tempo: 19ms
RSS
Query
Template: /notizie/index.cfm:19
Execution Time: 290 ms
Record Count: 5
Cached: No
Lazy: No
SQL:
SELECT * FROM news
where tipo ='news' and (data<'20210804' or (data='20210804' and ora<='123001'))
and( titolo like '% perrone%' or keywords like '% perrone%' or descrizione like '% perrone%')
and azienda like '%01%'
order by data desc,ora desc,id_arg desc
id_argtipoareaTitoloDataoraKeywordsdescrizionebreveDescrizioneufficiocittaAutoreid_inserimentoimmagineinhomeINSLIDERfonteinevidenzaidargomeidteampeopledoccorrelatiStartDateEndDateaziendaPROPRIETARIOriservatocontalettureesclusiva
11013253NewsCampionatiDeludente Inter, ma qual è il tuo vero male?20170501165557Forse la società nerazzurra sta pensando di sostituire Pioli. Ma non è questa la soluzione!<br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Non è il gol di Callejon e non è neppure l’errore di Nagatomo che ha regalato il vantaggio al Napoli. Il problema deve essere rivisto attentamente a fondo e non fa capo a questo o quell’allenatore, a questo o quel calciatore dell’Inter, ma alla società e al suo staff manageriale. Nel calcio non s’è mai vista una grande squadra senza avere alle spalle una grande società; e l’Inter non ce l’ha! E’ vero che i nuovi acquirenti cinesi hanno bisogno di tempo per capire bene le situazioni italiche di un pallone così lontano dalla loro cultura, ma certe figure all’interno della società nerazzurra cosa ci stanno a fare? Partendo dal vicepresidente (carica più onorifica che di peso effettivo) Javier Zanetti, abbiamo un consiglio di amministrazione composto da vari nomi cinesi, Erick Thohir, Handy Soetedjo e Nicola Volpi, più il collegio sindacale che comprende Luca Nicodemi, Giacomo Perrone e Alessandro Padula. Poi, a completamento di altre cariche sociali che non abbiamo citato, ma basta visionare l’organigramma dell’Inter per averne conoscenza, c’è il Direttore Sportivo Piero Ausilio. Evidentemente qualcosa non va proprio all’interno di quella che è la testa della società, perché non si capisce come una squadra con allenatori più volte avvicendati nell’arco degli anni seguenti la conquista del triplete non abbia saputo restare a livello delle grandi squadre italiane, scivolando negli abissi di una mediocrità che stride al cospetto della gloriosa storia nerazzurra. Nel dopo Mourinho tanti allenatori si sono avvicendati sulla panchina dell’Inter, mentre la società in tutte le sue scelte ha fatto emergere più confusione che altro. Benitez, Leonardo, Gasperini, Ranieri, Stramaccioni, Mazzarri, Mancini, De Boer, Pioli, e cioè la sostanza della lavorazione di un cantiere che continua ad essere aperto, che insiste e che non finisce mai perché si ricomincia sempre d’accapo. E’ il segnale emblematico di una società che stenta ad avere le idee chiare impartite dai suoi vertici. Nel frattempo, tanti giocatori hanno vestito la maglia dell’Inter continuando ad accrescere quella confusione di cui parlavamo pocanzi, aumentando lo sperpero di denaro scialacquato prima da Massimo Moratti (quasi alla conclusione della sua presidenza) poi da Erick Thohir e adesso dai rappresentanti Suning. Dunque, mettere ordine cominciando dall’alto, dai suoi vertici più intoccabili, resta secondo noi la strada da seguire nel processo di riorganizzazione di questa Inter incapace di vedere la luce e di ritornare ai fasti che le competono per la sua lunga storia. Quando hai cambiato così tanti allenatori, acquistato e rivenduto fior di giocatori che hanno creato minusvalenze