra parecchie difficoltà. La capolista si è permessa di concedere un po' di riposo alla sua stella e, ciononostante, è riuscita a tornare a casa rifilando una goleada e mantenendo la prima posizione a punteggio pieno.<BR><BR>Siviglia- Real Madrid 1-0 2' Trochowski<BR><BR>Il Real Madrid, fresco di maglietta nuova e verde speranza, nei 90 minuti contro il Siviglia ha acquisito un colore di disperazione. È sembrata una squadra impotente di fronte ad un Siviglia macinasassi, soprattutto nel primo tempo.<BR>Il Siviglia ha messo in campo tutto quello che ci si aspettava dal Real, che,invece, è entrato molle in campo e infatti ha preso l'unico gol dell'incontro nei primi minuti di gioco e su calcio d'angolo. Il bilancio nefasto degli uomini di Mourinho è di 4 punti in 4 giornate e sono già 8 di distacco dalla capolista Barcellona.<BR><BR>C1007857SpagnaFL0411FL0411messi.jpgSiNanticipi-quarta-giornata-liga-spagnola-1008484.htmSi100427901,02,03010352
1391008440NewsCampionatiSampdoria, Garrone: «Voglio la qualificazione in Champions League»20120913104531sampdoria, garroneSampdoria GarroneIl vice presidente della Sampdoria Garrone a La Gazzetta dello Sport svela i progetti: "Stadio e centro sportivo nuovi per una squadra di grande livello. Ma il ciclo Mantovani resterà unico: ora troppo divario dalle grandi".<br><br> La quarta capolista del campionato ha cinque punti e viene dalla B. È la sorpresa Samp di Garrone, che nelle ore trascorse in Gazzetta ha illustrato i traguardi presenti e futuri che vorrebbe raggiungere. Cioè la Champions League, uno stadio di proprietà e un nuovo centro sportivo. L`investimento? Un centinaio di milioni.<BR>La chiacchierata parte da un riconoscimento che inorgoglisce il patron del club blucerchiato. "Rummenigge, nella riunione Eca, ci ha assegnato il premio Fan Relations Project: siamo il club europeo leader nei rapporti con i tifosi. Ne andiamo fieri".<br><br> Il fair play village della scorsa stagione ha colpito.<BR>"Evidentemente. Per stemperare la delusione della retrocessione e fare amicizia con i supporter avversari parcheggiavamo la nostra tensostruttura nelle città che ospitavano le partite della Samp offrendo prodotti tipici della Liguria: focaccia e un bicchiere di vino creano subito un buon clima".<br><br> Del resto la sua società si è sempre distinta per signorilità.<BR>"L`attaccamento alla maglia, ai valori veri della competizione sportiva, il riconoscimento delle autorità e dei meriti altrui, sono elementi ineliminabili dal nostro dna. Ah, quel blucerchiato& Sapete che il Guerin Sportivo ha pubblicato un sondaggio nel quale la nostra risulta la maglietta che piace di più al mondo? È semplicemente unica".<br><br> Ventimila spettatori di media in B e ventimila abbonati in A: la fiducia non manca.<BR>"La gente ha premiato la nostra politica: chi faceva la tessera l`anno scorso in caso di promozione l`avrebbe riavuta allo stesso prezzo. E questo nonostante la retrocessione ci sia costata 25 milioni, tra incassi tv, sponsor e quote partita".<br><br> E lei come intende premiare il suo popolo?<BR>"Intanto costruendo uno stadio di proprietà, condizione essenziale per ampliare le entrate e fare un buon mercato".<br><br> Ha già individuato un`area?<BR>"Lo aveva fatto mio padre, quella dell`aeroporto, poi bocciata dall`Enav. Ma lo studio dell`architetto Boeri ci aveva fornito altre soluzioni, il Porto, la zona Fiera. Ci stiamo ragionando. Dovrà essere però una struttura in grado di rilanciare l`immagine attualmente appannata di una città che resta bellissima. Entrando dal mare nella baia di Città del Capo la prima cosa che noti è lo stadio. Il nostro simbolo, la Lanterna, verrà affiancato dallo stadio della Sampdoria".<br><br> Spesa prevista e tempi?<BR>"Oggi lo si fa in due anni e con una ottantina di milioni. All`epoca del primo progetto ne servivano duecento".<br><br> Stadio nuovo, incassi maggiori e quindi avremo un`altra& Udinese in Champions?<BR>"È chiaro che se si guarda all`Europa, e noi quest`anno pensiamo anzitutto alla salvezza, la mente corre alla coppa più prestigiosa& Io l`ho sognata da bimbo quando Natale mi portava in gradinata Sud e poi da sponsor, quando ce la soffiò il Barcellona& Mi piacerebbe riprovarci anche se ritengo inimitabile il ciclo Mantovani, proprio per una questione meramente economica: ai tempi il divario fra piccole, medie e grandi non era enorme e quindi si poteva competere per lo scudetto. Oggi è impossibile".<br><br> La famiglia Pozzo però avrà pur insegnato qualcosa&<BR>"Sì, il loro modello mi piace e mi attira. Diciamo che se l`Udinese è fantastica nel pescare i talenti, noi possiamo provare a fabbricarli in casa. Oltre ad osservatori bravi e fidati ci occorrerà un centro sportivo più grande di Bogliasco, che non è ampliabile purtroppo. Pensiamo a sette campi, con albergo, foresteria per i ragazzi, uffici& Se ci danno l`area, già individuata, sono pronto ad investire una ventina di milioni per realizzarlo".<br><br> Si sente a capo di una tifoseria di elite? Pochi, ma eccellenti&<BR>"Ma no, io sto andando incontro al nostro popolo mettendo a disposizione ogni ritrovato tecnologico e facendo della trasparenza un vessillo. Certo, nella classifica del riparto dei proventi dei diritti televisivi, siamo come quei fenomeni di nicchia: quattordicesimo posto. E se fra noi e il Palermo, che è in una fascia più alta, ci sono venti milioni, fra noi e le tre regine del calcio italiano ce ne sono novanta& Capite perché sostengo che l`epopea Mantovani rimarrà ineguagliabile?".<br><br> Beh, per fortuna esiste anche l`abilità di manager, tecnici, giocatori& Come si è arrivati alla scelta di Ciro Ferrara?<BR>"Avevamo puntato su Zeman: un`idea entusiasmante perché lui incarna i nostri valori di pulizia morale, integrità, rispetto delle regole. Ma è stato promosso senza play off e così quando ci siamo ritrovati in A ce lo aveva già soffiato la Roma: nessun rancore anzi gli auguro di vincere lo scudetto e sono convinto che può farcela. Poi venne fuori la pista Benitez, rivelatasi impercorribile poiché Rafa intendeva riscattarsi subito con una squadra da vertice. E allora ecco un poker di candidati: Lucescu jr, Pochettino, Deschamps e Ferrara. Abbiamo scelto l`italiano per integrità morale, la carriera da giocatore, la buona prova con la Under e anche per il suo staff: Peruzzi e Neri sono professionisti di spessore".<br><br> Se lo immagina Roberto Mancini, da nonno, sulla panchina della Samp?<BR>"Beh, l`ha detto lui che intende tornare ed io sarei ben lieto di accoglierlo. Dopo averlo visto vincere tantissimo e guadagnare in proporzione&".<br><br> Terrete il vecchio capitano, Angelo Palombo, in tribuna?<BR>"No, ha ripreso ad allenarsi. Però siamo stati chiarissimi: è il nono di un centrocampo a tre. Se lo meriterà andrà in campo. Umanamente è una vicenda che colpisce, però io non mi avvicino nemmeno al milione e mezzo netto che lui guadagna all`anno".<br><br> Scudetto alla Juve?<BR>"E` la favorita. Ma io lo darei alla Roma per la brillante ristrutturazione societaria e al Napoli per la simpatia e l`entusiasmo dei suoi tifosi".<br><br> Tornerà un Garrone in consiglio di Lega?<BR>"Organismo inutile. Così com`è concepita la Lega è ingovernabile. Va ripensata".<br><br> &nbsp;<br><br>C1007650Genovaadm001adm001ultras_sampdoria_getty_1.jpgSiNsampdoria-garrone-voglio-la-qualificazione-in-champions-league-1008440.htmNoT1000007100075701,02,03010274
