calcio mercato
William Hill Casino

ALLIANZ STADIUM, IL TEATRO DEL DERBY DELLA MOLE


Torino attende impaziente la sua stracittadina.
RSS
Torino Allianz Stadium, 22/09/2017 -


Fino allo scorso campionato era lo Juventus Stadium, oggi è Allianz Stadium. Ma poco cambia nella sostanza di uno stadio di calcio che ci ha abituato ai grandi incontri. Prossima partita Juventus – Torino, il derby della Mole che tanto si contende il fregio di una vittoria cittadina dall’intenso sapore che sa di orgoglio. 193 volte si è incontrata la zebra contro il Toro, e anche in questa 194ma volta di sabato 23 settembre 2017, c’è la promessa di una battaglia pallonara senza esclusione di colpi. La Juve è prima in classifica a punteggio pieno e arriva a questo derby con il pensiero del prossimo impegno casalingo in Champions League. Il Torino, invece, si presenta all’Allianz Stadium con l’orgoglio di chi è ancora imbattuto in questo inizio di campionato. E, mentre i bianconeri aspettano ancora Gonzalo Higuain che tarda ad entrare in forma, i granata hanno in mente di raggiungere quell’Europa che troppe volte hanno fallito per svariati motivi. Ma adesso è derby, una partita che sfugge a ogni pronostico proprio per il suo essere un confronto sanguigno, dove spesso la maggior caratura tecnica dell’avversario viene sovvertita da quella smisurata voglia di battere i cugini della stessa città. E’ la città sabauda che come sempre si presenta con classe ed eleganza, capace di riflettersi nella sua lunga storia di capoluogo culturale. Ma quando si parla di calcio cittadino, nessuno ci sta a perdere. “Torino siamo noi” dicono i tifosi bianconeri della Juventus, mentre di rimando il popolo granata si ribella a questa frase dicendo: “No, Torino siamo noi, la storia parla chiaro”. E’ un continuo arrovellarsi per quei primati che scrivono la storia di una Torino, che per il suo pallone cittadino si guarda sempre in cagnesco. Da sempre si manifesta il dualismo tra ricco e povero, tra popolo e padroni, perché è tra le pieghe di questa città sabauda che nascono certi sentimenti socio – culturali che per qualcuno non hanno nulla a che vedere con il calcio. E invece è proprio questo il retro pensiero di un derby torinese che non è mai banale nella sua sostanza e che va oltre al mero fatto sportivo. Così dice l’allenatore del Toro Sinisa Mihajlovic alla vigilia del derby: “Se puoi sognare qualcosa, è perché lo puoi fare. Questo è lo scontro tra la passione e la ragione, tra i colori e il bianconero”. Già, proprio come dicevamo pocanzi. Il derby a Torino si vive così, in maniera intensa e significativa di un qualcosa che quasi sempre sfugge all’analisi tecnica per far posto a mille altre cose. E intanto anche mister Allegri prepara la sua Juventus che è l’espressione di un calcio non particolarmente bello ma redditizio. Anche lui sa quanto sia significativo per il popolo bianconero vincere la stracittadina torinese. “Il Torino di quest’anno” dice Allegri, “ha dei giocatori in grado di portarlo in Europa. Ma noi dobbiamo vincere questo derby, per continuare la striscia di risultati positivi fin qui conquistati”. Vedremo dunque cosa accadrà. Intanto la Mole è lì che aspetta in maniera imparziale, non si sbilancia, non prende posizione, né per l’una, né per l’altra parte, anche se sa che questo 194mo derby continuerà a raccontarci le antiche diatribe sportive tra popolo e padroni.

Salvino Cavallaro         

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013