societarie e incapacità di costruire un progetto nell’immediato futuro, ebbene, la società è l’unica vera responsabile. </span><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font><p style="margin: 0cm 0cm 10pt; text-align: justify;"><b style="mso-bidi-font-weight: normal;"><span style='line-height: 115%; font-family: "Cambria","serif"; font-size: 12pt; mso-ascii-theme-font: major-latin; mso-hansi-theme-font: major-latin;'>Salvino Cavallaro <span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span><span style="mso-spacerun: yes;">&nbsp;</span></span></b><br><br><font face="Times New Roman" size="3"> </font>Milano Stadio Meazzafl0711fl0711foto-pioli.jpgSiNdeludente-inter-ma-qual-e-il-tuo-vero-male-1013253.htmSi100451001,02,03030329
21008580NewsCampionatiLega Pro, Salernitana: via Galderisi arriva Perrone20120920143130salernitana, galderisi, perroneSalernitana Galderisi PerroneAdesso è ufficiale. <STRONG>Giuseppe Galderisi</STRONG> non è più l'allenatore della <STRONG>Salernitana</STRONG>; il club campano ha sollevato dall'incarico lui ed il suo staff. La guida tecnica è stata affidata a <STRONG>Carlo Perrone</STRONG>, che già nel pomeriggio allenerà la squadra.C1007652,C1007653,C1007654,C1007655adm001adm001salernitana.jpgSiNsalernitana-via-galderisi-arriva-perrone-1008580.htmNo100075501,02,030101025
31004234NewsCampionatiTrapani, problemi di formazione in vista della Triestina20120420155949trapani, triestina, lega pro I padroni di casa nelle ultime quattro partite hanno collezionato solo una vittoriaLa 32esima giornata di Lega Pro 1^ Div. Gir. B, alla Stadio Provinciale, vedrà di fronte il <STRONG>Trapani</STRONG> e la <STRONG>Triestina</STRONG>. Entrambe le squadre non vengono da un buon periodo. I padroni di casa nelle ultime quattro partite hanno collezionato una vittoria, due pareggi e una sconfitta. La Triestina viene da quattro pareggi consecutivi. Il Trapani mantiene sempre la testa della classifica con cinque punti di vantaggio sulle dirette inseguitrici. Piccoli problemi di formazioni per il tecnico Boscaglia, che dovrà fare a meno degli squalificati Pirrone e Mastrolilli e dell`infortunato Perrone. Un solo squalificato invece per la Triestina allenata da Galderisi, si tratta del centrocampista Gissi. Questa la probabile formazione della formazione granata. Castelli in porta; difesa a quattro con Lo Bue e Sabatino sulle fasce, coppia centrale formata da Filippi e dal capitano Pagliarulo. A centrocampo sugli esterni Madonia e Barraco al centro Caccetta e Tedesco. Coppia d`attacco formata da Abate e Gambino. Pomeriggio allenamento al Roberto Sorrentino, domani mattina allenamento di rifinitura e diramazione della lista dei convocati. FL0311FL0311trapani.jpgSiNtrapani-triestina-lega-pro-formazioni-1004234.htmSi100423201,02,03030355
41002630NewsCampionatiJuventus, silezio stampa deciso da Conte. Questi tutti i torti subiti dai bianconeri20120312172220juventus, conteSotto accusa, soprattutto, c`è il gol di PepeCome scrive stamane Roberto Perrone per il <EM>Corriere della Sera</EM>, sarebbe stato Antonio Conte a suggerire alla società bianconerà di indire il silenzio stampa, dopo i torti subiti nel match contro il Genoa. Il collega illustra anche tutte le segnalazioni errate subite dai bianconeri in questa stagione: "C`è un solo uomo al comando. Il suo nome è Antonio Conte. È l`allenatore squalificato (e arrabbiato per la giornata in tribuna e per quello che vede in campo) a decidere il silenzio che la Juve usa come una clava - ha riportato stamane il giornalista, sulle colonne del quotidiano di via Solferino -. Oscuramento totale. Neanche i fratelli di Juventus Channel ottengono una parola. La nota ufficiale alle 17.32 su Twitter: «La Juventus lascerà Marassi senza rilasciare dichiarazioni: le immagini parlano da sole». Sotto accusa, soprattutto, c`è il gol di Pepe, annullato per una faccenda di cm. Contro il Chievo, De Ceglie aveva segnato in fuorigioco: il guardalinee aveva aderito al principio «nel dubbio non alzate». Questo alza. Sbagliano entrambi. In una settimana, la ruota gira da una parte all`altra. Ma la Juve su questo tace, aprendo il cahier de doleance fin dalla prima giornata (contro il Parma). Malgrado il 4-1, cominciò la battaglia di Conte per «le pari opportunità». La Juve ha avuto finora un solo rigore. Ne meritava di più: con l`Inter (Castellazzi su Marchisio, gigantesco), con il Lecce (Oddo su Vucinic), con il Parma ancora (Biabiany su Giaccherini). E poi il mani di Vergassola con il Siena. Ovviamente da parte bianconera si glissa sul «braccione» di Pirlo con il Cagliari e si sorvola sul gol per non vedenti di Muntari. Madama pare rifiutare la logica (parafrasata) del profeta Giobbe: l`arbitro ha dato, l`arbitro ha tolto, alla fine si pareggia tutto (e i bianconeri di pareggi dovrebbero intendersene). In realtà, da Conte in giù tutti alla Juve sanno benissimo che lo scudetto (impensabile in agosto, comunque bravi a essere ancora in lizza) si sta allontanando per ragioni tecniche. La battaglia contro gli arbitri è per il «rispetto» e a memoria futura. È politica. Al di là delle singole decisioni, è l`atteggiamento degli arbitri a non piacere alla Juve. Un misto di arroganza e scarsa considerazione. Domani sapremo se il silenzio continua. C`è anche l`ipotesi che prosegua Conte da solo".C1000009adm001adm001conte 2.jpgSiNjuventus-conte-pepe-genoa-1002630.htmSiT1000007100075701,02,03,06030320
51002342NewsCampionatiLega Pro - Trapani-Siracusa: risultato e marcatori20120304222531trapani, siracusaSegui gli aggiornamenti su IlCalcio24.com<P>Segui su <EM>IlCalcio24.com</EM> il posticipo della Prima Divisione tra Trapani e Siracusa. Partita ore 20.30. Derby emozionante vinto dal Siracusa che accorcia le distanze in classifica dalla capolista, ora Trapani 49 e Siracusa 43.</P> <P>Finale&nbsp;<STRONG>1-2 (p.t. 0-1): 5' Testardi rigore, 82' Zizzari, 89' Filippi (T)</STRONG></P> <P>Al 2' Baiocco P. para un rigore a Barraco (T), al 72' Castelli para rigore a Zizzari (S)</P> <P>ammoniti:&nbsp;&nbsp;&nbsp;Longoni,&nbsp;Giordano, Strigari&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp;&nbsp; espulsi: Testardi, Pagliarulo, Sabatino, Moi, Sottil</P> <P>&nbsp;TRAPANI: (4-4-2) Castelli; Daì (85' Perrone), Filippi, Pagliarulo, Sabatino; Barraco, Tedesco (78' Priola), Caccetta (80' Pirrone), Madonia; Abate, Gambino. A disposizione: Pozzato, Domicolo, Pirrone, Mastrolilli, Cianni, Cavallaro, Perrone. All.: Boscaglia.</P> <P>SIRACUSA:&nbsp; (4-2-3-1) P. Baiocco, Giordano, Fernandez, Moi, Capocchiano, D. Baiocco, Spinelli; Pepe (65' Zizzari), Mancosu (59' Strigari), Longoni (44' Bongiovanni); Testardi. A disposizione: Fornoni, Strigari, Ignoffo, Calabrese, Bongiovanni, Coda, Zizzari. All.: Sottil.</P> <P>ARBITRO: Manganiello </P>adm001adm001pallone 2.jpgSiNtrapani-siracusa-testardi-baiocco-filippi-1002342.htmSi100075501,02,030301175

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Il Conte pensiero
di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013