1401008245NewsCampionatiSeedorf trascina il Botafogo20120906134531botafogo, seedorfBotafogo SeedorfDoppietta di Seedorf in 3' nella vittoria in rimonta per 3-1 del Botafogo sul campo del Cruzeiro, in una delle gare della 22/a giornata di Serie A brasiliana. Mentre la capolista Atletico Mineiro, priva di Ronaldinho, e' bloccata sullo 0-0 a Bahia. Altre: Figueirense-Corinthians 1-0, Flamengo-Ponte Preta 0-1, Gremio-Goianense 2-1, Nautico-Vasco da Gama 1-1, Portuguesa-Coritiba 3-0, San Paolo-Internacional 1-1. Oggi chiudono il programma della giornata Fluminense-Santos e Palmeiras-Sport.<BR>adm001adm001180726.jpgSiNseedorf-trascina-il-botafogo-1008245.htmNo100075701,02,03010203
1411008095NewsCoppeLe rivali delle italiane nelle coppe europee, conosciamole meglio20120901201531Champions League, Europa League, Rivali italianeLe rivali in Champions League e Europa LeagueCon il sorteggio dei gironi dell`Europa League, si è completato il quadro delle italiane impegnate nelle due coppe europee, con solo Milan e Juventus a difendere i nostri colori in Champion`s League (Erano inserite rispettivamente in prima e terza fascia), e ben quattro squadre a rappresentarci nella coppa tanto bistrattata negli anni precedenti dalle nostre compagini. Andiamo adesso a conoscere meglio le squadre inserite nei gironi insieme alle squadre italiane:<BR><BR><BR><EM><STRONG>Champion`s League, Gruppo C: Milan, Zenit San Pietroburgo, Anderlecht, Malaga</STRONG></EM><BR><BR><EM>Zenit</EM><BR><BR>Una squadra complessivamente solida, campione in carica della Premier League russa, ma che si è mossa poco nel mercato estivo in attesa principalmente del Top Player(Si parla tanto di Nani del Manchester United), cresciuta molto sotto la sapiente regia di mister Spalletti e del suo 4-2-3-1 ma globalmente non sembra una squadra capace di ammazzareil girone.<BR><BR>Da tenere d`occhio: oltre al nostro Domenico Criscito, segnaliamo l`attaccante russo Kerzhakov e il centrocampista portoghese Miguel Danny (quest`ultimo ritornato da un infortunio al legamento crociato)<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><EM>Anderlecht</EM><BR><BR>La squadra belga torna a partecipare alla fase a gironi dopo sei anni dopo aver demolito i lituani dell`Ekranas nel terzo turno Preliminare, hanno molto faticato nei Play-Off&nbsp; contro i ciprioti del Limassol, rimontando il 2-1 subito, al ritorno vincendo 2-0. L`allenatore è l`olandese John van den Brom arrivato quest`anno dal Vitesse, schiera spesso la squadra con un solido 4-4-2 (Ma non disdegna un 4-3-3 difensivo usato spesso con la squadra olandese)<BR><BR>Da tenere d`occhio: Il centrocampista argentino Lucas Biglia, e l`ex attaccante del Liverpool Milan Jovanovic<BR><BR><BR><EM>Malaga<BR></EM>&nbsp;<BR><BR>Il giocattolo dello sceicco Al Thani (Cugino del proprietario del PSG) è quasi definitivamente saltato. Andati via i vari Cazorla, Rondon, Mathijsen, Maresca e Van Nisterlooy, restano poche certezze. Una su tutte l`allenatore, il cileno Pellegrini, e una squadra composta da un mix di giovani talenti (Su tutti Olinga) e giocatori di grande esperienza (Demichelis e il nuovo acquisto Saviola).&nbsp; Da superare il fortino de La Rosaleda<BR><BR>Da tenere d`occhio: Due giovani attaccanti promossi in prima squadra: Isco (Spagnolo, `92) e Olinga (Camerunese)<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><STRONG><EM>Champion`s League, Gruppo E: Chelsea, Shaktar Donetsk, Juventus, Nordjaelland</EM></STRONG><BR><BR><BR><EM>Chelsea</EM><BR><BR><BR>I campioni in carica vengono da un mercato scoppiettante (vedi i 40 milioni versati al Lille per il talentino Hazard) e da un ottimo inizio di campionato (3 vittorie su altrettanti incontri). Squadra completa in tutti i reparti, l`unica incognita potrebbe essere legata alla panchina, con Roberto Di Matteo alla prima stagione completa su una panchina notoriamente pesante.<BR><BR><BR>Da tenere d`occhio: Oltre al già citato Hazard, segnaliamo il giovane tedesco Marin e soprattutto un ritrovato Fernando Torres<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><EM>Shaktar Donetsk</EM><BR><BR><BR>I campioni in carica ucraini si ripresentano alla fase a gironi senza sostanziali novità, ma come sempre pronti a mettere i bastoni tra le ruote ad ogni avversario. In panchina una vecchia conoscenza del calcio italiano come Mircea Lucescu a comandare una schiera di brasiliani terribili, coadiuvati da giocatori di grinta e talento quali Srna e Chygrynskiy(Ex Barcellona)<BR><BR><BR>Da tenere d`occhio: Due brasiliani già noti a molti: Il centrocampista Fernandinho e la punta Luis Adriano<BR><BR><BR><EM>Nordjaelland</EM><BR><BR><BR>Campioni un po` a sorpresa del campionato danese, sulla carta dovrebbe essere la classica squadra materasso. Un gruppo esploso sotto la gestione del giovane Kasper Hjulmand. Squadra senza nessuna pressione, un fattore da non sottovalutare, anche se il tasso tecnico non è certamente elevato. Potrebbe tirare qualche tiro mancino.<BR><BR>Da tenere d`occhio: Andreas Laudrup, figlio dell`ex giocatore della juventus nonché ex allenatore del real madrid, Jolly offensivo con il vizio del Gol<BR><BR><BR><STRONG><EM>Europa League, Gruppo A: Liverpool, Udinese, Young Boys, Anzhi</EM></STRONG><BR><BR><EM>Liverpool</EM><BR><BR>A guardare i nomi a disposizione di mister Rodgers, viene da chiedersi Perché non fa la Champion`s?Una rosa completa in ogni reparto e ricca di qualità: Ai vari Gerrard, Suarez e Cole sono stati aggiunti due ottimi elementi come il nostro Borini e l`ex centrocampista di Borussia Dortmund e Real Madrid Sahin in prestito, anche se non appare molto solida in difesa. Avversario molto ostico e serio candidato per un ruolo di primo piano in tutta la competizione, nonostante abbia stentato nei preliminari.<BR><BR>Da tenere d`occhio: Jordan Henderson, classe `90. Ottima visione di gioco, in prospettiva può essere un campione. Già nel giro della nazionale maggiore (Fu convocato da Hodgson al posto di Lampard per Euro 2012)<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><EM>Young Boys</EM><BR><BR>Non promette spettacolo la compagine svizzera: Solo 5° nella classifica di campionato (a 7 lunghezze dalla capolista Sion) dopo 7&nbsp; giornate, e molto in difficoltà nei vari turni di qualificazione alla fase a gironi, difficilmente riuscirà a dire la sua per la qualificazione. Squadra da temere soprattutto in casa, dove il campo sintetico può creare più di qualche problema.<BR><BR>Da tenere d`occhio: Bobadilla, attaccante classe `87 scuola River, un mix di fisico e tecnica<BR><BR><BR><EM>Anzhi</EM><BR><BR>Altra squadra piena di giocatori talentuosi convinti a suon di milioni: Eto`o, Boussoufa, Zhirkov. Con in panchina quella vecchia volpe di Guus Hiddink la squadra ha compiuto un ulteriore salto di qualità (emblematico il 5-0 con il quale la squadra si è sbarazzata dell`Az Alkmaar nei Play-Off) e che rischia di diventare una vera e propria mina vagante.<BR><BR>Da tenere d`occhio: Tra i tanti campioni segnaliamo Lacina Traorè, arrivato quest`anno per 12 milioni: un classe `90 che con Hiddink potrebbe esplodere a livello europeo<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><STRONG><EM>Europa League, Gruppo F: PSV, Napoli, Dnipro, AIK</EM></STRONG><BR><BR><EM>PSV</EM><BR><BR><BR>Squadra sempre ostica quella olandese, ricca di giovani talentuosi pronti a diventare i campioni di domani e di giocatori navigati che possono guidarli. In panchina è arrivato un tecnico esperto come Advocaat che promette gioco e risultati, ma la falsa partenza in campionato (sconfitta 3-2 contro il waalwijk) ha creato seri dubbi sulla tenuta della squadra in difesa<BR><BR><BR>Da tenere d`occhio: Tra le garanzie come Van Bommel e i giovani come Strootmann e Matavz, noi segnaliamo il capitano Ola Toivonen, `86 che già ha fatto vedere ottime cose agli europei con la maglia della nazionale svedese<BR><BR><BR><EM>Dnipro</EM><BR><BR><BR>Squadra sconosciuta ai molti, alla terza partecipazione consecutiva in Europa League. Squadra solida, e a dispetto di un primo ottimismo, può rivelarsi avversario molto ostico, specialmente in casa. Da un paio di anni la guida tecnica è stata affidata a Juande Ramos, e l`ex allenatore del Tottenham ha trovato un equilibrio di gioco e una continuità di risultati.