calcio mercato
William Hill Casino

LAMPI DI FURORE GRANATA


L`analisi sui problemi del Torino.
RSS
Torino, 24/04/2017 -


Un po’ sì, un po’ no. Un po’ bene, un po’ male. Un po’ vinci e un po’ pareggi partite con la consapevolezza di aver  buttato al vento dei punti per causa tua. Nell’arco di una stagione la forza di una squadra di calcio si misura dalla sua continuità e dall’equilibrio messo in mostra partita dopo partita. Il Torino manca di tutto questo, e pur avendo una squadra tecnicamente competitiva a buoni livelli, non riesce ad avere continuità. A parte gli eventuali infortuni che possono capitare in una stagione, il Torino di Mihajlovic ha pochi giocatori che danno regolarità di prestazione (vedi Belotti, Zappacosta e pochi altri) mentre la gran parte dei calciatori granata alternano momenti di alte prestazione ad altri di basso rendimento. Chiaro il riferimento a Ljajic, Baselli, Iago Falque, Benassi, Joe Hart. Giocatori che non si possono definire propriamente grandi campioni, semplicemente perché mancano di continuità. Certo, possedere l’equilibrio da veri professionisti del pallone non è cosa semplice, ma è proprio questo che fa la differenza di un gruppo da grande squadra. E’ un filo sottile che coinvolge tutto l’apparato tecnico della società e che si materializza durante le prestazioni domenicali nel confrontarsi con piccole o grandi squadre. Ed è l’approccio mentale sbagliato alla partita, che spesso è deficitario di consapevolezza nei propri mezzi, perché la vera forza sei tu coi tuoi compagni e la tua squadra, non certamente l’avversario che se pur tecnicamente superiore a te devi saperlo affrontare con cipiglio nell’arco di tutta la partita. Poi si può pure perdere il confronto, ma se dai l’idea di avere sostenuto un match di qualità che caratterizzi la continuità di rendimento, ecco che fai la differenza. Sinisa Mihajlovic è gran predicatore di stimoli calcistici fatti di grinta e determinazione. Tante volte lo abbiamo criticato per il suo carattere irascibile, tuttavia, non si può disconoscere ciò che ha sempre fatto per la squadra e per i singoli giocatori, cui tante volte è dovuto ricorrere per tirare le orecchie a fin di bene. E così alterni partite dal gioco globale eccellente (vedi Chievo Verona - Torino 1 a 3) a risultati casalinghi che sono risultati scialbi per gioco, idee e concentrazione, che mettono in risalto quella mancanza di regolarità che fa vincere i campionati. Allenti la morsa e subito sciupi quanto hai costruito a fatica ma con la consapevolezza dei propri mezzi. Ecco, diciamo che il Torino, pur mancando di due centrali di buon livello tecnico e di un centrocampo spesso messo sottoaccusa per inadeguatezza alle esigenze granata, si trova tante volte a dover dubitare del proprio portiere, dei difensori, di qualche centrocampista e di qualche attaccante che non si lascia avvolgere d’istinto, dal fuoco di quel gallo Belotti che è esemplare per continuità di rendimento. Sappiamo che non è facile e che il calcio è composto da tante piccole componenti che fanno grande uno spogliatoio, ma se c’è una complessiva percentuale di buon livello tecnico, fa specie che manchi proprio quella regolarità di rendimento che è essenziale per arrivare a risultati di grande prestigio. Questioni psicologiche ma anche tecnico tattiche che vanno curate durante la settimana. Il Torino ha buoni giocatori, di questo ne siamo convinti, ma manca l’essenziale che non è il singolo lampo di luce di una o più partite, ma la continuità di rendimento nell’arco di tutto il campionato.

Salvino Cavallaro         



Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013