calcio mercato
William Hill Casino

CARMELO FAMULARI, PASSIONE E VOLONTARIATO NEL CALCIO DILETTANTISTICO


Persone oltre le cose.
RSS
Polisportiva Garino (To), 11/02/2019 -


Nell’immensa galassia del calcio giovanile dilettantistico ci sono storie e personaggi che vivono nell’ombra, ma meritano di essere conosciuti ed emulati per il grande esempio di umiltà e spirito di appartenenza. Un volontariato che si esprime con la massima potenzialità e senso di altruismo che, al di là della facile retorica, vive di buoni sentimenti. Carmelo Famulari è tutto questo, un personaggio particolare che dà molto agli altri, siano essi giovani amanti del calcio o adulti che si identificano con lo stesso spirito e gusto d’amore verso un pallone che non ha altro scopo della semplice passione, consapevole delle  pochissime disponibilità economiche che può offrire il mondo calcistico dilettantistico. Un panino con i wurstel, una birra o una coca cola e niente più. Cose semplici in luoghi che si identificano come società di calcio dilettantistiche, piuttosto che polisportive nate per soddisfare il bacino d’utenza delle varie zone delle grandi città, piuttosto che in piccoli paesi di provincia.  Ma là, dove c’è il cuore, c’è una piccola grande famiglia disposta a vivere insieme certi sentimenti che nulla hanno a che fare con la forza d’urto del calcio professionistico, sempre così ammantato da iperbolici interessi economici. C’è un gusto particolare nel rendersi utile là dove sai che c’è l’incontro, l’armonia, la voglia di stare insieme. E Carmelo Famulari, questo lo sa da sempre. Passato attraverso molte esperienze di volontariato in diverse società di calcio dilettantistiche tra cui il Don Bosco Nichelino, zio Carmelo (così è chiamato affettuosamente dai bambini) oggi presta la sua preziosa opera nella Polisportiva Garino, una piccola frazione di 3600 abitanti che fa parte del Comune di Vinovo in provincia di Torino. Già, Vinovo, proprio dove regna la bellissima struttura dello Juventus Training Center, che maestosamente ospita il suo calcio giovanile e si estende per 162.900 metri quadri. E anche all’interno di quelle mura, Carmelo (che è anche un appassionato tifoso della Juventus)  ha assaporato qualche anno fa il gusto di respirare l’aria del calcio bianconero. Sempre al servizio degli altri, sempre con l’umiltà di chi vuole garantire la propria fiducia nel fare bene le cose. Oggi, come dicevamo pocanzi, zio Carmelo fa parte della Polisportiva Garino. Natale, Pasqua, sabati e domeniche comprese, che ci sia il sole, la neve, la pioggia oppure il vento, Carmelo è sempre là alla cassa della società. Lui è praticamente la prima persona che vedi entrando in quella nuovissima struttura che è il Garino calcio, quasi a volere accogliere le famiglie accorse ad assistere alle partite, incontrarsi, bere un caffè al bar, scambiarsi i convenevoli del “cosa si dice” e poi andare in tribuna a tifare per la squadra del proprio figlio o nipote. Poi, durante la settimana in cui ci sono gli allenamenti delle squadre giovanili del Garino e della Juventus Femminile, il buon Carmelo si occupa di tutto quello che c’è da fare, anche spalare la neve dal campo quando arriva il freddo inverno. Sempre così, tutti i giorni della settimana e in maniera instancabile, Carmelo prende la sua bicicletta sotto casa e va al campo per dare il suo fattivo apporto. Per lui è come respirare l’aria buona dei campi all’aperto, dove il vociare dei ragazzi che rincorrono il pallone è musica per le sue orecchie. Tutti gli vogliono bene e tutti si rivolgono a lui per qualsiasi cosa. Sì, perché Carmelo è garanzia di fiducia incondizionata e di simpatia senza confini. Una pacca sulle spalle, una stretta di mano vera e Carmelo è felice. Tutto questo il presidente Gianni Mattacchioni lo sa molto bene e non fa mistero della sua gratitudine verso una persona cui anch’egli nutre rispetto, simpatia e amicizia vera. Quella di Carmelo Famulari è dunque una storia come mille altre ce ne sono nel mondo del calcio dilettantistico, ma la cosa che ci preme di più è dare visibilità a personaggi che quasi sempre operano in silenzio e nell’ombra dell’anonimato, ma che invece devono essere posti alla luce del sole per il grande esempio di operosità, ricchezza d’animo e nulla più.

Salvino Cavallaro                    

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Giro d`Italia: a Caltagirone la spunta il belga Wellens
    di Ivano Messineo, Mercoledì 09 Maggio 2018
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013