<BR><BR>Da tenere d`occhio: L`attaccante croato Nikola Kalinic, classe `88, ottimo giocatore, se migliora la mira sotto porta può diventare un fenomeno<BR><BR><BR><EM>AIK</EM><BR><BR><BR>Altra squadra da non sottovalutare, questa. Perché sarà pur vero che non è blasonata come il PSV, ma nei Play-Off ha eliminato una delle squadre più quotate addirittura per la vittoria, il CSKA Mosca. Una vittoria frutto di un gioco fresco sotto la guida dell`ex attaccante del club Andreas Alm, che schiera la squadra con un 4-4-2 molto fluido.<BR><BR>Da tenere d`occhio: Kwame Karikari, attaccante ghanese del `92, dopo una stagione discreta, da lui si aspetta il salto di qualità.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR><STRONG><EM>Europa League, Gruppo H: Inter, Rubin Kazan, Partizan Belgrado, Neftci</EM></STRONG><BR><BR><BR><EM>Rubin Kazan</EM><BR><BR><BR>Formazione che ormai in Europa molti conoscono, quella russa. Direttamente ammessa alla fase a gironi, avendo vinto la coppa nazionale, questa squadra si candida prepotentemente come anti-Inter nel girone. Da Anni in panchina siede il Turkmeno Berdiyev, tecnico che ha portato alla rivalsa molti talenti (Fu l`unico allenatore a superare il Barcellona al Camp Nou nella Champion`s 2009-10, 1-2)<BR><BR>Da Tenere d`occhio: Cristian Ansaldi, terzino destro della formazione russa, da anni appetito da mezza europa.<BR><BR><BR><EM>Partizan Belgrado</EM><BR><BR><BR>Una stella in più per la tifoseria, una delle più caldeal mondo, capaci di far tremare ogni squadra avversaria. Per il resto, la squadra non sembra sulla carta all`altezza di Inter e Rubin. Una rosa giovane ed ambiziosa, ma almeno sulla carta non in grado di reggere una competizione europea, specialmente a certi livelli.<BR><BR>Da tenere d`occhio: Lazar Malkovic, seconda punta diciottenne; Tomic, ala destra classe `88; Entrambi promettono bene.<BR><BR><EM>Neftci</EM><BR><BR><BR>Prima partecipazione per i campioni azeri, la formazione è la vera matricola non solo del girone, ma dell`intera coppa. Eppure, anche questa squadra per raggiungere la qualificazione ha fatto una vittima illustre come l`Apoel Nicosia. Improbabile che possa dire la sua per la qualificazione, ma non avere nessuna pressione può essere un vantaggio.<BR><BR>Da tenere d`occhio: Rodriguinho, mediano trentenne ex santos, stella della squadra azera.<BR><BR><BR><STRONG><EM>Europa League, Gruppo J: Tottenham, Panathinaikos, Lazio, Maribor</EM></STRONG><BR><BR>&nbsp;<BR><BR><EM>Tottenham</EM><BR><BR>&nbsp;<BR><BR>E` vero, senza Modric è una squadra molto diversa, ma resta pur sempre una squadra molto temibile: Bale, Adebayor, Lennon, nomi che mettono paura. Assimilata la rabbia per l`esclusione dalla Champion`s (nonostante il 4° posto è andata in Europa League per dare precedenza al Chelsea campione in carica), la squadra riparte con un nuovo tecnico, l`ex Porto e Chelsea Villas Boas molto contestato dai tifosi.<BR><BR>Da tenere d`occhio: Dembelè, acquistato dal Fulham per 13 milioni, il centrocampista che dovrebbe sostituire Modric: arduo, ma non impossibile.<BR><BR><BR><EM>Panathinaikos</EM><BR><BR><BR>Eliminato dal Malaga nei Play-Off di Champion`s, si candida come favorita numero 2 nel girone. Organico di prima fascia, un gioco ormai collaudato dal tecnico Jesus Ferriera, sono le principali forze dei greci. A prima occhiata non da` l`impressione di una rosa completa sotto ogni aspetto, con il rischio di trovarsi scoperto in fasi cruciali della stagione<BR><BR>Da tenere d`occhio: Fornaroli, l`attaccante ex Sampdoria, potrebbe dimostrare le sue qualità in una formazione dove l`attaccante centrale è il fulcro del gioco<BR><BR><BR><EM>Maribor</EM><BR><BR><BR>Altra squadra che può sorprendere: arriva dai Play-Off di Champion`s, campione Sloveno in carica, rappresenta l`alternativa alle bigdel girone. Formazione tipo il 4-4-1-1, modulo abituale di mister Milanic, da quattro anni sulla panchina della formazione slovena. Difficile opporsi alle altre tre squadre, c`è il rischio di ridursi a semplice comparsa.<BR><BR>Da tenere d`occhio: Tavares, punta e capitano della squadra, leader fuori e dentro; Il suo vice, Robert Beric, 21 anni, ottima promessa.<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>&nbsp;<BR><BR>C1007650FL0733FL0733champions-league1.jpgSiNle-rivali-delle-italiane-nelle-coppe-europee-1008095.htmSi100808001,02,03010401
1421004662NewsCampionatiMilan-Atalanta, per Cassano ancora panchina20120502170240MilanPer Cassano ancora panchinaStasera a San Siro andrà in scena Milan-Atalanta, valevole per la 36° giornata di campionato. Se il Milan vuole ancora&nbsp;credere nello scudetto, deve sperare in un passo falso della Juventus capolista, impegnata nella sfida, non proprio proibitiva, contro il Lecce di Serse Cosmi. Tra i convocati di mister Allegri, c'è anche Antonio Cassano il quale, però, molto probabilmente partirà dalla panchina.C1000009MilanoFL0112FL0112cassano 2.jpgSiNallegri-mette-cassano-in-panchina-1004662.htmSiT1000027100456601,02,03,07030180
1431004420NewsCampionatiAllo Juventus Stadium nasce il «J Museum»20120425091531juventus stadiumSarà inaugurato il 16 Maggio<P>Sono passati appena 7 mesi dall'inaugurazione del maestoso Juventus Stadium, senza ombra di dubbio fiore all'occhiello degli stadi italiani e arma in più della capolista, e già c'è pronta una nuova prima: il 16 Maggio sarà presentato infatti&nbsp;al pubblico il "J Museum", tramite cui, grazie a foto, immagini, maglie, trofei e video rivive 115 anni di storia bianconera.</P> <P>Il museo sarà situato nella parte est dello stadio, e grazie allo Stadium Tour (che già conta ben 35000 visite), sarà possibile rivivere all'interno dell'enorme edificio le imprese dei vari campioni come Del Piero, Platini, Sivori, Zidane,&nbsp;dei bianconeri volati in cielo come&nbsp;Fortunato e Scirea, e ci sarà una sezione dedicata anche ai due giovani della Primavera scomparsi tre anni fa.</P> <P>Il direttore sarà Paolo Garimberti, noto giornalista nazionale e internazionale.</P> <P>&nbsp;</P>FL0141FL0141juventus stadium.jpgSiNallo-juventus-stadium-nasce-il-j-museum-1004420.htmSi100205001,02,03030277
1441004320NewsCampionatiBella vittoria della capolista Trapani in casa con la Triestina20120422181135trapaniTrapani - Triestina 3 a 2Bella vittoria in casa del Trapani&nbsp; contro una Triestina ben messa in campo. alla Stadio Provinciale di Trapani finisce 3 a 2 per i granata. Ospiti in vantaggio al '10 con De Vena, reazione d'orgoglio per gli uomini di Boscaglia chpareggiano alla fine del primo tempo con Madonia. A primo affondo del secondo tempo vantaggio per i padroni di casa con Gambino. Il 3 a 1 arriva subito dopo con il gol di Abate. Parita chiusa, sembrerebbe, ma la Triestina riapre la partita al '73 con D'Ambrosio.&nbsp;Con questa vittoria il Trapani&nbsp;consolida il 1° posto in classifica del Campionato Lega Pro. Gir.B.Trapani Stadio ProvincialeFL0311FL0311trapani.jpgSiNrisultati-campionati-lega-pro-gir-b-trapani-triestina-1004320.htmSi100423201,02,03030337
