calcio mercato
William Hill Casino

NAPOLI – JUVE 1 A 1, MA I PARTENOPEI AVREBBERO MERITATO DI PIÙ


A Napoli, partita a senso unico.
RSS
Napoli Stadio San Paolo, 03/04/2017 -


Napoli. C’è uno stadio straripante di persone e l’antipatia per la Juventus aleggia in maniera pesante. Ma c’è soprattutto la voglia di vendicarsi contro Higuain “Core ingrato”, che dopo aver allietato con i suoi gol la tifoseria partenopea, è andato via da Napoli senza neanche un saluto. Storie di cuore, di passioni, di un pallone che non può curare i sentimenti neanche se lo volesse. E così, ogni qualvolta l’argentino prendeva la palla, sono stati sempre sonori fischi e roboanti spernacchiate. Ma la partita, quella vera, ci ha raccontato un’altra versione di Juventus che, venuta al San Paolo con il chiaro intento di non perdere la partita, si è trovata inaspettatamente in vantaggio al 7° minuto con un gol di Khedira. Poi il nulla, perché in campo c’è stato solo il Napoli a farla da padrona, con una Juve assolutamente in balia dell’avversario. La Vecchia Signora è apparsa rimaneggiata dall’assenza di Dybala e Cuadrado, con Lemina adattato ad esterno destro, Mandzukic in precarie condizioni fisiche, Asamoah per nulla convincente e un Marchisio in chiara difficoltà per carenza di forma. Risultato: Juve ridisegnata con un atteggiamento difensivo che ha fatto troppi errori a centrocampo, in difesa e lasciando isolato Higuain che, tuttavia, si è prodigato molto in aiuto della squadra. Così la squadra di Sarri è subito salita in cattedra e per tutta la partita ha dato grande propulsione offensiva, soprattutto nei due esterni che hanno fatto del loro continuo incedere, la chiave propositiva di una partita che il Napoli voleva vincere a tutti i costi. Tuttavia, soltanto Hamsik con il suo unico gol messo a segno nel secondo tempo è riuscito a fare esplodere di gioia il San Paolo. Ma c’è stato ancora un clamoroso palo di Mertens che ha fatto andare quasi in delirio i sostenitori partenopei, i quali a fine partita hanno riservato ai loro beniamini applausi e ringraziamenti per una partita pareggiata 1 a 1, ma è stato come se di fatto l’avessero vinta. Nell’analisi del match più atteso del campionato, non sappiamo dunque quanto ci sia stato di convincimento da parte della squadra di Allegri, nel mettere a freno volutamente oppure no, quell’iniziale fase propositiva che l’ha portata in vantaggio. Noi propendiamo per una reale superiorità agonistica e di gioco, che è stata chiaramente voluta da un Napoli supportato da maggiori motivazioni. Tuttavia, pensando al doppio incontro che la Juventus dovrà fare contro il Barcellona in Champions, non possiamo pensare ad un atteggiamento simile anche al Camp Now. Sarebbe come essere autolesionista. La Juve non può snaturare quella sua caratteristica offensiva che gli ha dato fino ad oggi l’opportunità di essere presente su tre fronti: Champions, Campionato e Coppa Italia. Saper gestire le forze è un dato di fatto inconfutabile per la squadra di mister Allegri che, tuttavia, deve tenere sempre presente quella caratteristica di squadra dall’atteggiamento propositivo, capace di non soffrire in maniera smisurata per tutto l’arco della partita. Non è Juventus, non può essere tale, neanche se deve necessariamente ricorrere alle seconde linee. Sì, perché se di seconde linee parliamo, dobbiamo pensare che in panchina ci sono fior di campioni. E dunque, la mentalità vincente ed un certo tipo di atteggiamento in campo, devono essere sempre e comunque salvaguardati.

Salvino Cavallaro      

Salvino Cavallaro


    Le nostre Esclusive

    notizie calcio
    Il Conte pensiero
    di Salvino Cavallaro, Mercoledì 21 Maggio 2014
    Tosi: «Contento di aver fermato il Messina. Il Milazzo ha subito uno scippo»
    della nostra redazione, Venerdì 25 Ottobre 2013
    Tosi: «Saremo pronti per il Messina»
    della nostra redazione, Lunedì 23 Settembre 2013