calcio mercato
William Hill Casino

MILAN, BRAIDA: «ASAMOAH CI INTERESSA. INFONDATE LE VOCI SU HANDANOVIC»


"Le partite non si vincono e non si perdono prima di giocare. Sarà difficile, per noi le difficoltà sono oggettive"
RSS
10/02/2012 -

Ariedo Braida, direttore Sportivo del Milan, parla a Udineseblog dell'incontro in programma domani contro l'Udinese:

"Udinese in crisi? Non direi, per loro parla la classifica. La squadra va bene e alle spalle ha una società solida. Gli incidenti di percorso capitano, nessuno è imbattibile. Mi sembra che stia facendo grandi cose".

Il Milan non è al top, per molti motivi: "Abbiamo 13 giocatori infortunati. Cassano, Pato e Ibrahimovic fuori, per cui l'attacco è decimato. A centrocampo siamo senza Gattuso, Boateng, Flamini, Aquilani, Merkel: anche lì abbiamo gli uomini contatissimi. Insomma, siamo messi male. Ma è proprio in queste situazioni che la squadra deve far venir fuori il carattere".

A Udine, per ora, regge il fattore Friuli: solo la Juventus ha strappato un punto. Al Milan basterebbe? "Le partite non si vincono e non si perdono prima di giocare. Sarà difficile, per noi le difficoltà sono oggettive: è un momento di sofferenza, ma l'importante è passarlo. Poi è ovvio che l'obiettivo nostro è sempre la vittoria, speriamo bene".

La lotta per lo scudetto sembra ristretta a Juve e Milan. Non prevede inserimenti? "I giornalisti sono bravi a esaltare i momenti. Adesso si parla di Juve e Milan, tra un paio di settimane magari si faranno altre ipotesi".

Guidolin dice che l'Udinese non è da scudetto. Allora qual'è la sua dimensione? "Quanto fatto dall'Udinese non è casuale, ci sono valori veri. Valori che sono sia societari, che tecnici che agonistici. Da anni sta ai vertici con merito".

Udinese e Milan: spesso se ne parla in chiave mercato, pochissime volte si concretizza qualcosa. Adesso si parla di Danilo come erede di Thiago Silva: "Un'ipotesi buttata lì, una invenzione". L'interesse per Asamoah non lo era però: si era anche parlato di lui come del 'mister x': "Mi limito a dire che Asamoah è un ottimo giocatore". Infine Handanovic, l'ultima voce: "Non esiste. Noi abbiamo Abbiati che, secondo me, dopo Buffon è il migliore in Italia. Siamo a posto così".

IlCalcio24 Redazione

Le nostre Esclusive

notizie calcio
Giro d`Italia: a Caltagirone la spunta il belga Wellens
di Ivano Messineo, Mercoledì 09 Maggio 2018
Il Conte pensiero
di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013