1451003998NewsCampionatiRoma, Luis Enrique: «Mi preoccupa la Fiorentina. Marquinho è un acquisto importante»20120414105531roma, luis enriqueTotti è un calciatore che non parla molto ma l`esempio che dà sul campo è molto meglio<P>Il tecnico della <STRONG>Roma</STRONG>,<STRONG> Luis Enrique</STRONG>, parla in conferenza alla vigilia del match contro la <STRONG>Fiorentina.</STRONG></P> <P>Sulla Fiorentina<BR>"È in un momento di difficoltà, ma nell'ultima trasferta ha vinto contro la capolista di allora. Dobbiamo prestare molta attenzione"</P> <P>Sulla maturazione della squadra<BR>"Abbiamo fatto buone cose, altrimenti non saremmo in lotta per la Champions League. Non siamo stati regolari, ma lo sappiamo. Lavoriamo ogni settimana per migliorare e per essere più regolari"</P> <P>Sulla posizione in campo di Totti<BR>"Francesco è di un livello unico, si mette sempre a disposizione. Ha tanta esperienza, ed alcune situazione in campo le gestisce lui stesso molto bene"</P> <P>Sul tifo<BR>"Capisco che dopo qualche sconfitta e qualche figuraccia che abbiamo fatto, tifosi siano arrabbiati. Noi abbiamo bisogno del supporto del nostro tifo, e loro lo stanno facendo al 99.9%. È normale che ogni tanto ci sia un po' di rabbia, ma li ringrazio per il loro supporto"</P> <P>Su Marquinho<BR>"Sta facendo molto di più rispetto a quanto ci aspettavamo. Può saltare l'uomo, attacco lo spazio e verticalizza. Non solo, ancora non lo avete visto come calcia. Si è messo a disposizione con umiltà, ti chiede dove sbaglia e dove può migliorare. Siamo tutti molto felici, è stato un grande acquisto"</P> <P>Sulla gara d'andata con i viola<BR>"Servirà come stimolo, per noi è stata una brutta gara. Abbiamo fatto il nostro gioco nonostante l'inferiorità numerica"</P> <P>Sul carisma di Totti<BR>"Francesco è un calciatore che non parla molto ma l'esempio che dà sul campo è molto meglio. Quello che fa vedere al resto dei compagni è molto importante. Con l'Udinese ha fatto un grande sforzo per essere in campo vicino ai compagni nonostante non fosse al top fornendo una prestazione bellissima".</P> <P>Su Bojan<BR>"E' giovane e va lasciato in pace perché sta facendo grandi miglioramenti. Mi conforta sapere che ogni giorno che passa migliora come tutti gli altri giovani. I frutti li vedremo in futuro."</P> <P>Ancora sulla Fiorentina<BR>"Mi preoccupa la Fiorentina perché non era preparata per lottare per non retrocedere nonostante abbia tantissima qualità con giocatori come Jovetic e Montolivo. Molti di loro giocano in nazionale come Vargas ad esempio. E' una squadra bisognosa di punti per la salvezza: questa è la cosa che più mi preoccupa di più" (vocegiallorossa)</P>C1000009adm001adm001luis enrique.jpgSiNroma-luis-enrique-conferenza-fiorentina-1003998.htmSiT1000012100075701,02,03030174
1461003843NewsCampionatiCalcio Europeo: il programma della giornata20120411183931Calio internazionaleTante partite, tutte decisive.<P>Tante partite, tutte importanti. Un mercoledì in cui bisognerebbe guardare più partite contemporaneamente. In Italia tutti i riflettori saranno puntati su Juventus-Lazio, ma di grande interesse&nbsp;sarà anche lo spareggio per il quarto posto Roma-Udinese. Tutte le partite in Serie&nbsp;A saranno disputate ale 20.45. </P> <P>In Spagna un'altra sfida che vale il titolo di campione di Spagna: il derby di Madrid.&nbsp;Dopo gli ultimi passi falsi, il Real non può più sbagliare se vuole mantere un vantaggio prima del Clasico contro il Barcellona. Non sarà una partite come le altre, infatti, &nbsp;alle 22.00 Mourinho e i suoi saranno di scena al Vicente Calderon. Quale occasione migliore per i colchoneros per vendicarsi delle sconfitte degli ultimi anni?</P> <P>In Inghilterra il Manchester City ha l'ultima opportunità di riaprire la Premier, all'Etihad arriva il WBA. Tutto sarà subordinato al risultato del JJB stadium dove si affronteranno Wigan e Manchester United. Il Wolverhampton è in caduta libera e al Molineaux arriva un lanciatissimo Arsenal che vuole siglilare il terzo posto dopo l'ennesimo passo falso degli Spurs. Anche in Inghilterra tutte le partite inizieranno alle 20.45.</P> <P>Oggi si potrebbe decidere anche la Bundesliga. Il Borussia Dortmund ospita il Bayern Monaco al Westfalen stadion e la partita ha il sapore di uno spareggio. Le squadre sono separate da soli due punti e una sconfitta dei gialloneri sarebbe di fatto il passaggio di consegne che il Bayern aspetta da un anno. Calcio d'Inzio alle ore 20.</P> <P>Per chi fosse interessato al calcio francese, il Marsiglia di Deschamps affronta la capolista Montpellier che si trova a pari punti con il Psg in testa alla classfica, ma con una partita da recuperare. La partita inizia alle 18.</P> <P>Insomma, un mercoledì da non perdere in cui si potrebbero decidere le sorti di tutti i campionati europei più importanti. </P>1007856RomaFL0161FL0161calcio-1.jpgSiNprogramma-della-giornata-calcio-europeo-notizie-1003843.htmSi100363401,02,03030384
1471003484NewsEditorialeCatania: ottavo risultato utile consecutivo, bloccata anche la corazzata Milan20120401085041milan, catania, juve, massimino, montellaAnnullato un gol ai siciliani per un sospetto off-side, i rossoneri protestano per il salvataggio di Marchese su Robinho, probabilmente al di là della linea<P align=justify>Un Catania pimpante, specie nella ripresa, ferma i rossoneri, scesi in campo al Massimino per vincere e mantenere la Juve a debita distanza, e presentarsi per il ritorno di Champions di martedi contro il Barcellona con il morale alle stelle. Alla fine la formazione milanista viene bloccata sul punteggio di 1 a 1 da un ottimo Catania, che dopo aver subito lo svantaggio ad opera di Robinho nel primo tempo, nei secondi 45 minuti mette alle corde la capolista, che capitola su azione d'angolo grazie al colpo vincente sferrato da Spolli, e rischia di perdere nell'ultima azione del match su un tiro ravvicinato di Izco imbeccato da Llama (decisivo il salvataggio di Antonini). Finisce tra gli scroscianti applausi di tutti i presenti allo Stadio Cibali, completamente esaurito in ogni ordine di posto, che hanno assistito ad una gara ricca di emozioni, vibrante e ben giocata da entrambe le squadre.Dopo la bella prova dei ragazzi di mister Montella continuano a sognare l'Europa i sostenitori etnei, e a giudicare dall'impegno e dalla qualità del gioco espresso dai rossazzurri per lunghi tratti della sfida contro i rossoneri, hanno ragione di farlo. Questa squadra merita un elogio, perchè se la gioca con tutte senza timore, e anche quando è sotto nel punteggio non si perde d'animo, anzi reagisce e riesce acambiare l'inerzia delle partite. Bravi&nbsp;Pulvirenti e Lo Monaco, bravi tutti i protagonisti che scendono in campo ogni settimana, ma soprattutto bravissimo Montella, l'allenatore del momento che interessa già a grossi club.</P>C1000009ivomesivomesmontella.jpgSiNmontella-milan.catania-pulvirenti-1003484.htmSiT1000014,T1000027100075401,02,03,07,09030270
1481002862NewsEditorialeIL PUNTO: il Milan prova l`allungo a Parma. Juventus e Inter è tempo di risposte. Napoli, ti giochi il terzo posto20120317112520napoli, inter, milan, juventusPascal Desiato nato a Caltagirone il 24/05/1986. Laureato in Studi Italiani all`Università «La Sapienza» di Roma. Vice Direttore de IlCalcio24. per contatti: info@ilcalcio24.it<P>Potrebbe essere il turno della svolta decisiva in Serie A. La capolista Milan fa visita a un Parma alla pesante ricerca di punti, per allontanarsi dalla zona calda. I rossoneri in grossa emergenza, quest'anno cosa oramai scontata, proveranno ancora ad allungare in classifica, potendo sfruttare il turno, sulla carta più ostico, che vedrà la Juventus ospite della Fiorentina.</P> <P>Per i viola, si sa, quello con la vecchia signora è come un derby, e anche loro con l'acqua alla gola, proveranno a portare a casa anche un punticino utile a muovere la classifica. La Juventus, reduce dal pari contestato di Genova, proverà a tornare al successo, che ormai manca dal match casalingo contro il Catania. </P> <P>L'Inter, dopo l'eliminazione dalla Champions League, proverà a confermare il successo di Verona contro il Chievo. Ospite a San Siro, sarà la sorprendente Atalanta di Colantuono, pronta ancora a regalare qualche soddisfazione in più ai suoi tifosi. </P> <P>Match che vale la rincorsa ai preliminari di Champions League quello tra Udinese e Napoli. Entrambe uscite dalle rispettive competizioni europee, avranno fame di riconquistarle in fretta, con gli azzurri che saranno impegnati anche la prossima settimana nella semifinale di ritorno, in Coppa Italia, contro il Siena.</P> <P>Chiudono il quadro del 28° turno: Catania-Lazio, Lecce-Palermo, Siena-Novara, Bologna-Chievo, Cagliari-Cesena e il posticipo del lunedì tra Roma e Genoa.</P> <P>&nbsp;</P>C1000009,C1000075adm001adm001conte 2.jpgSiNnapoli-jinau-junetus-milan-1002862.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000013,T1000014,T1000015,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000021,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000083,T1000085,T1000086,T1000087,T1000088,T1000091,T1000092,T1000093,T1000094,T1000096,T1000097,T1000098,T1000099,T1000101,T1000102,T1000081,T1000082,T1000089,T1000090,T1000095,T1000084100075501,02,03,06,07,09030326
1491002342NewsCampionatiLega Pro - Trapani-Siracusa: risultato e marcatori20120304222531trapani, siracusaSegui gli aggiornamenti su IlCalcio24.com<P>Segui su <EM>IlCalcio24.com</EM> il posticipo della Prima Divisione tra Trapani e Siracusa. Partita ore 20.30. Derby emozionante vinto dal Siracusa che accorcia le distanze in classifica dalla capolista, ora Trapani 49 e Siracusa 43.</P> <P>Finale&nbsp;<STRONG>1-2 (p.t. 0-1): 5' Testardi rigore, 82' Zizzari, 89' Filippi (T)</STRONG></P> <P>Al 2' Baiocco P. para un rigore a Barraco (T), al 72' Castelli para rigore a Zizzari (S)</P> <P>ammoniti:&nbsp;&nbsp;&nbsp;Longoni,&nbsp;Giordano, Strigari&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; espulsi: Testardi, Pagliarulo, Sabatino, Moi, Sottil</P> <P>&nbsp;TRAPANI: (4-4-2) Castelli; Daì (85' Perrone), Filippi, Pagliarulo, Sabatino; Barraco, Tedesco (78' Priola), Caccetta (80' Pirrone), Madonia; Abate, Gambino. A disposizione: Pozzato, Domicolo, Pirrone, Mastrolilli, Cianni, Cavallaro, Perrone. All.: Boscaglia.</P> <P>SIRACUSA:&nbsp; (4-2-3-1) P. Baiocco, Giordano, Fernandez, Moi, Capocchiano, D. Baiocco, Spinelli; Pepe (65' Zizzari), Mancosu (59' Strigari), Longoni (44' Bongiovanni); Testardi. A disposizione: Fornoni, Strigari, Ignoffo, Calabrese, Bongiovanni, Coda, Zizzari. All.: Sottil.</P> <P>ARBITRO: Manganiello </P>adm001adm001pallone 2.jpgSiNtrapani-siracusa-testardi-baiocco-filippi-1002342.htmSi100075501,02,030301175
1501001931NewsCalciomercatoCatania, sempre vivo l`interesse per Bianchi20120224171531bianchi, cataniaNonostante la chiusura del mercato l`interesse del Catania sembrerebbe non essere svanito <STRONG>Rolando Bianchi</STRONG>, centravanti e capitano del Torino capolista, non segna dalla fine di ottobre ma resta comunque uno dei nomi più chiacchierati in chiave mercato. Già durante la sessione di calciomercato conclusasi alla fine di gennaio l'attaccante granata era stato accostato a diversi club di serie A, <STRONG>Catania</STRONG> su tutti, e pure alla Sampdoria in un ipotetico scambio con Nicola Pozzi. Nonostante la chiusura del mercato l'interesse del Catania sembrerebbe non essere svanito e, secondo quanto riportato da <EM>torinogranata.it,</EM> è ancora possibile il trasferimento di Bianchi alle pendici dell'Etna a giugno.<BR>C1000009,C1000075adm001adm001bianchi rolando.jpgSiNcatania-torino-bianchi-1001931.htmSiT1000014,T1000099100075701,02,03,09030233
1511001635NewsCampionatiPSG, Sirigu: «Con il Montpellier non è decisiva»20120218184644montpellier, psg, siriguE` presto per poterla definire decisiva. Certo vincendo si accumula sempre più fiduciaSfida importante per il Paris Saint-Germain di Carlo Ancelotti. L'attuale capolista infatti affronterà il Montpellier. A parlare del match ci pensa uno dei pilastri della squadra, il portiere Salvatore Sirigu: "Tutte le partite sono importanti e non cambiano il nostro modo di pensare. Dobbiamo rimanere concentrati sul nostro lavoro. Lavoro che svolgiamo bene sia fisicamente che tatticamente. La partita contro il Montpellier è importante, ma è presto per poterla definire decisiva. Certo vincendo si accumula sempre più fiducia".1007858adm001adm001sirigu.jpgSiNsirigu-psg-montpellier-1001635.htmSi100075701,02,03030189
1521001384NewsCampionatiMoggi: «Campionato falsato dai rinvii. Il Milan non meritava di vincere. All`Inter le decisioni le prende Moratti e i risultati si vedono»20120213202520moggi, milan, inter, juventus"A Udine per 70` si è visto il peggiore Milan della stagione"<P>L`ex direttore generale della <STRONG>Juventus</STRONG> <STRONG>Luciano Moggi</STRONG>, nel corso della trasmissione Ieri<EM>, Moggi e domani</EM> co-produzione&nbsp; di <EM>Gold Tv,</EM> <EM>Telecolor</EM>, <EM>Rete 7</EM>, <EM>Telespaziotv </EM>e <EM>Italia mia</EM>, parla dell'ultimo turno di campionato.&nbsp; </P> <P><STRONG>Partite della Juventus rinviate? </STRONG>"Il campionato rischia di essere falsato. L`emergenza maltempo che ha messo in ginocchio l`Italia ha evidenziato ancora una volta di più semmai ve ne fosse bisogno che l`amministrazione del calcio italiano è totalmente in mano ad incompetenti. Non si erano mai visti prima tanti rinvii di partite tutti insieme e non ci si nasconda dietro alla scusa degli stadi obsoleti, perchè sicurezza e viabilità non dipendono dall'anzianità di uno stadio. La verità è che il calcio italiano nemmeno in un momento di emergenza&nbsp; tiene conto delle previsioni del tempo perchè è schiavo delle pay-tv che impongono orari serali anche dove&nbsp; si faticherebbe a giocare all`ora di pranzo. E` scandaloso, ad esempio, che Siena Roma venga disputata alle 20,45. Poi rinviare una partita si e tre no non è giusto. Semmai andava rinviata l`intera giornata per non far si di stravolgere l`andamento del campionato.<BR>La Juventus che era meritatamente capolista si trova adesso seconda, seppur con due gare di meno, ma superata da un Milan che era entrato in piena crisi e che invece adesso psicologicamente si è avvantaggiata dai rinvii ribaltando la situazione mentale. E ora in queste condizioni riavrà anche molti dei suoi assenti. Ditemi se è giusto.<BR>La pressione adesso è tutta sui bianconeri che dovranno giocare i 2 recuperi in piena tensione. Il campionato rischia seriamente di esser falsato.</P> <P><BR><STRONG>Sul Milan</STRONG>: A Udine per 70` si è visto il peggiore Milan della stagione. Seedorf&nbsp; sembrava un monumento in campo mentre Robinho sembra essersi dimenticato come si gioca a calcio. L`Udinese ha dominato ma è stata ingenua perché ha voluto strafare e in maniera pazzesca ha perso la gara per 2 contropiedi! Ha fatto bene ad arrabbiarsi Guidolin. Il cambio di Maxi Lopez è stato decisivo per invertire la tendenza della gara. Vittoria determinante per i rossoneri che avessero perso questa gara avrebbero consegnato lo scudetto nelle mani della Juventus.</P> <P><STRONG>Sull'Inter</STRONG>: Da quando è andato via Mourinho le decisioni è tornate a prenderle Moratti. E i risultati sono evidenti. La squadra del triplete è sparita, errore dopo errore, basti pensare alla cessione di Eto'o....<BR>Non si possono regalare al Novara ultimo in classifica 6 punti su 6 in un campionato. Mondonico continua a dimostrare comunque di essere uno dei più bravi tecnici a leggere la partita in corso. Lo ricordo con piacere a Torino quando insieme facemmo&nbsp; grandissime cose rischiando anche di vincere una coppa Uefa persa solo per sfortuna contro un grandissimo Ajax. Il rigore negato all`Inter? Uno squadrone come quello neroazzurro di certo non ha bisogno di un rigore per non perdere con il Novara! E' ufficiale, ormai è tornata l'Inter pre-calciopoli. Ma stavolta non ci sarà un ex membro del CDA a regalargli uno scudetto, ne si potrà avvantaggiare di campioni di altre squadre distrutte dalla giustizia sportiva come successo nel 2006 con Ibrahimovic e Vieira".</P>C1000009adm001adm001moggi.jpgSiNjuventus-moggi-inter-milan-1001384.htmSiT1000007,T1000026,T1000027100075701,02,03030279
1531001257NewsEditorialeIL PUNTO DI PASCAL DESIATO: Per la Juventus insidia Bologna. I cocci del Milan fanno visita all`Udinese. Voglia di ripartire per Inter e Napoli. Il campionato entra nel vivo20120210102520napoli, juventus, catania, palermo, cagliari, fiorentina, roma inter, novra, chievo, parma, lazio, udinese, milanPascal Desiato nato a Caltagirone il 24/05/1986. Laureato in Studi Italiani all`Università "La Sapienza" di Roma. Vice Direttore de IlCalcio24. per contatti: info@ilcalcio24.it<P>Partiamo con l'analizzare il match della capolista Juventus. I bianconeri fanno visita a un Bologna, neve permettendo, che ha già fermato il Milan al Dall'Ara e che soprattutto è uscita imbattuta dal match dello Juventus Stadium all'andata, conclusosi con il punteggio di 1-1. La squadra di Conte arriva nel capoluogo emiliano, gasatissima dalla vittoria in Coppa Italia contro i rivali del Milan e che certamente dopo il passo falso casalingo con il Siena cerca i tre punti per non sprecare ancora ghiotte opportunità per allungare.</P> <P>Il Milan, o meglio quello che resta tra squalificati e infortunati, fa visita ad un Udinese arrabbiata per la sconfitta di Firenze e che a tutti i costi cercherà di riconquistare il terzo posto al momento occupato dalla Lazio dopo il successo contro il Cesena. I rossoneri in caso di ennesima sconfitta potrebbero veramente accusare il colpo e questa volta qualche scricchiolio in panchina potrebbe veramente cominciare a farsi sentire.</P> <P>L'Inter proverà la ripartenza in casa contro il Novara. Gli uomini di Ranieri a caccia del successo dopo tre passi falsi vogliono assolutamente riprendere la marcia persa paradossalmente dopo il successo nel derby. Per il club allenato da Mondonico, invece, sarà veramente un'impresa riuscire a salvarsi quest'anno.</P> <P>Roma e Napoli avranno due match con tante insidie. I giallorossi andranno a Siena dove quest'anno sembra veramente dura con Sannino riuscire a portare a casa i tre punti. Gli azzurri ospitano in casa un Chievo reduce dallo stop interno con il Parma, ma i partenopei devono assolutamente vincere altrimenti sarà arduo riuscire a prendere almeno il treno per l'Europa League.</P> <P>Chiudono il quadro Atalanta-Lecce, Parma-Fiorentina, Cagliari-Palermo e Catania-Genoa, match importanti sia in chiave salvezza, come quello di Bergamo, che per consolidare il momento positivo per Palermo, Genoa, Parma e Fiorentina.</P> <P>&nbsp;</P>C1000009,C1000075adm001adm001striscione.jpgSiNmilan-juventus-inter-roma-napoli-1001257.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000013,T1000014,T1000015,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000021,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028,T1000083,T1000085,T1000086,T1000087,T1000088,T1000091,T1000092,T1000093,T1000094,T1000096,T1000097,T1000098,T1000099,T1000101,T1000102,T1000081,T1000082,T1000089,T1000090,T1000095,T1000084100075501,02,03,06,07,09030444
1541001183NewsEditorialeEDITORIALE - Inter: E` tempo di bilanci. Per salvare una stagione altalenante bisogna andare avanti in Champions, ma servirà un`Inter affamata come nella notte di Madrid20120208081531inter, moratti, ranieri, zanetti, spallettiIvano Messineo: Laureato in Economia e Commercio all`Università degli Studi di Catania. Giornalista iscritto all`Albo della regione Sicilia. Direttore responsabile de IlCalcio24. per contatti: info@ilcalcio24.it<P align=justify>Non è bastata la calvalcata vincente che ha portato i nerazzurri a ridosso delle prime per allontanare i fantasmi di una crisi che, dopo i recentissimi risultati, sembra essere tornata alla ribalta&nbsp;in casa <A class=link-6 href="/squadre/inter.cfm" target="">Inter</A>. Dopo una partenza a rilento, con l'avvento di <A class=link-6 href="/personaggi/Claudio-Ranieri.cfm" target="">Claudio Ranieri</A>, dopo qualche settimana&nbsp;la squadra ha iniziato a recepire gli&nbsp;schemi del nuovo tecnico e a recuperare i vari infortunati,&nbsp;inanellando&nbsp;ben 7 vittorie&nbsp;di fila (compreso il successo di misura nel derby della Madonnina), che avevano proiettato i nerazzurri&nbsp;a soli 6 punti dalla vetta. Poi, però, in soli 7 giorni, ecco il crollo della formazione milanese, che perde a Lecce per 1 a 0, pareggia subendo quattro&nbsp;reti in casa nel turno infrasettimanale col <A class=link-6 href="/squadre/palermo.cfm" target="">Palermo</A> e,&nbsp;dulcis in fundo, ne prende&nbsp;altri quattro&nbsp;(senza però andare a segno) in casa di una <A class=link-6 href="/squadre/roma.cfm" target="">Roma</A>&nbsp;che&nbsp;nelle ultime gare aveva accusato un calo (pari interno&nbsp;col <A class=link-6 href="/squadre/bologna.cfm" target="">Bologna</A> e&nbsp;sconfitta per 4 a 2 contro il&nbsp;<A class=link-6 href="/squadre/cagliari.cfm" target="">Cagliari</A>),&nbsp;&nbsp;capace di rispedire&nbsp;all'Inferno&nbsp;l'Inter, dando il via ad una serie di processi contro i giocatori e il tecnico. Moratti&nbsp;ha avuto parole durissime contro i suoi giocatori e ha già lasciato intendere che, a giugno, inizierà a rinverdire la rosa. Probabilmente il processo di "svecchiamento" della squadra andava fatto la scorsa estate, anche per inserire giocatori ricchi di stimoli,&nbsp;che probabilmente in casa Inter mancano a tanti atleti che con questa maglia hanno già vinto tutto. Una delle poche eccezioni è rappresentata da capitan <A class=link-6 href="/personaggi/Javier-Zanetti.cfm" target="">Zanetti</A>, un'autentico baluardo e bandiera dei nerazzurri, che riesce sempre a dare il massimo&nbsp;ogni volta che viene chiamato in causa.&nbsp;E così alla Pinetina sono tornati i nomi di <A class=link-6 href="/personaggi/Josep-Guardiola.cfm" target="">Pep Guardiola</A>, che a giugno potrebbe lasciare il Barca,&nbsp;ma soprattutto di Luciano Spalletti, che allo stato attuale sembrerebbe il candidato numero uno per sostituire Claudio Ranieri. Ma andiamo a fare un bilancio della stagione dei nerazzurri sino a questo momento: quinto posto in campionato, con Roma e la coppia Napoli-Palermo alle costole, 9 punti di distacco dalla vetta (con la capolista Juve che deve recuperare la gara di Parma), 5 punti di distanza dalla zona Champions, eliminata dal Napoli in Coppa Italia, e, infine, ottavi di finale di Champions. I tifosi sperano&nbsp;almeno di raggiungere il terzo posto il campionato, ma principalmente si augurano il passaggio ai quarti di Champions, Olympique Marsiglia&nbsp;permettendo (andata&nbsp;il&nbsp;22 febbraio fuori e ritorno a San Siro il 13 marzo). Solo il passaggio del turno nella massima&nbsp;competizione europea al momento potrebbe fare tornare il sorriso al presidente Moratti e porterebbe un pò di serenità&nbsp;ad Appiano Gentile, dove da qualche giorno l'aria è diventata molto gelida, e non solo per via dell'ondata di freddo che sta colpendo la Penisola. In questo mese l'Inter praticamente si gioca tantissimo: deve&nbsp;cercare di recuperare terreno in campionato, e puntare al terzo posto, ma deve fare molta attenzione&nbsp;alla concorrenza di Udinese, Lazio, Roma e Napoli (anche perchè i primi due posti sembrerebbero oramai destinati a Milan e Juventus), e nel frattempo&nbsp;deve superare il turno in Champions, senza sottovalutare l'Olympique Marsiglia di Didier Deschamps, squadra giovane, con diversi giocatori agili e muscolari, che avranno tanta voglia di mettersi in mostra. Per il popolo nerazzurro, per continuare a sognare la notte di Madrid, servirà un'Inter diversa da quella vista allo Stadio Olimpico o a Lecce, una squadra con gambe e testa, ma soprattutto con tanta fame.</P>C1000009ivomesivomesmoratti 2.jpgSiNmoratti-inter-ranieri-bilanci-crisi-1001183.htmSiT1000026100075401,02,03030454
1551001159NewsCampionatiSTEFANO PIOLI: «Mi aspetto una prestazione importante contro la Juventus. Lotta a due per il titolo. L`Inter punterà al terzo posto»20120207231531pioli, bologna, juventus, inter, milan«Ci prepareremo al massimo per affrontare un avversario che è meritatamente primo in classifica» per contatti: info@ilcalcio24.it<P>Contattato in esclusiva da<EM> IlCalcio24.com</EM> il tecnico del <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/bologna.cfm" target=""><STRONG>Bologna</STRONG></A></STRONG>, <STRONG><A class=link-6 href="/personaggi/Stefano-Pioli.cfm" target=""><STRONG>Stefano Pioli</STRONG></A></STRONG>, parla del prossimo avversario in campionato ovvero la capolista <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/juventus-fc.cfm" target=""><STRONG>Juventus</STRONG></A></STRONG> e dice la sua in merito alla lotta per il titolo:<BR>&nbsp;<BR><STRONG>Mister come sta preparando l'impegno contro la Juventus?<BR></STRONG>"Al momento con le palle di neve (ride ndr)". </P> <P><STRONG>Si aspetta una prestazione importante da parte della sua squadra?<BR></STRONG>"E' certo, ci prepareremo al massimo per affrontare un avversario che è meritatamente primo in classifica. L'unica speranza è di riuscire a farlo al meglio visto le cattive condizioni meteo che ci stanno condizionando la preparazione al match". </P> <P><STRONG>Quindi Juventus favorita al titolo?<BR></STRONG>"Secondo me sarà solo lotta a due tra <A class=link-6 href="/squadre/milan.cfm" target="">Milan</A> e Juventus sino alla fine. I rossoneri non molleranno di certo e sarà veramente un duello avvincente sino all'ultimo".</P> <P><STRONG>E l'<A class=link-6 href="/squadre/inter.cfm" target="">Inter</A>?<BR></STRONG>"Per lo scudetto oramai è fuori, al massimo potrà competere per il terzo posto, anche se non sarà facile vista la concorrenza di <A class=link-6 href="/squadre/lazio.cfm" target="">Lazio</A> e <A class=link-6 href="/squadre/udinese.cfm" target="">Udinese</A>".</P>C1000009adm001adm001pioli.jpgSiNpioli-juventus-milan-1001159.htmSiT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000013,T1000014,T1000015,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000021,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028100075501,02,03,06,07,09030304s
1561001124NewsEditorialeIL PUNTO DI PASCAL DESIATO: Il Siena che non t`aspetti. Ibra recidivo. Inter demolita da una Roma che risorge. Campionato che stenta a decollare20120206150430juventus, milan, lazio, udinese, roma, inter, siena, napoli, ibrahimovic, aronica, luis enrqiuePascal Desiato nato a Caltagirone il 24/05/1986. Laureato in Studi Italiani all`Università "La Sapienza" di Roma. Vice Direttore de IlCalcio24. per contatti: info@ilcalcio24.it<P>Il 22° turno in Serie A ci regala degli scenari poco auspicabili alla vigilia. Partiamo dalla Capolista bloccata sul proprio campo da un <A class=link-6 href="/squadre/siena.cfm" target="">Siena</A> che quest'anno, oltre alla miracolosa qualificazione in semifinale di Coppa Italia, sta dimostrando di essere un squadra molto tosta specialmente per le big. <A class=link-6 href="/personaggi/Giuseppe-Sannino.cfm" target="">Sannino</A> è riuscito a imbrigliare una <A class=link-6 href="/squadre/juventus-fc.cfm" target="">Juventus</A> apparsa stanca e poco concentrata. Forse dopo tante partite, giocate sempre con gli stessi effettivi, anche i bianconeri hanno bisogno di rifiatare e sarebbe anche inutile attaccarsi a quel braccio in area di <A class=link-6 href="/personaggi/Simone-Vergassola.cfm" target="">Vergassola</A> non visto dall'arbitro. </P> <P><A class=link-6 href="/squadre/milan.cfm" target="">Milan</A>-<A class=link-6 href="/squadre/napoli.cfm" target="">Napoli</A> resterà impressa ai tifosi, non per lo spettacolo, ma per l'ennesima uscita di testa di <A class=link-6 href="/personaggi/Zlatan-Ibrahimovic.cfm" target="">Ibrahimovic</A>. Per lo svedese è l'ottava espulsione da quando è in Italia, e per un attaccante non è facile riuscire a collezionare tanti cartellini rossi nell'arco di una intera carriera. A parte l'ironia, questa bravata potrebbe costare cara all'ex Barcellona, costingendolo a saltare, in caso di tre giornate di stop, il match a San Siro contro la Juventus. Naturalmente da condannare anche <A class=link-6 href="/personaggi/Salvatore-Aronica.cfm" target="">Aronica</A>, che prima alza il braccio inutilmente su <A class=link-6 href="/personaggi/Antonio-Nocerino.cfm" target="">Nocerino</A>, e poi lo colpisce con un buffetto. </P> <P>L'I<A class=link-6 href="/squadre/inter.cfm" target="">nter</A> esce dalla trasferta di <A class=link-6 href="/squadre/roma.cfm" target="">Roma</A> letteralmete demolita sia sul piano del gioco che su quello nervoso. A prescindere dai quattro gol presi, non si è visto lo spirito che aveva portato i nerazzurri a ridosso delle prime e a vincere il derby contro il Milan, anzi da quella partita in poi è come se si fosse spenta la luce. Risorgono invece i giallorossi di <A class=link-6 href="/personaggi/Luis-Enrique-Martinez-Garcia.cfm" target="">Luis Enrique</A>, che riscattano con una prestazione maiuscola la batosta di <A class=link-6 href="/squadre/cagliari.cfm" target="">Cagliari</A>.</P> <P>Chiudiamo con <A class=link-6 href="/squadre/lazio.cfm" target="">Lazio</A> e <A class=link-6 href="/squadre/udinese.cfm" target="">Udinese</A> incapaci di approfittare dello stop delle big di testa, anzi a loro volta escono sconfitte contro <A class=link-6 href="/squadre/genoa.cfm" target="">Genoa</A> e <A class=link-6 href="/squadre/fiorentina.cfm" target="">Fiorentina</A>.</P>C1000009adm001adm001ibrahimovic zlatan 4.jpgNoNibrahimovic-napoli-inter-roma-luis-enrique-milan-1001124.htmNoT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000013,T1000014,T1000015,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000021,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028100075501,02,03,09030290
1571000904NewsEditorialeIL PUNTO DI PASCAL DESIATO: rischiano Juventus e Milan. In cerca di riscatto Inter, Roma e Napoli. Match caldi in chiave salvezza20120131150131juventus, milan, lazio, parma, donadoni, napoli, roma, udinese, allegri, ranieri, inter, palermo, fiorentina,cataniaSeconda giornata di ritorno in Serie A che si apre stasera con Parma-Juventus<P>Seconda giornata di ritorno in <STRONG>Serie A</STRONG> che si apre stasera con <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/parma.cfm" target=""><STRONG>Parma</STRONG></A></STRONG>-<STRONG><A class=link-6 href="/squadre/juventus-fc.cfm" target=""><STRONG>Juventus</STRONG></A></STRONG>. I ducali, rigenerati dalla cura <STRONG><A class=link-6 href="/personaggi/Roberto-Donadoni.cfm" target=""><STRONG>Donadoni</STRONG></A></STRONG> e reduci da un buon pareggio a <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/catania.cfm" target=""><STRONG>Catania</STRONG></A></STRONG>, ospitano la capolista al Tardini in un match che si preannuncia pieno di insidie per gli uomini di <STRONG><A class=link-6 href="/personaggi/Antonio-Conte.cfm" target=""><STRONG>Conte</STRONG></A></STRONG>. Compito ancora più duro, domani sera, per il <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/milan.cfm" target=""><STRONG>Milan</STRONG></A></STRONG>. I rossoneri in trasferta sul campo della <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/lazio.cfm" target=""><STRONG>Lazio</STRONG></A></STRONG>, dovranno assolutamente cercare i tre punti, nella prima di otto gare che metteranno a dura prova la squadra di mister<STRONG> <A class=link-6 href="/personaggi/Massimiliano-Allegri.cfm" target="">Allegri</A></STRONG>. </P> <P>L'<STRONG><A class=link-6 href="/squadre/inter.cfm" target=""><STRONG>Inter</STRONG></A></STRONG> ospita un <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/palermo.cfm" target=""><STRONG>Palermo</STRONG></A></STRONG> in forma, dopo le due vittorie di fila, e cerca a tutti i costi il riscatto dopo la batosta di<STRONG> <A class=link-6 href="/squadre/lecce.cfm" target="">Lecce</A></STRONG>, costata probabilmente tanto in chiave campionato. Sconfitta che ha fatto scivolare la squadra nerazzurra a meno nove dalla vetta. <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/roma.cfm" target=""><STRONG>Roma</STRONG></A></STRONG> e <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/napoli.cfm" target=""><STRONG>Napoli</STRONG></A></STRONG> cercheranno di strappare assolutamente i tre punti. I capitolini, saranno di scena a <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/cagliari.cfm" target=""><STRONG>Cagliari</STRONG></A></STRONG>, i partenopei ospitano un <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/cesena.cfm" target=""><STRONG>Cesena</STRONG></A></STRONG> arrabbiato dopo il ribaltone interno, nell'ultimo turno, contro l'<STRONG><A class=link-6 href="/squadre/atalanta.cfm" target=""><STRONG>Atalanta</STRONG></A></STRONG>. Impegno sulla carta più agevole per l'<STRONG><A class=link-6 href="/squadre/udinese.cfm" target=""><STRONG>Udinese</STRONG></A></STRONG> che ospita tra le mura amiche il <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/lecce.cfm" target=""><STRONG>Lecce</STRONG></A></STRONG> di <STRONG><A class=link-6 href="/personaggi/Serse-Cosmi.cfm" target=""><STRONG>Cosmi</STRONG></A></STRONG>. </P> <P>Chiudono il quadro <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/bologna.cfm" target=""><STRONG>Bologna</STRONG></A></STRONG>-<STRONG><A class=link-6 href="/squadre/fiorentina.cfm" target=""><STRONG>Fiorentina</STRONG></A></STRONG>, <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/atalanta.cfm" target=""><STRONG>Atalanta</STRONG></A></STRONG>-<STRONG><A class=link-6 href="/squadre/genoa.cfm" target=""><STRONG>Genoa</STRONG></A></STRONG>, <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/siena.cfm" target=""><STRONG>Siena</STRONG></A></STRONG>-<STRONG>Catania</STRONG>, con i siciliani che rischiano in casa dei toscani, e il posticipo del giovedì tra <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/novara.cfm" target=""><STRONG>Novara</STRONG></A></STRONG> e <STRONG><A class=link-6 href="/squadre/chievo.cfm" target=""><STRONG>Chievo</STRONG></A></STRONG>.&nbsp; </P>C1000009adm001adm001thiago silva.jpgSiNmilan-juventus-lazio-roma-inter-napoli-catania-1000904.htmNoT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000013,T1000014,T1000015,T1000016,T1000017,T1000018,T1000019,T1000020,T1000021,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028100075501,02,03,06,07,09030288
1581000896NewsCampionatiJuve, Vucinic salta la sfida di Parma20120130231887vucinic, parma, krasic, toni, pazienza, caceres, eliaAssenti anche Krasic, Caceres, Toni e Pazienza Il montenegrino è ancora&nbsp;sofferente per una infiammazione al ginocchio e non parte per Parma, dove domani sera la capolista deve difendere il primato nell'anticipo della seconda giornata di ritorno di Serie A. Tra i convocati assenti anche&nbsp;Pazienza e Toni, in procinto di essere ceduti. Escluso anche Krasic, presente Elia. Il neo-acquisto Caceres invece non&nbsp;ha ancora ottenuto il trasfer. C1000009ivomesivomesvucinic.jpgSiNvucinic-salta-parma-krasic-elia-toni-caceres-pazienza-domani-1000896.htmNoT1000007,T1000016100075401,02,03,0603093
1591000809NewsEditorialeIL PUNTO DI IVANO MESSINEO. La prima di ritorno inizia con un suggestivo Catania-Parma, a seguire il big-match di Torino20120128083811catania, parma, juve, udinese, milan, roma, napoli, inter, genoa, atalanta, lazioGuidolin sfida Conte, mentre il Milan sogna il sorpasso<P>Il girone di ritorno comincia con la sfida del "Massimino", dove Montella vuole a tutti i costi tornare al successo contro un Parma rigenerato dalla cura Donadoni. In serata il match-clou di Torino, con la Juve che&nbsp;vuole mantenere il primato solitario, ma che deve superare i bianconeri friulani, che vantano la seconda miglior difesa del torneo (solo 14 reti subite contro le 12 incassate dalla Juve) e giocano un calcio spumeggiante. Fuori Vucinic per infortunio, Conte potrebbe rilanciare il&nbsp;rigenerato Del Piero, autore di un gol fantastico martedì scorso in Coppa Italia contro la Roma. Dall'altra parte, Guidolin si affiderà alle solite invenzioni di Totò Di Natale. Il Milan, secondo a un punto, è pronto ad approfittare di un`eventuale frenata della capolista,&nbsp;ma dovrà aspettare domenica sera, quando al "Meazza" ospiterà il Cagliari. Domenica si inizia con il "lunch-match" di Firenze, dove si disputa il tanto atteso derby toscano tra una Fiorentina in crisi e un Siena col morale alle stelle dopo la storica qualificazione alle semifinali di Coppa Italia. Nel pomeriggio l'Inter deve fare bottino pieno sul terreno di un Lecce in ripresa, se vuole mantenere&nbsp;la scia di Juve e Milan. La Roma di Totti&nbsp;vuole sfruttare il turno casalingo e proseguire il trend positivo conquistando la vittoria contro il Bologna. Turno difficile per il Napoli di Mazzarri, che va bene nelle coppe e stenta in campionato. I partenopei affrontano a "Marassi" un&nbsp;Genoa che vuole riscattarsi dopo lo scivolone di Palermo. La Lazio, per rimanere agganciata alle prime, deve espugnare Verona contro il Chievo e dimenticare&nbsp;l'immeritata&nbsp;sconfitta rimediata sette giorni fa contro l'Inter. Il Palermo targato Mutti cerca la seconda vittoria consecutiva al "Barbera", ma occhio al Novara, che deve necessariamente fare punti per lasciare l'ultimo posto in classifica. Infine, il Cesena si affida al rumeno Mutu, in grande forma,&nbsp;per piegare un'Atalanta apparsa stanca nelle ultime settimane.</P>C1000009ivomesivomesdel piero.jpgSiNcatania-parma-juve-udinese-delpiero-conte-primaritorno-1000809.htmNoT1000007,T1000010,T1000011,T1000012,T1000013,T1000014,T1000015,T1000016,T1000018,T1000019,T1000017,T1000020,T1000021,T1000022,T1000023,T1000024,T1000025,T1000026,T1000027,T1000028100075401,02,03,06,07,09030353

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Il Conte pensiero
di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013